Italia Debito Pubblico e Rating: La Spesa della Pubblica Amministrazione

 

 

 

Debito Pubblico e Spesa pubblica

Vedi anche:

Debito Pubblico – Anno 2007 

https://wallstreetrack.wordpress.com/2008/03/12/debito-pubblico-anno-2007/#more-1754

 

  2006

 

 

 

Istat

2006

Rapporto debito/Pil 

Italia e’ salito al 106,5% (dato rettificato nel 2008) dal 106,2% del 2005

 

 

DEBITO PUBBLICO ITALIANO IN % SUL PIL serie storica fino al 2000

 

 

 

Debito pubblico/PIL: la riclassificazione dal 2003 al 2006

http://www.dt.tesoro.it/Aree-Docum/Debito-Pub/Ammontare-Titoli-di-Stato-e-Debito-Pubblico.doc_cvt.htm

2003  104.3% PIL

2004  103.8% PIL

2005  106.2% PIL

2006  106.5% PIL (rettificato dal 106.8% in Marzo 2008)

 

 

Debito pubblico/PIL: 2007 e previsioni al 2010

2007  104.0% PIL

2008  105.0% PIL

2009  103.5% PIL

2010  100.7% PIL

 

 

 

Anno

Debito Pubblico

PIL

Miliardi di euro

2002

1.367,169

1.295,226

2003

1.392,278

1.335,354

2004

1.442,997

1.390,539

2005

1.510,926

1.423,048

2006

1.575,6

1.479,0

 

 

 

Debito Pubblico Italiano in % sul PIL serie storica dal 1993 al 2002

1993 118.2%  PIL

1994 124.3%  PIL

1995 123.8%  PIL

1996 122.7%  PIL

1997 120.2%  PIL

1998 116.4%  PIL

 

 

Debito pubblico/PIL: la riclassificazione dal 1999 al 2002

http://www.tesoro.it/web/cs/viewpre.asp?idc=2234&forPrint=y

1999 114.9%  PIL

2000 110.6%  PIL

2001  109.5% PIL

2002  106.7% PIL

 

Debito Pubblico Italiano in % sul PIL

Note sul debito pubblico italiano
dal 1885 al 2000

1885 – 2000 Media storica

Media 78,9%

Media escluse Guerre 73.9%

http://www.delpt.unina.it/stof/15_pdf/15_5.pdf

 

 

 

Debito Pubblico Italiano in % sul PIL serie storica dal 1972 al 1998

( dal 1999 al 2006 sono stati retificati come sopra)

 

Quello che ha contribuito all’aumento del debito pubblico italiano: Andreotti (in migliaia di miliardi di lire di debito  fino al 1979, in milioni di miliardi di lire dal 1989 in poi fino al 2000, poi dal 2002 in euro)

1972 Governo Andreotti 42.614 mila miliardi di lire di debito………..53.1%

1973 Governo Andreotti-Rumor 53.246 mila miliardi di lire ………….55.1%

1974 Governo Andreotti-Rumor ……………………………………………54.5%

1975 Governo Andreotti-Rumor ……………………………………………60.5%

1976 Governo Moro-Andreotti 102.446 mila miliardi di lire …………..58.5%

1977 Governo Andreotti 124.044 mila miliardi di lire ………………….58.3%

1978 Governo Andreotti 158.406 mila miliardi di lire ………………….63.3%

1979 Governo Andreotti-Cossiga 190.979 mila miliardi di lire ………62.4%

1980 Governo Andreotti-Cossiga  ………………………………………..57.7%

1981 Governo Andreotti-Cossiga ……………………………………….. 59.9%

1982 Governo Andreotti-Cossiga …………………………………………64.7%

1983 Governo Andreotti-Cossiga …………………………………………70.8%

1984 Governo ……………………………………………………………….  76.3%

1985 Governo  ………………………………………………………………. 82.7%

1986 Governo  ………………………………………………………………. 86.5%

1987 Governo  ………………………………………………………………. 90.6%

1988 Governo …………………………………………………………………92.9%

1989 Gov De Mita-Andreotti 1.141.658 milioni di miliardi di lire…… 95.8%

1990 Governo Andreotti 1.284.605 ……………………………………….97.2% 

1991 Governo Andreotti 1.449.147 ……………………………………..100.5%

1992 Governo Andreotti-Amato 1.633.770 …………………………….107.7%

 

 

 

World Public Debt

2006

CIA world factbook

https://www.cia.gov

Rank – Country – Public debt (% of GDP) –  Date of Information

1 Lebanon  190.20  2006 est.
2 Japan  177.60  2006 est.
3 Jamaica  137.10  2006 est.
4 Seychelles  134.40  2006 est.
5 Egypt  113.40  2006 est.
6 Italy 106.70  2006 est.
7 Singapore  98.30  2006 est.
8 Zimbabwe  96.40  2006 est.
9 Sri Lanka  93.00  2006 est.
10 Belgium  88.80  2006 est.
11 Israel  84.90  2006 est.
12 Nicaragua  83.10  2006 est.
13 Cote d’Ivoire  82.50  2006 est.
14 Greece  82.40  2006 est.
15 Bhutan  81.40  2004
16 Ethiopia  80.30  2006 est.
17 Uruguay  72.10  2006 est.
18 Jordan  69.80  2006 est.
19 Germany  67.80  2006 est.
20 Canada  67.70  2006 est.
21 Morocco  67.40  2006 est.
22 Mauritius  66.40  2006 est.
23 Portugal  65.30  2006 est.
24 Hungary  64.90  2006 est.
25 Cyprus  64.80  2006 est.
26 United States  64.70  2005 est.
27 France  64.20  2006 est.
28 Argentina  64.00  2006 est.
29 Philippines  63.80  2006 est.
30 Sudan  63.20  2006 est.
31 Austria  62.10  2006 est.
32 India  60.00  2006 est.
33 Turkey  59.80  2006 est.
34 Panama  58.40  2006 est.
35 Colombia  56.80  2006 est.
36 Tunisia  55.70  2006 est.
37 Pakistan  55.10  2006 est.
38 Serbia  53.10  2005 est.
39 Costa Rica  51.80  2006 est.
40 Switzerland  51.00  2006 est.
41 Netherlands  49.40  2006 est.
42 Gabon  49.10  2006 est.
43 Kenya  48.50  2006 est.
44 Ghana  48.00  2006 est.
45 Sweden  47.80  2006 est.
46 Papua New Guinea  47.00  2006 est.
47 Aruba  46.30  2005
48 Croatia  46.10  2006 est.
49 Brazil  46.00  2006 est.
50 Poland  45.50  2006 est.
51 Vietnam  43.80  2006 est.
52 Dominican Republic  43.30  2006 est.
53 United Kingdom  42.70  2006 est.
54 Malaysia  42.30  2006 est.
55 Macedonia  41.50  2006 est.
56 Norway  41.20  2006 est.
57 Thailand  41.20  2006 est.
58 El Salvador  41.10  2006 est.
59 Spain  39.90  2006 est.
60 Bangladesh  39.60  2006 est.
61 Malawi  39.40  2006 est.
62 Finland  38.90  2006 est.
63 Indonesia  38.60  2006 est.
64 Syria  37.90  2006 est.
65 Trinidad and Tobago  37.50  2006 est.
66 Zambia  35.70  2006 est.
67 Slovakia  35.00  2006 est.
68 Taiwan  34.60  2006 est.
69 Honduras  33.60  2006 est.
70 South Africa  33.30  2006 est.
71 Ecuador  33.00  2006 est.
72 Peru  32.60  2006 est.
73 Saudi Arabia  32.20  2006 est.
74 Iceland  31.50  2006 est.
75 Bahrain  31.00  2006 est.
76 Namibia  30.70  2006 est.
77 Denmark  30.10  2006 est.
78 Moldova  30.00  2006 est.
79 Yemen  29.20  2006 est.
80 Paraguay  27.80  2006 est.
81 Tanzania  27.80  2006 est.
82 Czech Republic  27.50  2006 est.
83 Qatar  26.80  2006 est.
84 Angola  26.60  2006 est.
85 Bulgaria  26.20  2006 est.
86 Slovenia  25.80  2006 est.
87 Korea, South  25.20  2006 est.
88 Ireland  24.90  2006 est.
89 Uzbekistan  24.80  2006 est.
90 Cameroon  24.40  2006 est.
91 Venezuela  24.30  2006 est.
92 Iran  23.60  2006 est.
93 Bosnia and Herzegovina  23.40  2006 est.
94 Mexico  23.30  2006 est.
95 Guatemala  23.20  2006 est.
96 Mozambique  23.20  2006 est.
97 China  22.10  2006 est.
98 New Zealand  21.20  2006 est.
99 Uganda  19.40  2006 est.
100 Romania  18.30  2006 est.

 

This page was last updated on 13 December, 2007

 

Debt – external

CIA world factbook

This entry gives the total public and private debt owed to nonresidents repayable in foreign currency, goods, or services. These figures are calculated on an exchange rate basis, i.e., not in purchasing power parity (PPP) terms.

Rank – Country – Debt external  – Date of Information

1 World  $ 43,420,000,000,000  2004 est.
2 United States  $ 10,040,000,000,000  30 June 2006 est.
3 United Kingdom  $ 8,280,000,000,000  30 June 2006
4 Germany  $ 3,904,000,000,000  30 June 2006
5 France  $ 3,461,000,000,000  30 June 2006
6 Italy  $ 1,957,000,000,000  30 June 2006 est.
7 Netherlands  $ 1,899,000,000,000  30 June 2006
8 Japan  $ 1,547,000,000,000  30 June 2006
9 Ireland  $ 1,392,000,000,000  30 June 2006
10 Switzerland  $ 1,077,000,000,000  30 June 2006
11 Belgium  $ 1,053,000,000,000  30 June 2006 est.
12 Spain  $ 996,700,000,000  2006 est.
13 Canada  $ 684,700,000,000  30 June 2006
14 Australia  $ 628,100,000,000  2006 est.
15 Sweden  $ 598,200,000,000  30 June 2006
16 Austria  $ 594,300,000,000  October 2006 est.
17 Denmark  $ 405,000,000,000  30 June 2006
18 Portugal  $ 368,200,000,000  2006 est.
19 Norway  $ 350,300,000,000  30 June 2006
20 China  $ 315,000,000,000  2006 est.
21 Russia  $ 282,300,000,000  2006 est.
22 Finland  $ 251,900,000,000  30 June 2006
23 Turkey  $ 207,400,000,000  2006 est.
24 Brazil  $ 191,200,000,000  2006 est.
25 Korea, South  $ 187,200,000,000  2006 est.
26 Mexico  $ 164,700,000,000  2006 est.
27 India  $ 131,100,000,000  2006 est.
28 Indonesia  $ 130,200,000,000  2006 est.
29 Poland  $ 121,500,000,000  2006 est.
30 Argentina  $ 109,700,000,000  2006 est.
31 Taiwan  $ 91,920,000,000  2006 est.
32 Israel  $ 83,010,000,000  2006 est.
33 Hungary  $ 82,020,000,000  2006 est.
34 Greece  $ 81,050,000,000  2006 est.
35 Kazakhstan  $ 73,450,000,000  2006 est.
36 Hong Kong  $ 72,790,000,000  2006 est.
37 Philippines  $ 62,440,000,000  2006 est.
38 Thailand  $ 59,930,000,000  2006 est.
39 Czech Republic  $ 55,470,000,000  2006 est.
40 Iraq  $ 54,460,000,000  2006 est.
41 Romania  $ 54,390,000,000  2006 est.
42 Malaysia  $ 50,470,000,000  2006 est.
43 Chile  $ 47,710,000,000  2006 est.
44 Saudi Arabia  $ 46,600,000,000  2006 est.
45 New Zealand  $ 45,810,000,000  2006 est.
46 Venezuela  $ 41,400,000,000  2006 est.
47 Ukraine  $ 39,190,000,000  2006 est.
48 Colombia  $ 38,470,000,000  2006 est.
49 United Arab Emirates  $ 38,310,000,000  2006 est.
50 Pakistan  $ 36,240,000,000  2006 est.

