L’evasione Fiscale e la Spesa folle della P.A. cause della Pressione Fiscale elevata

L’evasione Fiscale e la Spesa folle della P.A. cause della Pressione Fiscale elevata

ITALIA_DEBITO_PIL1

ITALIA_EUROPA_2006_CONTI ECONOMICI_2

ITALIA_EUROPA_2006_CONTI ECONOMICI_3

Conti economici nazionali

ITALIA_DEBITO PIL_ 2003_2007_ISTAT_Principali aggregati di finanza pubblica

2006: ITALIA pressione fiscale in crescita al 42,3% del Pil

ITALIA_EUROPA_2006_CONTI ECONOMICI_6

UNIONE EUROPEA 

ITALIA_EUROPA_2006_CONTI ECONOMICI_4

ITALIA_EUROPA_2006_CONTI ECONOMICI_5

ITALIA_EUROPA_2006_CONTI ECONOMICI_7

ITALIA_EUROPA_2006_CONTI ECONOMICI_8

ITALIA_EUROPA_2006_CONTI ECONOMICI_9

 

ITALIA_EUROPA_2006_CONTI ECONOMICI_10

 

Pressione Fiscale Eurostat2005:

EA-12 41,2%

EA-13 41,2%

EU-25 40,9%

EU-27 40,8%

Italia   40,8%

Tax revenue in the EU EU-25  in 2005 for the first time since 1999, Increased to 40.9% of GDP Release date: 20-MAR-07

http://ec.europa.eu/eurostat
 

 

URL: http://publications.europa.eu

Click here: [url=http://epp.eurostat.ec.europa.eu/cache/ITY_

OFFPUB/KS-SF-07-031/EN/KS-SF-07-031-EN.PDF]

link-Tax revenue in the EU  [/url]

 

Total taxes, % of GDP

1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005

EU27 : : : : : : : : : : : : : : : : : : :41.2 40.6 40.5 40.4 40.8
EA13 41.4 42.2 42.6 42.4 42.9 42.6 41.7 41.2 41.2 40.9 41.2
EU25 41.1 41.7 41.9 41.9 42.3 42.1 41.2 40.6 40.6 40.5 40.9
EA12 41.4 42.2 42.6 42.4 42.9 42.6 41.7 41.2 41.2 40.9 41.2
BE :45.9 46.5 47.0 47.6 47.6 47.3 47.4 47.5 47.1 47.4 47.7
BG : : : : : : : : : : : : : : :  32.6 31.4 30.2 32.9 34.6 34.8
CZ 36.2 34.7 35.0 33.4 34.1 33.9 34.0 34.8 35.8 36.8 36.3
DK 49.8 50.1 49.9 50.3 50.9 50.2 49.3 48.7 48.7 49.9 51.2
DE 41.3 42.3 42.2 42.4 43.2 43.3 41.4 41.0 41.1 40.2 40.2
EE 37.9 35.6 35.9 34.9 34.6 31.3 30.2 31.2 31.6 31.5 31.0
IE 34.9 35.1 34.3 33.4 33.4 32.9 31.1 29.8 30.5 31.9 32.2
EL 34.7 35.1 36.4 38.4 39.6 40.0 38.7 38.9 37.8 36.7 36.7
ES 33.6 34.0 34.1 33.9 34.4 34.8 34.3 34.7 34.7 35.4 36.4
FR 44.5 45.7 45.9 45.8 46.8 45.9 45.6 44.9 44.7 45.0 45.8
IT 41.8 42.3 44.2 42.9 42.9 42.1 41.8 41.2 41.7 41.0 40.8
CY 26.9 26.8 26.0 28.2 28.5 30.5 31.5 31.5 33.3 34.1 36.2
LV 33.2 30.8 32.1 33.8 32.4 29.7 28.7 28.4 28.7 28.7 29.6
LT 28.6 27.9 31.0 32.0 31.9 30.2 28.7 28.4 28.2 28.6 29.2
LU 38.2 38.6 40.4 40.4 39.2 40.0 40.6 40.0 39.4 38.8 39.1
HU 41.7 40.6 39.0 39.1 39.2 38.6 39.0 38.6 38.5 38.7 38.6
MT 31.0 26.0 28.3 26.4 28.1 29.2 31.5 33.1 33.2 36.2 37.7
NL 41.4 41.4 40.8 40.6 41.5 40.9 39.4 38.7 38.4 38.7 39.2
AT 43.6 44.8 46.2 46.2 45.8 44.8 46.5 45.5 44.8 44.4 43.6
PL 32.4 37.2 36.5 35.4 35.3 34.0 33.6 34.3 33.4 32.7 34.2
PT 32.7 33.5 33.6 33.9 34.8 35.2 34.8 35.6 36.3 35.4 36.3
RO : : : : : : : : : : : : : : : : : : : 27.8 28.6 28.1 27.8 28.8
SI 40.5 39.4 38.3 39.1 39.5 38.9 39.2 39.6 39.8 39.9 40.7
SK 39.7 38.1 35.1 35.7 34.3 33.0 31.6 32.0 31.1 30.0 29.5
FI 46.3 47.6 46.8 46.5 46.1 47.4 44.7 44.7 44.1 43.7 44.0
SE 49.7 52.1 52.6 53.4 54.0 54.1 52.1 50.5 51.0 51.3 52.1
UK 36.9 36.5 37.1 38.0 38.4 38.9 38.7 37.3 37.1 37.4 38.6
NO 42.3 42.8 42.5 42.5 42.8 43.0 43.2 43.6 42.9 44.0 45.0
 

 

Click here: [url=http://www.istat.it/salastampa/comunicati/non_

calendario/20061214_00/testointegrale.pdf]link-Istat [/url]

 

Click here: [url=http://www.istat.it/salastampa/comunicati/in_

calendario/continaz/20070301_00/testointegrale.pdf]link-Istat [/url]

 

Click here: [url=http://www.istat.it/salastampa/comunicati/non_

calendario/20070222_00/]link-Istat [/url]

 

 

ITALIA_DEBITO_PIL_00

ITALIA_PRESSIONE FISCALE_4

 

 

 

Debito Pubblico Italiano in % sul PIL serie storica dal 2001 al 2006 

2001  110.9% PIL

2002  108.3% PIL

2003  106.8% PIL

2004  103.6% PIL

2005  106.2% PIL

2006  106.8% PIL

 

 

Anno

Debito Pubblico

PIL

 

2002

1.367.169

1.295.226

2003

1.392.278

1.335.354

 

2004

1.442.997

1.390.539

 

2005

1.510.926

1.423.048

 

2006

1.575.346

1.475.401

 

 

 

 

Debito Pubblico Italiano in % sul PIL

1885 – 2000 Media storica

 

Media 78,9%

Media escluse Guerre 73.9%

 

 

 

Quello che ha contribuito all’aumento del debito pubblico italiano: Andreotti (in migliaia di miliardi di lire di debito  fino al 1979, in milioni di miliardi di lire dal 1989 in poi fino al 2000, poi dal 2002 in euro)

 

 

Debito Pubblico Italiano in % sul PIL serie storica dal 1972 al 2000 

 

 

1972 Governo Andreotti 42.614 mila miliardi di lire di debito………….53.1%

1973 Governo Andreotti-Rumor 53.246 mila miliardi di lire …………..55.1%

1974 Governo Andreotti-Rumor …………………………………………….54.5%

1975 Governo Andreotti-Rumor …………………………………………….60.5%

1976 Governo Moro-Andreotti 102.446 mila miliardi di lire ……………58.5%

1977 Governo Andreotti 124.044 mila miliardi di lire …………………..58.3%

1978 Governo Andreotti 158.406 mila miliardi di lire ………………….63.3%

1979 Governo Andreotti-Cossiga 190.979 mila miliardi di lire ………62.4%

1980 Governo Andreotti-Cossiga  ………………………………………….57.7%

1981 Governo Andreotti-Cossiga ………………………………………… 59.9%

1982 Governo Andreotti-Cossiga ………………………………………….64.7%

1983 Governo Andreotti-Cossiga ………………………………………….70.8%

1984 Governo ……………………………………………………………….  76.3%

1985 Governo  ………………………………………………………………. 82.7%

1986 Governo  ………………………………………………………………. 86.5%

1987 Governo  ………………………………………………………………. 90.6%

1988 Governo ………………………………………………………………….92.9%

1989 Governo De Mita-Andreotti 1.141.658 milioni di miliardi di lire 95.8%

1990 Governo Andreotti 1.284.605 ………………………………………..97.2% 

1991 Governo Andreotti 1.449.147 ……………………………………..100.5%

1992 Governo Andreotti-Amato 1.633.770 …………………………..107.7%

1993 Governo ……………………………………………………………. 118.2%

1994 Governo   ……………………………………………………………124.3%

1995 Governo   ……………………………………………………………123.8%

1996 Governo  …………………………………………………………….122.7%

1997 Governo ……………………………………………….. ………….120.2%

1998 Governo    ………………………………………………………….116.4%

1999 Governo   …………………………………………………………..114.6%

2000 Governo  ……………………………………………………………110.5%

 

 

 

 

 

 

World Public Debt

 

CIA world factbook

https://www.cia.gov

 

Rank – Country – Public debt (% of GDP) –  Date of Information

 

1 Lebanon  190.20  2006 est. 
2 Japan  177.60  2006 est. 
3 Jamaica  137.10  2006 est. 
4 Seychelles  134.40  2006 est. 
5 Egypt  113.40  2006 est. 
6 Italy 106.70  2006 est. 
7 Singapore  98.30  2006 est. 
8 Zimbabwe  96.40  2006 est. 
9 Sri Lanka  93.00  2006 est. 
10 Belgium  88.80  2006 est. 
11 Israel  84.90  2006 est. 
12 Nicaragua  83.10  2006 est. 
13 Cote d’Ivoire  82.50  2006 est. 
14 Greece  82.40  2006 est. 
15 Bhutan  81.40  2004 
16 Ethiopia  80.30  2006 est. 
17 Uruguay  72.10  2006 est. 
18 Jordan  69.80  2006 est. 
19 Germany  67.80  2006 est. 
20 Canada  67.70  2006 est. 
21 Morocco  67.40  2006 est. 
22 Mauritius  66.40  2006 est. 
23 Portugal  65.30  2006 est. 
24 Hungary  64.90  2006 est. 
25 Cyprus  64.80  2006 est. 
26 United States  64.70  2005 est. 
27 France  64.20  2006 est. 
28 Argentina  64.00  2006 est. 
29 Philippines  63.80  2006 est. 
30 Sudan  63.20  2006 est. 
31 Austria  62.10  2006 est. 
32 India  60.00  2006 est. 
33 Turkey  59.80  2006 est. 
34 Panama  58.40  2006 est. 
35 Colombia  56.80  2006 est. 
36 Tunisia  55.70  2006 est. 
37 Pakistan  55.10  2006 est. 
38 Serbia  53.10  2005 est. 
39 Costa Rica  51.80  2006 est. 
40 Switzerland  51.00  2006 est. 
41 Netherlands  49.40  2006 est. 
42 Gabon  49.10  2006 est. 
43 Kenya  48.50  2006 est. 
44 Ghana  48.00  2006 est. 
45 Sweden  47.80  2006 est. 
46 Papua New Guinea  47.00  2006 est. 
47 Aruba  46.30  2005 
48 Croatia  46.10  2006 est. 
49 Brazil  46.00  2006 est. 
50 Poland  45.50  2006 est. 
51 Vietnam  43.80  2006 est. 
52 Dominican Republic  43.30  2006 est. 
53 United Kingdom  42.70  2006 est. 
54 Malaysia  42.30  2006 est. 
55 Macedonia  41.50  2006 est. 
56 Norway  41.20  2006 est. 
57 Thailand  41.20  2006 est. 
58 El Salvador  41.10  2006 est. 
59 Spain  39.90  2006 est. 
60 Bangladesh  39.60  2006 est. 
61 Malawi  39.40  2006 est. 
62 Finland  38.90  2006 est. 
63 Indonesia  38.60  2006 est. 
64 Syria  37.90  2006 est. 
65 Trinidad and Tobago  37.50  2006 est. 
66 Zambia  35.70  2006 est. 
67 Slovakia  35.00  2006 est. 
68 Taiwan  34.60  2006 est. 
69 Honduras  33.60  2006 est. 
70 South Africa  33.30  2006 est. 
71 Ecuador  33.00  2006 est. 
72 Peru  32.60  2006 est. 
73 Saudi Arabia  32.20  2006 est. 
74 Iceland  31.50  2006 est. 
75 Bahrain  31.00  2006 est. 
76 Namibia  30.70  2006 est. 
77 Denmark  30.10  2006 est. 
78 Moldova  30.00  2006 est. 
79 Yemen  29.20  2006 est. 
80 Paraguay  27.80  2006 est. 
81 Tanzania  27.80  2006 est. 
82 Czech Republic  27.50  2006 est. 
83 Qatar  26.80  2006 est. 
84 Angola  26.60  2006 est. 
85 Bulgaria  26.20  2006 est. 
86 Slovenia  25.80  2006 est. 
87 Korea, South  25.20  2006 est. 
88 Ireland  24.90  2006 est. 
89 Uzbekistan  24.80  2006 est. 
90 Cameroon  24.40  2006 est. 
91 Venezuela  24.30  2006 est. 
92 Iran  23.60  2006 est. 
93 Bosnia and Herzegovina  23.40  2006 est. 
94 Mexico  23.30  2006 est. 
95 Guatemala  23.20  2006 est. 
96 Mozambique  23.20  2006 est. 
97 China  22.10  2006 est. 
98 New Zealand  21.20  2006 est. 
99 Uganda  19.40  2006 est. 
100 Romania  18.30  2006 est. 
101 Lithuania  18.20  2006 est. 
102 Senegal  16.30  2006 est. 
103 United Arab Emirates  16.20  2006 est. 
104 Australia  16.10  2006 est. 
105 Nigeria  15.70  2006 est. 
106 Ukraine  14.10  2006 est. 
107 Hong Kong  13.30  2006 est. 
108 Algeria  12.80  2006 est. 
109 Kazakhstan  12.50  2006 est. 
110 Latvia  9.90  2006 est. 
111 Azerbaijan  8.30  2006 est. 
112 Kuwait  8.20  2006 est. 
113 Russia  7.70  2006 est. 
114 Botswana  6.60  2006 est. 
115 Wallis and Futuna  5.60  2004 est. 
116 Chile  5.40  2006 est. 
117 Libya  5.40  2006 est. 
118 Equatorial Guinea  4.20  2006 est. 
119 Estonia  4.10  2006 est. 
120 Oman  3.40  2006 est. 

 

This page was last updated on 13 December, 2007

 

 

 

Ecco cio’ che penso sugli ultimi dati Istat, sono sempre piu’ amareggiato di come vada questo paese, si strumentalizza tutto cio’ che non dovrebbe esserlo, religioni, Chiesa, sindacati, o si danno parziali notizie…cio’ di cui il cittadino ha bisogno e’ :

 

 

 

  • 1 – Legalita’ ed etica: politici onesti e competenti, medici onesti e competenti, giornalisti onesti e competenti, giudici terzi onesti e competenti;

  • 2 – Liberalizzazione vera a tutto tondo dai servizi al pubblico impiego alle professioni; eliminazione delle rendite da posizione di avvocati e liquidatori in primis con il che’ piu’ le cause durano piu’ loro guadagnano ( sistema di formazione delle parcelle da riformare completamente cosi’ come in calce descritto nei miei articoli…lato della domanda della giustizia causa primaria dei lunghi e oscuri processi);

  • 3 – Processi rapidi e giusti ;

  • 4 – Meno pubblici dipendenti fannulloni ;

  • 5 – Eliminazione degli sprechi della P.A. con eliminazione o accorpamento di enti ; accorpamento di comuni;

  • 6 – Sanita’ uguale per tutti ;

  • 7 – Lavoro aperto a tutti e non manipolato dai sindacati che di fatto tutelano gli insiders raccomandati e lasciano fuori i non raccomandati ma capaci, lavoro non sfruttato dalle cooperative, vedi servizio Gabanelli ;

  • 8 – Chiesa onesta (che paghi le tasse e non strumentalizzi la religione facendo politica) e per tutti non per le lobbies;

  • 9 – Lotta feroce all’evasione ed elusione e non la barzelletta che sta facendo il Governo;

  • 10 -Diminuzione della pressione fiscale di 7 punti percentuali (ovvero 103,25 miliardi di euro in meno di gettito tributario e contributivo) allorche’ si facesse davvero la lotta all’evasione, recuperando appunto circa 100 miliardi di contribuzione evasa;

  • 11 – Tutela dei bimbi, degli anziani e degli animali con pene severissime per chi commette reati contro gli stessi;

  • 12 – Tutela dell’ambiente e sviluppo energie pulite!

 

 

 

Questi sono i 12 punti del cittadino…e non ne vedo traccia in quelli del governo, i taxi sono davvero lenzuolate, la gran parte dei comuni non ha recepito le direttive del governo, di fatto castrando ogni liberalizzazione e venendo a patti con i tassinari; in banca pago ancora costi di chiusura conto, vediamo ora sulle ricariche del cell…fatta la legge trovato l’inganno come sempre da noi le regole non si applicano!

 

 

I numeri, le cause e gli effetti dell’evasione e dell’elusione fiscale che si ripercuotono sui negativi dati del forte aumento della Spesa della P.A. e della Pressione Fiscale; se non si combatte davvero l’evasione e se non si liberalizza davvero il pubblico impiego, ovvero tagliando almeno 360.000 impiegati di ruolo nullafacenti il paese non si riprendera’ mai!


 

ITALIA_PUBBLICI DIPENDENTI E LA SPESA PUBBLICA

 

Pubblici Dipendenti

 

2005

 

3.630.000

 

2003

 

3.540.496

 

 

 

 

 

Pubbico impiego: come avevo gia’ scritto mesi fa’, i costi totali del pubblico impiego sono pari all’11% del Pil, lo conferma oggi la Cgia. 

 

 

 

Totale costo del lavoro  del personale pubblico delle Amministrazioni pubbliche (all’interno del cd CONTO DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE relativi ai DIPENDENTI PUBBLICI) voce contenuta nelle spese correnti per consumi finali delle Amministrazioni pubbliche, nel 2006 hanno registrato un aumento del +4,08%  a  162,999 miliardi di euro ( Retribuzioni lorde  del personale pubblico pari a 111,32 miliardi di euro + Contributi e Spese per la formazione del personale pari a 51,67 miliardi di euro) rispetto ad una crescita del +4,5% a 156,6 miliardi di euro dell’anno precedente che contiene, ai fini del presente calcolo, anche gli aumenti retributivi determinati dal rinnovo dei contratti per il biennio 2004-2005, sottoscritti in massima parte nel 2006. Alla crescita hanno contribuito alcuni rinnovi contrattuali, tra cui quelli delle regioni e degli enti locali, della sanità, degli enti di ricerca e dell’università.

 

Il costo dei dipendenti pubblici pari al 162,99 miliardi rappresenta l’11.05% (dal 10,4% sul Pil del 2005) dell’intera’ produttivita’ del Paese ( PIL = 1.475,0 miliardi di euro nel 2006) nonche’ il 21.88% dell’intera spesa pubblica della PA  nel 2006 ( 744,7 miliardi di euro ).

 

 

 

2005

 

Retribuzioni lorde  del personale pubblico 106,95 miliardi di euro
Totale costo del lavoro  del personale pubblico 156,6 miliardi di euro

 

 

In Germania tra il 2000 e il 2006 I costi totali del pubblico impiego nel 2006 in percentuale del Pil sono scesi al 7,2% dall’8,1%, ovvero circa 17 miliardi di euro in meno. In Italia ci sono 61 dipendenti pubblici ogni mille abitanti, mentre in Germania sono 54 ogni mille.

 

Altrettanto impietoso e’ il risultato che emerge dal confronto sulla distribuzione tra i vari livelli istituzionali dei lavoratori pubblici. Se in Italia il 56% e’ alle dipendenze dello Stato centrale (e l’altro 44% e’ impiegato tra Regioni ed Enti locali), in Germania solo l’11% lavora per lo Stato centrale e l’altro 89% e’ distribuito tra i Lander e le amministrazioni locali.

La Pressione fiscale e’ il rapporto percentuale fra il complesso delle entrate tributarie e contributive delle amministrazioni pubbliche e il Pil. Comprende le imposte in conto capitale (tributi prelevati dalle amministrazioni pubbliche a cadenza non periodica sul reddito o sul patrimonio) e i contributi sociali figurativi.  

 

Le tasse in senso stretto sono: [  1 – sui redditi: 2 – per la  previdenza sociale (contributi versati per la sicurezza sociale e per le pensioni), 3 – sulla vendita di beni e sulla fornitura di servizi (é questo il comparto che contempla anche l’ Iva) e 4 – sui patrimoni )]. 

 

 

 

Istat – Conti economici nazionali: Pil in aumento ma Spesa della P.A. e Pressione Fiscale in forte aumento

 

Nel 2006 il rapporto debito/Pil in Italia e’ salito al 106,8% dal 106,2% del 2005

 

 

 

Pressione Fiscale al  42.3% del pil trainata dalla dinamica delle imposte correnti, sia dirette (+12.4%) che indirette (+7.8%), cresciuta di 1,8 punti percentuali dal 2005 al 40.47%  (40.8% per Eurostat) del pil ;


 

  • Spesa per interessi passivi, dopo un triennio di trend decrescente, sono tornati a crescere del 5,2% nel 2006;

  • Più debito. Per quanto riguarda invece il rapporto deficit/Pil, il dato è a due facce: lo scorso anno è arrivato al 4,4% (era 4,1% nel 2005); ma al netto degli oneri straordinari dovuti ai rimborsi Iva sulle auto aziendali (15,982 miliardi), ai debiti Ispa (12,95 miliardi) e alla retrocessione alla società di cartolarizzazione dei crediti agricoli, si è ridotto al 2,4%;

  • La spesa correnti delle Amministrazioni pubbliche, hanno registrato un tasso di crescita del 3,7 per cento nel 2006; il loro rapporto sul Pil, stabile rispetto al 2005, è risultato pari al 44,5 per cento; 

  • I redditi da lavoro dei dipendenti pubblici nel 2006 sono cresciuti del 4,1 per cento, alla crescita hanno contribuito alcuni rinnovi contrattuali, tra cui quelli delle regioni e degli enti locali, della sanità, degli enti di ricerca e dell?università e le retribuzioni lorde del 4,8%;

  • Saldo primario positivo. Nel 2006, il saldo primario (cioè l’indebitamento al netto della spesa per interessi) è risultato pari allo 0,2 per cento del pil, in peggioramento rispetto allo 0,4 per cento dell’anno 2005 e all’1,3 del 2004. Nel 2006 il saldo primario al netto degli oneri straordinari sarebbe risultato pari al 2,2 per cento sul pil;

  • Più crescita. Il valore del pil ai prezzi di mercato – a prezzi correnti (cd Pil nominale) è stato pari a 1.475.401 milioni di euro correnti, segnando un incremento del 3,7 per cento rispetto alla dinamica dell’anno precedente. Su tale misura va calcolato il rapporto debito/Pil;

  • La crescita del pil, espressa ai prezzi di mercato – valori concatenati anno di riferimento 2000- o crescita a valori costanti (il cd Pil reale), è risultata pari a 1.255.848 milioni di euro , segnando un incremento dell’1,9 per cento rispetto alla dinamica dell’anno precedente. Un aumento così non si registrava dal 2000.

 

 

 

 

 

I dati su deficit/pil e sulla crescita diffusi oggi dall’Istat sono “motivo di rinnovata fiducia e confermano che la linea di politica economica intrapresa dal governo dà buoni risultati”. Lo afferma il ministro dell’Economia Tommaso Padoa-Schioppa che però invita a “non abbandonare la disciplina”. (ANSA).

 

I dati diffusi oggi dall’Istat sul Pil dimostrano che “si è risanato molto e in breve”. Lo afferma il segretario generale della Cgil, Guglielmo Epifani, commentando l’aumento registrato dal Pil per il 2006 (+1,9%). “Ora – ha aggiunto – bisogna sostenere consumi e investimenti”. (ANSA).

 

 

 

 

I miei commenti e rilevazioni: I numeri, le cause e gli effetti dell’evasione e dell’elusione fiscale che si ripercuotono sui negativi dati del forte aumento della Spesa della P.A. e della Pressione Fiscale; se non si combatte davvero l’evasione e se non si liberalizza davvero il pubblico impiego, ovvero tagliando almeno 360.000 impiegati di ruolo nullafacenti il paese non si riprendera’ mai!

 

 

 

Occorre, come dice giustamente il presidente della Camera di Commercio di Milano Carlo Sangalli, diminuire la spesa pubblica a parità di servizi erogati, eliminando gli sprechi e aumentando la produttività della pubblica amministrazione e dei pubblici dipendenti. La spesa totale delle Amministrazioni pubbliche e’ in crescita del 7,9 per cento a 744.7 miliardi di euro pari al 50,5% del Pil nel 2006 da 690,2 miliardi di euro pari al 48,5%  del Pil nel 2005  mentre in Irlanda è il 34,3% in Spagna il 40,5% e in Inghilterra il 43,6%. E infatti il Rapporto deficit/pil è ai massimi dal 1996.

 

 

 

 

FISCO: SANGALLI, DIMINUIRE PRESSIONE E COSTO BUROCRAZIA

 

http://www.wallstreetitalia.com/articolo.asp?
ART_ID=445481

 

 

 

” Il settore che noi rappresentiamo é quello del commercio che già è stato liberalizzato. Ci auguriamo che la liberalizzazione si estenda in altri campi e settori, nei servizi pubblici e locali perché le imprese siano in grado di competere sul mercato”. A dirlo è il presidente della Camera di Commercio di Milano Carlo Sangalli a margine della cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico 2006-2007 dello Iulm di Milano che si è tenuta questa mattina nell’aula magna della Libera Università di Lingue e Comunicazione. “Ci sono due pesi ai piedi delle imprese – ha aggiunto il presidente Sangalli – che non consentono di decollare: la forte pressione di natura fiscale e il costo della burocrazia. Diminuirli vuol dire dare un contributo alla crescita di questo Paese“. (ANSA).

 

Sono quelle dichiarazioni dei politici e dei sindacati che fanno male al cittadino, ci prendono in giro! C’e’ ben poco purtroppo da stare allegri ragazzi, nonostante la disinformazione dei diversi Governi e delle Istituzioni ad essi correlate; questi che vi espongo e trasmetto non sono dati pubblicati dall’Istat, ma derivanti solo da mie valutazioni oggettive sui pregressi dati ufficiali, e sebbene il Pil reale come quello nominale e’ aumentato occorre evidenziare una serie di dati negativi:

 

1 – ITALIA; Pressione Fiscale 2006 al  42,3% del pil trainata dalla dinamica delle imposte correnti, sia dirette (+12,4%) che indirette (+7,8%), cresciuta di 1,7 punti percentuali dal 2005 al  40,47% del pil  (40.8% per Eurostat) dal 40,7% del 2004. Il gettito tributario e contributivo delle Amministrazioni pubbliche infatti ha registrato un tasso di crescita del 8,36 per cento nel 2006 a 624.17 miliardi di euro pari al 42,31 per cento sul Pil, rispetto al 2005 a 576.0 miliardi di euro pari al 40,47 per cento sul Pil.  La pressione fiscale  è aumentata anche per la maggior spesa dovuta ad una maggior spesa per interessi passivi, dopo un triennio di trend decrescente, sono tornati a crescere del 5,2% a 67.5 miliardi di euro nel 2006  il 4,57% del PIL ( da 64,2 miliardi di euro nel 2005 il 4,51% del PIL grazie al calo degli interessi e della stesa cosa aveva beneficiato anche il centro sinistra dal 1996 al 2001. La spesa per interessi è passata dall’11,5% del 1996, al 6,5% del 2000 al 4,57% del PIL attuale.

 

 

 

  • Tra il 1975 e il 2006 il prelievo delle tasse è cresciuto del 66,53%, passando dal 25,4% del pil del 1975 al 42,3% del 2006. Il picco massimo è però stato toccato nel 1999 schizzata al 42,5%, per poi scendere progressivamente fino al 41,4% del 2002, risalire al 41,8% del 2003 e poi digradare fino al 40,6%  del 2005. La pressione fiscale in crescita toglie potere d’acquisto al cittadino al di la’ delle mediocri diminuzioni per la fascia medio bassa delle aliquote irpef nazionali: la lotta all’evasione fiscale e’ una barzelletta con le inutili riforme che han fatto, le lenzuolate di liberalizzazioni sono una goccia nel mare, a cominciare da quella dei taxi che non ha dato alcun risultato in quanto a livello locale i Sindaci sono venuti a patti con i tassinari!

 

L’Italia supera la media europea  (EA-12 41.2% e EU – 25 40.9% al 2005) nella classifica di Eurostat che calcola il peso fiscale complessivo (contributi previdenziali inclusi), in rapporto al prodotto interno lordo (Pil), per i Paesi dell’Unione. L’ Italia supera di +1,1 punti percentuali la media EA-12 e di ben +1,4 punti in più della pressione fiscale EU-25 .

 

  • L’incidenza del prelievo fiscale e parafiscale dell’Italia risulta inferiore solo a quella di Francia, Belgio, Austria oltre che dei Paesi scandinavi, i cui più evoluti sistemi di welfare hanno storicamente richiesto un maggiore ricorso alla fiscalità generale. Infatti Svezia e Danimarca presentano il valore più elevato della pressione fiscale (52,1 per cento e 51,2 per cento ); i valori più bassi si riscontrano, nell’ordine, in Lituania, Slovacchia, Lettonia, Irlanda ed Estonia. 

  • Tale risultato è l’effetto di una dinamica delle principali componenti del prelievo fiscale: le imposte dirette aumentano del +12,4%, quelle indirette del +7,8% , i contributi sociali effettivi del 3,5 per cento. Le spese in conto capitale sono considerevolmente aumentate per effetto della registrazione degli oneri straordinari (+54,2 per cento).

  • La pressione fiscale  è aumentata anche per la maggior spesa dovuta ad una maggior spesa per interessi passivi, dopo un triennio di trend decrescente, sono tornati a crescere del 5,2% a 67.5 miliardi di euro nel 2006  il 4,57% del PIL ( da 64,2 miliardi di euro nel 2005 il 4,51% del PIL grazie al calo degli interessi e della stesa cosa aveva beneficiato anche il centro sinistra dal 1996 al 2001. La spesa per interessi è passata dall’11,5% del 1996, al 6,5% del 2000 al 4,57% del PIL attuale.

 

 

 

La ripartizione delle tasse :

 

  • è spostata in particolare sui redditi: su questa voce si paga il 30,4% dei tributi,

  • sono diminuite, in valore percentuale, le risorse che vanno alla previdenza sociale (contributi versati per la sicurezza sociale e per le pensioni): scendono al 30,3% erano il 45,9% nel 1975,
    Il 26,4% del prelievo si concentra invece sulla vendita di beni e sulla fornitura di servizi (é questo il comparto che contempla anche l’ Iva),

  • il rimanente 6,1% si applica sui patrimoni (ad esempio l’ Ici sugli immobili). L’ Italia, col passare del tempo, sta scambiando anche l’ attribuzione del prelievo, che ora, sempre di più, arriva anche nelle casse degli enti locali: E proprio in merito agli introiti dovuti alle Amministrazioni locali, la percentuale è passata dallo 0,9% del 1975 al 16,6% del 2005 del totale le tasse che finiscono direttamente nelle tasche degli enti locali,

  • L’ erario statale, invece, non ha mollato la presa: si è assestato ora al 52,8%, incassava il 53,2% nel 1975 dopo aver toccato il 62,3% dieci anni dopo nel 1985

 

 

 

2 – il debito pubblico / Pil nominale ( Pil dato finale del 2006 a quota  1.475,4 miliardi di euro correnti, segnando incremento del 3,7 per cento rispetto alla dinamica dell’anno precedente – Pil nominale, ai prezzi di mercato – a prezzi correnti. Su tale misura va calcolato infatti il rapporto debito/Pil ):

 

Nel 2006 il rapporto debito/Pil in Italia e’ salito al 106,8% dal 106,2% del 2005 Nel 2006 il rapporto debito/Pil in Italia e’ salito al 106,8% dal 106,2% del 2005 (Pil pari a 1.475.000 milioni nel 2006 e 1.423.000 milioni nel 2005 ). Il debito e’ stato di 1.575.346 milioni (segnando una crescita del +4.26% o di 64.421 milioni di euro rispetto al dato finale del 2005 a quota 1.510.926 milioni nel 2005), sebbene in diminuzione dal dato di novembre a 1.607.700 milioni di euro grazie al forte surplus di dicembre pari a 32.254 milioni di euro. Lo comunica la Banca d’Italia.

Con riferimento alla ripartizione per sottosettori:

  • il debito delle Amministrazioni centrali è cresciuto di 46.142 milioni, a 1.467.237 milioni; la sua incidenza sul Pil è diminuita dal 99,9 al 99,47 per cento;

  • il debito delle amministrazioni locali é aumentato di 18.279 milioni, a 108.054 milioni, passando dal 6,3 al 7,3 per cento del Pil

Alla crescita del debito hanno contribuito:

  • il fabbisogno delle amministrazioni pubbliche, risultato pari a 54.727 milioni;

  • l’aumento delle attività detenute dal Tesoro presso la Banca d’Italia per 8.230 milioni;

  • l’emissione di titoli sotto la pari, che ha comportato un aumento del debito superiore al fabbisogno finanziato di 2.274 milioni.

L’apprezzamento dell’euro ha ridotto invece il valore delle passività denominate in valuta estera di 810 milioni.

 

Il debito pubblico italiano a novembre era pari a 1.607,7 miliardi, ovvero il 108,96% del Pil nominale pari a 1.475,4 miliardi di euro correnti, segnando nei primi 11 mesi dell’anno un crescita di circa +96,9 miliardi rispetto al dato finale debito pubblico del 2005 a quota 1.510,8 miliardi, con un trend al rialzo del 6.41%.Forte surplus a dicembre pari a 32.25 miliardi di euro considerando infatti che il debito cresce in media di 8.8 miliardi di euro al mese, e che solitamente a dicembre la bilancia dello Stato registra un avanzo di cassa di 2/3 miliardi di euro; se il surplus di dicembre fosse stato in linea con gli ultimi 5 anni il debito avrebbe potuto raggiungere quota 1.605,0 miliardi di euro circa; con il che’ ai fini del Patto di Stabilità il rapporto debito pubblico / Pil sarebbe stato a fine anno attorno al 108,78% del Pil nominale dal 106,2% del 2005

 

  • E’ come se ciascuno dei 58,4 milioni di cittadini italiani avesse accumulato una quota di debito pubblico pari a 26.974 euro a testa per ogni italiano, neonati compresi;

 

3 – deficit pubblico o indebitamento netto ( in crescita a -64,743 miliardi di euro pari al 4,388% del Pil nel 2006 dal -58,714 miliardi di euro pari al 4,1% del Pil nel 2005), pari al 4.38%  del Pil dal 4.1%  del Pil nel 2005:

 

 

 

Il rapporto deficit-pil dal 1980 al 2006

 

ANNO RAPPORTO DEFICIT-PIL

 

1980 -7,0%
1981 -10,9%
1982 -10,0%
1983 -10,1%
1984 -11,5%
1985 -12,4%
1986 -12,0%
1987 -11,5%
1988 -11,0%
1989 -11,4%
1990 -11,4%
1991 -11,4%
1992 -10,4%
1993 -10,0%
1994 -9,1%
1995 -7,4%
1996 -7,0%
1997 -2,7%
1998 -2,8%
1999 -1,7%
2000 -0,8%
2001 -3,1%
2002 -2,9%
2003 -3,4%
2004 -3,4%
2005 -4,1%
2006 -4,4%

 

 

 

4 – la spesa totale delle Amministrazioni pubbliche è in crescita del 7,9 per cento a 744.7 miliardi di euro pari al 50,5% del Pil nel 2006 da 690,2 miliardi di euro pari al 48,5%  del Pil nel 2005  mentre in Irlanda è il 34,3% in Spagna il 40,5% e in Inghilterra il 43,6%;

 

5 – la spesa per interessi passivi, dopo un triennio di trend decrescente, sono tornati a crescere del 5,2% a 67.5 miliardi di euro nel 2006  il 4,57% del PIL ( da 64,2 miliardi di euro nel 2005 il 4,51% del PIL );

 

6 – la spesa totale delle Amministrazioni pubbliche al netto degli interessi è in crescita al 45,9% del Pil nel 2006 dal 44,0% del Pil nel 2005;

 

7 – la spesa corrente delle Amministrazioni pubbliche ha registrato un tasso di crescita del 3,7 per cento nel 2006 a 656.57 miliardi di euro pari al 44,5 per cento sul Pil, stabile rispetto al 2005,  a 633.0 miliardi di euro pari al 44,5 per cento sul Pil;

 

8 – la spesa corrente delle Amministrazioni pubbliche al netto degli interessi ha registrato un tasso di crescita del 3,6 per cento nel 2006 a 589.0 miliardi di euro pari al 39,93 per cento sul Pil, stabile rispetto al 2005  a 568.8 miliardi di euro pari al 39,97 per cento sul Pil;

 

9 – totale spesa in conto capitale delle Amministrazioni pubbliche ha registrato un tasso di crescita del 54,2 per cento nel 2006 a 88.2 miliardi di euro pari al 5,97 per cento sul Pil, rispetto al 2005 a 57.2 miliardi di euro pari al 4,0 per cento sul Pil;

 

10 – il saldo primario è in discesa allo 0,2% del Pil nel 2006 dallo 0,4% nel 2005

 

11 – Le spese per consumi finali delle Amministrazioni pubbliche , sono cresciute del +3,1%, a  299,5 miliardi di euro rispetto ad una crescita del +5,2% a  290,6 miliardi di euro dell’anno precedente; di cui:

 

 

– I Redditi da lavoro dipendente delle Amministrazioni pubbliche voce contenuta nelle spese correnti per consumi finali delle Amministrazioni pubbliche hanno registrato un aumento del +4,1%  a  162,999 miliardi di euro rispetto ad una crescita del +4,5% a  156,6 miliardi di euro dell’anno precedente; dai 144,7 miliardi di euro del 2003 che cozza con il dato recentemente rilasciato dall’Istat che indica la spesa in 128,5 miliardi di euro; Alla crescita hanno contribuito alcuni rinnovi contrattuali, tra cui quelli delle regioni e degli enti locali, della sanità, degli enti di ricerca e dell’università.

 

  • I redditi da lavoro dipendente nell’intera economia cfr. tavole 14 e 15) nel 2006 sono cresciuti del 4,6 per cento, e le retribuzioni lorde (cfr. tavole 16 e 17) del 4,8 per cento.

 

 

 

 

– Consumi Intermedi voce contenuta nelle spese correnti per consumi finali delle Amministrazioni pubbliche hanno registrato una diminuzione del -0.8%  a  78,1 miliardi di euro sebbene in passato il primo dato di consuntivo si è rivelato poi molto poco affidabile, rispetto ad una crescita del +5% a  78,8 miliardi di euro dell’anno precedente. È la componente sulla quale in questi anni si è esercitata la politica dei tetti finanziari;

– Le prestazioni sociali in natura acquistate direttamente sul mercato voce contenuta nelle spese correnti per consumi finali delle Amministrazioni pubbliche (che includono prevalentemente spese per l’assistenza sanitaria in convenzione) sono cresciute del +3,4%, a  41,4 miliardi di euro rispetto ad una crescita del +5,6% a  40,0 miliardi di euro dell’anno precedente.

 

 

 

 

12 – Le prestazioni sociali in denaro voce contenuta nelle spese correnti delle Amministrazioni pubbliche (che includono prevalentemente spese per le pensioni ) sono cresciute intensamente del +4,4%, a  252,9 miliardi di euro (224,33 miliardi di euro per le pensioni) rispetto ad una crescita del +3,3% a  242,4 miliardi di euro dell’anno precedente (214,88 miliardi di euro per le pensioni).

 

Sono tutti dati che continuano a peggiorare tanto da doverci mettere le mani nei capelli perche’ testimoniano l’incompetenza e la falsita’ di tutti i politici, e con la conseguenza di annullare i miglioramentei del Pil.

 

Di male in peggio, e invece di tagliare almeno il 10 per cento (circa 360.000 ) dei pubblici dipendenti fannulloni e ruba soldi, enti inutili etc, aumentano ancora di 300 mila unita’ i pubblici dipendenti come da recenti dichiarazioni, e senza al contempo per l’appunto tagliare i lavoratori in ruolo che non fanno un c….o.

 

 

 

Il peso fiscale complessivo (contributi previdenziali inclusi), in rapporto al prodotto interno lordo (Pil):

 

ITALIA              42,3% . Tra il 1975 e il 2006 il prelievo delle tasse è cresciuto del 66,53%, passando dal 25,4% del pil del 1975 al 42,3% del 2006, più di quanto non sia avvenuto in due grandi partner dell’Eurozona quali Francia e Germania. In Italia, in particolare, la crescita del gettito è stata un po’ altalenante nel primo decennio, toccando il punto più basso nel 1973, con il 24,4% del Pil, per poi risalire in modo più o meno costante segnando un livello record nel 1997 quando la pressione fiscale ha toccato il 44,3%.

 

 

Stati Uniti  23,0% in media dal 25,0% del 2004 on federal gross income Taxes, and a  28% tax rate on reported federal real taxable income ( ma se si scompone il dato si vede che le ‘corporate taxes’, le imposte che un’impresa si trova a pagare, salgono al 37,5%, mentre in Svezia le corporate taxes sono al 28%, in Germania il 38% , in Giappone il 42% e in al Francia il 45% ): The percentage of the federal income Taxes rate on reported gross income, while this percentage rise a little bit to 30,81% if you consider it on  reported taxable income after local deductions (state taxable income ). Ma attenzione in america vi e’ la doppia tassazione locale oltre quella Federale cosi’ l’aliquota e’ superiore:

 

  • Bush, 58, and his wife, Laura, paid $207,307 in federal gross income Taxes in 2004, a 24,52% tax rate on reported gross income of $784,219 for 2004 from $727,083 in 2003 , and a  30,81% tax rate on reported federal real taxable income of $672,788 according to returns released by the White House. After local deductions (tax-deductible contributions + state taxable income ) in fact the couple reported a real federal taxable income of $672,788, including Bush’s $400,000 annual salary and investment income ( $24,770 + $1,901 ) from blind trusts in which their assets are held [ Northern Trust Corp. of Chicago handles the Bush’s investments and tax concerns – Real federal taxable investment income: The Bushes earned $24,770 in dividends last year, of which $13,919 were taxed at the preferential 15 percent rate enacted in 2003, so he paid (from blind trusts in which their assets are held) a dividend tax of $2,087. The other $10,851  were taxed at currently taxed at normal income rates 38,6%, so he paid a dividend tax of $4,188. They also reported $1,901 in income from royalties, (from blind trusts in which their assets are held) taxed at currently taxed at normal income rates 38,6%, so he paid a state dividend tax of $733,7].

  • So the total tax rate on both (Federal and State and Local taxes rate) were $207,307 +  $22,158  =  $229,465 , that is equivalent to a 29,26% tax rate on reported gross income of $784,219 for 2004 , and a  34,1% tax rate on reported federal real taxable income of $672,788

 

Total Local deductions (tax-deductible contributions + state taxable income ) $111,420 :

  • Local deductions $77,785 (tax-deductible contributions): The president and his wife made $77,785 in tax-deductible contributions to churches and charitable organizations, including the American Red Cross and AmeriCares, according to a White House statement;

  • Local deductions $22,158 (state and local taxable income )They deducted from the  federal income Taxes what was not a reported gross income but what they just paid for the state tax, that is  $22,158 in property taxes they paid on their Crawford, Texas ranch;

  • Local deductions  $2,186 (tax-deductible contributions): They also deducted $2,186 in sales taxes under a new law enacted last year allowing Americans to deduct either state income tax or sales taxes; Texas has no state tax;

  • Local deductions  $2,690+$28,759 (tax-deductible contributions): The Bushes also paid $2,690 to have their tax return prepared and $28,759 in miscellaneous expenses, most of which related to managing their investments, according to their return, both of them tax-deductible contributions.

The Senate Finance Committee approved a version of the tax package that made the first $13,919 of dividends tax to a top rate of 15 % and  lowering capital gains taxes to the same level.  About 90 percent of tax payers who earn dividends would pay less taxes under the provision. Most capital gains on stock sales are currently taxed at 20 % while dividends are taxed at normal income rates 38,6%. The dividend law fit within the $350 billion limit, over it the tax cut would expire at the end of 2008

 

 

  • The bill lowered the top rate on dividends and capital gains on the sale of assets to 15 percent since holding it over through 2008, and that will drop to 0 zero in 2008.

  • La riduzione dal 38,6% al 15% dell’imposta sui dividendi ha già spinto 1.101 società quotate a staccare per la prima volta una cedola a favore degli investitori o ad aumentarne l’importo, regalo alla massa di azionisti piccoli.

  • Eccessive riduzioni delle tasse: con i 350 miliardi di dollari di tagli alle tasse in 5 anni per le persone fisiche sui dividendi sino al 2008,  il sistema pensionistico e quello del sistema sanitario rischieranno di fallire se non cambieranno strada, cioè se non aumenteremo nuovamente le tasse.

  • Il pacchetto di rilancio per l’economia americana accolto dai parlamentari della Camera è comunque inferiore a quello originale da 726 miliardi di dollari che il governo aveva presentato all’inizio del 2003 al Senato .

  • The U.S. House of Representatives advances a  $1.3 billion small-business tax cut package aimed at winning the first minimum wage increase in more than a decade .The tax cut package  is needed to win for raising the minimum wage to $7.25 per hour over two years from $5.15 per hour. The closely divided Senate earlier this month agreed to the wage increase only after adding some $8.3 billion in small-business tax cuts.

  • The $1.3 billion 10 year cost of the tax cuts would be offset by changing capital gains and dividend tax rules for dependents under 24 and by making a one-year adjustment in estimated tax payments for large corporations

 

The House bill would extend tax breaks that encourage hiring of veterans, the handicapped and high-risk youths through 2008. The bill would also extend provisions allowing small businesses to immediately write off up to $125,000 of investment in equipment through 2010 and provide some alternative minimum tax relief for businesses.

 

IRS  40 STATI COLLABORANO CONTRO TAX SHELTER  Le autorità federali e 40 Stati statunitensi avvieranno un’ iniziativa comune allo scopo di arginare il fenomeno del cosiddetto ‘tax shelter’, vale a dire un meccanismo attraverso il quale molti contribuenti, in primo luogo le aziende, evitano di pagare le tasse, con un conseguente buco per le finanze pubbliche, stimato per quanto riguarda il Tesoro Usa in circa dieci miliardi di dollari all’ anno. Si tratta della prima volta che l’ IRS – Internal Revenue Service, appunto il Fisco centrale – ed i competenti uffici tributari dei diversi Stati attuano una collaborazione in questo settore, che si concretizzerà innanzitutto in uno scambio reciproco di informazioni.

 

  • Il ‘tax shelter’ è un espediente tecnico che viene messo in atto dalle società di revisione contabile o dalle banche d’ investimento per conto delle aziende o dei contribuenti individuali che hanno redditi particolarmente elevati, allo scopo appunto di attenuare il carico fiscale. Questo fenomeno spesso coinvolge società con sede all’ estero, oppure si basa sulla deduzione dall’ imponibile di somme iscritte in bilancio come perdite e che invece rappresentano a tutti gli effetti delle entrate, di conseguenza andrebbero assoggettate ad imposta. A valere sui ‘consigli’ dati alla loro clientela su come aggirare il Fisco, i contribuenti garantiscono peraltro laute commissioni alle banche d’ investimento ed agli studi legali. Va tenuto presente che lo scorso anno, proprio in relazione a questo meccanismo, colossi come Merrill Lynch e PricewaterhouseCoopers sono stati multati, per aver avuto un ruolo importante nella promozione del ‘tax shelter’. Nello scorso febbraio, inoltre, l’ amministrazione Bush ha imposto un giro di vite in questa materia, introducendo una serie di ‘paletti’ per evitare abusi, prevedendo fra l’ altro sei tipi di transazioni che devono essere obbligatoriamente comunicate allo stesso IRS, allo scopo di garantire una maggiore trasparenza e permettere al Fisco di valutare se si tratta di interventi ammissibili o meno. In base all’ accordo raggiunto oggi, l’ IRS, i 40 Stati ed il distretto della Columbia dovranno scambiarsi appunto informazioni e consigli, allo scopo di evitare anche sovrapposizioni di competenza.

 

 

 

 

 

 

 

 

 


I numeri, le cause e gli effetti dell’evasione e dell’elusione fiscale che si ripercuotono sui negativi dati del forte aumento della Spesa della P.A. e della Pressione Fiscale; se non si combatte davvero l’evasione e se non si liberalizza davvero il pubblico impiego, ovvero tagliando almeno 360.000 impiegati di ruolo nullafacenti il paese non si riprendera’ mai!

 

 

 

Pressione Fiscale:  ITALIA al  42,3% del pil  2006 

 

 

 

Il problema del paese e’ che non vi e’ etica e senso della legalita’, non solo e soltanto nei politici ns rappresentanti, ma in una grossa fetta dei cittadini, che coincidono quasi del tutto con chi evade ed elude le tasse; gli evasori si nascondono dietro il falso paravento del dire ” e’ ingiusto pagare le tasse oltre la solgia x” ….nei fatti reali noi cittadini onesti siamo violentati da questa gente che evade, perche’ paghiamo per noi e per loro le tasse; l’evasione e’ il male dei mali, la cui cultura di base come modus vivendi e’ il vero nemico di chi e’ senza santi o protettori, per non parlare dei poveri dei disagiati. L’evasione e’ la causa primaria del debito pubblico elevato , nonche’ mutatis mutandis delle sacche d’inefficienza dei pubblici dipendenti fannulloni dei pubblici servizi dove si annidano, applicando la stessa cultura degli evasori, persone spesso raccomandate dalla politca, e che scaricano sui cittadini il loro senso di menefreghismo e furbizia di fatto rubando a noi nel non lavorare, assentandosi, facendo mesi di inventata malattia etc….ma prendendo lo stipendio che noi paghiamo.

 

Il sillogismo reale e completo non e’ quindi quello di dire le tasse sono alte perche’ il debito pubblico e’ alto, ma che le tasse alte sono la diretta conseguenza dell’evasione che fa’ aumentare in negativo il saldo della spesa pubblica, privata di parte delle entrate, evasione che fa’ aumentare quindi di conseguenza anche il debito pubblico che porta per effetto della stessa a tasse piu’ alte anche in presenza di un miglioramento del PIL; quindi la causa prima delle tasse alte e’ ovviamente proprio l’enorme evasione. Forse a taluni sfuggono i termini della stessa, ma ogni anno e’ come se allo Stato venissero a mancare 3 finanziare da 33 miliardi l’una, a tanto ammonta l’aliquota non versata dagli evasori, che noi cittadini onesti paghiamo con l’aumento delle tasse, sono 105 miliardi di euro l’anno il gettito che viene meno sotto forma di aliquota contributiva omessa su un imponibile occultato di circa 250 miliardi l’anno (16,94% del Pil ), con il che’ secondo i dati istat la pressione fiscale sale vertiginosamente al 42,3%! Il valore del sommerso è aumentato di circa 8 miliardi di euro rispetto al 2000, in quell’anno, infatti, l’Istat stimava le attività in nero di 211 miliardi ( il 17,7% del Pil).

 

  • I proprietari di case in affitto in buona parte ‘non registrano il contratto’ o ‘dichiarano molto meno di quanto incassano’. Lo rivela l’Espresso. Secondo i dati del governo citati dal settimanale in edicola domani, i proprietari che dichiarano redditi sono circa 3,5 milioni, e il reddito medio annuo dell’immobile e’ di 5.200 euro. Ma, commenta l’Espresso, l’evasione fiscale e’ evidente, basta leggere gli annunci di qualsiasi giornale. Nel 2006 i controlli sono comunque raddoppiati: evasi 112 mln. (ANSA).

  • Generale de Santé, gruppo attivo nei servizi sanitari privati di cui Antonino Ligresti è il principale azionista, ha chiuso il 2006 con un utile netto balzato del 451,1% a 225,4 milioni. Il forte aumento è legato a voci eccezionali come la cessione di asset immobiliari, precisa il gruppo. Eccettuate queste voci, il profitto è salito del 21,4% a 54,4 milioni. Il gruppo, che è presente anche in Italia, ha realizzato nel 2006 un utile operativo di 126 milioni, in aumento del 28%, per un fatturato salito del 21,3% a 1,74 miliardi. Il margine operativo è aumentata dello 0,3% a 7,2%. L’aumento, precisa nel suo comunicato, è legato anche al “miglioramento della performance operativa in Italia”. Quanto al 2007, il gruppo mira a una crescita organica superiore al 5% e un margine operativo sempre al 7,2%. Generale de Santé intende anche “mantenere una politica di investimenti ambiziosa al livello del 10% del suo fatturato”.(ANSA).

 

 

 

Sono queste le cose che non vanno, la sanita’ publica e’ allo sfascio ma quella privata va’ a gonfie vele, l’evasione impera e neppure il centro sinistra vuole combatterla, iniziando proprio dalla sanita’ privata, dalla chiesa ed introducendo una deduzione di almeno il 50 per cento su tutte le ricevute fiscali o fatture valida per tutti e su ogni bene e servizio ricevuto o comprato

 

E’ gravissimo quel che il centro sinistra non sta facendo per combattere l’evasione: e come al solito anche loro vengono a patti con i commercianti ed i professionisti, di fatto rendendo l’evasione e l’elusione come prima, cioe’ vile prassi di tutti:

 

 

  • STUDI SETTORE, ACCERTAMENTO SE SI SFORA DEL 20% LE CONTESTAZIONI DEL FISCO NON SARANNO PIU’ AUTOMATICHE – L’ accertamento, ossia la richiesta di maggiori imposte da parte del fisco, scatterà per artigiani, commercianti e professionisti solo se dichiareranno un importo inferiore al 20% di quello che emerge dagli studi di settore o se l’ importo dell’ evasione presunta è di almeno 50.000 euro. La contestazione del fisco, in pratica, non sarà più automatica ma scatterà sopra una certa soglia. E’ quanto prevede l’ emendamento del governo alla legge Finanziaria che alleggerisce di fatto l’ impatto dei controlli in base agli studi di settore. In particolare è previsto che la valutazione di “coerenza economica” dei valori degli studi, partirà nel 2006, ma riguarderà solo gli elementi di “significativa rilevanza” per il settore valutato;

  • Salta una delle poche norme di lotta all’evasione: Finanziaria, salta la manovra per combattere gli affitti in nero. Ritirato dallo stesso relatore l’emendamento che istituiva l’aliquota unica del 20% sui redditi da affitto che avrebbe poi portato detrazioni per gli inquilini. Il relatore, Enrico Morando, ha ritirato l’emendamento che prevedeva un meccanismo stringente per favorire l’emersione degli affitti in nero e successivamente, a partire dal 2008, una valutazione di quanto emerso per poter poi applicare l’aliquota unica del 20% con le detrazioni per gli inquilini. Una situazione di vera e propria emergenza riguarda proprio gli studenti fuori sede, spesso soltanto il 51% degli universitari ha un contratto con il proprietario della casa. Il resto è in nero oppure sono state firmate carte senza valore legale ed almeno un terzo degli affittuari alla fine del mese consegna il denaro senza avere indietro alcuna ricevuta. A Roma è anche peggio e alla beffa si aggiunge l’immoralita’ della Chiesa, pullunano gli studentati retti da religiosi, dove di contratti o di ricevute non se ne parla nemmeno, considerando i privilegi fiscali di cui godono gli istituti religiosi che non esercitano esclusivamente un’attività di natura commerciale. 

  • L´evasione non è quasi mai totale. Molto spesso l´evasore paga almeno il 30 per cento del suo debito fiscale. E chi evade lo sappiamo chi e’: aziende grandi e piccole, i professionisti, gli artigiani e i commercianti tutti che non ti danno una fattura nemmeno se li impicchi. Attribuire il grosso dell’evasione ai lavoratori dipendenti che hanno un secondo lavoro (nero, per carita’ da punire anch’esso….ma per ultimo come dire)  è offendere le ns intelligenze e rivoltare i fatti. L´evasione, parziale ma consistente, è la frangia di ogni tappeto. Il guaio italiano consiste nell´entità della frangia che occupa a dir poco un quarto del tappeto.

  • L’Evasione parte dagli imprenditori e professionisti o artigiani nel privato, a partire dai medici nei servizi offerti nel privato a costi esorbitanti  con insoddisfazione pubblica ed elevato debito pubblico, così, si formano e si sommano, nel nostro Paese le illegalita’ dell’evasione. Per cui le tasse sono il “prezzo della cittadinanza di noi onesti”, che para il c…..o all’illegalita’ degli evasori.

     

     

     

     

     

 


Andava introdotto in Finanziaria un sistema semplicissimo di incentivazione e detrazione (totale o parziale di almeno il 50 per cento ) su tutte le fatture e ricevute fiscali a beneficio di tutti i cittadini, e per tutte le categorie di beni e servizi ricevuti , cosicche’ ogni cittadino potesse e possa essere davvero stimolato nel chiedere sempre la fattura per ogni servizio o bene loro offerto dai commercianti, professionisti, iniziando dai medici che nelle cliniche non fatturano o fatturano una parte soltanto l’altra la paghi in nero, ed anche rompendo questo patto di collusione tra la Politica e le Istituzioni della Chiesa, in virtu’ del quale quest’ultima oltre a non pagare vergognosamente le imposte sugli immobili, evade anche il Fisco non rilasciando mai fattura quando affitta le stanze o gli appartamenti agli studenti o ai benestanti dell’alta borghesia..ovvero la stessa pappa! Solo cosi’ si interrompe la contiguita’ ed il collateralismo tra chi vende e chi acquista.

 

 

 

Basterebbe poi che la Guardia di Finanza andasse a controllare tutti quelli che dichiarano tra 6.000 e 10.000 euro all’anno, e questi o sono tutti ospiti di ostelli pubblici e mangiano alla mensa della Caritas o, a seconda della casa in cui vivono e dell’auto con cui viaggiano sono tutti liberi professionisti o commercianti che evadono il 99% di quello che guadagnano. Inoltre oggi con semplicissimi mezzi informatici si è in grado di scrivere programmi che automaticamente incrociano i dati e segnalano alla Guardia di finanza le denunce dei redditi da controllare, alcuni esempi potrebbero essere chi denuncia 10.000 euro all’anno ed ha intestate 3 case o auto, e paga 1000 euro all’anno di ICI, oppure ha intestate utenze telefoniche ed energetiche con bollette per più di 400 euro la mese. Oppure controllare le denunce di chi (persone o ditte) risulta avere intestato barche da 10 metri e auto di lusso. Inoltre controlli sulle imprese in cui sistematicamente per anni i proprietari guadagnano meno dei dipendenti o imprese che per anni di seguito danno utili ridicoli. Insomma ci sono centinaia di criteri semplici, chiari e facili da implementare, ora che le denunce dei redditi sono informatizzate, occorre solo la volontà di farlo!

 

 

 

L’economia sommersa  e le Imposte ed i contributi evasi

 

 


SOMMERSO ECONOMICO, IPOTESI MINIMA IN ITALIA dal 1992 al 2006 (miliardi di Euro)

 

92 93 94 95 96 97 98 99 00 01 02 03 04 05 06

 

SOMMERSO ECONOMICO in miliardi di Euro

 

100 112 123 145 155 163 169 165 211 215 220 225 230 238 250

 

PERCENTUALE % sul PIL

 

12,9 13,9 14,5 15,8 15,9 15,9 15,8 14,9 17,7 17,5 17,3 17,1 16,56 16,72 16,94

 

 

 

Dettagli:

 

  • 2006: L’economia sommersa (Quindi l’imponibile che sfugge al fisco ) ovvero l’underground economy il valore aggiunto collegato al sommerso economico nel 2006 valeva tra i 250 miliardi di euro (16,94% del Pil pari nel 2006 a 1.475,0 miliardi di euro) e i 271 miliardi di euro, (il 18,37% del Pil );

  • 2006: Imposte e contributi evasi e sottratti al Fisco (pressione fiscale al 42,3% in media) rapportati alla somma dell’economia sommersa: 105,75 miliardi di euro (rispetto al 2005 , 97,58 miliardi di euro , un incremento di +8 miliardi di euro) di imposte (irpef 29/31,2 miliardi evasi, Iva ires, Irap, altre indirette, imposte locali) e contributi evasi (un terzo dei 111);

  • 2005: L’economia sommersa (Quindi l’imponibile che sfugge al fisco ) valeva tra i 238 miliardi di euro (16,72% del Pil pari nel 2005 a 1.423,0 miliardi di euro) e i 260 miliardi di euro, (il 18,34% del Pil pari nel 2005 a 1.417,2 miliardi di euro)

  • 2005: Imposte e contributi evasi e sottratti al Fisco (pressione fiscale al 40,46% in media) rapportati alla somma dell’economia sommersa: 97,58/ 106,6 miliardi di euro , di imposte  e contributi evasi ;

  • 2004: L’economia sommersa valeva tra i 230 miliardi di euro (16,56% del Pil pari nel 2004 a 1.388,87 miliardi di euro) e i 246 miliardi di euro, (il 17,71% del Pil pari nel 2004 a 1.388,87 miliardi di euro)

  • 2004: Imposte e contributi evasi e sottratti al Fisco (pressione fiscale al 41% in media) rapportati alla somma dell’economia sommersa: 94,3/ 100,86 miliardi di euro , di imposte  e contributi evasi

 

 

 

L’economia sommersa connessa al fenomeno della frode fiscale e contributiva e’ per giunta compresa nella stima del prodotto interno lordo e negli aggregati economici diffusi correntemente dall’Istat il 1° marzo di ogni anno.

 

Le attività non dichiarate al fisco (ai fini della reale pressione fiscale) incidono quindi su entrambi i fattori della pressione fiscale appunto, poiché riducono il gettito realmente incassato dal fisco e riducono di fatto anche il Pil nominale (che andrebbe per l’appunto decurtato ai fini del calcolo della quota di 250 miliardi di sommerso) su cui rapportare il gettito, a differenza dei conti ufficiali dell’istat che incorporano invece il sommerso ai fini del calcolo della pressione fiscale su chi le tasse le paga; con il che’ la reale pressione fiscale e’ maggiore per chi paga le tasse, e facendo questi calcoli che in calce vi rimetto comprendiamo bene il fottio di soldi che gli evasori ci rubano, perche’ siamo noi a pagare per loro, in quanto appunto lo stato deve aumentare le tasse.

 

L’Istat corregge il Pil aumentandolo della somma pari all’economia sommersa (250 miliardi di euro) che, con varie tecniche, riesce a quantificare. Cioè, il Pil ufficiale (che è anche una somma di redditi) contiene anche i redditi non dichiarati sui quali andrebbero poi pagate le tasse (100 miliardi di contribuzione evasa per l’appunto).

 

 

Viceversa, i conti pubblici (compresa la pressione fiscale ed il calcolo del gettito) non sono corretti (cioe’ non inglobano come per il pil nominale, il valore di pil derivante dal sommerso, 250 miliardi di euro ,e tanto meno la contribuzione evasa su quel Pil); per cui la pressione fiscale comunemente riportata e commentata (chiamiamola consueta), non e’ quella vera. La pressione fiscale vera è molto superiore a quella solitamente discussa poiché, evidentemente, le tasse sono pagate solamente dai redditi emersi. Di contro se non vi fosse evasione (la causa primaria della catena che porta al debito pubblico ingestibile) o se vi fosse in una misura contenuta in 30/40 miliardi l’anno, cosi’ da far emergere molto dell’l’imponibile ,sicuramente e finalmente si potrebbero ridurre le tasse al 30/33 per cento massimo, elevare la no tax area a 15.000 euro, avere servizi efficienti etc…e quindi diminuire il debito pubblico.

 

Quindi L’Istat pubblica i dati del Pil dichiarato e non, e può essere interessante perciò chiedersi qual è la reale pressione fiscale a carico dei contribuenti onesti. L’operazione è assai semplice: il gettito va diviso per il solo Pil regolare (ovvero rapportando il gettito fiscale al Pil pubblicato dall’Istat diminuito pero’ dell’imponibile evaso pari a circa 250 miliardi di euro nel 2006, sul quale conseguenzialmente non e’ entrato, sotto forma di tasse nelle casse dello stato, il corrispondente gettito contributivo di 105 miliardi di euro).

 

 

 

La pressione fiscale reale e’ superiore nei fatti gia’ oggi di molto di quella ufficiale, ovvero da quella attuale del 42,3%, rapportata al Pil  pubblicato (1475 miliardi di euro) dell’Istat (dichiarato +sommerso ipotizzato a 250 miliardi dall’Istat medesimo, che e’ maggiore dunque di quello che andrebbe invece conteggiato in questa sede in quanto incorpora anche la quota dell’economia sommersa come detto)  , si passa infatti al 50.93% nella ipotesi di imponibile evaso nel 2006 pari a 250 miliardi di euro, rapportando il gettito tributario e contributivo delle Amministrazioni pubbliche pari a  624.17 miliardi di euro ( ha registrato un tasso di crescita del 8,36 per cento nel 2006 a 624.17 miliardi di euro pari al 42,31 per cento sul Pil, rispetto al 2005 a 576.0 miliardi di euro pari al 40,47 per cento sul Pil ) per il solo Pil regolare effettivo dichiarato dai contribuenti pari a 1225 miliardi di euro [ovvero rapportando il gettito fiscale al Pil ( 1475 miliardi di euro pubblicato dell’Istat ) diminuito pero’ dell’imponibile evaso pari a circa 250 miliardi di euro nel 2006, somma sulla quale  in realta’ non e’ entrato nulla, sotto forma di tassazione pari a 105 miliardi , nelle casse dello stato )];

 

 

 

 

 

L’aggravio percentuale di pressione fiscale dovuta ai mascalzoni che evadono, per noi cittadini onesti che paghiamo le tasse, e’ pari oggi a +8.63% punti percentuali (non percentuale tout court) in piu’, o si puo’ dire anche che la pressione fiscale che ci viene comunicata come reale non lo e’, essendo nei fatti inferiore di -8.63% punti percentuali a quella che concretamente ci viene imposta, aggravio che nella realta’ paghiamo anche se non ci viene comunicato, per l’appunto, sul montante del Pil nominale uffciale che incorpora come detto il reddito prodotto dall’evasione mentre la stima dei dati relativi ai conti pubblici (compresa la pressione fiscale ed il calcolo del gettito) non sono corretti (cioe’ non inglobano come per il pil nominale, il valore di pil derivante dal sommerso, 250 miliardi di euro ,e tanto meno la contribuzione evasa su quel Pil), per cui la pressione fiscale comunemente riportata e commentata non e’ quella vera ma ad essa ben superiore come visto sopra

 

 

 

 

 

Lavoro in nero: IRREGOLARI L’80% DELLE AZIENDE ISPEZIONATE Nella classifica delle Regioni con più alta percentuale di aziende irregolari in testa ci sono la Campania e la Sardegna (86%), seguite da Piemonte e Sicilia (85%) ed Emilia Romagna (83%). Secondo i dati raccolti dall’Inps, su più di 110.000 aziende ispezionate nel 2006, l’80% (88.642) è risultata irregolare mentre in 27.654 imprese sono stati accertati oltre 60.000 rapporti di lavoro “in nero”.

 

VALORE AGGIUNTO PRODOTTO DALL’AREA DEL SOMMERSO ECONOMICO PER ATTIVITA’ ECONOMICA, IPOTESI MASSIMA IN ITALIA nel 2005 (miliardi di Euro)

 

 

 

  • nel terziario  con 197,6 miliardi in nero, dove il VALORE AGGIUNTO PRODOTTO DALL’AREA DEL SOMMERSO ECONOMICO,é stimato al 21,1% del totale del Pil prodotto dal settore;

  • nell’industria, con 42,3 miliardi in nero, dove il VALORE AGGIUNTO PRODOTTO DALL’AREA DEL SOMMERSO ECONOMICO, é stimato al  l’11% del totale del settore;

  • nel settore agricolo, con oltre 5,8 miliardi in nero, dove il VALORE AGGIUNTO PRODOTTO DALL’AREA DEL SOMMERSO ECONOMICO, é stimato al 20,5% del totale del settore;

 

 

 

 

 

RECUPERATO meno di 1 miliardo di euro di quanto evaso (100 miliardi di euro di contribuzione su una quota di economia sommersa di 205 miliardi di euro) – E’ quanto calcola in un’indagine Il Sole 24 Ore. I dati relativi invece ai controlli: nel 2005 i 648.402 controlli sostanziali hanno accertato una maggiore imposta per 728,9 milioni di euro. Di questa somma solo 383,8 milioni sono tributi definiti, cioé non contestati dai contribuenti. Per recuperare la restante somma invece l’amministrazione dovrà comunque affrontare un contenzioso

 

 

 

  • Oltre un quarto circa delle risorse che non arrivano alle casse dell’erario dipende dall’Irpef (33 miliardi di euro),

  • Oltre un quarto circa delle risorse che non arrivano alle casse dell’erario dipende dai contributi (37-36 miliardi),

  • l’Irap evasione tra 7 miliardi di euro,

  • Risulta sostenuta anche l’evasione dell’Iva, l’imposta sul valore aggiunto, che si colloca tra i 13 e i 14 miliardi di euro: l’ Iva evasa è in Italia pari al 29%, quasi il doppio di quella britannica che si ferma al 16%,

  • A seguire l’Ires, l’imposta sulle società: sfugge al fisco una somma tra i 10  miliardi.  

 

 

Mazzillo il magistrato della Corte dei Conti Luigi Mazzillo, ex direttore del Secit, a proposito del Fisco dice: l’elusione ed evasione fiscale delle grandi aziende e’ pari al 50%, infatti tale percentuale di grandi aziende dichiara rosso o reddito zero ‘Parmalat e Cirio insegnano su forme evasione’ – Su 769.386 societa’ di capitali il 49,8% dichiara reddito negativo o pari a zero e un altro 28% meno di 25.000 euro.

 

In altri paesi Europei esiste comunque una evasione fisiologica che non si può eliminare, ma il problema e’ enorme in Italia, per vari motivi, per la nostra mentalità e per la particolare situazione dell’Italia, l’unico Paese con tantissime aziende piccole o medie.

 

  • Come e’ possibile che i 2/3 cioe’ 30 milioni sui 40.5 milioni di contribuenti over 18 dichiarino da 6.000 a 15.000 Euro all’anno ?

  • Come e’ possibile che ci sono solo 55.573 persone che dichiarano più di 200.000 Euro all’anno?

  • Come e’ possibile che solo 271.000 persone dichiarano tra 100.000 e 200.000 Euro all’anno?

 

 

 

ITALIA EVADE IVA IL DOPPIO DI GB E MENTRE LE STIME DELL’EVASIONE IN GB VENGONO AGGIORNATE OGNI ANNO SUL SITO GOVERNO, IN ITALIA VENGONO NASCOSTE – In Gran Bretagna il sito del governo contiene le stime dell’ evasione, gli obiettivi prefissati e i risultati raggiunti. In Italia l’ amministrazione ha i dati sull’ evasione Iva, ma li nasconde. Risultato: l’ Iva evasa è in Italia pari al 29%, quasi il doppio di quella britannica che si ferma al 16%. L’informativa on line per i cittadini” consentirebbe di verificare i risultati raggiunti e creerebbe un deterrente per chi non vuole pagare le imposte, mentre a differenza di altri paesi i risultati di tali stime non vengono resi noti, nel timore che possano essere strumentalizzati come riprova di inefficienza degli apparati amministrativi. Se ne nega, anzi, addirittura l’ esistenza”. In Gran Bretagna “l’ obiettivo di riduzione delle dimensioni del mancato gettito Iva costituisce oggetto di un Public Service Agreement, cioé un accordo tra governo e cittadini”. Sul sito web del governo, poi, “sono riportati obiettivi e traguardi intermedi di performance e risultati effettivamente conseguiti alle scadenze stabilite, ad esempio ” l’ obiettivo di una evasione Iva al 12% entro il 31 marzo 2006. E’ proprio questo approccio strategico ad essere determinante per la lotta all’ evasione. Come in una azienda c’é pianificazione strategica e controllo di gestione, con l’ effetto di predisporre meglio sul territorio i controlli e anche di creare maggiore deterrenza. Pianificazione strategica e controllo di gestione che si concretizzano anche in altri 2 punti sui quali si potrebbe intervenire. Il primo è “la mancata introduzione dell’ obbligo di allegazione telematica degli elenchi clienti/fornitori”; il secondo è il “balletto di rinvii” per l’ accesso ai dati delle Banche. La norma che predisponeva l’ anagrafe dei conti bancari era del 1991 e non è mai stata attuata ma sostituita con la possibilità di richiedere notizie con posta elettronica. Ma anche quest’ ultima norma, che doveva entrare in vigore il primo luglio 2005, è già stata rinviata tre volte.

 

 

 

 

 

La mafia spa è un’impresa florida, con qualche tentazione egemonica, che concorre al benessere della nazione e fa lavorare tanta gente. Lo dicono questi 2 semplici dati.

 

  • a) 100 miliardi di euro  è il giro d’affari lordo annuo della criminalità organizzata, secondo una stima 2005, approssimata per difetto, del procuratore nazionale antimafia ,

  • b) 400 milioni di euro è il valore dei beni confiscati alla criminalita’ organzizzata negli ultimi dieci anni, secondo un calcolo 2006, approssimato per eccesso, del ministero dell’Interno.

La differenza viene ripulita sul libero mercato. Funziona così da tempo e s’è fatto sistema. Fateci caso, raramente, anche negli scandali più sordidi, viene fuori un’ipotesi di riciclaggio su vasta scala: ma dove mai hanno preso i soldi i nuovi eroi della finanza facile? Il non Detto ha questo nome: dittatura economica del malaffare. Uno che non sopportava cio’ era il giornalista Giuseppe Fava: “Esiste infatti una verità innegabile: perché la mafia possa amministrare le sue migliaia di miliardi, debbono pur esserci imprese private e istituti pubblici, uomini d’affari e di politica capaci di garantire l’impiego e la purificazione di quell’ininterrotto flusso di denaro. La Nazione ha finalmente il diritto di identificarli!”. Lo uccisero cinque colpi di pistola alla nuca la sera del 5 gennaio 1984.

 

 

 

  • Le mani della mafia sul commercio e le attività imprenditoriali, copre, tra attivita’ apparentemente lecite che vengono alla criminalità organizzata da commercio, turismo, ristorazione e grande ditribuzione, ed usura e racket, un giro d’affari di 200 milioni di euro al giorno, 8 miliardi di euro al mese.  La mafia ha raggiunto un fatturato annuo di 100 miliardi di euro pari a un colosso come l’Eni, doppio di quello della Fiat e dell’Enel, dieci volte maggiore di quello della Telecom.

  • L’usura e il racket coprono il 53% di questo fatturato: L’usura  movimenta denaro per 30 miliardi di euro e per i 150 mila commercianti colpiti rappresenta costi per circa 12 miliardi; il racket copre un giro di 10 miliardi e riguarda 160 mila commercianti, costretti a sborsare un totale di 6 miliardi di euro.

 

Per prelevare denaro e per reinvestirlo la mafia si infiltra soprattutto nel commercio e nel turismo, ma la sua organizzazione tentacolare interessa anche l’industria del divertimento, la ristorazione veloce, i supermercati, gli autosaloni, i settori della moda e perfino dello sport. E’ aumentata inoltre l’influenza delle associazioni a delinquere nei settori strategici dell’agricoltura, del comparto ittico e delle carni. L’attività dell’agromafia frutta alla malavita ogni anno oltre 7,5 miliardi di euro, attraverso il controllo illecito delle vendite, che obbliga gli agricoltori a cedere prodotti a prezzi stracciati. Sono drammatici i numeri del rapporto di Confesercenti: in Sicilia, a Catania e Palermo, pagano il pizzo l’80 per cento dei negozi; a Reggio Calabria sono soggette all’estorsione il 70 per cento delle imprese, in Campania è la provincia di Salerno quella dove il fenomeno del pizzo tocca i livelli maggiori.

 

 

Ecco forse e’ piu’ chiaro quanto costano a noi cittadini onesti gli evasori! L’imponibile complessivo che sfugge al fisco è stimabile in 250 miliardi di euro, che darebbero un gettito di 105.75 miliardi di tasse. Gli Evasori  ci rubano quindi 1.810 euro l’anno a testa  calcolando i 58,4 milioni di persone tutti compresi anche gli evasori e i bambini, quindi la somma e’ addirittura superiore escludendo dai 58,4 milioni gli evasori, sarebbe di circa 2.000, e se poi consideriamo solo i contribuenti al netto degli evasori, ovvero circa 37 milioni di persone o societa’, ogni anno ci rubano quindi 2.858 euro l’anno a testa .

 

E non ci stupiamo se alla luce di questi dati della cosa Pubblica, che arranca affannosamente e senza soluzione di continuita’ nelle paludi, anche gli investitori esteri scappano dal nostro paese, con questa illegalita’ che regna sovrana in uno con l’inefficienza e gli abusi di alcuni tribunali civili e molti fallimentari che vede latitante ogni riforma della Politica, che fareste voi?

Marco Montanari

 


STUDI SETTORE : i dati 2005
a cui sono stati applicati i criteri di “congruità” e “normalità” effettuati dal ministero dell’Economia sui redditi del 2005: C’è una robustissima evasione

 

Gli studi di settore, che interessano circa 3 milioni di contribuenti, vengono utlizzati, d’accordo con le categorie interessate, per cercare di risalire ai ricavi dei singoli contribuenti. Sono realizzati attraverso una complessa raccolta di informazioni statistiche e tengono conto non solo dei dati contabili ma anche di quelli strumentali.  Nell’ultima finanziaria, per cercare di ridurre il fenomeno della sovrastima dei costi da parte dei contribuenti, sono stati introdotti altri indicatori per riuscire a individuare voci di costo di bilancio non logiche rispetto all’attività.

 

Il 53,8%  dei lavoratori autonomi e delle piccole imprese sottoposte agli Studi di Settore  sono cd contribuenti “incongruenti”, ” non e’ in linea con questi indicatori e sono 1.407.000 dei quasi 3 milioni di operatori interessati dagli Studi di settore” SOTTO LIMITI: dichiara ricavi per 193.600 euro ma poi alla prova dei fatti denuncia al Fisco un reddito imponibile, i loro redditi d’impresa, al netto dei costi, su cui pagare le tasse, di 10.500 euro , ossia 875 euro al mese, troppo basso che vale solo il 5,4 per cento dei loro ricavi annuali che loro stessi dichiarano; A questi contribuenti Visco chiede loro “solo di versare 100-200 euro in più di tasse evase; Mediamente quindi gli “incongruenti” dicono di ritrovarsi con 35,3 mila euro l’anno di reddito d’impresa in meno dei loro colleghi “congruenti”. Una cifra non da poco.

I contribuenti “in linea”. I contribuenti lavoratori autonomi e le piccole imprese “in linea” con i calcoli del fisco sono invece 1 milione e 30 mila il 39,4% del totale e dichiarano un fatturato pari a 362,5 mila euro, e mediamente un reddito imponibile di 45.800 euro, che vale il 12,6 per cento del “giro di affari” della loro attività.

I dati, diffusi indicano anche il numero dei contribuenti “marginali” (6,8%) che dichiarano 8.900 euro in media ma ai quali non vengono applicati gli studi di settore proprio a causa delle loro caratteristiche peculiari

E quanto ai controlli “almeno 500 mila controlli

 

 

 

 

 

 

 

BREVE SUNTO: ATTIVITA’ – CONGRUI REDDITO  – NON CONGRUI REDDITO

 

 

 

-meccanici auto e moto 36.900 11.800

 

-gioiellerie 34.300 11.600

 

-Commercio oggetti d’arte e bigiotteria 32.800  5.500

 

-Commercio e riparazione di orologi e gioielli 34.300 11.600
-farmacie 148.600 86.700

 

-Laboratori di analisi cliniche e ambulatori  88.700  16.300
-autosalone e noleggio 41.400 1.800

 

-ristoranti 31.800 9.700

 

-bar, gelaterie 26.600 10.900

 

-pasticcerie 33.300 11.500

 

-stabilimenti balneari 24.600 7.100

 

– i proprietari di sale gioco 58.100  2.000

 

-discoteche 24.300 -18.700

 

-istituti bellezza 15.400 3.600

 

-barbieri e parrucchieri 18.900 8.800

 

-centri benessere 36.100 -11.400

 

-Trasporto con taxi  15.500  10.700

 

-Installazione di impianti elettrici e di impianti idraulico-sanitari  42.200 17.700

 

-lavanderie 23.800 6.600

 

-alimentari 30.800 11.100

 

-macellai 23.700 10.700

 

 

 

-ingrosso frutta 40.500 11.100

 

-fruttivendoli 21.200 12.100

 

-pescherie 22.800 9.900

 

-surgelati 22.400 7.100

 

-profumerie 28.800 6.600

 

-fabbricazione infissi 35.600 14.000

 

-pelliccerie 32.600 6.200

 

-vendita barche 40.000 5.500

 

-falegnami 51.900 12.500

 

-sarti 24.000 4.800

 

-calzolai 14.400 5.300

 

-laboratori fotografici 27.000 5.200

 

-agenzie viaggio 32.900 1.700

 

-centri sportivi 18.600 -7.500

 

-autoscuole 39.200 13.400

 

-mercerie 18.600 6.000

 

-librerie 27.100 7.200

 

-fiorai 22.200 9.000

 

-negozi per animali 22.100 6.300

 

 

 

 

 

Tassisti senza taxi, un’immagine quasi paradossale dell’attività di questi contribuenti. Almeno 100 mila sono infatti quelli che hanno dichiarato di svolgere l’attività pur senza possedere i beni strumentali caratteristici. Così si trovano, per il periodo di imposta del 2005, a non essere in possesso di beni strumentali 137 tassisti, 360 laboratori di analisi cliniche, 480 farmacie, 555 lavanderie, 3.329 ristoranti e 5.139 installatori di impianti elettrici ed idraulici

 

 

 

 

 

STUDI DI SETTORE 2005

 

LETTURA COLONNE:

 

 

 

1- SETTORE –
2 – NUMERO SOGGETTI NON MARGINALI –
3 – (CONGRUI E NORMALI)  RICAVI TOTALI (MEDIA IN MIGLIAIA DI EURO) –
4 – (CONGRUI E NORMALI)  REDDITO D’IMPRESA (MEDIA IN MIGLIAIA DI EURO) –
5 – (NON CONGRUI E/O NON NORMALI) RICAVI TOTALI (MEDIA IN MIGLIAIA DI EURO) –
6 – (NON CONGRUI E/O NON NORMALI) REDDITO D’IMPRESA (MEDIA IN MIGLIAIA DI EURO)

 

 

 

COMMERCIO

 

 

 

Commercio e riparazione di orologi e gioielli 18.993  275,2  34,3  126,1  11,6
al dettaglio di alimentari 63.356  514,4  30,8  261,5  11,1
al dettaglio di carni 27.776  220,7  23,7  134,8  10,7
al dettaglio ambulante di alimentari e bevande 27.070  151,1  21,7  103,9 12,3
al dettaglio ambulante articoli tessili per la casa articoli di abbigliamento 28.310  82,4  18,2  50,2  9,6
al dettaglio ambulante di mobili ed altri articoli n.c.a. 19.368  93,4  18,7  56,5  9,1
al dettaglio ambulante di calzature e pelletterie 4.880  77,7  17,8  36,5  8,2
al dettaglio di giornali, riviste e periodici 16.344  93,2  28,6  91,4  17,6
al dettaglio di giochi e articoli sportivi 13.504  372,9  29,8  153,8  7,5
al dettaglio di materiale per ottica, fotografia, cinematografia, 9.646  246,5  42,1  138,0  14,1
al dettaglio di articoli di profumeria e per l’igiene personale 9.375  364,8  28,8  130,6  6,6
al dettaglio di articoli di cartoleria di cancelleria e forniture per ufficio 10.906  227,2  25,6  92,9  7,0
al dettaglio di frutta e verdura 14.837  161,0  21,2  106,6  12,1
al dettaglio di pesci crostacei e molluschi  4.842  228,4  22,8  128,8  9,9
al dettaglio di mobili articoli in legno sughero vimini e plastica  16.550  589,1  38,1  276,0  8,6
al dettaglio di fiori e piante  14.444  123,6  22,2  57,8  9,0
al dettaglio attrezzature agricole e per il giardinaggio  6.044  487,6  33,9  254,8  14,0
al dettaglio macchine e attrezzature per ufficio  5.526  502,1  29,5  247,5  6,8
al dettaglio di piccoli animali domestici 1.933  182,1  22,1  79,1  6,3
all’ingrosso di prodotti alimentari 11.539  1.079,9  49,6  603,9  12,6
all’ingrosso di saponi, detersivi, profumi e cosmetici  3.213  708,1  53,4  441,9  12,0
all’ingrosso e al dettaglio di ferramenta costruzione, piastrelle, 38.294  910,3  56,7  439,7  15,5
Commercio elettrodomestici e casalinghi 32.652  422,6  30,4  196,7  7,3
Commercio di autoveicoli 10.080  1.341,0  41,4  761,4  1,8
Farmacie 14.806  1.241,5  148,6  1.031,4  86,7

 

 

 

SERVIZI

 

Manutenzione e riparazione di autoveicoli motocicli e ciclomotori  72.197 239,8 36,9 113,8 11,8
Trasporto con taxi  17.158 36,3 15,5 26,9 10,7
Installazione di impianti elettrici e di impianti idraulico-sanitari  131.634 272,0 42,2 157,5 17,7
Laboratori e Studi fotografici  10.195 108,4 27,0 54,5 5,2
Servizi di ristorazione  73.205 260,6 31,8 154,1 9,7
Bar caffè gelaterie  91.114 136,1 26,6 90,9 10,9
Servizi degli istituti di bellezza  16.847 69,0 15,4 40,2 3,6
Servizi dei saloni di barbiere e parrucchiere  80.164 56,3 18,9 34,9 8,8
Esercizi alberghieri, affittacamere e case per vacanze  28.345 454,2 43,0 265,7 -1,6
Agenzie di mediazione immobiliare  24.135 114,5 37,1 50,0 9,3
Locazione, valorizzazione, compravendita di beni immobili propri  137.061 253,1 64,9 91,5 5,3
Intonacatura rivestimento tinteggiatura ed altri lavori edili  163.670 136,4 29,7 73,3 14,8
Servizi di pompe funebri e attività connesse  4.375 258,6 54,9 174,4 26,2
Stabilimenti balneari  5.140 132,7 24,6 76,8 7,1
Intermediari del commercio di alimentari, bevande, tabacco  31.890 69,7 35,7 38,0 13,2
Intermediari del commercio di prodotti vari  112.257 80,7 41,4 38,8 12,5
Intermediari del commercio di macchinari, impianti industriali, navi ecc. 7.760 113,5 53,2 72,2 15,9
Software house e riparazione macchine per ufficio  50.532 294,8 47,5 195,2 7,4
Lavanderie industriali a secco e tintorie  15.979 139,2 23,8 63,3 6,6
Trasporto di merci su strada  81.387 293,2 30,0 228,0 4,8
Costruzioni  179.826 541,7 50,9 251,5 10,9
Servizi di pulizia  18.127 185,5 36,5 184,6 11,6 
Consulenza finanziaria, gestionale commerciali  8.399 267,4 66,7 127,0 5,7
Autoscuole, scuole di pilotaggio e nautiche, richiesta certificati 9.102 148,9 39,2 76,0 13,4

 

 

 

INDUSTRIA

 

Fabbricazione e riparazione di macchine ed attrezzature per ufficio 16.967 467,8 58,9 323,1 12,1
Laboratori di analisi cliniche e ambulatori 4.827 571,9 88,7 345,9 16,3
Esercizio della pesca 5.343 138,0 13,1 78,4 -3,7
Intermediari delle assicurazioni 37.647 212,3 58,6 87,3 17,0
Produzioni e distribuzioni cinematografiche e di video, attività radiotelevisive 4.154 537,5 60,1 197,7 -6,2
Centri benessere e stabilimenti termali 1.679 332,6 36,1 90,2 -11,4
Commercio all’ingrosso di macchine e attrezzature per ufficio 5.433 731,3 45,9 505,4 9,6
Vendita al dettaglio di carburanti per autotrazione 16.931 192,6 40,1 467,3 14,1
Commercio al dettaglio di prodotti del tabacco 24.529 69,6 47,7 37,0 39,2
Fabbricazione e commercio di prodotti di pasticceria 14.184 253,7 33,3 136,0 11,5
Segagione frantumazione e lavorazione artistica del marmo e pietre affini 8.307 522,7 48,5 303,6 11,7
Confezione ed accessori per abbigliamento 25.332 448,9 40,7 278,0 -0,8
Fabbricazione di mobili poltrone e divani porte e finestre in legno 45.509 393,4 40,4 227,0 10,3
Lavorazione del legno 5.968 608,4 51,9 381,0 12,5
Fabbricazione e commercio al dettaglio di prodotti di panetteria 23.381 223,6 36,9 146,5 17,2
Fabbricazione porte e finestre in metallo 18.876 318,1 35,6 214,9 14,0
Fabbricazione e lavorazione dei prodotti in metallo 34.363 663,4 74,0 518,4 19,8
Fabbricazione, lavorazione e trasformazione del vetro 4.062 483,0 46,2 280,3 8,2
Meccanica pesante 50.358 672,6 79,4 584,2 21,9
Fabbricazione di protesi dentarie 14.912 80,1 29,5 40,0 15,3
Editoria, stampa ed attività dei servizi connessi alla stampa 19.688 516,1 56,8 346,6 9,2
 Fabbricazione e riparazione di macchine ed attrezzature per ufficio 16.967 467,8 58,9 323,1 12,1
Laboratori di analisi cliniche e ambulatori 4.827 571,9 88,7 345,9 16,3
Esercizio della pesca 5.343 138,0 13,1 78,4 -3,7
Intermediari delle assicurazioni 37.647 212,3 58,6 87,3 17,0
Produzioni e distribuzioni cinematografiche e di video, attività radiotelevisive 4.154 537,5 60,1 197,7 -6,2
Centri benessere e stabilimenti termali 1.679 332,6 36,1 90,2 -11,4
Commercio all’ingrosso di macchine e attrezzature per ufficio 5.433 731,3 45,9 505,4 9,6
Vendita al dettaglio di carburanti per autotrazione 16.931 192,6 40,1 467,3 14,1
Commercio al dettaglio di prodotti del tabacco 24.529 69,6 47,7 37,0 39,2
Fabbricazione e commercio di prodotti di pasticceria 14.184 253,7 33,3 136,0 11,5
Segagione frantumazione e lavorazione artistica del marmo e pietre affini 8.307 522,7 48,5 303,6 11,7
Confezione ed accessori per abbigliamento 25.332 448,9 40,7 278,0 -0,8
Fabbricazione di mobili poltrone e divani porte e finestre in legno 45.509 393,4 40,4 227,0 10,3
Lavorazione del legno 5.968 608,4 51,9 381,0 12,5
Fabbricazione e commercio al dettaglio di prodotti di panetteria 23.381 223,6 36,9 146,5 17,2
Fabbricazione porte e finestre in metallo 18.876 318,1 35,6 214,9 14,0
Fabbricazione e lavorazione dei prodotti in metallo 34.363 663,4 74,0 518,4 19,8
Fabbricazione, lavorazione e trasformazione del vetro 4.062 483,0 46,2 280,3 8,2
Meccanica pesante 50.358 672,6 79,4 584,2 21,9
Fabbricazione di protesi dentarie 14.912 80,1 29,5 40,0 15,3
Editoria, stampa ed attività dei servizi connessi alla stampa 19.688 516,1 56,8 346,6 9,2

 


 

 

 

IL testo riprodotto è “tratto dal sito http://www.lavoce.info”:

 

www.lavoce.info

Quelle tasse occulte che favoriscono l’evasione

 

Shadow economies around the world

19-02-2007

Maurizio Bovi

 

L’indicatore di efficienza delle istituzioni economiche pubbliche

http://www.fraserinstitute.ca/

 

 

PAESE…………….S…………… I……… R………. T…………..T/(1-s)

 

 

    Italia …….16,94 / 24,9…… 7,0…….4,8……42,3…… 50,9 / 56.33…….

 

 

 

 

Svizzera
 7,8
 8,9
 6,4
 28,1
 30,5
 
USA
 8,9
 8,7
 7,2
 27,9
 30,6
 
Giappone
 10,1
 8,0
 5,9
 27,1
 30,1
 
Austria
 10,5
 8,9
 5,6
 42,4
 47,4
 
Nuova Zelanda
 10,9
 8,9
 7,7
 35,0
 39,3
 
Olanda
 12,4
 9,1
 6,3
 40,2
 45,9
 
Regno Unito
 12,9
 8,8
 7,1
 35,4
 40,6
 
Francia
 12,9
 7,8
 5,8
 43,4
 49,8
 
Australia
 13,2
 8,9
 6,6
 29,0
 33,4
 
Irlanda
 13,7
 8,6
 6,5
 31,2
 36,2
 
Canada
 14,6
 8,9
 6,8
 35,6
 41,7
 
Danimarca
 14,8
 9,1
 6,4
 48,2
 56,6
 
Germania
 15,9
 8,9
 5,4
 36,5
 43,4
 
Norvegia
 15,9
 8,9
 6,0
 41,2
 49,0
 
Svezia
 16,9
 8,8
 5,9
 50,1
 60,3
 
Finlandia
 17,0
 9,1
 6,2
 45,7
 55,1
 
Portogallo
 18,1
 7,7
 5,3
 32,0
 39,1
 
Belgio
 19,2
 8,0
 5,8
 43,9
 54,3
 
Spagna
 20,5
 7,3
 5,7
 33,2
 41,8
 


Grecia
 24,7
 6,3
 4,7
 33,6
 44,6
 

 

Italia

16,94 / 24,9

7,0

4,8

42,3

50,9 / 56.33
 

 

 

 

 

Cosa determina l’evasione fiscale? È chiaro che l’esosità del fisco incide, ma è altrettanto ovvio che l’efficienza dello Stato nello spendere i soldi dei contribuenti ed il livello della regolamentazione dei mercati (dei prodotti, del lavoro, eccetera.) giocano un ruolo importante. Non sto alludendo alle regolamentazioni “buone”, che possono anche condurre a risparmi o ad aumenti di produttività, ad esempio quelle inerenti la sicurezza sul lavoro. Mi riferisco, invece, alla congerie di regole che inutilmente generano, per mutuare una frase in voga anni fa, lacci e laccioli che gravano sul libero svolgimento dell’azione economica dei privati. In entrambi i casi “extra-fiscali”, d’altronde, la logica è simile a quella delle tasse: si tratta di costi aggiuntivi imposti dallo Stato che, non sorprendentemente, vengono chiamati “tasse occulte”. Insomma, in questi casi sarebbe più corretto parlare di “evasione dal sistema”.

Sembra dunque interessante domandarsi se l’evasione fiscale è legata più alle imposte “tradizionali” che a quelle occulte. Va da sé che la misurazione di variabili quali l’evasione, l’efficienza delle istituzioni pubbliche e simili è esercizio oltremodo complesso. Tanto per dire, qual è l’aliquota che fa scattare la non/sotto dichiarazione del reddito? Quella massima o quella media? E che dire delle deduzioni, detrazioni, eccetera? Nondimeno, proprio per l’importanza e la pervasività dei fenomeni di cui sto parlando, non mancano tentativi di misurazione. Quelli eseguiti a livello internazionale cercano quantomeno di consentire confronti tra paesi. Nella tabella seguente ne propongo alcuni che risultano particolarmente adeguati ai presenti fini, anche perché disponibili per un lasso di tempo non indifferente.

 

Evasione, aliquote e tasse occulte (media 1990-2003)

 

S = La stima della quota %  di economia sommersa sul Pil totale (Italia da un minimo di 250 ad un massimo di 367 miliardi di euro ), è tratta da Schneider ed è calcolata con varie e sofisticate tecniche econometriche;

I, R = voto alle istituzioni (I) e alle regolamentazioni (R): voto più alto = cittadino / impresa più soddisfatto / a:  

 

 

  • I =voto alle istituzioni (I) : L’indicatore di efficienza delle istituzioni pubbliche è preso dal sito del Fraser Institute  e riguarda la certezza del diritto, la durata dei procedimenti, e così via. La sua scala varia tra dieci e zero, decrescendo dalla “perfezione” all’anarchia. È quasi inutile sottolineare che approvare leggi buone e chiare e farle rispettare senza eccezioni ed entro tempi non biblici è tra i più essenziali e primari servizi che lo Stato fornisce ai cittadini. Pertanto, è lecito pensare che se lo Stato è incapace di offrire il de minimis, difficilmente sarà in grado di soddisfare efficacemente le altre istanze, cioè anche quelle più materiali, della collettività.

  • R= voto alle regolamentazioni (R): Anche i dati sulla pervasività delle regolamentazioni sono scaricabili gratuitamente dal sito del Fraser Institute. Il relativo indice, qui chiamato R, è inteso cogliere la facilità di svolgere l’attività economica privata: si basa sul grado di accessibilità e concorrenza nel mercato creditizio, sulla rigidità del mercato del lavoro e sul livello di burocratizzazione gravante sull’attività imprenditoriale. Anche R varia tra dieci e zero (zero=insormontabili difficoltà di fare libera impresa). Sia R che I sono la summa di elaborazioni ( Inter alia, cfr. Giuseppe Nicoletti e Stefano Scarpetta (“Regulation, productivity and growth”, Economic Policy, 36, 2003), Schneider (op. cit.) e, per un lavoro in italiano, Daniela Marchesi “Non fa una bella figura l’Italia in tribunale”, lavoce.info) di dati quantitativi e qualitativi anche di fonte istituzionale.

 

T = livello di tassazione ufficiale sul Pil: La pressione fiscale generale (gettito totale sul Pil) = gettito tributario ( 624.17 miliardi di euro ) / Pil pubblicato, ovvero il livello di pressione fiscale ufficiale sul Pil;

T/(1-s) = gettito tributario/Pil pubblicato – Pil Sommerso, ovvero il livello di pressione fiscale reale sul Pil regolare ( 1.225.0 miliardi di euro /1.108 miliardi di euro ) = livello di tassazione ufficiale +  livello di tassazione occulta sul Pil regolare, ovvero il livello di tassazione a carico degli onesti (gettito totale sul Pil dichiarato minore di quello pubblicato dall’Istat) segnalano i valori estremi entro cui potrebbe collocarsi l’aliquota media, non occulta, effettivamente gravante sui contribuenti.

 

Prima di tentare una interpretazione dei dati, vale la pena osservare che la speranza è che i numeri della tabella riescano a cogliere quantomeno gli elementi più macroscopici, gli elementi di fondo, della condizione reale. D’altronde, si tratta di situazioni difficilmente modificabili in pochi anni ed è anche perciò che riporto valori medi di un periodo non breve. Ad esempio, non è essenziale che la stima del sommerso per l’Italia sia proprio quella vera. L’importante, è che l’effettiva posizione relativa dei vari paesi sia all’incirca quella mostrata in tabella. D’altronde le stime, e le metodologie che vi sono dietro, sono da tempo facilmente accessibili e, dunque, sotto costante vaglio e vieppiù raffinate. E ancora, varie stime alternative disponibili non cambiano la sostanza del quadro. Infine, la circostanza che sono spesso utilizzate dalla comunità scientifica, depone a favore della loro attendibilità. Premesso ciò, cosa si può rilevare in merito all’associazione tra tasse più o meno occulte, da un lato, e quota di evasione, dall’altro?

 

Per facilitarne la lettura, ho organizzato la tabella riportando i paesi in ordine di (quota di) evasione crescente, ho evidenziato in rosso i voti più imbarazzanti e in blu quelli dei primi della classe.

 

  • Sorprendentemente (?), i sistemi che vedono un’elevata evasione fiscale oltre il 17% – S non corrispondono ai paesi con i peggiori voti nella “materia fiscale intesa come pressione fiscale oltre il 43%- T”, ma sono quelli che stentano di più nelle “materie istituzionali – I e R”: la maggiore evasione tende ad associarsi più al “rosso” istituzionale e regolamentare che alle aliquote più elevate come pressione fiscale .

  • In particolare, confrontando le aliquote fiscali vigenti in Italia con quelle dei paesi scandinavi, si vede che in questi ultimi paesi lo Stato riesce a mettere le mani nelle tasche dei contribuenti in modo molto più vorace/capace che da noi. Il risultato non cambia neppure correggendo l’aliquota per tener conto del fatto che solo i redditi dichiarati pagano le tasse, il che porta gli italiani onesti a fronteggiare un’imposizione maggiore ( ultima colonna della tabella) di quella media ( penultima colonna della tabella).

 

Perché, allora, per dirla con Colbert, “è più facile spennare le oche nordiche che quelle italiane?” Una risposta – e questo è il punto – potrebbe risiedere nelle altre cifre della tabella. Esse infatti informano che, da loro più che da noi, lo Stato “rimette” nelle tasche dei cittadini istituzioni e servizi pubblici maggiormente graditi e di qualità. È questo il senso dei due “nove+” ottenuti da Finlandia, Danimarca e Olanda alla voce “I”. Simili considerazioni valgono anche se queste economie vengono comparate con Spagna e Grecia, gli altri due paesi in rosso più evasivo che fiscale.

 

Altrimenti detto, le tasse occulte ( l’efficienza dello Stato nello spendere i soldi dei contribuenti ed il livello della regolamentazione dei mercati , lacci e laccioli che gravano sul libero svolgimento dell’azione economica dei privati. In entrambi i casi si tratta di costi aggiuntivi imposti dallo Stato che, non sorprendentemente, vengono chiamati “tasse occulte”. Insomma, in questi casi sarebbe più corretto parlare di “evasione dal sistema) nel gioco tra governo ed evasori, sembrano costituire un ingrediente negativo addirittura più importante delle tasse propriamente dette.

Il messaggio normativo che può trarsi è che, almeno nel medio-lungo periodo, un euro investito per migliorare il “sistema paese” (cioè per aumentare i valori di I ed R) potrebbe ridurre l’evasione (incrementare il gettito) più di quanto possa fare un euro in meno chiesto ai contribuenti.

 

Inoltre, anche a prescindere dall’evasione, il miglioramento delle istituzioni pubbliche potrebbe attrarre capitali esteri e disincentivare la delocalizzazione, fenomeni che, a ben vedere, configurano altre perdite di gettito potenziale da conteggiare come ulteriori tasse occulte.

Si può anche osservare che le tasse occulte, a differenza di quelle palesi, costituiscono con più probabilità una perdita secca per il sistema: mentre infatti le entrate fiscali, almeno in parte, consentono di sostenere la spesa pubblica, richiedere ai privati “l’ennesimo timbro in più” non fa certo incassare granché. Anzi: sia il “timbrante” che il “timbrato” sono dei costi gravanti sul sistema. In effetti, ci sono studi che mostrano che i paesi con i peggiori voti nelle materie istituzionali sono anche quelli con scarsa crescita e produttività.

Per concludere, nella misura in cui le tasse occulte tassano più del fisco, il policy maker dovrebbe occuparsi anche e soprattutto delle prime. Tuttavia, la probabilità che un sistema riesca ad auto-migliorarsi dipende proprio dal voto ottenuto nelle materie istituzionali. Ovvero, è quasi per definizione che si è portati a ritenere che un paese con un apparato pubblico  inefficiente abbia delle difficoltà nel gestire oculatamente i soldi pubblici. D’altronde, sono ormai passati due decenni da quando gli economisti hanno osservato che, in certi casi, può essere utile “legarsi le mani” e affidarsi a un deus-ex-machina. Incarnato, nella fattispecie, da accordi sovranazionali.

 

 

Schneider, F. (2005) “Shadow economies around the world: what do we really know?” European Journal of Political Economy. 21, 598-642. Il lettore interessato può agevolmente consultare le fonti riportate.

 

 

 

 

 

IL testo riprodotto è “tratto dal sito”  http://www.lavoce.info 

 

Evadere il fisco non merita indulgenze

Per mancanza di dati, l’analisi si occupa solo del reddito da lavoro, mentre è probabile che molta evasione riguardi altre tipologie di reddito.

 

Misurare l’evasione fiscale :  “a scientific passion for knowing the unknown”.

di Carlo Fiorio e Francesco D’Amuri

12-01-2006

 

 

 

Misurare l’evasione fiscale è un esercizio complesso: usando le parole di Friedrich Schneider, si tratta di “a scientific passion for knowing the unknown”. Le stime fornite da statistici ed economisti utilizzano metodologie necessariamente soggette ad approssimazioni, per la natura stessa del fenomeno e per la scarsa disponibilità di dati. Tuttavia, una migliore comprensione della sua ampiezza e della sua rilevanza nei singoli settori di attività economica è necessaria. La presenza di un’economia nascosta, oltre a distorcere la concorrenza tra imprese e tra consumatori ed essere fonte di iniquità, rappresenta anche una minaccia per la tenuta dei conti pubblici.

 

La percentuale di reddito non dichiarato è più elevata nel gruppo dei lavoratori autonomi tra il 7% ed  il 27% che nel gruppo dei lavoratori dipendenti.

La percentuale di reddito non dichiarato è molto elevata per entrambe le tipologie lavorative per i livelli di reddito più bassi sintomo di una forte presenza di lavoro nero

 

 

L’aliquota non versata dagli evasori, che noi cittadini onesti paghiamo con l’aumento delle tasse, sono 105 miliardi di euro l’anno, è il gettito che viene meno sotto forma di aliquota contributiva omessa su un imponibile occultato di circa 250 miliardi l’anno (16,94% del Pil ), con il che’ secondo i dati istat la pressione fiscale sale vertiginosamente al 42,3%! Il valore del sommerso è aumentato di circa 8 miliardi di euro l’anno rispetto al 2000, in quell’anno, infatti, l’Istat stimava le attività in nero di 211 miliardi ( il 17,7% del Pil).

 

  • Secondo recenti stime, in Italia una proporzione tra il 27% e il 48% del Pil ufficiale viene nascosto al fisco (il sommerso ) Schneider, F. (2000a). “The increase of the size of the shadow economy of 18 Oecd countries: some preliminary explanations”. Ifo Working Paper, (306).


Secondo l’Istat, il sommerso sarebbe attribuibile in parti quasi uguali alla sottodichiarazione del fatturato e all’impiego di lavoro irregolare da parte delle imprese.Istat (2005). Si è dunque di fronte a un fenomeno di doppia natura, che interessa i lavoratori autonomi e le imprese, ma anche i lavoratori dipendenti.

 

In un recente lavoro abbiamo studiato la rilevanza dell’evasione tra i lavoratori italiani. Abbiamo confrontato la distribuzione dei redditi da lavoro del 2000 risultante dalle dichiarazioni presentate all’Agenzia delle entrate con quella dell’indagine della Banca d’Italia sui bilanci delle famiglie italiane. Ci siamo concentrati unicamente sui redditi da lavoro, dipendente e indipendente, poiché sono quelli misurati con maggior precisione nel data set della Banca d’Italia.

 

  • L’ipotesi di base è che un percettore di reddito che nasconde parte del proprio reddito al fisco, potrebbe dichiarare la cifra corretta nel caso in cui gli venga garantito l’anonimato, come avviene nell’indagine della Banca d’Italia. La differenza tra reddito dichiarato a Banca d’Italia e all’amministrazione tributaria rappresenta l’ammontare di reddito “nascosto”. L’assunzione è forte e discutibile, ma frequentemente adottata per la misura dell’evasione fiscale. Per una discussione approfondita delle limitazioni statistiche di tale approccio, dei possibili effetti della distorsione del campione sui risultati ottenuti e per una esposizione più dettagliata dei risultati si veda Fiorio e D’Amuri 2005L’articolo completo è disponibile al link:(http://www.econpubblica.unibocconi.it/folder.php?vedi=2632&tbn=albero&id_folder=1306).

 

 

I principali risultati della nostra analisi sono due

 

1) La percentuale di reddito nascosto al fisco è costantemente più elevata nel gruppo dei lavoratori autonomi che nel gruppo dei lavoratori dipendenti. A parità di livello di reddito considerato, i lavoratori autonomi evadono in più rispetto ai lavoratori dipendenti tra il 7% ed  il 27%.

 

 

2) La percentuale di reddito non dichiarato è, per entrambe le tipologie lavorative, molto elevata per i livelli di reddito più bassi e decrescente al crescere del reddito.

 

La doppia natura del fenomeno

 

  • Per i lavoratori autonomi, la percentuale di reddito nascosto è 70 per cento nel primo decile piu’ basso, 54 per cento nel secondo, oltre il 30 per cento nel terzo e quarto. Risulta comunque considerevole anche per i livelli di reddito più alti: circa il 20 per cento per quelli superiori al reddito mediano. E comporta una rilevante perdita di gettito, data la progressività dell’imposta sui redditi italiana.  Da un lato, ci sono dunque i redditi da lavoro autonomo, occultati all’erario con l’obiettivo di alleggerire l’imposizione fiscale: senza evasione per ogni livello di reddito da lavoro indipendente, l’imposta media sarebbe più elevata del 4 per cento.

  • Per i lavoratori dipendenti esiste evasione, pur se solo tra i redditi più bassi: la percentuale di reddito nascosto al fisco è il 63 per cento nel primo decile piu’ basso, il 42 per cento nel secondo e il 24 per cento nel terzo, divenendo pressoché nulla per livelli di reddito maggiori. Si tratta del sintomo di una forte presenza di lavoro nero tra i lavoratori meno qualificati, che accettano di lavorare senza un regolare contratto pur di trovare un’occupazione. Dall’altrolato, ci sono dunque i redditi da lavoro dipendente, invisibili anch’essi, ma in questo caso perché percepiti all’infuori di un regolare contratto di lavoro. Quali sono le caratteristiche dei lavoratori dipendenti che evadono le imposte? Dall’analisi empirica risulta che i lavoratori dipendenti che percepiscono redditi più bassi sono tendenzialmente giovani, più probabilmente donne, non coniugati e non qualificati, impiegati nel settore agricolo o nei servizi domestici. Inoltre, hanno spesso un contratto a tempo determinato o part-time. Un’altra spiegazione della decisione di evadere deriva dall’analisi dell’incidenza delle imposte: senza evasione per ogni livello di reddito da lavoro dipendente l’imposta media sarebbe più elevata del 4 per cento. In altre parole, l’evasione permette di integrare l’esiguità del reddito dei lavoratori in occupazioni part-time, a tempo determinato e sotto-qualificati.

 

Per mancanza di dati, la nostra analisi si occupa solo del reddito da lavoro, mentre è probabile che molta evasione riguardi altre tipologie di reddito. Tuttavia, possiamo porci un’ultima domanda: se il fenomeno si concentra nei redditi bassi, non è forse il caso di essere più indulgenti? A nostro parere ci sono due aspetti rilevanti della questione.

 

  • Innanzitutto, non tutti i contribuenti che percepiscono un reddito basso evadono le imposte e l’evasione introduce disuguaglianze tra individui altrimenti uguali.

  • Inoltre, chi evade le imposte generalmente non versa contributi sociali che dovrebbero servire a incrementare il reddito in momenti di difficoltà (malattia, maternità, vecchiaia, eccetera).

  • L’occultamento del proprio reddito al fisco può essere una scelta oculata di un individuo razionale e previdente che scommette sulla sua possibilità di rimanere in buona salute e di ottenere migliori rendimenti investendo in mercati dei capitali piuttosto che in un sistema pensionistico che non lo tutela adeguatamente. Oppure, può essere la sola opzione di un individuo che non ha molto potere contrattuale nel mercato del lavoro ed è costretto ad accettare un lavoro in nero.

  • Se questa ultima possibilità non può essere esclusa, uno sguardo indulgente al fenomeno dell’evasione dei redditi da lavoro e, più in generale, al lavoro irregolare, non può essere giustificato. Crediamo piuttosto sia necessario pensare a nuove politiche del lavoro e a un nuovo welfare, in grado di tutelare i lavoratori con redditi minori, e di eliminare le condizioni che li inducono a operare nel sommerso.

 

 

 

 

IL testo riprodotto è “tratto dal sito”  www.lavoce.info

 

La pessima lotta all’evasione di tutti i Governi , come svuotare il mare con un cucchiaino, e la mancanza di  informazione dell’amministrazione finanziaria e dei media

 

 

di Alberto Zanardi

 

02-11-2005

 

 

Uno degli elementi qualificanti della manovra finanziaria è l’enfasi sul rafforzamento delle misure di contrasto all’evasione fiscale. A suggello dei molteplici annunci lanciati nei mesi scorsi dall’allora ministro Siniscalco che la (lunga) stagione dei condoni si sarebbe definitivamente conclusa, la Finanziaria pone in campo una serie di interventi anti-evasione, peraltro già tratteggiati nel giugno scorso a sostegno del taglio dell’Irap.

 

 

Le misure anti-evasione della Finanziaria

 

 

 

  • Innanzitutto, viene riproposto e rilanciato il coinvolgimento dei comuni nella lotta all’evasione dei tributi statali (quindi non solo dell’Irpef, come era nella vecchia normativa del 1973, ma anche, ad esempio, dell’Iva) con la previsione di meccanismi premiali a loro favore (potranno trattenere il 30 per cento delle somme riscosse a titolo definitivo).

  • Si prevede poi il rafforzamento degli organici dell’agenzia delle Entrate (1.500 nuovi verificatori), di quella delle Dogane (300) e della Guardia di finanza specificamente dedicati al contrasto dell’evasione fiscale, delle frodi e del sommerso.

  • Infine, si pone mano a una batteria di misure più specifiche, come ad esempio, la possibilità da parte dell’amministrazione finanziaria di anticipare, nel caso di rischi per la riscossione, la liquidazione dell’Iva o delle imposte dirette rispetto alla presentazione della dichiarazione annuale.

 

 

 

Assumendo come quantificazione del maggior gettito dalla lotta all’evasione nel 2006 i trecento milioni di euro riportati nel conto di cassa (e non i ben tre miliardi di accertamenti), bisogna chiedersi innanzitutto se si tratti una stima realistica. Qualche dubbio è certamente legittimo se si considerano, ad esempio, i limitati incentivi che probabilmente avranno i comuni a partecipare attivamente all’attività di controllo: si tratta di investire fin da subito in strumenti e personale, peraltro in un periodo di pesanti tagli alla finanza locale, con prospettive di remunerazione (il 30 per cento dell’effettivo riscosso) di lunghissimo periodo dati i tempi del contenzioso tributario. Oppure se si considera il pressing che viene dai partiti della maggioranza per reintrodurre nuovi condoni da offrire sul piatto elettorale senza costi immediati apparenti, se non quello di indebolire ancor di più la credibilità dell’amministrazione nella lotta all’evasione

 

 

I numeri dell’evasione

 

 

 

Più in generale, la portata dei recuperi di gettito forse realizzabili con le misure anti-evasione previste dalla manovra finanziaria letteralmente impallidisce di fronte alle dimensioni complessive del fenomeno che dovrebbero aggredire. Anche se si tratta di un fenomeno per definizione di difficile quantificazione, numerose analisi hanno cercato di misurare tanto l’ampiezza delle attività produttive sommerse (che generano evasione fiscale nella misura in cui questa è legata alla produzione di beni e servizi, senza tuttavia esaurire tutte le fattispecie di evasione), quanto direttamente la dimensione dell’evasione (mediante il confronto fra dichiarazioni fiscali e contabilità nazionale, o quello tra campioni di imponibili dichiarati e imponibili accertati).

 

  • I risultati di queste analisi testimoniano di un fenomeno di dimensioni certamente preoccupanti e probabilmente persistente nel tempo.

  • Per esempio, la base Irpef dei lavoratori autonomi e la base Irpeg delle piccole imprese è evasa tra il 30,6 e il 68,5 per cento; sulle imposte indirette, e in particolare sull’Iva, si riscontra un valore aggiunto non dichiarato fra il 32,9 e il 42,3 per cento; sull’Irap, la base imponibile (che dovrebbe avvicinarsi al valore aggiunto di contabilità nazionale) non dichiarata e’ del 31,5 per cento. Se poi si analizzano questi dati nella loro articolazione settoriale e territoriale si rileva una forte concentrazione dell’evasione nel settore agricolo e in alcuni comparti del settore terziario e una crescita del tasso di evasione via via che si passa dal nord al sud del Paese.

 

 

 

La pessima lotta all’evasione di tutti i Governi e la mancanza di  informazione dell’amministrazione finanziaria e dei media

 

 

 

Di fronte a un fenomeno così pervasivo, le strategie adottate in Italia nell’ultimo decennio hanno puntato più che sui tradizionali strumenti di deterrenza (inasprimento di controlli e sanzioni) su interventi di tax compliance (dagli studi di settore, agli istituti transattivi come l’accertamento con adesione, il concordato fiscale preventivo, la pianificazione fiscale concordata, le misure di emersione del sommerso, fino ai condoni).

 

L’amministrazione finanziaria non ha mai fornito dati e valutazioni ufficiali circa i risultati dell’applicazione di questi strumenti in termini di gettiti recuperati e di stimolo al tasso di adempimento spontaneo dei contribuenti. Si tratta di una grave carenza informativa, che sottrae un segmento fondamentale della politica fiscale, come è il contrasto all’evasione fiscale, alla valutazione non solo degli osservatori esterni, ma anche degli stessi parlamentari. E la mancata disponibilità di informazioni realistiche, affidabili e ufficiali sulla dimensione del fenomeno e sulla performance degli strumenti di contrasto utilizzati negli ultimi anni è tanto più grave oggi che la lotta all’evasione fiscale è vista non soltanto come elemento fisiologico di garanzia dell’efficienza e dell’equità del sistema tributario, ma anche come misura di copertura finanziaria per i conti pubblici, alternativa ai tagli della spesa e all’aumento delle aliquote.

 

 

Some of My articles

http://blogsearch.google.com/

https://wallstreetrack.wordpress.com/

 

Tag: 1_finanza_analisi Macro
http://wordpress.com/tag/1_finanza_analisi-macro/
Tag: 2_Finanza_Bulls & Bears 
http://wordpress.com/tag/2_finanza_bulls-bears/
Tag: 3_il Risparmio Tradito
http://wordpress.com/tag/3_il-risparmio-tradito/
Tag: 4_Debito & Evasione 
http://wordpress.com/tag/4_debito-evasione/
Tag: E_Lavoro & Pensioni 
http://wordpress.com/tag/e_lavoro-pensioni/
Tag: 6_giustizia Ed Etica
http://wordpress.com/tag/6_giustizia-ed-etica/
Tag: 7_politica Ed Etica
http://wordpress.com/tag/7_politica-ed-etica/
Tag: 8_Sanita’ ed Etica
http://wordpress.com/tag/8_sanita-ed-etica/
Tag: 9_Libera Informazione 
http://wordpress.com/tag/9_libera-informazione/
Tag: A_Tutela degli animali 
http://wordpress.com/tag/a_tutela-degli-animali/
Tag: B_Tutela dell’Ambiente
http://wordpress.com/tag/b_tutela-dellambiente/

 

 

 

Ecco i veri problemi del Paese che questa classe politica dirigente nel suo totale non vuole affrontare

 

DECLINO ITALIA SENZA SPERANZA…CI VORREBBE UN AZZERAMENTO TOTALE DI TUTTA LA DIRIGENZA POLITICA

 

 

 

La classe politica dirigente nel suo totale ha troppo spesso dimostrato di avere un proprio tornaconto personale, i conflitti d’interesse sono all’ordine del giorno, la mancanza d’etica, trasparenza e meritocrazia pure.

Nella migliore delle ipotesi abbiamo una classe politica che e’ proprio ignorante, nel senso vero del termine, che ignora la cultura e la preparazione, ed e’ inetta ed incapace-

 

 

 

Giustizia

 

 

 

 

 

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/02/01/rapporto-delleurispes-2007-italia-giustizia-al-collasso/]link-Rpporto Eurispes – Giustizia italia al collasso  [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/02/23/processi-lenti-e-non-sempre-chiari-who-judges-the-judges/]link-Giustizia Civile e Fallimentare e la dolosa lentezza dei processi[/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/03/07/giustizia-e-la-riforma-dellordinamento-giudiziario-ecco-i-veri-problemi/]link-Giustizia Civile e Fallimentare e la dolosa lentezza dei processi[/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/03/10/giustizia-e-la-riforma-dell%e2%80%99ordinamento-giudiziario-ecco-i-veri-problemi-parte-seconda/]link-Giustizia Civile e Fallimentare e la dolosa lentezza dei processi – Parte 2 – La riforma dell’Ordinamento Giudiziario e’ indecente [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/03/15/i-costi-dellevasione-della-inefficienza-della-pa-e-della-corruzione-tra-la-politica-e-le-lobbies-criminalita/]link-Costi dell’evasione, della inefficienza della P.A. e della corruzione tra la Politica e le lobbies-criminalita’ [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/06/05/stipendi-pubblici-ai-magistrati-gli-aumenti-piu-vistosi/]link-RETRIBUZIONI DEI MAGISTRATI [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/01/30/indicatori-internazionali-quadro-generale/]link-La corruzione fuori dall’agenda politica – Indicatori Internazionali – Quadro generale [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/10/09/litalia-tra-i-peggiori-paesi-al-mondo-per-la-corruzione-anche-nellexport-bribe-payers-index-bpi-2006/]link-La corruzione fuori dall’agenda politica – Indicatori Internazionali [/url]

 

 

 

L’Evasione Fiscale ed i suoi Costi

La Corruzione tra le Lobbies, la Politica, la PA e la Criminalita’

Debito Pubblico e Declino Italia

I Costi della Politica e la sua mancanza d’Etica

L’enorme Spesa i fannulloni e l’ inefficienza della PA

Pubblici Dipendenti Fannulloni Sindacati e l’ inefficienza della PA

 

 

2007

 

 

 

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/03/03/levasione-fiscale-causa-primaria-dellaumento-della-spesa-della-pa-e-della-pressione-fiscale/]link-Spesa PA e L’Evasione Fiscale[/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/03/15/i-costi-dellevasione-della-inefficienza-della-pa-e-della-corruzione-tra-la-politica-e-le-lobbies-criminalita/]link-Costi dell’evasione, della inefficienza della P.A. e della corruzione tra la Politica e le lobbies-criminalita’ [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/04/07/addio-tesoretto-i-sindacati-ed-i-pubblici-dipendentila-piu-cancerogena-delle-corporazione/]link-I Sindacati ed i pubblici dipendenti….la piu’ cancerogena delle corporazioni! Addio tesoretto [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/05/03/cosi-la-pubblica-amministrazione-getta-i-soldi-on-line/]link-Così la pubblica amministrazione “ruba” e getta i soldi [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/04/12/pensioni-dei-parlamentari-e%e2%80%99-uno-schifo-reset/]link-Pensioni dei Parlamentari [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/06/10/stipendi-dei-parlamentari-e-uno-schifo-reset/]link-Stipendi dei Parlamentari [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/09/24/la-casta-predica-bene-ma-razzola-malissimo/]link-La Casta predica bene ma razzola malissimo [/url]

 

 

 

L’Evasione Fiscale ed i suoi Costi

La Corruzione tra le Lobbies, la Politica, la PA e la Criminalita’

Debito Pubblico e Declino Italia

I Costi della Politica e la sua mancanza d’Etica

L’enorme Spesa i fannulloni e l’ inefficienza della PA

Pubblici Dipendenti Fannulloni Sindacati e l’ inefficienza della PA

 

 

2006

 

 

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/08/30/lenorme-buco-del-debito-pubblico-italiano-di-cosa-si-tratta-e-di-chi-e-la-responsabilita-primaria/]link-Debito Pubblico – Spesa PA esorbitante – Pubblici Dipendenti in eccesso – Declino Italia – Parte 1 [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/09/29/185/]link-Declino Italia – Italia un paese alla deriva Istituzionale e Dirigenziale [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/10/03/litalia-in-mano-a-bertinotti-ed-ai-sindacati-e-soltanto-apparentemente-diversa-non-anche-migliore-di-quella-di-berlusconi/]link-Sindacati e Bertinotti Italia [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/10/19/crollo-dei-consensi-per-il-governo-18-in-3-mesi-e-intanto-le-agenzie-di-valutazione-finanziaria-declassano-litalia/]link-L’assenza di ogni valore della politica – Parte 1 [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/10/20/italia-debito-pubblico-rating-problema-dei-dipendenti-pubblici-e-degli-enti-inutili-ovvero-della-spesa-della-pa/]link-Debito Pubblico – Spesa PA esorbitante – Pubblici Dipendenti in eccesso – Declino Italia Parte 2 [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/10/24/perche-litalia-bilanci-alla-mano-e-un-paese-allo-sbando/]link-Debito Pubblico – Spesa PA esorbitante – Pubblici Dipendenti in eccesso – Declino Italia Parte 3 [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/12/06/il-declino-dellitalia-che-viaggia-con-il-ciuccio-e-la-scoppola/]link-Declino Italia – L’assenza di ogni valore della politica – Parametri internazionali [/url]

Click here:  [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/12/17/in-italia-abbiamo-una-grossa-fetta-della-classe-politica-allo-sbaraglio-e-cieca-con-o-senza-connivenza/]link-L’assenza di ogni valore della politica – Parte 2 [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/12/20/the-governments-policy-is-missingits-coming-soon-like-one-of-our-tourism-portal-web/]link-Conflitto Interessi – L’assenza di ogni valore della politica – Parte 3 [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/12/21/i-5-simboli-del-doloso-sottosviluppo-italiano-la-politica-tutta-o-quasi-i-sindacati-la-chiesa-l%e2%80%99informazione-e-alcuni-giudici-di-alcuni-tribunali-fallimentari-e-civili-in-uno-con-i-lo/]link-I 5 simboli del doloso sottosviluppo Italiano: su tutti la Chiesa! Declino Italia [/url]

 

 

 

 

 

L’etica in politica e in finanza deve essere un must
17 agosto 2005

http://www.osservatoriosullalegalita.org/05/interventi/041eticapolitica.htm

Bancopoli : lettera ai politici del centrosinistra
09 gennaio 2006

http://www.osservatoriosullalegalita.org/06/acom/01gen1/0955marcobancopoli.htm

E ora le priorita’ : legalita’ competitivita’ e conflitto d’interessi
25 aprile 2006

http://www.osservatoriosullalegalita.org/06/interventi/04apr/24votopriorita.htm

Finanziaria : ma l’Italia necessita di etica e legalita’
23 ottobre 2006

http://www.osservatoriosullalegalita.org/06/acom/10ott3/2300marcofin.htm

Legge sul risparmio monca su alcuni aspetti fondamentali
21 dicembre 2005

http://www.osservatoriosullalegalita.org/05/acom/12dic3/2101marcorisparmio.htm

Il Risparmio dolosamente tradito dalla politica : la Class Action
25 maggio 2006

http://www.osservatoriosullalegalita.org/06/acom/09set3/2525marclassaction.htm

Class action : facile , veloce , gratuito
25 settembre 2006

http://www.osservatoriosullalegalita.org/06/docum/varie/010marcoclassaction.htm

U.S.: Le Lobbies contro la Legge che protegge i risparmiatori
31 ottobre 2006

http://www.osservatoriosullalegalita.org/06/acom/10ott3/3100marcousa.htm

Il Paese dei furbetti : crack , banche , finanziarie e vittime
18 dicembre 2005

http://www.osservatoriosullalegalita.org/05/inchieste/012marcomanipul2.htm

Crack in Italia e in America : sentenze e numeri a confronto
22 dicembre 2005

http://www.osservatoriosullalegalita.org/05/acom/12dic3/2244marcocrack.htm

Calciopoli , bancopoli , crack : Italia Argentina 1 a 1 ?
22 maggio 2006

http://www.osservatoriosullalegalita.org/06/acom/05mag3/2200marcofurbetti.htm

 

Index of economic freedom : Italia agli ultimi posti
17 gennaio 2007

http://www.osservatoriosullalegalita.org/07/acom/02gen2/1722marcomanipul.htm

 

 

 

 

Annunci

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: