Gli Investimenti Diretti Esteri in Italia e nel Mondo: OECD-OCSE Global Foreign Direct Investment (FDI)

mercoledì, giugno 25, 2008

 

 

 

The World Investment Report 2008

OECD

Global Foreign Direct Investment (FDI) inflows and outflows

Gli Investimenti Diretti Esteri (IDE) in entrata (inflows) in uscita (outflows) in Italia e nel Mondo

Foreign direct investment (FDI) outflows from OECD countries and Foreign direct investment (FDI) inflows to OECD countries both jumps  in 2007

but they are set to fall in 2008

Figures for the 2007

June 24, 2008 

http://www.oecd.org/

 

Table. FDI Inflows, by host region and major host economy

2007

(Billions of dollars)

 

OCSE – Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (o in sede internazionale – OECD – Organisation for Economic Co-operation and Development) nasce dall’esigenza di dar vita a forme di cooperazione e coordinamento in campo economico tra le nazioni europee nel periodo immediatamente successivo alla seconda guerra mondiale. Tra gli obiettivi vi è soprattutto quello di usufruire al meglio degli aiuti statunitensi dell’European Recovery Program, meglio conosciuto come Piano Marshall. Nell’aprile del 1948 si giunge così alla firma di una prima convenzione per la cooperazione economica, entrata in vigore il 28 luglio 1948 e ratificata da 16 stati europei (oggi a 30 ):

 

Stati membri dell’OCSE

Dal 1948

Austria
Belgio
Danimarca
Francia
Gran Bretagna
Grecia
Irlanda
Islanda
Italia
Lussemburgo
Norvegia
Paesi Bassi
Portogallo
Svezia
Svizzera
Turchia

Dal 1959

Germania
Spagna

Dal 1960

USA
Canada
Giappone
Australia
Nuova Zelanda
Messico
Corea del Sud
Finlandia
Repubblica Ceca
Polonia
Ungheria
Slovacchia

 

—————————

 

Vedi anche:

 

The World Investment Report 2008

Unctad

 

(United Nations Conference on Trade and Development)

Global Foreign Direct Investment (FDI) inflows and outflows

Inflows – Investimenti Diretti Esteri in entrata a livello globale  (IDE)

Il rapporto annuale della Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e lo sviluppo

a cura dell’ICE di New York

FOREIGN DIRECT INVESTMENT (FDI) REACHED NEW RECORD IN 2007

Global foreign direct investment (FDI) inflows grew in 2007 to an estimated $1,537.9 billions, surpassing the previous record set in the year 2000, rising by +17.76% from  $1,305.9 billions in the 2006 UNCTAD investment experts said today

Figures for the 2007

January 8, 2008 

http://www.unctad.org

 

Collasso nei nuovi investimenti stranieri diretti in Italia

– Unione europea  – 2007 – crescita del +14.93% –

– Italia – 2007 – calo del -28.31% a $28.1 billion – 

 

Unctad

2007

https://wallstreetrack.wordpress.com/2008/02/12/global-foreign-direct-investment-fdi-inflows-2/

Unctad

2006

https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/10/18/global-foreign-direct-investment-fdi-inflows/

 

Table. FDI Inflows, by host region and major host economy

2006-2007

(Billions of dollars)

 

 

 

———————————

 
 
 

The World Investment Report 2008

OECD

Global Foreign Direct Investment (FDI) inflows and outflows

Gli Investimenti Diretti Esteri (IDE) in entrata (inflows) in uscita (outflows) in Italia e nel Mondo

OCSE: INVESTIMENTI RECORD IN 2007

SPAGNA +80% GRAZIE A ITALIA

– Italia – 2007 – Foreign direct investment (FDI) inflows in aumento del +2.4% a $40.2 miliardi  – 

– Italia – 2007 – Foreign direct investment (FDI) outflows in aumento del +115.7% a $90.8 miliardi – 

24 Giugno 2008 

 

 

– Total – 2007 – Foreign direct investment (FDI) inflows to OECD countries aumento del +31.0% a $1.369.2 miliardi, al di sopra dei $1.290 miliardi del 2000.  Ma nel 2008, precisa l’Ocse, si prevede un “forte declino” dei flussi di investimento per i paesi dell’area: gli investimenti stranieri dovrebbero ridursi di circa $334,2 miliardi (-24%) a $1.035.2 miliardi.

– Total – 2007 -Foreign direct investment (FDI) outflows from OECD countries aumento del +50.7% a $1.817.9 miliardi, ma se il declino delle operazioni di merger and acquisitions osservate nella prima meta’ dell’anno dovesse continuare, nel 2008, precisa l’Ocse, si prevede un “forte declino” degli investimenti all’estero di circa $703,9 miliardi ( -37%) a $1.114.0 miliardi.

– United States – 2007 – Foreign direct investment (FDI) inflows in diminuzione del -1.9% a $237.5 miliardi  –  ma al top dei paesi OECD

– United States – 2007 – Foreign direct investment (FDI) outflows in aumento del +38.2% a $333.3 miliardi – 

– United Kingdom – 2007 – Foreign direct investment (FDI) inflows in aumento del +25.9% a $186.0 miliardi  –  ma al top dei paesi OECD

– United Kingdom – 2007 – Foreign direct investment (FDI) outflows in aumento del +189.3% a $229.9 miliardi – 

– France – 2007 – Foreign direct investment (FDI) inflows in aumento del +102.0% a $158.0 miliardi  –  ma al top dei paesi OECD

– France – 2007 – Foreign direct investment (FDI) outflows in aumento del +85.1% a $224.6 miliardi – 

– Netherlands – 2007 – Foreign direct investment (FDI) inflows in aumento del +1.145.5% a $99.5 miliardi  – 

– Netherlands – 2007 – Foreign direct investment (FDI) outflows in diminuzione del -33.9% a $31.2 miliardi – 

–  Spain  – 2007 – Foreign direct investment (FDI) inflows in aumento del +98.5% a $53.4 miliardi  –  ma al top dei paesi OECD

– Spain  – 2007 – Foreign direct investment (FDI) outflows in aumento del +19.3% a $119.6 miliardi – 

 

 

– Italia – 2007 – Foreign direct investment (FDI) inflows in aumento del +2.4% a $40.2 miliardi  – 

– Italia – 2007 – Foreign direct investment (FDI) outflows in aumento del +115.7% a $90.8 miliardi – 

Gli investimenti stranieri in Italia sono aumentati del 2,4% a 40,2 miliardi di dollari. Mentre in Spagnasono cresciuti addirittura dell’80%, grazie soprattutto all’importante investimento italiano nel settore dell’elettricità – precisa l’Ocse. Gli investimenti stranieri nei Paesi Ocse hanno registrato una crescita consistente nel 2007, a $1.369.2 miliardi (+31%), mettendo a segno un nuovo record (il precedente del 2000 era di 1,29 mila miliardi). Lo evidenzia l’Ocse, precisando che nel 2007 gli investimenti stranieri nei Paesi della zona hanno raggiunto livelli record, ma nel 2008, precisa l’Ocse, si prevede un “forte declino” dei flussi di investimento per i paesi dell’area: gli investimenti stranieri dovrebbero ridursi di circa $334,2 miliardi (-24%) a $1.035.2 miliardi.

 

La Penisola ha più che raddoppiato i propri investimenti all’estero e con l’acquisizione di Endesa da parte di Enel ha anche contribuito ad aumentare dell’80% gli investimenti stranieri in Spagna. Nel 2007 l’Italia ha fatto investimenti diretti esteri (Fdi) per 90,8 miliardi di dollari, più del doppio rispetto al 2006 (+115,7%), e si è così piazzata al secondo posto tra i Paesi Ocse per maggior incremento assoluto, dietro la Gran Bretagna (230 miliardi di dollari). Oltre a Italia e Gran Bretagna altri sei Paesi Ocse (due nell’Ue) hanno più che raddoppiato i loro investimenti all’estero nel 2007 (Austria, Finlandia, Corea, Islanda, Nuova Zelanda e Turchia).

Gli investimenti all’estero dei Paesi Ocse sono aumentati complessivamente al livello record di $1.817.9 miliardi (+50,7%; 580 miliardi in più del precedente record del 2000). Lo evidenzia l’Ocse, precisando che nel 2007 gli investimenti all’estero dei Paesi dell’area hanno raggiunto livelli record, ma se il declino delle operazioni di merger and acquisitions osservate nella prima meta’ dell’anno dovesse continuare, nel 2008, precisa l’Ocse, si prevede un “forte declino” degli investimenti all’estero di circa $703,9 miliardi ( -37%) a $1.114.0 miliardi.

 

The World Investment Report 2008

Global Foreign Direct Investment (FDI) inflows and outflows

OECD

Foreign direct investment (FDI) outflows from OECD countries and Foreign direct investment (FDI) inflows to OECD countries both jumps  in 2007

but they are set to fall in 2008

 

The United States continued to hold its position as the top OECD investor and recipient of foreign investment in 2007, with USD 333 billion in outflows and USD 238 billion in inflows.

The United Kingdom was second, with USD 230 billion in outflows and USD 186 billion in inflows, followed by France with inflows of USD 158 billion and outflows of USD 225 billion

Foreign direct investment (FDI) outflows from OECD countries in 2007 increased by over 50% leapt to a record USD 1.82 trillion from USD 1.2 trillion in 2006. This was US$580 billion higher than the previous record outflows in 2000. It also represented the fastest rate of year-on-year growth (52%) since the FDI boom years of 1998 (59%) and 1999 (61%). Foreign direct investment (FDI) outflows from OECD countries are projected to fall sharply in 2008, according to estimates from the OECD. If a slowdown in merger and acquisitions observed in the first half of 2008 continues, FDI outflows could fall to USD 1.14 trillion.

  • Eight countries more than doubled their outward investment in 2007. Four of them were EU countries. The United Kingdom had the largest increase in absolute terms (US$230 billion) followed by Italy (US$90.8 billion), Austria (US$31.4 billion), and Finland (US$8.6 billion). The other four coun-tries were Korea (US$15.3 billion), Iceland (US$12.5 billion), New Zealand (reaching a record high US$2.8 billion), and Turkey (US$2.1 bil-lion).

 

Foreign direct investment (FDI) inflows (Inward flows) to OECD countries also maintained strong growth in 2007, increased by 31% leapt to a record rose to USD 1.37 trillion in 2007, up from USD 1.05 trillion in 2006 and up slightly from the previous record of USD 1.29 trillion set in 2000. But FDI inflows are projected to fall back in 2008 to USD 1.035 trillion.

  • FDI inflows into Spain increased by more than 80% in 2007, helped by a large Italian investment in the electricity sector. Foreign investment into Japan was exceptionally high by historical standards, increasing from a record low of US$-6.5 billion to US$22.5 billion. This was largely due to significant investments in the financial sector and the capitalisation of foreign subsidiaries in Japan engaged in real estate investment. Inward investment into Switzerland reached a record high US$40 billion, a 50% increase over 2006. This was mainly accounted for by a large foreign take-over of a Swiss pharmaceutical company. Similarly, the takeover of ABN-AMRO by Fortis, Royal Bank of Scotland and Banco Santander boosted FDI inflows into the Netherlands to an all-time high US$99 billion from US$8 billion in 2006

 

FDI into developing economies reached a record USD 471 billion in 2007, an increase of almost 30% over the previous record of USD 368 billion set in 2006. Brazil, Russia, India, China and South Africa accounted for approximately 50% to 60% of developing country inflows.

The projected fall in FDI outflows from OECD countries in 2008 will also impact developing countries. Based upon the historical relationship between developing country inflows and OECD outflows, the projected 37% drop in OECD outflows in 2008 could result in a decline of around 40% for developing country inflows to around USD 276 billion from their 2007 record of USD 471 billion.

The new records set in 2007 for OECD inflows and outflows were helped by the fall in the US dollar against most other major currencies. (In addition to greenfield investment and mergers and acquisitions, FDI includes reinvested earnings, cross-border loans and capital transactions between related firms.)

 

 

 

Marco

 

dott. Marco Montanari

U.S. Equities Trader

mailto: marcomontanari@iol.it

 

 

 

Chi Evade deruba anche te!

Un saggio e pratico mezzo x combattere l’evasione soprattutto della criminalita’ organizzata

Chi ne condividera’ la ratio aiutera’ il paese

 

Noi italiani ci lamentiamo dell’evasione fiscale, eppure spesso chiudiamo un occhio. Segnala qui l’evasione o tentata evasione in cio’ aiutando le forze dell’ordine a combatterla ! “

 

http://www.evasori.info/segnala.cgi

 

al 19 Giugno 2008

6.323 segnalazioni per 5.115.053 euro

 

Ciascuno di noi ha messo la Gdf nelle condizioni di recuperare 808,95 euro evasi al fisco dai furbi, e dalla criminalita’, grazie alla preziosa e civile opera consultabile e duplicabile fatta di dati e mappe forniti dal sito evasori.info. Quasi lo stipendio di un operaio e ne siamo felici!

 



Il sito e’ stato rinnovato nel look, da qui i problemi di connessione sorti ai primi di giugno !

http://www.evasori.info/



 

 

 

Italia

Conti Economici

 

 

 

Evasione Fiscale 

La pressione fiscale a carico degli onesti

 

Senza lotta seria all’evasione, la pressione fiscale non potra’ mai diminuire dall’attuale  43,3% del 2007, sebbene il calcolo reale porti la pressione ad oltre il 50% – tra il  50,74%  ed il 52,8%

 

Questa e’ la piu’ grossa innovazione anti evasione: mi raccomando anche voi segnalate in massa

La Sogei, è il braccio informatico dell’amministrazione fiscale

153 segnalazioni per 50936 euro

http://www.evasori.info/segnala.cgi

 

Noi italiani ci lamentiamo dell’evasione fiscale, eppure spesso chiudiamo un occhio. Segnala qui l’evasione o tentata evasione, per esempio quando un commerciante non fornisce lo scontrino o un professionista esige un prezzo maggiore per la ricevuta fiscale: è facile (anche da telefonino!) e anonimo, anche per l’evasore. costruiamo insieme una mappa di questo fenomeno sociale!

 

 

 

Contribuenti Italiani

 

(Anno 2005)

(ultimi dati disponibili in riferimento alle dichiarazioni dei redditi presentate)

 

Contribuenti Italiani: 39.977.386

Contribuenti a reddito zero: 9.659.121

Evasorialmeno 4.000.000

 

Iscritti agli ordini e collegi professionali

2005

1.700.000

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/04/iscritti-agli-ordini-e-collegi-professionali-dal-1985-al-2005.jpg

 

 

2006/2007

Verifiche e Controlli risibili

Roma, 22 ottobre 2007

http://www.mef.gov.it/web/apri.asp?idDoc=18293

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_2_top_controlli-e-verifiche-risibili.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_3_top_controlli-e-verifiche-risibili.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_4_top_controlli-e-verifiche-risibili.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_5_top_controlli-e-verifiche-risibili.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_6_top_controlli-e-verifiche-risibili.gif

 

 

 

 

2007/ maggio 2008

LA MAPPA DELL’EVASIONE/ELUSIONE FISCALE IN ITALIA

La CGIA Mestre su fonti varie stima: 

Imponibile evaso all’anno

€316 Miliardi

Imposte evase all’anno

€140-€150 Miliardi 

—————–

Sabato, 10 Maggio 2008

http://cgia.slowdata.com/files/docs/001415/EVASIONE%2010-5.doc

 

 

Le categorie

Stima dell’imponibile evaso

Le modalità

————–

 

ECONOMIA SOMMERSA

200 mld di €

Almeno 2.300.000 occupati svolgono un’attività  irregolare come lavoratori dipendenti

 

ECONOMIA CRIMINALE

 100 mld di €

In almeno 3 Regioni del Sud le organizzazioni criminali controllano l’economia di quei territori

 

GRANDI IMPRESE

10 mld di €

Il 50% delle società di capitali dichiara per più anni redditi negativi o pari a zero

 

LAVORATORI AUTONOMI E PMI

6 mld di €

Mancata emissione di scontrini, ricevute e fatture fiscali

 

TOTALE

Imponibile evaso all’anno

€316 Miliardi

Imposte evase all’anno

€140-€150 Miliardi 

—————–

 

 

Evasione giochi

Bingo e Slot – 2007

2007

€98 Miliardi  di euro di evasione

http://www.casadellalegalita.org/index.php?option=com_content&task=category&sectionid=5&id=29&Itemid=27

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_1_top_giochi-slot-88-miliardi.gif

L’articolo sul colpo di spugna sui 98 miliardi di evasione (del Governo Prodi soprattutto per iniziativa di 2 deputati radicali, che han trovato facile rimessa in Parlamentonel centro destra. Del resto, come dimostra chiaramente l’elezione di Amedeo Laboccetta, le società concessionarie hanno molti amici nel mondo politico. In entrambi gli schieramenti)

http://www.casadellalegalita.org/index.php?option=com_content&task=view&id=3259&Itemid=63

Slot, colpo di spugna sui novanta miliardi
Scritto da Il Secolo XIX
mercoledì 14 maggio 2008

http://www.casadellalegalita.org/index.php?option=com_content&task=view&id=3259&Itemid=63

La Relazione sui 98 miliardi di euro di evasione
Scritto da Ufficio di Presidenza
sabato 17 maggio 2008

ORA PUBBLICHIAMO LA RELAZIONE INTEGRALE della Commissione d’inchiesta

http://www.casadellalegalita.org/index.php?option=com_content&task=view&id=3263&Itemid=1

—————–

 

 

2006

 

LA MAPPA DELL’EVASIONE/ELUSIONE FISCALE IN ITALIA

 

 Le dichiarazione dei redditi medi: e’ sconcertante!

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2006_1_top.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2006_2_top.jpg

 

—————–

 

2006-settembre 2007

 

Caccia agli evasori

Controlli incrociati sulle banche dati. Blitz nei mercati. Verifiche su credito e grandi imprese. Irruzioni contro il lavoro nero.

‘L’espresso’ ha seguito gli sceriffi del fisco.

Ecco come stanano i furbetti delle tasse

di Emiliano Fittipaldi

(06 novembre 2007)

http://espresso.repubblica.it/dettaglio/Caccia-agli-evasori/1854548&ref=hpstr1

http://espresso.repubblica.it/dettaglio/Caccia-agli-evasori/1854548&ref=hpsp

 

GRAFICI:

Bottino miliardario

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2006_2007_0_top__.jpg

Serrande abbassate

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2006_2007_1_top__.jpg

La Tassa piu’ giusta

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2006_2007_2_top__.gif

 

 

2005

 

LA MAPPA DELL’EVASIONE/ELUSIONE FISCALE IN ITALIA

 

Il 24,16% (9.659.121 contribuenti) dei contribuenti italiani (39.977.386 sono le dichiarazioni presentate) non paga le tasse

Panorama, Italia a reddito zero

2005

16 maggio 2008

http://blog.panorama.it/economia/2008/05/16/redditi-un-quarto-degli-italiani-dichiara-zero/

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_2_top__regioni-a-reddito-zero.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_3_top__regioni-a-reddito-zero.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_4_top__regioni-a-reddito-zero.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_5_top__regioni-a-reddito-zero.jpg

 

 

 

2004

TOTALE

Imponibile evaso all’anno

€270 Miliardi

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/evasione-fiscale.jpg 

 

2004

TOTALE

Imponibile evaso all’anno

€230-245 Miliardi

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/03/italia_evasione-fiscale3.gif

 

 

Relazione al Parlamento sull’evasione

(Dati riferiti al 2004)

 

TOTALE dell’imponibile evaso

230-250 miliardi di euro

 

TOTALE delle imposte evase

100 miliardi di euro

 

 

Roma, 22 ottobre 2007

http://www.mef.gov.it/web/apri.asp?idDoc=18293

Secondo le stime dell’Istituto Centrale di Statistica (ISTAT), il valore aggiunto dell’economia sommersa, solitamente associata all’evasione, è stato nel nostro paese nel 2004 (l’ultimo anno di riferimento) tra il 16,6 per cento ed il 17,7 per cento dell’intero prodotto interno lordo (PIL); in altri termini, vi sono circa €230-250 miliardi di valore aggiunto non dichiarati (ISTAT, 2006). E l’evasione fiscale è (In termini di gettito, si tratta di almeno 7 punti percentuali di PIL di mancate entrate che, ai livelli attuali di PIL, corrispondono ad una perdita superiore ai €100 miliardi l’anno) anche maggiore raggiungendo il 21 per cento della base imponibile IRAP ed il 33 per cento della base imponibile dell’IVA. Questi livelli di evasione sono fino quattro volte superiori a quelli dei paesi europei più virtuosi. Gli esperti della Banca d’Italia (Zizza, 2002) mostrano che il sommerso durante il periodo tra il 1984 ed il 2000 si attesta tra il 14 ed il 18 per cento del PIL, non lontano dalle stime dell’ISTAT.

 

 

 

 

  Pressione Fiscale

La pressione fiscale a carico degli onesti  

Senza lotta seria all’evasione, la pressione fiscale non potra’ mai diminuire dall’attuale  43,3% del 2007, sebbene il calcolo reale porti la pressione ad oltre il 50% – tra il  50,74%  ed il 52,8%

 

Europa – Italia

Eurostat

1995 – 2005

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/03/italia_pressione-fiscale_4.gif

 

Eurostat

1995 – 2006

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_7.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_6.gif

 

 

Pubblici Dipendenti

2003

3.540.000

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/03/italia_pubblici-dipendenti_2003-dicembre_4.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/04/italia_pubblici-dipendenti_2003-dicembre_10.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/04/italia_pubblici-dipendenti_2003-dicembre_4.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/04/italia_pubblici-dipendenti_2003-dicembre_16.gif

 

Eurispes

2003

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_pubblici-dipendenti_2003_numero_dato-pubblicato-nel-2005_4.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_pubblici-dipendenti_2003_numero_dato-pubblicato-nel-2005_3.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_pubblici-dipendenti_2003_numero_dato-pubblicato-nel-2005_2.gif

 

 

Fannulloni Assenteismo

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/04/italia_pubblici-dipendenti_2005_fannulloni-assenteismo.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/04/italia_pubblici-dipendenti_scuola_scandalo.gif

 

 

Spesa pubblica

1990 – 2007

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/04/italia-debito-pubblico_2008_0000_debito-pil.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_pubblici-dipendenti_2003_numero_dato-pubblicato-nel-2007_00.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/04/italia_debito_pil_2005_spesa-pubblica-amministrazione_1.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/04/italia_debito_pil_2005_spesa-pubblica-amministrazione_2.gif

 

Banca D’Italia

2003 -2006

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_1.gif

 

 

Eurostat

1980 – 2006

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_5.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_6.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_2.gif

 

 

Debito Pubblico

 

Composizione

  2000 – 2007

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_0_mef_btp.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_0_composizione-debito.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_00_composizione-debito.gif

 

 

 

Debito Pubblico – Pil

Europa Italia

Eurostat

 

1995 – 2007

 

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/04/eurostat_italia-debito-pubblico_pil_2007_1.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/04/eurostat_italia-debito-pubblico_pil_2007_2.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/04/eurostat_italia-debito-pubblico_pil_2007_3.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/04/eurostat_italia-debito-pubblico_pil_2007_4.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/04/eurostat_italia-debito-pubblico_pil_2007_5.gif

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_9.gif

 

2003 – 2006

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_debito-pil_-2003_2006_eurostat_principali-aggregati-di-finanza-pubblica_0.gif

 

 

Banca D’Italia

2003 -2007

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/04/italia-debito-pubblico_2008_00000_debito-pil.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_top-00_debito-pil_mef.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_top-000_debito-pil_bdi-gennaio.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_top-0_debito-pil_istat.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_top-00_debito-pil_bdi-gennaio.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_top-00_debito-pil_bdi.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_debito-pil_-2003_2007_istat_principali-aggregati-di-finanza-pubblica.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_8.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_top-d_debito-pil_istat_dicembre-2007.gif

 

 

Mef

Ministero economia e finanza

Relazione unificata

2008

 

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_0.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_1.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_2.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_3.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_4.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_5.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_6.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_7.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_8.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_9.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_10.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_11.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_12.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_13.jpg

 

 

Istat

2007

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_top-b_debito-pil_istat.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_top-a_debito-pil_istat.gif

 

 

Storico

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_00_debito-pil.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_0_debito-pil.gif

 

 

 

Indebitamento – Pil

Banca D’Italia

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_top-0000_debito-pil_bdi-gennaio.gif

 

Eurostat  

1995 – 2006

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_4.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_3.gif

 

 

   

Tassazione Rendite Finanziarie

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2006/09/tassazione-redditi-finanziari_2.doc

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2006/09/tassazione-redditi-finanziari_1.pdf

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/04/tassazione-rendite-finanziarie_3.gif

 

 

Salari

Eurispes

2000 – 2005

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/04/eurispes_salari_1.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/04/eurispes_salari_9.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/04/eurispes_salari_5.jpg

 

 

  Fondi comuni Italiani: Rendimenti e Costi

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/01/fondi-comuni-di-diritto-italiano_rendimenti_6.gif

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/10/fondi-comuni-di-diritto-italiano_rendimenti_0.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/10/fondi-comuni-di-diritto-italiano_rendimenti_1.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/10/fondi-comuni-di-diritto-italiano_rendimenti_2.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/10/fondi-comuni-di-diritto-italiano_rendimenti_3.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/10/fondi-comuni-di-diritto-italiano_rendimenti_4.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/10/fondi-comuni-di-diritto-italiano_rendimenti_5.gif

 

 

 

Costo Conti Correnti nel Mondo

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2006/09/conto-corrente-costi-nel-mondo.gif

 

 

 

 

 

 

Some of My articles

http://blogsearch.google.com/

https://wallstreetrack.wordpress.com/

 

Tag: 1_finanza_analisi Macro
http://wordpress.com/tag/1_finanza_analisi-macro/
Tag: 2_Finanza_Bulls & Bears 
http://wordpress.com/tag/2_finanza_bulls-bears/
Tag: 3_il Risparmio Tradito
http://wordpress.com/tag/3_il-risparmio-tradito/
Tag: 4_Debito & Evasione 
http://wordpress.com/tag/4_debito-evasione/
Tag: E_Lavoro & Pensioni 
http://wordpress.com/tag/e_lavoro-pensioni/
Tag: 6_giustizia Ed Etica
http://wordpress.com/tag/6_giustizia-ed-etica/
Tag: 7_politica Ed Etica
http://wordpress.com/tag/7_politica-ed-etica/
Tag: 8_Sanita’ ed Etica
http://wordpress.com/tag/8_sanita-ed-etica/
Tag: 9_Libera Informazione 
http://wordpress.com/tag/9_libera-informazione/
Tag: A_Tutela degli animali 
http://wordpress.com/tag/a_tutela-degli-animali/
Tag: B_Tutela dell’Ambiente
http://wordpress.com/tag/b_tutela-dellambiente/

 

 

DECLINO ITALIA SENZA SPERANZA…CI VORREBBE UN AZZERAMENTO TOTALE DI TUTTA LA DIRIGENZA POLITICA

 

 

 

La classe politica dirigente nel suo totale ha troppo spesso dimostrato di avere un proprio tornaconto personale, i conflitti d’interesse sono all’ordine del giorno, la mancanza d’etica, trasparenza e meritocrazia pure.

Nella migliore delle ipotesi abbiamo una classe politica che e’ proprio ignorante, nel senso vero del termine, che ignora la cultura e la preparazione, ed e’ inetta ed incapace.

 

 

Ecco i veri problemi del Paese che questa classe politica dirigente nel suo totale non vuole affrontare

 

Giustizia e la Riforma dell’Ordinamento Giudiziario

Debito Pubblico e Declino Italia

I Costi della Politica e la sua mancanza d’Etica

La Corruzione tra le Lobbies, la Politica, la PA e la Criminalita’

L’enorme Spesa della PA e l’ inefficienza della PA

Pubblici Dipendenti Fannulloni – Sindacati protettori degli insiders

L’Evasione Fiscale ed i suoi Costi

 

 

 

 

Giustizia e la Riforma dell’Ordinamento Giudiziario

 

 

Ai fini della soluzione del problema Giustizia la soluzione (a detta dei maggiori studiosi del paese, su tutti Falcone, Borsellino, D’Avigo e Tinti, e non solo) va ricercata in primis in quello che e’ il primo e vero cancro della giustizia, ovvero nel processo civile (e non in quello penale); ed in seconda battuta (questo vale sia per il civile che per il penale) il problema e’ soprattutto dalla parte della domanda di giustizia, che va filtrata, e non tanto da parte dell’offerta!

Lo ricorda bene anche un grande giornalista come Luigi  Ferrarella del Corriere della Sera che nel suo ultimo libro ” FINE PENA MAI Il Saggiatore” sviluppa parte dei molti  temi  riguardanti la soluzione della giustizia affrontando proprio il cancro della domanda di giustizia!

 

I veri problemi della giustizia sono:

 

1 – Riformare il lato della domanda della giustizia, causa primaria dei lunghi ed oscuri processi, con l’eliminazione in primis delle rendite da posizione di avvocati e liquidatori con il che’ piu’ le cause durano piu’ loro guadagnano, ovvero:

– occorre introdurre sanzioni pecuniare molto severe tanto per chi promuove giudizi temerariamente quanto per coloro che ritardano di pagare il creditore dopo essere stati  condannati in 1° grado confidando nella lentezza dei processi sino al 3° grado e nell’esiguita’ degli interessi legali posti a suo carico sino alla soddisfazione del credito ( minori degli interessi offerti dai titoli di stato, per esempio, investimento cui il debitore nel frattempo e nelle more della giustizia ricorre come propria fonte di reddito..come dire una beffa per il creditore non soddisfatto);

occorre (sempre dal lato della domanda della giustizia)  riformare il sistema di “costruzione e giustificazione” delle parcelle degli avvocati, oggi collegate dannosamente al numero delle udienze e non al risultato come dovrebbe essere;

– occorre (sempre dal lato della domanda della giustizia) diminuire drasticamente il numero degli avvocati proprio per quanto detto ai punti precedenti, ovvero perche’ il loro numero abnorme determina nei fatti un incremento delle liti giudiziarie (non cosi’  rare quelle meramente temerarie) e quindi un allungamento dei tempi processuali: 26 gennaio 2008 – L’allarme del presidente del capoluogo lombardo: “A Roma sono iscritti all’Ordine tanti avvocati quanti nell’intera Francia. Il numero abnorme può inconsapevolmente determinare il rischio di un incremento delle liti giudiziarie e quindi, stante la carenza di risorse strutturali, un allungamento dei tempi processuali”.

 

 

2 – Processi rapidi e giusti, rendendo effettiva, celere ed accessibile a tutti l’azione per la responsabilita’ contro i giudici disonesti, o anche solo non terzi, parziali o negligenti;

3 – Riformare del diritto civile e fallimentare, che preveda forti sanzioni pecuniarie e penali sia  verso i liquidatori sia verso i GD;

4 – Riforma del Controllo sull’attivita’ dei giudici in generale che preveda un organo davvero terzo, popolare e professionale e non piu’ politicizzato com’e’ oggi il CSM che inoltre rincorre correnti partitiche anche all’interno della Magistratura, incio’ rendendo sempre irresponsabili i Giudici disonesti

 

 

Poi c’e anche il problema nel campo penale, ed in minima parte nel campo dell’offerta (mezzi e uomini).

Il problema nel campo penale  riguarda pero’ soprattutto i colletti bianchi nel concreto, non i normali cittadini, che in questo senso sono interessati solo sotto il profilo di vedere un’etica ed una giustizia anche contro i potenti.

La Giustizia insomma, ed i suoi problemi, non sono tanto e soltanto quelli di poche centinaia di persone, ma sono quelli che riguradano i milioni di cittadini italiani, e liriguardano soprattutto in sede civile, non penale! Ed e’ da qui che bisogna cominciare, e’ qui che i danni si fanno in capo al cittadino, in concreto, sulla sua pelle!

Il problema della riforma della giustizia, non e’ tanto e soltanto insomma quello (purtroppo solo populistico) di eliminare le leggi vergogna, indegne certamente e da eliminare, quanto quello invece di incidere i processi civili ed in sede fallimentare, e di rendere ben responsabili i giudici, e’ qui che si annida  il vero cancro della giustizia, denegata spessissimo con gravi danni a tutti i cittadini. Di questo si dovrebbe occupare chi ha davvero a cuore il futuro dei cittadini, del sistema Giustizia e dello Stato, e in parallelo ma in subordine delle leggi vergogna che vanno solo eliminate.

Non si risolvono i problemi della Giustizia interessandosi a curare i soli due lebbrosi del paese intero, e trascurando invece al contempo i milioni di ammalati di diabete per esempio.

 

 

 

Eurispes

Rapporto Italia

2008

Dati riferiti al

2007

http://www.eurispes.it/visualizzaRicerche.asp?val=4

 

 

LEGALITÀ

21. Fear of crime, ovvero il senso di insicurezza degli italiani

22. La permeabilità del crimine organizzato nelle province del Mezzogiorno

23. L’Italia criminale

24. Ecomafia e illecito ambientale: le attività del Comando Carabinieri per la Tutela dell’Ambiente

27. Reati contro la Pubblica amministrazione

Esplode l’Economia sommersa (549 miliardi di euro) e l’Economia criminale (176 miliardi di euro )

Insieme si arriva a 725 miliardi di euro di economia sommersa (con un’imposta evasa di 306,6 miliardi di euro), il 47.23% del pil a quota 1.535 miliardi circa

Il 54,6% dell’economia non osservata (Economia sommersa ) è rappresentato dal lavoro sommerso. Il flusso di denaro generato dal lavoro sommerso si è attestato a 300 miliardi di euro.

Il 28,4% dell’economia non osservata (Economia sommersa ) è rappresentato dall’evasione fiscale. Il flusso di denaro generato ad opera di aziende e imprese italiane si è attestato a 156 miliardi di euro

Il  16,9% dell’economia non osservata (Economia sommersa ) è rappresentato dalla cosiddetta economia “informale”. Il flusso di denaro generato dalla dalla cosiddetta economia “informale” si è attestato a 93 miliardi di euro

25 febbraio 2008

 

 

Eurispes

http://www.eurispes.it/

Dossier Eurispes: ‘Ndrangheta Holding 2008

Il giro d’affari della criminalità organizzata calabrese è di 43,79 miliardi di euro all’anno  

21 maggio 2008

http://www.ilsole24ore.com/fc?cmd=document&file=/art/SoleOnLine4/Italia/2008/05/eurispes-dossier-ndrangheta2008.doc?cmd=art

 

 

L’enorme fardello del Sommerso causa l’enorme  Pressione Fiscale a carico solo degli onesti contribuenti

https://wallstreetrack.wordpress.com/2008/06/19/lenorme-fardello-del-sommerso-causa-lenorme-pressione-fiscale-a-carico-solo-degli-onesti-contribuenti/

 

L’italia in mano alla criminalita’ organizzata: i politici dormono o fanno finta di dormire?

L’economia sommersa e l’Evasione Fiscale della criminalità organizzata

https://wallstreetrack.wordpress.com/2008/05/21/litalia-in-mano-alla-criminalita-organizzata-i-politici-dormono-o-fanno-finta-di-dormire/

 

 

 

ITALIA_EURISPES

2007

Giustizia al Collasso

Italia a rischio “deriva feudale
Un paese che oscilla tra spinte innovative e la conservazione dei privilegi acquisiti

Eurispes

2007

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/02/01/rapporto-delleurispes-2007-italia-giustizia-al-collasso/]link-Rpporto Eurispes – Giustizia italia al collasso  [/url]

http://www.eurispes.it/indiceRapportoItalia.asp?val=4

 

 

Rapporto Eurispes

2006

L’Italia non cresce più

http://www.rassegna.it

http://www.rassegna.it/2006/attualita/articoli/eurispes.htm

http://www.rassegna.it/2007/attualita/articoli/eurispes.htm

 

 

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/02/23/processi-lenti-e-non-sempre-chiari-who-judges-the-judges/]link-Giustizia Civile e Fallimentare e la dolosa lentezza dei processi[/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/03/07/giustizia-e-la-riforma-dellordinamento-giudiziario-ecco-i-veri-problemi/]link-Giustizia Civile e Fallimentare e la dolosa lentezza dei processi[/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/03/10/giustizia-e-la-riforma-dell%e2%80%99ordinamento-giudiziario-ecco-i-veri-problemi-parte-seconda/] link-Giustizia Civile e Fallimentare e la dolosa lentezza dei processi – Parte 2 – La riforma dell’Ordinamento Giudiziario e’ indecente  [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/03/15/i-costi-dellevasione-della-inefficienza-della-pa-e-della-corruzione-tra-la-politica-e-le-lobbies-criminalita/]link-Costi dell’evasione, della inefficienza della P.A. e della corruzione tra la Politica e le lobbies-criminalita’ [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/06/05/stipendi-pubblici-ai-magistrati-gli-aumenti-piu-vistosi/]link-Retribuzione dei Magistrati [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/01/30/indicatori-internazionali-quadro-generale/]link-La corruzione fuori dall’agenda politica – Indicatori Internazionali – Quadro generale [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/10/09/litalia-tra-i-peggiori-paesi-al-mondo-per-la-corruzione-anche-nellexport-bribe-payers-index-bpi-2006/]link-La corruzione fuori dall’agenda politica – Indicatori Internazionali [/url]

 

 

 

 

Debito Pubblico e Declino Italia

I Costi della Politica e la sua mancanza d’Etica

La Corruzione tra le Lobbies, la Politica, la PA e la Criminalita’

L’enorme Spesa della PA e l’ inefficienza della PA

Pubblici Dipendenti Fannulloni – Sindacati protettori degli insiders

L’Evasione Fiscale ed i suoi Costi

 

 

2008

 

L’italia in mano alla criminalita’ organizzata: i politici dormono o fanno finta di dormire?

L’economia sommersa e l’Evasione Fiscale della criminalità organizzata

https://wallstreetrack.wordpress.com/2008/05/21/litalia-in-mano-alla-criminalita-organizzata-i-politici-dormono-o-fanno-finta-di-dormire/

 

Competitivita’ nel mondo: Italia agli ultimi posti

https://wallstreetrack.wordpress.com/2008/05/17/competitivita-nel-mondo-italia-agli-ultimi-posti/

 

I killers dell’Italia: La Spesa, l’Inefficienza della PA e la Pressione Fiscale (elevatissima sia a causa dell’evasione sia proprio per l’enorme fardello della spesa pubblica e dei tanti, troppi fannulloni e corrotti lavoratori del pubblico impiego)

 

https://wallstreetrack.wordpress.com/2008/04/21/la-spesa-linefficienza-della-pa-e-la-pressione-fiscale-i-killers-dellitalia/

 

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2008/03/12/debito-pubblico-anno-2007/]link-Debito Pubblico 2007 [/url]

 

 

2007

 

 

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/03/03/levasione-fiscale-causa-primaria-dellaumento-della-spesa-della-pa-e-della-pressione-fiscale/]link-Spesa PA e L’Evasione Fiscale[/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/03/15/i-costi-dellevasione-della-inefficienza-della-pa-e-della-corruzione-tra-la-politica-e-le-lobbies-criminalita/]link-Costi dell’evasione, della inefficienza della P.A. e della corruzione tra la Politica e le lobbies-criminalita’ [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/04/07/addio-tesoretto-i-sindacati-ed-i-pubblici-dipendentila-piu-cancerogena-delle-corporazione/]link-I Sindacati ed i pubblici dipendenti, la piu’ cancerogena delle corporazioni! Addio tesoretto [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/05/03/cosi-la-pubblica-amministrazione-getta-i-soldi-on-line/]link-Così la pubblica amministrazione “ruba” e getta i soldi [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/04/12/pensioni-dei-parlamentari-e%e2%80%99-uno-schifo-reset/]link-Pensioni dei Parlamentari [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/06/10/stipendi-dei-parlamentari-e-uno-schifo-reset/]link-Stipendi dei Parlamentari [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/09/24/la-casta-predica-bene-ma-razzola-malissimo/]link-La Casta predica bene ma razzola malissimo [/url]

 

 

 

Debito Pubblico e Declino Italia

I Costi della Politica e la sua mancanza d’Etica

La Corruzione tra le Lobbies, la Politica, la PA e la Criminalita’

L’enorme Spesa della PA e l’ inefficienza della PA

Pubblici Dipendenti Fannulloni – Sindacati protettori degli insiders

L’Evasione Fiscale ed i suoi Costi

 

 

 

2006

 

 

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/08/30/lenorme-buco-del-debito-pubblico-italiano-di-cosa-si-tratta-e-di-chi-e-la-responsabilita-primaria/]link-Debito Pubblico – Spesa PA esorbitante – Pubblici Dipendenti in eccesso – Declino Italia – Parte 1 [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/09/29/185/]link-Declino Italia – Italia un paese alla deriva Istituzionale e Dirigenziale [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/10/03/litalia-in-mano-a-bertinotti-ed-ai-sindacati-e-soltanto-apparentemente-diversa-non-anche-migliore-di-quella-di-berlusconi/]link-Sindacati e Bertinotti Italia [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/10/19/crollo-dei-consensi-per-il-governo-18-in-3-mesi-e-intanto-le-agenzie-di-valutazione-finanziaria-declassano-litalia/]link-L’assenza di ogni valore della politica – Parte 1 [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/10/20/italia-debito-pubblico-rating-problema-dei-dipendenti-pubblici-e-degli-enti-inutili-ovvero-della-spesa-della-pa/]link-Debito Pubblico – Spesa PA esorbitante – Pubblici Dipendenti in eccesso – Declino Italia Parte 2 [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/10/24/perche-litalia-bilanci-alla-mano-e-un-paese-allo-sbando/]link-Debito Pubblico – Spesa PA esorbitante – Pubblici Dipendenti in eccesso – Declino Italia Parte 3 [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/12/06/il-declino-dellitalia-che-viaggia-con-il-ciuccio-e-la-scoppola/]link-Declino Italia – L’assenza di ogni valore della politica – Parametri internazionali [/url]

Click here:  [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/12/17/in-italia-abbiamo-una-grossa-fetta-della-classe-politica-allo-sbaraglio-e-cieca-con-o-senza-connivenza/]link-L’assenza di ogni valore della politica – Parte 2 [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/12/20/the-governments-policy-is-missingits-coming-soon-like-one-of-our-tourism-portal-web/]link-Conflitto Interessi – L’assenza di ogni valore della politica – Parte 3 [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/12/21/i-5-simboli-del-doloso-sottosviluppo-italiano-la-politica-tutta-o-quasi-i-sindacati-la-chiesa-l%e2%80%99informazione-e-alcuni-giudici-di-alcuni-tribunali-fallimentari-e-civili-in-uno-con-i-lo/]link-I 5 simboli del doloso sottosviluppo Italiano: su tutti la Chiesa! Declino Italia [/url]

 

Vedi soprattutto:

 

Banche – Esuberi – Perdite e Svalutazioni – Riforme Istituzionali

 

 

The Final U.S. Growth Package

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2008/01/29/the-final-us-growth-package/#more-1582]link-The Final U.S. Growth Package [/url]

 

The delinquency rate & The New foreclosures (I Pignoramenti)

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/12/07/the-delinquency-rate-the-new-foreclosures-i-pignoramenti/]link-The delinquency rate & The New foreclosures (I Pignoramenti) [/url]

 

Immobili e To avert a cash crunch

I Pignoramenti in America: U.S. Montly Home Foreclosures and Bank Repossessions (REOs)

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2008/04/16/i-pignoramenti-in-america-us-montly-home-foreclosures-and-bank-repossessions-reos/]link- I Pignoramenti in America: U.S. Montly Home Foreclosures and Bank Repossessions [/url]

 

Vedi anche:

 

Crash_Immobili: U.S. Home Prices:nel 1 trimestre crollo dei prezzi

https://wallstreetrack.wordpress.com/2008/05/14/us-home-pricesnel-1-trimestre-crollo-dei-prezzi/

 

Home Price Data Showed Housing Solid Long-Term Investment

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/11/13/home-price-data-showed-housing-solid-long-term-investment/]link-Home Price Data Showed Housing Solid Long-Term Investment [/url]

Correlazione tra il Prezzo delle case ed i consumi
Click here: [url=
https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/09/25/correlazione-tra-il-prezzo-delle-case-ed-i-consumi/]link-Correlazione tra il Prezzo delle case ed i consumi [/url]

Goldilocks economy, l’economia dai boccoli d’oro

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/09/19/goldilocks-economy-leconomia-dai-boccoli-doro/]link- Goldilocks economy, l’economia dai boccoli d’oro [/url]

To avert a cash crunch the Central Banks spill liquidity in the markets
Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/08/11/to-avert-a-cash-crunch-the-central-banks-spill-liquidity-in-the-markets/]link-To avert a cash crunch the Central Banks spill liquidity in the markets [/url]

Subprime Mortgages E’ in arrivo un grande  Crash? NO
Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/05/12/subprime-mortgages-e-in-arrivo-un-grande-crash-no/]link-Subprime Mortgages E’ in arrivo un grande  Crash? NO [/url]

Crollo-Crash dei mercati azionari americani?
Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/03/25/crollo-crash-dei-mercati-azionari-americani/]link-Crollo-Crash dei mercati azionari americani? [/url]

Il mercato americano (l’S&P 500) e’ in fase di Ipercomprato o Ipervenduto?

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/11/25/il-mercato-americano-lsp-500-e-in-fase-di-ipercomprato-o-ipervenduto/]link- IL MERCATO AMERICANO (L’S&P 500) e’ in fase di Ipercomprato o Ipervenduto? [/url]

Disequilibri Americani: Credit Bubble, ovvero Crack del Debito privato – Parte seconda 
Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/09/05/i-disequilibri-americani-credit-bubble-ovvero-crack-del-debito-privato-2/]link-Disequilibri Americani: Credit Bubble, ovvero Crack del Debito privato – Parte seconda [/url]

Disequilibri Americani: Credit Bubble, ovvero Crack del Debito privato – Parte prima

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/09/05/62/]link-L’indebitamento americano a livelli di guardia – Disequilibri Americani: Credit Bubble, ovvero Crack del Debito privato – Parte prima [/url]

 

 

 

 

 

L’etica in politica e in finanza deve essere un must
17 agosto 2005

http://www.osservatoriosullalegalita.org/05/interventi/041eticapolitica.htm

Bancopoli : lettera ai politici del centrosinistra
09 gennaio 2006

http://www.osservatoriosullalegalita.org/06/acom/01gen1/0955marcobancopoli.htm

E ora le priorita’ : legalita’ competitivita’ e conflitto d’interessi

25 aprile 2006

9 marzo 2008

https://wallstreetrack.wordpress.com/2008/03/09/e-ora-le-priorita-legalita-competitivita-e-conflitto-dinteressi/#more-25

http://www.osservatoriosullalegalita.org/06/interventi/04apr/24votopriorita.htm

Finanziaria : ma l’Italia necessita di etica e legalita’
23 ottobre 2006

http://www.osservatoriosullalegalita.org/06/acom/10ott3/2300marcofin.htm

Legge sul risparmio monca su alcuni aspetti fondamentali
21 dicembre 2005

http://www.osservatoriosullalegalita.org/05/acom/12dic3/2101marcorisparmio.htm

Il Risparmio dolosamente tradito dalla politica : la Class Action
25 maggio 2006

http://www.osservatoriosullalegalita.org/06/acom/09set3/2525marclassaction.htm

Class action : facile , veloce , gratuito
25 settembre 2006

http://www.osservatoriosullalegalita.org/06/docum/varie/010marcoclassaction.htm

U.S.: Le Lobbies contro la Legge che protegge i risparmiatori
31 ottobre 2006

http://www.osservatoriosullalegalita.org/06/acom/10ott3/3100marcousa.htm

Il Paese dei furbetti : crack , banche , finanziarie e vittime
18 dicembre 2005

http://www.osservatoriosullalegalita.org/05/inchieste/012marcomanipul2.htm

Crack in Italia e in America : sentenze e numeri a confronto
22 dicembre 2005

http://www.osservatoriosullalegalita.org/05/acom/12dic3/2244marcocrack.htm

Calciopoli , bancopoli , crack : Italia Argentina 1 a 1 ?
22 maggio 2006

http://www.osservatoriosullalegalita.org/06/acom/05mag3/2200marcofurbetti.htm

Index of economic freedom : Italia agli ultimi posti
17 gennaio 2007

http://www.osservatoriosullalegalita.org/07/acom/02gen2/1722marcomanipul.htm

 

 


L’enorme fardello del Sommerso causa l’enorme Pressione Fiscale a carico solo degli onesti contribuenti

giovedì, giugno 19, 2008

 

 

 

ISTAT

La misura dell’economia sommersa nelle statistiche ufficiali

Anni 2000-2006

 

 

SOMMERSO ECONOMIA nel 2006 a 249,97 miliardi di euro di valore aggiunto secondo ipotesi massima pari al 16,9% del PIL,  in calo dell’-1,6% dal 2005  a quota 254,09 miliardi di euro pari al 17,8% del PIL

TASSO DI IRREGOLARITA’ nel 2006 a 2 milioni e 969, pari all’ 11,95% (del totale 24,826 milioni di occupati regolarmente+irregolarmente), stabile dal 2005, per una somma pari a 95,0 miliardi di euro e pari al 6,4% del PIL

(In calce al sommario che segue troverete l’elaborato dell’Istat)

18 giugno 2008

http://www.istat.it/salastampa/comunicati/non_calendario/20080618_00/

 

 

 

 

Vedi anche:

L’italia in mano alla criminalita’ organizzata: i politici dormono o fanno finta di dormire?

https://wallstreetrack.wordpress.com/2008/05/21/litalia-in-mano-alla-criminalita-organizzata-i-politici-dormono-o-fanno-finta-di-dormire/

I killers dell’Italia: La Spesa, l’Inefficienza della PA e la Pressione Fiscale (elevatissima sia a causa dell’evasione sia proprio per l’enorme fardello della spesa pubblica e dei tanti, troppi fannulloni e corrotti lavoratori del pubblico impiego)

https://wallstreetrack.wordpress.com/2008/04/21/la-spesa-linefficienza-della-pa-e-la-pressione-fiscale-i-killers-dellitalia/

Debito Pubblico 2007

https://wallstreetrack.wordpress.com/2008/03/12/debito-pubblico-anno-2007/

 

Evasione Fiscale

La pressione fiscale a carico degli onesti

Italia

Anno 2007

Senza lotta seria all’evasione, la pressione fiscale non potra’ mai diminuire dall’attuale  43,3% del 2007, sebbene il calcolo reale porti la pressione ad oltre il 50% – tra il  50,74%  ed il 52,8% –

Il Bollettino economico della Banca d’Italia

Bankitalia: «Migliorano i conti pubblici,
ma tanto la pressione fiscale, aumentata a 43,3% del Pil nel 2007 contro il 42,1% del 2006, quanto la spesa pubblica raggiungono livelli record .»

Pag 41 – Tav 11

(25 aprile 2008)

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_pressione-fiscale_2007_1.gif

http://www.bancaditalia.it/pubblicazioni/econo/bollec/2008/bolls52/bollec52/boleco_52.pdf

Europa – Italia

Eurostat

1995 – 2006

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_7.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_6.gif

Eurostat

1995 – 2005

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/03/italia_pressione-fiscale_4.gif

 

 

Evasione fiscale ed evoluzione degli strumenti di controllo

Incidenza dell’economia sommersa sul PIL in alcuni paesi
(secondo le stime del Fondo Monetario Internazionale)

Paesi OCSE — Sommerso % sul PIL

Grecia 30

Italia 20,58%

Stati Uniti 10

Austria 10
Svizzera 9

Media 14 -16

Paesi in transizione — Sommerso % sul PIL

Georgia 64

Russia 44

Bulgaria 34

Media 21 -30

Paesi in via di sviluppo — Sommerso % sul PIL

Bolivia 87

Nigeria 77

Thailandia 70

Media 35 – 44

Austria 10
Svizzera 9

(Studio e approfondimenti)

 

 

LA MAPPA DELL’EVASIONE / ELUSIONE FISCALE IN ITALIA

COMPRESA QUELLA CAUSATA DAL SOMMERSO

L’EVASIONE/ELUSIONE FISCALE IN ITALIA

(2007)

Stima basata su fonti varie della

CGIA Mestre

Sabato, 10 Maggio 2008

http://cgia.slowdata.com/files/docs/001415/EVASIONE%2010-5.doc

Le categorie

Stima dell’imponibile evaso

Le modalità

————–

TOTALE

Imponibile evaso all’anno

€316 Miliardi

pari al  20,58% del Pil Italia nel 2007.

Imposte evase all’anno

€140 Miliardi

pari al  8,91% del Pil Italia nel 2007.

 

 

ECONOMIA SOMMERSA

200 mld di €

pari al  13,0% del Pil Italia nel 2007.

Almeno 2.300.000 occupati svolgono un’attività  irregolare come lavoratori dipendenti 

 

ECONOMIA CRIMINALE

100 mld di €

Il fatturato della  Holding Criminalita’ Organizzata nelle 4 aree

è di 100 miliardi di euro all’anno pari al  6,51% del Pil Italia nel 2007.

In almeno 4 Regioni del Sud le organizzazioni criminali controllano l’economia di quei territori

 

Il fatturato della  Holding ‘Ndrangheta

è di 43,79 miliardi di euro all’anno pari infatti al  2,85% del Pil Italia nel 2007.

Eurispes

http://www.eurispes.it/

‘Ndrangheta Holding 2008′

 

Le azioni criminose direttamente riconducibili alle associazioni a delinquere di stampo mafioso sono per buona parte sommerse, perché spesso circondate dall’omertà e  paura ottenute con minacce e intimidazioni, che contribuiscono a limitare il numero delle denunce ed a far aumentare l’evasione fiscale.

 

Estorsione e usura

( 5.017 milioni di euro )

In Calabria non esiste infatti attività commerciale e imprenditoriale che non sia sotto il giogo del pizzo. Recentemente Confesercenti ha calcolato che un commerciante su due paga. È verosimile credere che sia una stima per difetto, così come è provato che la proprietà di una quota rilevante di esercizi passi nelle mani di prestanome delle cosche a seguito delle difficoltà dei vecchi proprietari di assecondare le richieste sempre più esose degli estorsori. Le denunce, però, sono sempre poche e questo è soprattutto dovuto sia come detto a causa della paura indotta con minacce e intimidazioni delle associazioni a delinquere di stampo mafioso ,sia per alla scarsa fiducia nei confronti dello Stato e della sua presenza sul territorio.

 

 

GRANDI IMPRESE

10 mld di €

pari allo  0,65% del Pil Italia nel 2007

Il 50% delle società di capitali dichiara per più anni redditi negativi o pari a zero

 

LAVORATORI AUTONOMI E PMI

6 mld di €

pari allo  0,40% del Pil Italia nel 2007

Mancata emissione di scontrini, ricevute e fatture fiscali

 

 

TOTALE

Imponibile evaso all’anno

€316 Miliardi

Imposte evase all’anno

€140-€150 Miliardi

————————-

 

 

 

2006

LA MAPPA DELL’EVASIONE/ELUSIONE FISCALE IN ITALIA

Le dichiarazione dei redditi medi: e’ sconcertante!

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2006_1_top.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2006_2_top.jpg

—————–

ITALIA

EVASIONE FISCALE

Verifiche e Controlli risibili

2006 – 2007

Roma, 22 ottobre 2007

http://www.mef.gov.it/web/apri.asp?idDoc=18293

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2006_2007_0_top__.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2006_2007_1_top__.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2006_2007_2_top__.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_2_top_controlli-e-verifiche-risibili.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_3_top_controlli-e-verifiche-risibili.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_4_top_controlli-e-verifiche-risibili.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_5_top_controlli-e-verifiche-risibili.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_6_top_controlli-e-verifiche-risibili.gif

 

 

Ricordate i 98 miliardi di euro di evasione per videopoker e newslot? Quella che il Secolo XIX ha ampliamente riportato nell’ambito dell’inchiesta che ha inchiodato il condono tombale nel cassetto di Visco? Quel settore che, come abbiamo evidenziato noi ed il Secolo XIX vedono mafie e partiti con altissimi interessi? Bene sono stati cancellati dai Monopoli, con il silenzio (e consenso) del Governo Prodi e di quello Berlusconi.

—————–

Evasione giochi

2007

€98 Miliardi

Bingo e Slot – 98 miliardi di euro di evasione

http://www.casadellalegalita.org/index.php?option=com_content&task=category&sectionid=5&id=29&Itemid=27

L’articolo sul colpo di spugna sui 98 miliardi di evasione

http://www.casadellalegalita.org/index.php?option=com_content&task=view&id=3259&Itemid=63

Slot, colpo di spugna sui novanta miliardi       
Scritto da Il Secolo XIX    
mercoledì 14 maggio 2008 

http://www.casadellalegalita.org/index.php?option=com_content&task=view&id=3259&Itemid=63

La Relazione sui 98 miliardi di euro di evasione    

Scritto da Ufficio di Presidenza  

sabato 17 maggio 2008 

ORA PUBBLICHIAMO LA RELAZIONE INTEGRALE della Commissione d’inchiesta

http://www.casadellalegalita.org/index.php?option=com_content&task=view&id=3263&Itemid=1

Caccia agli evasori

2006-2007

Controlli incrociati sulle banche dati.

di Emiliano Fittipaldi

(06 novembre 2007)

http://espresso.repubblica.it/dettaglio/Caccia-agli-evasori/1854548&ref=hpstr1

http://espresso.repubblica.it/dettaglio/Caccia-agli-evasori/1854548&ref=hpsp

GRAFICI:

Bottino miliardario

http://speciali.espresso.repubblica.it/attualita/bottinomiliardario/popup.html

Serrande abbassate

http://speciali.espresso.repubblica.it/attualita/serrandeabbassate/popup.html

La Tassa piu’ giusta

http://speciali.espresso.repubblica.it/attualita/canonerai/popup.html

 

 

LA MAPPA DELL’EVASIONE/ELUSIONE FISCALE IN ITALIA

(2005)

Redditi: il 24,16% (9.659.121 contribuenti) dei contribuenti italiani (39.977.386 sono le dichiarazioni presentate) non paga le tasse

Panorama, Italia a reddito zero

16 maggio 2008

http://blog.panorama.it/economia/2008/05/16/redditi-un-quarto-degli-italiani-dichiara-zero/

http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=261844

 

Contribuenti Italiani

Anno 2005

(ultimi dati disponibili in riferimento alle dichiarazioni dei redditi presentate)

Contribuenti Italiani: 39.977.386

Contribuenti a reddito zero: 9.659.121

Evasori:  almeno 4.000.000

Iscritti agli ordini e collegi professionali

1.700.000

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/04/iscritti-agli-ordini-e-collegi-professionali-dal-1985-al-2005.jpg

 

 

2004

TOTALE

Imponibile evaso all’anno

€270 Miliardi

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/evasione-fiscale.jpg

2004

TOTALE

Imponibile evaso all’anno

€230-245 Miliardi

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/03/italia_evasione-fiscale3.gif

Relazione al Parlamento sull’evasione

(Dati riferiti al 2004)

 

TOTALE dell’imponibile evaso

230-250 miliardi di euro l’anno

 

TOTALE delle imposte evase

100 miliardi di euro l’anno

 

Roma, 22 ottobre 2007

http://www.mef.gov.it/web/apri.asp?idDoc=18293

 

Leggi il seguito di questo post »


Costo del Lavoro: UE, da 32 euro in Svezia a 1,65 euro in Bulgaria. Italia 21,39 euro

venerdì, giugno 6, 2008

 

 

 

 

Eurostat

UE-27 – COSTO LAVORO

2006

 

Media Ue, 20,35 euro all’ora

Svezia, 32,16 euro all’ora

Danimarca 31,98 euro all’ora

Lussemburgo 31,98 euro all’ora

Belgio31,58 euro all’ora

Francia 30,31 euro all’ora

Germania 27,7 euro all’ora

Gran Bretagna 24,47 euro all’ora

Italia 21,39 euro all’ora

Lituania  4,21 euro all’ora

Lettonia  3,41 euro all’ora

Romania 2,68 euro all’ora

Bulgaria  1,65 euro all’ora

 

BRUXELLES, 2 GIU

 

Tra i 27 Stati membri dell’Ue il costo più elevato del lavoro è stato registrato in Svezia, con 32,16 euro all’ora, il più basso in Bulgaria con 1,65. Lo dice Eurostat che colloca la media Ue, secondo i dati relativi al 2006, a 20,35 euro. L’Italia è di poco sopra, a 21,39 euro. Tra i Paesi con il costo più alto della manodopera, assieme a Svezia anche Danimarca e Lussemburgo (entrambi a 31,98 euro), seguiti dal Belgio a 31,58 euro. A frenare il dato medio Ue i Paesi nuovi arrivati: Lituania (4,21 euro), Lettonia (3,41), Romania (2,68) e Bulgaria (1,65). In Germania il costo orario è di 27,7 euro, in Francia 30,31 e in Gran Bretagna 24,47. Quanto agli oneri sociali (dato non disponibile per l’Italia) la quota più elevata è in Svezia (30,6% sul costo complessivo), seguita da Belgio (30,3%) e Francia (28,6%). (ANSA). 

Quanto agli oneri sociali (dato non disponibile per l’Italia) la quota più elevata è in Svezia (30,6% sul costo complessivo), seguita da Belgio (30,3%) e Francia (28,6%).

 

 

Eurostat

http://ec.europa.eu/eurostat

 

Europe in Figures – Eurostat Yearbook 2008

The diversity of the EU through statistics

The 12th edition of the Eurostat Yearbook, published by Eurostat, the Statistical Office of the European Communities

 


 
 

 

Summary: What was the population growth in the EU27 over the last 10 years? In which Member State is it most common to own a house? Which Member State has the highest hourly labour cost? Which Member States are the most popular tourist destinations? The answers to these questions and to many more can be found in the 12th edition of the Eurostat Yearbook, published by Eurostat, the Statistical Office of the European Communities

Europe in Figures – Eurostat Yearbook 2008 provides users of official statistics with an overview of the wealth of information that is available on Eurostat’s web site2 and within its online databases. It shows how key indicators have developed during the last eleven years in the EU27, the euro area, the Member States and the Candidate countries. Data for the EFTA countries, the US and Japan are included when available.

The 2008 Yearbook has fifteen main chapters on different statistical areas. The first chapter puts demographic change in the spotlight. The other chapters cover all major statistical domains: economy, education, health, living conditions and welfare, labour market, industry and services, agriculture, forestry and fisheries, international trade, transport, environment, energy, science and technology, Europe’s regions and finally a chapter devoted to the links between statistics and European policies. An annex contains a useful glossary and details of the nomenclatures used. The paper version of the Eurostat Yearbook is accompanied by a CD-ROM which contains the yearbook in pdf format, as well as the tables and graphs in Excel format.

 

 

This News Release presents a selection of the statistics found in the Yearbook.

 

Population

Population change between 1997 and 2007 ranged from -8% in Bulgaria to +18% in Ireland

The population of the EU27 reached 495 million in 2007, compared with 479 million in 1997, a growth of 3.4%. The Member State with the highest population growth was Ireland (+18.0%), followed by Cyprus (+16.9%), Luxembourg (+14.2%) and Spain (+12.5%). The population fell in eight Member States, with the largest declines in Bulgaria (-7.9%), Latvia (-6.7%) and Lithuania (-5.7%). In 2005, the world population was 6.5 billion, more than double than the 3.0 billion recorded in 1960. The share of the EU27 has, however, declined from 13.3% in 1960 to 7.5% in 2005

 

Proportion of home owners

 

Proportion of home owners twice as high in Estonia and Lithuania than in Germany

Almost two thirds of EU25 households owned their homes in 2005 and the remaining third were tenants. In all Member States, except Germany (44% owners), there was a majority of owners. Over 80% of households owned their homes in Estonia and Lithuania (both 88%), Hungary (87%), Spain (83%) and Slovenia (82%), while after Germany the share of owners was lowest in Austria (52% owners), the Netherlands and Poland (both 54%), Denmark and France (both 58%).

 

Labour costs

Labour costs in 2006 varied by one to twenty in the EU27. Expressed in euro, the average hourly labour cost3 in the EU27 in 2006 was €20.35. Sweden (€32.16) had the highest hourly labour cost in 2006, followed by Denmark (€31.98 in 2005), Luxembourg (€31.98) and Belgium (€31.58). Bulgaria (€1.65), Romania (€2.68), Latvia (€3.41) and Lithuania (€4.21) had the lowest. Within the structure of the labour costs, the highest share of social security costs paid by the employer was found in Sweden (30.6%), followed by Belgium (30.3%) and France (28.6%) and the lowest shares in Malta (6.9%), Denmark (10.9%), Slovenia (13.4%) and Cyprus (15.1%).

 

Member States with the most popular tourist destinations

 

Spain, Italy and France had highest numbers of nights spent in hotels by non-residents

There were 1.3 billion nights spent in hotels and other collective accommodation establishments by residents in their own countries in the EU27 in 2006. Germany (298 million nights, 22% of the EU27 total) had the highest number, followed by Italy (210 million, 16%), France (192 million, 14%) and the United Kingdom (175 million, 13%).

In addition, there were almost 1 billion nights spent by non-residents in hotels and other collective accommodation in the Member States of the EU27 in 2006. Spain (225 million nights, 24% of the EU27 total) recorded the highest number, followed by Italy (160 million, 17%) and France (106 million, 11%).

The tourism intensity (total number of nights spent by residents and non-residents per inhabitant) was 4.7 in the EU27 in 2006. The highest intensity was found in Cyprus (18.8), Malta (18.3), Austria (11.9) and Spain (8.7), and the lowest in Lithuania and Romania (both 0.9), Poland (1.3) and Latvia (1.4).

 

 

 

Marco

 

dott. Marco Montanari

U.S. Equities Trader

mailto: marcomontanari@iol.it

 

 

 

Chi Evade deruba anche te!

Un saggio e pratico mezzo x combattere l’evasione soprattutto della criminalita’ organizzata

Chi ne condividera’ la ratio aiutera’ il paese

 

Noi italiani ci lamentiamo dell’evasione fiscale, eppure spesso chiudiamo un occhio. Segnala qui l’evasione o tentata evasione in cio’ aiutando le forze dell’ordine a combatterla ! “

 

http://www.evasori.info/segnala.cgi

 

al 5 Giugno 2008

1.766 segnalazioni per 1.309.279 euro

 

Ciascuno di noi ha messo la Gdf nelle condizioni di recuperare 741,38 euro evasi al fisco dai furbi, e dalla criminalita’, grazie alla preziosa e civile opera consultabile e duplicabile fatta di dati e mappe forniti dal sito evasori.info. Quasi lo stipendio di un operaio e ne siamo felici!

 



Il sito e’ stato rinnovato nel look, da qui i problemi di connessione sorti ieri !

http://www.evasori.info/



 

 

 

Italia

Conti Economici

 

 

 

Evasione Fiscale 

La pressione fiscale a carico degli onesti

 

Senza lotta seria all’evasione, la pressione fiscale non potra’ mai diminuire dall’attuale  43,3% del 2007, sebbene il calcolo reale porti la pressione ad oltre il 50% – tra il  50,74%  ed il 52,8%

 

Questa e’ la piu’ grossa innovazione anti evasione: mi raccomando anche voi segnalate in massa

La Sogei, è il braccio informatico dell’amministrazione fiscale

153 segnalazioni per 50936 euro

http://www.evasori.info/segnala.cgi

 

Noi italiani ci lamentiamo dell’evasione fiscale, eppure spesso chiudiamo un occhio. Segnala qui l’evasione o tentata evasione, per esempio quando un commerciante non fornisce lo scontrino o un professionista esige un prezzo maggiore per la ricevuta fiscale: è facile (anche da telefonino!) e anonimo, anche per l’evasore. costruiamo insieme una mappa di questo fenomeno sociale!

 

 

 

Contribuenti Italiani

 

(Anno 2005)

(ultimi dati disponibili in riferimento alle dichiarazioni dei redditi presentate)

 

Contribuenti Italiani: 39.977.386

Contribuenti a reddito zero: 9.659.121

Evasorialmeno 4.000.000

 

Iscritti agli ordini e collegi professionali

2005

1.700.000

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/04/iscritti-agli-ordini-e-collegi-professionali-dal-1985-al-2005.jpg

 

 

2006/2007

Verifiche e Controlli risibili

Roma, 22 ottobre 2007

http://www.mef.gov.it/web/apri.asp?idDoc=18293

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_2_top_controlli-e-verifiche-risibili.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_3_top_controlli-e-verifiche-risibili.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_4_top_controlli-e-verifiche-risibili.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_5_top_controlli-e-verifiche-risibili.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_6_top_controlli-e-verifiche-risibili.gif

 

 

 

 

2007/ maggio 2008

LA MAPPA DELL’EVASIONE/ELUSIONE FISCALE IN ITALIA

La CGIA Mestre su fonti varie stima: 

Imponibile evaso all’anno

€316 Miliardi

Imposte evase all’anno

€140-€150 Miliardi 

—————–

Sabato, 10 Maggio 2008

http://cgia.slowdata.com/files/docs/001415/EVASIONE%2010-5.doc

 

 

Le categorie

Stima dell’imponibile evaso

Le modalità

————–

 

ECONOMIA SOMMERSA

200 mld di €

Almeno 2.300.000 occupati svolgono un’attività  irregolare come lavoratori dipendenti

 

ECONOMIA CRIMINALE

 100 mld di €

In almeno 3 Regioni del Sud le organizzazioni criminali controllano l’economia di quei territori

 

GRANDI IMPRESE

10 mld di €

Il 50% delle società di capitali dichiara per più anni redditi negativi o pari a zero

 

LAVORATORI AUTONOMI E PMI

6 mld di €

Mancata emissione di scontrini, ricevute e fatture fiscali

 

TOTALE

Imponibile evaso all’anno

€316 Miliardi

Imposte evase all’anno

€140-€150 Miliardi 

—————–

 

 

Evasione giochi

Bingo e Slot – 2007

2007

€98 Miliardi  di euro di evasione

http://www.casadellalegalita.org/index.php?option=com_content&task=category&sectionid=5&id=29&Itemid=27

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_1_top_giochi-slot-88-miliardi.gif

L’articolo sul colpo di spugna sui 98 miliardi di evasione (del Governo Prodi soprattutto per iniziativa di 2 deputati radicali, che han trovato facile rimessa in Parlamentonel centro destra. Del resto, come dimostra chiaramente l’elezione di Amedeo Laboccetta, le società concessionarie hanno molti amici nel mondo politico. In entrambi gli schieramenti)

http://www.casadellalegalita.org/index.php?option=com_content&task=view&id=3259&Itemid=63

Slot, colpo di spugna sui novanta miliardi
Scritto da Il Secolo XIX
mercoledì 14 maggio 2008

http://www.casadellalegalita.org/index.php?option=com_content&task=view&id=3259&Itemid=63

La Relazione sui 98 miliardi di euro di evasione
Scritto da Ufficio di Presidenza
sabato 17 maggio 2008

ORA PUBBLICHIAMO LA RELAZIONE INTEGRALE della Commissione d’inchiesta

http://www.casadellalegalita.org/index.php?option=com_content&task=view&id=3263&Itemid=1

—————–

 

 

2006

 

LA MAPPA DELL’EVASIONE/ELUSIONE FISCALE IN ITALIA

 

 Le dichiarazione dei redditi medi: e’ sconcertante!

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2006_1_top.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2006_2_top.jpg

 

—————–

 

2006-settembre 2007

 

Caccia agli evasori

Controlli incrociati sulle banche dati. Blitz nei mercati. Verifiche su credito e grandi imprese. Irruzioni contro il lavoro nero.

‘L’espresso’ ha seguito gli sceriffi del fisco.

Ecco come stanano i furbetti delle tasse

di Emiliano Fittipaldi

(06 novembre 2007)

http://espresso.repubblica.it/dettaglio/Caccia-agli-evasori/1854548&ref=hpstr1

http://espresso.repubblica.it/dettaglio/Caccia-agli-evasori/1854548&ref=hpsp

 

GRAFICI:

Bottino miliardario

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2006_2007_0_top__.jpg

Serrande abbassate

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2006_2007_1_top__.jpg

La Tassa piu’ giusta

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2006_2007_2_top__.gif

 

 

2005

 

LA MAPPA DELL’EVASIONE/ELUSIONE FISCALE IN ITALIA

 

Il 24,16% (9.659.121 contribuenti) dei contribuenti italiani (39.977.386 sono le dichiarazioni presentate) non paga le tasse

Panorama, Italia a reddito zero

2005

16 maggio 2008

http://blog.panorama.it/economia/2008/05/16/redditi-un-quarto-degli-italiani-dichiara-zero/

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_2_top__regioni-a-reddito-zero.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_3_top__regioni-a-reddito-zero.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_4_top__regioni-a-reddito-zero.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_5_top__regioni-a-reddito-zero.jpg

 

 

 

2004

TOTALE

Imponibile evaso all’anno

€270 Miliardi

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/evasione-fiscale.jpg 

 

2004

TOTALE

Imponibile evaso all’anno

€230-245 Miliardi

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/03/italia_evasione-fiscale3.gif

 

 

Relazione al Parlamento sull’evasione

(Dati riferiti al 2004)

 

TOTALE dell’imponibile evaso

230-250 miliardi di euro

 

TOTALE delle imposte evase

100 miliardi di euro

 

 

Roma, 22 ottobre 2007

http://www.mef.gov.it/web/apri.asp?idDoc=18293

Secondo le stime dell’Istituto Centrale di Statistica (ISTAT), il valore aggiunto dell’economia sommersa, solitamente associata all’evasione, è stato nel nostro paese nel 2004 (l’ultimo anno di riferimento) tra il 16,6 per cento ed il 17,7 per cento dell’intero prodotto interno lordo (PIL); in altri termini, vi sono circa €230-250 miliardi di valore aggiunto non dichiarati (ISTAT, 2006). E l’evasione fiscale è (In termini di gettito, si tratta di almeno 7 punti percentuali di PIL di mancate entrate che, ai livelli attuali di PIL, corrispondono ad una perdita superiore ai €100 miliardi l’anno) anche maggiore raggiungendo il 21 per cento della base imponibile IRAP ed il 33 per cento della base imponibile dell’IVA. Questi livelli di evasione sono fino quattro volte superiori a quelli dei paesi europei più virtuosi. Gli esperti della Banca d’Italia (Zizza, 2002) mostrano che il sommerso durante il periodo tra il 1984 ed il 2000 si attesta tra il 14 ed il 18 per cento del PIL, non lontano dalle stime dell’ISTAT.

 

 

 

 

  Pressione Fiscale

La pressione fiscale a carico degli onesti  

Senza lotta seria all’evasione, la pressione fiscale non potra’ mai diminuire dall’attuale  43,3% del 2007, sebbene il calcolo reale porti la pressione ad oltre il 50% – tra il  50,74%  ed il 52,8%

 

Europa – Italia

Eurostat

1995 – 2005

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/03/italia_pressione-fiscale_4.gif

 

Eurostat

1995 – 2006

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_7.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_6.gif

 

 

Pubblici Dipendenti

2003

3.540.000

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/03/italia_pubblici-dipendenti_2003-dicembre_4.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/04/italia_pubblici-dipendenti_2003-dicembre_10.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/04/italia_pubblici-dipendenti_2003-dicembre_4.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/04/italia_pubblici-dipendenti_2003-dicembre_16.gif

 

Eurispes

2003

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_pubblici-dipendenti_2003_numero_dato-pubblicato-nel-2005_4.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_pubblici-dipendenti_2003_numero_dato-pubblicato-nel-2005_3.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_pubblici-dipendenti_2003_numero_dato-pubblicato-nel-2005_2.gif

 

 

Fannulloni Assenteismo

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/04/italia_pubblici-dipendenti_2005_fannulloni-assenteismo.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/04/italia_pubblici-dipendenti_scuola_scandalo.gif

 

 

Spesa pubblica

1990 – 2007

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/04/italia-debito-pubblico_2008_0000_debito-pil.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_pubblici-dipendenti_2003_numero_dato-pubblicato-nel-2007_00.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/04/italia_debito_pil_2005_spesa-pubblica-amministrazione_1.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/04/italia_debito_pil_2005_spesa-pubblica-amministrazione_2.gif

 

Banca D’Italia

2003 -2006

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_1.gif

 

 

Eurostat

1980 – 2006

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_5.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_6.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_2.gif

 

 

Debito Pubblico

 

Composizione

  2000 – 2007

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_0_mef_btp.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_0_composizione-debito.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_00_composizione-debito.gif

 

 

 

Debito Pubblico – Pil

Europa Italia

Eurostat

 

1995 – 2007

 

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/04/eurostat_italia-debito-pubblico_pil_2007_1.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/04/eurostat_italia-debito-pubblico_pil_2007_2.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/04/eurostat_italia-debito-pubblico_pil_2007_3.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/04/eurostat_italia-debito-pubblico_pil_2007_4.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/04/eurostat_italia-debito-pubblico_pil_2007_5.gif

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_9.gif

 

2003 – 2006

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_debito-pil_-2003_2006_eurostat_principali-aggregati-di-finanza-pubblica_0.gif

 

 

Banca D’Italia

2003 -2007

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/04/italia-debito-pubblico_2008_00000_debito-pil.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_top-00_debito-pil_mef.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_top-000_debito-pil_bdi-gennaio.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_top-0_debito-pil_istat.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_top-00_debito-pil_bdi-gennaio.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_top-00_debito-pil_bdi.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_debito-pil_-2003_2007_istat_principali-aggregati-di-finanza-pubblica.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_8.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_top-d_debito-pil_istat_dicembre-2007.gif

 

 

Mef

Ministero economia e finanza

Relazione unificata

2008

 

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_0.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_1.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_2.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_3.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_4.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_5.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_6.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_7.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_8.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_9.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_10.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_11.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_12.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_13.jpg

 

 

Istat

2007

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_top-b_debito-pil_istat.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_top-a_debito-pil_istat.gif

 

 

Storico

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_00_debito-pil.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_0_debito-pil.gif

 

 

 

Indebitamento – Pil

Banca D’Italia

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_top-0000_debito-pil_bdi-gennaio.gif

 

Eurostat  

1995 – 2006

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_4.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_3.gif

 

 

   

Tassazione Rendite Finanziarie

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2006/09/tassazione-redditi-finanziari_2.doc

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2006/09/tassazione-redditi-finanziari_1.pdf

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/04/tassazione-rendite-finanziarie_3.gif

 

 

Salari

Eurispes

2000 – 2005

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/04/eurispes_salari_1.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/04/eurispes_salari_9.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/04/eurispes_salari_5.jpg

 

 

  Fondi comuni Italiani: Rendimenti e Costi

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/01/fondi-comuni-di-diritto-italiano_rendimenti_6.gif

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/10/fondi-comuni-di-diritto-italiano_rendimenti_0.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/10/fondi-comuni-di-diritto-italiano_rendimenti_1.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/10/fondi-comuni-di-diritto-italiano_rendimenti_2.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/10/fondi-comuni-di-diritto-italiano_rendimenti_3.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/10/fondi-comuni-di-diritto-italiano_rendimenti_4.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/10/fondi-comuni-di-diritto-italiano_rendimenti_5.gif

 

 

 

Costo Conti Correnti nel Mondo

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2006/09/conto-corrente-costi-nel-mondo.gif

 

 

 

 

 

 

Some of My articles

http://blogsearch.google.com/

https://wallstreetrack.wordpress.com/

 

Tag: 1_finanza_analisi Macro
http://wordpress.com/tag/1_finanza_analisi-macro/
Tag: 2_Finanza_Bulls & Bears 
http://wordpress.com/tag/2_finanza_bulls-bears/
Tag: 3_il Risparmio Tradito
http://wordpress.com/tag/3_il-risparmio-tradito/
Tag: 4_Debito & Evasione 
http://wordpress.com/tag/4_debito-evasione/
Tag: E_Lavoro & Pensioni 
http://wordpress.com/tag/e_lavoro-pensioni/
Tag: 6_giustizia Ed Etica
http://wordpress.com/tag/6_giustizia-ed-etica/
Tag: 7_politica Ed Etica
http://wordpress.com/tag/7_politica-ed-etica/
Tag: 8_Sanita’ ed Etica
http://wordpress.com/tag/8_sanita-ed-etica/
Tag: 9_Libera Informazione 
http://wordpress.com/tag/9_libera-informazione/
Tag: A_Tutela degli animali 
http://wordpress.com/tag/a_tutela-degli-animali/
Tag: B_Tutela dell’Ambiente
http://wordpress.com/tag/b_tutela-dellambiente/

 

 

DECLINO ITALIA SENZA SPERANZA…CI VORREBBE UN AZZERAMENTO TOTALE DI TUTTA LA DIRIGENZA POLITICA

 

 

 

La classe politica dirigente nel suo totale ha troppo spesso dimostrato di avere un proprio tornaconto personale, i conflitti d’interesse sono all’ordine del giorno, la mancanza d’etica, trasparenza e meritocrazia pure.

Nella migliore delle ipotesi abbiamo una classe politica che e’ proprio ignorante, nel senso vero del termine, che ignora la cultura e la preparazione, ed e’ inetta ed incapace.

 

 

Ecco i veri problemi del Paese che questa classe politica dirigente nel suo totale non vuole affrontare

 

Giustizia e la Riforma dell’Ordinamento Giudiziario

Debito Pubblico e Declino Italia

I Costi della Politica e la sua mancanza d’Etica

La Corruzione tra le Lobbies, la Politica, la PA e la Criminalita’

L’enorme Spesa della PA e l’ inefficienza della PA

Pubblici Dipendenti Fannulloni – Sindacati protettori degli insiders

L’Evasione Fiscale ed i suoi Costi

 

 

 

 

Giustizia e la Riforma dell’Ordinamento Giudiziario

 

 

Ai fini della soluzione del problema Giustizia la soluzione (a detta dei maggiori studiosi del paese, su tutti Falcone, Borsellino, D’Avigo e Tinti, e non solo) va ricercata in primis in quello che e’ il primo e vero cancro della giustizia, ovvero nel processo civile (e non in quello penale); ed in seconda battuta (questo vale sia per il civile che per il penale) il problema e’ soprattutto dalla parte della domanda di giustizia, che va filtrata, e non tanto da parte dell’offerta!

Lo ricorda bene anche un grande giornalista come Luigi  Ferrarella del Corriere della Sera che nel suo ultimo libro ” FINE PENA MAI Il Saggiatore” sviluppa parte dei molti  temi  riguardanti la soluzione della giustizia affrontando proprio il cancro della domanda di giustizia!

 

I veri problemi della giustizia sono:

 

1 – Riformare il lato della domanda della giustizia, causa primaria dei lunghi ed oscuri processi, con l’eliminazione in primis delle rendite da posizione di avvocati e liquidatori con il che’ piu’ le cause durano piu’ loro guadagnano, ovvero:

– occorre introdurre sanzioni pecuniare molto severe tanto per chi promuove giudizi temerariamente quanto per coloro che ritardano di pagare il creditore dopo essere stati  condannati in 1° grado confidando nella lentezza dei processi sino al 3° grado e nell’esiguita’ degli interessi legali posti a suo carico sino alla soddisfazione del credito ( minori degli interessi offerti dai titoli di stato, per esempio, investimento cui il debitore nel frattempo e nelle more della giustizia ricorre come propria fonte di reddito..come dire una beffa per il creditore non soddisfatto);

occorre (sempre dal lato della domanda della giustizia)  riformare il sistema di “costruzione e giustificazione” delle parcelle degli avvocati, oggi collegate dannosamente al numero delle udienze e non al risultato come dovrebbe essere;

– occorre (sempre dal lato della domanda della giustizia) diminuire drasticamente il numero degli avvocati proprio per quanto detto ai punti precedenti, ovvero perche’ il loro numero abnorme determina nei fatti un incremento delle liti giudiziarie (non cosi’  rare quelle meramente temerarie) e quindi un allungamento dei tempi processuali: 26 gennaio 2008 – L’allarme del presidente del capoluogo lombardo: “A Roma sono iscritti all’Ordine tanti avvocati quanti nell’intera Francia. Il numero abnorme può inconsapevolmente determinare il rischio di un incremento delle liti giudiziarie e quindi, stante la carenza di risorse strutturali, un allungamento dei tempi processuali”.

 

 

2 – Processi rapidi e giusti, rendendo effettiva, celere ed accessibile a tutti l’azione per la responsabilita’ contro i giudici disonesti, o anche solo non terzi, parziali o negligenti;

3 – Riformare del diritto civile e fallimentare, che preveda forti sanzioni pecuniarie e penali sia  verso i liquidatori sia verso i GD;

4 – Riforma del Controllo sull’attivita’ dei giudici in generale che preveda un organo davvero terzo, popolare e professionale e non piu’ politicizzato com’e’ oggi il CSM che inoltre rincorre correnti partitiche anche all’interno della Magistratura, incio’ rendendo sempre irresponsabili i Giudici disonesti

 

 

Poi c’e anche il problema nel campo penale, ed in minima parte nel campo dell’offerta (mezzi e uomini).

Il problema nel campo penale  riguarda pero’ soprattutto i colletti bianchi nel concreto, non i normali cittadini, che in questo senso sono interessati solo sotto il profilo di vedere un’etica ed una giustizia anche contro i potenti.

La Giustizia insomma, ed i suoi problemi, non sono tanto e soltanto quelli di poche centinaia di persone, ma sono quelli che riguradano i milioni di cittadini italiani, e liriguardano soprattutto in sede civile, non penale! Ed e’ da qui che bisogna cominciare, e’ qui che i danni si fanno in capo al cittadino, in concreto, sulla sua pelle!

Il problema della riforma della giustizia, non e’ tanto e soltanto insomma quello (purtroppo solo populistico) di eliminare le leggi vergogna, indegne certamente e da eliminare, quanto quello invece di incidere i processi civili ed in sede fallimentare, e di rendere ben responsabili i giudici, e’ qui che si annida  il vero cancro della giustizia, denegata spessissimo con gravi danni a tutti i cittadini. Di questo si dovrebbe occupare chi ha davvero a cuore il futuro dei cittadini, del sistema Giustizia e dello Stato, e in parallelo ma in subordine delle leggi vergogna che vanno solo eliminate.

Non si risolvono i problemi della Giustizia interessandosi a curare i soli due lebbrosi del paese intero, e trascurando invece al contempo i milioni di ammalati di diabete per esempio.

 

 

 

Eurispes

Rapporto Italia

2008

Dati riferiti al

2007

http://www.eurispes.it/visualizzaRicerche.asp?val=4

 

 

LEGALITÀ

21. Fear of crime, ovvero il senso di insicurezza degli italiani

22. La permeabilità del crimine organizzato nelle province del Mezzogiorno

23. L’Italia criminale

24. Ecomafia e illecito ambientale: le attività del Comando Carabinieri per la Tutela dell’Ambiente

27. Reati contro la Pubblica amministrazione

Esplode l’Economia sommersa (549 miliardi di euro) e l’Economia criminale (176 miliardi di euro )

Insieme si arriva a 725 miliardi di euro di economia sommersa (con un’imposta evasa di 306,6 miliardi di euro), il 47.23% del pil a quota 1.535 miliardi circa

Il 54,6% dell’economia non osservata (Economia sommersa ) è rappresentato dal lavoro sommerso. Il flusso di denaro generato dal lavoro sommerso si è attestato a 300 miliardi di euro.

Il 28,4% dell’economia non osservata (Economia sommersa ) è rappresentato dall’evasione fiscale. Il flusso di denaro generato ad opera di aziende e imprese italiane si è attestato a 156 miliardi di euro

Il  16,9% dell’economia non osservata (Economia sommersa ) è rappresentato dalla cosiddetta economia “informale”. Il flusso di denaro generato dalla dalla cosiddetta economia “informale” si è attestato a 93 miliardi di euro

25 febbraio 2008

 

 

Eurispes

http://www.eurispes.it/

Dossier Eurispes: ‘Ndrangheta Holding 2008

Il giro d’affari della criminalità organizzata calabrese è di 43,79 miliardi di euro all’anno  

21 maggio 2008

http://www.ilsole24ore.com/fc?cmd=document&file=/art/SoleOnLine4/Italia/2008/05/eurispes-dossier-ndrangheta2008.doc?cmd=art

 

L’italia in mano alla criminalita’ organizzata: i politici dormono o fanno finta di dormire?

L’economia sommersa e l’Evasione Fiscale della criminalità organizzata

https://wallstreetrack.wordpress.com/2008/05/21/litalia-in-mano-alla-criminalita-organizzata-i-politici-dormono-o-fanno-finta-di-dormire/

 

 

ITALIA_EURISPES

2007

Giustizia al Collasso

Italia a rischio “deriva feudale
Un paese che oscilla tra spinte innovative e la conservazione dei privilegi acquisiti

Eurispes

2007

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/02/01/rapporto-delleurispes-2007-italia-giustizia-al-collasso/]link-Rpporto Eurispes – Giustizia italia al collasso  [/url]

http://www.eurispes.it/indiceRapportoItalia.asp?val=4

 

 

Rapporto Eurispes

2006

L’Italia non cresce più

http://www.rassegna.it

http://www.rassegna.it/2006/attualita/articoli/eurispes.htm

http://www.rassegna.it/2007/attualita/articoli/eurispes.htm

 

 

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/02/23/processi-lenti-e-non-sempre-chiari-who-judges-the-judges/]link-Giustizia Civile e Fallimentare e la dolosa lentezza dei processi[/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/03/07/giustizia-e-la-riforma-dellordinamento-giudiziario-ecco-i-veri-problemi/]link-Giustizia Civile e Fallimentare e la dolosa lentezza dei processi[/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/03/10/giustizia-e-la-riforma-dell%e2%80%99ordinamento-giudiziario-ecco-i-veri-problemi-parte-seconda/] link-Giustizia Civile e Fallimentare e la dolosa lentezza dei processi – Parte 2 – La riforma dell’Ordinamento Giudiziario e’ indecente  [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/03/15/i-costi-dellevasione-della-inefficienza-della-pa-e-della-corruzione-tra-la-politica-e-le-lobbies-criminalita/]link-Costi dell’evasione, della inefficienza della P.A. e della corruzione tra la Politica e le lobbies-criminalita’ [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/06/05/stipendi-pubblici-ai-magistrati-gli-aumenti-piu-vistosi/]link-Retribuzione dei Magistrati [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/01/30/indicatori-internazionali-quadro-generale/]link-La corruzione fuori dall’agenda politica – Indicatori Internazionali – Quadro generale [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/10/09/litalia-tra-i-peggiori-paesi-al-mondo-per-la-corruzione-anche-nellexport-bribe-payers-index-bpi-2006/]link-La corruzione fuori dall’agenda politica – Indicatori Internazionali [/url]

 

 

 

 

Debito Pubblico e Declino Italia

I Costi della Politica e la sua mancanza d’Etica

La Corruzione tra le Lobbies, la Politica, la PA e la Criminalita’

L’enorme Spesa della PA e l’ inefficienza della PA

Pubblici Dipendenti Fannulloni – Sindacati protettori degli insiders

L’Evasione Fiscale ed i suoi Costi

 

 

2008

 

L’italia in mano alla criminalita’ organizzata: i politici dormono o fanno finta di dormire?

L’economia sommersa e l’Evasione Fiscale della criminalità organizzata

https://wallstreetrack.wordpress.com/2008/05/21/litalia-in-mano-alla-criminalita-organizzata-i-politici-dormono-o-fanno-finta-di-dormire/

 

Competitivita’ nel mondo: Italia agli ultimi posti

https://wallstreetrack.wordpress.com/2008/05/17/competitivita-nel-mondo-italia-agli-ultimi-posti/

 

I killers dell’Italia: La Spesa, l’Inefficienza della PA e la Pressione Fiscale (elevatissima sia a causa dell’evasione sia proprio per l’enorme fardello della spesa pubblica e dei tanti, troppi fannulloni e corrotti lavoratori del pubblico impiego)

 

https://wallstreetrack.wordpress.com/2008/04/21/la-spesa-linefficienza-della-pa-e-la-pressione-fiscale-i-killers-dellitalia/

 

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2008/03/12/debito-pubblico-anno-2007/]link-Debito Pubblico 2007 [/url]

 

 

2007

 

 

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/03/03/levasione-fiscale-causa-primaria-dellaumento-della-spesa-della-pa-e-della-pressione-fiscale/]link-Spesa PA e L’Evasione Fiscale[/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/03/15/i-costi-dellevasione-della-inefficienza-della-pa-e-della-corruzione-tra-la-politica-e-le-lobbies-criminalita/]link-Costi dell’evasione, della inefficienza della P.A. e della corruzione tra la Politica e le lobbies-criminalita’ [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/04/07/addio-tesoretto-i-sindacati-ed-i-pubblici-dipendentila-piu-cancerogena-delle-corporazione/]link-I Sindacati ed i pubblici dipendenti, la piu’ cancerogena delle corporazioni! Addio tesoretto [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/05/03/cosi-la-pubblica-amministrazione-getta-i-soldi-on-line/]link-Così la pubblica amministrazione “ruba” e getta i soldi [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/04/12/pensioni-dei-parlamentari-e%e2%80%99-uno-schifo-reset/]link-Pensioni dei Parlamentari [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/06/10/stipendi-dei-parlamentari-e-uno-schifo-reset/]link-Stipendi dei Parlamentari [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/09/24/la-casta-predica-bene-ma-razzola-malissimo/]link-La Casta predica bene ma razzola malissimo [/url]

 

 

 

Debito Pubblico e Declino Italia

I Costi della Politica e la sua mancanza d’Etica

La Corruzione tra le Lobbies, la Politica, la PA e la Criminalita’

L’enorme Spesa della PA e l’ inefficienza della PA

Pubblici Dipendenti Fannulloni – Sindacati protettori degli insiders

L’Evasione Fiscale ed i suoi Costi

 

 

 

2006

 

 

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/08/30/lenorme-buco-del-debito-pubblico-italiano-di-cosa-si-tratta-e-di-chi-e-la-responsabilita-primaria/]link-Debito Pubblico – Spesa PA esorbitante – Pubblici Dipendenti in eccesso – Declino Italia – Parte 1 [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/09/29/185/]link-Declino Italia – Italia un paese alla deriva Istituzionale e Dirigenziale [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/10/03/litalia-in-mano-a-bertinotti-ed-ai-sindacati-e-soltanto-apparentemente-diversa-non-anche-migliore-di-quella-di-berlusconi/]link-Sindacati e Bertinotti Italia [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/10/19/crollo-dei-consensi-per-il-governo-18-in-3-mesi-e-intanto-le-agenzie-di-valutazione-finanziaria-declassano-litalia/]link-L’assenza di ogni valore della politica – Parte 1 [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/10/20/italia-debito-pubblico-rating-problema-dei-dipendenti-pubblici-e-degli-enti-inutili-ovvero-della-spesa-della-pa/]link-Debito Pubblico – Spesa PA esorbitante – Pubblici Dipendenti in eccesso – Declino Italia Parte 2 [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/10/24/perche-litalia-bilanci-alla-mano-e-un-paese-allo-sbando/]link-Debito Pubblico – Spesa PA esorbitante – Pubblici Dipendenti in eccesso – Declino Italia Parte 3 [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/12/06/il-declino-dellitalia-che-viaggia-con-il-ciuccio-e-la-scoppola/]link-Declino Italia – L’assenza di ogni valore della politica – Parametri internazionali [/url]

Click here:  [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/12/17/in-italia-abbiamo-una-grossa-fetta-della-classe-politica-allo-sbaraglio-e-cieca-con-o-senza-connivenza/]link-L’assenza di ogni valore della politica – Parte 2 [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/12/20/the-governments-policy-is-missingits-coming-soon-like-one-of-our-tourism-portal-web/]link-Conflitto Interessi – L’assenza di ogni valore della politica – Parte 3 [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/12/21/i-5-simboli-del-doloso-sottosviluppo-italiano-la-politica-tutta-o-quasi-i-sindacati-la-chiesa-l%e2%80%99informazione-e-alcuni-giudici-di-alcuni-tribunali-fallimentari-e-civili-in-uno-con-i-lo/]link-I 5 simboli del doloso sottosviluppo Italiano: su tutti la Chiesa! Declino Italia [/url]

 

Vedi soprattutto:

 

Banche – Esuberi – Perdite e Svalutazioni – Riforme Istituzionali

 

 

The Final U.S. Growth Package

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2008/01/29/the-final-us-growth-package/#more-1582]link-The Final U.S. Growth Package [/url]

 

The delinquency rate & The New foreclosures (I Pignoramenti)

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/12/07/the-delinquency-rate-the-new-foreclosures-i-pignoramenti/]link-The delinquency rate & The New foreclosures (I Pignoramenti) [/url]

 

Immobili e To avert a cash crunch

I Pignoramenti in America: U.S. Montly Home Foreclosures and Bank Repossessions (REOs)

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2008/04/16/i-pignoramenti-in-america-us-montly-home-foreclosures-and-bank-repossessions-reos/]link- I Pignoramenti in America: U.S. Montly Home Foreclosures and Bank Repossessions [/url]

 

Vedi anche:

 

Crash_Immobili: U.S. Home Prices:nel 1 trimestre crollo dei prezzi

https://wallstreetrack.wordpress.com/2008/05/14/us-home-pricesnel-1-trimestre-crollo-dei-prezzi/

 

Home Price Data Showed Housing Solid Long-Term Investment

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/11/13/home-price-data-showed-housing-solid-long-term-investment/]link-Home Price Data Showed Housing Solid Long-Term Investment [/url]

Correlazione tra il Prezzo delle case ed i consumi
Click here: [url=
https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/09/25/correlazione-tra-il-prezzo-delle-case-ed-i-consumi/]link-Correlazione tra il Prezzo delle case ed i consumi [/url]

Goldilocks economy, l’economia dai boccoli d’oro

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/09/19/goldilocks-economy-leconomia-dai-boccoli-doro/]link- Goldilocks economy, l’economia dai boccoli d’oro [/url]

To avert a cash crunch the Central Banks spill liquidity in the markets
Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/08/11/to-avert-a-cash-crunch-the-central-banks-spill-liquidity-in-the-markets/]link-To avert a cash crunch the Central Banks spill liquidity in the markets [/url]

Subprime Mortgages E’ in arrivo un grande  Crash? NO
Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/05/12/subprime-mortgages-e-in-arrivo-un-grande-crash-no/]link-Subprime Mortgages E’ in arrivo un grande  Crash? NO [/url]

Crollo-Crash dei mercati azionari americani?
Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/03/25/crollo-crash-dei-mercati-azionari-americani/]link-Crollo-Crash dei mercati azionari americani? [/url]

Il mercato americano (l’S&P 500) e’ in fase di Ipercomprato o Ipervenduto?

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/11/25/il-mercato-americano-lsp-500-e-in-fase-di-ipercomprato-o-ipervenduto/]link- IL MERCATO AMERICANO (L’S&P 500) e’ in fase di Ipercomprato o Ipervenduto? [/url]

Disequilibri Americani: Credit Bubble, ovvero Crack del Debito privato – Parte seconda 
Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/09/05/i-disequilibri-americani-credit-bubble-ovvero-crack-del-debito-privato-2/]link-Disequilibri Americani: Credit Bubble, ovvero Crack del Debito privato – Parte seconda [/url]

Disequilibri Americani: Credit Bubble, ovvero Crack del Debito privato – Parte prima

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/09/05/62/]link-L’indebitamento americano a livelli di guardia – Disequilibri Americani: Credit Bubble, ovvero Crack del Debito privato – Parte prima [/url]

 

 

 

 

 

L’etica in politica e in finanza deve essere un must
17 agosto 2005

http://www.osservatoriosullalegalita.org/05/interventi/041eticapolitica.htm

Bancopoli : lettera ai politici del centrosinistra
09 gennaio 2006

http://www.osservatoriosullalegalita.org/06/acom/01gen1/0955marcobancopoli.htm

E ora le priorita’ : legalita’ competitivita’ e conflitto d’interessi

25 aprile 2006

9 marzo 2008

https://wallstreetrack.wordpress.com/2008/03/09/e-ora-le-priorita-legalita-competitivita-e-conflitto-dinteressi/#more-25

http://www.osservatoriosullalegalita.org/06/interventi/04apr/24votopriorita.htm

Finanziaria : ma l’Italia necessita di etica e legalita’
23 ottobre 2006

http://www.osservatoriosullalegalita.org/06/acom/10ott3/2300marcofin.htm

Legge sul risparmio monca su alcuni aspetti fondamentali
21 dicembre 2005

http://www.osservatoriosullalegalita.org/05/acom/12dic3/2101marcorisparmio.htm

Il Risparmio dolosamente tradito dalla politica : la Class Action
25 maggio 2006

http://www.osservatoriosullalegalita.org/06/acom/09set3/2525marclassaction.htm

Class action : facile , veloce , gratuito
25 settembre 2006

http://www.osservatoriosullalegalita.org/06/docum/varie/010marcoclassaction.htm

U.S.: Le Lobbies contro la Legge che protegge i risparmiatori
31 ottobre 2006

http://www.osservatoriosullalegalita.org/06/acom/10ott3/3100marcousa.htm

Il Paese dei furbetti : crack , banche , finanziarie e vittime
18 dicembre 2005

http://www.osservatoriosullalegalita.org/05/inchieste/012marcomanipul2.htm

Crack in Italia e in America : sentenze e numeri a confronto
22 dicembre 2005

http://www.osservatoriosullalegalita.org/05/acom/12dic3/2244marcocrack.htm

Calciopoli , bancopoli , crack : Italia Argentina 1 a 1 ?
22 maggio 2006

http://www.osservatoriosullalegalita.org/06/acom/05mag3/2200marcofurbetti.htm

Index of economic freedom : Italia agli ultimi posti
17 gennaio 2007

http://www.osservatoriosullalegalita.org/07/acom/02gen2/1722marcomanipul.htm

 

 

 

 

 

 


I Pignoramenti ed i Ritardi nel pagamento delle rate in America

lunedì, giugno 2, 2008

 

 

Mortgage Insurance Companies of America (MICA)

PrivateMI

Washington- based

The Montly

Delinquency rate on Insured Mortgages Borrowers

or

The Privately Insured U.S. Mortgages falling more than  60/90 days late on payments

Il ritardo nei pagamenti che spesso sono il preludio dei Pignoramenti

Monthly Statistics

WASHINGTON, D.C. May 30, 2008

 

 

 

 

https://wallstreetrack.wordpress.com/2008/06/02/i-pignoramenti-ed-i-ritardi-nel-pagamento-delle-rate-in-america/

 

https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/12/07/the-delinquency-rate-the-new-foreclosures-i-pignoramenti/

 

 

Mortgage Insurance Companies of America (MICA) today released its monthly statistical report for April which includes a one-time adjustment to the number of defaults, cures and also new insurance written year-over-year, and changed its methodology for recording delinquencies, as a result of a major lender’s change to its methodology for recording delinquencies, and to how it reports them to MICA’s members. The number includes both newly reported defaults for the month, as well as previously unreported defaults by this lender.

 

 

L’aumento tanto dei ritardi nel pagamento delle rate dei mutui quanto dei pignoramenti successivi, e’ da mettere in relazione alla crisi del credito immobiliare ad alto rischio, il subprime, che ha messo numerosi mutuatari nell’impossibilita’ di far fronte al pagamento delle rate di mutuo a tasso variabile a seguito del brusco innalzamento dei tassi d’interesse. Secondo alcuni analisti per il  terzo trimestre 2007 gli oneri aggiuntivi / gli interessi a carico dei mutuatari dovrebbero essere rincarati di oltre  80 miliardi di dollari, mentre nel quarto trimestre 2007 l’ onere a carico dei mutuatari sarebbe di altri 84 miliardi, secondo stime fatte dagli analisti del Credit Suisse. I beni pignorati andranno ad aggiungersi all’ invenduto, con la conseguenza di far scendere ancora di più i prezzi delle case, destinati secondo alcune previsioni a flettere del 4,5% nel 2008.  La Federal Reserve è intervenuta nella materia del credito subprime fissando fra l’ altro paletti più rigidi per la concessione di questa tipologia di prestiti.

 

Mortgage Insurance Companies of America (MICA) reports that:

 

– The Borrowers used private mortgage insurance (PrivateMI) to buy or refinance a home, with less than the traditional 20 percent down payment, for April, totaled 109,358 (Traditional primary new insurance totaled 108,322 and Bulk primary insurance totaled  1,036 ) Certificates / Policies Issued ( down by -32.11% from  161,100 in the same month a year earlier) down by -21.66% from the prior month when totaled 139,610 ( down by -24.09% from  183,919 in the same month a year earlier) up  by  +0.38% from the prior month.

The number of PrivateMI applications received by MICA members, totaled 128,243 (down by -24.38% from  169,590 in the same month a year earlier) and down by -19.91%from the prior month when totaled 160,139 (down by -4.81% from  191,125 in the same month a year earlier) and up  by  +4.81% from the prior month.

–  The Defaults – Delinquency rate on Insured Mortgages Borrowers or The Privately Insured U.S. Mortgages falling more than  60/90 days late on payments — ovvero il ritardo nei pagamenti che spesso sono il preludio dei Pignoramenti. As a result of a major lender’s change to its methodology for recording delinquencies, and to how it reports them to MICA’s members, there was a sharp increase in reported defaults in April to 73,880 Defaults (up by +71,17% from 43,161 in the same month a year earlier) up by +27,09% from the prior month when was 58,131 Defaults (up by +37,22% from 42,362 in the same month a year earlier) down by -4,56% from the prior month, according to data from members of the Washington- based Mortgage Insurance Companies of America.

  • The increase includes both newly reported defaults for the month, as well as previously unreported defaults by this lender. Mortgage Insurance Companies of America (MICA) today changed its methodology for recording delinquencies, as a result of a major lender’s change to its methodology for recording delinquencies, and to how it reports them to MICA’s members. The number includes both newly reported defaults for the month, as well as previously unreported defaults by this lender.

The Cures, totaled 39,584  (up by +15,24% Year-over-year from  34,347 in the same month a year earlier)  down by -21,74% from the prior month when totaled 50,585  (up by +29,42% from  39,083 in the same month a year earlier)  up by +5,40% from the prior month. This statistic also reflects the above noted change in reporting defaults.

  • The increase in both the dollar volume of Traditional primary new insurance written and primary insurance-in-force as well as the increased number of cures demonstrates that the mortgage insurance industry as a whole is generating new policies and continues to help families become owners of their own homes and maintain their existing homes. We believe this month’s data reflect an ongoing ‘flight to quality’ towards more dependable forms of mortgage credit enhancement.”

–  The dollar volume of Primary New Insurance Written (Traditional more Bulk) on newly originated 1-to-4 family conventional mortgage loans, totaled $19,778.2 million of Primary New Insurance Written (Traditional more Bulk) on newly originated ( -4.58% Year-over-year decrease from a total of $20,727.7 million in the same month a year ago), with Traditional primary new insurance totaled  $19,449.5 million in April ( +11.7%Year-over-year from a total of $17,416.6 million in the same month a year ago) and Bulk primary insurance totaled $328.7 million (-90.0% Year-over-year from a total of $3,311.1 million in the same month a year ago), and a -3.5% decrease from the prior month when totaled $20,495.1 million ( +25.0% Year-over-year from the same month a year ago) (Traditional primary insurance totaled $20,309.2 million, +2.7% Year-over-year , and Bulk primary insurance totaled $185.9 million, up by +6.75% Year-over-year ).

  • Mortgage Insurance Companies of America (MICA) today notes that a +11.7% year-over-year increase in Traditional primary new insurance written reflects that return to quality in the marketplace. The increase in both the dollar volume of Traditional primary new insurance written and primary insurance-in-force as well as the increased number of cures demonstrates that the mortgage insurance industry as a whole is generating new policies and continues to help families become owners of their own homes and maintain their existing homes. We believe this month’s data reflect an ongoing ‘flight to quality’ towards more dependable forms of mortgage credit enhancement.”

The Primary insurance in-force (in vigore) totaled $855,721 million (up by +22,9% from  696,464 million in the same month a year earlier) up by +0,89% from the prior month when totaled $848,145 million (up by +23,15% from  688,685 million in the same month a year earlier) up by +1,01% from the prior month.

  • The increase in both the dollar volume of Traditional primary new insurance written and primary insurance-in-force as well as the increased number of cures demonstrates that the mortgage insurance industry as a whole is generating new policies and continues to help families become owners of their own homes and maintain their existing homes. We believe this month’s data reflect an ongoing ‘flight to quality’ towards more dependable forms of mortgage credit enhancement.”

 

  • Suzanne C. Hutchinson, Executive Vice President of MICA, said, “While the change in reporting methodology by a major lender has resulted in an increase in reported delinquencies, it is important to note that this is a one-time adjustment. Overall, the market is returning to fundamentals. The year-over-year increase of 11.7% in new insurance written reflects that return to quality in the marketplace.” “The increase in both the dollar volume of Traditional primary new insurance written and primary insurance-in-force as well as the increased number of cures demonstrates that the mortgage insurance industry as a whole is generating new policies and continues to help families become owners of their own homes and maintain their existing homes. We believe this month’s data reflect an ongoing ‘flight to quality’ towards more dependable forms of mortgage credit enhancement.”

  • The statistics in this report include data from the following MICA member companies: AIG United Guaranty, Genworth Mortgage Insurance Corporation, Mortgage Guaranty Insurance Corporation, PMI Mortgage Insurance Co., Republic Mortgage Insurance Company and Triad Guaranty Insurance Corporation.

  • MICA members have helped over 2 million families during the past twelve months save money by buying or refinancing a home with less than the traditional 20 percent down payment. The average buyer can purchase a house 10 years sooner by using PrivateMI, typically with as little as -3% down – even less for qualified borrowers.  PrivateMI premiums are now tax deductible for many borrowers who purchase or refinance a home.

    MICA is the trade association representing the private mortgage insurance industry. Its members help loan originators and investors make funds available to home buyers for low down payment mortgages by protecting these institutions from a major portion of the financial risk of default.

  • A surge in home foreclosures is sapping profit at lenders and the insurers that protect them from borrower defaults. Banks have written off $110 billion on securities linked to U.S. mortgages, according to Dresdner Kleinwort research. MGIC Investment Corp., the largest U.S. mortgage insurer, said fourth-quarter claims jumped sevenfold to $1.3 billion as the rate delinquent loans leading to claims rose.

 

 

MICA is the trade association representing the private mortgage insurance industry. Its members help loan originators and investors make funds available to home buyers for low down payment mortgages by protecting these institutions from a major portion of the financial risk of default.

 

 

 

 

 

RealtyTrac Inc

The Montly

U.S. Home Foreclosures

I Pignoramenti

 

 

Real Estate Owned (REO)  or  Bank Repossessions (REOs) – Pignoramenti

Foreclosure Market Report, which shows Properties with Foreclosure Filings

FORECLOSURE ACTIVITY

IN APRIL

Foreclosure Activity in April from the prior month increased by +4.0% and Real Estate Owned (REO)  – Bank Repossessions (REOs) – properties that have been foreclosed on and repurchased by a bank rose +65.0% (Y/Y) from April 2007

By RealtyTrac Staff   

IRVINE, Calif.

May 14, 2008

 

http://www.realtytrac.com/

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/06/home_pignoramenti_montly-foreclosures_realty-trac_1_april_2008.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/06/home_pignoramenti_montly-foreclosures_realty-trac_2_april_2008.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/06/home_pignoramenti_montly-foreclosures_realty-trac_3_april_2008.jpg

 

 

U.S. Foreclosure Market Statistics (Total and  by State)

    Properties with Foreclosure Filings 

Total Statistics

 

Default — Notice of Default (NOD)

Lis Pendens (LIS)

Auction — Notice of Trustee Sale (NTS)

Notice of Foreclosure Sale (NFS)

Real Estate Owned – Bank Repossessions (REOs)

 

Total

 

1/every X HH (rate)

Foreclosure activity – 1 in every x U.S. households

 

 

I pignoramenti immobiliari negli Stati Uniti, sono volati del +64.75% rispetto ad un anno fa con le banche che si sono riappropriate della casa acquistata con un mutuo in misura doppia, come conseguenza degli oneri maggiorati a valere sui mutui a tasso variabile; le case finite sul mercato hanno aumentato le giacenze, con il pericolo di far scendere ulteriormente i prezzi. E’ quanto risulta dal sondaggio effettuato da una società specializzata, RealtyTrac, secondo cui 243,353 immobili negli Usa (243,353 immobili in April 2008, si tratta del livello più alto da quando questo tipo di statistica ha cominciato ad essere redatto, cioé dal gennaio del 2005) si trovano nella prima fase di una procedura di pignoramento, a sua volta attivata dalle banche per via del mancato rispetto dei pagamenti da parte dei mutuatari, e quindi si trovano in una posizione prossima al pignoramento (Da qui a dicembre in pratica gli istituti di credito si riapproprieranno di 480,000 immobili, circa 60mila immobili in media al mese).

L’ allarme maggiore su questo versante viene dagli Stati del Nevada, della California e della Florida. Nel primo trimestre il prezzo medio di una casa negli Usa è sceso del -7,7%, il maggiore calo da 29 anni a questa parte, secondo quanto riferito ieri dagli agenti immobiliari. 

 

Median Sales Prices of Existing Single_Family Home for Metropolitan Areas

1Q – 2008 – $196.3

(falling by -7.66% from $212.6 in the same quarter a year ago)

 

Il dato, elaborato RealtyTrac, rimarca il continuo aumento del numero di notifiche delle banche nei confronti dei mutuatari che non riescono piu’ a far fronte al pagamento delle rate di mutuo, dopo il brusco innalzamento dei tassi d’interesse. Ai massimi i casi di insolvenza fra la clientela subprime, ossia con scarsa affidabilità creditizia, sale addirittura ai massimi da agosto scorso che rappresenta anche il secondo livello più alto mai registrato da RealtyTrac.

Secondo RealtyTrac, quest’anno saranno ridefiniti mutui in essere a tasso variabile con il conseguente aumento della rata che diventerà più onerosa per i mutuatari, per un ammontare complessivo di 460 miliardi di dollari ( e anche in base ai dati forniti da Citigroup), mutui che risentono del rialzo dei tassi di mercato a sua volta conseguenza della crisi provocata dal tracollo del credito subprime.

 

Foreclosure activity – RealtyTrac, the leading online marketplace for foreclosure properties, released its April 2008 U.S. Foreclosure Market Report, in which were reported  foreclosure filings — default notices, auction sale notices and bank repossessions — on 243,353 properties nationwide (Da qui a dicembre in pratica gli istituti di credito si riapproprieranno di 480,000 immobili, circa 60mila immobili in media al mese) – (1/every X HH (rate) – Foreclosure activity – 1 in every 519 U.S. households received a some stage of foreclosure filing during the month, the highest monthly total since RealtyTrac, a seller of default data, began statistics in January 2005, from 518 in the prior month) during the month, an increase of nearly +4.4% (M/M) from (233,200) in the previous month but an increase of nearly +64.75% (Y/Y) than  147,700 in the Same Month a Year ago, indicating we have still not reached the peak of foreclosure activity in this cycle as rates on adjustable mortgages increased and vacated homes added to a glut of unsold homes.

Filings are likely to be explosive in May and June as more payments jump, after remaining at current levels this month and next.  The numbers show that overall foreclosure activity so far this year continues to run nearly 60% above the levels we saw last year. On a year-over-year basis, bank repossessions were up nearly +145.0% (Y/Y), but auction notices were up only 32%, indicating that more defaulting homeowners are simply walking away and deeding their properties back to the foreclosing lender

  • The total number of U.S. properties with foreclosure activity in April was the highest monthly total we’ve seen since we began issuing the report in January 2005. Although only about 2% of households nationwide are in foreclosure (up from at the end of 2007 when 1.03% of households nationwide are in foreclosure), these properties contribute to already bloated inventories of homes for sale, and put downward pressure on home values. Areas of California, Florida, Nevada and Arizona continue to be particularly hard-hit. Property tax bases are eroding, putting municipal budgets in peril. For example, the city council in Vallejo, California – part of a metropolitan area with a foreclosure rate that ranked sixth highest in the nation in April – last week voted to have the city file for bankruptcy.

  • Foreclosures are mounting even as the Bush Administration and Congress propose relief for homeowners. The Democrat-led U.S. House of Representatives approved a $300 billion plan May 8 that would allow the government to insure refinanced mortgages. Acting Housing and Urban Development Secretary Roy Bernardi said the next day he was willing to compromise on the proposal after Republican President George W. Bush threatened to veto it.

  • Delinquencies on subprime mortgages will continue to rise and defaults on prime loans also may accelerate as people lose their jobs in a slowing economy. About $460 billion of adjustable-rate mortgages are scheduled to reset this year and another $420 billion will rise in 2011, according to New York-based analysts at Citigroup Inc.

  • Rising foreclosures pushed the inventory of existing homes to the highest ever, making it more difficult for property owners to sell, and kept home prices down through at least next year and thwart efforts by Congress and President George W. Bush to help homeowners avoid default. Borrowers who owe more on their mortgages than their homes are worth may be buffeted by increasing job losses in a very substantial recession. About 8.8 million borrowers had home mortgages that exceeded the value of their property. About 2.5 million foreclosed properties will be on the market this year and in 2009, Lehman Brothers Holdings Inc. analysts  said in an April 10 report. U.S. home price declines will probably double to a national average of 20 percent by next year, with lower values most likely in metropolitan areas in California, Florida, Arizona and Nevada, mortgage insurer PMI Group Inc. said last week in a report. At least 2 million jobs will be lost because of this recession, so we’ll get a cumulative negative spiral. A normal recession is 10 months.

  • Bank Writedowns — in April 2008, was the 28th consecutive month of year-on-year monthly foreclosure increases. If you look back at the RealtyTrac monthly reports, foreclosure activity has increased on a year-over-year basis every month since January 2006, the first month that YOY stats were available. A surge in defaults among subprime borrowers spurred the collapse of the U.S. home loan market and has led more than 100 mortgage companies to stop lending, close or sell themselves. As the value of securities tied to mortgages plummeted, lenders and securities firms have written down more than $180 billion in assets tied to home loans.

– 1/Every X HH (rate) — one in every X U.S. households received a foreclosure filing during the month; Were reported  foreclosure filings — default notices, auction sale notices and bank repossessions — on 243,353 properties nationwide, so the 1/every X HH (rate) – Foreclosure activity – was 1 in every 519 U.S. households received a some stage of foreclosure filing during the month, the highest monthly total since RealtyTrac, a seller of default data, began statistics in January 2005, from 518 in the prior month.

– Real Estate Owned (REO)  – Bank Repossessions (REOs) were 54,574 an increase of +6.18% (M/M) from (51,393) in the previous month and +145.0% (Y/Y) from (22,200) in the same month a year ago as rates on adjustable mortgages rose and property owners were unable to sell or refinance amid falling prices; About $460 billion of adjustable-rate mortgages are scheduled to reset this year and another $420 billion will rise in 2011, according to New York-based analysts at Citigroup Inc. Homeowners faced higher payments as 1Q – 2008 – $196.3 – Median Sales Prices of Existing Single_Family Home for Metropolitan Areas fell by -7.66% from $212.6 in the same quarter a year ago), the biggest drop in 29 years in the index. The collapse of the U.S. housing market, the worst since the Great Depression, is contributing to the economic slowdown and may push the economy into a recession.

There may be 480,000 bank repossessions in 2008, Banks will seize about 60,000 properties a month through December (Da qui a dicembre in pratica gli istituti di credito si riapproprieranno di 480,000 immobili, circa 60mila immobili in media al mese), when starting since august 2007 about 1 million U.S. homes, or a quarter of all homes for sale, may will be bank-owned .

Areas of California, Florida, Nevada and Arizona continue to be particularly hard-hit.

Nevada had the highest U.S. foreclosure rate for the 16th consecutive month. One of every 146 households was in some stage of foreclosure, 3.6 times the national rate, RealtyTrac said. Filings almost doubled from a year earlier to 7,276.

California had the second-highest rate, one for every 204 households, and the most filings for the 16th consecutive month at 64,683. Filings more than doubled from a year earlier and were down less than 1 percent from March.

Arizona had the third-highest rate, one for every 224 households. Filings almost tripled from a year earlier to 11,620.

Florida had the second most filings at 35,264 and the fourth- highest rate, one for every 242 households. Foreclosures increased 146 percent from a year earlier and rose almost 17 percent from March.

Ohio ranked third in filings at 11,680. Arizona, Texas, Michigan, Georgia, Illinois, Nevada and Maryland also ranked in top 10 states with the most filings, RealtyTrac said.

Foreclosure filings in New York were up 39 percent from a year ago and up 12 percent from March. The state ranked 29th with 5,696 filings.

In New Jersey, foreclosure filings ranked 15th at 5,143, up 65 percent from a year ago and up 15 percent from March. Connecticut foreclosures ranked 19th at 1,707, down 59 percent from a year ago and down 20 percent from March.

Other states in the top 10 for total properties with filings were Michigan, Georgia, Illinois, Nevada and Maryland.

 

RealtyTrac publishes the largest and most comprehensive national database of foreclosure and bank-owned properties, with over 1 million properties from nearly 2,500 counties across the country, and is the foreclosure data provider to MSN Real Estate, Yahoo! Real Estate and The Wall Street Journal’s Real Estate Journal.

The RealtyTrac Monthly U.S. Foreclosure Market Report provides a count of the total number of properties with at least one foreclosure filing reported during the month — broken out by type of filing at the state and national level. Data is also available at the individual county level.

RealtyTrac (realtytrac.com), the leading online marketplace for foreclosure properties, releases its U.S. Foreclosure Market Report which incorporates during the month documents filed in all 3 phases of Foreclosure:

 

  1. Default — Notice of Default (NOD) and Lis Pendens (LIS);
  2. Auction — Notice of Trustee Sale (NTS ) and Notice of Foreclosure Sale (NFS);
  3. Real Estate Owned (REO)  – Bank Repossessions (REOs) -pignoramenti – properties that have been foreclosed on and repurchased by a bank.

 

If more than one foreclosure document is filed against a property during the month — which is extremely rare — only the most recent filing is counted in the report.

 

 

 

 

 

RealtyTrac Inc

U.S. Home Foreclosures

Quarterly

U.S. Home Foreclosures and Bank Repossessions (REOs) Market Statistics by State

I Pignoramenti

 

Q1 2008

Foreclosure Activity Up 112 Percent From Q1 2007

California and Florida Cities Account for 13 of Top 20 Metro Areas

 

Default — Notice of Default (NOD)

Lis Pendens (LIS)

Auction — Notice of Trustee Sale (NTS)

Notice of Foreclosure Sale (NFS)

Real Estate Owned – Bank Repossessions (REOs)

 

Total

 

1/every X HH (rate)

Foreclosure activity – 1 in every x U.S. households

 

IRVINE, Calif. – April 29, 2008

http://www.realtytrac.com/

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/06/home_pignoramenti_quarterly-foreclosures_realty-trac_1q_1.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/06/home_pignoramenti_quarterly-foreclosures_realty-trac_1q_2.jpg

 

 

 

 

Sono più che raddoppiati i pignoramenti immobiliari negli Usa nel primo trimestre rispetto a un anno fa. Nei primi tre mesi del 2008, sono state circa 649,917 le notifiche delle banche nei confronti dei mutuatari che non riescono a far fronte al pagamento delle rate di mutuo, vale a dire una su 194. I dati sono stati diffusi da RealtyTrac che  ha rilevato nel primo trimestre un aumento dei pignoramenti del:

 

% Change from 4Q 2007

+23.15% (Q/Q)

%Change from 1Q 2007 
+111.89% (Y/Y)

 

RealtyTrac (realtytrac.com), the leading online marketplace for foreclosure properties, today released its Q1 2008 U.S. Foreclosure Market Report, which shows foreclosure filings — default notices, auction sale notices and bank repossessions — were reported on 649,917 properties during the first quarter, a 23 percent increase from the previous quarter and a 112 percent increase from the first quarter of 2007. The report also shows that one in every 194 U.S. households received a foreclosure filing during the quarter.

“Foreclosure activity in the first quarter increased on a year-over-year basis in 46 out of the 50 states and in 90 of the nation’s 100 largest metro areas, demonstrating that most regions of the country are seeing more foreclosures,” said James J. Saccacio, chief executive officer of RealtyTrac. “In some areas there are also some unusual, non-market factors impacting the foreclosure numbers. For example, the city of Philadelphia in late March issued a temporary moratorium on all foreclosure auctions for April, and the city has since adopted a program that will delay foreclosure proceedings on owner-occupied properties until the owners have met face-to-face with lenders to attempt a loan workout plan that would prevent foreclosure.

“While we’re hopeful that programs like those in Philadelphia will have a positive long-term impact, they could be simply deferring another flood of foreclosures,” Saccacio continued. “And that could extend the length of time it takes the market to recover from this downward cycle, in which we’ve already seen seven consecutive quarters of increasing foreclosure activity.”

Nevada, California, Arizona post top state foreclosure rates

One in every 54 Nevada households received a foreclosure filing during the first quarter, the highest foreclosure rate among the states and 3.6 times the national average. Foreclosure filings were reported on 19,595 Nevada properties during the quarter, up 3 percent from the previous quarter and up 137 percent from the first quarter of 2007.

Foreclosure filings were reported on 169,831 California properties during the first quarter, the highest total among the states and a rate of one in every 78 households — the nation’s second highest foreclosure rate. Foreclosure activity in California increased 32 percent from the previous quarter and was up nearly 213 percent from the first quarter of 2007.

Arizona documented the nation’s third highest state foreclosure rate, with one in every 95 households receiving a foreclosure filing during the quarter. Foreclosure filings were reported on 27,404 Arizona properties during the quarter, up 45 percent from the previous quarter and up nearly 245 percent from the first quarter of 2007.

Foreclosure filings were reported on 87,893 Florida properties during the first quarter, the second highest state total and giving Florida the nation’s fourth highest foreclosure rate — one in every 97 households received a foreclosure filing during the quarter. Foreclosure activity in the state was up 17 percent from the previous quarter and up 178 percent from the first quarter of 2007.

Colorado foreclosure activity increased 33 percent from the previous quarter and 78 percent from the first quarter of 2007, and the state’s foreclosure rate ranked No. 5 among the states. Foreclosure filings were reported on 18,996 Colorado properties during the quarter, a rate of one in every 110 households.

Other states with foreclosure rates among the top 10 were Georgia, Michigan, Ohio, Massachusetts and Connecticut.

Top 20 metro areas include Las Vegas, Detroit, Miami, Atlanta, Los Angeles
The Q1 2008 U.S. Foreclosure Market Report also ranks the nation’s 100 largest metropolitan areas by foreclosure rate. California and Florida metro areas accounted for 13 of the top 20 metro foreclosure rates, with the California cities of Stockton and Riverside-San Bernardino taking the No. 1 and No. 2 spots.

One in every 30 Stockton households received a foreclosure filing during the quarter — 6.6 times the national average — and one in every 38 Riverside-San Bernardino households received a foreclosure filing during the quarter — more than five times the national average. Other California metro areas in the top 20 included Bakersfield at No. 4, Sacramento at No. 5, San Diego at No. 9, Oakland at No. 10, Fresno at No. 12, Los Angeles at No. 17 and Orange County at No. 19.

Las Vegas documented the third highest metro foreclosure rate, with one in every 44 households receiving a foreclosure filing during the quarter. The metro area’s foreclosure activity increased 1 percent from the previous quarter and 134 percent from the first quarter of 2007.

Detroit foreclosure activity in the first quarter decreased 22 percent from the previous quarter and was down almost 4 percent from the first quarter of 2007, but the metro area’s foreclosure rate still ranked No. 6, with one in every 68 households receiving a foreclosure filing during the quarter. Phoenix foreclosure activity increased 46 percent from the previous quarter and 294 percent from the first quarter of 2007, and the metro area’s foreclosure rate ranked No. 7, with one in every 70 households receiving a foreclosure filing during the quarter.

The highest ranked Florida metro area was Fort Lauderdale, which ranked No. 8 with one in every 73 households receiving a foreclosure filing during the quarter. Other Florida metro areas in the top 20 included Orlando at No. 13, Miami at No. 14 and Sarasota-Bradenton-Venice at No. 15. The foreclosure rate in Tampa-St. Petersburg-Clearwater ranked No. 21.

Other metro areas with foreclosure rates among the top 20 included Denver at No. 11, Atlanta at No. 16, Cleveland at No. 18  and Memphis, Tenn., at No. 20.

 

 

 

 

 

RealtyTrac Inc

Year-to-Year

Home Foreclosures

2007

Total Foreclosure Filings activity

2,203,295

% Change from 2006
+74.99% (Y/Y)

% Change from 2005
+148.83% (Y/Y)

Total Properties with Filings

1,285,873

% Household (Foreclosure Rate)

1.033%

of all U.S. households were in some stage of foreclosure during the year,

up from 0.58% in 2006

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/home_pignoramenti_year_to_year_foreclosures_realty-trac_2007.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/home_pignoramenti_year_to_year_foreclosures_realty-trac_2007_1.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/06/home_pignoramenti_montly-foreclosures_realty-trac_2005_2006_2007_2008.jpg

 

 

 

 

For all of 2007, there were 850,912 U.S. bankruptcy filings, up 38 percent from 2006

 

The all-time high of more than 2 million consumer bankruptcy filings occurred in 2005, just before the federal bankruptcy law was reformed to make it more difficult for consumers to discharge their debt under Chapter 7 of the law. The reforms also increased debt payments required under Chapter 13 filings and eliminated some protections such as delaying housing evictions or delaying child support proceedings.

Under current Chapter 13 bankruptcy law, a judge may restructure most of a consumer’s loans ranging from credit cards to car payments, but may not modify a secured debt such as a home mortgage.

Bankruptcy filings made under Chapter 7 allow a consumer or business to liquidate assets to pay off creditors.

Chapter 11 filings are made by companies seeking to reorganize and pay debts while staying in business

 

 

 

 

 

 

 

Banche – Esuberi – Perdite e Svalutazioni – Riforme Istituzionali

 

Vedi soprattutto:

The Final U.S. Growth Package

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2008/01/29/the-final-us-growth-package/#more-1582]link-The Final U.S. Growth Package [/url]

 

The delinquency rate & The New foreclosures (I Pignoramenti)

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/12/07/the-delinquency-rate-the-new-foreclosures-i-pignoramenti/]link-The delinquency rate & The New foreclosures (I Pignoramenti) [/url]

 

Le maggiori banche – sostengono gli analisti – hanno già tagliato il 5-10% della propria forza lavoro, e tagli simili dovrebbero verificarsi nei prossimi mesi.

Le società di Wall Street, colpite da perdite e svalutazioni legate alla crisi del settore ipotecario, hanno tagliato oltre 34.463 posti di lavoro negli ultimi nove mesi da luglio 2007 a marzo 2008, solo fra luglio e dicembre 2007 sono stati eliminati quasi 17.000 posti di lavoro (Citigroup, Lehman Brothers e Morgan Stanley hanno annunciato riduzioni di organico rispettivamente di 6.200 unità, 4.990 e 2.940).

 

Gli analisti prevedono che l’industria bancaria americana tagliera’, nel corso dei prossimi 12-18 mesi, circa 200.000 posti di lavoro. E’ il ridimensionamento più marcato dai tempi dello scoppio della bolla internet nel 2001, quando furono eliminati 39.800 posti per poi arrivare a 90.000 esuberi nell’arco dei due anni successivi, secondo le cifre della Securities Industry and Financial Markets Association. Banche a case di brokeraggio avevano iniziato a ridimensionare gli organici negli uffici specializzati in prestiti immobiliari già a luglio scorso, quando la crescita delle insolvenze nel segmento del credito subprime ha innescato un deterioramento dei prezzi dei titoli collegati a questa tipologia di mutui a rischio.

Gli analisti prevedono forti riduzioni del personale nel settore finanziario e creditizio anche in ruoli non connessi con i mutui subprime.

Banche ed Esuberi annunciati dalle maggiori banche e società di brokeraggio dall’inizio del tracollo  dei mutui subprime da luglio 2007:

 

 

Citigroup 6.200

Lehman Brothers 4.990

Bank of America 3.650

Morgan Stanley 2.940

Washington Mutual 2.600

Merrill Lynch 2.220 HSBC 1.650

Bear Stearns 1.550

WestLB 1.530 UBS 1.500

Goldman Sachs 1.500

National City 900

Credit Suisse 820

Royal Bank of Canada 500

Fortis 500

Wells Fargo 500

Wachovia 443

Deutsche Bank 370

JPMorgan Chase 100

TOTALE 34.463

 

 

 

Perdite e svalutazioni

 

MUTUI: ANALISTI, E’ LA MAGGIOR CRISI BANCARIA DA 30 ANNI – Per le banche la crisi avviata con il tracollo del credito immobiliare statunitense ad alto rischio sarà la più grave da 30 anni a questa parte, più drammatica del cosiddetto ‘Black Monday’ del 1987, del crollo dei mercati asiatici del 1998 e dello scoppio della bolla sui titoli tecnologici del 2001. E’ questo il parere degli analisti di Morgan Stanley e di Oliver Wyman, che hanno messo a punto un ‘report’ congiunto su questa crisi.

  • Il crollo del mercato dei mutui ipotecari ad alto rischio negli Usa e la conseguente crisi del credito hanno determinato perdite e svalutazioni per almeno 332 miliardi di dollari fra i maggiori istituti finanziari del mondo. Secondo gli analisti, le banche dovranno registrare ulteriori perdite: Questa crisi è decisamente peggiore rispetto a quella del 2001 e non sappiamo quanto durerà.

  • Secondo gli analisti, le svalutazioni ulteriori nel 2008 ammonterebbero a circa 75,0 miliardi di dollari oltre quelle sin qui gia’ in atto e pari a  232,0 miliardi di dollari da  inizio del 2007 – Gli operatori hanno accolto tali indicazioni come segnale di possibile raggiungimento della parte finale della fase di svalutazioni o comunque della maggiore facilità di raccolta di capitali sui mercati da parte del sistema finanziario, tale da rendere meno temibili eventuali svalutazioni future.Il termometro delle svalutazioni continua a salire. La classifica delle singole banche vede Ubs al primo posto con, complessivamente 27 miliardi di svalutazioni, seguono Citigroup e Merrill Lynch, rispettivamente con 21,2 e 19,4 miliardi.

     

  •  

  • Ecco di seguito la classifica delle banche per svalutazioni

    BANCA SVALUTAZIONI IN MILIARDI DI DI DOLLARI

    Ubs 27,9

    Citigroup 21,2

    Merrill Lynch 19,4

    Morgan Stanley 12,9

    Deutsche Bank 7,12

    Bank of America 5,68

    Rbs 5,621

    Credit Suisse 4,859

    Societe Generale 3,775

    Goldman Sachs 3,700

 

 

 

I ricavi per le banche d’ investimento secondo gli analisti sono destinati a contrarsi del 20% quest’ anno. Già questo mese potrebbero inoltre evaporare gli utili conseguiti nei sei trimestri precedenti, con la conseguenza che la crisi diverrebbe ancora più grave di quella degli anni ’80 sul mercato delle cosiddette obbligazioni-spazzatura che mando’ a rotoli Drexel Burnham Lambert. I ricavi bancari derivanti dall’ attività creditizia inoltre secondo il ‘report’ dovrebbero calare fino al 60,0% e le aziende dovranno fornire un maggiore livello di trasparenza agli investitori che rilevano i loro prestiti.

 

Mutuatari in difficolta’: solo l’ 8% in ritardo

 

NEW YORK, 28 MAR – “Il 92% degli americani nei tempi fissati ha pagato la rata del proprio mutuo” e solo l’ 8% in ritardo, e che quindi ha problemi nel far fronte ai pagamenti, l’ attuale “maggiore preoccupazione”; “c’ è bisogno di un grande sforzo” per aiutare coloro che sono in crisi. Lo ha detto, in un’ intervista alla Cnn, il segretario al Tesoro americano Henry Paulson, sottolineando che il pacchetto di stimolo fiscale avrà effetti positivi e contribuirà alla creazione di 500.000-600.000 posti di lavoro quest’ anno. Paulson ha respinto le critiche verso il governo per i fondi concessi alle banche e alle istituzioni finanziarie in difficoltà: è importante – ha sottolineato – che il governo supporti le banche e le istituzioni finanziarie, in quanto i fondi delle banche creano occupazione e servono ai consumatori per ottenere prestiti. “Mercati stabili e ordinati – conclude Paulson – sono molto importanti”.

FMI: Intanto peggiorano le previsioni ufficiali sulla crisi finanziaria. Il Fondo monetario internzionale calcola che

  • la caduta dei prezzi immobiliari negli Usa (con perdite pari a circa $65 miliardi),

  • l’ammontare dei mutui non pagati (con perdite pari a circa $500 miliardi),  la caduta dei prezzi immobiliari negli Usa e l’ammontare dei mutui non pagati potrebbe portare a perdite globali per 565 miliardi di dollari’,

  • alle quali si aggiungerebbero altre perdite (pari a circa $380 miliardi) di prestiti e titoli legati al real estate commerciale,

potrebbero portare a perdite globali kolossal pari a circa $945 miliardi

E’ ormai chiaro che le turbolenze attuali non sono solo un fenomeno legato alla liquidita’, ma si spiegano con la fragilita’ dei bilanci e i deboli capitali di base. Il che significa che i suoi effetti possono essere piu’ generalizzati, profondi e prolungati’, constatando come gli interventi della Fed e della Bce hanno contribuito a ridurre la volatilita’ dei tassi di interesse sul mercato monetario. Pur apprezzando il ruolo giocato dalle maggiori banche centrali, il Fmi invita gli istituti a riflettere sulle modalita’ della concessione del credito. In particolare, dovrebbero fissare dei principi di valutazione delle garanzie per evitare i rischi di rarefazione del credito e di liquidita’. Dovrebbero poi – aggiunge il Fondo – costituire, “in periodi normali, una platea di controparti bancarie ammesse a ricevere liquidità nei periodi difficili”. Inoltre “le banche centrali devono assicurarsi un accesso continuo alle informazioni sulle diverse banche per poter così giudicare in tutta indipendenza la salute delle potenziali controparti. E’ necessario rafforzare lo scambio di informazioni e il coordinamento a livello internazionale”.

Il gruppo di lavoro sui mercati finanziari della Casa Bianca (Pwg), ha proposto a metà marzo un ambizioso piano di riforma della regolamentazione finanziaria per evitare il ripetersi di una crisi come quella attuale.

 

 

MUTUI USA

SI E’ DIMESSO IL MINISTRO DELLA CASA

PIANO PAULSON

I PUNTI DELLA RIFORMA

A FED PIU’ AMPI POTERI PER STABILITA’ MERCATI – SORVEGLIANZA ANCHE SU HEDGE FUND

ADDIO SEC, FUSIONE CON CFTC

Il piano svelato dal segretario al Tesoro Henry Paulson

– 31 marzo 2008 –

 

Henry Paulson proposed the broadest overhaul of U.S. financial regulation since the Great Depression, saying American capitalism needs to be better prepared for “inevitable market disruptions.”

 

Già la crisi dei mutui ‘subprime’ ha messo in forte risalto il vuoto di efficaci poteri di vigilanza sulla moltiplicazione di strumenti finanziari ad alto rischio. Ora le terapie di contrasto stanno ingenerando l’inquietante sensazione che a guidare la danza non siano le autorità di controllo – Fed in testa – ma ancora e sempre gli stessi soggetti che sono all’origine del disastro. Al punto che sono sempre costoro anche ad arrogarsi il potere di stabilire quali dosi di verità contabili si possono rendere di pubblico dominio, dunque quali dosi di verità siano compatibili con la conservazione della loro forza di condizionamento sulle scelte delle pubbliche autorità. Una Fed ostaggio degli avventurieri della finanza è quanto di peggio ci si possa aspettare

Gli Stati Uniti reagiscono alla profonda crisi finanziaria e varano il più importante progetto di riforma del sistema dei controlli finanziari dalla Grande Depressione a oggi,  il varo della «SuperFed»: la Federal Reserve dovrebbe diventare il grande guardiano della stabilità dei mercati con poteri molto più estesi di quelli attuali. Con la riforma (che dovrà essere approvata dal Congresso e che di certo non vedrà la luce sotto Bush) la Sec, l’autorità di borsa, ne uscirebbe ridimensionata: un’unica autorità per mercati sempre più intrecciati tra loro.

Il ministro della Casa dell’ amministrazione Bush, Alphonso Jackson, ha annunciato le dimissioni a pochi minuti dal discorso del ministro del Tesoro Henry Paulson sul piano per affrontare la crisi finanziaria scaturita dalla crisi dei mutui immobiliari. Le dimissioni, che decorreranno il 18 aprile, fanno sì che l’amministrazione Bush perda un ‘player’ importante nella gestione dell’emergenza casa. Jackson, che ha 62 anni, era finito sotto inchiesta del Dipartimento della Giustizia per aver appaltato vantaggiosi contratti ad amici. Il suo mandato era esordito tra le controversie: nel 2004, due mesi dopo esser stato confermato dal Senato, il neo-ministro aveva dichiarato in Congresso che a suo avviso la povertà era “uno stato d’animo”. Nel 2006 aveva ammesso di aver cancellato un contratto appaltato a una società dopo che il suo presidente gli aveva detto che non amava Bush.

Secondo Paulson, La riforma  non è una risposta alle attuali turbolenze finanziarie, per le quali “non è né giusto né corretto accusare l’attuale sistema di regolamentazione”. “Un sistema finanziario forte è di vitale importanza, non per Wall Street, non per le banche ma per tutti gli americani” ha esordito Paulson illustrando le linee guida del progetto. “Dobbiamo avere una struttura più adatta ad affrontare i cambiamenti e che ci consenta di gestire gli inevitabili dissesti dei mercati e di proteggere meglio investitori e risparmiatori”, dicendosi fiducioso nella “ripresa, flessibilità e forza della nostra economia e dei nostri mercati finanziari”. “La nostra priorità – ha aggiunto – è quella di uscire dalle turbolenze sui mercati e dalla crisi immobiliare, che al momento è il maggiore rischio per l’economia statunitense. Le raccomandazioni contenute nella riforma non dovranno né saranno messe in atto prima che le attuali difficoltà siano superate”. “Un piano ambizioso che modernizzerà il datato sistema delle autorità di regolamentazione finanziaria americane, che risale ai tempi della Grande Depressione e, quindi, non è in grado di rispondere in modo adeguato alle esigenze moderne.

A questo punta il disegno di legge, ovvero il vasto progetto di riforma presentato al Congresso dal segretario al Tesoro Henry Paulson, un documento di 218 pagine che ridisegna l’architettura del sistema regolatorio, e che prevede il ridisegno di tutto il sistema di controlli sui mercati e sugli stessi attori finanziari, in primo luogo le banche. In particolare, lo scenario ottimale delineato dalla riforma, che impiegherà degli anni ad essere approvato e che accenderà una dura battaglia politica, stabilisce 4 grandi punti regolatori e si basa su misure a breve, medio e lungo termine:

 

  1. MISURE A BREVE TERMINE: Fed come “regolatore della stabilità del mercato”, un ampliamento dei poteri di supervisione della Fed, in base al quale la Fed potra’ vigilare sui rischi che gravano “sull’intero settore finanziario”, di cui fanno parte anche le compagnie d’assicurazione, le banche d’investimento, società di brokeraggio, e gli hedge fund, che dopo aver trascorso anni al riparo dello sguardo governativo, si troveranno sotto la sorveglianza federale. L’attuale normativa consente alla Fed di vigilare solo sulle banche commerciali. Modernizzare il gruppo di lavoro della Casa Bianca sui mercati finanziari. E’ inoltre prevista la soppressione dell’Office of Thrift Supervision, l’organismo incaricato di supervisionare i prestiti e i depositi delle casse di risparmio. Rafforzare la Fed per ottenere quindi informazioni da parte delle banche prima che queste abbiano accesso ai suoi prestiti. Istituire una commisione di sorveglianza sui prestiti ipotecari al fine di “proteggere meglio i consumatori. Compito della commissione è quello di supervisionare il sistema ipotecario in ognuno degli stati americani e fissare i criteri per l’attribuzione delle licenze. La Banca centrale diverrà quindi “regolatore della stabilità del mercato” ma – ha precisato Paulson – questo non le consentirà di avere mano libera: la Fed, infatti, avrà potere sulle società di Wall Street, ma solo quando queste adotteranno pratiche che potrebbero mettere a rischio l’intero sistema finanziario. Riformare il sistema – ha spiegato Paulson – non significa inasprire le regole: “Non ho mai detto che la risposta passa per una maggiore regolamentazione”. Con un lungo trascorso in Goldman Sachs, Paulson si è sempre dimostrato attento alle richieste delle istituzioni finanziarie, che si lamentano del peso delle norme vigenti.

  2. MISURE A MEDIO TERMINE: fusione tra la Sec ed il Cftc, la Commodity Futures Trading Commission, ossia l’autorità di regolazione dei mercati delle materie prime, l’organo di controllo sugli scambi dei futures delle materie prime sui mercati – La Sec finisce sotto la lente del Government Accountability Office (Gao), l’agenzia che fa capo al Congresso che sovrintende sulla spesa dei fondi pubblici, dopo l’interrogazione dei senatori Jack Reed E Chris Dodd sull’adeguatezza dello staff e delle risorse della commissione per svolgere i compiti che le sono assegnati. Reed e Dood hanno chiesto al Gao di esaminare la divisione della Sec che indaga sulle possibili violazioni e sulla legislazione della Borsa. Si tratta della seconda richiesta avanzata da parte un membro del Congresso Usa in 18 mesi sull’attività della divisione della Sec. Lo scorso anno il Gao ha svolto delle indagini su questa divisione e ha effettuato una serie di raccomandazioni alla Sec sul modo di condurre le proprie indagini.

  3. MISURE A LUNGO TERMINE: creazione del nuovo organismo di controllo per il comparto finanziario,  il Prudential Financial Regulator, che avrà la supervisione delle banche commerciali. Creazione del nuovo organismo di controllo per il settore aziende, il Corporate Finance Regulator. E creazione del nuovo organismo che avrà la responsabilità sulla salvaguardia dei consumatori, il Business conduct regolator;

  4. ulteriori misure in aiuto dei mutuatari in difficoltà tra cui la rimodulazione dei mutui che prevederebbe in parte anche una parziale cancellazione del debito residuo.  E’ stato raggiunto al Senato Usa un accordo di massima bipartisan per scrivere una legge per affrontare il problema dei pignoramenti. La nuova norma che dovra’ essere scritta potrebbe prevede che, in caso di ricorso, il giudice possa bloccare il pignoramento di una casa da parte della banca.

 

 

FED: WSJ; ALLO STUDIO MISURE EMERGENZA SOSTEGNO LIQUIDITA’ – La Federal Reserve ha allo studio misure di emergenza a sostegno della liquidità qualora i ripetuti, recenti tagli del costo del denaro e gli altri interventi adottati dovessero risultare insufficienti. Le indiscrezioni riportate dal Wall Street Journal sono state nella sostanza confermate da una fonte ufficiale della Federal Reserve. La banca centrale statunitense è fino ad oggi intervenuta con una tipologia ampia di operazioni per fronteggiare la situazione di dissesto provocata dalla crisi dei mercati finanziari. Oltre ad aver abbassato a più riprese e massicciamente i Fed Funds, la banca centrale ha agito sulla riduzione del tasso di sconto ed organizzato una serie di aste straordinarie, anche con il concorso di altre banche centrali.

  • La prossima mossa potrebbe essere quella di utilizzare un surplus di fondi pubblici, facendoli confluire in un deposito ‘ad hoc’, da utilizzare per comprare Treasury, cioé titoli del Tesoro, da assegnare poi alle banche più in difficoltà in cambio di asset meno sicuri, come è avvenuto del resto a proposito del recente salvataggio di Bear Stearns. Quindi un incremento da parte del Tesoro dei finanziamenti destinati alla copertura delle spese governative; l’ eccedenza verrebbe depositata proprio presso la Fed. L’ ipotesi su cui si lavora in prima istanza è appunto quella di far confluire alla Fed le risorse in eccesso del Tesoro statunitense. Questi stessi fondi, da allocare in un deposito distinto da quello in cui confluiscono i depositi delle banche commerciali, verrebbero utilizzati dalla banca centrale (Fed) per acquisire a sua volta titoli di Stato, da assegnare poi alle banche più in difficoltà in cambio di asset meno sicuri. Una soluzione di questo tipo permetterebbe inoltre di evitare una discesa dei tassi di riferimento, cioé i Fed Funds, come conseguenza della crescita dei fondi accantonati a riserva.

  • Oltre a questo, sempre il Tesoro potrebbe vendere debito a nome della Fed anziché in proprio.

  • Infine, si potrebbe anticipare la riforma prevista per il 2011 in base alla quale dovranno essere pagati interessi sulle riserve delle banche commerciali. Il Wsj precisa peraltro che si tratta di decisioni non imminenti.

 

 

U.S. Senate Backs Legislation to Stem Housing Foreclosures

 

Lawmakers are debating how best to address a wave of housing foreclosures amid the worst housing slump in a quarter century. Foreclosures jumped 60 percent in February after reaching a record rate in the fourth quarter of 2007.

The U.S. Senate, seeking to address the housing crisis blamed for the nation’s economic slowdown, approved for legislation providing during the next 18 months a $24 billion plan that focuses new tax cuts worth about $18 billion and new tax breaks worth about $6 billion, spending increases and other forms of assistance to individual homeowners, for home builders, banks and other businesses affected by the subprime mortgage debacle.

The Senate measure would provide aid to states, especially those with large numbers of unoccupied properties, while providing new tax breaks for those who buy foreclosed homes. In addition, it would allow 28 million Americans who don’t itemize their tax returns to claim a property-tax deduction.

The bill would raise the Federal Housing Administration’s loan limit to $550,000, boost funding for mortgage-counseling programs and tighten loan-disclosure requirements. The bill’s supporters said the plan would help stem the recent wave of housing foreclosures.

The House Ways and Means Committee approved legislation yesterday offering what amounts to a $7,500 loan to first-time homebuyers.

 

 

MUTUI:FREDDIE MAC E FANNIE MAE, ALLENTATI RATIOS PATRIMONIALI 

 

Le autorità statunitensi – L’Office of Federal Housing Enterprise Oversight (OFHEO)  – che supervisionano l’attività di Fannie Mae e Freddie Mac vengono in soccorso dei due colossi del credito immobiliare a garanzia pubblica travolti dalla crisi dei mutui subprime.

Nel frattempo l’OFHEO (Office of Federal Housing Enterprise Oversight) ha rimosso i limiti di crescita sul portafoglio di Fannie Mae e Freddie Mac, imposti nel 2006 dopo la rilevazione di errori contabili per 11,3Mld$. La rimozione di tali limiti dovrebbe consentire alle due società di poter acquistare sul mercato obbligazioni collegate ai prestiti ed ai mutui, contribuendo ad aumentare la liquidità di tali titoli.

 

Finora i prezzi sono scesi del 10% circa

 

Fannie Mae e Freddie Mac tradizionalmente operano comprando mutui dalle banche che vengono successivamente cartolarizzati e collocati presso gli investitori. Negli ultimi tempi peraltro anche le obbligazioni emesse da questi due colossi hanno registrato un brusco abbassamento del loro valore, con la conseguenza di aggravare le gia’ drammatiche tensioni sui mercati finanziari e paralizzare ancora di piu’ il mercato immobiliare.

Il governo americano viene in soccorso di Fannie Mae e Freddie Mac, i due colossi del credito immobiliare a garanzia pubblica travolti dalla crisi dei mutui subprime. Le autorità statunitensi (Office of Federal Housing Enterprise Oversight) che supervisionano l’attività di Fannie Mae e Freddie Mac dovrebbero annunciare oggi un “accomodamento” che prevede di allentare la regolamentazione sui ratios patrimoniali in modo da poter consentire alle due agenzie governative di iniettare liquidità per circa 200 miliardi di dollari addizionali di prestiti nel mercato dei mutui. L’accordo consente a Freddie Mac e Fannie Mae di ridurre di un terzo i requisiti patrimoniali, che finora prevedevano un accantonamento extra del 30%. Come conseguenza dell’allentamento delle regole di capitalizzazione decise oggi dagli organi competenti che hanno competenze sulle due agenzie, e’ stato abbassato il requisito di capitale in eccesso richiesto fino ad oggi ai due colossi per la loro operativita’, che scende dal 30% al 20%. Come conseguenza, Fannie Mae e Freddie Mac sono state autorizzate a comprare un numero addizionale di mutui, in modo da rivitalizzare il mercato. La stessa Authority ha aggiunto che ha in programma di prendere in considerazione in futuro ulteriori riduzioni ai limiti nell’ operativita’ delle due Agenzie.

Gia’ nei giorni scorsi gli organi di controllo avevano rimosso le restrizioni sulle dimensioni del portafoglio delle due societa’ alzando di fatto il tetto massimo agli investimenti.

 

MUTUI: MORATORIA PIGNORAMENTI CONTRO CRISI

 

La Casa Bianca e le 6 banche americane Tra le prime, Bank of America, Citigroup , JP Morgan Chase, Countrywide Financial, Washington Mutual e Wells Fargo (che coprono circa il 50% del mercato dei mutui Usa) affrontano la crisi dei mutui: è di oggi l’annuncio del nuovo piano ‘Project Lifeline’, lanciato e sponsorizzato dal Tesoro e dal dipartimento della Housing and Urban Development, la ciambella di salvataggio che offre una moratoria di un mese sui pignoramenti in attesa della rinegoziazione del mutuo a chi non riesce più a pagare il mutuo.Sarà prevista una pausa di 30 giorni del procedimento di pignoramento per coloro con più di 90 giorni di arretrati nei pagamenti per consentire alle istituzioni di valutare la condizione personale dei clienti e determinare se saranno in grado di pagare sotto nuove condizioni contrattuali, e riceveranno una lettera dalla banca, in cui vengono spiegate le procedure per interrompere il processo di pignoramento. I destinatari avranno 10 giorni per rispondere e fornire ulteriori informazioni finanziarie, in modo da consentire alla banca di valutare modalità di rimborso alternative. Il piano è rivolto a coloro che rientrano nella categoria subprime, Alt-A e prime. Sono esclusi coloro già in bancarotta.

Lo hanno detto a Washington il segretario per lo Sviluppo urbano, Alphonso Jackson, e il segretario del Tesoro, Henry Paulson, artefice del piano chiamato ‘Project Lifeline’. Tutte e sei fanno parte di ‘Hope Now’, l’alleanza di istituti di credito, associazioni imprenditoriali e avvocati formata lo scorso anno per evitare una corsa ai pignoramenti che avrebbe finito per travolgere l’intero mercato immobiliare.

CRISI SUBPRIME: BUFFETT AL SALVATAGGIO – Il ‘guru’ della finanza statunitense Warren Buffett si è offerto come garante per le obbligazioni emesse dalle amministrazioni locali ( municipal bonds più sicuri considerata la tradizionale affidabilità di questa tipologia di emittenti, i quali ricorrono ai ‘bond insurer’ per collocare i titoli a costi particolarmente contenuti) assicurate dai colossi in difficolta’ MBIA Inc., Ambac Financial Group Inc. and FGIC Corp. principali societa’ assicuratrici di emissioni obbligazionarie che attualmente sono alle prese con la grave crisi innescata dal tracollo del credito subprime relativa al finanziamento del debito sui bond municipali delle societa’. I titoli del comparto sono schizzati al rialzo, ma non e; ancora chiaro se l’affare andra’ in porto o meno: l’offerta infatti non prevede la copertura del debito legata ai CDO o ad altri veicoli d’investimento a maggior rischio.  MBIA – secondo quanto riferisce Bloomberg – ha respinto l’ offerta di Buffett mentre gli altri due cosiddetti ‘bond insurer’, cioé società specializzate nell’ assicurazione delle emissioni obbligazionarie, non hanno ancora risposto. Buffett ha infatti intenzione di far pagare loro, per la riassicurazione dei bond, circa il 50% in più rispetto ai premi che ricevono. Warren Buffett ha offerto il rifinanziamento dei bond municipali emessi da ABK, MBI e FGIC per un totale di $800 billion. Buffett’s Berkshire Hathaway Inc. would put up $5 billion as part of the plan that would exclude subprime-related obligations.

  • AMBAC DICE NO A OFFERTA BUFFETT – Ambac Financial, una delle società specializzate nell’ assicurazione delle emissioni obbligazionarie, ha detto di no all’ offerta del ‘guru’ della finanza statunitense Warren Buffett che ieri si è detto disposto a mettere sul piatto $800 billion per rilevare le garanzie prestate sui bond emessi dalle amministrazioni locali. La proposta di Buffett se fosse stata accolta in ogni caso avrebbe obbligato Ambac a pagare circa 4,5 miliardi di dollari per ‘passare’ le garanzie sui bond a Berkshire Hathaway, la holding del ‘guru’ della finanza.

  • Buffett alla fine dello scorso anno aveva ottenuto la licenza per operare come assicuratore del settore delle emissioni obbligazionarie, attraverso la holding di riferimento del suo gruppo, cioé Berkshire Hathaway. Le società specializzate in questo ramo sono attualmente più che mai nel mirino, come conseguenza appunto della crisi innescata dal tracollo del credito immobiliare statunitense ad alto rischio. La prospettiva è infatti quella di un abbassamento del rating generalmente di tripla A di cui godono attualmente i ‘bond insurer’, uno scenario che potrebbe avere conseguenze letali per l’ intero comparto dei bond, considerata l’ enorme mole – circa 2,4 trilioni (il trilione equivale a mille miliardi) di dollari – di obbligazioni coperte da garanzie. The bond insurers lend their AAA stamp to $2.4 trillion of debt, and are sitting on losses of as much as $41 billion. Buffett ha quindi individuato proprio in questo settore estremamente a rischio una possibile fonte di profitti. Almeno

 

 

La verità è che a essere in default sono in questo momento solo il 18 per cento dei mutui subprime concessi nel 2006. Continuano invece a performare regolarmente, oltre all’82 per cento dei subprime del 2006, quasi tutti i subprime degli anni precedenti, quasi tutti i subprime (concessi con standard rigorosi) del 2007 e quasi tutti i non subprime del 2007.

  • In realtà pero’ è l’intero indebitamento delle famiglie, non solo in America ma anche in Europa e Asia, ad essere a livelli storicamente molto alti. Questo significa che la capacità complessiva di pagare i mutui è più bassa di quella che appare dai modelli.

  • Oltre che allargare il discorso a tutto il credito al consumo, gli economisti vedono anche le retroazioni della crisi dei mutui sulla crescita, con un effetto di avvitamento. La verità degli economisti è che le banche, nel presentarsi al di sopra di ogni sospetto, sembrano non tenere conto del fatto che i prezzi delle case scenderanno ancora (e a lungo), che i tassi sui mutui hanno appena iniziato a salire (l’adeguamento è molto lento e i ribassi dei tassi di policy da agosto in qua si rifletteranno sui mutui solo a partire dalla fine del 2008) e che i default continueranno ad aumentare.

  • C’ è poi la verità dei fautori del mark to market, quelli che invocano la trasparenza tutta e subito, senza se e senza ma. Molti sono animati da buone intenzioni e vedono con favore l’arrivo di due norme (la Fasb 157 negli Stati Uniti e Basilea 2 in tutto il mondo) che imporranno alle banche di valutare i cosiddetti asset di livello 3 (quelli meno liquidi) a prezzi di mercato.

 

Ancora più cupa è la verità dei mercati. La loro valutazione attuale degli strumenti che contengono mutui assume implicitamente un tasso di default sull’annata 2006 compreso tra il 40 e il 50 per cento e proietta ombre inquietanti anche sulle altre annate e sui mutui non subprime.

Mutui: Usa, +93% rispetto all’anno precedente mancati pagamenti luglio – Crisi per il settore immobiliare Usa:a luglio sono state 179.599 le notifiche per mancati pagamenti delle rate di mutui +93% su base annua. Nevada, California, Florida, Michigan, Ohio e Georgia valgono piu’ della meta’ del totale. Lo rileva uno studio di RealtyTrac, societa’ di consulenza immobiliare, in base al quale su base mensile l’aumento delle insolvenze e’ del 9%, rispetto alle 164.644 unita’ di giugno. In termini percentuali, un proprietario su 693 ha difficolta’ nei pagamento.

 

 

MUTUI: PIANO PAULSON PUNTA A CONGELAMENTO TASSI PER 5 ANNI

 

Misure anti-pignoramenti di Bush, aiuto ai proprietari, no a speculatori. I beneficiari del piano di aiuti sui mutui potrebbero toccare le 1,2 milioni di unita’. Il piano di emergenza sui mutui studiato dalla Casa Bianca per contenere l’impatto della crisi dei mutui, ovvero le autorità federali statunitensi e gli istituti specializzati nell’erogazione di prestiti immobiliari negli Usa, prevede il congelamento per 5 anni dei tassi variabili sui mutui ipotecari subprime ( la durata del periodo a ‘tassi bloccati’ sarebbe quindi più lunga rispetto ai due-tre anni indicati ad esempio da Fannie Mae, una delle due agenzie semigovernative che erogano prestiti a tassi agevolati) mirato a limitare il numero dei pignoramenti delle abitazioni.  I mutui subprime oggetto di congelamento quinquennale sarebbero quelli erogati tra il primo gennaio 2005 e il 31 luglio 2007.

Il programma permettera’ ad oltre 1,2 milioni di famiglie americane di rifinanziarie il proprio mutuo o godere di tassi piu’ vantaggiosi in modo tale da poter continuare a ripagare il debito senza incorrere nel rischio di perdere le proprie abitazioni. Il progetto favorisce la rinegoziazione dei mutui stessi contando sulla partecipazione attiva delle amministrazioni statali e locali che emetterebbero obbligazioni allo scopo di reperire risorse, e di rifinanziarie il proprio mutuo.

  • MUTUI: BANCHE RIDUCONO PROPRIE QUOTE IN SUPERFONDO SIV – Starebbero riducendo le proprie quote le tre maggiori banche statunitensi coinvolte nel cosidetto “SuperSIV”, il superfondo da circa 80 miliardi di dollari che punta a fronteggiare la gelata del mercato del credito a breve termine seguita dalla crisi dei mutui subprime. Lo scrive il Wall Street Journal che cita fonti vicine alla vicenda, secondo cui al superfondo sarebbero interessate meno banche di quanto previsto e di conseguenza l’ammontare complessivo del fondo ora rischia di essere dimezzato. Citigroup, Bank of America e JPMorgan Chase sono le tre maggiori banche Usa che hanno aderito al superfondo caldeggiato dal segretario al Tesoro Usa, Henry Paulson, per il ‘salvataggio’ dei veicoli d’investimento nel credito strutturato (Siv) e il rilancio del mercato dei ‘commercial paper’.

  • Secondo Fannie Mae, agenzie di prestiti immobiliari, nel 2008 i prezzi delle case subiranno un calo del 5%. Nel 2007 i prezzi delle case subiranno un calo del 3%.

 

 

MUTUI: LA VERITA’ SUL PIANO BUSH

 

I tassi di mercato in rialzo sulla scia del recupero dei listini azionari spinti dall’ ufficializzazione del piano a sostegno dei mutuatari in difficoltà. Il piano potrebbe interessare fino a 1.2 milioni di famiglie ma concretamente arriverebbe a coprire circa 600.000 famiglie pari a circa il 30% del totale dei detentori di mutui subprime a tasso variabile che registrerà un reset della rata nei prossimi due anni. Il piano si compone di tre possibili opzioni:

  1. 1) congelamento del tasso variabile per cinque anni;

  2. 2) conversione in una nuova tipologia di mutuo;

  3. 3) ottenimento di una garanzia da parte della Federal Housing Administration.

 

 

Nel frattempo non si arresta il calo delle asset backed commercial paper, il cui ammontare è diminuito per la diciassettesima settimana consecutiva.

Inoltre il tasso di morosità sui mutui è arrivato a toccare il massimo degli ultimi 20 anni nel terzo trimestre.

Continuano inoltre ad arrivare notizia di consolidamento degli asset di Siv nei bilanci delle banche sponsor.

E ora gli americani, in quella che chiamano ormai alphabet soup, hanno scoperto una nuova sigla: dopo le collateralized debt obligation (Cdo), gli structured investment vehicles (Siv), è la volta delle variable interest entities, o Vie.

 

CONTRO CRISI MUTUI SUBPRIME

ACCORDO CITI-BOFA-JPMORGAN

MUTUI: AL VIA SUPERFONDO DA 75 A 100 MLD PER SALVATAGGIO FONDI SIV (Special Investment Vehicle)

SUPERFONDO che ha il nome tecnico di Master Liquidity Enhancement Conduit (M-LEC)

Dopo il congelamento delle rate sui mutui, arriva il SuperSiv. Al termine di settimane di trattative, Bank of America, Citigroup e JPMorgan hanno finalmente trovato la quadratura del cerchio sull’atteso maxi-fondo di salvataggio, visto come ancora di salvezza per evitare il potenziale crollo dei veicoli d’investimento nella finanza strutturata che hanno portato sull’orlo del baratro diversi istituti di credito e fondi speculativi. Con il maxi-fondo le tre banche puntano a raccogliere da 75 a 100 miliardi di dollari, in parte provenienti dalle loro stesse casse, in parte dalle sottoscrizioni delle altre banche che vorranno aderire all’iniziativa. A sostenerle non c’é soltanto la potenza di fuoco finanziaria delle tre maggiori banche statunitensi. C’é anche l’appoggio del segretario del Tesoro americano Hank Paulson, che vuole scongiurare l’impatto distruttivo della potenziale bancarotta di una banca, e che assieme al presidente George Bush ha appena annunciato il congelamento delle rate sui mutui, per evitare una valanga di pignoramenti. E a gestire il SuperSiv, che ha il nome tecnico di ‘Master Liquidity Enhancement Conduit’ (M-LEC), sarà BlackRock, garanzia di credibilità ed esperienza nella gestione dei rischi.

Lunedì mattina inizierà il giro di incontri per raccogliere il massimo possibile di adesioni (e quindi soldi) dagli altri istituti che, a livello globale, vorranno partecipare. Bank of America e soci vogliono arginare la corsa al ribasso del valore degli attivi dei SIV (Special Investment Vehicle), facendoli acquistare da parte del ‘SuperSiv’ per sostenerne i prezzi. I SIV, finiti all’epicentro della crisi de mutui, lucrano su un principio ben noto: prendere in prestito soldi a breve termine, e reinvestirli a lungo. I ‘SIV’ sono veicoli d’investimento che sottoscrivono prodotti della finanza strutturata, spesso garantiti da mutui ad alto rischio come i subprime. Hanno cioé investito miliardi di dollari in titoli garantiti da mutui ad alto rischio come i ‘subprime’, e per finanziarsi si sono indebitati emettendo debito a breve termine chiamato ‘commercial paper’. Da quando è esplosa la crisi dei mutui, però, la scarsità di liquidità che ha colpito i mercati ha lasciato i ‘SIV’ a secco, costringendoli a svendere i titoli (garantiti da mutui ad alto rischio come i subprime) in cui hanno investito, unico modo per ripagare i propri debiti la cui scadenza a breve è diventata una tagliola. Una corsa al ribasso dei prezzi dagli effetti potenzialmente disastrosi: la sola Citigroup gestisce SIV esposti per una cifra pari a 64,9 miliardi di dollari, e fra le agenzie di rating è ormai una gara a chi taglia per primo il voto sulla solvibilità dei SIV. Moody’s, la scorsa settimana, ha detto di avere nel mirino SIV con un’esposizione per oltre 100 miliardi di dollari.

Ma il successo del piano non è garantito. Secondo il Financial Times “il progetto è cattivo quasi come i problemi che intende risolvere”. Perché il maxi-fondo “potrà soltanto comprare titoli ad elevato rating (non quelli garantiti da subprime), senza riuscire ad evitare una svendita di quelli più rischiosi. E perché – scrive il quotidiano della City – “il ‘rischio sistemico per le banche’ non c’é, visto che la maggior parte di queste attività (SIV che hanno investito in titoli garantiti da subprime) sono nelle mani degli hedge fund, non delle banche”. Il piano dell’amministrazione Bush di mettere un tetto all’aumento dei tassi ipotecari per evitare un’esplosione del numero dei pignoramenti e un’accelerazione della crisi del mercato immobiliare. Questo provvedimento risponde più a logiche di demagogia politica piuttosto che a ragioni economiche. Infatti si stima che ne potrebbero beneficiare circa 300mila famiglie, ben poche rispetto alle famiglie, si stima attorno ai 2 milioni, che sono a rischio di vedersi pignorare la propria casa. Inoltre questo provvedimento ha scarsa influenza sui prezzi delle case che per la prima volta dalla Grande Depressione degli anni Trenta sono in calo in tutti gli Stati dell’Unione per ogni tipologia di oggetto immobiliare.

Complessivamente, le svalutazioni (write-down) operate dai maggiori colossi finanziari mondiali a seguito del collasso legato al credito subprime ammontano a circa 66 miliardi di dollari. Si delineano pertanto tre filoni di soluzioni adottate di fronte alle ingenti perdite collegate alla crisi del credito:

  1. consolidamento degli asset dei Siv, ovvero le svalutazioni (write-down) operate dai maggiori colossi finanziari

  2. ricorso a capitali esteri (in prevalenza di fondi sovrani), è una ricapitalizzazione del sistema bancario facendo ricorso ai fondi sovrani dei paesi asiatici e del Medio Oriente

  3. creazione di un veicolo finanziario speciale (chiamato SuperSiv), ricorso al super fondo CONTRO CRISI MUTUI SUBPRIME che ha il nome tecnico di Master Liquidity Enhancement Conduit (M-LEC)  dove parcheggiare i titoli finanziari legati ai mutui subprime per dare tempo alle banche di smaltire le perdite

 

 

FED: COME ALLEVIARE I MERCATI DEL CREDITO

 

Il WSJ riporta due ipotesi di piani alternativi che la Fed potrebbe adottare per alleviare i mercati del credito. La Fed potrebbe

1) concedere prestiti diretti ad istituzioni non bancarie;

2) acquistare il debito di Fannie Mae e Freddie Mac oppure obbligazioni MBS garantite dalle due società, che ricordiamo sono sponsorizzate dal governo.

 

 

Intervenire immettendo liquidità

Le Operazioni pronti contro termine

 

Intervenire immettendo liquidità  significa che le banche centrali, a tassi agevolati e/o speciali, danno soldi liquidi alle banche commerciali, con un prestito garantito, ricevendo  i loro titoli obbligazionari, a rischio in questo caso dei subprimes, quale garanzia.

E’ la tipica operazione pronti contro termine a tasso speciale e/o agevolato, in cui la Banca Centrale di un paese acquista titoli da una banca e accredita il controvalore sul conto giro di quest’ultima. Simultaneamente, si conviene che la banca riacquisterà i medesimi titoli ad una data prefissata.

Per la durata dell’operazione, la banca commerciale ottiene così dalla Banca Centrale un credito a breve termine in euro per il quale versa un interesse repo. La Banca Centrale riceve i titoli quale garanzia. Sotto l’aspetto economico si tratta dunque di un prestito garantito. La quantità di euro in possesso della banca (liquidità) aumenta durante il periodo convenuto; al suo termine si riduce nuovamente, a meno che la Banca Centrale non rinnovi l’operazione. Inversamente, vendendo titoli contro euro, la Banca Centrale ha la possibilità di ridurre la quantità di euro, cioè la liquidità.

Le operazioni pronti contro termine (o repo, dall’inglese «repurchase agreement») sono attualmente lo strumento di politica monetaria principale delle Banche Centrali per la gestione dei tassi d’interesse a corto termine e  dell’offerta di moneta. E il tasso applicato a queste operazioni chiama in causa cio’ che abbiamo appena visto sopra, ovvero:

Il tasso di sconto, ovvero il saggio al quale la banca centrale (Federal Reserve e Bce nel nostro caso, seppur con meccanismi diversi)  concede prestiti al sistema bancario. Il tasso di sconto ha assunto un’importanza crescente col tempo perché disciplina per l’appunto il saggio cui si applicano i prestiti di emergenza concessi dalla banca centrale al sistema bancario.

Con una differenza sostanziale pero’ tra quanto fatto dalla Fed e quanto fatto dalla Bce, la prima ricorrendo al tasso speciale uguale o superiore al tasso di sconto (the discount rate, il cosiddetto ‘discount window’, oggi al 4%), la seconda ricorrendo al  tasso di sconto fisso (marginal lending rate oggi al 5%), o a quello agevolato o infine talvolta anche al tasso speciale maggiorato

TAF, Term Auction Facility cioé le aste a tasso fisso speciale uguale o superiore al tasso di sconto

La Federal Reserve ha annunciato nel 2008 un rifinanziamento da 30 miliardi di dollari per l’ 11 ed il 25 febbraio prossimi nell’ ambito delle cosiddette TAF, cioé le aste a tasso fisso destinate a sostenere la liquidità sui mercati dopo la crisi innescata dal tracollo legato al credito subprime.

TSLF (Term Securities Lending Facility) – La Fed ha annunciato che offrira’ $200 miliardi in Titoli di Stato attraverso aste che si svolgeranno su base settimanale. Il nuovo strumento annunciato dalla Banca Centrale americana, il TSLF (Term Securities Lending Facility) prevede che come garanzie gli intermediari che hanno accesso alle aste possano offrire anche titoli legati ai prestiti immobiliari, recentemente finiti nel ciclone della crisi del credito.

  • La Fed comunica novità sulle modalità relative ai titoli da dare in garanzia nelle aste e rivede il meccanismo previsto fino a oggi dalle Term Auction Facility (Taf), il cui scopo è di sostenere la liquidità con rifinanziamenti a tasso fisso fatti dietro consegna di un’ampia gamma di titoli in garanzia da parte degli intermediari finanziari. Il meccanismo si basa su aste di cadenza settimanale di assegnazione fino a totali 200 miliardi di dollari ai cosiddetti ‘primary dealers’, con operazioni della durata di 28 giorni, che partiranno dal 27 marzo. I prestiti potranno essere coperti – ed è la vera novità – da titoli del famigerato segmento del settore immobiliare. In questo ambito rientrano appunto strumenti legati ai prestiti immobiliari emessi dalle agenzie governative pubbliche o da privati, con rating di tripla A o di Aaa.

Bernanke, ha spiegato che «oggi la preoccupazione dev’essere la recessione e non l’inflazione». Quindi, via libera a tassi d’interesse reale negativi ovvero al di sotto del tasso d’inflazione che sfiora il 3% (che implicano anche la svalutazione progressiva del dollaro) pur di stimolare l’economia.

  • Le banche statunitensi – a suo giudizio – dovrebbero svalutare ulteriormente i mutui ipotecari sulle abitazioni il cui prezzo e’ diminuito, cosi’ da aiutare chi ha contratto un prestito ad evitare il pignoramento, e perché rinegozino i tassi su base più umana. L’aumento delle confische, che dovrebbe prosequire ancora, rischia di aggravare i problemi del mercato delle abitazioni e dell’economia nazionale.

  • Poi c’è una serie di misure intermedie come l’incoraggiamento ai magistrati ad essere meno duri al momento di varare i provvedimenti di sfratto per insolvenza.

  • Ora è in discussione un ulteriore provvedimento di legge, che fissa nuovi parametri sia per concedere i mutui che per fissare gli interessi e le procedure di esecuzione forzata.

  • Un’altra fase 2 è in pieno svolgimento, quella dei writeoff delle grandi banche d’investimento:  Tutte hanno annunciato cancellazioni fino a 2 miliardi. Poi sono arrivati i 9,4 miliardi di Morgan Stanley, i 16,7 di Merrill Lynch, i 18 di Citigroup.

 

 

 

Vedi soprattutto:

 

Banche – Esuberi – Perdite e Svalutazioni – Riforme Istituzionali

 

 

The Final U.S. Growth Package

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2008/01/29/the-final-us-growth-package/#more-1582]link-The Final U.S. Growth Package [/url]

 

The delinquency rate & The New foreclosures (I Pignoramenti)

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/12/07/the-delinquency-rate-the-new-foreclosures-i-pignoramenti/]link-The delinquency rate & The New foreclosures (I Pignoramenti) [/url]

 

Immobili e To avert a cash crunch

I Pignoramenti in America: U.S. Montly Home Foreclosures and Bank Repossessions (REOs)

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2008/04/16/i-pignoramenti-in-america-us-montly-home-foreclosures-and-bank-repossessions-reos/]link- I Pignoramenti in America: U.S. Montly Home Foreclosures and Bank Repossessions [/url]

 

Vedi anche:

 

Crash_Immobili: U.S. Home Prices:nel 1 trimestre crollo dei prezzi

https://wallstreetrack.wordpress.com/2008/05/14/us-home-pricesnel-1-trimestre-crollo-dei-prezzi/

 

Home Price Data Showed Housing Solid Long-Term Investment

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/11/13/home-price-data-showed-housing-solid-long-term-investment/]link-Home Price Data Showed Housing Solid Long-Term Investment [/url]

Correlazione tra il Prezzo delle case ed i consumi
Click here: [url=
https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/09/25/correlazione-tra-il-prezzo-delle-case-ed-i-consumi/]link-Correlazione tra il Prezzo delle case ed i consumi [/url]

Goldilocks economy, l’economia dai boccoli d’oro

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/09/19/goldilocks-economy-leconomia-dai-boccoli-doro/]link- Goldilocks economy, l’economia dai boccoli d’oro [/url]

To avert a cash crunch the Central Banks spill liquidity in the markets
Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/08/11/to-avert-a-cash-crunch-the-central-banks-spill-liquidity-in-the-markets/]link-To avert a cash crunch the Central Banks spill liquidity in the markets [/url]

Subprime Mortgages E’ in arrivo un grande  Crash? NO
Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/05/12/subprime-mortgages-e-in-arrivo-un-grande-crash-no/]link-Subprime Mortgages E’ in arrivo un grande  Crash? NO [/url]

Crollo-Crash dei mercati azionari americani?
Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/03/25/crollo-crash-dei-mercati-azionari-americani/]link-Crollo-Crash dei mercati azionari americani? [/url]

Il mercato americano (l’S&P 500) e’ in fase di Ipercomprato o Ipervenduto?

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/11/25/il-mercato-americano-lsp-500-e-in-fase-di-ipercomprato-o-ipervenduto/]link- IL MERCATO AMERICANO (L’S&P 500) e’ in fase di Ipercomprato o Ipervenduto? [/url]

Disequilibri Americani: Credit Bubble, ovvero Crack del Debito privato – Parte seconda 
Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/09/05/i-disequilibri-americani-credit-bubble-ovvero-crack-del-debito-privato-2/]link-Disequilibri Americani: Credit Bubble, ovvero Crack del Debito privato – Parte seconda [/url]

Disequilibri Americani: Credit Bubble, ovvero Crack del Debito privato – Parte prima

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/09/05/62/]link-L’indebitamento americano a livelli di guardia – Disequilibri Americani: Credit Bubble, ovvero Crack del Debito privato – Parte prima [/url]

 

 

 

 

Marco

 

dott. Marco Montanari

U.S. Equities Trader

mailto: marcomontanari@iol.it

 

 


L’italia in mano alla criminalita’ organizzata: i politici dormono o fanno finta di dormire?

mercoledì, maggio 21, 2008

 

 

 

L’italia in mano alla criminalita’ organizzata: i politici dormono o fanno finta di dormire?

 

Eurispes

http://www.eurispes.it/

‘Ndrangheta Holding 2008′

 

 

 

 

Italia  

Evasione Fiscale 

La pressione fiscale a carico degli onesti

 

Senza lotta seria all’evasione, la pressione fiscale non potra’ mai diminuire dall’attuale  43,3% del 2007, sebbene il calcolo reale porti la pressione ad oltre il 50% – tra il  50,74%  ed il 52,8% –  

Contribuenti Italiani  

(Anno 2005)

(ultimi dati disponibili in riferimento alle dichiarazioni dei redditi presentate)

 

Contribuenti Italiani: 39.977.386

Contribuenti a reddito zero: 9.659.121

Evasorialmeno 4.000.000

 

 

LA MAPPA DELL’EVASIONE/ELUSIONE FISCALE IN ITALIA

La CGIA Mestre su fonti varie stima: 

Imponibile evaso all’anno

€316 Miliardi

Imposte evase all’anno

€140-€150 Miliardi 

—————–

 

Le categorie

Stima dell’imponibile evaso

Le modalità

————–

 

ECONOMIA SOMMERSA

200 mld di €

Almeno 2.300.000 occupati svolgono un’attività  irregolare come lavoratori dipendenti

 

ECONOMIA CRIMINALE

 100 mld di €

In almeno 3 Regioni del Sud le organizzazioni criminali controllano l’economia di quei territori

 

GRANDI IMPRESE

10 mld di €

Il 50% delle società di capitali dichiara per più anni redditi negativi o pari a zero

 

LAVORATORI AUTONOMI E PMI

6 mld di €

Mancata emissione di scontrini, ricevute e fatture fiscali

 

TOTALE

Imponibile evaso all’anno

€316 Miliardi

Imposte evase all’anno

€140-€150 Miliardi 

—————–

Sabato, 10 Maggio 2008

http://cgia.slowdata.com/files/docs/001415/EVASIONE%2010-5.doc

 

 

 

Eurispes

http://www.eurispes.it/

‘Ndrangheta Holding 2008′

‘Ndrangheta, con droga e appalti Il giro d’affari della criminalità organizzata calabrese è di 43,79 miliardi

di euro all’anno

L’economia sommersa e l’Evasione Fiscale della criminalità organizzata calabrese è di di poco superiore al prodotto interno lordo di Estonia (13,2 miliardi) e Slovenia (30,4 miliardi).

Il fatturato della ’Ndrangheta Holding è pari infatti al  2,9% del Pil Italia nel 2007, come quelli di Estonia e Slovenia messi insieme.

Per il 62,2% Il fatturato della ’Ndrangheta Holding  è dovuto alla droga

 

Stima 2007

Attività illecita — Valore assoluto all’anno

Droga – 27,24 miliardi di euro

Impresa e Appalti Pubblici – 5,73 miliardi di euro

Estorsione e usura – 5,01 miliardi di euro

Armi – 2,93 miliardi di euro

Prostituzione – 2,86 miliardi di euro

21 maggio 2008

 

 

Dossier Eurispes: ‘Ndrangheta Holding 2008

In Campania e in Calabria un sicario costa appena 200 euro

21 maggio 2008

http://www.ilsole24ore.com/

 

 

TABELLA 1

Il giro d’affari della ‘Ndrangheta Holding

 

 

Eurispes

http://www.eurispes.it/

‘Ndrangheta Holding 2008′

 

 

 

Il fatturato della ’Ndrangheta Holding è pari al  2,9% del Pil Italia nel 2007, come quelli di Estonia e Slovenia messi insieme.

Ammonta a quasi 43.795 milioni di euro il giro d’affari della ’Ndrangheta stimato dall’Eurispes per il 2007. Un fatturato fuorilegge pari al 2,9% del Prodotto interno lordo italiano pari, per l’anno in esame, a 1.535 miliardi di euro.

Un dato che risulta ancora più evidente ed allarmante se messo a confronto con il Pil di alcuni paesi europei: il giro d’affari prodotto dalla ’Ndrangheta Holding è equivalente alla somma della ricchezza nazionale prodotta da Estonia (13,2 miliardi di euro) e Slovenia (30,4 miliardi di euro).

 

Droga

 

Il settore più remunerativo si conferma quello del traffico di droga che determinerebbe introiti per 27.240 milioni di euro pari a oltre il 62% del totale dei profitti illeciti.

Negli ultimi anni si è assistito ad un vero e proprio salto di qualità in questa particolare attività illecita: le “ndrine” puntano ad ottimizzare sforzi e rischi abbattendo, ad esempio, i costi degli approvvigionamenti della droga, in particolare della cocaina dal Sud America, attraverso la strategia di eliminazione dei cosiddetti intermediari e ricercando il contatto diretto con i cartelli, soprattutto colombiani, o con la loro emanazione in Europa.

«La ’Ndrangheta ha assunto, in Italia ed all’estero, un ruolo di primo piano nel mercato internazionale degli stupefacenti, dispone di ingenti risorse finanziarie, che consolidano la sua immagine ai vertici del crimine organizzato transnazionale, dove è riuscita a consolidare veri e propri rapporti di partenariato, come dimostrano i contatti diretti con i principali cartelli che immettono la droga sul mercato mondiale» ( Relazione del Ministro dell’Interno al Parlamento sull’attività svolta e sui risultati conseguiti dalla Direzione Investigativa Antimafia, I° semestre 2007).

 

Impresa e appalti pubblici

 

Sul fronte dell’impresa il fatturato dei gruppi criminali calabresi è pari a 5.733 milioni di euro. Le stime sul versante degli appalti pubblici truccati e della compartecipazione in imprese in genere mettono in evidenza un incremento della strategia d’infiltrazione negli appalti delle opere pubbliche da parte della criminalità organizzata calabrese.

I soggetti imprenditoriali al servizio dei tentacoli della ’Ndrangheta ottengono indubbi vantaggi operando senza i vincoli e le regole della legalità. In particolare le imprese “mafiose” dispongono di ingenti risorse finanziarie provenienti dalle attività illecite che consentono loro di innescare meccanismi cospicui di autofinanziamento; penetrano i mercati di riferimento senza alcun principio di concorrenza, utilizzando al contrario strumenti e azioni di costante intimidazione; e, infine, mettono in campo misure per corrompere amministratori e pubblici funzionari per condizionare le procedure di gara.

Del resto non solo le inchieste (passate e attuali) della magistratura ma gli stessi recenti omicidi delle ‘ndrine sembrano ruotare intorno a questo settore. I magistrati continuano a bloccare cantieri sull’autostrada Salerno-Reggio Calabria e sulle statali mentre il fuoco della criminalità si indirizza verso imprenditori, come Antonio Longo ucciso il 26 marzo a Lamezia, che probabilmente si inseriscono con le loro commesse in affari già prestabiliti tra criminalità, politica e massoneria deviata, che in Calabria ha un potere immenso.

 

A completare il paniere criminale, i proventi illeciti derivanti dal mercato:

Estorsione e usura

( 5.017 milioni di euro )

In Calabria non esiste infatti attività commerciale e imprenditoriale che non sia sotto il giogo del pizzo. Recentemente Confesercenti ha calcolato che un commerciante su due paga. È verosimile credere che sia una stima per difetto, così come è provato che la proprietà di una quota rilevante di esercizi passi nelle mani di prestanome delle cosche a seguito delle difficoltà dei vecchi proprietari di assecondare le richieste sempre più esose degli estorsori. Le denunce, però, sono sempre poche e questo è soprattutto dovuto alla scarsa fiducia nei confronti dello Stato e della sua presenza sul territorio.

 

Armi

( 2.938 milioni di euro)

 

Prostituzione

( 2.867 milioni di euro).

 

 

 

«Appare significativo l’aumento delle denunce di reati di estorsione. Permane come prioritaria nella regione la problematica relativa al monitoraggio preventivo delle Grandi Opere Infrastrutturali rappresentate nella Regione Calabria dai lavori autostradali della A3 SA-RC, dai corridoi ferroviari, dai lavori sulla diga del Menta e dai lavori all’interno del Porto di Gioia Tauro. (…) L’analisi delle evidenze investigative dimostra, inoltre, le notevoli capacità “militari” dei sodalizi, testimoniate dal ritrovamento di materiale d’armamento (anche da guerra), esplosivi, apparati trasmissivi e di intercettazione delle frequenze radio e bunker sotterranei attrezzati per il ricovero dei latitanti». ( Relazione del Ministro dell’Interno al Parlamento sull’attività svolta e sui risultati conseguiti dalla Direzione Investigativa Antimafia, I° semestre 2007).

 

 

TABELLA 1-A

Graduatoria generale IPM – Indice di penetrazione mafiosa

nelle province di

Campania, Calabria, Sicilia e Puglia

( si confrontino le tabelle dalla 16 alla 23 oltre alla 1 e 1/A)

 

 

 

TABELLA 16

Sistema di punteggio dell’Indice di Penetrazione Mafiosa (IPM)

 

  1. Indicatori di disagio sociale – Si tratta di indicatori, misurati direttamente o indirettamente nelle aree di specifico interesse, che descrivono diverse situazioni di disagio che possono indebolire la struttura socio-economica di riferimento e, di conseguenza, favorire lo sviluppo del fenomeno mafioso.

  2. Punteggi intermedi per ciascun indicatore – Alla provincia o all’area territoriale che ottiene il peggiore risultato, nel senso che denota una situazione più disagiata, viene attribuito un valore massimo di 10 punti; i rimanenti punteggi si ottengono riparametrando ciascun risultato al valore massimo.

  3. Indice di penetrazione mafiosa – Si ottiene dalla somma dei punteggi assegnati per ciascun indicatore e misura il rischio di penetrazione mafiosa a cui sono esposti, singolarmente, i territori provinciali.

 

L’indice IPM (Indice di Penetrazione Mafiosa), esteso a tutti e 24 territori provinciali a “rischio”, per un arco temporale che ricopre gli anni dal 1991 al 2007, misura la permeabilità dei territori al crimine organizzato, con l’obiettivo di monitorare il rischio di penetrazione mafiosa cui sono esposti i territori provinciali e di suggerire, per quanto possibile, i recenti sviluppi del fenomeno e le dimensioni che lo stesso sta assumendo e che, cosa ancor più interessante, potrà assumere nei contesti presi in esame.

Al fine di determinare una classifica del livello di penetrazione mafiosa delle organizzazioni criminali nelle province considerate, è stato predisposto un sistema di attribuzione dei punteggi sulla base di alcuni indici che scaturiscono dalla valutazione oggettiva e, per lo più, quantitativa di alcune variabili socio-economiche  ( si confrontino le tabelle dalla 16 alla 23 oltre alla 1 e 1/A) che caratterizzano un’area territoriale:

 

  • tasso di disoccupazione,

  • reati commessi ed assimilabili alle associazioni mafiose,

  • omicidi per motivi di mafia, camorra e ’ndrangheta

  • casi di Amministrazioni comunali sciolte per infiltrazioni mafiose,

  • atti di terrorismo e violenza politica a danno del tessuto socio-economico

  • numero di intercettazioni effettuate.

 

 

 

TABELLA 18

Il tasso di disoccupazione

Anno 2006
Valori percentuali

Province — Tasso di disoccupazione — Punteggio

Palermo 18,6 10,0
Enna 16,7 9,0
Caltanissetta 16,6 8,9
Lecce 15,0 8,1
Napoli 14,8 8,0
Catanzaro 13,9 7,5
Crotone 13,5 7,3
Vibo Valentia 13,4 7,2
Agrigento 13,3 7,2
Bari 13,3 7,2
Brindisi 12,9 6,9
Reggio Calabria 12,7 6,8
Catania 12,3 6,6
Cosenza 12,2 6,6
Salerno 11,6 6,2
Siracusa 11,5 6,2
Foggia 11,3 6,1
Benevento 10,8 5,8
Messina 10,7 5,8
Avellino 10,6 5,7
Trapani 10,4 5,6
Caserta 9,9 5,3
Taranto 9,3 5,0
Ragusa 6,7 3,6

Fonte: Elaborazione Eurispes su dati Istat, Rilevazione Forze Lavoro-Media 2006

 

 

TABELLA 19

I reati assimilabili (*) alle associazioni mafiose – Quoziente ogni 10.000 abitanti

(*)  Rientrano in questa categoria i reati per estorsione; produzione, detenzione e spaccio di stupefacenti; associazione a delinquere e di tipo mafioso; sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione; ricettazione; attentati.

Anni1999-2005
Valori assoluti

Province — Reati ogni 10.000 abitanti — Punteggio

Napoli 219,5 10,0
Taranto 203,6 9,3
Brindisi  171,5 7,8
Reggio Calabria 144,6 6,6
Messina 138,6 6,3
Caserta 116,5 5,3
Lecce 105,3 4,8
Bari 100,1 4,6
Palermo 99,1 4,5
Siracusa 95,4 4,3
Foggia  95,1 4,3
Crotone 93,5 4,3
Cosenza 92,5 4,2
Catania  92,4 4,2
Catanzaro 92,1 4,2
Vibo Valentia 89,1 4,1
Caltanissetta 85,7 3,9
Salerno 75,8 3,5
Trapani 72,9 3,3
Avellino 60,9 2,8
Ragusa  60,1 2,7
Benevento 56,5 2,6
Enna 46,8 2,1
Agrigento  45,5 2,1

Fonte: Elaborazione Eurispes su dati Istat

 

TABELLA 20

Gli omicidi per motivi di mafia, camorra e ’ndrangheta – Quoziente ogni 10.000 abitanti

Anno 1999-2005
Valori assoluti

Province — Omicidi ogni 10.000 abitanti — Punteggio

Crotone 2,2  10,0
Napoli 1,2  5,6
Catanzaro 1,1  4,8
Reggio Calabria 1,1  4,7
Caserta 0,8  3,7
Cosenza 0,4  1,8
Bari 0,3  1,4
Foggia  0,3  1,4
Catania  0,3  1,3
Ragusa  0,3  1,2
Caltanissetta 0,3  1,1
Siracusa 0,2  1,1
Agrigento  0,2  1,1
Lecce 0,2  1,0
Enna 0,2  1,0
Avellino 0,2  0,8
Vibo Valentia 0,2  0,8
Brindisi  0,2  0,8
Messina 0,1  0,7
Palermo 0,1  0,6
Salerno 0,1  0,5
Trapani 0,05  0,2
Benevento 0,03  0,2
Taranto – –

 

 

TABELLA 21

I casi di comuni sciolti per infiltrazioni mafiose

Anni 1991-2007
Valori assoluti

Province — Comuni sciolti — Punteggio

Napoli 44 10,0
Reggio Calabria 23 5,2
Palermo 23 5,2
Caserta 22 5,0
Catania 9 2,0
Catanzaro 7 1,6
Salerno 5 1,1
Bari 5 1,1
Trapani 5 1,1
Caltanissetta 5 1,1
Vibo Valentia 5 1,1
Agrigento 4 0,9
Crotone 3 0,7
Avellino 3 0,7
Messina 2 0,5
Lecce 2 0,5
Ragusa 1 0,2
Benevento 1 0,2
Foggia – –
Taranto – –
Brindisi – –
Cosenza – –
Enna  – –
Siracusa – –

Fonte: Elaborazione Eurispes su dati della Relazione annuale della Commissione parlamentare d’inchiesta sul fenomeno della criminalità organizzata mafiosa o similare e sulla relazione dell’Alto Commissariato per la prevenzione e il contrasto della corruzione nella Pubblica amministrazione

 

 

TABELLA 22

Gli atti di terrorismo e violenza politica a danno del tessuto socio-economico e politico

Anni 2001-2005
Valori assoluti

Province — Atti — Punteggio

Napoli 218 10,0
Reggio Calabria 211 9,7
Salerno 148 6,8
Bari 124 5,7
Palermo 121 5,6
Catanzaro 101 4,6
Cosenza 95 4,4
Lecce 95 4,4
Caserta 85 3,9
Agrigento 78 3,6
Taranto 78 3,6
Brindisi 76 3,5
Foggia 75 3,4
Trapani 62 2,8
Crotone 56 2,6
Messina 51 2,3
Siracusa 47 2,2
Catania 46 2,1
Vibo Valentia 44 2,0
Avellino 37 1,7
Caltanissetta 37 1,7
Enna 24 1,1
Ragusa 24 1,1
Benevento 18 0,8

Fonte: Elaborazione Eurispes su dati Ministero dell’Interno

 

TABELLA 23

Numero di intercettazioni effettuate nelle province

Anni 2001-2003
Valori assoluti

Province — Intercettazioni — Punteggio

Reggio Calabria  27.486  10
Napoli  20.215  7,4
Palermo  16.493  6,0
Catania  6.806  2,5
Bari  6.488  2,4
Catanzaro  5.412  2,0
Lecce  3.630  1,3
Messina  2.957  1,1
Salerno  2.635  1,0
Ragusa  2.373  0,9
Caltanissetta  2.368  0,9
Brindisi  2.330  0,8
Siracusa  2.146  0,8
Trapani  1.937  0,7
Cosenza  1.709  0,6
Taranto  1.530  0,6
Caserta  1.193  0,4
Vibo Valentia  1.116  0,4
Foggia  1.040  0,4
Agrigento  1.002  0,4
Avellino  566  0,2
Enna  350  0,1
Benevento  280  0,1
Crotone  263  0,1

Fonte: Elaborazione Eurispes su dati Ministero della Giustizia

 

 

IPM

Indice di penetrazione mafiosa

TABELLA 1-A

( si confrontino le tabelle dalla 16 alla 23 oltre alla 1 e 1/A)

 

 

Come si puo’ vedere dalle tabelle riportate dalla n.16 alla n.23, tanto la Calabria quanto la Campania primeggiano in negativo nella classifica dell’Indice di penetrazione mafiosa nelle rispettive province.

Alla provincia di Napoli, con un punteggio pari a 68,9, va la maglia nera del territorio provinciale più permeabile ai tentacoli della criminalità organizzata. Dai dati emerge, in dettaglio, che il primato negativo di Napoli è dovuto principalmente ai reati assimilabili alle associazioni mafiose (ben 219,5 ogni 10.000 abitanti; cfr. tabella 19), ai 44 Comuni sciolti per infiltrazioni mafiose dal 1991 al 2007 e agli atti di terrorismo pari a 218 dal 1999 al 2005.

Preoccupante il posizionamento nell’IPM relativo al territorio calabrese: ben tre province si collocano nelle prime 8 posizioni.

 

Reggio Calabria (60,4 punti)

Catanzaro (33 punti)

Crotone (29,5)

 

La ’Ndrangheta, attraverso l’uso sistematico e indiscriminato dell’intimidazione, del terrore, dell’omicidio, aspira ad affermare contro le Istituzioni locali una propria contro-cultura, una esplicita quanto determinata richiesta di potere.

 

 

Gli omicidi in Calabria: 1 su 3 è mafioso

TABELLA 2

Gli omicidi per motivi di ‘Ndrangheta, per provincia

Anni 1999-2008
Valori assoluti
Province — Omicidi

Reggio Calabria 73
Catanzaro 49
Crotone 43
Cosenza 30
Vibo Valentia 7

Calabria 202

Fonte: Centro Documentazione Calabria

 

La situazione generale della criminalità organizzata in Calabria continua ad essere caratterizzata dai tradizionali sodalizi sempre più radicati nei territori provinciali. Gli ultimi tre omicidi avvenuti, nelle settimane scorse, tra Crotone e Catanzaro, sanciscono la presenza asfissiante delle ’ndrine sull’economia e sulla società calabresi.

Una valutazione dell’attuale situazione della criminalità può essere effettuata attraverso un’analisi dei dati ufficiali relativi a determinati fenomeni criminali. In Calabria, nel periodo compreso tra il 1999 e il 2008, oltre un omicidio su tre è ascrivibile ai tentacoli della ’Ndrangheta: I dati disponibili indicano infatti che nel periodo compreso tra il 1999 e il 2008, in Calabria, su 748  omicidi volontari [( I dati degli omicidi volontari relativi agli anni 2006, 2007 e 2008 sono stati stimati attraverso il calcolo della media ponderata applicata al periodo di cui sono disponibili i dati ufficiali dell’Istat (1999-2005)] commessi ben 202 omicidi si sono verificati per motivi di ’Ndrangheta con un incremento nel periodo considerato del 677% e pari al 27% del totale omicidi volontari commessi. Approfondendo ulteriormente l’analisi e considerando l’incidenza degli omicidi per mafia sul totale degli omicidi volontari commessi, emerge che:

  • In provincia di Reggio Calabria, se ne contano 73, ovvero il 36,1% del dato complessivo regionale degli omicidi riconducibili alle guerre interne alle diverse cosche criminali

  • A seguire la provincia di Catanzaro, se ne contano 49, ovvero il 24,3% del totale calabrese di omicidi legati a motivi di ’Ndrangheta

  • Crotone con 43 omicidi pari al 21,7%

  • Cosenza con 30 omicidi pari al 14,9%

  • Vibo Valentia con 7 omicidi pari al 3,5% del totale calabrese di omicidi legati a motivi di ’Ndrangheta

 

 

La demografia delle denunce fatte dalle Forze dell’ordine all’Autorità giudiziaria direttamente riconducibili alle associazioni a delinquere di stampo mafioso

 

TABELLA 3
Denunce per reati assimilabili alla ‘Ndrangheta

 

Anni 1999-2005
Valori assoluti

Reati — Valore assoluto

Produzione, detenzione e spaccio di stupefacenti (*) 7.962
Estorsioni 1.900
Attentati 1.825
Ricettazione 1.216
Associazione a delinquere e di tipo mafioso 523
Sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione 359
Totale 13.785 — 13.772

Fonte: Elaborazione Eurispes su dati Istat

 

 

Le azioni criminose direttamente riconducibili alle associazioni a delinquere di stampo mafioso sono per buona parte sommerse, perché spesso circondate dall’omertà ottenuta con minacce e intimidazioni, che contribuiscono a limitare il numero delle denunce.

Un indicatore, comunque utile dell’impatto che i sodalizi criminali hanno nei cinque territori provinciali calabresi, può essere fornito dai dati sulle denunce fatte dalle Forze dell’ordine all’Autorità giudiziaria, anche se queste, come già evidenziato, rappresentano soltanto una parte di quello che effettivamente accade in queste aree.

La distribuzione dei reati in Calabria denota che, per tutti i crimini considerati, tra il 1999 e il 2005 sono state effettuate in totale 13.785 denunce: 1.900 per estorsione, 7.962 per produzione, detenzione e spaccio di stupefacenti, 523 per associazione a delinquere e di stampo mafioso, 359 denunce per sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione, 1.216 per ricettazione e infine 1.825 per attentati

 

 

TABELLA 5
Totale delle denunce per reati assimilabili alle associazioni mafiose, per provincia

Anni 1999-2005
Valori assoluti e percentuali

Province — Denunce V.A. — %

Reggio Calabria 5.242 38,1
Cosenza 4.051 29,4
Catanzaro 2.361 17,1
Vibo Valentia 1.114 8,1
Crotone 1.004 7,3

Calabria 13.772 — 13.785 100,0

Fonte: Elaborazione Eurispes su dati Forze dell’ordine e Istat

 

 

TABELLA 4
Denunce per reati assimilabili alle associazioni mafiose, per provincia (*)

Anni 1999-2005

Province — Valori assoluti

Province Estorsioni Prod., deten. e spaccio di stupefacenti Assoc. a delinquere e di tipo mafioso Sfruttamento prostituzione Ricettazione, contrabbando Attentati dinamitardi

Reggio Calabria 422 2.996 257 90 487 990
Cosenza 648 2.796 88 86 334 99
Catanzaro 566 1.105 88 128 178 296
Vibo Valentia 198 430 35 37 97 317
Crotone 65 635 45 25 112 122

Calabria 1.899 7.962 513 366 1.208 1.824

(*) La somma dei delitti distinti per provincia può non coincidere con il totale della regione a causa della mancata precisazione, per alcuni delitti, del luogo ove sono stati commessi (o dell’indicazione della regione del commesso delitto ma non della provincia).

Fonte: Elaborazione Eurispes su dati Forze dell’ordine e Istat

 

 

Analizzando in dettaglio (TABELLA 5) il livello di distribuzione territoriale provinciale dei reati, sempre con riferimento al periodo 1999-2005, la provincia di Reggio Calabria, con 5.242 casi, è il territorio che registra il maggior numero di denunce per reati assimilabili alle associazioni mafiose, pari al 38,06% del totale delle denunce per reati assimilabili alla ‘Ndrangheta commessi in Calabria (Totale 13.772 — 13.785). Seguono, la provincia di Cosenza con 4.051 denunce, pari al 29,4% dei reati commessi, e Catanzaro con 2.361 denunce (17,1%). Chiudono la classifica le province di Vibo Valentia e di Crotone, rispettivamente con 1.114 e 1.004 denunce per reati assimilabili alle associazioni mafiose, pari all’8,1,6% e al 7,3%.

 

 

 

Il numero delle persone denunciate e la demografia delle denunce fatte dalle Forze dell’ordine all’Autorità giudiziaria per associazioni di tipo mafioso (art. 416bis)

TABELLA 8
Persone denunciate per associazioni di tipo mafioso (art. 416bis)

 

Anni 1999-2004
Valori assoluti

Regioni — Persone denunciate per associazione di tipo mafioso (art. 416bis C.P.)

Sicilia 6.410
Calabria 3.201
Campania 2.814
Puglia 1.996
Totale 14.421

Fonte: Elaborazione Eurispes su dati Forze dell?ordine e Istat

 

 

TABELLA 9

L’attività di contrasto nelle province.

Le persone denunciate per associazioni di tipo mafioso (art. 416bis)

Anni 1999-2004
Valori assoluti
Province Persone denunciate per associazione di tipo mafioso (art. 416bis C.p.)

Reggio Calabria 1.768
Cosenza 602
Crotone 369
Catanzaro 266
Vibo Valentia 196
Totale Calabria 3.201

Fonte: Elaborazione Eurispes su dati Forze dell?ordine e Istat

 

 

Complessivamente, tra il 1999 e il 2004, sono state denunciate in Calabria all’Autorità giudiziaria dalla Polizia di Stato, dall’Arma dei Carabinieri e dalla Guardia di Finanza 3.201 persone per associazione a delinquere di tipo mafioso (art. 416bis del C.p.). La provincia di Reggio Calabria, con 1.768 casi, è la regione che registra il maggior numero di persone denunciate per questo tipo di reato. A seguire Cosenza (602), Crotone (369), Catanzaro (266) e Vibo Valentia, in cui sono state denunciate 196 persone in base all’art. 416bis

 

 

L’attività di contrasto tra intercettazioni, confisca dei beni e ordinanze di custodia cautelare

TABELLA 6
La geografia delle intercettazioni

 

Anni 2003-2005

Valori assoluti e incidenza percentuale

Regioni — Numero intercettazioni — Incidenza %

Sicilia 36.432 13,5
Calabria 35.986 13,3
Campania 24.889 9,2
Puglia 15.018 5,6
Altre regioni 157.317 58,3

Italia 269.642 100,0 — 13,8% incremento medio annuo

Fonte: Elaborazione Eurispes su dati Ministero della Giustizia aggiornati a giugno 2006

 

 

TABELLA 7
La geografia delle intercettazioni nelle province

Anni 2003-2005

Valori assoluti e incidenza percentuale

Province — Numero intercettazioni — Incidenza % sul totale nazionale — Incidenza % sul totale dell’area

Reggio Calabria 27.486 10,2 24,5
Napoli 20.215 7,5 18,0
Palermo 16.493 6,1 14,7
Catania 6.806 2,5 6,1
Bari 6.488 2,4 5,8
Catanzaro 5.412 2,0 4,8
Lecce 3.630 1,3 3,2
Messina 2.957 1,1 2,6
Salerno 2.635 1,0 2,3
Ragusa 2.373 0,9 2,1
Caltanissetta 2.368 0,9 2,1
Brindisi 2.330 0,9 2,1
Siracusa 2.146 0,8 1,9
Trapani 1.937 0,7 1,7
Cosenza 1.709 0,6 1,5
Taranto 1.530 0,6 1,4
Caserta 1.193 0,4 1,1
Vibo Valentia 1.116 0,4 1,0
Foggia 1.040 0,4 0,9
Agrigento 1.002 0,4 0,9
Avellino 566 0,2 0,5
Enna 350 0,1 0,3
Benevento 280 0,1 0,2
Crotone 263 0,1 0,2

Totale Area 112.325 – 100,0

Totale nazionale 269.642 100,0 –

Fonte: Elaborazione Eurispes su dati Ministero della Giustizia aggiornati a giugno 2006

 

 

L’analisi dei reati fin qui condotta pone in evidenza una situazione particolarmente allarmante e lo sforzo da parte delle Forze dell’ordine nel contrastare tale emergenza, ovviamente, da solo non basta. Per ridare pienamente uno stato di diritto a questi territori è indispensabile un coinvolgimento positivo di tutta la collettività, attraverso processi di educazione alla legalità, di formazione ed effettiva promozione dei diritti umani; è necessario fare cultura e insegnare ai cittadini, soprattutto a quelli più giovani, ad avere un atteggiamento negativo nei confronti della sottocultura delle organizzazioni criminali.

L’attività di repressione e prevenzione viene condotta dalle Forze dell’ordine ad alto livello. Uno dei principali strumenti di indagine di cui essi dispongono per contrastare le attività criminali sono senza dubbio le intercettazioni.

Dagli ultimi dati del Ministero della Giustizia emerge che in totale, dal 2003 al 2005, in Italia, il numero dei “bersagli”─ come vengono chiamate in gergo le utenze controllate ─ è stato pari a 269.642 con un incremento medio annuo pari al +13,8%. Come era prevedibile, per competenza territoriale e per permeabilità al crimine organizzato il 41,65% dei bersagli (112.325) sono concentrati in quattro regioni meridionali, di cui:

  • 36.432 bersagli in Sicilia (con il 13,51% d’incidenza percentuale sul totale)

  • 35.986 bersagli in Calabria (con il 13,3% d’incidenza percentuale sul totale) 

  • 24.889 bersagli in Campania (con il 9,2% d’incidenza percentuale sul totale)

  • 15.018 bersagli in Puglia con (con il 5,6% d’incidenza percentuale sul totale)

  • 157.317 bersagli in Altre regioni  (con il 58,35% d’incidenza percentuale sul totale)

 

 

Nel dettaglio provinciale riferito alla Calabria:

Reggio Calabria con 27.486 osservazioni telefoniche pari al 10,2% del dato complessivo nazionale e al 24,47% del dato complessivo riferito alle quattro aree regionali più permeabili all’operato dei sodalizi criminali è il valore assoluto maggiore registrato. Catanzaro con 5.412 bersagli, Cosenza con 1.709 bersagli e Vibo Valentia con 1.116 bersagli. In coda si colloca la provincia di Crotone con 263 bersagli

 

 

L’attività di contrasto , la confisca ed il sequestro dei beni

TABELLA 10
L’attività di sequestro e confisca dei beni, per tipo di organizzazione

 

Anni 1992-2007(*)
Valori assoluti in euro

Cupole — Valori sequestrati Art. 321 Cpp Legge 575/65 — Valori confische Legge 575/65 — Totale

Cosa Nostra 571.465.081 753.697.000 136.701.114 1.461.863.195
Camorra 1.689.785.888 803.314.823 482.374.000 2.975.474.711
‘Ndrangheta 65.447.099 119.796.254 46.283.000 231.526.353
Criminalità Organizzata Pugliese 64.157.795 65.307.000 54.150.698 183.615.493
Altre 183.369.000 164.247.000 82.288.000 429.904.000

Totale 2.574.224.863 1.906.362.077 801.796.812    5.282.383.752

(*)I dati sono aggiornati al 30 giugno 2007.

Fonte: Elaborazione Eurispes su dati Direzione Investigativa Antimafia

 

 

TABELLA 12
Tipologia e numero di beni immobili confiscati alla ‘Ndrangheta

Anno 2006
Valori assoluti
Tipologia — Valore assoluto

Abitazione 562
Terreno 363
Locale 122
Capannone 18
Altro 28

Totale 1.093

Fonte: Elaborazione Eurispes su dati dell’Agenzia del Demanio

 

 

TABELLA 13
Tipologia e numero di beni aziendali confiscati alla ‘Ndrangheta

 

Anno 2006
Valori assoluti
Tipologia — Valore assoluto

Imprese individuali 35
S.n.c. 5
S.a.s. 9
S.r.l. 9
S.p.a. 1

Totale 59

Fonte: Elaborazione Eurispes su dati dell’Agenzia del Demanio

 

 

Oltre all’attività di prevenzione e repressione assume sempre più rilevanza l’attività legata alla confisca dei beni alla criminalità organizzata. Tutte le organizzazioni criminali hanno infatti mostrato, principalmente grazie alla disponibilità di ingenti capitali, di sapersi rinnovare e di riuscire a riorganizzare piuttosto rapidamente le proprie attività criminali sul territorio dopo ogni imponente operazione compiuta dalle Forze dell’ordine.

La struttura familiare delle cosche, unita al mantenimento di patrimoni considerevoli, fa sì che qualunque azione preventiva e repressiva risulti fine a se stessa se non è seguita da un intervento che vada ad indebolire il potere finanziario dell’organizzazione criminale.

Nel periodo compreso tra il 1992 e il 2007, le Forze di polizia coordinate dalla Direzione Investigativa Antimafia hanno complessivamente sequestrato e confiscato beni alle diverse organizzazioni, per un valore pari a 5,28 miliardi di euro. ( sequestro beni 4,48 miliardi di euro– confisca beni 801,79 milioni di euro).

In particolare, l’attività di sequestro e confisca dei beni alle ’ndrine calabresi è stata pari a 231,5 milioni di euro.

 

 

L’attività di contrasto , le ordinanze di custodia cautelare

TABELLA 11


Le ordinanze di custodia cautelare, per numero e tipo di organizzazione

 

Anni 1992-2007(*)
Valori assoluti
Cupole — Ordinanze di custodia cautelare

Cosa Nostra 1.663
Camorra 2.353
‘Ndrangheta 2.353
Criminalità Organizzata Pugliese 607
Altre 1.363

Totale 8.339

(*)I dati sono aggiornati al 30 giugno 2007.

Fonte: Elaborazione Eurispes su dati Direzione Investigativa Antimafia

 

Oltre 2.350 le ordinanze di custodia cautelare alla mafia calabrese pari al 28,2% del totale delle ordinanze emesse (8.339).

 

 

La mappa della criminalità: in Calabria operano 131 cosche

 

Attraverso l’attività dei gruppi interforze, istituiti presso le quattro Prefetture–UTG, è possibile operare una prima mappatura della presenza delle organizzazioni criminali presenti sul territorio. L’analisi degli assetti criminali ricavabile sancirebbe la presenza di ben 131 cosche operanti nei vari territori calabresi. Nella sola provincia di Reggio Calabria sarebbero state attive ben 73 organizzazioni criminali di tipo mafioso. A seguire il territorio provinciale di Catanzaro con 21 cosche monitorate, la provincia di Cosenza con 17 gruppi criminali, i territori provinciali di Crotone e di Vibo valentia, infine, rispettivamente con 13 e 7 organizzazioni criminali rilevate.

 

 

’Ndrangheta: diffusione e contrasto nella percezione dei calabresi

TABELLA 14

Principali cause della diffusione della criminalità organizzata

nella percezione dei calabresi

Anno 2008
Valori percentuali

Modalità di risposta — %

Pene poco severe / scarcerazioni facili 40,4
Insufficiente presenza dello Stato 28,8
Difficile situazione economica 27,0
Scarse risorse a disposizione delle Forze dell’ordine e della Magistratura 22,1
Disagio sociale 18,1
Potere delle organizzazioni criminali 11,4%
Mancanza di una cultura della legalità 9,0

Fonte: Eurispes Calabria

 

 

TABELLA 15
Il contrasto alla ‘Ndrangheta

nella percezione dei calabresi

Anno 2008
Valori percentuali

Modalità di risposta — %

Inasprimento delle pene 28,9
Educazione delle categorie a rischio 23,0
Rafforzamento del dispiegamento delle Forze dell’ordine 16,1
Presenza dell’esercito a presidiare il territorio 6,7
Non sa/non risponde 25,3

Fonte: Eurispes Calabria

 

 

Dopo aver stimato il giro d’affari e analizzato una serie di altri indicatori legati direttamente alla presenza delle consorterie criminali nel territorio calabrese, il dossier ha voluto affrontare un altro tanto delicato quanto fondamentale aspetto, ossia gli orientamenti e gli atteggiamenti dei cittadini calabresi rispetto alla ’Ndrangheta. Nello specifico due le tematiche rilevate dall’Eurispes Calabria:

  • la diffusione del potere delle ’ndrine in Calabria

  • e gli strumenti di contrasto.

Alla domanda su quali siano le principali cause della diffusione della criminalità organizzata il campione di 641 calabresi interpellati non ha dubbi: le pene poco severe e le scarcerazioni facili raccolgono ben il 40,4% degli orientamenti emersi, segnale evidente di una percezione che il mafioso prima o poi riesce quasi sempre a farla franca. A seguire l’insufficiente presenza delle istituzioni dello Stato (28,8%) che, con molta probabilità, è diretta conseguenza, secondo la percezione comune principalmente delle scarse risorse a disposizione delle forze dell’ordine e della magistratura (22,1%) e la difficile situazione economica che vive in questo momento la regione (27%). Quest’ultima modalità di risposta, in particolare, conferma che una collettività, quale quella calabrese fortemente caratterizzata da elevati livelli di disoccupazione giovanile e da una estesa area del disagio sociale, risulta più esposta alla permeabilità della criminalità organizzata. La particolare graduatoria sulle cause scatenanti la diffusione del fenomeno mafioso prosegue con il disagio sociale (18,1%), il potere delle organizzazioni criminali (11,4%) e la mancanza di una cultura della legalità (9%).

 

Il contrasto alla ‘Ndrangheta

 

 

Sul versante delle attività da mettere urgentemente in campo per contrastare l’asfissiante presenza della ’Ndrangheta, i calabresi indicano l’inasprimento delle pene nel 28,9% dei casi, l’educazione della categorie più a rischio 23,0% e il rafforzamento del dispiegamento delle Forze dell’ordine sull’intero territorio regionale 16,1%.

Infine, per quanto riguarda questa seconda tematica affrontata, va evidenziato il consistente numero di quanti non hanno saputo o voluto dare una risposta circa gli strumenti e le strategia da mettere in campo per fronteggiare il crimine organizzato in Calabria, pari a circa un quarto del campione, e la sonora bocciatura della presenza dell’esercito militare a presidiare il territorio indicato soltanto dal 6,7% degli intervistati.

L’immagine di una regione militarizzata preoccupa i calabresi probabilmente perché potrebbe provocare meccanismi disincentivanti per decisioni di investimento verso la Calabria e ridurre drasticamente i flussi turistici.

Il quadro che emerge dovrebbe indurre Governo e Parlamento a contrastare con efficacia la pervasività delle cosche che, ogni giorno di più, inquinano la società e l’economia non solo calabrese ma ormai di tutta Italia. Diversamente all’ndrangheta dovrebbero assegnare un paio di commissari europei e alcuni seggi al Parlamento di Strasburgo recitava giustamente il Corriere della Sera.

 

 

 

 

 

Marco

 

dott. Marco Montanari

U.S. Equities Trader

mailto: marcomontanari@iol.it

 

 

 

Un saggio e pratico mezzo x combattere l’evasione soprattutto della criminalita’ organizzata

Chi ne condividera’ la ratio aiutera’ il paese

 

al 20 maggio 2008

874 segnalazioni per 840.877 euro

Ciascuno di noi ha fatto recuperare al fisco 961 euro evasi dai ricchi, dai furbi, e dalla criminalita’. Quasi lo stipendio di un operaio e ne siamo felici!

 

Questa e’ la piu’ grossa innovazione anti evasione: mi raccomando anche voi segnalate in massa

 

http://www.evasori.info/segnala.cgi



Noi italiani ci lamentiamo dell’evasione fiscale, eppure spesso chiudiamo un occhio. Segnala qui l’evasione o tentata evasione in cio’ aiutando le forze dell’ordine a combatterla ! “

 

http://www.evasori.info/

 

 

 

Italia

Evasione Fiscale e Conti Economici

 

 

 

Evasione Fiscale 

La pressione fiscale a carico degli onesti

 

Senza lotta seria all’evasione, la pressione fiscale non potra’ mai diminuire dall’attuale  43,3% del 2007, sebbene il calcolo reale porti la pressione ad oltre il 50% – tra il  50,74%  ed il 52,8%

   

 

Contribuenti Italiani

 

(Anno 2005)

(ultimi dati disponibili in riferimento alle dichiarazioni dei redditi presentate)

 

Contribuenti Italiani: 39.977.386

Contribuenti a reddito zero: 9.659.121

Evasorialmeno 4.000.000

 

Iscritti agli ordini e collegi professionali

2005

1.700.000

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/04/iscritti-agli-ordini-e-collegi-professionali-dal-1985-al-2005.jpg

 

 

2006/2007

Verifiche e Controlli risibili

Roma, 22 ottobre 2007

http://www.mef.gov.it/web/apri.asp?idDoc=18293

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_2_top_controlli-e-verifiche-risibili.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_3_top_controlli-e-verifiche-risibili.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_4_top_controlli-e-verifiche-risibili.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_5_top_controlli-e-verifiche-risibili.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_6_top_controlli-e-verifiche-risibili.gif

 

 

 

 

2007/ maggio 2008

LA MAPPA DELL’EVASIONE/ELUSIONE FISCALE IN ITALIA

La CGIA Mestre su fonti varie stima: 

Imponibile evaso all’anno

€316 Miliardi

Imposte evase all’anno

€140-€150 Miliardi 

—————–

Sabato, 10 Maggio 2008

http://cgia.slowdata.com/files/docs/001415/EVASIONE%2010-5.doc

 

 

Le categorie

Stima dell’imponibile evaso

Le modalità

————–

 

ECONOMIA SOMMERSA

200 mld di €

Almeno 2.300.000 occupati svolgono un’attività  irregolare come lavoratori dipendenti

 

ECONOMIA CRIMINALE

 100 mld di €

In almeno 3 Regioni del Sud le organizzazioni criminali controllano l’economia di quei territori

 

GRANDI IMPRESE

10 mld di €

Il 50% delle società di capitali dichiara per più anni redditi negativi o pari a zero

 

LAVORATORI AUTONOMI E PMI

6 mld di €

Mancata emissione di scontrini, ricevute e fatture fiscali

 

TOTALE

Imponibile evaso all’anno

€316 Miliardi

Imposte evase all’anno

€140-€150 Miliardi 

—————–

 

Evasione giochi

Bingo e Slot – 2007

2007

€98 Miliardi  di euro di evasione

http://www.casadellalegalita.org/index.php?option=com_content&task=category&sectionid=5&id=29&Itemid=27

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_1_top_giochi-slot-88-miliardi.gif

L’articolo sul colpo di spugna sui 98 miliardi di evasione (del Governo Prodi soprattutto per iniziativa di 2 deputati radicali, che han trovato facile rimessa in Parlamentonel centro destra. Del resto, come dimostra chiaramente l’elezione di Amedeo Laboccetta, le società concessionarie hanno molti amici nel mondo politico. In entrambi gli schieramenti)

http://www.casadellalegalita.org/index.php?option=com_content&task=view&id=3259&Itemid=63

Slot, colpo di spugna sui novanta miliardi
Scritto da Il Secolo XIX
mercoledì 14 maggio 2008

http://www.casadellalegalita.org/index.php?option=com_content&task=view&id=3259&Itemid=63

La Relazione sui 98 miliardi di euro di evasione
Scritto da Ufficio di Presidenza
sabato 17 maggio 2008

ORA PUBBLICHIAMO LA RELAZIONE INTEGRALE della Commissione d’inchiesta

http://www.casadellalegalita.org/index.php?option=com_content&task=view&id=3263&Itemid=1

—————–

 

 

2006

 

LA MAPPA DELL’EVASIONE/ELUSIONE FISCALE IN ITALIA

 

 Le dichiarazione dei redditi medi: e’ sconcertante!

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2006_1_top.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2006_2_top.jpg

 

—————–

 

2006-settembre 2007

 

Caccia agli evasori

Controlli incrociati sulle banche dati. Blitz nei mercati. Verifiche su credito e grandi imprese. Irruzioni contro il lavoro nero.

‘L’espresso’ ha seguito gli sceriffi del fisco.

Ecco come stanano i furbetti delle tasse

di Emiliano Fittipaldi

(06 novembre 2007)

http://espresso.repubblica.it/dettaglio/Caccia-agli-evasori/1854548&ref=hpstr1

http://espresso.repubblica.it/dettaglio/Caccia-agli-evasori/1854548&ref=hpsp

 

GRAFICI:

Bottino miliardario

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2006_2007_0_top__.jpg

Serrande abbassate

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2006_2007_1_top__.jpg

La Tassa piu’ giusta

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2006_2007_2_top__.gif

 

 

2005

 

LA MAPPA DELL’EVASIONE/ELUSIONE FISCALE IN ITALIA

 

Il 24,16% (9.659.121 contribuenti) dei contribuenti italiani (39.977.386 sono le dichiarazioni presentate) non paga le tasse

Panorama, Italia a reddito zero

2005

16 maggio 2008

http://blog.panorama.it/economia/2008/05/16/redditi-un-quarto-degli-italiani-dichiara-zero/

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_2_top__regioni-a-reddito-zero.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_3_top__regioni-a-reddito-zero.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_4_top__regioni-a-reddito-zero.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_5_top__regioni-a-reddito-zero.jpg

 

 

 

2004

TOTALE

Imponibile evaso all’anno

€270 Miliardi

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/evasione-fiscale.jpg 

 

2004

TOTALE

Imponibile evaso all’anno

€230-245 Miliardi

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/03/italia_evasione-fiscale3.gif

 

 

Relazione al Parlamento sull’evasione

(Dati riferiti al 2004)

 

TOTALE dell’imponibile evaso

230-250 miliardi di euro

 

TOTALE delle imposte evase

100 miliardi di euro

 

 

Roma, 22 ottobre 2007

http://www.mef.gov.it/web/apri.asp?idDoc=18293

Secondo le stime dell’Istituto Centrale di Statistica (ISTAT), il valore aggiunto dell’economia sommersa, solitamente associata all’evasione, è stato nel nostro paese nel 2004 (l’ultimo anno di riferimento) tra il 16,6 per cento ed il 17,7 per cento dell’intero prodotto interno lordo (PIL); in altri termini, vi sono circa €230-250 miliardi di valore aggiunto non dichiarati (ISTAT, 2006). E l’evasione fiscale è (In termini di gettito, si tratta di almeno 7 punti percentuali di PIL di mancate entrate che, ai livelli attuali di PIL, corrispondono ad una perdita superiore ai €100 miliardi l’anno) anche maggiore raggiungendo il 21 per cento della base imponibile IRAP ed il 33 per cento della base imponibile dell’IVA. Questi livelli di evasione sono fino quattro volte superiori a quelli dei paesi europei più virtuosi. Gli esperti della Banca d’Italia (Zizza, 2002) mostrano che il sommerso durante il periodo tra il 1984 ed il 2000 si attesta tra il 14 ed il 18 per cento del PIL, non lontano dalle stime dell’ISTAT.

 

 

 

 

  Pressione Fiscale

La pressione fiscale a carico degli onesti  

Senza lotta seria all’evasione, la pressione fiscale non potra’ mai diminuire dall’attuale  43,3% del 2007, sebbene il calcolo reale porti la pressione ad oltre il 50% – tra il  50,74%  ed il 52,8%

 

Europa – Italia

Eurostat

1995 – 2005

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/03/italia_pressione-fiscale_4.gif

 

Eurostat

1995 – 2006

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_7.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_6.gif

 

 

Pubblici Dipendenti

2003

3.540.000

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/03/italia_pubblici-dipendenti_2003-dicembre_4.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/04/italia_pubblici-dipendenti_2003-dicembre_10.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/04/italia_pubblici-dipendenti_2003-dicembre_4.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/04/italia_pubblici-dipendenti_2003-dicembre_16.gif

 

Eurispes

2003

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_pubblici-dipendenti_2003_numero_dato-pubblicato-nel-2005_4.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_pubblici-dipendenti_2003_numero_dato-pubblicato-nel-2005_3.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_pubblici-dipendenti_2003_numero_dato-pubblicato-nel-2005_2.gif

 

 

Fannulloni Assenteismo

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/04/italia_pubblici-dipendenti_2005_fannulloni-assenteismo.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/04/italia_pubblici-dipendenti_scuola_scandalo.gif

 

 

Spesa pubblica

1990 – 2007

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/04/italia-debito-pubblico_2008_0000_debito-pil.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_pubblici-dipendenti_2003_numero_dato-pubblicato-nel-2007_00.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/04/italia_debito_pil_2005_spesa-pubblica-amministrazione_1.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/04/italia_debito_pil_2005_spesa-pubblica-amministrazione_2.gif

 

Banca D’Italia

2003 -2006

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_1.gif

 

 

Eurostat

1980 – 2006

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_5.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_6.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_2.gif

 

 

Debito Pubblico

 

Composizione

  2000 – 2007

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_0_mef_btp.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_0_composizione-debito.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_00_composizione-debito.gif

 

 

 

Debito Pubblico – Pil

Europa Italia

Eurostat

 

1995 – 2007

 

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/04/eurostat_italia-debito-pubblico_pil_2007_1.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/04/eurostat_italia-debito-pubblico_pil_2007_2.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/04/eurostat_italia-debito-pubblico_pil_2007_3.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/04/eurostat_italia-debito-pubblico_pil_2007_4.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/04/eurostat_italia-debito-pubblico_pil_2007_5.gif

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_9.gif

 

2003 – 2006

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_debito-pil_-2003_2006_eurostat_principali-aggregati-di-finanza-pubblica_0.gif

 

 

Banca D’Italia

2003 -2007

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/04/italia-debito-pubblico_2008_00000_debito-pil.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_top-00_debito-pil_mef.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_top-000_debito-pil_bdi-gennaio.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_top-0_debito-pil_istat.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_top-00_debito-pil_bdi-gennaio.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_top-00_debito-pil_bdi.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_debito-pil_-2003_2007_istat_principali-aggregati-di-finanza-pubblica.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_8.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_top-d_debito-pil_istat_dicembre-2007.gif

 

 

Mef

Ministero economia e finanza

Relazione unificata

2008

 

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_0.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_1.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_2.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_3.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_4.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_5.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_6.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_7.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_8.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_9.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_10.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_11.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_12.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_13.jpg

 

 

Istat

2007

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_top-b_debito-pil_istat.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_top-a_debito-pil_istat.gif

 

 

Storico

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_00_debito-pil.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_0_debito-pil.gif

 

 

 

Indebitamento – Pil

Banca D’Italia

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_top-0000_debito-pil_bdi-gennaio.gif

 

Eurostat  

1995 – 2006

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_4.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_3.gif

 

  

 

 

Some of My articles

http://blogsearch.google.com/

https://wallstreetrack.wordpress.com/

 

Tag: 1_finanza_analisi Macro
http://wordpress.com/tag/1_finanza_analisi-macro/
Tag: 2_Finanza_Bulls & Bears 
http://wordpress.com/tag/2_finanza_bulls-bears/
Tag: 3_il Risparmio Tradito
http://wordpress.com/tag/3_il-risparmio-tradito/
Tag: 4_Debito & Evasione 
http://wordpress.com/tag/4_debito-evasione/
Tag: E_Lavoro & Pensioni 
http://wordpress.com/tag/e_lavoro-pensioni/
Tag: 6_giustizia Ed Etica
http://wordpress.com/tag/6_giustizia-ed-etica/
Tag: 7_politica Ed Etica
http://wordpress.com/tag/7_politica-ed-etica/
Tag: 8_Sanita’ ed Etica
http://wordpress.com/tag/8_sanita-ed-etica/
Tag: 9_Libera Informazione 
http://wordpress.com/tag/9_libera-informazione/
Tag: A_Tutela degli animali 
http://wordpress.com/tag/a_tutela-degli-animali/
Tag: B_Tutela dell’Ambiente
http://wordpress.com/tag/b_tutela-dellambiente/

 


Competitivita’ nel mondo: Italia agli ultimi posti

sabato, maggio 17, 2008

 

Competitivita’

 

Imd

(International Institute for Management Development)

The IMD – World Competitiveness Yearbook (WCY)

– 2007-

Italia –  46° on 55 countries dal 42° del 2006 –

May 15, 2008

http://www.imd.ch/index.cfm?bhcp=1

 

 

Global Competitiveness Network Growth Index

GCI

World economic forum

Report 

was released on

31 October 2007

Geneva, Switzerland

 

Global Competitiveness Network Growth Index

2007/2008

Italy – 46° – Score 4,36  –

 

 

Business Competitiveness Index

2007/2008

Italy – 42°  – 2007

 

Italy

The Most Problematic Factors for Doing Business

 

 

 

Global Competitiveness Network Growth Index

42° – 2006 –

38° – 2005 –

47° – 2004 –

32° – 2003 –

http://www.weforum.org/

 

 

Global Competitiveness Network Growth Index

 

Italy – 42°2006

 

 

 

 

 

Competitivita’

 

Imd

(International Institute for Management Development)

The IMD – World Competitiveness Yearbook (WCY)

– 2007-

Italia –  46° on 55 countries dal 42° del 2006 –

May 15, 2008

 

 

ECONOMIA: COMPETITIVITA’, BENE LA ROMANIA, MALE L’ITALIA CHE INDIETREGGIA

AL 46/MO DAL 42/MO POSTO IN CLASSIFICA 

Italy 46° on 55 countries

 

COMPETITIVITA’

 

PRIMI 10 PAESI (e posizione precedente):

 

1) Usa (1)

2) Singapore (2)

3) Hong Kong (3)

4) Svizzera (6)

5) Lussemburgo (4)

6) Danimarca (5)

7) Australia (12)

8) Canada (10)

9) Svezia (9)

10) Paesi Bassi (8)

 

ULTIMI 10 PAESI (e posizione precedente):

 

46) Italia (42)

47) Russia (43)

48) Turchia (48)

49) Croazia (53)

50) Messico (47)

51) Indonesia (54)

52) Argentina (51)

53) Sud Africa (50)

54) Ucraina (46)

55) Venezuela (55)

 

 

L’Italia perde ben quattro posizioni nella classifica sulla competitività stilata come ogni anno dall’Imd (International Institute for Management Development, con sede a Losanna in Svizzera). Classifica che vede ancora saldamente al primo posto gli Usa, Singapore, Hong Kong e la Svizzera, che guadagna due posizioni fino al quarto posto. Il Belpaese passa invece dalla 42/ma posizione dell’anno scorso alla 46/ma di quest’anno. Si colloca così sempre più in fondo alla classifica dei 55 paesi presi in esame e anche la Romania, la Polonia, il Brasile, la Grecia, solo per fare alcuni esempi, la battono. Peggio dell’Italia si trovano invece la Russia (47/mo posto), la Turchia (48/mo) e la Croazia (49/mo). Una brutta sorpresa insomma dopo l’ottima performance dell’anno scorso che aveva visto l’Italia in netto recupero: nel 2007 era passata infatti dal 48/mo al 42/mo posto della classifica, segnando una delle migliori performance economiche. Ma quest’anno la ‘musica’ è diversa e l’Imd ricorda le sfide principali che l’Italia ha di fronte: aumentare l’efficienza dello Stato portando avanti le riforme istituzionali, promuovere la competitività attraverso la riforma delle regole, la liberalizzazione dei mercati, le privatizzazioni e la riduzione delle tasse. Ma l’Italia ha anche bisogno di accelerare la semplificazione legislativa, di rafforzare le infrastrutture e l’impegno in ricerca e innovazione senza dimenticare la riforma della scuola che punti con più decisione a promuovere le materie tecnico-scientifiche. Tra le singole voci che portano poi al ‘voto’ finale l’Imd riconosce, ad esempio, un miglioramento del deficit e un miglioramento dei servizi e della distribuzione delle infrastrutture. Ma restano sempre problemi come, ad esempio, la crescita che diminuisce, oppure la capacità di decisione del Governo. Tutti problemi di non facile soluzione che spingono l’Italia sempre più in basso: in particolare, oltre a scendere al 46/mo posto alla voce generale ‘competitivita”, l’Italia arretra anche per la ‘performance economica’ (al 45/mo posto contro il 39/mo dell’anno scorso); per ‘l’efficienza del governò (al 53/mo posto contro il 51/mo dell’anno scorso). Qualche punto in più lo si guadagna invece per la capacità di promuovere ‘business’ (dal 47/mo posto risaliamo al 46/mo ma siamo comunque in fondo alla classifica) e per le infrastrutture: dal 35/mo al 33/mo posto.  

 

 

 

Imd

(International Institute for Management Development)

http://www.imd.ch/index.cfm?bhcp=1

Publications

The IMD – World Competitiveness Yearbook (WCY)

The 2007 results highlight a big shake-up in World Competitiveness. 

Italy 46° on 55 countries

May 15, 2008

 

 

 

The IMD World Competitiveness Yearbook (WCY) is the world’s most renowned and comprehensive annual report on the competitiveness of nations, ranking and analyzing how a nation’s environment creates and sustains the competitiveness of enterprises.

 

The IMD World Competitiveness Yearbook measures 55 countries on the basis of 323 criteria.

 

The world’s most renowned and comprehensive annual report on the competitiveness of nations, our yearbook ranks and analyzes how a nation’s environment creates and sustains the competitiveness of enterprises.

 

The IMD World Competitiveness Yearbook 2007 (WCY) analyses and ranks the ability of nations to create and maintain an environment that sustains the competitiveness of enterprises. Considered the worldwide reference point to world competitiveness, it has been published without interruption since 1989 and ranks 55 national economies using 323 criteria. The WCY is an indispensable tool for business leaders, government and academia.

World Competitiveness has never been as dynamic as this year! None of the 55 economies covered in the WCY is in recession (average growth is 5%).

The US is still number one but other nations are catching up quickly – Switzerland, The Netherlands, Sweden, China and Germany are on the way up. Looking at the past 10 years’ evolution of competitiveness performance, new competitive powers clearly emerge and will shake up future rankings. Who are they?

Again this year, the United States is first in the rankings of the 2008 IMD World Competitiveness Yearbook, a pioneer in ranking and analyzing how nations compete and manage their path to prosperity.

But will the United States’ run continue? In 1989, Japan seemed firmly in the number one position with the US in third. By 1994, however, the US took over leadership, a position it has held ever since. The downfall of Japan in competitiveness bears some similarities with the present situation. Will the US follow the same path?

In our 20th Anniversary edition this year, we may be seeing the US in the number one position for the last time! Singapore is closing the gap (score of 99.3) with the US and 2008 might be the turning point where the US falls from its leadership of top competitors. Will the country rebound and regain its famous competitive advantages?

Looking back over the 20-year history of competitiveness, we may learn some lessons from another leading country’s experience – Japan (see the article on the following page).

Towards a US remake of the Japanese tragedy?
(All quotes can be attributed to Professor Stéphane Garelli, IMD)

“In 1989, when we first published our ranking on competitiveness, Japan was firmly in the number one position, while the US was third. Japan’s competitiveness seemed unassailable, with a strong domination in economic dynamism, industrial efficiency and innovation. Then all hell broke loose: the stock market went into reverse in 1989, land prices collapsed in 1992, credit cooperatives and regional banks came under attack in 1994, large banks teetered on the edge of bankruptcy in 1997 and a major credit crunch occurred in 1998. Does this ring a bell?

The past crisis in Japan bears some resemblance with the present turmoil in the US. It followed a period of economic boom, real estate price follies and exuberant assets expansion. In addition, the liberalization of financial instruments took place without the appropriate regulatory environment; corporate governance was inadequate with little accountability and transparency; and the government was quickly overwhelmed by the magnitude of the crisis.

The price? The crisis in Japan spread from the stock market to real estate and then developed into a credit crunch and finally into a major crisis of the financial system. As a consequence, no bank was too big to fail! The resulting cost of bailing out the financial system was huge: 15% to 20% of GDP over a 10-year period. Deflation spiralled down and interest rates dropped all the way to zero. The Japanese economy stagnated for a decade. Frightening… Will this happen to the US? Once it starts, the logic of a financial crisis seems hardly stoppable.

On the other hand, the differences between the two economic societies are quite large. Apart from a few notable successes (Canon, Toyota, etc.), by the 1990s, much of Japanese industry was in a paralyzed state. The Japanese never practiced “creative destruction”. The US, because of its openness, resilience and entrepreneurship, always seems to find the means to reinvent itself in ways that Japan (and much of Europe) often lacks.

In addition, the US has a few trumps in hand: the Japanese breakdown of the 1990s provides some forewarning. The Federal Reserve and the Treasury were thus quick to realize the magnitude of the risk, and will continue to take drastic action.

Central banks are supplying massive liquidities to financial markets and act as lenders of last resort (e.g. in swapping mortgage-backed assets); emerging sovereign wealth funds seem to be willing to recapitalize financial institutions (such as CITI, Merrill Lynch or UBS); and the global economy is still buoyant (110 countries grew over five percent in 2007).

Will it be enough? The structural deficits in the US (balance of trade, budget and, as a consequence, national debt) have ultimately to be addressed otherwise the dollar will remain weak. A recession in the US is a strong possibility.

Will it last and will it spread? In both cases the answer is yes… The financial sector represents 40% of US corporate profits. In addition, the IMF reckons that a 1% fall in US growth cuts European growth by 0.5%. Furthermore, high raw material and food prices trigger imported inflation at a time of low interest rates – pretty nasty… 2008 will be rough.

In the 20 years that we have ranked and analyzed competitiveness, we have learned one thing: no nation, however competitive, is immune to a breakdown, especially when it stems from the financial sector. In the words of Benjamin Franklin: “even a small hole can sink a big ship…”

 

 

WHAT IS THE IMD WORLD COMPETITIVENESS YEARBOOK?

 

The IMD World Competitiveness Yearbook is the most reputable and comprehensive report on the competitiveness of nations published since 1989. It provides several customized rankings, whether by size, by wealth, by regions, etc. as well as country competitiveness profiles and analysis. The Overall Competitiveness Scoreboard is calculated by combining four factors of competitiveness:

  1. Economic Performance,

  2. Government Efficiency,

  3. Business Efficiency

  4. Infrastructure.

 

WHAT MEASURES THE IMD WORLD COMPETITIVENESS YEARBOOK?

 

• Competitiveness of 55 economies, based on 331 criteria
• Focuses primarily on Hard data (2/3 from international, regional and national sources)
• Survey data (1/3) – from our annual WCY Executive Opinion Survey 2008
• Published annually since 1989 and updated on a regular basis on-line
• Worldwide reference point with objective benchmarking
• Reliable and up-to-date data with unique network of 52 Partner Institutes worldwide

 

WHAT IS IMD?

IMD, a business school in Lausanne, Switzerland, is recognized as one of the world leaders in executive education. For over 60 years IMD has worked with leading global companies to develop and retain management talent. IMD is the “global meeting place”: the most international of business schools worldwide.

 

 

 

 

 

 

IMF

World Economic Outlook

Il Fondo monetario internazionale boccia l’Italia

 

IMF

International Monetary fund

Fondo monetario internazionale

http://www.imf.org/external/index.htm

World Economic Outlook (Weo)

2008-2009

IMF Predicts Slower World Growth Amid Serious Market Crisis

World growth will slow to 3.7 percent in 2008, in wake of financial crisis

United States, other advanced economies lead slowdown

Emerging economies are likely to weather storm better, but not insulated

April 9, 2008

  

 

 

 

Citing the unfolding financial market turmoil as the biggest downside risk to the global economy, the April 2008 report said the IMF expects world growth to slow to 3.7 percent in 2008—0.5 percentage point lower than what was forecast in the January 2008 World Economic Outlook Update. Further, world growth would achieve little pickup in 2009, and there is a 25 percent chance that the global economy will record 3 percent or less growth in 2008 and 2009, equivalent to a global recession, according to the forecast, released on April 9.

The report has marked down sharply its U.S. forecast for 2008 to 0.5 percent—1 percentage point lower than what was forecast in January 2008 and down from a 2.2 percent growth rate in 2007 (see table).

The euro area is now estimated to grow at 1.4 percent in 2008—compared with 2.6 percent in 2007—and the United Kingdom at 1.6 percent—compared with 3.1 percent in 2007.

China and India—which grew at 11.4 percent and 9.2 percent in 2007, respectively—are projected to grow at 9.3 percent and 7.9 percent, respectively, in 2008. Other emerging and developing economies, including in Africa and Latin America, are also expected to maintain robust growth rates.

 

 

 

Rapporto economico globale del Fondo monetario internazionale

2008-2009

Il Fondo boccia l’Italia, maglia nera in Europa

Il Pil crescerà solo dello 0,3% in entrambi gli anni 2008-2009

FMI: TAGLIO STIME; CRESCITA MONDO 2008-2009

=========================================

Tabella del World Economic Outolook

(fra parentesi le variazioni rispetto alle stime dello scorso gennaio)

PIL 2008 PIL 2009

MONDO +3,7% (-0,5%) +3,8% (-0,6%)

USA +0,5% (-1,0%) +0,6% (-1,2%)

REGNO UNITO +1,6% (-0,2%) +1,6% (-0,8%)

GIAPPONE +1,4% (-0,1%) +1,5% (-0,2%)

RUSSIA +6,8% (+0,2%) +6,3% (-0,2%)

CINA +9,3% (-0,7%) +9,5% (-0,5%)

INDIA +7,9% (-0,5%) +8,0% (-0,2%)

EUROLANDIA +1,4% (-0,2%) +1,2% (-0,7%)

ECONOMIE AVANZATE +1,3% (-0,6%) +1,3% (-0,8%)

GERMANIA +1,4% (-0,1%) +1,0% (-0,7%)

FRANCIA +1,4% (-0,1%) +1,2% (-1,0%)

SPAGNA +1,8% (-0,6%) +1,7% (-0,8%)

ITALIA +0,3% (-0,5%) +0,3% (-0,7%)

=========================================

MONDO +3,7% (-0,5%) +3,8% (-0,6%)

EUROLANDIA +1,4% (-0,2%) +1,2% (-0,7%)

ECONOMIE AVANZATE +1,3% (-0,6%) +1,3% (-0,8%)

 

 

 

Fmi: riduce crescita mondo, rischio recessione globale – Per crisi mutui, pil 2008 solo +3,7% – La crescita mondiale rallenta per la crisi dei mutui subprime. Lo afferma il Fondo Monetario Internazionale nel World Economic Outlook. Nel 2008 il pil del mondo salira’ solo del 3,7%, cioe’ lo 0,5% in meno rispetto alle previsioni di gennaio. Secondo il Fmi ‘ci sono il 25% di possibilita’ che la crescita mondiale scenda al 3%, o sotto, nel 2008 e nel 2009, e questo equivale a una recessione globale’.

USA +0,5% (-1,0%) +0,6% (-1,2%)

L’economia statunitense finirà “in una recessione leggera” nel 2008, cioé registrerà due o più trimestri di contrazione dell’economia. Il pil americano quest’anno che salirà solo dello 0,5%. Lo prevede il Fondo Monetario Internazionale nel suo World Economic Outlook, sottolineando che nel 2009 ci sarà una “modesta ripresa”. Negli Usa la correzione in atto sul mercato immobiliare rimarrà motivo di incertezza per i mercati finanziari, aggiunge il Fmi, evidenziando comunque come tutte le economie avanzate si troveranno a fronteggiare serie conseguenze nel caso in cui le eventuali pesanti perdite delle banche e un ulteriore calo di fiducia dovessero trasformare la stretta del credito in credit crunch

FMI: PER DOLLARO DEPREZZAMENTO MAGGIORE POST BRETTON-WOODS – MONETA AMERICANA RESTA PERO’ ANCORA FORTE – Dal 2002 il dollaro si è deprezzato di circa il 25%: si tratta del maggior deprezzamento della valuta americana dall’era post Bretton-Woods, ma il dollaro resta ancora abbastanza sopravalutato. Lo rileva il Fondo Monetario Internazionale (Fmi), mettendo in evidenza che si giudica l’euro arrivato a una valutazione forte. Alla base del deprezzamento del dollaro ci sono vari fattori:

  • la crescita dei paesi emergenti,

  • il ciclo economico statunitense,

  • i prezzi del petrolio

  • e il mercato finanziario.

 

Dalla metà del 2007, gli andamenti ciclici e finanziari hanno intensificato il deprezzamento del dollaro. Le turbolenze sui mercati – aggiunge il Fmi – hanno intensificato l’incertezza sulla valutazione e sulla liquidità degli asset Usa. Allo stesso tempo, l’aumento della debolezza della crescita americana, i tagli dei tassi di interesse e le aspettative di ulteriori riduzioni del costo del denaro hanno pesato sulla valuta statunitense”. La continua percezione dei rischi al ribasso hanno aumentato “le riflessioni sul ruolo del dollaro come valuta primaria delle riserve mondiali”, aggiunge il Fondo, osservando come i fondi sovrani hanno aiutato a stabilizzare i mercati e a supportare il dollaro .

 

ITALIA +0,3% (-0,5%) +0,3% (-0,7%)

 

Economia ferma e Pil bloccato allo 0,3%, per essere ancora più chiaro significa crescita zero. E’ uno scenario spietato e senza speranze quello che emerge dal Rapporto economico globale del Fondo monetario internazionale: la crescita del Pil del Belpaese non andrà oltre lo 0,3% nel 2008 e nel 2009 contro lo 0,6% fissato nelle ultime stime ufficiali del Governo. Un taglio rispettivamente dello 0,5% e dello 0,7% rispetto a quanto l’istituto di Washington prevedeva a gennaio. Tutto ciò vale al nostro Paese la maglia nera in Europa: la media è prevista attestarsi all’1,4% quest’anno e all’1,2% il prossimo. Meglio dell’Italia faranno tutte le grandi economie del vecchio continente: la Germania, che può sperare in un aumento del prodotto pari all’1,4% nel 2008 e all’1% nel 2009; la Francia, che il Fondo stima in crescita rispettivamente dell’1,4% e dell’1,2% nei due anni; la Spagna, che dovrebbe spuntare un +1,8% quest’anno e un +1,7% il prossimo. E fuori dell’area dell’euro correrà di più la Gran Bretagna destinata a crescere dell’1,6% in entrambi gli anni di riferimento.

FMI: C’E’ SPAZIO PER TAGLIO TASSI DA PARTE BCE – La crisi dei mutui subprime però morde ovunque e, secondo l’Fmi, il prevedibile raffreddamento dell’inflazione legato al rallentamento economico puo aprire alla Bce lo spazio per un taglio dei tassi, la Bce può permettersi di ammorbidire la propria politica monetaria

Il Fondo per l’Italia un’inflazione in media annua di 2,5% nel 2008 e 1,9% nel 2009, rispetto a medie di 2,8% sopra il target della Bce (2%) nel 2008, e 1,9% per la zona euro rispettivamente.

L’Italia ha chiuso il 2007 con un disavanzo pubblico in netto calo all’1,9% del Pil. Ma Roma non può cullarsi sugli allori, dal momento che gli esperti del Fondo si attendono un nuovo peggioramento del deficit strutturale nel 2008 in Italia, indicando a fine 2008 un disavanzo di 2,5% del Pil sia nel 2008 che nel 2009, e un debito a 103,6% (diversamente da cio’ che il Governo ha previsto, rispettivamente, a 2,4% quest’anno, mentre il debito al 103,0% del Pil)  e nel 2009 al 104%.

Sul fronte del mercato del lavoro, il tasso di disoccupazione (calcolato come percentuale sulla forza lavoro) è visto in marginale ma progressivo calo a 5,9% nel 2008 e 5,8% nel 2009

 

 

FMI: peggiorano le previsioni ufficiali sulla crisi finanziaria.

 

Il Fondo monetario internzionale calcola che  le perdite totali sui mercati legate alla crisi dei mutui potrebbero raggiungere l’impressionante cifra di  $945 miliardi:

  • la caduta dei prezzi immobiliari negli Usa (con perdite pari a circa $65 miliardi),

  • l’ammontare dei mutui non pagati (con perdite pari a circa $500 miliardi),  la caduta dei prezzi immobiliari negli Usa e l’ammontare dei mutui non pagati potrebbe portare a perdite globali per 565 miliardi di dollari’,

  • alle quali si aggiungerebbero altre perdite (pari a circa $380 miliardi) di prestiti e titoli legati al real estate commerciale,

potrebbero portare a perdite globali kolossal pari a circa $945 miliardi

 

E’ ormai chiaro che le turbolenze attuali non sono solo un fenomeno legato alla liquidita’, ma si spiegano con la fragilita’ dei bilanci e i deboli capitali di base. Il che significa che i suoi effetti possono essere piu’ generalizzati, profondi e prolungati’, constatando come gli interventi della Fed e della Bce hanno contribuito a ridurre la volatilita’ dei tassi di interesse sul mercato monetario. Pur apprezzando il ruolo giocato dalle maggiori banche centrali, il Fmi invita gli istituti a riflettere sulle modalita’ della concessione del credito. In particolare, dovrebbero fissare dei principi di valutazione delle garanzie per evitare i rischi di rarefazione del credito e di liquidita’. Dovrebbero poi – aggiunge il Fondo – costituire, “in periodi normali, una platea di controparti bancarie ammesse a ricevere liquidità nei periodi difficili”. Inoltre “le banche centrali devono assicurarsi un accesso continuo alle informazioni sulle diverse banche per poter così giudicare in tutta indipendenza la salute delle potenziali controparti. E’ necessario rafforzare lo scambio di informazioni e il coordinamento a livello internazionale”.

 

 

 

Marco

 

dott. Marco Montanari

U.S. Equities Trader

mailto: marcomontanari@iol.it

 


U.S. Home Prices:nel 1 trimestre crollo dei prezzi

mercoledì, maggio 14, 2008

 

  Leggi il seguito di questo post »


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.