 

 

 

 

DEBITO PUBBLICO IN % SUL PIL E ALTRI INDICATORI NEI PAESI DELL’ UNIONE EUROPEA

 

 

 

 TOTALE SPESA PUBBLICA 

in miliardi di euro e in % sul PIL

2005

 

 

 

TOTALE SPESA PUBBLICA  

IN MILIARDI DI EURO ED IN % SUL PIL

TOTALE SPESA PUBBLICA   687.2   48,48%

TOTALE SPESA PUBBLICA  AL NETTO DI INTERESSI   622.7    43,90%

SPESA CORRENTE    630,2    44.50%

SPESA CORRENTE AL NETTO DI INTERESSI    565,7    39.91%

TOTALE SPESA PUBBLICA INTERESSI    64,5      4.55%

TOTALE SPESA PUBBLICA IN CONTO CAPITALE  57,02    4.02%

 

 

Fonte: Ministero dell’Economia e delle Finanze – Notifica del deficit e del Debito Pubblico

http://www.dt.tesoro.it/Aree-Docum/Debito-Pub

/DebitoPIL.htm_cvt.htm

 

 

Ministero del Tesoro

glossario

http://www.euro.tesoro.it/prepararsi/glossario.asp 

 

Istat

 

http://www.delpt.unina.it/stof/15_pdf/15_5.pdf

http://www.istat.it/salastampa/comunicati/

non_calendario/20070222_00/

http://www.istat.it/salastampa/comunicati

/non_calendario/20060630_00/

http://www.istat.it/salastampa/comunicati/

non_calendario/20060630_00/testointegrale.pdf

 

 

 

G. M. Rey: “I conti economici dell’Italia: un’analisi delle fonti ufficiali”, vol. I della “Serie statistiche storiche” della “Collana storica della Banca d’Italia”, Laterza, Roma – Bari, 1991.

 

 

N. Rossi, A. Sorgato e G. Toniolo: “I conti economici italiani: una ricostruzione statistica”, in “Rivista di storia economica”, Einaudi, Torino, 1993, vol. 10, fasc. 1, pagg. 1-47

 

 

 

ITALIA_PUBBLICI DIPENDENTI E LA SPESA PUBBLICA

 

Pubblici Dipendenti

 

2005

 

3.630.000

 

2003

 

3.540.496

 

 

 

 

Pubbico impiego: come avevo gia’ scritto mesi fa’, i costi totali del pubblico impiego sono pari all’11% del Pil, lo conferma oggi la Cgia

 

 

Totale costo del lavoro  del personale pubblico delle Amministrazioni pubbliche (all’interno del cd CONTO DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE relativi ai DIPENDENTI PUBBLICI) voce contenuta nelle spese correnti per consumi finali delle Amministrazioni pubbliche, nel 2006 hanno registrato un aumento del +4,08%  a  162,999 miliardi di euro ( Retribuzioni lorde  del personale pubblico pari a 111,32 miliardi di euro + Contributi e Spese per la formazione del personale pari a 51,67 miliardi di euro) rispetto ad una crescita del +4,5% a 156,6 miliardi di euro dell’anno precedente che contiene, ai fini del presente calcolo, anche gli aumenti retributivi determinati dal rinnovo dei contratti per il biennio 2004-2005, sottoscritti in massima parte nel 2006. Alla crescita hanno contribuito alcuni rinnovi contrattuali, tra cui quelli delle regioni e degli enti locali, della sanità, degli enti di ricerca e dell’università.

 

Il costo dei dipendenti pubblici pari al 162,99 miliardi rappresenta l’11.05% (dal 10,4% sul Pil del 2005) dell’intera’ produttivita’ del Paese ( PIL = 1.475,0 miliardi di euro nel 2006) nonche’ il 21.88% dell’intera spesa pubblica della PA  nel 2006 ( 744,7 miliardi di euro ).

 

 

 

2005

 

Retribuzioni lorde  del personale pubblico 106,95 miliardi di euro
Totale costo del lavoro  del personale pubblico 156,6 miliardi di euro

 

 

In Germania tra il 2000 e il 2006 I costi totali del pubblico impiego nel 2006 in percentuale del Pil sono scesi al 7,2% dall’8,1%, ovvero circa 17 miliardi di euro in meno. In Italia ci sono 61 dipendenti pubblici ogni mille abitanti, mentre in Germania sono 54 ogni mille.

 

Altrettanto impietoso e’ il risultato che emerge dal confronto sulla distribuzione tra i vari livelli istituzionali dei lavoratori pubblici. Se in Italia il 56% e’ alle dipendenze dello Stato centrale (e l’altro 44% e’ impiegato tra Regioni ed Enti locali), in Germania solo l’11% lavora per lo Stato centrale e l’altro 89% e’ distribuito tra i Lander e le amministrazioni locali.

 

Debito pubblico è pari al valore nominale di tutte le passività lorde consolidate delle amministrazioni pubbliche (amministrazioni centrali, enti locali e istituti previdenziali pubblici). Il debito è costituito da biglietti, monete e depositi, titoli diversi dalle azioni – esclusi gli strumenti finanziari derivati – e prestiti, secondo le definizioni del SEC 95.

Spesa pubblica totale e corrente sostenuta dall’insieme delle amministrazioni pubbliche. La voce degli interessi si trova fra le spese correnti dello Stato insieme alle altri voci che sono: spese per consumi collettivi (che servono a far fronte all’organizzazione e al funzionamento della P.A.) e spese per trasferimenti (alle famiglie, alle imprese, alle aziende autonome ecc. che hanno una funzione redistributiva).

Spese totali al netto degli interessi sono rappresentate dalle spese correnti – gli interessi + le spese in conto capitale.

Di male in peggio, e invece di tagliare centinaia di migliaia di pubblici dipendenti fannulloni e ruba soldi, enti inutili etc, aumentano ancora di 300 mila unita’ i pubblici dipendenti come da recenti dichiarazioni, (assunti negli ultimi anni nonostante il blocco per legge del turn over e assunti illecitamente tramite le agenzie tipo Lazio Service s.p.A.; e senza al contempo per l’appunto tagliare i lavoratori in ruolo che non fanno un c….o.

il debito delle Amministrazioni centrali è cresciuto di 46.142 milioni, a 1.467.237 milioni; la sua incidenza sul Pil è diminuita dal 99,9 al 99,47 per cento;

il debito delle amministrazioni locali é aumentato di 18.279 milioni, a 108.054 milioni, passando dal 6,3 al 7,3 per cento del Pil

il fabbisogno delle amministrazioni pubbliche, risultato pari a 54.727 milioni;

l’aumento delle attività detenute dal Tesoro presso la Banca d’Italia per 8.230 milioni;

l’emissione di titoli sotto la pari, che ha comportato un aumento del debito superiore al fabbisogno finanziato di 2.274 milioni.

Nel 2007 il debito pubblico scendera’ al 106,0%,  al 105,4% nel 2008, al 103,5% nel 2009, al 100,7 nel 2010, ma sarà necessario, il prossimo settembre 2007, varare gia’ una finanziaria che preveda una correzione da 10,5 miliardi. Il debito pubblico scenderà sotto la soglia del 100% del Pil nel 2011 (97,8%), ma centrerà il parametro fissato dal trattato di Maastricht sotto il 60% del Pil nel 2020 solo se l’ avanzo primario correrà più del previsto.

Il debito pubblico italiano nel 2005 ha toccato  1.510.9 miliardi di euro il 106,2% del pil ( 1.423 miliardi di euro ).

Il debito pubblico in % sul PIL dal 1990 al 2005 – Media Storica  78,9% del Pil – Media Storica ex guerre 73,9% del Pil

 

 

Il Prodotto Interno Lordo (PIL) è il valore totale dei beni e servizi finali prodotti da un paese in un determinato periodo di tempo con i fattori produttivi impiegati all’interno del paese stesso. Se calcolato con i prezzi correnti si chiama PIL nominale , se calcolato con i prezzi costanti (quelli dell’anno base) è detto PIL reale

Nel 2005 il valore del Pil ai prezzi di mercato è stato pari a 1.423 miliardi di euro correnti, in aumento del 2,0% rispetto al 2004, che si riduce allo +0.1   se calcolato a valori costanti.

Nel 2004 il valore del Pil ai prezzi di mercato è stato pari a 1.388,8 miliardi di euro correnti, in aumento del 3,9% rispetto al 2003, che si riduce all’1,2% se calcolato a valori costanti

 

Debito/Pil

2006

 

Nel 2006 il rapporto debito/Pil in Italia e’ salito al 106,5% dal 106,2% del 2005. Pil pari a 1.475.000 milioni nel 2006 e 1.423.000 milioni nel 2005. Il debito e’ stato di 1.575.346 milioni (segnando una crescita del +4.26% o di 64.421 milioni di euro rispetto al dato finale del 2005 a quota 1.510.926 milioni nel 2005), sebbene in diminuzione dal dato di novembre a 1.607.700 milioni di euro grazie al forte surplus di dicembre pari a 32.254 milioni di euro. Lo comunica la Banca d’Italia.

 

Con riferimento alla ripartizione per sottosettori:

Alla crescita del debito hanno contribuito:

 

L’apprezzamento dell’euro ha ridotto invece il valore delle passività denominate in valuta estera di 810 milioni.

 

Il debito pubblico italiano a novembre era pari a 1.607,7 miliardi, ovvero il 108,96% del Pil nominale pari a 1.475,4 miliardi di euro correnti, segnando nei primi 11 mesi dell’anno un crescita di circa +96,9 miliardi rispetto al dato finale debito pubblico del 2005 a quota 1.510,8 miliardi, con un trend al rialzo del 6.41%.Forte surplus a dicembre pari a 32.25 miliardi di euro considerando infatti che il debito cresce in media di 8.8 miliardi di euro al mese, e che solitamente a dicembre la bilancia dello Stato registra un avanzo di cassa di 2/3 miliardi di euro; se il surplus di dicembre fosse stato in linea con gli ultimi 5 anni il debito avrebbe potuto raggiungere quota 1.605,0 miliardi di euro circa; con il che’ ai fini del Patto di Stabilità il rapporto debito pubblico / Pil sarebbe stato a fine anno attorno al 108,78% del Pil nominale dal 106,2% del 2005

Pil nominale del 2006 pari a 1.475,4 miliardi di euro correnti, segnando incremento del 3,7 per cento rispetto alla dinamica dell’anno precedente (Pil nominale, ai prezzi di mercato – a prezzi correnti. Su tale misura va calcolato infatti il rapporto debito/Pil )

 

Il debito a quota 1.575,3 miliardi di euro: è come se ciascuno dei 58,4 milioni di cittadini italiani avesse accumulato una quota di debito pubblico pari a 26.974 euro a testa per ogni italiano, neonati.

In 15 anni il debito pubblico in Italia e’ piu’ che raddoppiato in valori assoluti (1990 Governo Andreotti 1.284.605 milioni di miliardi di lire di debito,  ovvero 642 miliardi di euro, il 97.2% PIL ), (2005 Governo Berlusconi  1.510,9 miliardi di euro di debito,  ovvero il 106.2% PIL 1.423 ), salendo di +9,4 punti percentuali sul prodotto interno lordo, ma, in punti percentuali sul prodotto interno lordo, e’ scesa, negli ultimi 10 anni rispetto al  1997 quando era al 120,3% del Pil, di -13,7 punti percentuali

All’interno dell’area euro Il rapporto medio debito pubblico-pil è solo lievemente inferiore al livello del 1998 e, di fatto, oltre la metà dei paesi dell’area registra indici di indebitamento superiori al valore di riferimento del 60% previsto dal Trattato di Maastricht. 3 gli stati che hanno un rapporto debito-pil particolarmente elevato ( Italia – Grecia – Belgio) , e 2 gli stati che si trovano attualmente in una situazione di disavanzo eccessivo   (Italia e Portogallo) ,  sottolinea la Bce, mettendo in evidenza come il livello di indebitamento medio dei paesi che registrano disavanzi eccessivi (Italia e Portogallo) é aumentato rapidamente dal 2001, più che compensando il calo del livello medio dei paesi che non si trovano in una situazione di disavanzo eccessivo. Ecco di seguito una tabella che riporta il debito pubblico (in percentuale del pil) ed il deficit (in percentuale del pil) dei paesi dell’area euro nel 2006 (primi tre trimestri).

DEBITO UE-12: nella zona di Eurolandia DEBITO 2006 / 69,5% contro il  2005 / 70,8% contro il  2004 /71,3%. Stessa tendenza nell’Ue a 25, dove il rapporto debito-Pil 2006/ al 63,1% contro il 2005 / 63,2% contro il 2004 /  63,8% .

 

 

  •  

 

Come stabilizzare il debito pubblico

 

Quali sono le opzioni a disposizione di un governo che voglia stabilizzare e poi ridurre il rapporto debito/PIL? Si conoscono tre modi per raggiungere tale obiettivo:

Ridurre il deficit, cercando di ottenere un avanzo, comprimendo le spese delle PA e aumentando le imposte; questa è la via più difficile per la stabilizzazione del debito, in quanto aumentare le imposte è impopolare e ridurre la spesa è difficile.

Finanziare il debito con emissione di moneta. La Banca Centrale può acquistare titoli del debito pubblico e accrescere l’offerta di moneta. Tale politica, tuttavia, comporta un aumento dell’inflazione.

Ripudiare il debito, ovvero non rimborsare i titoli del debito pubblico. Solo governi in grossa difficoltà hanno fatto ricorso a tale misura, in quanto è ritenuta un atto sleale, che lascia profonde tracce sulla reputazione di un governo. Tale misura è stata messa in atto talora in seguito a guerre e rivoluzioni, quando è stato possibile dare la colpa del debito a eventi esterni o a precedenti governi.

  •  

Tutti e tre questi metodi comportano una forma di tassazione; nel primo caso si tratta di un normale aumento delle imposte, nel secondo caso vengono tassati coloro che posseggono moneta e titoli non indicizzati, nel terzo caso vengono tassati i detentori di titoli del debito pubblico.

L’unica via oggi percorribile in Italia è la prima, dato che i vincoli posti a livello europeo e l’esistenza della Banca Centrale Europea non consentono il finanziamento del debito con emissione di moneta.

Se si vuole arrestare la sua crescita abnorme, che continuerà per la componente micidiale dei tassi di interesse Bce e dell’aumento dei rendimenti sui titoli di Stato come i Bot annuali, arrivati oggi a sfiorare il 4 per cento, occorre un piano quinquennale di riduzione, cominciando a dismettere le riserve, l’ oro e il patrimonio immobiliare della Banca d’Italia, non più necessari a garantire la circolazione monetaria. Una strada maestra verso la quale si sono indirizzati i Governatori delle Banche Centrali Europee più virtuosi dell’Italia, per effettuare politiche economiche concrete di risanamento, al di là di annunci, proclami e politiche di sacrifici alle quali sono sempre chiamati gli altri.

Il rimbalzo “ciclico” è in atto, ma questo – avverte il Fmi – non deve sviare l’attenzione da quelle che sono le “criticità di lungo termine dell’economia italiana”: malgrado la ripresa delle esportazioni e alcuni segnali di “ristrutturazione economica, l’andamento del debito pubblico-pil e l’andamento di produttività e competitività sul medio termine restano motivo di preoccupazione per varie cause:

 

  • eccesso di regolamentazione dei mercati,

  • sistema legale troppo lento ,

  • imposizione fiscale che di fatto scoraggiano “l’innovazione e impedisce i processi di ristrutturazione.

 

Quello che ha contribuito all’aumento del debito pubblico italiano e’ il  prescritto di Andreotti, il primo colpevole di questa piccola e fallimentare Italia che abbiamo e che ci ha lasciato. Ha preso il paese nel 1972 il cui debito era appena il 53.1% del PIL; ci ha lasciato un paese nel 1992 in bancarotta con un debito al  107.7% del PIL. Se non fossimo parte integrante dei paesi Euro con una minimissima influenza nel G7, probabilmente saremmo gia’ in Default o in mezzo alla rivoluzione civile, che cmq non e’ cosi’ lontana visto i politici che abbiamo.

 

 

 

 

 

TOTALE SPESA PUBBLICA 

2005


in miliardi di euro e in % sul PIL

TOTALE SPESA PUBBLICA  687.2     48,48%

TOTALE SPESA PUBBLICA  AL NETTO DI INTERESSI   622.7     43,90%

SPESA CORRENTE COMPRENSIVA DI INTERESSI  630,2      44.50%

SPESA CORRENTE AL NETTO DI INTERESSI   565,7      39.91%

TOTALE SPESA PUBBLICA INTERESSI     64,5        4.55%

TOTALE SPESA PUBBLICA IN CONTO CAPITALE     57,02        4.02%

 

 

Le uscite delle PA sono:

 

 

 

 

– gli investimenti pubblici, cioè infrastrutture o dotazioni pubbliche,

 

 

– la parte più consistente della spesa pubblica è costituita dai consumi pubblici cioe’ l’offerta di beni pubblici ( comprensiva delle enormi retribuzioni dei troppi dipendenti) a disposizione della collettività (  Ministeri, giustizia, difesa, ordine pubblico), sia l’offerta di  altri servizi acquistabili nel mercato (ad esempio: consumi per istruzione o sanità) ma offerti dal settore pubblico per la loro utilità sociale o per attenuare le disuguaglianze esistenti:

 

In Italia, i consumi pubblici sono costituiti per quasi il 60% dalle retribuzioni dei dipendenti che forniscono i servizi corrispondenti ai consumi pubblici, per quasi il 30 % dagli acquisti di beni e servizi di cui la pubblica amministrazione ha bisogno per fornire i servizi stessi (ad es. materiale di consumo) e per poco più del 10% dalle prestazioni sociali in natura (medicinali, asili, colonie);

 

I consumi pubblici sono in molti paesi compresi tra  il 15% ed il 20% del PIL e presentano, in genere, una scarsa variabilità ciclica;

 

– I trasferimenti, La maggior parte dei trasferimenti (99%) sono, rivolti alle famiglie e riguardano l’insieme della spesa pensionistica ed assistenziale.  Accanto ai consumi pubblici, la maggiore spesa della PA è costituita dai trasferimenti che implicano l’erogazione di redditi e non di servizi come avviene per i consumi pubblici. I trasferimenti alle imprese  sono una piccola quota del totale  dei trasferimenti (1%), essendo scoraggiati dalle norme comunitarie a tutela della concorrenza. La maggior parte dei trasferimenti sono, quindi, rivolti alle famiglie e riguardano l’insieme della spesa pensionistica ed assistenziale; 

 

 

Gli interessi . Una quota delle uscite delle PA, infine, è destinata al pagamento degli interessi sullo stock del debito pubblico. In un paese ad alto debito pubblico come l’Italia, la spesa per interessi è piuttosto elevata anche se dalla seconda metà degli anni ’90 tende – sia pure lentamente – a ridursi come quota del  PIL.

 

 

Le entrate delle PA sono costituite dalle imposte dirette, dalle imposte indirette (IVA, imposte su benzina, gasolio, ecc.) e dai contributi sociali versati da lavoratori e datori di lavoro per finanziare previdenza e assistenza. Quando le uscite eccedono le entrate, le PA devono indebitasi attraverso l’emissione di titoli del debito pubblico.

 

Spese finali: La sommatoria dei due titoli del bilancio dal lato delle spese (spese correnti e spese in conto capitale) che comprende la spesa per interessi. Esse rappresentano le somme necessarie all’amministrazione per perseguire i propri scopi o fini istituzionali. Si definiscono, per contro, Spese strumentali o in conto capitale le operazioni di spesa per il rimborso di prestiti al netto degli interessi .

Spesa pubblica corrente La spesa corrente sostenuta dall’insieme delle amministrazioni pubbliche. La voce degli “interessi” si trova fra le spese correnti dello Stato insieme alle altri voci che sono: spese per consumi collettivi (che servono a far fronte all’organizzazione e al funzionamento della P.A.) e spese per trasferimenti (alle famiglie, alle imprese, alle aziende autonome ecc. che hanno una funzione redistributiva).

Spese al netto degli interessi sono rappresentate dalle spese correnti + le spese in conto capitale  – gli interessi .

Spese in conto capitale Le spese che incidono direttamente o indirettamente sulla formazione del capitale.

Rimborsi di prestiti L’ammontare delle operazioni di ammortamento dei debiti a medio e lungo termine, al netto degli interessi.

 

 

 

SPESA PUBBLICA TOTALE COMPRENSIVA DI INTERESSI: La sommatoria dei primi due titoli del bilancio dal lato delle spese (spese correnti e spese in conto capitale) delle amministrazioni pubbliche per funzione’ dal 1990 al 2005 diffusi dall’Istat. Nel 2005 e’ costata 687,2 miliardi di euro , il 48.48% dell’intera’ produttivita’ del Paese  ( PIL = 1.417.2 miliardi di euro 2005) rispetto al 666 miliardi di euro del 2004 il 48.0% del  PIL e dai 373,5 miliardi di euro del 1990, con una crescita in valori nominali dell’83,9%. Nel 1993 era al 56,6%:

Continuano a crescere le uscite per ‘protezione sociale’ (previdenza ed assistenza) delle amministrazioni pubbliche che pesano sul totale della spesa piu’ di un terzo;

Il livello ottimale e sano della P.A. (quindi anche la spesa relativa ai 3.377.918 Pubblici Dipendenti ) potrebbe tranquillamente funzionare con una spesa di almeno il 10% inferiore, ovvero circa 68,7 miliardi di euro che sono più di 4.84 punti del Pil 2005, ma per fare cio’ dovrebbe fare a meno di circa 300.000 mila pubblici dipendenti, dall’oggi al domani, dipendenti del senato o Camera compresi, che sono li’ a non fare nulla e a rubare lo stipendio, con un licenziamento collettivo per motivi di pubblico interesse che passi per prepensionamenti agevolati, e ricorrendo al  meccanismo del blocco del turn over. In qualsiasi azienda, si deve aumentare la produttività a costi contenuti e ragionevoli rispetto al fatturato, pena la chiusura dell’azienda!;

La spesa per i parlamentari ed i 3.377.918 Pubblici Dipendenti (oggi sono circa 3.5 milioni), ovvero i cd Redditi da lavoro dipendente all’interno del cd CONTO DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE, nel 2005 e’ stata di 155,5 miliardi di euro, il 10.97% dell’intera’ produttivita’ del Paese ( PIL = 1.417 miliardi di euro l’anno) nonche’ il 10.29% dell’intero debito pubblico al dicembre 2005!;

E consideriamo che il solo diminuire la spesa pubblica di 3 miliardi di euro circa di costi all’anno (partendo per esempio dall’immediato, la prossima settimana, licenziamento dei fannulloni del pubblico impiego , anche se fosse solo il 2% del totale dei dipendenti, oggi pari a 3.5000.000 circa, ovvero 70.000 mila persone ), farebbe da sola venir meno l’esigenza dello Stato ad incassare l’equivalente importo in tasse, e quindi per esempio abbassare o eliminare  l’ICI sulla prima casa a tutte le famiglie. Pensate cosa potrebbe fare questo Stato con un risparmio di spesa annuo pari a 70 miliardi di euro ricavabili dai tagli complessivi alle varie voci della spesa pubblica totale ( 687 miliardi di euro l’anno ) accorpamento delle province comprese; semplicemente volare! La diminuzione infatti di circa 350.000 pubblici dipendenti il 10% del totale dei dipendenti,  farebbe diminuire la spesa pubblica di 15 miliardi di euro circa di costi all’anno;

I Pubblici Dipendenti della pubblica amministrazione occupa il 19.5% del Totale dei Lavoratori Dipendenti, e  il 14.52% della popolazione Occupata del Paese, cioé il +6.2% che nel Regno Unito , ed a un livello senza equivalenti in Europa. Spazio, dunque, alla riduzione del personale della P.A.;

Diminuire drasticamente la Spesa Pubblica, partendo da un taglio dei pubblici dipendenti, nonche’ dallo stipendio, pensioni e numero dei parlamentari, dall’accorpamento degli enti locali, province e comuni, dall’eliminazione delle decine di enti inutili e dalle migliaia di consulenze esterne; tutto cio’ e’ necessario per arrivare all’obiettivo finale di abbattere il debito pubblico di 1600 miliardi di euro sino ad oggi accumulato. Solo allorche’ si avra’ und ebito pubblico sotto la soglia del 60% del Pil, il paese avra’ il potere contrattuale e commerciale sui mercati per avere una propria moneta, non debole non inflazionistica, consentendoci di pagare il debito a tassi moderati come oggi.

 

 

TOTALE SPESA PUBBLICA  AL NETTO DI INTERESSI Nel periodo 2000-2005 è passata da 474.8 miliardi di euro (pari al 39,9 per cento del Pil) a  622.7 miliardi di euro l’anno (687,2-64.5), il 43,9% dell’intera’ produttivita’ del Paese  ( PIL = 1.417.2 miliardi di euro 2005), il 90.61% del totale SPESA PUBBLICA. Si tratta di una crescita ininterrotta negli ultimi sei anni La spesa non è cresciuta solo in quattro anni degli ultimi 25, e cioé nel 1984, 1985, 1998 e 2000.   Un debito pubblico che dunque continua a lievitare, a dispetto dei proclami di direzione opposta, e per ragioni decisamente poco funzionali.

 

In sostanza le spese totali al netto degli interessi sono rappresentate dalle spese correnti + le spese in conto capitale  – gli interessi . La voce degli interessi si trova infatti fra le spese correnti dello Stato insieme alle altri voci che sono: spese per consumi collettivi (che servono a far fronte all’organizzazione e al funzionamento della P.A.) e spese per trasferimenti (alle famiglie, alle imprese, alle aziende autonome ecc. che hanno una funzione redistributiva)

 

TOTALE SPESA PUBBLICA CORRENTE COMPRENSIVA DI INTERESSI e’ stata nel 2005 di  630.2 miliardi di euro l’anno, il 44,5% dell’intera’ produttivita’ del Paese  ( PIL = 1.417.2 miliardi di euro 2005) rispetto al 612.1 miliardi di euro del 2004 il 44,1% del PIL. Si tratta di una crescita ininterrotta negli ultimi sei anni La spesa non è cresciuta solo in quattro anni degli ultimi 25, e cioé nel 1984, 1985, 1998 e 2000. 

 

TOTALE SPESA PUBBLICA CORRENTE AL NETTO DEGLI DI INTERESSI (64,5 miliardi di euro nel 2005), e’ stata di 565.7 miliardi di euro, il 39,91% dell’intera’ produttivita’ del Paese  ( PIL = 1.417.2 miliardi di euro 2005), rispetto al 544.2 miliardi di euro del 2004 il 39,18% del PIL ( PIL = 1.388.8 miliardi di euro 2004), ma nel 2006 a circa 570.5 miliardi di euro l’anno attestandosi al 40,2% sul pil.

 

TOTALE SPESA PUBBLICA IN CONTO CAPITALE, e’ stata nel 2005 di circa 57.05 miliardi di euro, il 4,02% dell’intera’ produttivita’ del Paese  ( PIL = 1.417.2 miliardi di euro 2005), rispetto al 54.49 miliardi di euro del 2004 il 3,9% del PIL ( PIL = 1.388.8 miliardi di euro 2004). 

 

TOTALE SPESA PUBBLICA INTERESSI, e’ stata nel 2005 di  64.5 miliardi di euro, il 4,55% dell’intera’ produttivita’ del Paese  ( PIL = 1.417.2 miliardi di euro 2005), rispetto al 67.9 miliardi di euro del 2004 il 4,88% del PIL ( PIL = 1.388.8 miliardi di euro 2004).

 

 

 

STIPENDI DEI PUBBLICI DIPENDENTI

 

 

 

Il costo annuale (3.540.000 Pubblici Dipendenti) è di 166,2 miliardi di Euro pari al 21,88% del totale SPESA PUBBLICA . Questa cifra, molto rilevante, può diminuire riorganizzando gli uffici e le aziende pubbliche e con intelligenti politiche di blocco del turn-over (cioè quando va in pensione un lavoratore non viene rimpiazzato) si può operare un costante ‘dimagrimento’ dell’apparato pubblico. Chiunque abbia un amico o un parente che lavora in un ufficio pubblico ha sentito racconti di risorse utilizzate in modo non ottimale, di perdite di efficienza, per non parlare delle persone che non si fanno in 4 per il loro lavoro.

 

PENSIONI

 

Le pensioni sono quasi 241 miliardi di Euro pari al 35% del totale SPESA PUBBLICA e sono sempre cresciute negli ultimi anni, nonostante le varie recenti riforme; questo fatto è dovuto anche alle ‘generose’ leggi pensionistiche degli scorsi decenni, quando molte persone sono andate in pensione con 20 anni di contributi gli uomini e 15 anni le donne (le cosiddette Baby pensioni), oppure con le pensioni di anzianità con le quali tanti cinquantenni sono andati in pensione (ma non tutti portano i nipotini o il cane  ai giardinetti, alcuni fanno uno dei tanti lavori in nero che e’ possibile trovare in ogni città italiana). Qualunque governo ci sia dovrà far fronte a questa sempre crescente spesa, innalzando l’età pensionabile, perché la vita media fortunatamente si allunga e quindi ogni pensionato ‘giovane’ godrà di un certo numero di anni di pensione pagato dalla collettività. 

 

 

 

Altri parametri importanti ai fini del debito pubblico:

 

Il disavanzo e/o Saldo Primario La differenza tra le spese, al netto degli interessi, e le entrate, al netto di quelle per indebitamento. Il disavanzo o deficit “primario” non include il pagamento di interessi sul debito pubblico

Debito ordinario include, spesa per interessi ed è a quest’ultimo che si riferiscono il trattato di Maastricht e il Patto di Stabilità. Il deficit pubblico è chiamato nella contabilità nazionale indebitamento netto delle Pubbliche Amministrazioni (d’ora in poi PA). Esso rappresenta il saldo (negativo) tra uscite ed entrate. Un saldo positivo corrisponde invece alla creazione di un surplus o avanzo.

 

Fra deficit e debito c’è un’importante distinzione. Il debito è una grandezza stock ed è il valore totale di tutte le passività del settore delle pubbliche amministrazioni. Il deficit è una grandezza flusso ed è la differenza fra le entrate e le uscite delle pubbliche amministrazioni in un dato anno. Il deficit di un dato anno equivale alla variazione del debito registratasi nello stesso anno. Il deficit è dunque il flusso che corrisponde all’aumento dello stock di debito pubblico.

 

Poiché i paesi caratterizzati da un PIL più elevato dispongono di maggiori risorse con cui far fronte al proprio debito e ai pagamenti per interessi su di esso, un’utile misura sono i rapporti fra debito e PIL e fra deficit e PIL.

 

Il risparmio privato è uguale a: investimenti + disavanzo pubblico + esportazioni nette. Questa equazione rappresenta una importante identità macroeconomica chiamata identità degli impieghi del risparmio privato.  Tale identità ci dice che il risparmio privato può avere tre impieghi alternativi:

 

 

– Gli investimenti. Le imprese prendono a prestito presso i risparmiatori privati per finanziare l’acquisto di nuovo capitale.

 

– Il disavanzo di bilancio pubblico. Quando le pubbliche amministrazioni sono in disavanzo, devono prendere a prestito dai risparmiatori privati per coprire la differenza fra uscite e entrate.

 

– Le esportazioni nette. Quando le esportazioni nette di un paese (prendiamo come esempio l’Italia) sono positive (le esportazioni eccedono le importazioni, la bilancia commerciale è quindi in attivo) i ricavi del resto del mondo dalla vendita di beni e servizi all’Italia  non sono sufficienti per coprire i costi delle esportazioni italiane. Per coprire tale disavanzo il settore estero prende a prestito dai risparmiatori privati italiani  o vende ai risparmiatori italiani alcune sue attività (fabbriche, azioni, ecc.). Perciò il finanziamento estero delle nostre esportazioni nette costituisce un impiego del risparmio privato italiano. Al contrario, quando le esportazioni italiane sono inferiori alle importazioni (come è accaduto nello scorso anno), ciò significa che l’Italia importa più di quanto non esporti: in questo caso il settore estero utilizza il suo risparmio per fare un prestito all’Italia o per acquistare attività in Italia.. 

 

Dall’identità degli impieghi del risparmio privato si deduce dunque che ad un incremento del disavanzo di bilancio pubblico si deve associare uno dei tre seguenti effetti o una combinazione di questi: un aumento del risparmio privato, una riduzione degli investimenti, una riduzione delle esportazioni nette.

 

Italia Deficit pubblico nel 2006 sara’  pari al 5,7% del Pil dal 4,1% del 2005; l’ effetto della sentenza dell’Ue sui rimborsi Iva sull’ auto peserà sui conti per circa 1,2 punti di pil, e l’ accollo da parte del Tesoro del debito per l’ Alta Velocità ferroviaria peserà sui conti per circa 0,9 punti di pil, 3,6% al netto di entrambe le voci  . Il rapporto deficit pil americano del 2006 e’ all’1.84% of the  of the Current-dollar GDP —  in the 4Q 2006 to a level of $13,487.2 billion. 

DEFICIT 2005 ITALIA AL 4,1% – in Eurolandia / UE-12, CON ITALIA ALTRI TRE PAESI SOPRA 3% GERMANIA (3,2%), GRECIA (4,5%), PORTOGALLO (6%)  – Nell’Ue-25 solo  l’Ungheria col 6,5% e,  Giappone col 6,5%.

DEFICIT PIL 2005 di Eurolandia / UE-12 al 2,4% del Pil e stessa tendenza nell’Ue a 25, dove il rapporto deficit-Pil è nel 2005 al 2,3% (ultimo dato disponibile 2005) e, al 3,6% della Gran Bretagna  al 4,6% del Giappone.

Eurostat sottolinea come nel 2005 nell’UE a 25 sono in 6 Paesi il rapporto deficit pil si è chiuso con un attivo di bilancio:

  • Danimarca  (+4,9%)
  • Svezia        (+2,9%)
  • Finlandia     (+2,7%)
  • Estonia       (+1,6%)
  • Spagna       (+1,2%)
  • Lettonia       (+0,1%)


 

 

 

Fitch da AA ad AA- e Standard & Poor’s da AA- ad A+

 

 

 

IL RATING, AGENZIE – Il rating, in termini generali, è la valutazione di un’agenzia o banca d’affari su un determinato bene oggetto di negoziazione. Per le azioni, le raccomandazioni sono semplici: si va dal Buy (Compra) al Sell (Vendi) a seconda della qualità e delle prospettive offerte dal titolo in questione. Nel caso, del rating sul debito, a breve o lungo termine, la valutazione esprime con lettere e simboli l’affidabilità di un determinato emittente, pubblico o privato, ovvero la sua capacità di rimborsare debito e interessi alle scadenze previste. Un taglio del rating, infatti, “certifica” una maggiore rischiosità del debito valutato, rendendolo di fatto meno appetibile a parità di rendimento. Per ovviare a questa situazione, quindi, il Paese che chiede un prestito attraverso l’emissione dei titoli pubblici è costretto ad aumentare gli interessi versati a chi ha già acquistato o intende acquistarli, come potrebbe accadere adesso all’Italia.

 

 

Non a caso, i Btp decennali hanno allargato lo spread (cioé la differenza di rendimento) dopo il declassamento dell’ Italia da parte di Fitch e S&P, rispetto ai Bund tedeschi. In pochi minuti, il differenziale è passato da 0,26 a 0,28 punti percentuali, inferiore rispetto ai livelli in cui si trovava sei mesi fa quando,  si è insediato il governo Prodi a 34  punti base. Il Btp decennale di riferimento ha segnato un incremento dello 0,75% salendo al 4,08%. Si è così ampliato il differenziale con il Bund decennale tedesco, che al momento ha un rendimento del 3,8%.

  1. Quindi per un paese con un debito pubblico molto alto come l’Italia il rischio è quello di un aumento della già corposa spesa per il pagamento degli interessi. Il declassamento del rating significa che il nostro paese è meno affidabile e che gli investitori vigliono una remunerzione maggiore per comprare titoli di Stato italiani. Questo comporta un costo maggiore per finanziare il debito.

  2. Ma un taglio del rating finisce per avere anche altre ripercussioni: ad esempio, le banche italiane che detengono Bot e Btp dovranno accantonare più capitale di vigilanza per rispettare le nuove regole Ue.

  3. Ultimo, ma non in ordine di importanza, l’impatto psicologico: per un Paese come l’Italia, avere un debito pubblico valutato alla stregua di quello di Botswana, Malesia o Trinidad & Tobago, può comportare una perdita di fiducia da parte degli operatori, fondamentale per dare stimolo ad una ripresa che tarda ad arrivare.

 

 

 

Tripla AAA per le compagnie o gli Stati di migliore qualità, Valutazioni che vengono affinate con l’aggiunta di + e -. Per AAA, AA e A esiste una definizione formale che viene rafforzata o indebolita dal segno + o – ma non è importante per la comprensione della posizione dell’Italia nel mondo per quanto riguarda la capacità di pagare i propri debiti. D per i soggetti certificati inadempienti.

 

Vedi anche: https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/08/30/lenorme-buco-del-debito-pubblico-italiano-di-cosa-si-tratta-e-di-chi-e-la-responsabilita-primaria/

 

 

Standard & Poor’s ha declassato il debito pubblico italiano riducendolo ad ‘A+’ da ‘AA-‘ . Il declassamento riflette l’inadeguatezza della risposta data dal nuovo governo ai problemi strutturali economici e di bilancio dell’Italia. Decisamente significativo il titolo del documento sull’Italia è “Finanziaria italiana 2007: si chiude la porta su un’altra possibilità di risanamento”. S&P, “è improbabile che il bilancio 2007 possa chiudersi con un deficit sotto il 3% del Pil, visto che alcune delle misure avanzate potrebbero rivelarsi ottimistiche, in particolare il previsto successo nella lotta all’evasione e i risparmi che potranno essere generati con una maggiore efficienza dell’amministrazione pubblica”. L’ agenzia Standard&Poors – considera “il gettito” garantito dal trasferimento del Tfr all’ Inps come “un finanziamento che non ridurrà il deficit o il debito”. In aggiunta – viene osservato ancora – il trasferimento potrebbe essere una maniera minore di finanziare il debito rispetto all’ emissione di bond”. S&P, CALO DEFICIT SOLO CON AUMENTO TASSE  L’obiettivo del governo di ridurre il deficit al 2,8% del Pil nel 2007 “sarà conseguito attraverso aumenti delle tasse”. A scriverlo è l’agenzia di rating Standard & Poor’s, secondo cui “alcune delle misure proposte nella finanziaria potrebbero essere ottimistiche, in particolare l’ipotesi di un successo nel recupero dell’evasione fiscale” e “i risparmi che possono essere generati rendendo la pubblica amministrazione più efficiente. Secondo l’agenzia di rating, “il rapporto debito/Pil dell’Italia difficilmente scenderà in misura apprezzabile, e raggiungerà il 105,7% nel 2010 (dal 107,6% previsto per il 2006)”.

 

 

 

Fitch ha tagliato il rating dell’Italia a ‘AA-‘ da ‘AA’ . Più ‘morbida’ Fitch secondo la quale  il declassamento del rating italiano “riflette il deterioramento dei conti pubblici italiani che hanno visto il debito aumentare dal 2004 e l’avanzo primario diminuire rapidamente, riflessi in particolare delle pressioni sul lato delle spese e “sarà difficile per l’Italia riportare il deficit sotto il 3%. Secondo l’agenzia per quanto riguarda la correzione da 15 miliardi di euro previsti nella finanziaria 2007  “una larga parte delle misure della correzione netta rifletta attesi miglioramenti dell’esazione fiscale e dell’efficienza della spesa pubblica tutt’altro che sicuri”. “Non è chiaro quanto dell’aumento a sorpresa del gettito fiscale sia strutturale o rappresenti un miglioramento soltanto ciclico che riflette l’attesa accelerazione della crescita del pil all’1,6% dal livello zero del 2005”. Ritiene che “sarà difficile che Prodi risucirà ad attuare le forti riforme di bilancio necessarie per riportare l’avanzo primario al 3,5% del Pil nel breve o nel medio termine, come sarebbe necessario per riportare fermamente il debito pubblico su un percorso di discesa nei confronti del Pil”. “Il deterioramento delle finanze pubbliche – spiega Fitch – e’ la forte riduzione dell’avanzo primario ha incrementato la vulnerabilità dell’Italia agli shock economici”. Fitch Italia, Di sicuro l’attuale governo ha ereditato una situazione in cui il debito pubblico è cresciuto invertendo una tendenza del passato e in cui il surplus primario é stato azzerato”.Diminuzione del surplus primario soprattutto a causa di pressioni provenienti dal lato della spesa”. E “le rettifiche che verranno fatte ex post riguardano il fatto che una larga parte delle restrizioni alla spesa e comunque del miglioramento atteso all’indebitamento provengono dal fatto che non ci sono tagli certi, ma dei tagli che vengono decisi per cui gli effetti dovranno essere misurati nel tempo per vederne l’efficacia effettiva”. De facto, tornare ad una situazione coerente con un rating AA implica uno sforzo che secondo noi questa manovra finanziaria non contiene”.

 

Moody’s, il giudizio sul nostro Paese resta “stabile”. Alla domanda se anche Moody’s abbia intenzione di procedere ad un declassamento nel corso dei prossimi mesi, l’analista si è limitata a confermare che il giudizio “al momento rimane stabile

 

S&P today cut Italy’s rating to A+, the second-lowest of the dozen nations using the euro after Greece. Italy became the only euro country to suffer two rating cuts since the start of the single currency in 1999. Conseguencially of that it is the raising Italy’s borrowing costs, the downgrade makes it more difficult to reduce the debt and deficit.

 

The rating sent Italian bond prices lower, increasing the premiums investors demand to hold Italy’s debt over other bonds.

The yield premium investors demand to buy Italian 10-year government bonds compared with benchmark German 10-year debt rose to 27.5 basis points, from 26.6 basis points late yesterday, the biggest increase in a month. Italy’s 3.75 percent note due in August 2016 yielded now 4.09 percent at 11:47.

April Elections That spread had narrowed from a peak of 34 basis points on April 25, two weeks after Prodi, won the closest election in Italian history and was struggling to form a government.

The perceived risk of owning Italian government bonds increased, as reflected in a gain of about 15 percent in the price of credit-default swap contracts used to speculate on Italy’s ability to pay its debts. The cost of the contracts increased by about 1.5 basis points to 9.6 basis points, according to Deutsche Bank AG. The cost of credit-default swaps rose about 0.125 percentage point when Fitch cut its rating earlier today

 

 

 

 

1) S&P’S STORIA DEL RATING DELL’ITALIA dal 3 Maggio 1996 al 19 ottobre 2006

Standard & Poor’s da AA- ad A+

Nota:
1)
blue = positive rating action, red = negative rating action.

 

 

Data Local Currency credit rating
long term outlook
Oct 19, 2006 A+ Stable
Aug. 8, 2005 AA- Negative
July 7, 2004 AA- Stable
Jan. 15, 2003 AA Negative
May 6, 1998 AA Stable
May 3, 1996 AAA Stable

 

 

 

 

 

 

 

Fonte: Standard & Poor’s Sovereign Ratings History Since 1975

 

al 19 dicembre 2006 Note:
Watch Neg.- On CreditWatch with negative implications.
Watch Pos.-On CreditWatch with positive implications.
Watch Dev.-On CreditWatch with developing implications.
SD-Selective Default. NM-Not meaningful.
In 1981, Standard & Poor’s added a plus (+) sign to ‘A-1’ rated short-term issuers with extremely strong safety characteristics.

 

2) FITCH STORIA DEL RATING DELL’ITALIA dal 26 Ottobre 1995 al 19 Ottobre 2006

 

Fitch da AA ad AA-

Data Local Currency rating
long term outlook/watch
19 Oct 2006 AA- stable
29 Jun 2005 AA negative
17 Jun 2002 AA stable
21 Sep 2000 AA- stable
14 Jul 1998 AA-
26 Oct 1995 AAA

 

 

 

 

 

 

 

Fonte: Fitch ratings Complete Sovereign Rating History

 

 

Marco

 

dott. Marco Montanari

U.S. Equities Trader

mailto: marcomontanari@iol.it

 

 

 

 

 

Italia

Conti Economici

 

 

 

Evasione Fiscale 

La pressione fiscale a carico degli onesti

 

Senza lotta seria all’evasione, la pressione fiscale non potra’ mai diminuire dall’attuale  43,3% del 2007, sebbene il calcolo reale porti la pressione ad oltre il 50% – tra il  50,74%  ed il 52,8%

 

Un saggio e pratico mezzo x combattere l’evasione soprattutto della criminalita’ organizzata

Chi ne condividera’ la ratio aiutera’ il paese

 

al 20 maggio 2008

874 segnalazioni per 840.877 euro

Ciascuno di noi ha fatto recuperare al fisco 961 euro evasi dai ricchi, dai furbi, e dalla criminalita’. Quasi lo stipendio di un operaio e ne siamo felici!

 

Questa e’ la piu’ grossa innovazione anti evasione: mi raccomando anche voi segnalate in massa

 

http://www.evasori.info/segnala.cgi


Noi italiani ci lamentiamo dell’evasione fiscale, eppure spesso chiudiamo un occhio. Segnala qui l’evasione o tentata evasione in cio’ aiutando le forze dell’ordine a combatterla ! “

 

http://www.evasori.info/

 

 

 

Bankitalia

Pressione fiscale

Pag 41 – Tav 11

(25 aprile 2008) 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_pressione-fiscale_2007_1.gif

 

 

 

Contribuenti Italiani

 

(Anno 2005)

(ultimi dati disponibili in riferimento alle dichiarazioni dei redditi presentate)

 

Contribuenti Italiani: 39.977.386

Contribuenti a reddito zero: 9.659.121

Evasorialmeno 4.000.000

 

Iscritti agli ordini e collegi professionali

2005

1.700.000

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/04/iscritti-agli-ordini-e-collegi-professionali-dal-1985-al-2005.jpg

 

 

2006/2007

Verifiche e Controlli risibili

Roma, 22 ottobre 2007

http://www.mef.gov.it/web/apri.asp?idDoc=18293

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_2_top_controlli-e-verifiche-risibili.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_3_top_controlli-e-verifiche-risibili.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_4_top_controlli-e-verifiche-risibili.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_5_top_controlli-e-verifiche-risibili.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_6_top_controlli-e-verifiche-risibili.gif

 

 

 

 

2007/ maggio 2008

LA MAPPA DELL’EVASIONE/ELUSIONE FISCALE IN ITALIA

La CGIA Mestre su fonti varie stima: 

Imponibile evaso all’anno

€316 Miliardi

Imposte evase all’anno

€140-€150 Miliardi 

—————–

Sabato, 10 Maggio 2008

http://cgia.slowdata.com/files/docs/001415/EVASIONE%2010-5.doc

 

 

Le categorie

Stima dell’imponibile evaso

Le modalità

————–

 

ECONOMIA SOMMERSA

200 mld di €

Almeno 2.300.000 occupati svolgono un’attività  irregolare come lavoratori dipendenti 

 

ECONOMIA CRIMINALE

 100 mld di €

In almeno 3 Regioni del Sud le organizzazioni criminali controllano l’economia di quei territori

 

GRANDI IMPRESE

10 mld di €

Il 50% delle società di capitali dichiara per più anni redditi negativi o pari a zero

 

LAVORATORI AUTONOMI E PMI

6 mld di €

Mancata emissione di scontrini, ricevute e fatture fiscali

 

TOTALE

Imponibile evaso all’anno

€316 Miliardi

Imposte evase all’anno

€140-€150 Miliardi 

—————–

 

 

Evasione giochi

Bingo e Slot – 2007

2007

€98 Miliardi  di euro di evasione

http://www.casadellalegalita.org/index.php?option=com_content&task=category&sectionid=5&id=29&Itemid=27

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_1_top_giochi-slot-88-miliardi.gif

L’articolo sul colpo di spugna sui 98 miliardi di evasione (del Governo Prodi soprattutto per iniziativa di 2 deputati radicali, che han trovato facile rimessa in Parlamentonel centro destra. Del resto, come dimostra chiaramente l’elezione di Amedeo Laboccetta, le società concessionarie hanno molti amici nel mondo politico. In entrambi gli schieramenti)

http://www.casadellalegalita.org/index.php?option=com_content&task=view&id=3259&Itemid=63

Slot, colpo di spugna sui novanta miliardi
Scritto da Il Secolo XIX
mercoledì 14 maggio 2008

http://www.casadellalegalita.org/index.php?option=com_content&task=view&id=3259&Itemid=63

La Relazione sui 98 miliardi di euro di evasione
Scritto da Ufficio di Presidenza
sabato 17 maggio 2008

ORA PUBBLICHIAMO LA RELAZIONE INTEGRALE della Commissione d’inchiesta

http://www.casadellalegalita.org/index.php?option=com_content&task=view&id=3263&Itemid=1

—————–

 

 

2006

 

LA MAPPA DELL’EVASIONE/ELUSIONE FISCALE IN ITALIA

 

 Le dichiarazione dei redditi medi: e’ sconcertante!

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2006_1_top.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2006_2_top.jpg

 

—————–

 

2006-settembre 2007

 

Caccia agli evasori

Controlli incrociati sulle banche dati. Blitz nei mercati. Verifiche su credito e grandi imprese. Irruzioni contro il lavoro nero.

‘L’espresso’ ha seguito gli sceriffi del fisco.

Ecco come stanano i furbetti delle tasse

di Emiliano Fittipaldi

(06 novembre 2007)

http://espresso.repubblica.it/dettaglio/Caccia-agli-evasori/1854548&ref=hpstr1

http://espresso.repubblica.it/dettaglio/Caccia-agli-evasori/1854548&ref=hpsp

 

GRAFICI:

Bottino miliardario

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2006_2007_0_top__.jpg

Serrande abbassate

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2006_2007_1_top__.jpg

La Tassa piu’ giusta

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2006_2007_2_top__.gif

 

 

2005

 

LA MAPPA DELL’EVASIONE/ELUSIONE FISCALE IN ITALIA

 

Il 24,16% (9.659.121 contribuenti) dei contribuenti italiani (39.977.386 sono le dichiarazioni presentate) non paga le tasse

Panorama, Italia a reddito zero

2005

16 maggio 2008

http://blog.panorama.it/economia/2008/05/16/redditi-un-quarto-degli-italiani-dichiara-zero/

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_2_top__regioni-a-reddito-zero.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_3_top__regioni-a-reddito-zero.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_4_top__regioni-a-reddito-zero.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_5_top__regioni-a-reddito-zero.jpg

 

 

 

2004

TOTALE

Imponibile evaso all’anno

€270 Miliardi

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/evasione-fiscale.jpg 

 

2004

TOTALE

Imponibile evaso all’anno

€230-245 Miliardi

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/03/italia_evasione-fiscale3.gif

 

 

Relazione al Parlamento sull’evasione

(Dati riferiti al 2004)

 

TOTALE dell’imponibile evaso

230-250 miliardi di euro

 

TOTALE delle imposte evase

100 miliardi di euro

 

 

Roma, 22 ottobre 2007

http://www.mef.gov.it/web/apri.asp?idDoc=18293

Secondo le stime dell’Istituto Centrale di Statistica (ISTAT), il valore aggiunto dell’economia sommersa, solitamente associata all’evasione, è stato nel nostro paese nel 2004 (l’ultimo anno di riferimento) tra il 16,6 per cento ed il 17,7 per cento dell’intero prodotto interno lordo (PIL); in altri termini, vi sono circa €230-250 miliardi di valore aggiunto non dichiarati (ISTAT, 2006). E l’evasione fiscale è (In termini di gettito, si tratta di almeno 7 punti percentuali di PIL di mancate entrate che, ai livelli attuali di PIL, corrispondono ad una perdita superiore ai €100 miliardi l’anno) anche maggiore raggiungendo il 21 per cento della base imponibile IRAP ed il 33 per cento della base imponibile dell’IVA. Questi livelli di evasione sono fino quattro volte superiori a quelli dei paesi europei più virtuosi. Gli esperti della Banca d’Italia (Zizza, 2002) mostrano che il sommerso durante il periodo tra il 1984 ed il 2000 si attesta tra il 14 ed il 18 per cento del PIL, non lontano dalle stime dell’ISTAT.

 

 

 

 

  Pressione Fiscale

La pressione fiscale a carico degli onesti  

Senza lotta seria all’evasione, la pressione fiscale non potra’ mai diminuire dall’attuale  43,3% del 2007, sebbene il calcolo reale porti la pressione ad oltre il 50% – tra il  50,74%  ed il 52,8%

 

Europa – Italia

Eurostat

1995 – 2005

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/03/italia_pressione-fiscale_4.gif

 

Eurostat

1995 – 2006

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_7.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_6.gif

 

 

Pubblici Dipendenti

2003

3.540.000

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/03/italia_pubblici-dipendenti_2003-dicembre_4.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/04/italia_pubblici-dipendenti_2003-dicembre_10.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/04/italia_pubblici-dipendenti_2003-dicembre_4.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/04/italia_pubblici-dipendenti_2003-dicembre_16.gif

 

Eurispes

2003

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_pubblici-dipendenti_2003_numero_dato-pubblicato-nel-2005_4.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_pubblici-dipendenti_2003_numero_dato-pubblicato-nel-2005_3.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_pubblici-dipendenti_2003_numero_dato-pubblicato-nel-2005_2.gif

 

 

Fannulloni Assenteismo

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/04/italia_pubblici-dipendenti_2005_fannulloni-assenteismo.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/04/italia_pubblici-dipendenti_scuola_scandalo.gif

 

 

Spesa pubblica

1990 – 2007

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/04/italia-debito-pubblico_2008_0000_debito-pil.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_pubblici-dipendenti_2003_numero_dato-pubblicato-nel-2007_00.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/04/italia_debito_pil_2005_spesa-pubblica-amministrazione_1.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/04/italia_debito_pil_2005_spesa-pubblica-amministrazione_2.gif

 

Banca D’Italia

2003 -2006

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_1.gif

 

 

Eurostat

1980 – 2006

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_5.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_6.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_2.gif

 

 

Debito Pubblico

 

Composizione

  2000 – 2007

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_0_mef_btp.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_0_composizione-debito.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_00_composizione-debito.gif

 

 

 

Debito Pubblico – Pil

Europa Italia

Eurostat

 

1995 – 2007

 

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/04/eurostat_italia-debito-pubblico_pil_2007_1.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/04/eurostat_italia-debito-pubblico_pil_2007_2.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/04/eurostat_italia-debito-pubblico_pil_2007_3.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/04/eurostat_italia-debito-pubblico_pil_2007_4.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/04/eurostat_italia-debito-pubblico_pil_2007_5.gif

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_9.gif

 

2003 – 2006

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_debito-pil_-2003_2006_eurostat_principali-aggregati-di-finanza-pubblica_0.gif

 

 

Banca D’Italia

2003 -2007

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/04/italia-debito-pubblico_2008_00000_debito-pil.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_top-00_debito-pil_mef.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_top-000_debito-pil_bdi-gennaio.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_top-0_debito-pil_istat.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_top-00_debito-pil_bdi-gennaio.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_top-00_debito-pil_bdi.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_debito-pil_-2003_2007_istat_principali-aggregati-di-finanza-pubblica.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_8.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_top-d_debito-pil_istat_dicembre-2007.gif

 

 

Mef

Ministero economia e finanza

Relazione unificata

2008

 

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_0.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_1.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_2.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_3.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_4.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_5.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_6.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_7.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_8.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_9.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_10.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_11.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_12.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_13.jpg

 

 

Istat

2007

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_top-b_debito-pil_istat.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_top-a_debito-pil_istat.gif

 

 

Storico

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_00_debito-pil.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_0_debito-pil.gif

 

 

 

Indebitamento – Pil

Banca D’Italia

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_top-0000_debito-pil_bdi-gennaio.gif

 

Eurostat  

1995 – 2006

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_4.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_3.gif

 

 

   

Tassazione Rendite Finanziarie

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2006/09/tassazione-redditi-finanziari_2.doc

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2006/09/tassazione-redditi-finanziari_1.pdf

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/04/tassazione-rendite-finanziarie_3.gif

 

 

Salari

Eurispes

2000 – 2005

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/04/eurispes_salari_1.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/04/eurispes_salari_9.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/04/eurispes_salari_5.jpg

 

 

  Fondi comuni Italiani: Rendimenti e Costi

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/01/fondi-comuni-di-diritto-italiano_rendimenti_6.gif

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/10/fondi-comuni-di-diritto-italiano_rendimenti_0.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/10/fondi-comuni-di-diritto-italiano_rendimenti_1.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/10/fondi-comuni-di-diritto-italiano_rendimenti_2.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/10/fondi-comuni-di-diritto-italiano_rendimenti_3.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/10/fondi-comuni-di-diritto-italiano_rendimenti_4.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/10/fondi-comuni-di-diritto-italiano_rendimenti_5.gif

 

 

 

Costo Conti Correnti nel Mondo

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2006/09/conto-corrente-costi-nel-mondo.gif

 

 

 

 

 

Some of My articles

http://blogsearch.google.com/

https://wallstreetrack.wordpress.com/

 

Tag: 1_finanza_analisi Macro
http://wordpress.com/tag/1_finanza_analisi-macro/
Tag: 2_Finanza_Bulls & Bears 
http://wordpress.com/tag/2_finanza_bulls-bears/
Tag: 3_il Risparmio Tradito
http://wordpress.com/tag/3_il-risparmio-tradito/
Tag: 4_Debito & Evasione 
http://wordpress.com/tag/4_debito-evasione/
Tag: E_Lavoro & Pensioni 
http://wordpress.com/tag/e_lavoro-pensioni/
Tag: 6_giustizia Ed Etica
http://wordpress.com/tag/6_giustizia-ed-etica/
Tag: 7_politica Ed Etica
http://wordpress.com/tag/7_politica-ed-etica/
Tag: 8_Sanita’ ed Etica
http://wordpress.com/tag/8_sanita-ed-etica/
Tag: 9_Libera Informazione 
http://wordpress.com/tag/9_libera-informazione/
Tag: A_Tutela degli animali 
http://wordpress.com/tag/a_tutela-degli-animali/
Tag: B_Tutela dell’Ambiente
http://wordpress.com/tag/b_tutela-dellambiente/

 

    

 

   

 

 

 

DECLINO ITALIA SENZA SPERANZA…CI VORREBBE UN AZZERAMENTO TOTALE DI TUTTA LA DIRIGENZA POLITICA

 

 

 

La classe politica dirigente nel suo totale ha troppo spesso dimostrato di avere un proprio tornaconto personale, i conflitti d’interesse sono all’ordine del giorno, la mancanza d’etica, trasparenza e meritocrazia pure.

Nella migliore delle ipotesi abbiamo una classe politica che e’ proprio ignorante, nel senso vero del termine, che ignora la cultura e la preparazione, ed e’ inetta ed incapace.

 

 

Ecco i veri problemi del Paese che questa classe politica dirigente nel suo totale non vuole affrontare

 

Giustizia e la Riforma dell’Ordinamento Giudiziario

Debito Pubblico e Declino Italia

I Costi della Politica e la sua mancanza d’Etica

La Corruzione tra le Lobbies, la Politica, la PA e la Criminalita’

L’enorme Spesa della PA e l’ inefficienza della PA

Pubblici Dipendenti Fannulloni – Sindacati protettori degli insiders

L’Evasione Fiscale ed i suoi Costi

 

 

 

 

Giustizia e la Riforma dell’Ordinamento Giudiziario

 

 

Ai fini della soluzione del problema Giustizia la soluzione (a detta dei maggiori studiosi del paese, su tutti Falcone, Borsellino, D’Avigo e Tinti, e non solo) va ricercata in primis in quello che e’ il primo e vero cancro della giustizia, ovvero nel processo civile (e non in quello penale); ed in seconda battuta (questo vale sia per il civile che per il penale) il problema e’ soprattutto dalla parte della domanda di giustizia, che va filtrata, e non tanto da parte dell’offerta!

Lo ricorda bene anche un grande giornalista come Luigi  Ferrarella del Corriere della Sera che nel suo ultimo libro ” FINE PENA MAI Il Saggiatore” sviluppa parte dei molti  temi  riguardanti la soluzione della giustizia affrontando proprio il cancro della domanda di giustizia!

 

I veri problemi della giustizia sono:

 

1 – Riformare il lato della domanda della giustizia, causa primaria dei lunghi ed oscuri processi, con l’eliminazione in primis delle rendite da posizione di avvocati e liquidatori con il che’ piu’ le cause durano piu’ loro guadagnano, ovvero:

– occorre introdurre sanzioni pecuniare molto severe tanto per chi promuove giudizi temerariamente quanto per coloro che ritardano di pagare il creditore dopo essere stati  condannati in 1° grado confidando nella lentezza dei processi sino al 3° grado e nell’esiguita’ degli interessi legali posti a suo carico sino alla soddisfazione del credito ( minori degli interessi offerti dai titoli di stato, per esempio, investimento cui il debitore nel frattempo e nelle more della giustizia ricorre come propria fonte di reddito..come dire una beffa per il creditore non soddisfatto);

occorre (sempre dal lato della domanda della giustizia)  riformare il sistema di “costruzione e giustificazione” delle parcelle degli avvocati, oggi collegate dannosamente al numero delle udienze e non al risultato come dovrebbe essere;

– occorre (sempre dal lato della domanda della giustizia) diminuire drasticamente il numero degli avvocati proprio per quanto detto ai punti precedenti, ovvero perche’ il loro numero abnorme determina nei fatti un incremento delle liti giudiziarie (non cosi’  rare quelle meramente temerarie) e quindi un allungamento dei tempi processuali: 26 gennaio 2008 – L’allarme del presidente del capoluogo lombardo: “A Roma sono iscritti all’Ordine tanti avvocati quanti nell’intera Francia. Il numero abnorme può inconsapevolmente determinare il rischio di un incremento delle liti giudiziarie e quindi, stante la carenza di risorse strutturali, un allungamento dei tempi processuali”.

 

 

2 – Processi rapidi e giusti, rendendo effettiva, celere ed accessibile a tutti l’azione per la responsabilita’ contro i giudici disonesti, o anche solo non terzi, parziali o negligenti;

3 – Riformare del diritto civile e fallimentare, che preveda forti sanzioni pecuniarie e penali sia  verso i liquidatori sia verso i GD;

4 – Riforma del Controllo sull’attivita’ dei giudici in generale che preveda un organo davvero terzo, popolare e professionale e non piu’ politicizzato com’e’ oggi il CSM che inoltre rincorre correnti partitiche anche all’interno della Magistratura, incio’ rendendo sempre irresponsabili i Giudici disonesti

 

 

Poi c’e anche il problema nel campo penale, ed in minima parte nel campo dell’offerta (mezzi e uomini).

Il problema nel campo penale  riguarda pero’ soprattutto i colletti bianchi nel concreto, non i normali cittadini, che in questo senso sono interessati solo sotto il profilo di vedere un’etica ed una giustizia anche contro i potenti.

La Giustizia insomma, ed i suoi problemi, non sono tanto e soltanto quelli di poche centinaia di persone, ma sono quelli che riguradano i milioni di cittadini italiani, e liriguardano soprattutto in sede civile, non penale! Ed e’ da qui che bisogna cominciare, e’ qui che i danni si fanno in capo al cittadino, in concreto, sulla sua pelle!

Il problema della riforma della giustizia, non e’ tanto e soltanto insomma quello (purtroppo solo populistico) di eliminare le leggi vergogna, indegne certamente e da eliminare, quanto quello invece di incidere i processi civili ed in sede fallimentare, e di rendere ben responsabili i giudici, e’ qui che si annida  il vero cancro della giustizia, denegata spessissimo con gravi danni a tutti i cittadini. Di questo si dovrebbe occupare chi ha davvero a cuore il futuro dei cittadini, del sistema Giustizia e dello Stato, e in parallelo ma in subordine delle leggi vergogna che vanno solo eliminate.

Non si risolvono i problemi della Giustizia interessandosi a curare i soli due lebbrosi del paese intero, e trascurando invece al contempo i milioni di ammalati di diabete per esempio.

 

 

 

Eurispes

Rapporto Italia

2008

Dati riferiti al

2007

http://www.eurispes.it/visualizzaRicerche.asp?val=4

 

 

LEGALITÀ

21. Fear of crime, ovvero il senso di insicurezza degli italiani

22. La permeabilità del crimine organizzato nelle province del Mezzogiorno

23. L’Italia criminale

24. Ecomafia e illecito ambientale: le attività del Comando Carabinieri per la Tutela dell’Ambiente

27. Reati contro la Pubblica amministrazione

Esplode l’Economia sommersa (549 miliardi di euro) e l’Economia criminale (176 miliardi di euro )

Insieme si arriva a 725 miliardi di euro di economia sommersa (con un’imposta evasa di 306,6 miliardi di euro), il 47.23% del pil a quota 1.535 miliardi circa

Il 54,6% dell’economia non osservata (Economia sommersa ) è rappresentato dal lavoro sommerso. Il flusso di denaro generato dal lavoro sommerso si è attestato a 300 miliardi di euro.

Il 28,4% dell’economia non osservata (Economia sommersa ) è rappresentato dall’evasione fiscale. Il flusso di denaro generato ad opera di aziende e imprese italiane si è attestato a 156 miliardi di euro

Il  16,9% dell’economia non osservata (Economia sommersa ) è rappresentato dalla cosiddetta economia “informale”. Il flusso di denaro generato dalla dalla cosiddetta economia “informale” si è attestato a 93 miliardi di euro

25 febbraio 2008

 

 

Eurispes

http://www.eurispes.it/

Dossier Eurispes: ‘Ndrangheta Holding 2008

21 maggio 2008

http://www.ilsole24ore.com/fc?cmd=document&file=/art/SoleOnLine4/Italia/2008/05/eurispes-dossier-ndrangheta2008.doc?cmd=art

L’italia in mano alla criminalita’ organizzata: i politici dormono o fanno finta di dormire?

https://wallstreetrack.wordpress.com/2008/05/21/litalia-in-mano-alla-criminalita-organizzata-i-politici-dormono-o-fanno-finta-di-dormire/

‘Ndrangheta, con droga e appalti Il giro d’affari della criminalità organizzata calabrese è di 43,79 miliardi

di euro all’anno

L’economia sommersa e l’Evasione Fiscale della criminalità organizzata calabrese è di di poco superiore al prodotto interno lordo di Estonia (13,2 miliardi) e Slovenia (30,4 miliardi).

Il fatturato della ’Ndrangheta Holding è pari infatti al  2,9% del Pil Italia nel 2007, come quelli di Estonia e Slovenia messi insieme.

Per il 62,2% Il fatturato della ’Ndrangheta Holding  è dovuto alla droga

Stima 2007

Attività illecita — Valore assoluto all’anno

Droga – 27,24 miliardi di euro

Impresa e Appalti Pubblici – 5,73 miliardi di euro

Estorsione e usura – 5,01 miliardi di euro

Armi – 2,93 miliardi di euro

Prostituzione – 2,86 miliardi di euro

 

 

 

ITALIA_EURISPES

2007

Giustizia al Collasso

Italia a rischio “deriva feudale
Un paese che oscilla tra spinte innovative e la conservazione dei privilegi acquisiti

Eurispes

2007

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/02/01/rapporto-delleurispes-2007-italia-giustizia-al-collasso/]link-Rpporto Eurispes – Giustizia italia al collasso  [/url]

http://www.eurispes.it/indiceRapportoItalia.asp?val=4

 

 

Rapporto Eurispes

2006

L’Italia non cresce più

http://www.rassegna.it

http://www.rassegna.it/2006/attualita/articoli/eurispes.htm

http://www.rassegna.it/2007/attualita/articoli/eurispes.htm

 

 

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/02/23/processi-lenti-e-non-sempre-chiari-who-judges-the-judges/]link-Giustizia Civile e Fallimentare e la dolosa lentezza dei processi[/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/03/07/giustizia-e-la-riforma-dellordinamento-giudiziario-ecco-i-veri-problemi/]link-Giustizia Civile e Fallimentare e la dolosa lentezza dei processi[/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/03/10/giustizia-e-la-riforma-dell%e2%80%99ordinamento-giudiziario-ecco-i-veri-problemi-parte-seconda/] link-Giustizia Civile e Fallimentare e la dolosa lentezza dei processi – Parte 2 – La riforma dell’Ordinamento Giudiziario e’ indecente  [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/03/15/i-costi-dellevasione-della-inefficienza-della-pa-e-della-corruzione-tra-la-politica-e-le-lobbies-criminalita/]link-Costi dell’evasione, della inefficienza della P.A. e della corruzione tra la Politica e le lobbies-criminalita’ [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/06/05/stipendi-pubblici-ai-magistrati-gli-aumenti-piu-vistosi/]link-Retribuzione dei Magistrati [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/01/30/indicatori-internazionali-quadro-generale/]link-La corruzione fuori dall’agenda politica – Indicatori Internazionali – Quadro generale [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/10/09/litalia-tra-i-peggiori-paesi-al-mondo-per-la-corruzione-anche-nellexport-bribe-payers-index-bpi-2006/]link-La corruzione fuori dall’agenda politica – Indicatori Internazionali [/url]

 

 

 

 

Debito Pubblico e Declino Italia

I Costi della Politica e la sua mancanza d’Etica

La Corruzione tra le Lobbies, la Politica, la PA e la Criminalita’

L’enorme Spesa della PA e l’ inefficienza della PA

Pubblici Dipendenti Fannulloni – Sindacati protettori degli insiders

L’Evasione Fiscale ed i suoi Costi

 

 

2008

 

L’italia in mano alla criminalita’ organizzata: i politici dormono o fanno finta di dormire?

https://wallstreetrack.wordpress.com/2008/05/21/litalia-in-mano-alla-criminalita-organizzata-i-politici-dormono-o-fanno-finta-di-dormire/

 

Competitivita’ nel mondo: Italia agli ultimi posti

https://wallstreetrack.wordpress.com/2008/05/17/competitivita-nel-mondo-italia-agli-ultimi-posti/

 

I killers dell’Italia: La Spesa, l’Inefficienza della PA e la Pressione Fiscale (elevatissima sia a causa dell’evasione sia proprio per l’enorme fardello della spesa pubblica e dei tanti, troppi fannulloni e corrotti lavoratori del pubblico impiego)

 

https://wallstreetrack.wordpress.com/2008/04/21/la-spesa-linefficienza-della-pa-e-la-pressione-fiscale-i-killers-dellitalia/

 

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2008/03/12/debito-pubblico-anno-2007/]link-Debito Pubblico 2007 [/url]

 

 

2007

 

 

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/03/03/levasione-fiscale-causa-primaria-dellaumento-della-spesa-della-pa-e-della-pressione-fiscale/]link-Spesa PA e L’Evasione Fiscale[/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/03/15/i-costi-dellevasione-della-inefficienza-della-pa-e-della-corruzione-tra-la-politica-e-le-lobbies-criminalita/]link-Costi dell’evasione, della inefficienza della P.A. e della corruzione tra la Politica e le lobbies-criminalita’ [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/04/07/addio-tesoretto-i-sindacati-ed-i-pubblici-dipendentila-piu-cancerogena-delle-corporazione/]link-I Sindacati ed i pubblici dipendenti, la piu’ cancerogena delle corporazioni! Addio tesoretto [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/05/03/cosi-la-pubblica-amministrazione-getta-i-soldi-on-line/]link-Così la pubblica amministrazione “ruba” e getta i soldi [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/04/12/pensioni-dei-parlamentari-e%e2%80%99-uno-schifo-reset/]link-Pensioni dei Parlamentari [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/06/10/stipendi-dei-parlamentari-e-uno-schifo-reset/]link-Stipendi dei Parlamentari [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/09/24/la-casta-predica-bene-ma-razzola-malissimo/]link-La Casta predica bene ma razzola malissimo [/url]

 

 

 

Debito Pubblico e Declino Italia

I Costi della Politica e la sua mancanza d’Etica

La Corruzione tra le Lobbies, la Politica, la PA e la Criminalita’

L’enorme Spesa della PA e l’ inefficienza della PA

Pubblici Dipendenti Fannulloni – Sindacati protettori degli insiders

L’Evasione Fiscale ed i suoi Costi

 

 

 

2006

 

 

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/08/30/lenorme-buco-del-debito-pubblico-italiano-di-cosa-si-tratta-e-di-chi-e-la-responsabilita-primaria/]link-Debito Pubblico – Spesa PA esorbitante – Pubblici Dipendenti in eccesso – Declino Italia – Parte 1 [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/09/29/185/]link-Declino Italia – Italia un paese alla deriva Istituzionale e Dirigenziale [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/10/03/litalia-in-mano-a-bertinotti-ed-ai-sindacati-e-soltanto-apparentemente-diversa-non-anche-migliore-di-quella-di-berlusconi/]link-Sindacati e Bertinotti Italia [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/10/19/crollo-dei-consensi-per-il-governo-18-in-3-mesi-e-intanto-le-agenzie-di-valutazione-finanziaria-declassano-litalia/]link-L’assenza di ogni valore della politica – Parte 1 [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/10/20/italia-debito-pubblico-rating-problema-dei-dipendenti-pubblici-e-degli-enti-inutili-ovvero-della-spesa-della-pa/]link-Debito Pubblico – Spesa PA esorbitante – Pubblici Dipendenti in eccesso – Declino Italia Parte 2 [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/10/24/perche-litalia-bilanci-alla-mano-e-un-paese-allo-sbando/]link-Debito Pubblico – Spesa PA esorbitante – Pubblici Dipendenti in eccesso – Declino Italia Parte 3 [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/12/06/il-declino-dellitalia-che-viaggia-con-il-ciuccio-e-la-scoppola/]link-Declino Italia – L’assenza di ogni valore della politica – Parametri internazionali [/url]

Click here:  [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/12/17/in-italia-abbiamo-una-grossa-fetta-della-classe-politica-allo-sbaraglio-e-cieca-con-o-senza-connivenza/]link-L’assenza di ogni valore della politica – Parte 2 [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/12/20/the-governments-policy-is-missingits-coming-soon-like-one-of-our-tourism-portal-web/]link-Conflitto Interessi – L’assenza di ogni valore della politica – Parte 3 [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/12/21/i-5-simboli-del-doloso-sottosviluppo-italiano-la-politica-tutta-o-quasi-i-sindacati-la-chiesa-l%e2%80%99informazione-e-alcuni-giudici-di-alcuni-tribunali-fallimentari-e-civili-in-uno-con-i-lo/]link-I 5 simboli del doloso sottosviluppo Italiano: su tutti la Chiesa! Declino Italia [/url]

 

Vedi soprattutto:

 

Banche – Esuberi – Perdite e Svalutazioni – Riforme Istituzionali

 

 

The Final U.S. Growth Package

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2008/01/29/the-final-us-growth-package/#more-1582]link-The Final U.S. Growth Package [/url]

 

The delinquency rate & The New foreclosures (I Pignoramenti)

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/12/07/the-delinquency-rate-the-new-foreclosures-i-pignoramenti/]link-The delinquency rate & The New foreclosures (I Pignoramenti) [/url]

 

Immobili e To avert a cash crunch

I Pignoramenti in America: U.S. Montly Home Foreclosures and Bank Repossessions (REOs)

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2008/04/16/i-pignoramenti-in-america-us-montly-home-foreclosures-and-bank-repossessions-reos/]link- I Pignoramenti in America: U.S. Montly Home Foreclosures and Bank Repossessions [/url]

 

Vedi anche:

 

Crash_Immobili: U.S. Home Prices:nel 1 trimestre crollo dei prezzi

https://wallstreetrack.wordpress.com/2008/05/14/us-home-pricesnel-1-trimestre-crollo-dei-prezzi/

 

Home Price Data Showed Housing Solid Long-Term Investment

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/11/13/home-price-data-showed-housing-solid-long-term-investment/]link-Home Price Data Showed Housing Solid Long-Term Investment [/url]

Correlazione tra il Prezzo delle case ed i consumi
Click here: [url=
https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/09/25/correlazione-tra-il-prezzo-delle-case-ed-i-consumi/]link-Correlazione tra il Prezzo delle case ed i consumi [/url]

Goldilocks economy, l’economia dai boccoli d’oro

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/09/19/goldilocks-economy-leconomia-dai-boccoli-doro/]link- Goldilocks economy, l’economia dai boccoli d’oro [/url]

To avert a cash crunch the Central Banks spill liquidity in the markets
Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/08/11/to-avert-a-cash-crunch-the-central-banks-spill-liquidity-in-the-markets/]link-To avert a cash crunch the Central Banks spill liquidity in the markets [/url]

Subprime Mortgages E’ in arrivo un grande  Crash? NO
Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/05/12/subprime-mortgages-e-in-arrivo-un-grande-crash-no/]link-Subprime Mortgages E’ in arrivo un grande  Crash? NO [/url]

Crollo-Crash dei mercati azionari americani?
Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/03/25/crollo-crash-dei-mercati-azionari-americani/]link-Crollo-Crash dei mercati azionari americani? [/url]

Il mercato americano (l’S&P 500) e’ in fase di Ipercomprato o Ipervenduto?

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/11/25/il-mercato-americano-lsp-500-e-in-fase-di-ipercomprato-o-ipervenduto/]link- IL MERCATO AMERICANO (L’S&P 500) e’ in fase di Ipercomprato o Ipervenduto? [/url]

Disequilibri Americani: Credit Bubble, ovvero Crack del Debito privato – Parte seconda 
Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/09/05/i-disequilibri-americani-credit-bubble-ovvero-crack-del-debito-privato-2/]link-Disequilibri Americani: Credit Bubble, ovvero Crack del Debito privato – Parte seconda [/url]

Disequilibri Americani: Credit Bubble, ovvero Crack del Debito privato – Parte prima

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/09/05/62/]link-L’indebitamento americano a livelli di guardia – Disequilibri Americani: Credit Bubble, ovvero Crack del Debito privato – Parte prima [/url]

 

 

 

 

 

L’etica in politica e in finanza deve essere un must
17 agosto 2005

http://www.osservatoriosullalegalita.org/05/interventi/041eticapolitica.htm

Bancopoli : lettera ai politici del centrosinistra
09 gennaio 2006

http://www.osservatoriosullalegalita.org/06/acom/01gen1/0955marcobancopoli.htm

E ora le priorita’ : legalita’ competitivita’ e conflitto d’interessi

25 aprile 2006

9 marzo 2008

https://wallstreetrack.wordpress.com/2008/03/09/e-ora-le-priorita-legalita-competitivita-e-conflitto-dinteressi/#more-25

http://www.osservatoriosullalegalita.org/06/interventi/04apr/24votopriorita.htm

Finanziaria : ma l’Italia necessita di etica e legalita’
23 ottobre 2006

http://www.osservatoriosullalegalita.org/06/acom/10ott3/2300marcofin.htm

Legge sul risparmio monca su alcuni aspetti fondamentali
21 dicembre 2005

http://www.osservatoriosullalegalita.org/05/acom/12dic3/2101marcorisparmio.htm

Il Risparmio dolosamente tradito dalla politica : la Class Action
25 maggio 2006

http://www.osservatoriosullalegalita.org/06/acom/09set3/2525marclassaction.htm

Class action : facile , veloce , gratuito
25 settembre 2006

http://www.osservatoriosullalegalita.org/06/docum/varie/010marcoclassaction.htm

U.S.: Le Lobbies contro la Legge che protegge i risparmiatori
31 ottobre 2006

http://www.osservatoriosullalegalita.org/06/acom/10ott3/3100marcousa.htm

Il Paese dei furbetti : crack , banche , finanziarie e vittime
18 dicembre 2005

http://www.osservatoriosullalegalita.org/05/inchieste/012marcomanipul2.htm

Crack in Italia e in America : sentenze e numeri a confronto
22 dicembre 2005

http://www.osservatoriosullalegalita.org/05/acom/12dic3/2244marcocrack.htm

Calciopoli , bancopoli , crack : Italia Argentina 1 a 1 ?
22 maggio 2006

http://www.osservatoriosullalegalita.org/06/acom/05mag3/2200marcofurbetti.htm

Index of economic freedom : Italia agli ultimi posti
17 gennaio 2007

http://www.osservatoriosullalegalita.org/07/acom/02gen2/1722marcomanipul.htm

 

 

 

 

Annunci

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: