Pressione Fiscale elevatissima: le Cause

Pressione Fiscale elevatissima, le cause sono: Evasione Fiscale, Spesa della P.A. e Corruzione tra la Politica e le lobbies-criminalita’

EVASIONE FISCALE 

Fonte Immagine: La Stampa

 

 

Conti ed aggregati economici delle Amministrazioni pubbliche per il periodo 1980-2006 anche in rapporto all’Europa.

 

Click here[url=http://www.istat.it/salastampa/comunicati/non_

calendario/20070612_00/testointegrale.pdf]

link-Istat – Statistiche sulle amministrazioni pubbliche [/url]

 

 

Click here:[url=http://www.mef.gov.it/documentazione

/documenti_finanza_pubblica/rel_uni/RELAZIONE%20UNIFICATA

%20SU%20ECONOMIA%20E%20FINANZA%20PUBBLICA.pdf]

link-Relazione unificata Economia / Previsioni Pil [/url]


 

ITALIA_EUROPA_2006_CONTI ECONOMICI_1

ITALIA_EUROPA_2006_CONTI ECONOMICI_2

ITALIA_EUROPA_2006_CONTI ECONOMICI_3

ITALIA_EUROPA_2006_CONTI ECONOMICI_4

ITALIA_EUROPA_2006_CONTI ECONOMICI_5

ITALIA_EUROPA_2006_CONTI ECONOMICI_6

ITALIA_EUROPA_2006_CONTI ECONOMICI_7

ITALIA_EUROPA_2006_CONTI ECONOMICI_8

ITALIA_EUROPA_2006_CONTI ECONOMICI_9

ITALIA_DEBITO PIL_ 2003_2007_ISTAT_Principali aggregati di finanza pubblica

 

Europe in figures – Eurostat yearbook 2006-07

Taxation in the EU from 1995 to 2005

ITALIA_DEBITO PIL_ 2003_2006_Eurostat_Principali aggregati di finanza pubblica_0

ITALIA_DEBITO PIL_ 2003_2006_Eurostat_Principali aggregati di finanza pubblica_1

ITALIA_DEBITO PIL_ 2003_2006_Eurostat_Principali aggregati di finanza pubblica_2

ITALIA_DEBITO PIL_ 2003_2006_Eurostat_Principali aggregati di finanza pubblica_4

ITALIA_DEBITO PIL_ 2003_2006_Eurostat_Principali aggregati di finanza pubblica_3

 

Click here: [url=http://epp.eurostat.ec.europa.eu/portal/page?_pageid=1073,46587259&_dad=portal&_schema=PORTAL&p_product_code=KS-CD-06-001]link-Europe in figures – Eurostat yearbook 2006-07  [/url]

Click here: [url=http://epp.eurostat.ec.europa.eu/cache/ITY_

OFFPUB/KS-CD-06-001/EN/KS-CD-06-001-EN.PDF]link-

Europe in figures – Eurostat yearbook 2006-07  [/url]

 

Pages:

29

39

49

52

54

60

67

68

99

127

129

134

145

146

156

160

169

178

181

189

209

211

216

240

Debito Pubblico Italiano in % sul PIL serie storica dal 2001 al 2006 

2001  110.9% PIL

2002  108.3% PIL

2003  106.8% PIL

2004  103.6% PIL

2005  106.2% PIL

2006  106.8% PIL

Anno

Debito Pubblico

PIL

2002

1.367.169

1.295.226

2003

1.392.278

1.335.354

2004

1.442.997

1.390.539

2005

1.510.926

1.423.048

2006

1.575.346

1.475.401

Debito Pubblico Italiano in % sul PIL

1885 – 2000 Media storica

Media 78,9%

Media escluse Guerre 73.9%

Quello che ha contribuito all’aumento del debito pubblico italiano: Andreotti (in migliaia di miliardi di lire di debito  fino al 1979, in milioni di miliardi di lire dal 1989 in poi fino al 2000, poi dal 2002 in euro)

Debito Pubblico Italiano in % sul PIL serie storica dal 1972 al 2000 

1972 Governo Andreotti 42.614 mila miliardi di lire di debito………….53.1%

1973 Governo Andreotti-Rumor 53.246 mila miliardi di lire …………..55.1%

1974 Governo Andreotti-Rumor …………………………………………….54.5%

1975 Governo Andreotti-Rumor …………………………………………….60.5%

1976 Governo Moro-Andreotti 102.446 mila miliardi di lire ……………58.5%

1977 Governo Andreotti 124.044 mila miliardi di lire …………………..58.3%

1978 Governo Andreotti 158.406 mila miliardi di lire ………………….63.3%

1979 Governo Andreotti-Cossiga 190.979 mila miliardi di lire ………62.4%

1980 Governo Andreotti-Cossiga  ………………………………………….57.7%

1981 Governo Andreotti-Cossiga ………………………………………… 59.9%

1982 Governo Andreotti-Cossiga ………………………………………….64.7%

1983 Governo Andreotti-Cossiga ………………………………………….70.8%

1984 Governo ……………………………………………………………….  76.3%

1985 Governo  ………………………………………………………………. 82.7%

1986 Governo  ………………………………………………………………. 86.5%

1987 Governo  ………………………………………………………………. 90.6%

1988 Governo ………………………………………………………………….92.9%

1989 Governo De Mita-Andreotti 1.141.658 milioni di miliardi di lire 95.8%

1990 Governo Andreotti 1.284.605 ………………………………………..97.2% 

1991 Governo Andreotti 1.449.147 ……………………………………..100.5%

1992 Governo Andreotti-Amato 1.633.770 …………………………..107.7%

1993 Governo ……………………………………………………………. 118.2%

1994 Governo   ……………………………………………………………124.3%

1995 Governo   ……………………………………………………………123.8%

1996 Governo  …………………………………………………………….122.7%

1997 Governo ……………………………………………….. ………….120.2%

1998 Governo    ………………………………………………………….116.4%

1999 Governo   …………………………………………………………..114.6%

2000 Governo  ……………………………………………………………110.5%

World Public Debt

CIA world factbook

https://www.cia.gov

Rank – Country – Public debt (% of GDP) –  Date of Information

1 Lebanon  190.20  2006 est. 
2 Japan  177.60  2006 est. 
3 Jamaica  137.10  2006 est. 
4 Seychelles  134.40  2006 est. 
5 Egypt  113.40  2006 est. 
6 Italy 106.70  2006 est. 
7 Singapore  98.30  2006 est. 
8 Zimbabwe  96.40  2006 est. 
9 Sri Lanka  93.00  2006 est. 
10 Belgium  88.80  2006 est. 
11 Israel  84.90  2006 est. 
12 Nicaragua  83.10  2006 est. 
13 Cote d’Ivoire  82.50  2006 est. 
14 Greece  82.40  2006 est. 
15 Bhutan  81.40  2004 
16 Ethiopia  80.30  2006 est. 
17 Uruguay  72.10  2006 est. 
18 Jordan  69.80  2006 est. 
19 Germany  67.80  2006 est. 
20 Canada  67.70  2006 est. 
21 Morocco  67.40  2006 est. 
22 Mauritius  66.40  2006 est. 
23 Portugal  65.30  2006 est. 
24 Hungary  64.90  2006 est. 
25 Cyprus  64.80  2006 est. 
26 United States  64.70  2005 est. 
27 France  64.20  2006 est. 
28 Argentina  64.00  2006 est. 
29 Philippines  63.80  2006 est. 
30 Sudan  63.20  2006 est. 
31 Austria  62.10  2006 est. 
32 India  60.00  2006 est. 
33 Turkey  59.80  2006 est. 
34 Panama  58.40  2006 est. 
35 Colombia  56.80  2006 est. 
36 Tunisia  55.70  2006 est. 
37 Pakistan  55.10  2006 est. 
38 Serbia  53.10  2005 est. 
39 Costa Rica  51.80  2006 est. 
40 Switzerland  51.00  2006 est. 
41 Netherlands  49.40  2006 est. 
42 Gabon  49.10  2006 est. 
43 Kenya  48.50  2006 est. 
44 Ghana  48.00  2006 est. 
45 Sweden  47.80  2006 est. 
46 Papua New Guinea  47.00  2006 est. 
47 Aruba  46.30  2005 
48 Croatia  46.10  2006 est. 
49 Brazil  46.00  2006 est. 
50 Poland  45.50  2006 est. 
51 Vietnam  43.80  2006 est. 
52 Dominican Republic  43.30  2006 est. 
53 United Kingdom  42.70  2006 est. 
54 Malaysia  42.30  2006 est. 
55 Macedonia  41.50  2006 est. 
56 Norway  41.20  2006 est. 
57 Thailand  41.20  2006 est. 
58 El Salvador  41.10  2006 est. 
59 Spain  39.90  2006 est. 
60 Bangladesh  39.60  2006 est. 
61 Malawi  39.40  2006 est. 
62 Finland  38.90  2006 est. 
63 Indonesia  38.60  2006 est. 
64 Syria  37.90  2006 est. 
65 Trinidad and Tobago  37.50  2006 est. 
66 Zambia  35.70  2006 est. 
67 Slovakia  35.00  2006 est. 
68 Taiwan  34.60  2006 est. 
69 Honduras  33.60  2006 est. 
70 South Africa  33.30  2006 est. 
71 Ecuador  33.00  2006 est. 
72 Peru  32.60  2006 est. 
73 Saudi Arabia  32.20  2006 est. 
74 Iceland  31.50  2006 est. 
75 Bahrain  31.00  2006 est. 
76 Namibia  30.70  2006 est. 
77 Denmark  30.10  2006 est. 
78 Moldova  30.00  2006 est. 
79 Yemen  29.20  2006 est. 
80 Paraguay  27.80  2006 est. 
81 Tanzania  27.80  2006 est. 
82 Czech Republic  27.50  2006 est. 
83 Qatar  26.80  2006 est. 
84 Angola  26.60  2006 est. 
85 Bulgaria  26.20  2006 est. 
86 Slovenia  25.80  2006 est. 
87 Korea, South  25.20  2006 est. 
88 Ireland  24.90  2006 est. 
89 Uzbekistan  24.80  2006 est. 
90 Cameroon  24.40  2006 est. 
91 Venezuela  24.30  2006 est. 
92 Iran  23.60  2006 est. 
93 Bosnia and Herzegovina  23.40  2006 est. 
94 Mexico  23.30  2006 est. 
95 Guatemala  23.20  2006 est. 
96 Mozambique  23.20  2006 est. 
97 China  22.10  2006 est. 
98 New Zealand  21.20  2006 est. 
99 Uganda  19.40  2006 est. 
100 Romania  18.30  2006 est. 
101 Lithuania  18.20  2006 est. 
102 Senegal  16.30  2006 est. 
103 United Arab Emirates  16.20  2006 est. 
104 Australia  16.10  2006 est. 
105 Nigeria  15.70  2006 est. 
106 Ukraine  14.10  2006 est. 
107 Hong Kong  13.30  2006 est. 
108 Algeria  12.80  2006 est. 
109 Kazakhstan  12.50  2006 est. 
110 Latvia  9.90  2006 est. 
111 Azerbaijan  8.30  2006 est. 
112 Kuwait  8.20  2006 est. 
113 Russia  7.70  2006 est. 
114 Botswana  6.60  2006 est. 
115 Wallis and Futuna  5.60  2004 est. 
116 Chile  5.40  2006 est. 
117 Libya  5.40  2006 est. 
118 Equatorial Guinea  4.20  2006 est. 
119 Estonia  4.10  2006 est. 
120 Oman  3.40  2006 est. 

This page was last updated on 13 December, 2007

 

 

 

 

 

 

 

  • Il Conto economico consolidato delle Amministrazioni pubbliche fa registrare, nella sua versione provvisoria, un lieve peggioramento dell’incidenza dell’indebitamento netto sul Pil, che sale al 4,4 per cento dal 4,2 per cento dell’anno precedente. In valore assoluto l’indebitamento aumenta, rispetto all’anno precedente, di 5.981 milioni di euro, attestandosi su un livello pari a 65.504 milioni. Alla crescita dell’indebitamento hanno contribuito alcune uscite per oneri straordinari per un ammontare complessivo di 29,7 miliardi di euro: i rimborsi Iva sulle auto aziendali in seguito alla sentenza della Corte di giustizia europea del 14/09/2006; l’accollo da parte dello Stato dei debiti della TAV S.p.a.; la retrocessione alla Società di cartolarizzazione dei crediti dei contributi sociali dovuti dai lavoratori agricoli. Senza tali oneri straordinari l’indebitamento netto sarebbe risultato pari al 2,4 per cento del Pil, più contenuto anche rispetto al 3,6 per cento previsto nella Nota di aggiornamento del Dpef del settembre 2006.

  • Il rapporto tra l’indebitamento netto e il Pil dell’Italia è superiore, nel 2006, di 2,8 punti percentuali rispetto alla media dell’Uem (-1,6 per cento) e di 2,7 punti percentuali rispetto al totale Ue (-1,7 per cento) (Prospetto 3). Nello stesso anno, nell’ambito della Uem, soltanto il Portogallo (- 3,9 per cento) ha superato la soglia del 3 per cento prevista dal Patto di stabilità e crescita, mentre tra i paesi esterni all’Uem che hanno superato la soglia figurano Ungheria (-9,2 per cento), Polonia (-3,9 per cento) e Slovacchia (-3,4 per cento). Saldi positivi di bilancio sono stati ottenuti invece da Danimarca (+4,2 per cento), Finlandia (+3,9 per cento), Estonia (+3,8 per cento), Bulgaria (+3,3 per cento), Irlanda (+2,9 per cento), Svezia (+2,2 per cento), Spagna (+1,8 per cento), Paesi Bassi (+0,6 per cento), Lettonia (+0,4 per cento), Belgio (+0,2 per cento) e Lussemburgo (+0,1 per cento).

  • Il saldo primario (indebitamento al netto della spesa per interessi) nel nostro paese risulta positivo e pari allo 0,1 per cento del Pil, segnando un’ulteriore contrazione rispetto all’1,3 del 2004 e allo 0,3 per cento del 2005; senza gli oneri straordinari, il saldo primario sarebbe risultato positivo e pari al 2,1 per cento del Pil. Il risparmio, misurato dal saldo delle partite correnti, è positivo e pari a 19.005 milioni di euro, l’1,3 per cento del Pil, in miglioramento rispetto al -0,5 per cento registrato nel 2005 (-7.343 milioni di euro).

  • Nel 2006 la spesa pubblica complessiva cresce del 7,9 per cento rispetto all’anno precedente, evidenziando una dinamica più accentuata di quella registrata nel 2005 (+3,6 per cento). La sua incidenza sul Pil si attesta al 50,5 per cento, contro il 48,6 per cento nel 2005.

  • Nel confronto con gli altri paesi europei, la spesa complessiva dell’Italia in rapporto al Pil risulta più alta di 2,7 punti percentuali rispetto alla media dei tredici paesi dell’area dell’euro, e di 3,4 punti percentuali rispetto alla media complessiva dei ventisette paesi della Ue. Nel 2006 Svezia, Francia, Ungheria e Danimarca registrano una spesa superiore al 50 per cento del Pil mentre Romania (32,0 per cento), Estonia (33,2 per cento), Lituania (33,6 per cento) e Irlanda (34,1 per cento) mostrano l’incidenza più bassa sul Pil.

  • L’andamento della spesa totale italiana è il risultato della crescita delle spese correnti al netto degli interessi (+3,6 per cento), degli interessi passivi (+5,2 per cento) e delle uscite in conto capitale (+53,3 per cento), in quest’ultimo caso dovuta prevalentemente ai menzionati oneri straordinari (Tavola 1). Gli investimenti fissi lordi, che costituiscono una spesa in conto capitale, aumentano dell’1,7 per cento, a fronte di una sostanziale stabilità del 2005 (+0,4 per cento). Tale risultato è dovuto alla riduzione delle dismissioni immobiliari, portate in detrazione a tale aggregato (1.386 milioni di euro nel 2006, 3.176 milioni nel 2005). Escludendo l’effetto delle dismissioni immobiliari, la riduzione degli investimenti sarebbe stata del 3,4 per cento.

  • Le spese correnti, comprensive degli interessi passivi, evidenziano un tasso di crescita del 3,7 per cento, con un rapporto sul Pil pari al 44,5 per cento (stabile rispetto all’anno precedente). In dettaglio, la spesa per consumi finali – costituita prevalentemente dalle spese sostenute per la produzione di servizi pubblici – presenta un aumento del 3,1 per cento rispetto al 5,2 per cento dell’anno precedente. Le prestazioni sociali in natura – prevalentemente spese per assistenza sanitaria convenzionata – registrano un rallentamento della crescita passando dal 5,6 per cento del 2005 al 3,4 del 2006, dovuto al contenimento di alcuni interventi sul prezzo dei farmaci. Tra le spese correnti sono in crescita anche le spese per redditi da lavoro dipendente (+4,1 per cento contro il +4,5 del 2005), a seguito dell’applicazione dei nuovi contratti collettivi di alcune categorie di dipendenti pubblici (enti locali, sanità, enti di ricerca e università). I consumi intermedi, comprensivi delle spese per i servizi di intermediazione finanziaria indirettamente misurati (SIFIM), diminuiscono dello 0,8 per cento (+ 5,0 per cento nel 2005). La dinamica delle prestazioni sociali in denaro risulta più accentuata rispetto all’anno precedente (+4,4 per cento nel 2006 contro il +3,3 per cento nel 2005), come pure quella dei contributi alla produzione (+4,4 per cento) dopo la netta flessione fatta registrare nel 2005 (-9,5 per cento). Confrontando le spese per consumi finali in rapporto al Pil dei paesi europei (Prospetto 9), l’Italia presenta una percentuale (20,3 per cento) inferiore di un decimo di punto rispetto alla media dei tredici paesi dell’area dell’euro e di mezzo punto percentuale rispetto alla media complessiva dei ventisette paesi della Ue. Svezia, Danimarca e Paesi Bassi mostrano la più alta incidenza della spesa per consumi finali sul Pil (rispettivamente il 26,7 il 25,6 e il 25,3 per cento) mentre le più basse sono quelle della Grecia (15,5 per cento), Irlanda e Lussemburgo (entrambe al 15,9 per cento).

  • Gli interessi passivi evidenziano, nuovamente, una tendenza alla crescita (+5,2 per cento) rispetto alla diminuzione del 2,3 per cento manifestatasi nel 2005; a tale andamento hanno contribuito, parzialmente, anche le operazioni di swap, il cui importo, che riduce l’ammontare degli interessi passivi, è risultato pari a 563 milioni di euro nel 2006, significativamente inferiore ai 2.387 milioni di euro dell’anno precedente.

  • Nel 2006 le entrate totali crescono del 7,7 per cento mentre la loro incidenza sul Pil è pari al 46,1 per cento, con un incremento rispetto all’anno precedente (44,4 per cento).

  • La pressione fiscale complessiva rispetto al Pil aumenta in maniera significativa, dal 40,6 al 42,3 per cento (Prospetto 5). Le principali componenti del prelievo fiscale hanno evidenziato dinamiche piuttosto accentuate: le imposte dirette aumentano del 12,4 per cento, quelle indirette del 7,8 per cento e i contributi sociali effettivi del 4,7 per cento. L’apporto delle imposte in conto capitale, che hanno risentito del venir meno del gettito legato alle sanatorie fiscali, si è ulteriormente ridotto risultando pari allo 0,03 per cento delle entrate complessive.

  • L’incidenza del prelievo fiscale e parafiscale dell’Italia risulta inferiore a quella di Francia (46,1 per cento), Belgio (46,6 per cento), Austria (43,2 per cento) oltre che dei Paesi scandinavi, i cui più evoluti sistemi di welfare hanno storicamente richiesto un maggiore ricorso alla fiscalità generale (Prospetto 6). Infatti Svezia e Danimarca presentano il valore più elevato della pressione fiscale (rispettivamente 50,2 e 49,5 per cento); i valori più bassi si riscontrano, nell’ordine, in Romania (27,5 per cento), Slovacchia (29,5 per cento), Lituania (29,7 per cento), Lettonia (30,1 per cento), Estonia (31,1 per cento).

     


    STUDI SETTORE : i dati 2005
    a cui sono stati applicati i criteri di “congruità” e “normalità” effettuati dal ministero dell’Economia sui redditi del 2005: C’è una robustissima evasione

     

    Gli studi di settore, che interessano circa 3 milioni di contribuenti, vengono utlizzati, d’accordo con le categorie interessate, per cercare di risalire ai ricavi dei singoli contribuenti. Sono realizzati attraverso una complessa raccolta di informazioni statistiche e tengono conto non solo dei dati contabili ma anche di quelli strumentali.  Nell’ultima finanziaria, per cercare di ridurre il fenomeno della sovrastima dei costi da parte dei contribuenti, sono stati introdotti altri indicatori per riuscire a individuare voci di costo di bilancio non logiche rispetto all’attività.

     

    Il 53,8%  dei lavoratori autonomi e delle piccole imprese sottoposte agli Studi di Settore  sono cd contribuenti “incongruenti”, ” non e’ in linea con questi indicatori e sono 1.407.000 dei quasi 3 milioni di operatori interessati dagli Studi di settore” SOTTO LIMITI: dichiara ricavi per 193.600 euro ma poi alla prova dei fatti denuncia al Fisco un reddito imponibile, i loro redditi d’impresa, al netto dei costi, su cui pagare le tasse, di 10.500 euro , ossia 875 euro al mese, troppo basso che vale solo il 5,4 per cento dei loro ricavi annuali che loro stessi dichiarano; A questi contribuenti Visco chiede loro “solo di versare 100-200 euro in più di tasse evase; Mediamente quindi gli “incongruenti” dicono di ritrovarsi con 35,3 mila euro l’anno di reddito d’impresa in meno dei loro colleghi “congruenti”. Una cifra non da poco.

    I contribuenti “in linea”. I contribuenti lavoratori autonomi e le piccole imprese “in linea” con i calcoli del fisco sono invece 1 milione e 30 mila il 39,4% del totale e dichiarano un fatturato pari a 362,5 mila euro, e mediamente un reddito imponibile di 45.800 euro, che vale il 12,6 per cento del “giro di affari” della loro attività.

    I dati, diffusi indicano anche il numero dei contribuenti “marginali” (6,8%) che dichiarano 8.900 euro in media ma ai quali non vengono applicati gli studi di settore proprio a causa delle loro caratteristiche peculiari

    E quanto ai controlli “almeno 500 mila controlli

     

     

     

     

     

     

     

    BREVE SUNTO: ATTIVITA’ – CONGRUI REDDITO  – NON CONGRUI REDDITO

     

     

     

    -meccanici auto e moto 36.900 11.800

     

    -gioiellerie 34.300 11.600

     

    -Commercio oggetti d’arte e bigiotteria 32.800  5.500

     

    -Commercio e riparazione di orologi e gioielli 34.300 11.600
    -farmacie 148.600 86.700

     

    -Laboratori di analisi cliniche e ambulatori  88.700  16.300
    -autosalone e noleggio 41.400 1.800

     

    -ristoranti 31.800 9.700

     

    -bar, gelaterie 26.600 10.900

     

    -pasticcerie 33.300 11.500

     

    -stabilimenti balneari 24.600 7.100

     

    – i proprietari di sale gioco 58.100  2.000

     

    -discoteche 24.300 -18.700

     

    -istituti bellezza 15.400 3.600

     

    -barbieri e parrucchieri 18.900 8.800

     

    -centri benessere 36.100 -11.400

     

    -Trasporto con taxi  15.500  10.700

     

    -Installazione di impianti elettrici e di impianti idraulico-sanitari  42.200 17.700

     

    -lavanderie 23.800 6.600

     

    -alimentari 30.800 11.100

     

    -macellai 23.700 10.700

     

     

     

    -ingrosso frutta 40.500 11.100

     

    -fruttivendoli 21.200 12.100

     

    -pescherie 22.800 9.900

     

    -surgelati 22.400 7.100

     

    -profumerie 28.800 6.600

     

    -fabbricazione infissi 35.600 14.000

     

    -pelliccerie 32.600 6.200

     

    -vendita barche 40.000 5.500

     

    -falegnami 51.900 12.500

     

    -sarti 24.000 4.800

     

    -calzolai 14.400 5.300

     

    -laboratori fotografici 27.000 5.200

     

    -agenzie viaggio 32.900 1.700

     

    -centri sportivi 18.600 -7.500

     

    -autoscuole 39.200 13.400

     

    -mercerie 18.600 6.000

     

    -librerie 27.100 7.200

     

    -fiorai 22.200 9.000

     

    -negozi per animali 22.100 6.300

     

     

     

     

     

    Tassisti senza taxi, un’immagine quasi paradossale dell’attività di questi contribuenti. Almeno 100 mila sono infatti quelli che hanno dichiarato di svolgere l’attività pur senza possedere i beni strumentali caratteristici. Così si trovano, per il periodo di imposta del 2005, a non essere in possesso di beni strumentali 137 tassisti, 360 laboratori di analisi cliniche, 480 farmacie, 555 lavanderie, 3.329 ristoranti e 5.139 installatori di impianti elettrici ed idraulici

     

     

     

     

     

    STUDI DI SETTORE 2005

     

    LETTURA COLONNE:

     

     

     

    1- SETTORE –
    2 – NUMERO SOGGETTI NON MARGINALI –
    3 – (CONGRUI E NORMALI)  RICAVI TOTALI (MEDIA IN MIGLIAIA DI EURO) –
    4 – (CONGRUI E NORMALI)  REDDITO D’IMPRESA (MEDIA IN MIGLIAIA DI EURO) –
    5 – (NON CONGRUI E/O NON NORMALI) RICAVI TOTALI (MEDIA IN MIGLIAIA DI EURO) –
    6 – (NON CONGRUI E/O NON NORMALI) REDDITO D’IMPRESA (MEDIA IN MIGLIAIA DI EURO)

     

     

     

    COMMERCIO

     

     

     

    Commercio e riparazione di orologi e gioielli 18.993  275,2  34,3  126,1  11,6
    al dettaglio di alimentari 63.356  514,4  30,8  261,5  11,1
    al dettaglio di carni 27.776  220,7  23,7  134,8  10,7
    al dettaglio ambulante di alimentari e bevande 27.070  151,1  21,7  103,9 12,3
    al dettaglio ambulante articoli tessili per la casa articoli di abbigliamento 28.310  82,4  18,2  50,2  9,6
    al dettaglio ambulante di mobili ed altri articoli n.c.a. 19.368  93,4  18,7  56,5  9,1
    al dettaglio ambulante di calzature e pelletterie 4.880  77,7  17,8  36,5  8,2
    al dettaglio di giornali, riviste e periodici 16.344  93,2  28,6  91,4  17,6
    al dettaglio di giochi e articoli sportivi 13.504  372,9  29,8  153,8  7,5
    al dettaglio di materiale per ottica, fotografia, cinematografia, 9.646  246,5  42,1  138,0  14,1
    al dettaglio di articoli di profumeria e per l’igiene personale 9.375  364,8  28,8  130,6  6,6
    al dettaglio di articoli di cartoleria di cancelleria e forniture per ufficio 10.906  227,2  25,6  92,9  7,0
    al dettaglio di frutta e verdura 14.837  161,0  21,2  106,6  12,1
    al dettaglio di pesci crostacei e molluschi  4.842  228,4  22,8  128,8  9,9
    al dettaglio di mobili articoli in legno sughero vimini e plastica  16.550  589,1  38,1  276,0  8,6
    al dettaglio di fiori e piante  14.444  123,6  22,2  57,8  9,0
    al dettaglio attrezzature agricole e per il giardinaggio  6.044  487,6  33,9  254,8  14,0
    al dettaglio macchine e attrezzature per ufficio  5.526  502,1  29,5  247,5  6,8
    al dettaglio di piccoli animali domestici 1.933  182,1  22,1  79,1  6,3
    all’ingrosso di prodotti alimentari 11.539  1.079,9  49,6  603,9  12,6
    all’ingrosso di saponi, detersivi, profumi e cosmetici  3.213  708,1  53,4  441,9  12,0
    all’ingrosso e al dettaglio di ferramenta costruzione, piastrelle, 38.294  910,3  56,7  439,7  15,5
    Commercio elettrodomestici e casalinghi 32.652  422,6  30,4  196,7  7,3
    Commercio di autoveicoli 10.080  1.341,0  41,4  761,4  1,8
    Farmacie 14.806  1.241,5  148,6  1.031,4  86,7

     

     

     

    SERVIZI

     

    Manutenzione e riparazione di autoveicoli motocicli e ciclomotori  72.197 239,8 36,9 113,8 11,8
    Trasporto con taxi  17.158 36,3 15,5 26,9 10,7
    Installazione di impianti elettrici e di impianti idraulico-sanitari  131.634 272,0 42,2 157,5 17,7
    Laboratori e Studi fotografici  10.195 108,4 27,0 54,5 5,2
    Servizi di ristorazione  73.205 260,6 31,8 154,1 9,7
    Bar caffè gelaterie  91.114 136,1 26,6 90,9 10,9
    Servizi degli istituti di bellezza  16.847 69,0 15,4 40,2 3,6
    Servizi dei saloni di barbiere e parrucchiere  80.164 56,3 18,9 34,9 8,8
    Esercizi alberghieri, affittacamere e case per vacanze  28.345 454,2 43,0 265,7 -1,6
    Agenzie di mediazione immobiliare  24.135 114,5 37,1 50,0 9,3
    Locazione, valorizzazione, compravendita di beni immobili propri  137.061 253,1 64,9 91,5 5,3
    Intonacatura rivestimento tinteggiatura ed altri lavori edili  163.670 136,4 29,7 73,3 14,8
    Servizi di pompe funebri e attività connesse  4.375 258,6 54,9 174,4 26,2
    Stabilimenti balneari  5.140 132,7 24,6 76,8 7,1
    Intermediari del commercio di alimentari, bevande, tabacco  31.890 69,7 35,7 38,0 13,2
    Intermediari del commercio di prodotti vari  112.257 80,7 41,4 38,8 12,5
    Intermediari del commercio di macchinari, impianti industriali, navi ecc. 7.760 113,5 53,2 72,2 15,9
    Software house e riparazione macchine per ufficio  50.532 294,8 47,5 195,2 7,4
    Lavanderie industriali a secco e tintorie  15.979 139,2 23,8 63,3 6,6
    Trasporto di merci su strada  81.387 293,2 30,0 228,0 4,8
    Costruzioni  179.826 541,7 50,9 251,5 10,9
    Servizi di pulizia  18.127 185,5 36,5 184,6 11,6 
    Consulenza finanziaria, gestionale commerciali  8.399 267,4 66,7 127,0 5,7
    Autoscuole, scuole di pilotaggio e nautiche, richiesta certificati 9.102 148,9 39,2 76,0 13,4

     

     

     

    INDUSTRIA

     

    Fabbricazione e riparazione di macchine ed attrezzature per ufficio 16.967 467,8 58,9 323,1 12,1
    Laboratori di analisi cliniche e ambulatori 4.827 571,9 88,7 345,9 16,3
    Esercizio della pesca 5.343 138,0 13,1 78,4 -3,7
    Intermediari delle assicurazioni 37.647 212,3 58,6 87,3 17,0
    Produzioni e distribuzioni cinematografiche e di video, attività radiotelevisive 4.154 537,5 60,1 197,7 -6,2
    Centri benessere e stabilimenti termali 1.679 332,6 36,1 90,2 -11,4
    Commercio all’ingrosso di macchine e attrezzature per ufficio 5.433 731,3 45,9 505,4 9,6
    Vendita al dettaglio di carburanti per autotrazione 16.931 192,6 40,1 467,3 14,1
    Commercio al dettaglio di prodotti del tabacco 24.529 69,6 47,7 37,0 39,2
    Fabbricazione e commercio di prodotti di pasticceria 14.184 253,7 33,3 136,0 11,5
    Segagione frantumazione e lavorazione artistica del marmo e pietre affini 8.307 522,7 48,5 303,6 11,7
    Confezione ed accessori per abbigliamento 25.332 448,9 40,7 278,0 -0,8
    Fabbricazione di mobili poltrone e divani porte e finestre in legno 45.509 393,4 40,4 227,0 10,3
    Lavorazione del legno 5.968 608,4 51,9 381,0 12,5
    Fabbricazione e commercio al dettaglio di prodotti di panetteria 23.381 223,6 36,9 146,5 17,2
    Fabbricazione porte e finestre in metallo 18.876 318,1 35,6 214,9 14,0
    Fabbricazione e lavorazione dei prodotti in metallo 34.363 663,4 74,0 518,4 19,8
    Fabbricazione, lavorazione e trasformazione del vetro 4.062 483,0 46,2 280,3 8,2
    Meccanica pesante 50.358 672,6 79,4 584,2 21,9
    Fabbricazione di protesi dentarie 14.912 80,1 29,5 40,0 15,3
    Editoria, stampa ed attività dei servizi connessi alla stampa 19.688 516,1 56,8 346,6 9,2
     Fabbricazione e riparazione di macchine ed attrezzature per ufficio 16.967 467,8 58,9 323,1 12,1
    Laboratori di analisi cliniche e ambulatori 4.827 571,9 88,7 345,9 16,3
    Esercizio della pesca 5.343 138,0 13,1 78,4 -3,7
    Intermediari delle assicurazioni 37.647 212,3 58,6 87,3 17,0
    Produzioni e distribuzioni cinematografiche e di video, attività radiotelevisive 4.154 537,5 60,1 197,7 -6,2
    Centri benessere e stabilimenti termali 1.679 332,6 36,1 90,2 -11,4
    Commercio all’ingrosso di macchine e attrezzature per ufficio 5.433 731,3 45,9 505,4 9,6
    Vendita al dettaglio di carburanti per autotrazione 16.931 192,6 40,1 467,3 14,1
    Commercio al dettaglio di prodotti del tabacco 24.529 69,6 47,7 37,0 39,2
    Fabbricazione e commercio di prodotti di pasticceria 14.184 253,7 33,3 136,0 11,5
    Segagione frantumazione e lavorazione artistica del marmo e pietre affini 8.307 522,7 48,5 303,6 11,7
    Confezione ed accessori per abbigliamento 25.332 448,9 40,7 278,0 -0,8
    Fabbricazione di mobili poltrone e divani porte e finestre in legno 45.509 393,4 40,4 227,0 10,3
    Lavorazione del legno 5.968 608,4 51,9 381,0 12,5
    Fabbricazione e commercio al dettaglio di prodotti di panetteria 23.381 223,6 36,9 146,5 17,2
    Fabbricazione porte e finestre in metallo 18.876 318,1 35,6 214,9 14,0
    Fabbricazione e lavorazione dei prodotti in metallo 34.363 663,4 74,0 518,4 19,8
    Fabbricazione, lavorazione e trasformazione del vetro 4.062 483,0 46,2 280,3 8,2
    Meccanica pesante 50.358 672,6 79,4 584,2 21,9
    Fabbricazione di protesi dentarie 14.912 80,1 29,5 40,0 15,3
    Editoria, stampa ed attività dei servizi connessi alla stampa 19.688 516,1 56,8 346,6 9,2

     


     

     

Click here:[url=http://www.mef.gov.it/documentazione/documenti

_finanza_pubblica/rel_uni/RELAZIONE%20UNIFICATA%20SU%

20ECONOMIA%20E%20FINANZA%20PUBBLICA.pdf]

link-Relazione unificata Economia / Previsioni Pil [/url]

 

Some of My articles

http://blogsearch.google.com/

https://wallstreetrack.wordpress.com/

Tag: 1_finanza_analisi Macro
http://wordpress.com/tag/1_finanza_analisi-macro/
Tag: 2_Finanza_Bulls & Bears 
http://wordpress.com/tag/2_finanza_bulls-bears/
Tag: 3_il Risparmio Tradito
http://wordpress.com/tag/3_il-risparmio-tradito/
Tag: 4_Debito & Evasione 
http://wordpress.com/tag/4_debito-evasione/
Tag: E_Lavoro & Pensioni 
http://wordpress.com/tag/e_lavoro-pensioni/
Tag: 6_giustizia Ed Etica
http://wordpress.com/tag/6_giustizia-ed-etica/
Tag: 7_politica Ed Etica
http://wordpress.com/tag/7_politica-ed-etica/
Tag: 8_Sanita’ ed Etica
http://wordpress.com/tag/8_sanita-ed-etica/
Tag: 9_Libera Informazione 
http://wordpress.com/tag/9_libera-informazione/
Tag: A_Tutela degli animali 
http://wordpress.com/tag/a_tutela-degli-animali/
Tag: B_Tutela dell’Ambiente
http://wordpress.com/tag/b_tutela-dellambiente/

 

 

 

Ecco i veri problemi del Paese che questa classe politica dirigente nel suo totale non vuole affrontare

 

DECLINO ITALIA SENZA SPERANZA…CI VORREBBE UN AZZERAMENTO TOTALE DI TUTTA LA DIRIGENZA POLITICA

La classe politica dirigente nel suo totale ha troppo spesso dimostrato di avere un proprio tornaconto personale, i conflitti d’interesse sono all’ordine del giorno, la mancanza d’etica, trasparenza e meritocrazia pure.

Nella migliore delle ipotesi abbiamo una classe politica che e’ proprio ignorante, nel senso vero del termine, che ignora la cultura e la preparazione, ed e’ inetta ed incapace-

 

 

 

Giustizia

 

 

 

 

 

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/02/01/rapporto-delleurispes-2007-italia-giustizia-al-collasso/]link-Rpporto Eurispes – Giustizia italia al collasso  [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/02/23/processi-lenti-e-non-sempre-chiari-who-judges-the-judges/]link-Giustizia Civile e Fallimentare e la dolosa lentezza dei processi[/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/03/07/giustizia-e-la-riforma-dellordinamento-giudiziario-ecco-i-veri-problemi/]link-Giustizia Civile e Fallimentare e la dolosa lentezza dei processi[/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/03/10/giustizia-e-la-riforma-dell%e2%80%99ordinamento-giudiziario-ecco-i-veri-problemi-parte-seconda/]link-Giustizia Civile e Fallimentare e la dolosa lentezza dei processi – Parte 2 – La riforma dell’Ordinamento Giudiziario e’ indecente [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/03/15/i-costi-dellevasione-della-inefficienza-della-pa-e-della-corruzione-tra-la-politica-e-le-lobbies-criminalita/]link-Costi dell’evasione, della inefficienza della P.A. e della corruzione tra la Politica e le lobbies-criminalita’ [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/06/05/stipendi-pubblici-ai-magistrati-gli-aumenti-piu-vistosi/]link-RETRIBUZIONI DEI MAGISTRATI [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/01/30/indicatori-internazionali-quadro-generale/]link-La corruzione fuori dall’agenda politica – Indicatori Internazionali – Quadro generale [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/10/09/litalia-tra-i-peggiori-paesi-al-mondo-per-la-corruzione-anche-nellexport-bribe-payers-index-bpi-2006/]link-La corruzione fuori dall’agenda politica – Indicatori Internazionali [/url]

 

 

 

L’Evasione Fiscale ed i suoi Costi

La Corruzione tra le Lobbies, la Politica, la PA e la Criminalita’

Debito Pubblico e Declino Italia

I Costi della Politica e la sua mancanza d’Etica

L’enorme Spesa i fannulloni e l’ inefficienza della PA

Pubblici Dipendenti Fannulloni Sindacati e l’ inefficienza della PA

 

 

2007

 

 

 

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/03/03/levasione-fiscale-causa-primaria-dellaumento-della-spesa-della-pa-e-della-pressione-fiscale/]link-Spesa PA e L’Evasione Fiscale[/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/03/15/i-costi-dellevasione-della-inefficienza-della-pa-e-della-corruzione-tra-la-politica-e-le-lobbies-criminalita/]link-Costi dell’evasione, della inefficienza della P.A. e della corruzione tra la Politica e le lobbies-criminalita’ [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/04/07/addio-tesoretto-i-sindacati-ed-i-pubblici-dipendentila-piu-cancerogena-delle-corporazione/]link-I Sindacati ed i pubblici dipendenti….la piu’ cancerogena delle corporazioni! Addio tesoretto [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/05/03/cosi-la-pubblica-amministrazione-getta-i-soldi-on-line/]link-Così la pubblica amministrazione “ruba” e getta i soldi [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/04/12/pensioni-dei-parlamentari-e%e2%80%99-uno-schifo-reset/]link-Pensioni dei Parlamentari [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/06/10/stipendi-dei-parlamentari-e-uno-schifo-reset/]link-Stipendi dei Parlamentari [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/09/24/la-casta-predica-bene-ma-razzola-malissimo/]link-La Casta predica bene ma razzola malissimo [/url]

 

 

 

L’Evasione Fiscale ed i suoi Costi

La Corruzione tra le Lobbies, la Politica, la PA e la Criminalita’

Debito Pubblico e Declino Italia

I Costi della Politica e la sua mancanza d’Etica

L’enorme Spesa i fannulloni e l’ inefficienza della PA

Pubblici Dipendenti Fannulloni Sindacati e l’ inefficienza della PA

 

 

2006

 

 

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/08/30/lenorme-buco-del-debito-pubblico-italiano-di-cosa-si-tratta-e-di-chi-e-la-responsabilita-primaria/]link-Debito Pubblico – Spesa PA esorbitante – Pubblici Dipendenti in eccesso – Declino Italia – Parte 1 [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/09/29/185/]link-Declino Italia – Italia un paese alla deriva Istituzionale e Dirigenziale [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/10/03/litalia-in-mano-a-bertinotti-ed-ai-sindacati-e-soltanto-apparentemente-diversa-non-anche-migliore-di-quella-di-berlusconi/]link-Sindacati e Bertinotti Italia [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/10/19/crollo-dei-consensi-per-il-governo-18-in-3-mesi-e-intanto-le-agenzie-di-valutazione-finanziaria-declassano-litalia/]link-L’assenza di ogni valore della politica – Parte 1 [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/10/20/italia-debito-pubblico-rating-problema-dei-dipendenti-pubblici-e-degli-enti-inutili-ovvero-della-spesa-della-pa/]link-Debito Pubblico – Spesa PA esorbitante – Pubblici Dipendenti in eccesso – Declino Italia Parte 2 [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/10/24/perche-litalia-bilanci-alla-mano-e-un-paese-allo-sbando/]link-Debito Pubblico – Spesa PA esorbitante – Pubblici Dipendenti in eccesso – Declino Italia Parte 3 [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/12/06/il-declino-dellitalia-che-viaggia-con-il-ciuccio-e-la-scoppola/]link-Declino Italia – L’assenza di ogni valore della politica – Parametri internazionali [/url]

Click here:  [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/12/17/in-italia-abbiamo-una-grossa-fetta-della-classe-politica-allo-sbaraglio-e-cieca-con-o-senza-connivenza/]link-L’assenza di ogni valore della politica – Parte 2 [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/12/20/the-governments-policy-is-missingits-coming-soon-like-one-of-our-tourism-portal-web/]link-Conflitto Interessi – L’assenza di ogni valore della politica – Parte 3 [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/12/21/i-5-simboli-del-doloso-sottosviluppo-italiano-la-politica-tutta-o-quasi-i-sindacati-la-chiesa-l%e2%80%99informazione-e-alcuni-giudici-di-alcuni-tribunali-fallimentari-e-civili-in-uno-con-i-lo/]link-I 5 simboli del doloso sottosviluppo Italiano: su tutti la Chiesa! Declino Italia [/url]

 

 

 

 

 

L’etica in politica e in finanza deve essere un must
17 agosto 2005

http://www.osservatoriosullalegalita.org/05/interventi/041eticapolitica.htm

Bancopoli : lettera ai politici del centrosinistra
09 gennaio 2006

http://www.osservatoriosullalegalita.org/06/acom/01gen1/0955marcobancopoli.htm

E ora le priorita’ : legalita’ competitivita’ e conflitto d’interessi
25 aprile 2006

http://www.osservatoriosullalegalita.org/06/interventi/04apr/24votopriorita.htm

Finanziaria : ma l’Italia necessita di etica e legalita’
23 ottobre 2006

http://www.osservatoriosullalegalita.org/06/acom/10ott3/2300marcofin.htm

Legge sul risparmio monca su alcuni aspetti fondamentali
21 dicembre 2005

http://www.osservatoriosullalegalita.org/05/acom/12dic3/2101marcorisparmio.htm

Il Risparmio dolosamente tradito dalla politica : la Class Action
25 maggio 2006

http://www.osservatoriosullalegalita.org/06/acom/09set3/2525marclassaction.htm

Class action : facile , veloce , gratuito
25 settembre 2006

http://www.osservatoriosullalegalita.org/06/docum/varie/010marcoclassaction.htm

U.S.: Le Lobbies contro la Legge che protegge i risparmiatori
31 ottobre 2006

http://www.osservatoriosullalegalita.org/06/acom/10ott3/3100marcousa.htm

Il Paese dei furbetti : crack , banche , finanziarie e vittime
18 dicembre 2005

http://www.osservatoriosullalegalita.org/05/inchieste/012marcomanipul2.htm

Crack in Italia e in America : sentenze e numeri a confronto
22 dicembre 2005

http://www.osservatoriosullalegalita.org/05/acom/12dic3/2244marcocrack.htm

Calciopoli , bancopoli , crack : Italia Argentina 1 a 1 ?
22 maggio 2006

http://www.osservatoriosullalegalita.org/06/acom/05mag3/2200marcofurbetti.htm

Index of economic freedom : Italia agli ultimi posti
17 gennaio 2007

http://www.osservatoriosullalegalita.org/07/acom/02gen2/1722marcomanipul.htm

Annunci

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: