I Costi dell’evasione, della inefficienza della P.A. e della corruzione tra la Politica e le lobbies-criminalita’

I Costi dell’evasione, della inefficienza della P.A. e della corruzione tra la Politica e le lobbies-criminalita’

 

ITALIA_ CPI_2006_CORRUZIONE DEI PAESI ESPORTATORI_2

ITALIA_2007_Index of economic Freedom _5

ITALIA_DEBITO_PIL1

ITALIA_DEBITO_PIL_00

ITALIA_DEBITO_PIL_0

ITALIA_EVASIONE FISCALE3

ITALIA_PIL_0000000

ITALIA_PUBBLICI DIPENDENTI_2003 DICEMBRE_4

 

 

Debito Pubblico Italiano in % sul PIL serie storica dal 2001 al 2006 

2001  110.9% PIL

2002  108.3% PIL

2003  106.8% PIL

2004  103.6% PIL

2005  106.2% PIL

2006  106.8% PIL

Anno

Debito Pubblico

PIL

2002

1.367.169

1.295.226

2003

1.392.278

1.335.354

2004

1.442.997

1.390.539

2005

1.510.926

1.423.048

2006

1.575.346

1.475.401

Debito Pubblico Italiano in % sul PIL

1885 – 2000 Media storica

Media 78,9%

Media escluse Guerre 73.9%

Quello che ha contribuito all’aumento del debito pubblico italiano: Andreotti (in migliaia di miliardi di lire di debito  fino al 1979, in milioni di miliardi di lire dal 1989 in poi fino al 2000, poi dal 2002 in euro)

Debito Pubblico Italiano in % sul PIL serie storica dal 1972 al 2000 

1972 Governo Andreotti 42.614 mila miliardi di lire di debito………….53.1%

1973 Governo Andreotti-Rumor 53.246 mila miliardi di lire …………..55.1%

1974 Governo Andreotti-Rumor …………………………………………….54.5%

1975 Governo Andreotti-Rumor …………………………………………….60.5%

1976 Governo Moro-Andreotti 102.446 mila miliardi di lire ……………58.5%

1977 Governo Andreotti 124.044 mila miliardi di lire …………………..58.3%

1978 Governo Andreotti 158.406 mila miliardi di lire ………………….63.3%

1979 Governo Andreotti-Cossiga 190.979 mila miliardi di lire ………62.4%

1980 Governo Andreotti-Cossiga  ………………………………………….57.7%

1981 Governo Andreotti-Cossiga ………………………………………… 59.9%

1982 Governo Andreotti-Cossiga ………………………………………….64.7%

1983 Governo Andreotti-Cossiga ………………………………………….70.8%

1984 Governo ……………………………………………………………….  76.3%

1985 Governo  ………………………………………………………………. 82.7%

1986 Governo  ………………………………………………………………. 86.5%

1987 Governo  ………………………………………………………………. 90.6%

1988 Governo ………………………………………………………………….92.9%

1989 Governo De Mita-Andreotti 1.141.658 milioni di miliardi di lire 95.8%

1990 Governo Andreotti 1.284.605 ………………………………………..97.2% 

1991 Governo Andreotti 1.449.147 ……………………………………..100.5%

1992 Governo Andreotti-Amato 1.633.770 …………………………..107.7%

1993 Governo ……………………………………………………………. 118.2%

1994 Governo   ……………………………………………………………124.3%

1995 Governo   ……………………………………………………………123.8%

1996 Governo  …………………………………………………………….122.7%

1997 Governo ……………………………………………….. ………….120.2%

1998 Governo    ………………………………………………………….116.4%

1999 Governo   …………………………………………………………..114.6%

2000 Governo  ……………………………………………………………110.5%

World Public Debt

CIA world factbook

https://www.cia.gov

 

Rank – Country – Public debt (% of GDP) –  Date of Information

1 Lebanon  190.20  2006 est. 
2 Japan  177.60  2006 est. 
3 Jamaica  137.10  2006 est. 
4 Seychelles  134.40  2006 est. 
5 Egypt  113.40  2006 est. 
6 Italy 106.70  2006 est. 
7 Singapore  98.30  2006 est. 
8 Zimbabwe  96.40  2006 est. 
9 Sri Lanka  93.00  2006 est. 
10 Belgium  88.80  2006 est. 
11 Israel  84.90  2006 est. 
12 Nicaragua  83.10  2006 est. 
13 Cote d’Ivoire  82.50  2006 est. 
14 Greece  82.40  2006 est. 
15 Bhutan  81.40  2004 
16 Ethiopia  80.30  2006 est. 
17 Uruguay  72.10  2006 est. 
18 Jordan  69.80  2006 est. 
19 Germany  67.80  2006 est. 
20 Canada  67.70  2006 est. 
21 Morocco  67.40  2006 est. 
22 Mauritius  66.40  2006 est. 
23 Portugal  65.30  2006 est. 
24 Hungary  64.90  2006 est. 
25 Cyprus  64.80  2006 est. 
26 United States  64.70  2005 est. 
27 France  64.20  2006 est. 
28 Argentina  64.00  2006 est. 
29 Philippines  63.80  2006 est. 
30 Sudan  63.20  2006 est. 
31 Austria  62.10  2006 est. 
32 India  60.00  2006 est. 
33 Turkey  59.80  2006 est. 
34 Panama  58.40  2006 est. 
35 Colombia  56.80  2006 est. 
36 Tunisia  55.70  2006 est. 
37 Pakistan  55.10  2006 est. 
38 Serbia  53.10  2005 est. 
39 Costa Rica  51.80  2006 est. 
40 Switzerland  51.00  2006 est. 
41 Netherlands  49.40  2006 est. 
42 Gabon  49.10  2006 est. 
43 Kenya  48.50  2006 est. 
44 Ghana  48.00  2006 est. 
45 Sweden  47.80  2006 est. 
46 Papua New Guinea  47.00  2006 est. 
47 Aruba  46.30  2005 
48 Croatia  46.10  2006 est. 
49 Brazil  46.00  2006 est. 
50 Poland  45.50  2006 est. 
51 Vietnam  43.80  2006 est. 
52 Dominican Republic  43.30  2006 est. 
53 United Kingdom  42.70  2006 est. 
54 Malaysia  42.30  2006 est. 
55 Macedonia  41.50  2006 est. 
56 Norway  41.20  2006 est. 
57 Thailand  41.20  2006 est. 
58 El Salvador  41.10  2006 est. 
59 Spain  39.90  2006 est. 
60 Bangladesh  39.60  2006 est. 
61 Malawi  39.40  2006 est. 
62 Finland  38.90  2006 est. 
63 Indonesia  38.60  2006 est. 
64 Syria  37.90  2006 est. 
65 Trinidad and Tobago  37.50  2006 est. 
66 Zambia  35.70  2006 est. 
67 Slovakia  35.00  2006 est. 
68 Taiwan  34.60  2006 est. 
69 Honduras  33.60  2006 est. 
70 South Africa  33.30  2006 est. 
71 Ecuador  33.00  2006 est. 
72 Peru  32.60  2006 est. 
73 Saudi Arabia  32.20  2006 est. 
74 Iceland  31.50  2006 est. 
75 Bahrain  31.00  2006 est. 
76 Namibia  30.70  2006 est. 
77 Denmark  30.10  2006 est. 
78 Moldova  30.00  2006 est. 
79 Yemen  29.20  2006 est. 
80 Paraguay  27.80  2006 est. 
81 Tanzania  27.80  2006 est. 
82 Czech Republic  27.50  2006 est. 
83 Qatar  26.80  2006 est. 
84 Angola  26.60  2006 est. 
85 Bulgaria  26.20  2006 est. 
86 Slovenia  25.80  2006 est. 
87 Korea, South  25.20  2006 est. 
88 Ireland  24.90  2006 est. 
89 Uzbekistan  24.80  2006 est. 
90 Cameroon  24.40  2006 est. 
91 Venezuela  24.30  2006 est. 
92 Iran  23.60  2006 est. 
93 Bosnia and Herzegovina  23.40  2006 est. 
94 Mexico  23.30  2006 est. 
95 Guatemala  23.20  2006 est. 
96 Mozambique  23.20  2006 est. 
97 China  22.10  2006 est. 
98 New Zealand  21.20  2006 est. 
99 Uganda  19.40  2006 est. 
100 Romania  18.30  2006 est. 
101 Lithuania  18.20  2006 est. 
102 Senegal  16.30  2006 est. 
103 United Arab Emirates  16.20  2006 est. 
104 Australia  16.10  2006 est. 
105 Nigeria  15.70  2006 est. 
106 Ukraine  14.10  2006 est. 
107 Hong Kong  13.30  2006 est. 
108 Algeria  12.80  2006 est. 
109 Kazakhstan  12.50  2006 est. 
110 Latvia  9.90  2006 est. 
111 Azerbaijan  8.30  2006 est. 
112 Kuwait  8.20  2006 est. 
113 Russia  7.70  2006 est. 
114 Botswana  6.60  2006 est. 
115 Wallis and Futuna  5.60  2004 est. 
116 Chile  5.40  2006 est. 
117 Libya  5.40  2006 est. 
118 Equatorial Guinea  4.20  2006 est. 
119 Estonia  4.10  2006 est. 
120 Oman  3.40  2006 est. 

This page was last updated on 13 December, 2007

 


 

Le forme di corruzione diffusa nei rapporti tra impresa, criminalita’, e Politica e P.A. hanno gonfiato la spesa pubblica, leso il buon funzionamento del mercato, ostacolato la selezione dei migliori lavoratori non raccomandati, e  la selezione dei fornitori e dei prodotti migliori. L’entità di questa tassazione impropria, che ricade sui cittadini, è di una gravità che sgomenta.

 

Corruption Perceptions Index CPI

 

 

 

 

 

 

CPI/ Corruption Perceptions Index 2006 – Corruption Perceptions Index (http://www.transparency.org/): Transparency International is the global civil society organisation leading the fight against corruption.  Italy Rank 45° /  Score 4.9 – 2006 ; La  pubblicazione ha messo in rilievo proprio il grave profilo del funzionamento della Giustizia civile e quindi anche quella Fallimentare che si occupa dei grandi gruppi caduti in disgrazia il che’ da vicino coinvolge e interessa anche gli investitori stranieri che fuggono dall’italia; ha messo in rilievo la pubblicazione l’elevato livello di corruzione, tutto cio’ ha fatto scappare giustamente gli investitori stranieri, e piangere milioni di cittadini italiani!

 

 

  • 2005 Score 4.9; Italy Rank 40° /  Score 5.0: l’Italia è al 40° posto nel mondo, tra 159 nazioni, per livello della corruzione. Al primo posto (che significa maggiore virtù) c’è l’Islanda, con un punteggio di 9,7 (il massimo è 10), all’ultimo Bangladesh e Ciad, con 1,7 (minimo 0). L’Italia ha un punteggio pari a 5. Dunque molto lontano da altri paesi come la Svezia (9,2), il Regno Unito (8,6), la Germania (8,2), gli Usa (7,6) e la Francia (7,5). Ma ci troviamo anche ben al di sotto di Spagna (7), Portogallo (6,5), Slovenia (6,1), Botswana (5,9), Cipro (5,7) e tanti altri;

  • I dati si riferiscono al 2005. Nel 2006 e’ peggiorata la situazione: Italy Rank 45° /  Score 4.9 . Per avere un’idea dell’incidenza quantitativa del fenomeno, almeno per la sua componente rilevata a livello giudiziario, dunque minima, i dati indicano in peculato (1000 denunce all’anno), concussione (500), corruzione (400), abuso d’ufficio (1500) le forme tipiche della corruzione. Ma cos’è la corruzione? In senso giuridico la corruzione può essere definita come «la condotta illegale di un pubblico funzionario il quale, in cambio di denaro o di altra utilità effettivamente ricevuta o semplicemente promessa, compie atti di ufficio oppure agisce in modo contrario ai suoi doveri» . Nel caso in cui la remunerazione del funzionario pubblico produca atti contrari ai suoi doveri, è detta “propria”, nel caso invece in cui faciliti atti comunque dovuti, è detta “impropria”. Si chiama poi concussione quella condotta di un funzionario pubblico che, abusando del proprio ruolo, costringe o induce un privato a scambiare denaro, o altre utilità, con atti di ufficio (dovuti o no);

  • La lentezza della giustizia civile, e la corruzione in gran parte dei Tribunali Fallimentari dove divora e divampa la corruzione, l’abuso d’ufficio, l’omissione d’ufficio, le cause temerarie al solo fine di favorire gli amici degli amici e di ingrassare le c.d. rendite da posizione dei Liquidatori! Questo e’ il vero cancro della giustizia. Non vi e’ impresa straniera disponibile ad investire in questa condizione della Giustizia Civile e Fallimentare. Lo dico da anni! Ed e’ uno dei maggiori problemi evidenziati da questo indice pubblicato oggi.

 

 

 

Global Corruption Barometer GCB

 

 

 

 

 

Global Corruption Barometer GCB –  2005 Italy 16° GCB Global Corruption Barometer  Italy 16° l’ultima in europa, l’indice di corruzione dei Paesi esportatori; 

 

 

 

Bribe Payers Index BPI

 

 

 

 

 

Bribe Payers Index BPI 2006 – Italia al 20° posto su 30 Paesi, con 5.94 di score –  Fanalino di coda tra i Paesi europei come uno dei maggiori paesi che ricorre alle bustralle per corrompere, ovvero per l’alto livello di disponibilità delle proprie imprese a prestarsi ad atti di corruzione all’estero. È quanto emerge dal Bribe Payers Index (BPI) 2006 rilasciato dall’Organizzazione ” Transparency International , per valutare la propensione delle aziende dei trenta principali Paesi esportatori del pianeta a versare mazzette al di fuori dei confini nazionali. L’Italia riguardo alla corruzione nelle transazioni internazionali, ad oggi non ha ancora sottoscritto il Trattato civile sulla corruzione del Consiglio d’Europa ed e’ quindi fra i pochi Paesi del continente a non fare parte del Greco, il gruppo europeo anticorruzione.

 

 

Index of economic Freedom 

 

 

 

Index of economic Freedom  classifica stilata dall’Heritage Foundation e dal Wall Street Journal in collaborazione con l’Istituto Bruno Leoni – ITaly  – 2006 – Italia al 60° posto con un voto finale di 63.4(su 41 europei, l’Italia è 28°),  (dal 42 /63 con il nuovo metodo nel 2005), alla pari dell’Uganda, nel 2001 eravamo al 35  posto: siamo solo moderatamente liberi quanto a libertà economica.  Il punteggio complessivo è più elevato di +0,2 punti percentuali rispetto all’anno scorso, in parte per il ricorso a una metodologia leggermente diversa. (http://www.heritage.org/research/features/index/ Index).

 

 

 

Ad affermarlo è la annuale ricerca, nota come Index of economic freedom, condotta dalla Heritage Foundation e dal Wall Street Journal in collaborazione, per l’Italia, con l’Istituto Bruno Leoni.  I primi tre Paesi in classifica per grado di libertà economica sono Hong Kong, Singapore e Australia. Il punteggio massimo è 100, quello minimo è 0. L’odierna pubblicazione dell’Index of Economic Freedom, ha messo in rilievo proprio il grave profilo del funzionamento della Giustizia civile e quindi anche quella Fallimentare che si occupa dei grandi gruppi caduti in disgrazia il che’ da vicino coinvolge e interessa anche gli investitori stranieri che fuggono dall’italia; ha messo in rilievo la pubblicazione l’elevato livello di corruzione, tutto cio’ ha fatto scappare giustamente gli investitori stranieri, e piangere centinaia di migliaia di cittadini italiani! La lentezza della giustizia civile, e la corruzione in gran parte dei Tribunali Fallimentari dove divora e divampa la corruzione, l’abuso d’ufficio, l’omissione d’ufficio, le cause temerarie al solo fine di favorire gli amici degli amici e di ingrassare le c.d. rendite da posizione dei Liquidatori!

 

  • Questo e’ il vero cancro della giustizia. Non vi e’ impresa straniera disponibile ad investire in questa condizione della Giustizia Civile e Fallimentare. Lo dico da anni! Ed e’ uno dei maggiori problemi evidenziati da questo indice pubblicato oggi. E poi l’assunzione scriteriata nel pubblico impiego invece di tagliare posti in esubero, gli aumenti indiscriminati della spesa pubblica, l’indulto esteso, la legge sulle intercettazioni;

  • Altro che rivoluzione liberale! Se si fosse presa di più in considerazione la “perdurante mancanza di concorrenza, il forte aumento della pressione fiscale a livello locale oltre che centrale, allora il giudizio poteva anche essere peggiore. Quest’anno dunque la libertà economica è migliorata a livello mondiale. L’Italia però, nonostante l’apparente buon posizionamento di alcuni sotto indici (la libertà d’impresa, di scambio, di investimento e in campo monetario) non ha seguito questo trend ed ha subito un peggioramento. Troppi ostacoli alla creazione della ricchezza, primo fra tutti l’elevata imposizione fiscale italiana, fra le più alte al mondo: per quanto riguarda le tasse sulla persona, è piazzata al 131mo posto, mentre occupa la 108ma posizione per quelle sulle imprese;

  • Tra i problemi principali dell’Italia, secondo la ricerca, figurano ” i diritti di proprietà, la libertà dall’intervento dello Stato, la libertà dalla corruzione, con forti problemi evidenziati nell’amministrazione della giustizia spesso legata alla politica e lenta, inefficiente, cosi’ come forti problemi sono stati evidenziati da “un’amministrazione pubblica troppo numerosa ed inefficiente”, ” Il compito di garantire il rispetto delle leggi e delle sentenze giudiziarie viene ulteriormente ostacolato da un’amministrazione pubblica inefficiente. “

 

 

 

 

L’esistenza della corruzione è nettamente avvertita in Italia, tanto che ha fatto scappare giustamente gli investitori stranieri, e piangere milioni di cittadini italiani! 

 

ITALIA_PUBBLICI DIPENDENTI E LA SPESA PUBBLICA

 

Pubblici Dipendenti

 

2005

 

3.630.000

 

2003

 

3.540.496

 

 

 

 

Pubbico impiego: come avevo gia’ scritto mesi fa’, i costi totali del pubblico impiego sono pari all’11% del Pil, lo conferma oggi la Cgia. 

 

 

Totale costo del lavoro  del personale pubblico delle Amministrazioni pubbliche (all’interno del cd CONTO DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE relativi ai DIPENDENTI PUBBLICI) voce contenuta nelle spese correnti per consumi finali delle Amministrazioni pubbliche, nel 2006 hanno registrato un aumento del +4,08%  a  162,999 miliardi di euro ( Retribuzioni lorde  del personale pubblico pari a 111,32 miliardi di euro + Contributi e Spese per la formazione del personale pari a 51,67 miliardi di euro) rispetto ad una crescita del +4,5% a 156,6 miliardi di euro dell’anno precedente che contiene, ai fini del presente calcolo, anche gli aumenti retributivi determinati dal rinnovo dei contratti per il biennio 2004-2005, sottoscritti in massima parte nel 2006. Alla crescita hanno contribuito alcuni rinnovi contrattuali, tra cui quelli delle regioni e degli enti locali, della sanità, degli enti di ricerca e dell’università.

 

Il costo dei dipendenti pubblici pari al 162,99 miliardi rappresenta l’11.05% (dal 10,4% sul Pil del 2005) dell’intera’ produttivita’ del Paese ( PIL = 1.475,0 miliardi di euro nel 2006) nonche’ il 21.88% dell’intera spesa pubblica della PA  nel 2006 ( 744,7 miliardi di euro ).

 

 

 

2005

 

Retribuzioni lorde  del personale pubblico 106,95 miliardi di euro
Totale costo del lavoro  del personale pubblico 156,6 miliardi di euro

 

 

In Germania tra il 2000 e il 2006 I costi totali del pubblico impiego nel 2006 in percentuale del Pil sono scesi al 7,2% dall’8,1%, ovvero circa 17 miliardi di euro in meno. In Italia ci sono 61 dipendenti pubblici ogni mille abitanti, mentre in Germania sono 54 ogni mille.

 

Altrettanto impietoso e’ il risultato che emerge dal confronto sulla distribuzione tra i vari livelli istituzionali dei lavoratori pubblici. Se in Italia il 56% e’ alle dipendenze dello Stato centrale (e l’altro 44% e’ impiegato tra Regioni ed Enti locali), in Germania solo l’11% lavora per lo Stato centrale e l’altro 89% e’ distribuito tra i Lander e le amministrazioni locali.

 

 

 

 

Il programma dell’Unione contiene, in 281 pagine, sei volte la parola corruzione, due volte la parola mafia, sei volte (nelle stesse pagine) il termine criminalità organizzata. A nessuno di questi termini è associata un’analisi degna di nota e tanto meno una proposta significativa! La corruzione, il sommerso e l’evasione fiscale nonche’ la criminalità organizzata pesano molto in Italia.

 

 

SOMMERSO ECONOMICO, IPOTESI MINIMA IN ITALIA dal 1992 al 2006 (miliardi di Euro)

 

92 93 94 95 96 97 98 99 00 01 02 03 04 05 06

 

SOMMERSO ECONOMICO in miliardi di Euro

 

100 112 123 145 155 163 169 165 211 215 220 225 230 238 250

 

PERCENTUALE % sul PIL

 

12,9 13,9 14,5 15,8 15,9 15,9 15,8 14,9 17,7 17,5 17,3 17,1 16,56 16,72 16,94

 

 

 

 

Il peso dell’economia corrotta e criminale tra il 17,26% e il 20,97% del nostro prodotto interno lordo, un quarto della nostra economia è fuori dai circuiti delle regole: infatti la corruzione e l’inefficienza della pubblica amministrazione (compresi i nullafacenti dipendenti pubblici pari ad almeno il 10% del totale, ovvero 350.000 e compresi gli stipendi e le pensioni elevate dei politici tutti) in uno con il sommerso e l’evasione fiscale, tutte insieme, sebbene sia difficile dirlo con precisione, ci costano (nell’ipotesi minima di sommerso economico) circa 254,65 miliardi di euro l’anno , il 17,26% del Pil pari a 1.475 miliardi di euro nel 2006  (evasione fiscale accertata pari a 105.75 miliardi di euro pari al 7,16% del Pil + quota di spesa pubblica attribuibile alla corruzione della politica e dei dipendenti pubblici che si traduce in costi di inefficienza della P.A , pari a circa 148.9 miliardi di euro , il 10%  del Pil; infatti:

 

 

 

 

a) – L’evasione fiscale accertata e’ pari a 105.75 miliardi di euro pari al 7,16% del Pil ( evasione basata sul SOMMERSO ECONOMICO, IPOTESI MINIMA, nel 2006 pari a 250 miliardi di euro pari al 16,94% del Pil 1.475 miliardi di euro nel 2006, sul quale si calcola l’evasione fiscale contributiva, fino all’ipotesi massima di 387 miliardi di euro pari al 26,23% del Pil sulla quale l’evasione fiscale contributiva sarebbe pari a 160.5 miliardi di euro pari al 11,09% del Pil ): 

 

 

 

  • A livello locale resta forte il sommerso, quella componente di economia e lavoro che gira intorno alle irregolarità salariali (quando va bene) o a processi e prodotti illeciti. Secondo il Censis (2005), il 10% delle imprese italiane sono interamente “in nero”, dato che non solo è spaventosamente alto in sé, ma che risulta anche essere in aumento, sintomo di «una crescita dimensionale dell’impresa sommersa, non più esclusivamente legata alla sub-fornitura e agli intermediari, ma direttamente proiettata sul mercato» . E mentre l’Istat stima nel 16,94% sul Pil l’impatto del sommerso, secondo l’ormai celebre modello Schneider-Enste, i cui risultati sono stati pubblicati in un working paper del Fondo Monetario Internazionale, tale valore arriverebbe appunto al 26,2% del nostro prodotto interno lordo;

  • E la notizia recente che ammonti a 3,6 miliardi di euro  il patrimonio sequestrato alla criminalità organizzata tra 1992 e 2005 lascia intuire quanto ingente sia tutto il resto, il non sequestrato, ciò su cui si reggono interi imperi fatti di terreni, titoli finanziari, imprese. Tanto più che questo dato è influenzato dalla consapevolezza che «dal 1992 c’è stato un lento ma inesorabile indebolimento della legislatura antimafia, tanto con i governi di sinistra che di destra», come ha dichiarato Nicola Gratteri, sostituto procuratore antimafia a Reggio Calabria . Complessivamente è evidente che la corruzione si accompagna con una pubblica amministrazione inefficiente, con un rapporto fiduciario tra enti pubblici e cittadini che si assottiglia, con un mercato sempre più sommerso e irregolare (capace dunque di raccogliere e convogliare i frutti della corruzione, il denaro da riciclare. E oggi, in Italia, i costi che le imprese sostengono a causa del crimine organizzato – intorno al 60% dei costi totali – sono secondi soltanto a Guatemala, Colombia, Bangladesh, Ucraina e Filippine;

 


 

b) – la quota di spesa pubblica attribuibile alla corruzione della politica e dei dipendenti pubblici che si traduce in costi di inefficienza della P.A , e’ pari a circa 148.9 miliardi di euro ( circa il 20% della spesa totale delle Amministrazioni pubbliche ) pari a circa il 10%  del Pil (ottimistica, ricordando che si è accertato che il 2% del personale statale è coinvolto in reati connessi alla corruzione);

 

  • La spesa totale delle Amministrazioni pubbliche (compresi i nullafacenti dipendenti pubblici pari ad almeno, secondo stime prudenti, il 10% del totale, ovvero 350.000) e (compresi gli stipendi e le pensioni elevate dei politici tutti a livello centrale e delle decine di migliaia dei consulenti privati…insieme infatti queste 2 ultime voci al netto dei dipendenti pubblici costano almeno 3 miliardi di euro l’anno ai contribuenti; solo i costi vivi di stipendi e pensioni dei parlamentari ci costano 1,5 miliardi di euro l’anno – Pensioni costi pari a  172.9 milioni di euro l’anno, Senato costi pari a 582,2 milioni di euro l’anno, Camera costi pari a circa 745 milioni di euro l’anno – dal che’ si comprende che gli altri 1,5 miliardi di euro l’anno sono per i consulenti ed e’ il frutto della connivenza, del collateralismo tra la politica ed i privati consulenti ) è in crescita del 7,9 per cento a 744.7 miliardi di euro pari al 50,5% del Pil nel 2006 da 690,2 miliardi di euro pari al 48,5%  del Pil nel 2005  mentre in Irlanda è il 34,3% in Spagna il 40,5% e in Inghilterra il 43,6%;

  • I Redditi da lavoro dipendente delle Amministrazioni pubbliche ( all’interno del cd CONTO DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE relativi ai DIPENDENTI PUBBLICI che, ultimo dato ufficiale disponibile dall’Istat, sono 3.540.496 al 2003) voce contenuta nelle spese correnti per consumi finali delle Amministrazioni pubbliche hanno registrato un aumento del +4,1%  a  162,999 miliardi di euro nel 2006, rispetto ad una crescita del +4,5% a  156,6 miliardi di euro dell’anno precedente; Alla crescita hanno contribuito alcuni rinnovi contrattuali, tra cui quelli delle regioni e degli enti locali, della sanità, degli enti di ricerca e dell’università; Il costo dei dipendenti pubblici pari al 162,99 miliardi rappresenta l’11.05% dell’intera’ produttivita’ del Paese ( PIL = 1.475,0 miliardi di euro nel 2006) nonche’ il 21.88% dell’intera spesa pubblica della PA  nel 2006 ( 744,7 miliardi di euro );

  • Ho calcolato che ogni dipendente pubblico costa all’anno 46.044 euro ai contribuenti (comprensivo di tasse, contributi pensionistici, TFR, tredicesima e quattordicesima, straordinari, etc), ( 162,99 miliardi dato del 2006 diviso per i 3.540.000 pubblici dipendnenti dato del 2003), e se i fannulloni fossero anche soltanto l’1%  (35.000 ) del totale si risparmierebbe 1,629 miliardi di euro all’anno che salirebbero a ben 16,29 miliardi di euro all’anno se fossero il  10% (350.000 ) del  totale del personale nel pubblico impiego , previsione fatta ancora per difetto; il  10% in meno di fannulloni ovvero 350.000, che quindi all’anno ci farebbero risparmiare quello che oggi e’ il loro costo annuo (16,29 miliardi di euro ) ovvero 426,9 euro ad elettore ad anno, circa 35,58 euro al mese ( 16,29 miliardi diviso per i 38.150.000 elettori delle politiche del 2006). Questo e’ il Costo annuale pagato con le tasse dai cittadini che sarebbe risparmiato se fossero licenziati in blocco per esigenze primarie della gestione della cosa pubblica. per motivi vitali quindi; basterebbe licenziarne almeno 350.000 di ruolo, e invece si procede ad arruolare altri 350.000 precari senza al contempo tagliare per l’appunto i fannulloni ruba soldi di ruolo;

  • Secondo la Ragioneria generale dello Stato nei 9.811 enti pubblici passati al setaccio nel 2005 (ospedali, scuole, ministeri…) il dipendente medio non lavora, tra ferie e malattie e permessi retribuiti, per 50,7 giorni l’anno. Con punte di 53,97 giorni per l’Istat, di 58,75 nella sanità, 61,28 nelle agenzie fiscali, 69 in enti come Aci e Cnr;

  • Pensione Politici:  pari ad un minimo di 2.175 euro netti al mese  (3.108 lordi) e pari ad un massimo di 5.968 euro netti al mese  (9.947 lordi), Un’autentica voragine di 172.9 milioni di euro l’anno a carico dei cittadini contribuenti;

  • Stipendio  Politici: 15.303 euro euro netti al mese; Un’autentica voragine di 1,327 miliardi di euro l’anno(Senato costi pari a 582,2 milioni di euro l’anno, Camera costi pari a circa 745 milioni di euro l’anno) a carico dei cittadini contribuenti;

  • Il numero degli eletti nei vari livelli locali di governo acquista insanamente peso: circoscrizionali, comunali, provinciali, regionali, nonche’ i consulenti sia dei parlamentari sia degli eletti locali. Alla fine si parla di 149.593 eletti che si portano dietro 278.296 tra incarichi e consulenze, per un totale di 427.889 tra eletti e professionisti, che fa della politica, per numero di “addetti”, un settore economico maggiore di quello del credito e delle assicurazioni, con una spesa diretta di 3 miliardi di euro l’anno, solo i costi vivi di stipendi e pensioni dei parlamentari ci costano 1,5 miliardi di euro l’anno come detto sopra, dal che’ si comprende che gli altri 1,5 miliardi di euro l’anno e’ il frutto della connivenza, del collateralismo tra la politica ed i privati consulenti;

  • Secondo recenti indagini, la burocrazia grava sui bilanci delle piccole e medie imprese per 11,5 miliardi di euro all’anno, circa 1.226 euro in media per addetto tra pratiche fiscali e di contabilità, adempimenti per la sicurezza ecc. Sono costi alti, che se non accompagnati da una completa trasparenza e dall’efficienza della pubblica amministrazione, facilmente inducono all’evasione fiscale, all’irregolarità del lavoro, ad atteggiamenti di complicità con le pratiche della corruzione;

  • Le spese correnti per consumi finali delle Amministrazioni pubbliche , sono cresciute del +3,1%, a  299,5 miliardi di euro rispetto ad una crescita del +5,2% a  290,6 miliardi di euro dell’anno precedente;

  • La spesa per interessi passivi, dopo un triennio di trend decrescente, sono tornati a crescere del 5,2% a 67.5 miliardi di euro nel 2006  il 4,57% del PIL ( da 64,2 miliardi di euro nel 2005 il 4,51% del PIL ): è un segnale, ma ci ricorda la principale vulnerabilità dei nostri conti pubblici, il volume del debito;

  • La spesa totale delle Amministrazioni pubbliche al netto degli interessi è in crescita al 45,9% del Pil nel 2006 dal 44,0% del Pil nel 2005;

  • La spesa corrente delle Amministrazioni pubbliche ha registrato un tasso di crescita del 3,7 per cento nel 2006 a 656.57 miliardi di euro pari al 44,5 per cento sul Pil, stabile rispetto al 2005,  a 633.0 miliardi di euro pari al 44,5 per cento sul Pil;

  • La spesa corrente delle Amministrazioni pubbliche al netto degli interessi ha registrato un tasso di crescita del 3,6 per cento nel 2006 a 589.0 miliardi di euro pari al 39,93 per cento sul Pil, stabile rispetto al 2005  a 568.8 miliardi di euro pari al 39,97 per cento sul Pil; La spesa cresce a un ritmo del 2 per cento l’anno in termini reali da un decennio. Le differenze nella dinamica della quota sul Pil (per la parte corrente, stabilità dal 1996 al 2000, quasi 3 punti di aumento dal 2000 al 2005) non dipendono dal numeratore, ma soltanto dal denominatore. La spesa si muove su un trend di lungo periodo, che finora non si è riusciti ad intaccare. Il risultato della spesa corrente delle Amministrazioni pubbliche al netto degli interessi  dipende in parte sempre dall’andamento  della componente per consumi intermedi, che è diminuita in termini nominali hanno registrato una diminuzione del -0.8%  a  78,1 miliardi di euro sebbene in passato il primo dato di consuntivo si è rivelato poi molto poco affidabile, rispetto ad una crescita del +5% a  78,8 miliardi di euro dell’anno precedente. È la componente sulla quale in questi anni si è esercitata la politica dei tetti finanziari.

  • Debito/Pil in Italia e’ salito al 106,8% dal 106,2% del 2005: Nel 2006 il rapporto debito/Pil in Italia e’ salito al 106,8% dal 106,2% del 2005 (Pil pari a 1.475.000 milioni nel 2006 e 1.423.000 milioni nel 2005 ). Il debito e’ stato di 1.575.346 milioni (segnando una crescita del +4.26% o di 64.421 milioni di euro rispetto al dato finale del 2005 a quota 1.510.926 milioni nel 2005), sebbene in diminuzione dal dato di novembre a 1.607.700 milioni di euro grazie al forte surplus di dicembre pari a 32.254 milioni di euro. Lo comunica la Banca d’Italia.

    Con riferimento alla ripartizione per sottosettori:

    • il debito delle Amministrazioni centrali è cresciuto di 46.142 milioni, a 1.467.237 milioni; la sua incidenza sul Pil è diminuita dal 99,9 al 99,47 per cento;

    • il debito delle amministrazioni locali é aumentato di 18.279 milioni, a 108.054 milioni, passando dal 6,3 al 7,3 per cento del Pil

    Alla crescita del debito hanno contribuito:

    • il fabbisogno delle amministrazioni pubbliche, risultato pari a 54.727 milioni;

    • l’aumento delle attività detenute dal Tesoro presso la Banca d’Italia per 8.230 milioni;

    • l’emissione di titoli sotto la pari, che ha comportato un aumento del debito superiore al fabbisogno finanziato di 2.274 milioni.

    L’apprezzamento dell’euro ha ridotto invece il valore delle passività denominate in valuta estera di 810 milioni.

     

    Il debito pubblico italiano a novembre era pari a 1.607,7 miliardi, ovvero il 108,96% del Pil nominale pari a 1.475,4 miliardi di euro correnti, segnando nei primi 11 mesi dell’anno un crescita di circa +96,9 miliardi rispetto al dato finale debito pubblico del 2005 a quota 1.510,8 miliardi, con un trend al rialzo del 6.41%.Forte surplus a dicembre pari a 32.25 miliardi di euro considerando infatti che il debito cresce in media di 8.8 miliardi di euro al mese, e che solitamente a dicembre la bilancia dello Stato registra un avanzo di cassa di 2/3 miliardi di euro; se il surplus di dicembre fosse stato in linea con gli ultimi 5 anni il debito avrebbe potuto raggiungere quota 1.605,0 miliardi di euro circa; con il che’ ai fini del Patto di Stabilità il rapporto debito pubblico / Pil sarebbe stato a fine anno attorno al 108,78% del Pil nominale dal 106,2% del 2005

  •  

     

    Questa parte di testo e’ tratto dall’articolo

    di  Alessandro Messina

     

    La corruzione fuori dall’agenda politica

     


     


    ” In tema di investimenti e sviluppo va riportata la stima che all’aumento di un punto percentuale dell’indice di corruzione, gli investimenti diretti esteri subiscono una diminuzione dell’undici per cento. Si tratta di un dato che racchiude bene, nell’aridità delle percentuali, tutte le opportunità non colte dal nostro paese. Ma forse i costi principali della corruzione sono nell’instabilità politica (che da causa può anche diventare effetto della corruzione, in un drammatico circolo vizioso) e nell’incapacità, che ne deriva, di cogliere potenzialità di sviluppo: «Se si osserva, ad esempio, cosa negli ultimi vent’anni hanno fatto Paesi come l’Irlanda, la Spagna e il Portogallo, ma anche la Finlandia, che da Paesi poveri quali erano sono usciti dalla trappola della povertà grazie agli aiuti dell’Unione europea e alle proprie politiche di sviluppo, non si possono che trarre alcune chiare conclusioni sul peso che istituzioni politiche corrotte e la presenza del crimine organizzato (che si sostengono a vicenda) hanno non solo nel depredare un Paese delle proprie risorse, ma soprattutto nel privare le persone di un futuro prospero e libero»

     

     

     

    Le colpe della politica, secondo la Banca Mondiale: è necessario distinguere tra le attività di lobbying, lecite e parte del gioco della politica per quanto fastidiose e irritanti, e ciò che viene definito state capture, cioè il controllo di determinati gruppi di interesse sulla sfera pubblica di decisioni. E’ questo il campo più odioso della corruzione, che passa dal piccolo abuso d’ufficio – legato allo scarso senso civico, all’ignoranza, al degrado sociale di un determinato territorio, fenomeno più sociologico che politico o criminale – alla trama sotterranea di vere e proprie strategie finanziarie, non trasparenti e già solo per questo quasi sempre criminali. E’ ciò che gli italiani hanno visto fare – di recente – a Geronzi, Cragnotti, Tanzi, Fazio, Fiorani, Consorte, ma che ha una storia antica nel nostro paese, che incrocia poteri economici, politici e militari (da Gladio alla P2, dalle massonerie -ai legami con i Tribunali fallimentari all’Iraqgate).

     

    Le differenze restano, forti e profonde. E stanno proprio in quella zona grigia che separa la lobbying – a volte sbragata, rozza, ai confini dell’illecito – che caratterizza in grande prevalenza l’operato del centro-sinistra, da una vera e propria strategia (deliberata, esplicita) di state capture, che è la massima esemplificazione dell’azione del governo Berlusconi (e delle reti connesse): dal condono edilizio allo scudo fiscale per i capitali usciti irregolarmente dal paese, dalla depenalizzazione del falso in bilancio all’esaltazione, da parte del premier, dell’economia sommersa, fino alle piccole misure i cui effetti entrano nella vita quotidiana di cittadini e imprese, come nel caso della legge ex-Cirielli che ha ridotto da 10 a 6 gli anni di prescrizione per reati tributari – fondamentali per la tenuta del sistema fiscale e di solidarietà sociale – quali l’emissione di fatture false (4394 casi nel 2003/4), dichiarazioni fraudolente (3412 casi), occultamento o distruzione di documenti contabili (1756) e altri, per un totale di circa 12 mila reati tributari accertati dalla Guardia di Finanza nel 2004 .

     

     

    «La riforma elettorale è solo l’ultimo colpo: in cinque anni Silvio Berlusconi ha invertito il processo di rinnovamento cominciato con mani pulite», ha scritto il Washington Post . Senza dimenticare tutte le “incongruenze” nei comportamenti in sede internazionale, come la firma del programma di lotta al terrorismo nell’ottobre 2001 (subito dopo l’11 settembre) immediatamente seguita dall’approvazione dello scudo fiscale, e poi dal rifiuto di sottoscrivere il Mandato di Arresto internazionale .

    Però anche il centro sinistra ha delle responsabilità. Ad esempio avendo «riformato i reati finanziari consentendo che l’annotazione in contabilità di fatture per operazioni inesistenti non fosse punibile se non influenzava oltre una certa soglia la dichiarazione dei redditi, con ciò consentendo di portare fuori bilancio somme in contanti utilizzabili per qualunque fine» . E poi l’indulto esteso ai white collars, il disegno di legge sulle intercettazioni volto a frenare i giudici, non sembra esserci stata quella presa d’atto della necessità di cambiare regole del gioco, di superare il machiavellico uso di mezzi impropri per fini discutibili.

     

     

    Alle riforme e all’entrata nell’euro che le ha accompagnate e spronate, si è giunti per stato di necessità, attraverso l’azione di alcune, poche, figure che, a un tempo, si sono fatte interpreti e hanno “strumentalizzato” il severo giudizio internazionale ed europeo. Ma ciò è avvenuto senza che si affermasse nelle classi dirigenti politiche, sociali, economiche e culturali un comune sistema di valori e di cognizioni che interpretasse il cambiamento come una sorta di “terzo Risorgimento”, come la rimozione degli ostacoli storici allo sviluppo del nostro capitalismo e della nostra società. E’ mancato, insomma, sul piano sia culturale sia politico, un nuovo “compromesso”, che rinnovasse quello del dopoguerra e che desse certezze ai cittadini e alle imprese» . Inadeguatezza, autoreferenzialità, debolezza culturale della classe politica attuale sono tutti fattori importanti, ai quali va aggiunto il ruolo non secondario dei media, altra espressione dell’anormalità dell’Italia rispetto a conflitto d’interesse e inquinamento delle regole del gioco della democrazia . Occorrerebbe, dunque, un’azione forte di rinnovamento della politica e di diffusione della cultura della legalità (che ha poco a che vedere con le ruspe di qualche sindaco e la mano forte di qualche prefetto), ricordandosi che «le leggi non servono se non sono sorrette da una forte e precisa volontà politica, se non sono in grado di funzionare per carenza di strutture adeguate e soprattutto se le strutture non sono dotate di uomini professionalmente qualificati» . E che, ad oggi, nella risposta alla corruzione «l’anello debole è la fiacchezza della sanzione collettiva, da parte degli onesti, nei confronti di chi opera con scarsa correttezza» . “

     

     

     

    Marco Montanari

     

     


    STUDI SETTORE : i dati 2005
    a cui sono stati applicati i criteri di “congruità” e “normalità” effettuati dal ministero dell’Economia sui redditi del 2005: C’è una robustissima evasione

     

    Gli studi di settore, che interessano circa 3 milioni di contribuenti, vengono utlizzati, d’accordo con le categorie interessate, per cercare di risalire ai ricavi dei singoli contribuenti. Sono realizzati attraverso una complessa raccolta di informazioni statistiche e tengono conto non solo dei dati contabili ma anche di quelli strumentali.  Nell’ultima finanziaria, per cercare di ridurre il fenomeno della sovrastima dei costi da parte dei contribuenti, sono stati introdotti altri indicatori per riuscire a individuare voci di costo di bilancio non logiche rispetto all’attività.

     

    Il 53,8%  dei lavoratori autonomi e delle piccole imprese sottoposte agli Studi di Settore  sono cd contribuenti “incongruenti”, ” non e’ in linea con questi indicatori e sono 1.407.000 dei quasi 3 milioni di operatori interessati dagli Studi di settore” SOTTO LIMITI: dichiara ricavi per 193.600 euro ma poi alla prova dei fatti denuncia al Fisco un reddito imponibile, i loro redditi d’impresa, al netto dei costi, su cui pagare le tasse, di 10.500 euro , ossia 875 euro al mese, troppo basso che vale solo il 5,4 per cento dei loro ricavi annuali che loro stessi dichiarano; A questi contribuenti Visco chiede loro “solo di versare 100-200 euro in più di tasse evase; Mediamente quindi gli “incongruenti” dicono di ritrovarsi con 35,3 mila euro l’anno di reddito d’impresa in meno dei loro colleghi “congruenti”. Una cifra non da poco.

    I contribuenti “in linea”. I contribuenti lavoratori autonomi e le piccole imprese “in linea” con i calcoli del fisco sono invece 1 milione e 30 mila il 39,4% del totale e dichiarano un fatturato pari a 362,5 mila euro, e mediamente un reddito imponibile di 45.800 euro, che vale il 12,6 per cento del “giro di affari” della loro attività.

    I dati, diffusi indicano anche il numero dei contribuenti “marginali” (6,8%) che dichiarano 8.900 euro in media ma ai quali non vengono applicati gli studi di settore proprio a causa delle loro caratteristiche peculiari

    E quanto ai controlli “almeno 500 mila controlli

     

     

     

     

     

     

     

    BREVE SUNTO: ATTIVITA’ – CONGRUI REDDITO  – NON CONGRUI REDDITO

     

     

     

    -meccanici auto e moto 36.900 11.800

     

    -gioiellerie 34.300 11.600

     

    -Commercio oggetti d’arte e bigiotteria 32.800  5.500

     

    -Commercio e riparazione di orologi e gioielli 34.300 11.600
    -farmacie 148.600 86.700

     

    -Laboratori di analisi cliniche e ambulatori  88.700  16.300
    -autosalone e noleggio 41.400 1.800

     

    -ristoranti 31.800 9.700

     

    -bar, gelaterie 26.600 10.900

     

    -pasticcerie 33.300 11.500

     

    -stabilimenti balneari 24.600 7.100

     

    – i proprietari di sale gioco 58.100  2.000

     

    -discoteche 24.300 -18.700

     

    -istituti bellezza 15.400 3.600

     

    -barbieri e parrucchieri 18.900 8.800

     

    -centri benessere 36.100 -11.400

     

    -Trasporto con taxi  15.500  10.700

     

    -Installazione di impianti elettrici e di impianti idraulico-sanitari  42.200 17.700

     

    -lavanderie 23.800 6.600

     

    -alimentari 30.800 11.100

     

    -macellai 23.700 10.700

     

     

     

    -ingrosso frutta 40.500 11.100

     

    -fruttivendoli 21.200 12.100

     

    -pescherie 22.800 9.900

     

    -surgelati 22.400 7.100

     

    -profumerie 28.800 6.600

     

    -fabbricazione infissi 35.600 14.000

     

    -pelliccerie 32.600 6.200

     

    -vendita barche 40.000 5.500

     

    -falegnami 51.900 12.500

     

    -sarti 24.000 4.800

     

    -calzolai 14.400 5.300

     

    -laboratori fotografici 27.000 5.200

     

    -agenzie viaggio 32.900 1.700

     

    -centri sportivi 18.600 -7.500

     

    -autoscuole 39.200 13.400

     

    -mercerie 18.600 6.000

     

    -librerie 27.100 7.200

     

    -fiorai 22.200 9.000

     

    -negozi per animali 22.100 6.300

     

     

     

     

     

    Tassisti senza taxi, un’immagine quasi paradossale dell’attività di questi contribuenti. Almeno 100 mila sono infatti quelli che hanno dichiarato di svolgere l’attività pur senza possedere i beni strumentali caratteristici. Così si trovano, per il periodo di imposta del 2005, a non essere in possesso di beni strumentali 137 tassisti, 360 laboratori di analisi cliniche, 480 farmacie, 555 lavanderie, 3.329 ristoranti e 5.139 installatori di impianti elettrici ed idraulici

     

     

     

     

     

    STUDI DI SETTORE 2005

     

    LETTURA COLONNE:

     

     

     

    1- SETTORE –
    2 – NUMERO SOGGETTI NON MARGINALI –
    3 – (CONGRUI E NORMALI)  RICAVI TOTALI (MEDIA IN MIGLIAIA DI EURO) –
    4 – (CONGRUI E NORMALI)  REDDITO D’IMPRESA (MEDIA IN MIGLIAIA DI EURO) –
    5 – (NON CONGRUI E/O NON NORMALI) RICAVI TOTALI (MEDIA IN MIGLIAIA DI EURO) –
    6 – (NON CONGRUI E/O NON NORMALI) REDDITO D’IMPRESA (MEDIA IN MIGLIAIA DI EURO)

     

     

     

    COMMERCIO

     

     

     

    Commercio e riparazione di orologi e gioielli 18.993  275,2  34,3  126,1  11,6
    al dettaglio di alimentari 63.356  514,4  30,8  261,5  11,1
    al dettaglio di carni 27.776  220,7  23,7  134,8  10,7
    al dettaglio ambulante di alimentari e bevande 27.070  151,1  21,7  103,9 12,3
    al dettaglio ambulante articoli tessili per la casa articoli di abbigliamento 28.310  82,4  18,2  50,2  9,6
    al dettaglio ambulante di mobili ed altri articoli n.c.a. 19.368  93,4  18,7  56,5  9,1
    al dettaglio ambulante di calzature e pelletterie 4.880  77,7  17,8  36,5  8,2
    al dettaglio di giornali, riviste e periodici 16.344  93,2  28,6  91,4  17,6
    al dettaglio di giochi e articoli sportivi 13.504  372,9  29,8  153,8  7,5
    al dettaglio di materiale per ottica, fotografia, cinematografia, 9.646  246,5  42,1  138,0  14,1
    al dettaglio di articoli di profumeria e per l’igiene personale 9.375  364,8  28,8  130,6  6,6
    al dettaglio di articoli di cartoleria di cancelleria e forniture per ufficio 10.906  227,2  25,6  92,9  7,0
    al dettaglio di frutta e verdura 14.837  161,0  21,2  106,6  12,1
    al dettaglio di pesci crostacei e molluschi  4.842  228,4  22,8  128,8  9,9
    al dettaglio di mobili articoli in legno sughero vimini e plastica  16.550  589,1  38,1  276,0  8,6
    al dettaglio di fiori e piante  14.444  123,6  22,2  57,8  9,0
    al dettaglio attrezzature agricole e per il giardinaggio  6.044  487,6  33,9  254,8  14,0
    al dettaglio macchine e attrezzature per ufficio  5.526  502,1  29,5  247,5  6,8
    al dettaglio di piccoli animali domestici 1.933  182,1  22,1  79,1  6,3
    all’ingrosso di prodotti alimentari 11.539  1.079,9  49,6  603,9  12,6
    all’ingrosso di saponi, detersivi, profumi e cosmetici  3.213  708,1  53,4  441,9  12,0
    all’ingrosso e al dettaglio di ferramenta costruzione, piastrelle, 38.294  910,3  56,7  439,7  15,5
    Commercio elettrodomestici e casalinghi 32.652  422,6  30,4  196,7  7,3
    Commercio di autoveicoli 10.080  1.341,0  41,4  761,4  1,8
    Farmacie 14.806  1.241,5  148,6  1.031,4  86,7

     

     

     

    SERVIZI

     

    Manutenzione e riparazione di autoveicoli motocicli e ciclomotori  72.197 239,8 36,9 113,8 11,8
    Trasporto con taxi  17.158 36,3 15,5 26,9 10,7
    Installazione di impianti elettrici e di impianti idraulico-sanitari  131.634 272,0 42,2 157,5 17,7
    Laboratori e Studi fotografici  10.195 108,4 27,0 54,5 5,2
    Servizi di ristorazione  73.205 260,6 31,8 154,1 9,7
    Bar caffè gelaterie  91.114 136,1 26,6 90,9 10,9
    Servizi degli istituti di bellezza  16.847 69,0 15,4 40,2 3,6
    Servizi dei saloni di barbiere e parrucchiere  80.164 56,3 18,9 34,9 8,8
    Esercizi alberghieri, affittacamere e case per vacanze  28.345 454,2 43,0 265,7 -1,6
    Agenzie di mediazione immobiliare  24.135 114,5 37,1 50,0 9,3
    Locazione, valorizzazione, compravendita di beni immobili propri  137.061 253,1 64,9 91,5 5,3
    Intonacatura rivestimento tinteggiatura ed altri lavori edili  163.670 136,4 29,7 73,3 14,8
    Servizi di pompe funebri e attività connesse  4.375 258,6 54,9 174,4 26,2
    Stabilimenti balneari  5.140 132,7 24,6 76,8 7,1
    Intermediari del commercio di alimentari, bevande, tabacco  31.890 69,7 35,7 38,0 13,2
    Intermediari del commercio di prodotti vari  112.257 80,7 41,4 38,8 12,5
    Intermediari del commercio di macchinari, impianti industriali, navi ecc. 7.760 113,5 53,2 72,2 15,9
    Software house e riparazione macchine per ufficio  50.532 294,8 47,5 195,2 7,4
    Lavanderie industriali a secco e tintorie  15.979 139,2 23,8 63,3 6,6
    Trasporto di merci su strada  81.387 293,2 30,0 228,0 4,8
    Costruzioni  179.826 541,7 50,9 251,5 10,9
    Servizi di pulizia  18.127 185,5 36,5 184,6 11,6 
    Consulenza finanziaria, gestionale commerciali  8.399 267,4 66,7 127,0 5,7
    Autoscuole, scuole di pilotaggio e nautiche, richiesta certificati 9.102 148,9 39,2 76,0 13,4

     

     

     

    INDUSTRIA

     

    Fabbricazione e riparazione di macchine ed attrezzature per ufficio 16.967 467,8 58,9 323,1 12,1
    Laboratori di analisi cliniche e ambulatori 4.827 571,9 88,7 345,9 16,3
    Esercizio della pesca 5.343 138,0 13,1 78,4 -3,7
    Intermediari delle assicurazioni 37.647 212,3 58,6 87,3 17,0
    Produzioni e distribuzioni cinematografiche e di video, attività radiotelevisive 4.154 537,5 60,1 197,7 -6,2
    Centri benessere e stabilimenti termali 1.679 332,6 36,1 90,2 -11,4
    Commercio all’ingrosso di macchine e attrezzature per ufficio 5.433 731,3 45,9 505,4 9,6
    Vendita al dettaglio di carburanti per autotrazione 16.931 192,6 40,1 467,3 14,1
    Commercio al dettaglio di prodotti del tabacco 24.529 69,6 47,7 37,0 39,2
    Fabbricazione e commercio di prodotti di pasticceria 14.184 253,7 33,3 136,0 11,5
    Segagione frantumazione e lavorazione artistica del marmo e pietre affini 8.307 522,7 48,5 303,6 11,7
    Confezione ed accessori per abbigliamento 25.332 448,9 40,7 278,0 -0,8
    Fabbricazione di mobili poltrone e divani porte e finestre in legno 45.509 393,4 40,4 227,0 10,3
    Lavorazione del legno 5.968 608,4 51,9 381,0 12,5
    Fabbricazione e commercio al dettaglio di prodotti di panetteria 23.381 223,6 36,9 146,5 17,2
    Fabbricazione porte e finestre in metallo 18.876 318,1 35,6 214,9 14,0
    Fabbricazione e lavorazione dei prodotti in metallo 34.363 663,4 74,0 518,4 19,8
    Fabbricazione, lavorazione e trasformazione del vetro 4.062 483,0 46,2 280,3 8,2
    Meccanica pesante 50.358 672,6 79,4 584,2 21,9
    Fabbricazione di protesi dentarie 14.912 80,1 29,5 40,0 15,3
    Editoria, stampa ed attività dei servizi connessi alla stampa 19.688 516,1 56,8 346,6 9,2
     Fabbricazione e riparazione di macchine ed attrezzature per ufficio 16.967 467,8 58,9 323,1 12,1
    Laboratori di analisi cliniche e ambulatori 4.827 571,9 88,7 345,9 16,3
    Esercizio della pesca 5.343 138,0 13,1 78,4 -3,7
    Intermediari delle assicurazioni 37.647 212,3 58,6 87,3 17,0
    Produzioni e distribuzioni cinematografiche e di video, attività radiotelevisive 4.154 537,5 60,1 197,7 -6,2
    Centri benessere e stabilimenti termali 1.679 332,6 36,1 90,2 -11,4
    Commercio all’ingrosso di macchine e attrezzature per ufficio 5.433 731,3 45,9 505,4 9,6
    Vendita al dettaglio di carburanti per autotrazione 16.931 192,6 40,1 467,3 14,1
    Commercio al dettaglio di prodotti del tabacco 24.529 69,6 47,7 37,0 39,2
    Fabbricazione e commercio di prodotti di pasticceria 14.184 253,7 33,3 136,0 11,5
    Segagione frantumazione e lavorazione artistica del marmo e pietre affini 8.307 522,7 48,5 303,6 11,7
    Confezione ed accessori per abbigliamento 25.332 448,9 40,7 278,0 -0,8
    Fabbricazione di mobili poltrone e divani porte e finestre in legno 45.509 393,4 40,4 227,0 10,3
    Lavorazione del legno 5.968 608,4 51,9 381,0 12,5
    Fabbricazione e commercio al dettaglio di prodotti di panetteria 23.381 223,6 36,9 146,5 17,2
    Fabbricazione porte e finestre in metallo 18.876 318,1 35,6 214,9 14,0
    Fabbricazione e lavorazione dei prodotti in metallo 34.363 663,4 74,0 518,4 19,8
    Fabbricazione, lavorazione e trasformazione del vetro 4.062 483,0 46,2 280,3 8,2
    Meccanica pesante 50.358 672,6 79,4 584,2 21,9
    Fabbricazione di protesi dentarie 14.912 80,1 29,5 40,0 15,3
    Editoria, stampa ed attività dei servizi connessi alla stampa 19.688 516,1 56,8 346,6 9,2

     


     

     

     

     

    IL testo riprodotto è stato riassuntivamente tratto dall’articolo

     

    di  Alessandro Messina

     

    La corruzione fuori dall’agenda politica
    5 aprile 2006

     

    pubblicato da Lo Straniero, marzo 2006

     

     

     

    Click here: [url=http://www.anticorruzione.it/Portals/altocommissario

    /Documents/alessandro%20messina.pdf]link-

     

    La corruzione fuori dall’agenda politica [/url]

     

     

     

    Click here: [url=http://ww2.carta.org/articoli/articles/art_6598.html

     

    ]link-La corruzione fuori dall’agenda politica [/url]

     

     

     

     

     

     

     

     La corruzione fuori dall’agenda politica – Parto dalle conclusioni e i rimedi; Alcune soluzioni contro la corruzione – Si possono raggruppare per temi principali:

     

     

     

    – Apparato normativo Queste proposte mirano a modificare l’apparato normativo, non nello specifico, ma nella sua struttura. Si concentrano sulla riforma della macchina giudiziaria e investigativa e sulla riduzione del numero delle leggi, dovuto anche all’anomalia della storia politica italiana, contraddistinta da due grandi blocchi, uno permanentemente di maggioranza (la democrazia cristiana) e l’altro permanentemente di opposizione (il partito comunista), che avevano necessità di mediare il conflitto attraverso un’estrema fertilità legislativa .

    – Pubblica amministrazione Si mira ad una maggiore efficienza ed efficacia dell’azione delle amministrazioni pubbliche. Dunque ridurre il numero dei dipendenti pubblici, dei dirigenti e dei funzionari, e pagarli meglio, con più benefit, creando senso di appartenenza e restituendo dignità al lavorare per lo Stato. Puntare ad un rafforzamento dei corpi tecnici per ridurre il ricorso agli esterni, privilegiando nelle carriere il criterio della meritocrazia su quello dell’anzianità. Introdurre regole – procedurali più che normative – migliori per i concorsi, per evitare meccanismi di selezione avversa. In generale: passare dai controlli di processo ai controlli di prodotto: è importante valutare la proficuità della spesa oltre che la sua legittimità .

    – Conflitti di interesse L’obiettivo in questo caso è prevenire il fenomeno corruttivo evitando che si creino i presupposti, le situazioni tipo che lo alimentano. Occorre tornare dunque sull’ineleggibilità parlamentare, l’incompatibilità, il divieto di svolgere attività derivanti da rapporti di impiego pubblico o privato ed altre attività incompatibili con la carica ricoperta. A tal proposito merita menzione il caso inglese, che restringe la possibilità per ministri e dirigenti pubblici (alti) di assurgere incarichi nel settore privato anche una volta abbandonata la carica governativa . Occorre poi regolamentare meglio il meccanismo dello spoils system, che non è sbagliato in sé, ma va arginato nelle sue applicazioni estreme, puntando in primis alla salvaguardia del buon funzionamento della operatività amministrativa, che invece rischia di risentire fortemente di cambi continui nei vertici (cinque anni possono essere assai pochi per impostare, testare e mettere a regime procedure e operazioni complesse). Anche l’uso di codici di comportamento, di deontologia – se associato a tutto il resto – può facilitare, soprattutto a fini culturali e formativi.

    – Lobby e politica Si vuole dare trasparenza alle finalità dei diversi gruppi di interesse e ai loro rapporti con i politici. A tal fine si potrebbe copiare dall’esperienza Usa che obbliga tutti i mediatori, faccendieri ecc. a registrarsi come tali presso le istituzioni parlamentari . Rispetto a tale proposta sembra interessante ricordare la recente vicenda del lobbista di Washington Jack Abramoff, condannato per frode e corruzione, avendo sottratto circa 80 milioni di dollari a diverse tribù indiane (di cui avrebbe dovuto curare gli interessi) per ingraziarsi deputati e senatori . Nonostante i forti limiti della reazione del governo Usa a tale episodio, non si può sottovalutare il fatto che proprio grazie alla trasparenza delle informazioni relative alle attività di lobbying il caso è potuto venire allo scoperto e i responsabili essere perseguiti in tempi rapidi.

    – Finanziamento pubblico ai partiti Nella necessità di controllare i flussi finanziari verso i partiti politici, arginandone gli appetiti illeciti e omogeneizzando le risorse a disposizione delle diverse forze politiche, nasce la proposta di ridiscutere, ripensandolo, il finanziamento pubblico ai partiti. Tale proposta è sostenuta e ben argomentata anche da Salvi e Villone (2005), con alcuni distinguo rispetto a partiti che superino una certa soglia e attuino procedure – verificabili – di reale partecipazione e democrazia interna. Un altro importante principio applicato concretamente nell’esperienza inglese riguarda il finanziamento statale della comunicazione attraverso i media (radio e televisioni), ponendo anche dei limiti molto stretti all’uso di tale propaganda da parte dei soggetti politici. Questo è considerato come il principale fattore del basso livello di corruzione della Gran Bretagna .

    – Evasione fiscale E’ uno dei principali mali dell’Italia. Sono molte le proposte per combattere l’evasione fiscale, che determina una distorsione nel sistema di monitoraggio sui conti delle imprese (tutto teso a valutare l’adempienza tributario e non la trasparenza e la correttezza delle registrazioni contabili) e nei comportamenti di “controllo sociale” (che non recepiscono come anomala una mancata corrispondenza tra reddito presunto e reddito apparente). Rispetto alle persone fisiche esistono degli accorgimenti che potrebbero in breve tempo produrre forti benefici: «Uno è la tassazione con cifra fissa per atto a prescindere dal valore della transazione. Un altro la prelazione dello stato. In questo caso il funzionario pubblico può dire: “Veramente hai venduto questa casa per cento milioni? Allora per cento milioni te la compra direttamente lo stato”. In questo modo nessuno dichiara un valore troppo basso, perchè altrimenti si ritrova a ricevere per davvero cento milioni mentre poi lo stato rivenderà la sua casa a un valore maggiore sul mercato immobiliare» . Rispetto alle imprese, basterebbe riportare in Italia sistemi di prelievo fiscale che esistono già in Europa, su base presuntiva prima ancora che supportate da controlli stringenti . Ma assieme al contrasto all’evasione fiscale diffusa, occorre seriamente combattere il riciclaggio e i paradisi fiscali.

    – Cultura e istruzione Qui l’esigenza è costruire un humus adatto alla lotta alla corruzione e a prevenire il fenomeno presso le future generazioni, diffondendo la cultura della legalità, il senso civico, la consapevolezza dei propri diritti, la solidarietà sociale. Merita menzione a tal proposito una notizia di cronaca milanese: scoperti 144 truffatori su 450 “sospetti” a seguito dei controlli eseguiti dalla Guardia di Finanza. Si trattava di persone che dichiaravano redditi sotto soglia per ottenere affitti agevolati, esenzione da tasse e ticket sanitari ecc. ma che erano più che benestanti, i cui nominativi sono stati segnalati da Asl, scuole, uffici giudiziari ecc. Una percentuale del 32%, che lascia intendere che una maggiore rete sociale di sorveglianza ma anche di denuncia potrebbe produrre importanti effetti .

    –  Politica e democrazia Last but not least, la politica. Occorre cambiare le regole di questo “gioco”, se si vuole farlo funzionare meglio. A partire da una questione che ancora non è scontata in Italia, come la segretezza del voto . Oppure, andando su questioni più complesse e strutturali, l’accesso alle cariche elettive, che dovrebbe essere limitato nel numero di mandati, e la retribuzione delle carriere politiche, che per quanto visto andrebbe di molto ridotta, quanto meno allineandola a quella degli altri paesi dell’Unione europea. Il tutto dovrebbe pertanto incentivare una carriera politica “di servizio”, e non “di rendita”, come è oggi. Fare politica a tempo pieno dovrebbe essere qualcosa di temporaneo nell’arco della vita dei cittadini, una parentesi nell’attività lavorativa

     

     

     

     

     

    Qualche conclusione Il programma dell’Unione contiene, in 281 pagine, sei volte la parola corruzione, due volte la parola mafia, sei volte (nelle stesse pagine) il termine criminalità organizzata. A nessuno di questi termini è associata un’analisi degna di nota e tanto meno una proposta significativa. Un errore? Secondo quanto è stato esposto sembra di sì, anche perchè, volendo mantenere il punto di vista di chi misura tutto in rapporto al prodotto interno lordo, la corruzione e la criminalità organizzata pesano molto in Italia.

     

    Quanto, è difficile dirlo con precisione. Ma si possono fare delle ipotesi di buon senso: partendo dal sommerso riconosciuto, che oscilla tra il 16% e il 28% del Pil, su cui calcolare le imposte contributive omesse pari al 7%/11% del Pil a se conda delle ipotesi minima o massima di sommerso, aggiungendo una quota di spesa pubblica pari ad almeno il 10%  del Pil (ottimistica, ricordando che si è accertato che il 2% del personale statale è coinvolto in reati connessi alla corruzione), si arriva ad un peso dell’economia corrotta e criminale tra il 17% e il 21% del nostro prodotto interno lordo. Un quarto, della nostra economia è fuori dai circuiti delle regole.

     

     

     

    Varrebbe la pena dedicarci almeno un capitolo di un programma di centro-sinistra? Allora sono due le cose: o siamo di fronte ad una strategia strisciante, che mette questi problemi al centro di azioni indirette, ma sembra tutto poco probabile e certamente scarsa ne sarebbe l’efficacia, oppure siamo di fronte ad un’amnesia collettiva. Certamente, a parere di chi scrive, è corretta l’analisi di Fabrizio Barca riguardo alla debolezza della classe politica italiana, che pure negli ultimi anni è stata promotrice di riforme importanti del paese. «Alle riforme e all’entrata nell’euro che le ha accompagnate e spronate, si è giunti per stato di necessità, attraverso l’azione di alcune, poche, figure che, a un tempo, si sono fatte interpreti e hanno “strumentalizzato” il severo giudizio internazionale ed europeo. Ma ciò è avvenuto senza che si affermasse nelle classi dirigenti politiche, sociali, economiche e culturali un comune sistema di valori e di cognizioni che interpretasse il cambiamento come una sorta di “terzo Risorgimento”, come la rimozione degli ostacoli storici allo sviluppo del nostro capitalismo e della nostra società. E’ mancato, insomma, sul piano sia culturale sia politico, un nuovo “compromesso”, che rinnovasse quello del dopoguerra e che desse certezze ai cittadini e alle imprese» . Inadeguatezza, autoreferenzialità, debolezza culturale della classe politica attuale sono tutti fattori importanti, ai quali va aggiunto il ruolo non secondario dei media, altra espressione dell’anormalità dell’Italia rispetto a conflitto d’interesse e inquinamento delle regole del gioco della democrazia . Occorrerebbe, dunque, un’azione forte di rinnovamento della politica e di diffusione della cultura della legalità (che ha poco a che vedere con le ruspe di qualche sindaco e la mano forte di qualche prefetto), ricordandosi che «le leggi non servono se non sono sorrette da una forte e precisa volontà politica, se non sono in grado di funzionare per carenza di strutture adeguate e soprattutto se le strutture non sono dotate di uomini professionalmente qualificati» . E che, ad oggi, nella risposta alla corruzione «l’anello debole è la fiacchezza della sanzione collettiva, da parte degli onesti, nei confronti di chi opera con scarsa correttezza» .

     

     

     

    Non si tratta di proposte rivoluzionarie. Certamente sono importanti riforme che delineano linee di indirizzo nuove, in grado di incidere sul modello di sviluppo e sulla qualità della vita in Italia. Ma non implicano né particolari complessità tecniche né approcci ideologici di parte. La loro portata è potenzialmente trasversale, in grado di coinvolgere forze liberali, progressiste, ma anche conservatrici, di parte, facendo leva sul tema generale della correttezza delle regole del gioco e della trasparenza ed efficienza nella gestione della cosa pubblica. I principali nemici ne sono l’inerzia di alcuni, la connivenza di altri e la cultura della de-responsabilizzazione che regna sovrana nel nostro paese. Ne è triste dimostrazione il magro bottino del lavoro svolto dalla Commissione speciale per l’esame dei progetti di legge recanti misure per la prevenzione e la repressione dei fenomeni di corruzione. La Commissione, attiva dal 1997 al 2001, costituita su iniziativa dell’allora presidente della Camera dei Deputati, Luciano Violante, a seguito del rapporto del Comitato di studio di cui si è già detto, ha potuto registrare il compimento di una sola legge, «concernente il rapporto tra procedimento penale e procedimento disciplinare […]. Il bilancio esiguo di questa attività legislativa è dimostrazione della difficoltà di affidare alla norma scritta i complessi meccanismi della prevenzione dell’illecito, ma anche delle culture eccessivamente “garantiste” pur al cospetto di pesanti conseguenze prodotte nei confronti del pubblico interesse» .

     

     


    Su Repubblica del 28 gennaio 2006, a pagina 52-53, viene riportata una lunga conversazione tra Eugenio Scalfari e Paolo Flores D’Arcais sulla questione morale. Alla fine, Scalfari – in risposta agli accenti critici di Flores D’Arcais rivolti alla classe dirigente del centro-sinistra – chiude così: «ma che cosa pretendi? Che Fassino, D’Alema, Bersani, Sposetti, facciano un corteo vestiti da penitenti, con te che con la frusta a sette code da dietro gli dici: passo più svelto, e attraversino le vie di Roma, di Milano eccetera, spargendosi le ceneri in testa? Ma via, non esageriamo con questa cosa». Nell’interesse del paese, delle giovani e future generazioni, dell’ambiente naturale che ci circonda, di quegli ideali di solidarietà e giustizia che ancora muovono l’elettorato di centro-sinistra, a nessuno interessa un fico secco dell’espiazione dei dirigenti del centro-sinistra: è sufficiente che chi ha perso le elezioni dopo aver governato male, ha favorito – senza portare una vera opposizione – la deriva populista del centro-destra, ha assecondato biechi disegni di malafinanza, lasci la politica, faccia spazio alle nuove generazioni, ritorni alla sua professione, se ne ha una. Solo così si creerà quel dinamismo sociale e culturale in grado di portare rinnovamento della politica e rafforzamento della democrazia, dunque contrasto alla criminalità organizzata e alla corruzione, piaghe della nostra società che nessuno può più permettersi di sottovalutare.

     

     

    Cause e danni:

     

    Nella cronaca romana, a pagina 1 e a pagina 3, viene presentato lo scandalo dei lavoratori precari (circa 1500) della Regione Lazio, gran parte dei quali transitati per una delle società partecipate dalla Regione, Lazioservice. Si tratta di persone selezionate chissà come, che non hanno mai sostenuto un concorso, usate spesso per funzioni amministrative.

     

    Forme di corruzione diffusa nei rapporti tra impresa e sfera pubblica hanno gonfiato la spesa, leso il buon funzionamento del mercato, ostacolato la selezione dei fornitori e dei prodotti migliori. L’entità di questa tassazione impropria, che da ultimo ricade sui cittadini, è di una gravità che sgomenta».

     

     

    Dal Corriere della sera del 2 febbraio 2006, , l’editoriale di Gian Antonio Stella dal titolo “Un’epidemia di camorra” evidenzia il record della Campania che, con 19 comuni sciolti per infiltrazioni della criminalità organizzata, concentra più della metà dei casi simili in Italia nell’ultimo anno (36). il dato è significativo, soprattutto se associato a quello degli ultimi 15 anni, in cui sono state 158 le amministrazioni sciolte per mafia: 71 in Campania, 43 in Sicilia, 34 in Calabria, 7 in Puglia, 1 in Basilicata e nel Lazio .

     

     

    A pagina 10 viene riportata la denuncia del procuratore generale della Corte dei Conti, Vincenzo Apicella, in relazione alla norma dell’ultima finanziaria che prevede la possibilità di condono – pagando tra il 10% e il 20% di quanto contestato – a chi è stato condannato per danni erariali (corruzione e concussione) indagini in corso sulle Asl Roma B e C per circa 70 milioni (di euro) che mancano all’appello, probabilmente passati attraverso società fittizie, con la complicità di qualche dirigente pubblico e la distrazione di diversi politici. Un’ecatombe giudiziaria? Una nuova tangentopoli? Crisi della politica? No, si tratta di noiosa routine per il nostro paese.

    Trasparency International, organismo privato nonprofit che studia il fenomeno della corruzione a livello globale (www.transparency.org), l’Italia è al 40° posto nel mondo, tra 159 nazioni, per livello della corruzione. Al primo posto (che significa maggiore virtù) c’è l’Islanda, con un punteggio di 9,7 (il massimo è 10), all’ultimo Bangladesh e Ciad, con 1,7 (minimo 0). L’Italia ha un punteggio pari a 5. Dunque molto lontano da altri paesi come la Svezia (9,2), il Regno Unito (8,6), la Germania (8,2), gli Usa (7,6) e la Francia (7,5). Ma ci troviamo anche ben al di sotto di Spagna (7), Portogallo (6,5), Slovenia (6,1), Botswana (5,9), Cipro (5,7) e tanti altri. I dati si riferiscono al 2005. Nel 2006 e’ peggiorata la situazione: Italy Rank 45° /  Score 4.9 . Per avere un’idea dell’incidenza quantitativa del fenomeno, almeno per la sua componente rilevata a livello giudiziario, dunque minima, i dati indicano in peculato (1000 denunce all’anno), concussione (500), corruzione (400), abuso d’ufficio (1500) le forme tipiche della corruzione. Ma cos’è la corruzione? In senso giuridico la corruzione può essere definita come «la condotta illegale di un pubblico funzionario il quale, in cambio di denaro o di altra utilità effettivamente ricevuta o semplicemente promessa, compie atti di ufficio oppure agisce in modo contrario ai suoi doveri» . Nel caso in cui la remunerazione del funzionario pubblico produca atti contrari ai suoi doveri, è detta “propria”, nel caso invece in cui faciliti atti comunque dovuti, è detta “impropria”. Si chiama poi concussione quella condotta di un funzionario pubblico che, abusando del proprio ruolo, costringe o induce un privato a scambiare denaro, o altre utilità, con atti di ufficio (dovuti o no).

    Ada Becchi Corruzione e criminalità organizzata Il rapporto tra criminalità organizzata e corruzione è altissimo, la correlazione è massima: «Il dialogo Stato/mafia, con gli alti e bassi tra i due ordinamenti, dimostra chiaramente che Cosa Nostra non è un anti-Stato, ma piuttosto una organizzazione parallela che vuole approfittare delle storture dello sviluppo economico, agendo nell’illegalità […]» . Quelle storture favorite e determinate proprio dai cattivi comportamenti della pubblica amministrazione e della politica. Figlie – entrambe, corruzione e criminalità organizzata – di un tessuto sociale caratterizzato dalla contiguità tra componenti più o meno sane, che nella politica trovano gli spazi per esercitare il proprio potere: «[…] la mescolanza tra società sana e società mafiosa a Palermo è sotto gli occhi di tutti e l’infiltrazione di Cosa Nostra costituisce la realtà di ogni giorno.

    E la notizia recente che ammonti a 3,6 miliardi di euro  il patrimonio sequestrato alla criminalità organizzata tra 1992 e 2005 lascia intuire quanto ingente sia tutto il resto, il non sequestrato, ciò su cui si reggono interi imperi fatti di terreni, titoli finanziari, imprese. Tanto più che questo dato è influenzato dalla consapevolezza che «dal 1992 c’è stato un lento ma inesorabile indebolimento della legislatura antimafia, tanto con i governi di sinistra che di destra», come ha dichiarato Nicola Gratteri, sostituto procuratore antimafia a Reggio Calabria . Complessivamente è evidente che la corruzione si accompagna con una pubblica amministrazione inefficiente, con un rapporto fiduciario tra enti pubblici e cittadini che si assottiglia, con un mercato sempre più sommerso e irregolare (capace dunque di raccogliere e convogliare i frutti della corruzione, il denaro da riciclare).

    E oggi, in Italia, i costi che le imprese sostengono a causa del crimine organizzato – intorno al 60% dei costi totali – sono secondi soltanto a Guatemala, Colombia, Bangladesh, Ucraina e Filippine . Tanto più che, secondo recenti indagini, la burocrazia grava sui bilanci delle piccole e medie imprese per 11,5 miliardi di euro all’anno, circa 1.226 euro in media per addetto tra pratiche fiscali e di contabilità, adempimenti per la sicurezza ecc. Sono costi alti, che se non accompagnati da una completa trasparenza e dall’efficienza della pubblica amministrazione, facilmente inducono all’evasione fiscale, all’irregolarità del lavoro, ad atteggiamenti di complicità con le pratiche della corruzione .

    Così come acquistano insanamente peso il numero degli eletti nei vari livelli di governo: circoscrizionali, comunali, provinciali, regionali, parlamentari. Alla fine si parla di 149.593 eletti che si portano dietro 278.296 tra incarichi e consulenze, per un totale di 427.889 professionisti, che fa della politica, per numero di “addetti”, un settore economico maggiore di quello del credito e delle assicurazioni, con una spesa diretta di 3-4 miliardi di euro l’anno .

    A livello locale resta forte il sommerso, quella componente di economia e lavoro che gira intorno alle irregolarità salariali (quando va bene) o a processi e prodotti illeciti. Secondo il Censis (2005), il 10% delle imprese italiane sono interamente “in nero”, dato che non solo è spaventosamente alto in sé, ma che risulta anche essere in aumento, sintomo di «una crescita dimensionale dell’impresa sommersa, non più esclusivamente legata alla sub-fornitura e agli intermediari, ma direttamente proiettata sul mercato» . E mentre l’Istat stima nel 15% sul Pil l’impatto del sommerso, secondo l’ormai celebre modello Schneider-Enste, i cui risultati sono stati pubblicati in un working paper del Fondo Monetario Internazionale, tale valore arriverebbe al 28% del nostro prodotto interno lordo .

    Dopo Parmalat sembrano affermazioni ingenue, ma occorre ricordare che, durante Mani pulite, «quello che più ha sorpreso chi indagava è stato il fatto che anche grandi gruppi quotati in borsa avessero bilanci falsi: risultavano in possesso di rilevantissime disponibilità finanziarie extracontabili in Italia e all’estero. […] Se ricordiamo poi il can can pubblicitario sulle società di revisione e sull’incisiva efficacia dei loro controlli, le timide giustificazioni che i loro dirigenti hanno balbettato poi di fronte alle prime contestazioni sull’esistenza dei fondi neri, “ma noi non siamo in grado di controllare niente per davvero”…, diventavano particolarmente ridicole» .

    Gli scandali dell’estate 2005, che hanno coinvolto banche, immobiliaristi, autorità di vigilanza, movimento cooperativo, finanzieri considerati tra i top in Italia, hanno evidenziato la corruzione del mondo imprenditoriale, spesso legata a doppio filo a quella della politica. Qui la pubblica amministrazione non c’entra, in apparenza (anche se poi Bankitalia non è cosa troppo diversa). Ma come giustamente osserva Pier Camillo Davigo (2004), la storia dell’Italia è piena di casi in cui comportamenti sbagliati, o illeciti, da parte delle banche, che avrebbero potuto avere effetti pesantissimi, sono stati coperti dallo stato, in nome di un fantomatico interesse generale. E dunque, se il ruolo delle banche è pubblico, di diritto pubblico devono essere anche le responsabilità dei funzionari che vi lavorano.

    Proprio perchè i comportamenti clientelari e inefficienti dei funzionari di banca non sono secondari rispetto ad un’analisi della corruzione in Italia, che non può – proprio per questo – essere confinata solo alla pubblica amministrazione. Ha dichiarato Sergio Cusani a proposito degli scandali bancari del 2005: «Quello che viviamo oggi è l’epilogo di Tangentopoli. Con l’inchiesta sulle banche si è toccato il livello più alto del sistema del potere. […] Nel ’92, per salvare i banchieri e le banche, fu sacrificato un pezzo del sistema politico; oggi per salvare la politica vengono scaricate le banche. […] Allora il sistema finanziava le imprese in modo diretto, assumendo su di sé ogni rischio attraverso la formazione di consorzi di collocamento. Dopo la legge bancaria del ’93, gli istituti di credito hanno scaricato i rischi sulla clientela attraverso i bond, facendo i bilanci più ricchi della loro storia». D’altra parte nel 2002 – a porte chiuse – il direttore generale dell’Abi, Giuseppe Zadra, affrontando il problema reputazionale del sistema bancario, ricordava ai dirigenti della sua associazione che trasparenza e correttezza sono gli asset su cui occorre investire maggiormente per il futuro, ma che tale investimento implicherebbe una rinuncia a «volumi di ricavo rilevanti», quantificati in circa 5 miliardi di euro .

    E l’intreccio tra imprese, politica e corruzione passa per alcuni nodi strategici: il riciclaggio di denaro di provenienza illecita e – connessi a questo – i paradisi fiscali. Questi ultimi sono il principale alleato dei processi di corruzione. Le transazioni di grande importo, infatti, non possono che avvenire via banca e – nei casi di riciclaggio di denaro – sempre estero su estero, con preferenza per luoghi come Panama, Bahamas, Lussemburgo, Liechtenstein, Isole Cook, oltre alla solita Svizzera. In Italia sono 333 gli illeciti amministrativi nell’esportazione clandestina registrati dalla Guardia di finanza nei primi 11 mesi del 2005, 1006 i soggetti verbalizzati dalla polizia valutaria (per un sequestro di titoli pari a circa 800 milioni di euro), 596 i soggetti verbalizzati per riciclaggio, 255 le carte di pagamento false sequestrate nel contrasto al riclaggio .

    Le colpe della politica Secondo la Banca Mondiale, è necessario – anche se non sempre semplice – distinguere tra le attività di lobbying, lecite e parte del gioco della politica, e ciò che viene definito state capture, cioè il controllo di determinati gruppi di interesse sulla sfera pubblica di decisioni. E’ questo il campo più odioso della corruzione, che passa dal piccolo abuso d’ufficio – legato allo scarso senso civico, all’ignoranza, al degrado sociale di un determinato territorio, fenomeno più sociologico che politico o criminale – alla trama sotterranea di vere e proprie strategie finanziarie, non trasparenti e già solo per questo quasi sempre criminali. E’ ciò che gli italiani hanno visto fare – di recente – a Fazio, Fiorani, Consorte, ma che ha una storia antica nel nostro paese, che incrocia poteri economici, politici e militari (da Gladio alla P2, dalle massonerie all’affare BNL-Iraqgate).

    E che non vede immune l’attuale classe dirigente della sinistra, non solo per le intercettazioni a Fassino sul caso Unipol, piccola cosa, emblematiche più per il malcostume che altro, ma soprattutto per uno dei casi finanziari ancora troppo sottovalutati come quello Telecom, che ha visto un D’Alema forte protagonista: «Come è stato possibile che nessuno abbia avuto da ridire sulle varie scatole cinesi messe in cima alla Telecom, che hanno reso l’operazione poco trasparente? E’ stato possibile perchè tra Colaninno e il premier Massimo D’Alema è nata un’intesa politica che ha ricevuto il sostegno di una parte importante del governo e dei più stretti collaboratori e uomini di fiducia del presidente del consiglio. Non per niente si è ironizzato sulla merchant bank di Palazzo Chigi, per la chiara propensione di chi ci abitava in quel momento a risolvere le questioni con decisione, piglio, determinazione, proprio come si usa nel mondo degli affari» . E questo “decisionismo”, fatto di alleanza trasversali, come quella di allora tra D’Alema e Fazio, ha avuto implicazioni in tante vicende finanziarie dell’Italia, non solo il caso Telecom. Ma non bisogna cadere nell’equivoco – stupido e pericoloso – di associare destra e sinistra in questa analisi.

    Le differenze restano, forti e profonde. E stanno proprio in quella zona grigia che separa la lobbying – a volte malinterpretata, sbragata, rozza, ai confini dell’illecito – che caratterizza in grande prevalenza l’operato del centro-sinistra, da una vera e propria strategia (deliberata, esplicita) di state capture, che è la massima esemplificazione dell’azione del governo Berlusconi (e delle reti connesse): dal condono edilizio allo scudo fiscale per i capitali usciti irregolarmente dal paese, dalla depenalizzazione del falso in bilancio all’esaltazione, da parte del premier, dell’economia sommersa, fino alle piccole misure i cui effetti entrano nella vita quotidiana di cittadini e imprese, come nel caso della legge ex-Cirielli che ha ridotto da 10 a 6 gli anni di prescrizione per reati tributari – fondamentali per la tenuta del sistema fiscale e di solidarietà sociale – quali l’emissione di fatture false (4394 casi nel 2003/4), dichiarazioni fraudolente (3412 casi), occultamento o distruzione di documenti contabili (1756) e altri, per un totale di circa 12 mila reati tributari accertati dalla Guardia di Finanza nel 2004 . «La riforma elettorale è solo l’ultimo colpo: in cinque anni Silvio Berlusconi ha invertito il processo di rinnovamento cominciato con mani pulite», ha scritto il Washington Post . Senza dimenticare tutte le “incongruenze” nei comportamenti in sede internazionale, come la firma del programma di lotta al terrorismo nell’ottobre 2001 (subito dopo l’11 settembre) immediatamente seguita dall’approvazione dello scudo fiscale, e poi dal rifiuto di sottoscrivere il Mandato di Arresto internazionale .

    Però anche il centro sinistra ha delle responsabilità. Ad esempio  avendo «riformato i reati finanziari consentendo che l’annotazione in contabilità di fatture per operazioni inesistenti non fosse punibile se non influenzava oltre una certa soglia la dichiarazione dei redditi, con ciò consentendo di portare fuori bilancio somme in contanti utilizzabili per qualunque fine» . E poi l’indulto esteso ai white collars, il disegno di legge sulle intercettazioni volto a frenare i giudici, non sembra esserci stata quella presa d’atto della necessità di cambiare regole del gioco, di superare il machiavellico uso di mezzi impropri per fini discutibili.

    Sta di fatto che sembra incontestabile che la moralità della politica italiana non è mai stata così bassa come in questo periodo. Lo scandalo non riguarda più, soltanto, i rapporti tra politici (siciliani e qualche volta nazionali) e mafia, come si era abituati a vedere nelle fiction anni ’80, e neanche soltanto leader di partito e grandi imprese, come è stato il caso principale durante Mani pulite . La rincorsa alla visibilità personale, la necessità di grandi risorse finanziarie, hanno abbattuto i residui scrupoli morali e culturali di chi pensava fosse opportuno mettere al centro i contenuti, dedicare tempo e spazio alle relazioni. Ora, se si vuole fare di mestiere il politico (e uno dei problemi principali è proprio nel ritenere possibile ciò), occorre acquistare spazi pubblicitari, produrre materiali patinati e costosi, organizzare eventi mondani. E non c’è neanche più il partito a mettere regole e dettare condizioni, ormai i partiti sono solo un brand, né più né meno, e il senso di appartenenza non è diverso da quello attuale dei calciatori per le squadre di serie A.

    L’investimento per essere eletti è sempre più alto: di recente il tetto massimo di spesa è stato innalzato a 2 milioni di euro per candidato, circa nove volte più del limite precedente (226.740 euro). In più, è stato alzato – da 6.500,24 a 20.000 euro, circa il triplo – il limite dei contributi ottenuti per la campagna elettorale che vanno resi pubblici. Dunque si spende molto di più del passato e si è assai meno trasparenti . Ma se si spende tanto, è necessario veder aumentare anche il ritorno dell’investimento. E’ ormai noto che un parlamentare europeo italiano guadagna più dei suoi colleghi (il +77% di un suo collega tedesco, l’+81% di un inglese, il +137% di un francese, il +278% di uno spagnolo), ma forse è meno noto che un consigliere regionale guadagna in media poco meno (dunque sempre più di un parlamentare europeo tedesco) e che – ha dell’incredibile – un presidente di circoscrizione di Roma guadagna il 30% in più di un parlamentare europeo spagnolo .

    E, insieme alle indennità, record in Europa, crescono gli appetiti per poltrone, commissioni, incarichi in società a partecipazione pubblica. Secondo uno studio recente, nel periodo 1976-2002 vi sono stati 104 politici negli organi di amministrazione di 109 società quotate in borsa, con un numero di connessioni pari a 195. La presenza dei politici sembra influenzare in modo rilevante queste imprese rispetto alle loro concorrenti: hanno maggiore facilità di accesso a finanziamenti bancari ma hanno performance economiche (di redditività) inferiori . Torna così di moda la lottizzazione, che inasprisce lo scontro di competenze tra stato ed enti locali, come nel caso delle nomine dei presidenti delle autorità portuali, che Lunardi voleva avocare a sé con una apposita legge (che Ciampi, però, si è rifiutato di firmare) e allo stesso tempo unisce come poche cose destra e sinistra .

    Il ritorno dell’investimento di una carriera politica, poi, è fatto anche di commesse e contributi che possano arrivare a quello che si considera il proprio elettorato. Illuminante, in materia, la struttura del bilancio della Regione Lazio, di recente modificata: fino al bilancio 2006, con un meccanismo che è esploso sotto la giunta Storace, erano allegate al documento di previsione delle spese le fantomatiche “tabelle”, un elenco di contributi da erogare senza alcuna ratio settoriale o geografica se non il dover accontentare le clientele politiche di ciascun consigliere regionale. Una valutazione sull’impatto di tale prassi, in termini di irrazionalità della spesa e di impossibilità di discussione delle priorità, viene da sé . Così non solo i politici italiani costano alla collettività più che nel resto d’Europa per stipendi e benefit, ma sono anche indotti dal sistema che reggono (e che li regge) a rosicchiare il più possibile dalla propria posizione di privilegio per sé, amici e sostenitori . La necessità di impostare un cambiamento, di metabolizzare un diverso modello della politica, non potrà mai venire da questa classe politica, senza distinzioni strutturali tra destra e sinistra. E il discorso coinvolge pienamente anche i sindacati e l’associazionismo collaterale, tutt’altro che immuni dalla sindrome corporativo-opportunistica di chi genera e accetta fenomeni di corruzione.

    I costi  diretti della corruzione, legati alle somme concusse. Consegue dalla corruzione una minore efficienza della spesa pubblica e una maggiore distorsione delle regole di mercato. Il concusso riverserà le spese della corruzione sulla pubblica amministrazione, la fornitura per la quale ha vinto l’appalto sarà inferiore – a parità di prezzo – in qualità o quantità rispetto al previsto. Le imprese sane, che non accettano di entrare nel “mercato della corruzione” non riusciranno ad entrare in nessun altro mercato. Vi sono poi i costi sociali. «Dal punto di vista della tenuta sociale del paese si crea una situazione nella quale ci sono persone che possono ostentare un tenore di vita assolutamente non compatibile con i loro redditi apparenti.

    Questo crea una vasta percezione del senso di illegalità, e di impunità, di questi comportamenti» . In ogni caso – proprio per questi motivi – non sarà mai possibile recuperare il danno della corruzione. Né per il suo valore monetario, perchè spesso sarà stato distribuito su più strade difficili da seguire, né tantomeno per quella parte di costo non monetario, che sarà quasi sempre la principale . Vi sono poi i costi in termini di inefficienza complessiva del sistema sociale ed economico. Si pensi alla selezione avversa dei talenti, allocati sui mercati in maniera spesso inversa rispetto a competenze e capacità.

    Oppure al fatto che «alcuni milioni di persone concorrono sulla base di una sostanziale omologazione dei valori e delle regole (invece che sulla base di un mero calcolo economico, come accade per altri tipi di fiancheggiatori) a definire l’area in cui la criminalità ha potuto muoversi indisturbata o addirittura trovare concreto sostegno» . Ancora, da tenere in considerazione, il costo sociale ed economico della disoccupazione da criminalità, tale per cui «il lavoro criminale non è spesso un’alternativa a un lavoro legale, ma una sua premessa o un suo corollario» . Non mancano, comunque, anche i costi calcolabili da un punto di vista meramente economico. Come dimostrano Arnone e Iliopulos (2005) esiste una relazione inversa tra livello di corruzione e qualità del sistema imprenditoriale (politiche di sostegno alla nascita di nuove imprese, minori giorni necessari per la loro costituzione, bontà dell’ambiente imprenditoriale ecc.); riduzione del costo del capitale (che chiama in causa anche il ruolo del sistema del credito); ammontare e tasso di crescita del prodotto nazionale lordo; rischio di investimento; investimenti diretti esteri; ammontare delle entrate fiscali.

    In particolare, in tema di investimenti e sviluppo, va riportata la stima che all’aumento di un punto percentuale dell’indice di corruzione, gli investimenti diretti esteri subiscono una diminuzione dell’undici per cento. Si tratta di un dato che racchiude bene, nell’aridità delle percentuali, tutte le opportunità non colte dal nostro paese. Ma forse i costi principali della corruzione sono nell’instabilità politica (che da causa può anche diventare effetto della corruzione, in un drammatico circolo vizioso) e nell’incapacità, che ne deriva, di cogliere potenzialità di sviluppo: «Se si osserva, ad esempio, cosa negli ultimi vent’anni hanno fatto Paesi come l’Irlanda, la Spagna e il Portogallo, ma anche la Finlandia, che da Paesi poveri quali erano sono usciti dalla trappola della povertà grazie agli aiuti dell’Unione europea e alle proprie politiche di sviluppo, non si possono che trarre alcune chiare conclusioni sul peso che istituzioni politiche corrotte e la presenza del crimine organizzato (che si sostengono a vicenda) hanno non solo nel depredare un Paese delle proprie risorse, ma soprattutto nel privare le persone di un futuro prospero e libero» .

     

     

     

     

     

    IL testo riprodotto è “tratto dal sito”  www.lavoce.info

     

    La pessima lotta all’evasione di tutti i Governi , come svuotare il mare con un cucchiaino, e la mancanza di  informazione dell’amministrazione finanziaria e dei media

     

     

    di Alberto Zanardi

     

    02-11-2005

     

     

    Uno degli elementi qualificanti della manovra finanziaria è l’enfasi sul rafforzamento delle misure di contrasto all’evasione fiscale. A suggello dei molteplici annunci lanciati nei mesi scorsi dall’allora ministro Siniscalco che la (lunga) stagione dei condoni si sarebbe definitivamente conclusa, la Finanziaria pone in campo una serie di interventi anti-evasione, peraltro già tratteggiati nel giugno scorso a sostegno del taglio dell’Irap.

     

     

    Le misure anti-evasione della Finanziaria

     

     

     

    • Innanzitutto, viene riproposto e rilanciato il coinvolgimento dei comuni nella lotta all’evasione dei tributi statali (quindi non solo dell’Irpef, come era nella vecchia normativa del 1973, ma anche, ad esempio, dell’Iva) con la previsione di meccanismi premiali a loro favore (potranno trattenere il 30 per cento delle somme riscosse a titolo definitivo).

    • Si prevede poi il rafforzamento degli organici dell’agenzia delle Entrate (1.500 nuovi verificatori), di quella delle Dogane (300) e della Guardia di finanza specificamente dedicati al contrasto dell’evasione fiscale, delle frodi e del sommerso.

    • Infine, si pone mano a una batteria di misure più specifiche, come ad esempio, la possibilità da parte dell’amministrazione finanziaria di anticipare, nel caso di rischi per la riscossione, la liquidazione dell’Iva o delle imposte dirette rispetto alla presentazione della dichiarazione annuale.

     

     

     

    Assumendo come quantificazione del maggior gettito dalla lotta all’evasione nel 2006 i trecento milioni di euro riportati nel conto di cassa (e non i ben tre miliardi di accertamenti), bisogna chiedersi innanzitutto se si tratti una stima realistica. Qualche dubbio è certamente legittimo se si considerano, ad esempio, i limitati incentivi che probabilmente avranno i comuni a partecipare attivamente all’attività di controllo: si tratta di investire fin da subito in strumenti e personale, peraltro in un periodo di pesanti tagli alla finanza locale, con prospettive di remunerazione (il 30 per cento dell’effettivo riscosso) di lunghissimo periodo dati i tempi del contenzioso tributario. Oppure se si considera il pressing che viene dai partiti della maggioranza per reintrodurre nuovi condoni da offrire sul piatto elettorale senza costi immediati apparenti, se non quello di indebolire ancor di più la credibilità dell’amministrazione nella lotta all’evasione

     

     

    I numeri dell’evasione

     

     

     

    Più in generale, la portata dei recuperi di gettito forse realizzabili con le misure anti-evasione previste dalla manovra finanziaria letteralmente impallidisce di fronte alle dimensioni complessive del fenomeno che dovrebbero aggredire. Anche se si tratta di un fenomeno per definizione di difficile quantificazione, numerose analisi hanno cercato di misurare tanto l’ampiezza delle attività produttive sommerse (che generano evasione fiscale nella misura in cui questa è legata alla produzione di beni e servizi, senza tuttavia esaurire tutte le fattispecie di evasione), quanto direttamente la dimensione dell’evasione (mediante il confronto fra dichiarazioni fiscali e contabilità nazionale, o quello tra campioni di imponibili dichiarati e imponibili accertati).

     

    • I risultati di queste analisi testimoniano di un fenomeno di dimensioni certamente preoccupanti e probabilmente persistente nel tempo.

    • Per esempio, la base Irpef dei lavoratori autonomi e la base Irpeg delle piccole imprese è evasa tra il 30,6 e il 68,5 per cento; sulle imposte indirette, e in particolare sull’Iva, si riscontra un valore aggiunto non dichiarato fra il 32,9 e il 42,3 per cento; sull’Irap, la base imponibile (che dovrebbe avvicinarsi al valore aggiunto di contabilità nazionale) non dichiarata e’ del 31,5 per cento. Se poi si analizzano questi dati nella loro articolazione settoriale e territoriale si rileva una forte concentrazione dell’evasione nel settore agricolo e in alcuni comparti del settore terziario e una crescita del tasso di evasione via via che si passa dal nord al sud del Paese.

     

     

     

    La pessima lotta all’evasione di tutti i Governi e la mancanza di  informazione dell’amministrazione finanziaria e dei media

     

     

     

    Di fronte a un fenomeno così pervasivo, le strategie adottate in Italia nell’ultimo decennio hanno puntato più che sui tradizionali strumenti di deterrenza (inasprimento di controlli e sanzioni) su interventi di tax compliance (dagli studi di settore, agli istituti transattivi come l’accertamento con adesione, il concordato fiscale preventivo, la pianificazione fiscale concordata, le misure di emersione del sommerso, fino ai condoni).

     

    L’amministrazione finanziaria non ha mai fornito dati e valutazioni ufficiali circa i risultati dell’applicazione di questi strumenti in termini di gettiti recuperati e di stimolo al tasso di adempimento spontaneo dei contribuenti. Si tratta di una grave carenza informativa, che sottrae un segmento fondamentale della politica fiscale, come è il contrasto all’evasione fiscale, alla valutazione non solo degli osservatori esterni, ma anche degli stessi parlamentari. E la mancata disponibilità di informazioni realistiche, affidabili e ufficiali sulla dimensione del fenomeno e sulla performance degli strumenti di contrasto utilizzati negli ultimi anni è tanto più grave oggi che la lotta all’evasione fiscale è vista non soltanto come elemento fisiologico di garanzia dell’efficienza e dell’equità del sistema tributario, ma anche come misura di copertura finanziaria per i conti pubblici, alternativa ai tagli della spesa e all’aumento delle aliquote.

    Some of My articles

    http://blogsearch.google.com/

    https://wallstreetrack.wordpress.com/

    Tag: 1_finanza_analisi Macro
    http://wordpress.com/tag/1_finanza_analisi-macro/
    Tag: 2_Finanza_Bulls & Bears 
    http://wordpress.com/tag/2_finanza_bulls-bears/
    Tag: 3_il Risparmio Tradito
    http://wordpress.com/tag/3_il-risparmio-tradito/
    Tag: 4_Debito & Evasione 
    http://wordpress.com/tag/4_debito-evasione/
    Tag: E_Lavoro & Pensioni 
    http://wordpress.com/tag/e_lavoro-pensioni/
    Tag: 6_giustizia Ed Etica
    http://wordpress.com/tag/6_giustizia-ed-etica/
    Tag: 7_politica Ed Etica
    http://wordpress.com/tag/7_politica-ed-etica/
    Tag: 8_Sanita’ ed Etica
    http://wordpress.com/tag/8_sanita-ed-etica/
    Tag: 9_Libera Informazione 
    http://wordpress.com/tag/9_libera-informazione/
    Tag: A_Tutela degli animali 
    http://wordpress.com/tag/a_tutela-degli-animali/
    Tag: B_Tutela dell’Ambiente
    http://wordpress.com/tag/b_tutela-dellambiente/

     

     

     

    Ecco i veri problemi del Paese che questa classe politica dirigente nel suo totale non vuole affrontare

     

    DECLINO ITALIA SENZA SPERANZA…CI VORREBBE UN AZZERAMENTO TOTALE DI TUTTA LA DIRIGENZA POLITICA

    La classe politica dirigente nel suo totale ha troppo spesso dimostrato di avere un proprio tornaconto personale, i conflitti d’interesse sono all’ordine del giorno, la mancanza d’etica, trasparenza e meritocrazia pure.

    Nella migliore delle ipotesi abbiamo una classe politica che e’ proprio ignorante, nel senso vero del termine, che ignora la cultura e la preparazione, ed e’ inetta ed incapace-

     

     

     

    Giustizia

     

     

     

     

     

    Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/02/01/rapporto-delleurispes-2007-italia-giustizia-al-collasso/]link-Rpporto Eurispes – Giustizia italia al collasso  [/url]

    Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/02/23/processi-lenti-e-non-sempre-chiari-who-judges-the-judges/]link-Giustizia Civile e Fallimentare e la dolosa lentezza dei processi[/url]

    Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/03/07/giustizia-e-la-riforma-dellordinamento-giudiziario-ecco-i-veri-problemi/]link-Giustizia Civile e Fallimentare e la dolosa lentezza dei processi[/url]

    Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/03/10/giustizia-e-la-riforma-dell%e2%80%99ordinamento-giudiziario-ecco-i-veri-problemi-parte-seconda/]link-Giustizia Civile e Fallimentare e la dolosa lentezza dei processi – Parte 2 – La riforma dell’Ordinamento Giudiziario e’ indecente [/url]

    Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/03/15/i-costi-dellevasione-della-inefficienza-della-pa-e-della-corruzione-tra-la-politica-e-le-lobbies-criminalita/]link-Costi dell’evasione, della inefficienza della P.A. e della corruzione tra la Politica e le lobbies-criminalita’ [/url]

    Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/06/05/stipendi-pubblici-ai-magistrati-gli-aumenti-piu-vistosi/]link-RETRIBUZIONI DEI MAGISTRATI [/url]

    Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/01/30/indicatori-internazionali-quadro-generale/]link-La corruzione fuori dall’agenda politica – Indicatori Internazionali – Quadro generale [/url]

    Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/10/09/litalia-tra-i-peggiori-paesi-al-mondo-per-la-corruzione-anche-nellexport-bribe-payers-index-bpi-2006/]link-La corruzione fuori dall’agenda politica – Indicatori Internazionali [/url]

     

     

     

    L’Evasione Fiscale ed i suoi Costi

    La Corruzione tra le Lobbies, la Politica, la PA e la Criminalita’

    Debito Pubblico e Declino Italia

    I Costi della Politica e la sua mancanza d’Etica

    L’enorme Spesa i fannulloni e l’ inefficienza della PA

    Pubblici Dipendenti Fannulloni Sindacati e l’ inefficienza della PA

     

     

    2007

     

     

     

    Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/03/03/levasione-fiscale-causa-primaria-dellaumento-della-spesa-della-pa-e-della-pressione-fiscale/]link-Spesa PA e L’Evasione Fiscale[/url]

    Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/03/15/i-costi-dellevasione-della-inefficienza-della-pa-e-della-corruzione-tra-la-politica-e-le-lobbies-criminalita/]link-Costi dell’evasione, della inefficienza della P.A. e della corruzione tra la Politica e le lobbies-criminalita’ [/url]

    Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/04/07/addio-tesoretto-i-sindacati-ed-i-pubblici-dipendentila-piu-cancerogena-delle-corporazione/]link-I Sindacati ed i pubblici dipendenti….la piu’ cancerogena delle corporazioni! Addio tesoretto [/url]

    Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/05/03/cosi-la-pubblica-amministrazione-getta-i-soldi-on-line/]link-Così la pubblica amministrazione “ruba” e getta i soldi [/url]

    Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/04/12/pensioni-dei-parlamentari-e%e2%80%99-uno-schifo-reset/]link-Pensioni dei Parlamentari [/url]

    Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/06/10/stipendi-dei-parlamentari-e-uno-schifo-reset/]link-Stipendi dei Parlamentari [/url]

    Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/09/24/la-casta-predica-bene-ma-razzola-malissimo/]link-La Casta predica bene ma razzola malissimo [/url]

     

     

     

    L’Evasione Fiscale ed i suoi Costi

    La Corruzione tra le Lobbies, la Politica, la PA e la Criminalita’

    Debito Pubblico e Declino Italia

    I Costi della Politica e la sua mancanza d’Etica

    L’enorme Spesa i fannulloni e l’ inefficienza della PA

    Pubblici Dipendenti Fannulloni Sindacati e l’ inefficienza della PA

     

     

    2006

     

     

    Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/08/30/lenorme-buco-del-debito-pubblico-italiano-di-cosa-si-tratta-e-di-chi-e-la-responsabilita-primaria/]link-Debito Pubblico – Spesa PA esorbitante – Pubblici Dipendenti in eccesso – Declino Italia – Parte 1 [/url]

    Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/09/29/185/]link-Declino Italia – Italia un paese alla deriva Istituzionale e Dirigenziale [/url]

    Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/10/03/litalia-in-mano-a-bertinotti-ed-ai-sindacati-e-soltanto-apparentemente-diversa-non-anche-migliore-di-quella-di-berlusconi/]link-Sindacati e Bertinotti Italia [/url]

    Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/10/19/crollo-dei-consensi-per-il-governo-18-in-3-mesi-e-intanto-le-agenzie-di-valutazione-finanziaria-declassano-litalia/]link-L’assenza di ogni valore della politica – Parte 1 [/url]

    Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/10/20/italia-debito-pubblico-rating-problema-dei-dipendenti-pubblici-e-degli-enti-inutili-ovvero-della-spesa-della-pa/]link-Debito Pubblico – Spesa PA esorbitante – Pubblici Dipendenti in eccesso – Declino Italia Parte 2 [/url]

    Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/10/24/perche-litalia-bilanci-alla-mano-e-un-paese-allo-sbando/]link-Debito Pubblico – Spesa PA esorbitante – Pubblici Dipendenti in eccesso – Declino Italia Parte 3 [/url]

    Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/12/06/il-declino-dellitalia-che-viaggia-con-il-ciuccio-e-la-scoppola/]link-Declino Italia – L’assenza di ogni valore della politica – Parametri internazionali [/url]

    Click here:  [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/12/17/in-italia-abbiamo-una-grossa-fetta-della-classe-politica-allo-sbaraglio-e-cieca-con-o-senza-connivenza/]link-L’assenza di ogni valore della politica – Parte 2 [/url]

    Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/12/20/the-governments-policy-is-missingits-coming-soon-like-one-of-our-tourism-portal-web/]link-Conflitto Interessi – L’assenza di ogni valore della politica – Parte 3 [/url]

    Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/12/21/i-5-simboli-del-doloso-sottosviluppo-italiano-la-politica-tutta-o-quasi-i-sindacati-la-chiesa-l%e2%80%99informazione-e-alcuni-giudici-di-alcuni-tribunali-fallimentari-e-civili-in-uno-con-i-lo/]link-I 5 simboli del doloso sottosviluppo Italiano: su tutti la Chiesa! Declino Italia [/url]

     

     

     

     

     

    L’etica in politica e in finanza deve essere un must
    17 agosto 2005

    http://www.osservatoriosullalegalita.org/05/interventi/041eticapolitica.htm

    Bancopoli : lettera ai politici del centrosinistra
    09 gennaio 2006

    http://www.osservatoriosullalegalita.org/06/acom/01gen1/0955marcobancopoli.htm

    E ora le priorita’ : legalita’ competitivita’ e conflitto d’interessi
    25 aprile 2006

    http://www.osservatoriosullalegalita.org/06/interventi/04apr/24votopriorita.htm

    Finanziaria : ma l’Italia necessita di etica e legalita’
    23 ottobre 2006

    http://www.osservatoriosullalegalita.org/06/acom/10ott3/2300marcofin.htm

    Legge sul risparmio monca su alcuni aspetti fondamentali
    21 dicembre 2005

    http://www.osservatoriosullalegalita.org/05/acom/12dic3/2101marcorisparmio.htm

    Il Risparmio dolosamente tradito dalla politica : la Class Action
    25 maggio 2006

    http://www.osservatoriosullalegalita.org/06/acom/09set3/2525marclassaction.htm

    Class action : facile , veloce , gratuito
    25 settembre 2006

    http://www.osservatoriosullalegalita.org/06/docum/varie/010marcoclassaction.htm

    U.S.: Le Lobbies contro la Legge che protegge i risparmiatori
    31 ottobre 2006

    http://www.osservatoriosullalegalita.org/06/acom/10ott3/3100marcousa.htm

    Il Paese dei furbetti : crack , banche , finanziarie e vittime
    18 dicembre 2005

    http://www.osservatoriosullalegalita.org/05/inchieste/012marcomanipul2.htm

    Crack in Italia e in America : sentenze e numeri a confronto
    22 dicembre 2005

    http://www.osservatoriosullalegalita.org/05/acom/12dic3/2244marcocrack.htm

    Calciopoli , bancopoli , crack : Italia Argentina 1 a 1 ?
    22 maggio 2006

    http://www.osservatoriosullalegalita.org/06/acom/05mag3/2200marcofurbetti.htm

    Index of economic freedom : Italia agli ultimi posti
    17 gennaio 2007

    http://www.osservatoriosullalegalita.org/07/acom/02gen2/1722marcomanipul.htm

    ]

     

    Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/01/30

    /indicatori-internazionali-quadro-generale/]

    link-La corruzione fuori dall’agenda politica [/url]

     

     

    Click here: [url=http://www.istat.it/salastampa/comunicati/non_

    calendario/20061214_00/testointegrale.pdf]link-Istat [/url]

     

     

    Click here: [url=http://www.istat.it/salastampa/comunicati/in_

    calendario/continaz/20070301_00/testointegrale.pdf]link-Istat [/url]

     

     

    Click here: [url=http://www.istat.it/salastampa/comunicati/non_

    calendario/20070222_00/]link-Istat [/url]

     

     

     

    Annunci

    I commenti sono chiusi.

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: