Dollaro, Petrolio, Oro e Signoraggio del dollaro “Washington-consensus”

Dollaro, Petrolio, Oro e Signoraggio del dollaro “Washington-consensus”

 

Dollaro, Petrolio e Oro: Alcuni degli effetti del Signoraggio del dollaro conosciuto meglio come “Washington-consensus”

$/€ – €/$

1,4970

23  novembre 2007

DOLLARO_1963_FEDERAL RESERVE NOTE_1 dollar

DOLLAR_EURO DOLLARO

DOLLAR INDEX

 

 

Vedi anche:

 

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/08/30/il-signoraggio-del-dollaro-conosciuto-anche-come-washington-consensus-che-ha-aggravato-miseria-e-poverta/]link-Signoraggio [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/05/21/i-segreti-del-mercato-delloro-nero-prima-parte/]link- segreti del mercato dell’Oro Nero – Prima parte [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/10/29/i-segreti-del-mercato-delloro-nero-seconda-parte/]link- segreti del mercato dell’Oro Nero – Seconda parte [/url]

 

 

New York, NY – The dollar fell against all 16 of the most-active currencies, declining to the weakest versus the Canadian dollar since the end of a fixed exchange rate in 1950, a 26-year low against the pound and a 23-year low versus the Australian dollar. The New York Board of Trade’s dollar index  (U.S $ INDEX ) dropped to 75.077 today, November 7, 2007, the lowest since the gauge started in March 1973.

 

The dollar is down 10.2 percent so far this year (November 20, 2007) on a trade- weighted basis against six currencies including the euro and the yen. Over the same period, the U.S. currency is down 4.5 percent against China’s yuan.

 

The dollar’s decline has driven politicians including French President Nicolas Sarkozy to say exports from the $10 trillion euro-region economy may suffer as the euro gains. At the same time, the cheaper dollar has buoyed U.S. exports

 

 

$/€ – €/$

 

 

On November 23, 2007

€/$ 1.497

 

The U.S. dollar dropped to an all-time low since January 1999

 


 

 


November 23, 2007 –  $/€ — 0.6680  ($/€  -12.02%) —  €/$ –1.497  (€/$  +13.66%) – 2006 $/€  0.7593 €/$   1,3170) – On November 23, 2007 the dollar  €/$   dropped to 1.497 an all-time low since January 1999 (The euro debuted in January 1999 at about $1.17) since On November 21, 2007 the dollar dropped to 1.4870 since On November 20, 2007 the dollar  dropped to 1.4832 since On November 9, 2007 the dollar  dropped to 1.4752 and since On November 7, 2007 the dollar dropped to 1.4730 since On November 7, 2007 the dollar dropped to 1.4704 since On November 6, 2007 the dollar dropped to1.4570 since On November 2, the dollar dropped to 1.4528 since On october 31, dropped to 1.4504 and  since  on October 30 dropped to 1.444 and  since  on October 29 dropped to 1.44381 and  since  on October 26 dropped to  1.4397  since  on October 22 dropped to 1.4348  since  on October 18 dropped to  1.4319  since on October 18 dropped to  1.4310  since October 1, when it dropped to  1.4283 –  The previous minimum were 1,3987 set on september 18 2007 and  $1.3666  set Dec. 30, 2004 – Gli alchimisti dei grafici ricordano che la prossima soglia da sfondare è quella di 1,50 dollari. Il Fmi ha dichiarato di stimare il Dollaro al cambio di 1.5 e’ cmq sopravvalutato di circa il 20%, anche se non tutti i membri della ricerca sono concordi. The U.S. currency may weaken to between $1.48 and $1.50 against the euro by year-end. The dollar’s drop against the euro this year boosted the competitiveness of U.S. exports, helping shrink the nation’s trade deficit.
 
 

 

  • Il dollaro quando ancora l’euro non era una realtà aveva raggiunto nel 1992 i minimi a 1,4557 dollari sul cd euro ‘sintetico’,  l’ ECU, l’ allora unità di conto europea, vale a dire un valore teorico in grado di determinare i rapporti di cambio fra la futura divisa comune europea e le altre. Il record odierno a 1,4797 dollari è appunto storico in quanto ha superato i valori della valuta ‘sintetica’ del 1992 (the synthetic euro, a theoretical value that estimates where the currency would have traded before its inception ).

  • November 23, 2007 – The U.S. Dollar Index, The U.S $ INDEX New York Board of Trade’s Dollar Index measuring its value against the euro, yen, British pound, Canadian dollar, Swedish krona and Swiss franc, fell to 74.484 (-10.95% – The U.S. Dollar Index was at 83.65 in the 2006 ) – Year to Date  On November 23, 2007 The Fed’s dollar index dropped to 74.484 the lowest since the index started in March 1973 since On November 21, 2007 The Fed’s dollar index dropped to 74.916 and since On November 9, 2007 when dropped to 74.978 – Max at 85.43  on 01/26/07  

 

November 23, 2007 – €/$ 1.497  ( $/€  0.6680) – ( €/$  +13.66%)  ($/€  -12.02%) – 2006 €/$   1,317  $/€  0.7593  –  On November 23, 2007 The euro rose to 0,6680 per dollar or 1,497 dollar per euro  an all-time highest close – Dall’aprile del 2006 la valuta europea ha guadagnato sul biglietto verde  il 20.72%, passando dai circa 1,24 dollari dell’aprile 2006. The euro debuted in January 1999 at about $1.17.

 

November 7, 2007
U.S. Dollar in yen  112.60 the weakest since 1981
Yen in  U.S. Dollar $0,0088809

November 7, 2007
U.S. Dollar in British pounds  £0.4745   the weakest since 1981
British pound in  U.S. dollars $2.1072

November 7, 2007
U.S. Dollar in Canadian Dollar (CD$ 0,9054)  the weakest since 1950  ( dall’abbandono dei cambi fissi)
Canadian Dollar in U.S. Dollar $1,1044

November 7, 2007
U.S. Dollar in SWEDISH KRONA 6.26460  the weakest since 1981
SWEDISH KRONA in U.S. Dollar $0,15962

November 7, 2007
U.S. Dollar in SWISS FRANC (SF 1,1255)  the weakest since 1995 –
SWISS FRANC in U.S. Dollar $0,88849

November 7, 2007
October 29, 2007  U.S. Dollar in Australian dollar (AU$1,0637),  the weakest since 1984
Australian dollar in  U.S. dollaro $0,94005
 

November 7, 2007
U.S. Dollar in The Singapore dollar S$1.4331 a 10- year low
The Singapore dollar in  U.S. Dollar $0,69778

November 7, 2007
U.S. Dollar in Norwegian krone  5.2686 kroner
Norwegian krone in  U.S. Dollar  $0,1898

November 7, 2007
U.S. Dollar in  New Zealand’s dollar 1,2671
New Zealand’s dollar in  U.S. Dollar  $0,7892

November 7, 2007
U.S. Dollar in The China’s Yuan $/Y =7,4328
The China’s Yuan in U.S. Dollar Y/$= $0,13453

November 7, 2007 China’s Yuan Rises Most Since End of Dollar Link on Bank Signal (a 7,4328): Yuan Rises on Speculation China to Cut Trade Surplus: Nuovo record storico dello Yuan sul dollaro dal 21 luglio 2005, giorno della prima rivalutazione decisa dal Governo di Pechino, dopo che nel maggio 2006 aveva gia’ rotto la soglia psicologica di 8  Yuan per 1 dollaro. On November 7, 2007 The currency rose to 7,4328 per dollar the highest close, Y/$=  +9.11%  ( $/Y = -8.35% ), since the first day, after the end of a fixed exchange rate, in July 21 2005 when it roses to  8,11, and  the yuan brings its gains versus dollar to the highest close, Y/$=  +11.39%  ( $/Y = -10.23% ), since the day before the end of a fixed exchange rate in July 20 2005 when it was linked at 8,28  per dollar (quando era a cambio fisso con il dollaro); at  8,11 per dollaro il 21 luglio 2005 lo yuan fu’ infatti rivalutato subito  da 8,28 per dollaro del +2.09%, Y/$=  +2.09%  ( $/Y = -2.05% ), cambio fisso in vigore fino al giorno prima della sua rivalutazione, ovvero sino al 20 luglio 2005. The yuan has dropped -11%  on a trade-weighted basis after inflation in the past five years.

Sulla crisi di fiducia” per il biglietto verde”, in Cina ci vanno ancora più pesanti: Cheng Siwei, un esponente politico di spicco, e Xu Jian, un vice direttore della banca centrale cinese, han segnalato che il Paese intende diversificare le proprie riserve, che ammontano a 1.400 miliardi di dollari, perché il dollaro sta “perdendo il suo status di valuta mondiale”, e saltare cosi’ su altre divise. “Favoriremo valute più forti e ci regoleremo di conseguenza”.

Proprio dalla Cina (primo detentore mondiale di riserve valutarie ) è arrivato il colpo fatale che ha innescato nuovi ordini di vendite ai danni del biglietto verde: nei cinque mesi ad agosto gli investitori cinesi hanno ridotto del 5% le loro attività investite nei titoli di Stato americani, portandole a 400 miliardi di dollari (sul totale delle proprie riserve riferentisi sia ai treasuries e notes americani che alla divisa americana e che ammontano a qualcosa come 1.400 miliardi di dollari ). Chinese investors have reduced their holdings of U.S. Treasuries by 5 percent to $400 billion in the five months to August.

Senza la cooperazione di Cindia anche il terremoto valutario è difficile da affrontare. Il crollo del dollaro è il risultato di anni in cui l’America è vissuta al di sopra dei suoi mezzi, accumulando deficit commerciali verso l’Asia. Il peso dei debiti americani è la mina vagante che genera un’instabilità finanziaria mondiale. La banca centrale cinese è il più grosso creditore di Washington, con 1.500 miliardi di dollari di riserve investiti in larga parte in Treasuries and Note americani. Mentre cascano come birilli tutti i capi delle grandi banche americane travolti dagli scandali dei mutui subprime, la Federal Reserve deve curare il malato lasciando scivolare i tassi e il dollaro. Pechino ha adottato una tattica abile nel breve periodo, pericolosa nel lungo termine. Ha sganciato la sua moneta dalla parità fissa col dollaro, ma “pilota” il cambio in modo da rivalutarlo molto lentamente rispetto alla moneta Usa. Di conseguenza la valuta cinese e altre valute asiatiche di paesi satelliti si deprezzano quotidianamente rispetto all’euro. Tutto l’onere dell’aggiustamento del dollaro si scarica così sull’euro, amplificandone la forza e creando le premesse per altri squilibri. Da questa impasse non si esce finché ci si culla nell’illusione che il mondo sia ancora un condominio America-Europa.

China’s yuan has gained more than 10 percent since the central bank started managing the currency against a basket of currencies including the euro, yen, South Korea’s won and the British pound.

China on May 18 2007 said it would allow the yuan to trade by up to 0.5 percent against the dollar either side of the central bank’s daily fixing rate, up from 0.3 percent previously fixed. La Cina amplia allo 0,5% precedente la banda di oscillazione dello yuan nei confronti del dollaro, con effetto a partire dal 21 maggio, spiegando che la decisione di rendere piu’ flessibili le quotazioni dello yuan serve a favorire la competitivita’ delle imprese e a migliorare la gestione dei cambi. Gains will help temper the export-led expansion that has flooded the banking system with cash, raising concern about a stock market bubble in the world’s fastest-growing major economy. The nation’s trade surplus, which ballooned 74 percent last year 2006 to a record $177.5 billion, drove the country’s foreign- exchange reserves to an all-time-high of $1.2 trillion, making it difficult for the government to slow growth.

The yuan never moved the maximum permitted under the previous daily limit of 0.3 percent. The biggest move this year against the dollar was a 0.22 percent gain on May 11. China can and should move faster to allow market forces to determine” the yuan’s value

 

Si’ esiste…il signoraggio del dollaro, conosciuto anche come washington consensus, verso le monete asiatiche, sebbene sia un tacito accordo di reciproco interesse ed a scapito dell’area euro e dei paesi poveri, infatti le monete asiatiche sono agganciate ad una sorta di cambio fisso o appena oscillante in bande controllate  con il dollaro per poter avere garantite le esportazioni con costi competitivi rispetto tanto al dollaro che all’euro, ed al contempo consentire agli USA di esportare sia il loro debito commerciale sia l’inflazione

 

Soprattutto la Cina ha questo interesse, e solo recentemente ha rivalutato di un 10.2% circa la sua valuta (Yuan currency o Renminbi) verso il dollaro ma che rimane sottovalutata del 25% circa; e tutto questo perche’ agli USA fa comodo avere una moneta forte rispetto allo yuan visto che detengono la gran parte dei loro debiti, e debole verso l’euro.

DOLLARO, ANCHE GLI ARABI GIOCANO AL RIBASSO – Il Consiglio dei Paesi del Golfo comprende Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Qatar, Oman, Bahrain e Kuwait. Un gruppo di sei nazioni arabe ha dichiarato che prenderà in esame la possibilità di cambiare l’attuale parità fissa verso il Dollaro, in occasione dell’incontro del Gulf Cooperation Council del 3-4 dicembre. Gli Emirati Arabi Uniti ed il Qatar potrebbero essere i primi due Paesi del Golfo a rivalutare le loro monete, attualmente agganciate al dollaro. E’ quanto ha dichiarato all’ agenzia Bloomberg Omar Bin Sulaiman, a capo dell’ International Financial Centre di Dubai. I Paesi del Golfo sono infatti da tempo sotto pressione affinché mettano fine all’ ancoraggio delle rispettive divise a quella statunitense, la quale quest’ anno ha perso circa il 10% in particolare contro l’ euro. Nell’ intera regione il tasso d’ inflazione sta infatti accelerando ai massimi da circa cinque anni, causato anche dal dollaro debole, con la conseguenza che in particolare in Arabia Saudita i prezzi al consumo ad agosto sono saliti al livello-record del 4,9%. 

 

La banca centrale degli Emirati arabi uniti  – ha detto nei giorni scorsi il Sultano Nasser al-Suwaidi, governatore della banca centrale – ha inoltre esplicitato l’intenzione di spostare verso Euro circa il 10% delle proprie riserve che a marzo erano stimate in circa 35Mld$ e sta prendendo in considerazione la possibilità di legare il dirham ad un paniere di valute. Più defilata la posizione dell’ Arabia Saudita, in quanto il ministro delle Finanze Ibrahim al-Assaf ha detto ieri che il Paese non ha in programma una modifica dell’ attuale assetto del cambio.

 

 

Oil cost

November 21, 2007 

 

WTI on the New York Mercantile Exchange  was at  $99.29 per barrel

 

 Brent on the London Mercantile Exchange  was at $96.35 per barrel,

 

 

 

 

 

November 21, 2007: Nuovo record storico del prezzo del petrolio che, seppure brevemente, ha superato il tetto dei 99 dollari il barile sui mercati asiatici. Lo Sweet Light Crude americano ha fatto segnare un picco di $99,29 per barile; ieri a New York era arrivato a 98,03 dollari. Il precedente era stato toccato il 9 NOV a $98.62 per barrel, il 6 NOV a $96.44 per barrel,  il 31 OTT a $94.53 per barrel , il 29 OTT a $93.8 per barrel ed  il 19 OTT a $90.02 per barrel e il 16 OTT a $89,78 (Il precedente era stato toccato a New York il 12 OTT a $86,38) e stracciando il record di 78,40 dollari toccato nel luglio del 2006.  Nuovo record per il petrolio a causa delle tensioni che potrebbero portare ad un’invasione della Turchia nel Nord Iraq, un paese che detiene le terze maggiori riserve petrolifere mondiali dopo Arabia Saudita e Iran. A gennaio 2007 per un barile di greggio erano necessari sui 56 dollari al barile. Nel 2008, secondo alcuni economisti, il barile potrebbe raggiungere i 100 dollari. A $88.00 a barrel just cut economic growth by -1 percent . When the economy is creating 200,000 new jobs a month, the U.S. can tolerate $65 to $70 a barrel oil, but at  $95 a barrel the economy should create about 300,000 new jobs a month

 

 

  • A $99.29 per barrel e’ il record di tutti i tempi, anche se raffrontato al precedente recordo nel 1980 (inflation-adjusted, average monthly price that U.S. refiners paid for imported crude oil) quando tocco’ $79,1, $87 a barrel in real terms, stripping out inflation  e nel 1981 ($78,9) dopo la rivoluzione Iraniana del 1979. 

 

 

November 21, 2007: A Londra, record intraday del Brent del Mare del Nord – il greggio di riferimento europeo – I futures a dicembre han fatto segnare un record storico ( e’ la prima volta nella sua storia, mai toccato dal 1988 quando i futures hanno iniziato le contrattazioni) a $96,35, ben al di sopra del primato registrato ieri di  $95.49 per barrel. Il precedente era stato toccato il 5 NOV a $92.31 per barrel. 

 

 

 

 

PETROLIO: 2007 ANNO NERO, MAI COSI’ CARO DA SHOCK ’80

 

Soltanto nell’ultimo anno il greggio sui mercati internazionali ha messo a segno un rincaro di oltre il 65%, superando anche i livelli dei grandi shock petroliferi degli anni ’80, gli anni dell’Austerity che videro gli italiani costretti in bicicletta (nel 1980  un barile di greggio al netto dell’inflazione si attestò in media d’anno quota 36 dollari al barile che attualizzato ai corsi odierni della moneta (indicizzato cioé all’inflazione) equivarrebbero a 78-79 dollari ).

L’oro nero mette così a segno un rialzo di quasi 42 dollari un rincaro intorno all’85% negli ultimi tre anni rispetto alla quotazione attuale di 92 dollari: nell’estate del 2004 il greggio era infatti intorno ai 49 dollari. pari cioé a quasi un raddoppio delle quotazioni.

Nel 2003 il petrolio valeva 30 dollari al barile, per raggiungere i 40 nel 2004, i 70 nel 2005, e gli 80 nel settembre 2007

L’aumento del prezzo del greggio e’ tollerabile quando originato da una crescita della domanda o da un’accelerazione dell’economia; nel caso in cui sia legato ad una riduzione delle scorte, allora diventa preoccupante. 

Ma se il petrolio salisse a 100 dollari? A questo punto ci sarebbero gravi problemi. Bisogna evitare in tutti i modi di arrivarci. Il fatto è che mentre la domanda di energia cresce, l’offerta non si sviluppa in analoga misura perché gli investimenti nella ricerca degli idrocarburi ristagnano, fra nazionalismi, guerre, disarmi ingenui, gelosie internazionali. E ci si trastulla con le energie verdi, mentre soltanto un massiccio programma elettronucleare e un coraggioso rilancio del carbone possono risolvere il problema.

 

Se il greggio dovesse mantenersi nell’ultimo scorcio del 2007 sui livelli attuali, sopra ai 90 dollari, quest’anno il conto petrolifero annuale si chiuderebbe con una media a 68,35 dollari al barile, il livello cioé più alto dall’inizio degli anni ’80:

 

  • 2007 Oil cost was $68,35  a barrel (media delle quotazioni petrolifere ipotizzate a fine anno) +8.66% from  $62,9 at the close in 2006.

  • 2006 Oil cost was $62,9  a barrel (media delle quotazioni petrolifere a fine anno) +19.12% from  $52,8 at the close in 2005.

  • 2005 $52,8  a barrel (media delle quotazioni petrolifere a fine anno)+36.78 percent from  $38,6 at the close in 2004

  • 2004  $38,6  a barrel +25.73% from 2003

  • 2003 30,7

  • 2002 26,7

  • 2001 26,5

  • 2000 32,0

  • 1999 20,2

  • 1998 14,8

  • 1997 23,0

 

Tre miliardi e mezzo di cinesi e indiani ci contendono le risorse naturali

Il petrolio schizza a 100 dollari il barile, la valuta americana precipita in una débacle vertiginosa: è il futuro che ci arriva addosso come una locomotiva impazzita. Il futuro appartiene a Cindia, e la rapidità con cui lo sviluppo asiatico cambia il pianeta impone scelte urgenti.

Proprio mentre la compagnia petrolifera cinese PetroChina diventa la regina mondiale delle Borse, con una capitalizzazione superiore ai big americani Exxon e General Electric messi insieme, l’Agenzia internazionale per l’energia (Aie) pubblica un rapporto allarmante sul peso di Cindia nella crisi energetica. L’Aie ci avverte che entro il 2030, cioè in soli 23 anni, i cinesi avranno sette volte più automobili di oggi (270 milioni), il loro consumo di energia sarà più che raddoppiato. Già fra tre anni la Cina avrà superato gli Stati Uniti per il consumo di petrolio: appena due anni fa, la domanda americana era ancora superiore di un terzo. L’India segue dappresso la Cina, la sua domanda di energia sarà più che raddoppiata entro il 2030, e la maggior parte di quel fabbisogno aggiuntivo dovrà essere importato. A causa di Cina e India, “i giganti emergenti dell’economia mondiale e dei mercati internazionali dell’energia”, l’Aie ci avverte che i consumi di petrolio, gas e carbone in un ventennio cresceranno oltre il 50% rispetto ai livelli odierni. Se la situazione di oggi è così tesa da sospingere il greggio a 100 dollari il barile, quanto spenderemo nei prossimi anni per continuare a usare l’automobile? I paesi petroliferi dovranno aumentare la produzione a 116 milioni di barili al giorno entro il 2030, cioè 32 milioni di barili in più. A quella data, sostiene l’Aie, il prezzo nominale del greggio potrebbe toccare i 159 dollari. Ma esisteranno ancora riserve sufficienti? A quale costo di estrazione? Già oggi una delle cause del caro-petrolio è la carenza di infrastrutture per estrarre, trasportare e raffinare “l’oro nero”. Per rispondere alla spaventosa impennata dei consumi mondiali bisogna investire altri 22 mila miliardi di dollari nelle infrastrutture per l’approvvigionamento: tutti costi che verranno scaricati sull’utente finale, il consumatore.

Secondo l’Aie se non saranno prese misure per frenare i consumi, le emissioni di gas effetto serra potrebbero aumentare del 57% entro il 2030 (+1,8% all’anno) riscaldando così il clima di almeno il 3%. Secondo il documento pubblicato oggi a Parigi dall’agenzia che cura gli interessi energetici dei paesi industrializzati dell’Ocse, la domanda di petrolio, che resterà di gran lunga la principale fonte di energia per i prossimi 25 anni, balzerà dagli 84 milioni di barili al giorno a 116 mbg. Il forte incremento della domanda sarà concentrato al 74% nei paesi in via di sviluppo, di cui il 45% per la Cina e e l’India. L’Aie è però moderatamente ottimista sull’evoluzione del prezzo del petrolio che prevede attestarsi ai 159 dollari nominali a barile nel 2030, cioé circa 62 dollari di oggi una volta sottratta l’inflazione. A patto però, avverte l’Aie, che vengano effettuati investimenti da 22.000 miliardi di dollari. Altrimenti, precisa, una crisi energetica accompagnata da una fiammata dei prezzi del greggio è sempre possibile. Quanto alle conseguenze sul clima, se le misure ‘verdi’ attualmente prese in considerazione nel mondo saranno applicate, l’aumento delle emissioni di gas a effetto serra potrebbe essere limitate all’1% annuo invece dell’1,8%. Si tratta però dello scenario più ottimista dell’Aie. Se nessun provvedimento sarà preso la Cina rimarrà di gran lunga il paese che emette più CO2, davanti agli Stati Uniti, India (a partire del 2015) e poi Russia e Giappone. Nel suo documento l’Aie ribadisce che la misura più efficace è quella del risparmio di energia

Dietro al comportamento isterico dei mercati ci sono interessi potenti in azione, hedge fund e finanza derivata scommettono sull’instabilità, capitali speculativi amplificano il rincaro petrolifero e il ribasso del dollaro. Ma la speculazione opera sulla base di uno scenario reale: tre miliardi e mezzo di cinesi indiani e altri popoli asiatici ci contendono le risorse naturali sempre più scarse; le riserve petrolifere mondiali sono sotto una pressione inaudita; l’effetto economico è brutale, l’impatto sull’ambiente è pauroso.

Senza la cooperazione di Cindia anche il terremoto valutario è difficile da affrontare. Il crollo del dollaro è il risultato di anni in cui l’America è vissuta al di sopra dei suoi mezzi, accumulando deficit commerciali verso l’Asia. Il peso dei debiti americani è la mina vagante che genera un’instabilità finanziaria mondiale. La banca centrale cinese è il più grosso creditore di Washington, con 1.500 miliardi di dollari di riserve investiti in larga parte in Treasuries and Note americani. Mentre cascano come birilli tutti i capi delle grandi banche americane travolti dagli scandali dei mutui subprime, la Federal Reserve deve curare il malato lasciando scivolare i tassi e il dollaro. Pechino ha adottato una tattica abile nel breve periodo, pericolosa nel lungo termine. Ha sganciato la sua moneta dalla parità fissa col dollaro, ma “pilota” il cambio in modo da rivalutarlo molto lentamente rispetto alla moneta Usa. Di conseguenza la valuta cinese e altre valute asiatiche di paesi satelliti si deprezzano quotidianamente rispetto all’euro. Tutto l’onere dell’aggiustamento del dollaro si scarica così sull’euro, amplificandone la forza e creando le premesse per altri squilibri. Da questa impasse non si esce finché ci si culla nell’illusione che il mondo sia ancora un condominio America-Europa.

 

 

Oro

 

November 7, 2007

 

Sul Comex a New York re a $826.400 all’oncia
A Londra, a $841,75 l’ oncia
 Sui mercati asiatici a $836,33 all’oncia

 

 

November 7, 2007 – Oro in volata sui mercati internazionali: e’ schizzato Sul Comex a New York con i contratti con consegna dicembre a $826.400 all’oncia (in crescita anche a Londra, dove al fixing della mattinata le quotazioni sono arrivate a $841,75 l’ oncia, Il fixing a Londra avviene due volte, alle 10.30 ed alle 15.00, e sui mercati asiatici e’ salito fino a $836,33 all’oncia) ai massimi dal 21 gennaio 1980 quando raggiunse quota $873 l’oncia anche in quell’occasione trainato dal rialzo del petrolio e dalla debolezza del dollaro. A spingere le quotazioni del metallo prezioso è l’andamento del prezzo del petrolio, in continua ascesa in seguito alle tensioni in Iran.

 

Il prezzo dell’ oro segue di pari passo quello del petrolio e dell’ euro. L’ apprezzamento dell’ euro di conseguenza favorisce gli acquisti di oro, i quali a loro volta sono fondamentalmente sostenuti dal rischio-inflazione connesso al deprezzamento del biglietto verde. L’ oro infatti è un bene rifugio nei periodi di tensione geopolitica e di spinte inflazionistiche, il cui prezzo è denominato in dollari.

 

Marco Montanari

 

Annunci

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: