Elezioni U.S.A. 2008

ANDAMENTO DELLA BORSA AMERICANA IN OCCASIONE DELLE ELEZIONI  TANTO NEI CORSI DEMOCRATICI QUANTO IN QUELLI REPUBBLICANI

US ELECTION_Electoral Vote 2008_0

STATI

AL – Alabama KY – Kentucky OH – Ohio
AK – Alaska LA – Louisiana OK – Oklahoma
AS – American Samoa ME – Maine OR – Oregon
AZ – Arizona MD – Maryland PA – Pennsylvania
AR – Arkansas MA – Massachusetts PR – Puerto Rico
CA – California MI – Michigan RI – Rhode Island
CO – Colorado MN – Minnesota SC – South Carolina
CT – Connecticut MS – Mississippi SD – South Dakota
DE – Delaware MO – Missouri TN – Tennessee
DC – District of Columbia MT – Montana TX – Texas
FL – Florida NE – Nebraska UT – Utah
GA – Georgia NV – Nevada VT – Vermont
GU – Guam NH – New Hampshire VI – Virgin Islands
HI – Hawaii NJ – New Jersey VA – Virginia
ID – Idaho NM – New Mexico WA – Washington
IL – Illinois NY – New York WV – West Virginia
IN – Indiana NC – North Carolina WI – Wisconsin
IA – Iowa ND – North Dakota WY – Wyoming
KS – Kansas MP – Northern Marianas Islands  

 

 

 

Swinging states

Pennsylvania
New Mexico
Ohio
New hampshire
Florida
Nevada
Iowa
Michigan
Minnesota
Hawaii
Colorado
Wisconsin

in particolare, la Pennsylvania, l’Ohio ed il New Mexico
sono stati molto rurali e molto religiosi ed e’ qui che si vincera’ la battaglia oltre che negli altri swinging states sopra ricordati

 

 

USA Electoral Vote

Distribution of Electoral Votes by State

Total Electoral Vote: 538

Needed to Elect: 270

http://www.fec.gov/pages/elecvote.htm

In all, there are 538 electoral votes and the number given to each state reflects the sum of the representatives and senators it sends to Congress.

 

The biggest states

California (54)

New York (33)

Texas (32)

Pennsylvania (23)

Distribution of Electoral Votes by State

Alabama  9
Alaska  3
Arizona  10
Arkansas  6
California 55
Colorado  9
Connecticut 7
Delaware 3
D.C.  3
Florida 27
Georgia 15
Hawaii  4
Idaho4
Illinois 21
Indiana 11
Iowa  7
Kansas  6
Kentucky  8
Louisiana  9
Maine  4
Maryland 10
Massachusetts 12
Michigan 17
Minnesota 10
Mississippi 6
Missouri 11
Montana  3
Nebraska 5
Nevada  5
New Hampshire 4
New Jersey 15
New Mexico  5
New York 31
North Carolina 15
North Dakota  3
Ohio 20
Oklahoma 7
Oregon 7
Pennsylvania 21
Rhode Island  4
South Carolina  8
South Dakota  3
Tennessee 11
Texas 34
Utah  5
Vermont  3
Virginia 13
Washington 11
West Virginia  5
Wisconsin 10
Wyoming 3 

 

College System

http://www.electoral-vote.com/

In each state, whichever party garners a majority of popular votes, regardless of how narrow the margin, wins all the electoral votes. By forcing residents in each state ultimately to vote as a block, the system is supposed to ensure that small states’ interests are not drowned out by those of larger states.

In all, there are 538 electoral votes and the number given to each state reflects the sum of the representatives and senators it sends to Congress. It takes 270 or more electoral college votes to win the election.The biggest states – California (54), New York (33), Texas (32), Pennsylvania (23) – have the most impact on the result of the presidential election.

Usually, the result is nearly the same as it would have been if the election were direct. Yet the system has produced presidents who received a minority of the popular vote but a majority of the electoral votes, including Harry S Truman, Woodrow Wilson, Abraham Lincoln and John Quincy Adams.

President Bill Clinton was also elected in 1992 with only 43 percent of the popular vote, but 370 electoral votes. Several times in recent electoral college history, a relatively small shift in voter preference in key states would have reversed election outcomes

 

 

USA Electoral Vote Calculator

http://americanresearchgroup.com/ev/

In the race for president, the winner of the popular vote in each state wins all the electoral votes in that state (except in Maine and Nebraska). There are 538 total electoral votes and 270 electoral votes – a majority – are needed to win.

Use the Electoral Vote Calculator to determine the total electoral votes for the Republican and Democratic candidates by selecting the Rep or Dem button for each state. The calculator only allows for one winner in each state.

The calculator has been pre-set to the 2004 election results in the race between George W. Bush, the Republican, and John Kerry, the Democrat.

The totals for the Republican and the Democrat are automatically recalculated as the candidates are selected. The calculator can be returned to the 2004 results by clicking the reset button

 

Primaries Vote

  Grey: Already completed  
  Yellow: Before February 5  
  Pink: February 5  
  Green: February 5 

http://www.electoral-vote.com/

US ELECTION_Electoral Vote 2008_00

 

Projected Senate Vote

Bleu: Safe Dem  
  Celestial: Vulnerable Dem  
  White: Open seat  
  Purple: Vulnerable GOP  (Republican)
  Red: Safe GOP  
 Grey: No Senate race 

http://www.electoral-vote.com/

US ELECTION_Electoral Vote 2008_000

The Republicans have 23 seats at stake in 2008 and the Democrats have just 12. Nevertheless, many of these are safe seats, so the numbers don’t tell the whole story. Below are the races expected to be competitive. However, potential retirements in half a dozen states could easily change the picture. See also our list of all 2008 Senate races and also the hottest 2008 House races

 

 

 

 

Electoral Vote 2004:  

Kerry 252   Bush 286

In rosso gli Stati dove vinse George Bush In blu quelli dove vinse Kerry

US ELECTION_Electoral Vote 2004_2

Electoral Vote  2000

Gore 260   Bush 278

2000 In rosso gli Stati dove vinse George Bush. In blu quelli dove vinse Gore

US ELECTION_Electoral Vote 2000 

 

NELLA CARTINA MANCANO QUESTI STATI COME SIGLA MA SONO TUTTI NEI PRESSI DI NY:


VERMONT (VT)
MASSACHUSSETS (MA)
NEW HAMPSHIRE (NH)
RHODE ISLAND (RI)
CONNECTICUT (CT)
DELAWARE (DL)
VIRGIN ISLAND (VI)
MARYLAND (MD)

 

 

 

 

I 44 Presidenti degli Stati Uniti:

18 per i repubblicani

17 per i democratici

3 whigs

3 repubblicani-democratici

2 federalisti

1 repubblicano-nazionale

____________________

2 Presidenti sono stati eletti nel Settecento

23 Presidenti sono stati eletti nell’Ottocento

17 Presidenti sono stati eletti nel Novecento

2 Presidenti sono stati eletti  nel Duemila (compreso Barack Obama prossimo Presidente dal 2008-2012)

____________________

Partiti: D (democratici)
D-L-R (democratici-liberal-repubblicani)

R (repubblicani)
R-D (repubblicani-democratici)
R-N (repubblicani-nazionali, conservatori)
F (federalisti)
W (whigs)

____________________

I nomi sono 44, perché Grover Cleveland, eletto due volte ma non consecutivamente, è incluso nell’elenco sia al 22° che al 24º posto.

1) George Washington (F) 30.4.1789 – 3.3.1797
2) John Adams (F) 4.3.1797 – 3.3.1801
3) Thomas Jefferson (R-D) 4.3.1801 – 3.3.1809
4) James Madison (R-D) 4.3.1809 – 3.3.1817
5) James Monroe (R-D) 4.3.1817 – 3.3.1825
6) John Quincy Adams (R-N) 4.3.1825 – 3.3.1829
7) Andrew Jackson (D) 4.3.1829 – 3.3.1837
8°  Martin Van Buren (D) 4.3.1837 – 3.3.1841
9) William H. Harrison (W) 4.3.1841 – 4.4.1841
10) John Tyler (D) 6.4.1841 – 3.3.1845
11) James K. Polk (D) 4.3.1845 – 3.3.1849
12) Zachary Taylor (W) 4.3.1849 – 9.7.1850
13) Millard Fillmore (W) 10.7.1850 – 3.3.1853
14) Franklin Pierce (D) 4.3.1853 – 3.3.1857
15) James Buchanan (D) 4.3.1857 – 3.3.1861
16) Abraham Lincoln (R) 4.3.1861 – 15.4.1865
17) Andrew Johnson (D) 15.4.1865 – 3.3.1869
18) Ulysses S. Grant (R) 4.3.1869 – 3.3.1877
19) Rutheford B. Hayes (R) 4.3.1877 – 3.3.1881
20) James A. Garfield (R) 4.3.1881 – 19.9.1881
21) Chester A. Arthur (R) 20.9.1881 – 3.3.1885
22) Grover Cleveland (D) 4.3.1885 – 3.3.1889
23) Benjamin Harrison (R) 4.3.1889 – 3.3.1893
24) Grover Cleveland (D) 4.3.1893 – 3.3.1897
25) William McKinley (R) 4.3.1897 – 14.9.1901
26) Theodore Roosevelt (R) 14.9.1901 – 3.3.1909
27) William H. Taft (R) 4.3.1909 – 3.3.1913
28) Woodrow Wilson (D) 4.3.1913 – 3.3.1921
29) Warren G. Harding (R) 4.3.1921 – 2.8.1923
30) Calvin Coolidge (R) 3.8.1923 – 3.3.1929
31) Herbert Hoover (R) 4.3.1929 – 3.3.1933
32) Franklin Delano Roosevelt (D) 4.3.1933 – 12.4.1945
33) Harry S. Truman (D) 12.4.1945 – 20.1.1953
34) Dwight D. Eisenhower (R) 20.1.1953 – 20.1.1961
35) John F. Kennedy (D) 20.1.1961 – 22.11.1963
36) Lyndon B. Johnson (D) 22.11.1963 – 20.1.1969
37) Richard M. Nixon (R) 20.1.1969 – 9.8.1974
38) Gerald R. Ford (R) 9.8.1974 – 20.1.1977
39) Jimmy Carter (D) 20.1.1977 – 20.1.1981
40) Ronald Reagan (R) 20.1.1981 – 20.1.1989
41) George Bush (R) 20.1.1989 – 20.1.1993
42) Bill Clinton (D) 20.1.1993 – 20.1.2001
43) George W. Bush (R) 20.1.2001 – 4.11.2008

44) Barack Obama (D) prossimo Presidente dal 4 novembre 2008 – 2012

 

 

 

 

Presidential elections and the Dow Jones  Change (since 1940) From the day  of the election 4 years later:

Year Candidate Popular vote % Electoral vote % Dow % chg.*
2004 George W. Bush 51.07% 53.16% 28.04%
John Kerry 47.99% 46.84%
2000 George W. Bush 47.87% 50.37% -7.75%
Al Gore 48.38% 49.44%
1996 Bill Clinton 49.23% 70.45% 81.00%
Bob Dole 40.72% 29.55%
1992 Bill Clinton 43.01% 68.77% 84.60%
George H. W. Bush 37.45% 31.23%
1988 George H. W. Bush 53.37% 79.18% 51.66%
Michael Dukakis 45.65% 20.63%
1984 Ronald Reagan 58.77% 97.58% 76.73%
Walter Mondale 40.56% 2.42%
1980 Ronald Reagan 50.75% 90.89% 29.86%
Jimmy Carter 41.01% 9.11%
1976 Jimmy Carter 50.08% 55.20% -2.99%
Gerald Ford 48.02% 44.61%
1972 Richard Nixon 60.67% 96.65% -0.25%
George McGovern 37.52% 3.16%
1968 Richard Nixon 43.42% 55.95% 2.12%
Hubert Humphrey 42.72% 35.50%
1964 Lyndon Johnson 61.05% 90.33% 8.33%
Barry Goldwater 38.47% 9.67%
1960 John F. Kennedy 49.72% 56.42% 49.60%
Richard Nixon 49.55% 40.78%
1956 Dwight D. Eisenhower 57.37% 86.06% 20.02%
Adlai Stevenson 41.97% 13.75%
1952 Dwight D. Eisenhower 55.18% 83.24% 80.45%
Adlai Stevenson 44.33% 16.76%
1948 Harry Truman 49.55% 57.06% 42.41%
Thomas Dewey 45.07% 38.59%
1944 Franklin D. Roosevelt 53.39% 81.36% 29.33%
Thomas Dewey 45.89% 18.64%
1940 Franklin D. Roosevelt 54.74% 84.56% 9.17%
Wendell Willkie 44.78% 15.44%

I CANDIDATI DEMOCRATICI

PIU’ ACCREDITATI

Tra le fila dei liberal prevalgono gli avvocati e i politici di professione. Hillary Clinton è l’unica donna. Obama e Clinton hanno raccolto entrambi oltre cento milioni di dollari e  possono sostenere una lunga campagna

  • HILLARY RODHAM CLINTON – Nata il 26 ottobre 1947 a Chicago, nell’Illinois, moglie dell’ex presidente Bill Clinton, ha una figlia. E’ avvocato e attualmente ricopre la carica senatore dello stato di New York.

  • BARACK OBAMA – Nato il 4 agosto 1961 a Honolulu, nelle Hawaii, è sposato e ha due figli. Anche lui è avvocato e attualmente ricopre la cairca di senatore dell’Illinois. Barack Obama ha scandito il suo programma: “Il tempo del cambiamento è arrivato: sarò il presidente che riporterà a casa i soldati dall’Iraq, che garantirà la sanità a tutti gli americani e metterà fine ai regali fiscali alle grandi multinazionali”.

  • JOHN EDWARDS – Nato il 10 giugno 1953 a Seneca, nella Carolina del Sud, è sposato e ha 3 figli (un quarto è morto). E’ avvocato e attualmente riopre anche la carica di direttore del Centro per la povertà, il lavoro e le opportunità.

 

I CANDIDATI REPUBBLICANI

PIU’ ACCREDITATI

Ecco i principali candidati repubblicani alle primarie per le elezioni presidenziali di novembre. Tra di loro non ci sono donne.

  • RUDOLPH GIULIANI – Nato il 28 maggio 1944 nel quartiere Brooklyn di New York, è sposato e ha tre figli. Ex sindaco della «grande mela», è avvocato e svolge attualmente l’incarico di uomo d’affari e di consulente per varie aziende.

  • MIKE HUCKABEE – Nato il 24 agosto 1955 a Hope, in Arkansas, è sposato e ha tre figli. E’ uomo d’affari e sacerdote della chiesa battista.

  • MITT ROMNEY – Nato il 12 marzo 1947 a Detroit, nel Michigan, è sposato e ha 5 figli. Uomo d’affari, non ha cariche politiche in corso

 

LE CONSULTAZIONI O PRIMARIE

IL CALENDARIO

Tradizionalmente, il calendario delle primarie è stato scandito in maniera precisa tra gennaio e giugno dell’anno del voto, con una scaletta che iniziava dall’Iowa il 14 febbraio. Per le primarie del 2008, tuttavia, molti Stati hanno deciso di accorciare i tempi.

 

Gennaio

7 – IA – Iowa – Votanti 300.000 in un piccolo Stato di 3 milioni di abitanti

Barack Obama il 37,6% dei consensi. Edwards e Clinton (29,8% a 29,5%)

Mike Huckabee 34%. Mitt Romney (25%)

4 – NH – New Hampshire – The Granite State – Votanti 500.000 in uno Stato con 1.300.000 abitanti

Hillary Clinton il 39% – Barack Obama il 36%

John McCain  37% – Mitt Romney 32%.

Michigan, il 15

Nevada il 19

Carolina del Sud (ma solo per i repubblicani) il 19

Louisiana, il 22

Hawaii il 25

Carolina del Sud (ma solo per i democratici ) il 26

Florida il 29

Febbraio

Maine (per i repubblicani), Il 2 febbraio

Maine (per i democratici ), Il 5 febbraio Super Tuesday

 Il 5 febbraio Super Tuesday, sarà la volta di ben 21 stati tra cui California, Illinois, New Jersey e New York

Louisiana, il 9

Maine (per i democratici), il 10

Maryland, Virginia e Distretto di Columbia, il 12

Wisconsin, Washington e Hawaii (solo per democratici) il 19

Marzo

 l’8 marzo è la volta di altri otto stati , Wyoming, ma solo per i democratici (Massachusetts, Minnesota, Ohio, Rhode Island, Vermont, Texas, Mississippi)

Aprile

Pennsylvania, il 22 aprile

Maggio

A maggio sono sette gli stati in calendario (Indiana, Carolina del Nord, Nebraska, West Virginia, Kentucky, Oregon, Idaho)

Giugno

 Montana, Nuovo Messico e Dakota del Sud il 3 giugno

Il Kansas ha deciso invece di non tenere elezioni primarie per le presidenziali del 2008.

Come riportato dalla National Association of Secretaries of State (Nass), potrebbero ancora esserci cambiamenti, se pure minimi.

LE CONVENTION

Al termine delle consultazioni si svolgeranno le convention nazionali dei due partiti: quella democratica a Denver, Colorado, dal 25 al 28 agosto, e quella repubblicana a Minneapolis, Minnesota, dall’1 al 4 settembre.

IL SISTEMA DI VOTO

Il sistema di voto cambia da stato a stato e a seconda del partito, ma può essere classificato in alcune categorie principali. Le primarie possono, ad esempio, essere «chiuse», il sistema preferito in genere dai due grandi partiti americani, che consente cioè solo a chi è formalmente iscritto di scegliere un candidato. In questo caso gli elettori indipendenti non possono partecipare. Oppure possono essere “aperte”: chiunque può votare, indipendentemente dalla militanza politica. Al punto che persino i ’franchi tiratori’ del partito avversario possono votare, nella speranza di selezionare un candidato debole per avvantaggiare il proprio il giorno delle elezioni vere e proprie. C’è una via di mezzo, le primarie “semi aperte” che consentono a chiunque di votare per un candidato, ma impongono che al momento del voto avvenga l’iscrizione nelle liste elettorali di uno dei due partiti.

LA SCELTA DEI CANDIDATI

Aperta è anche la scelta dei candidati: tutti possono partecipare al voto. Questo impedisce ai partiti di appoggiare un particolare candidato e li obbliga a uniformarsi a quanto deciso dagli elettori. Ma ci sono anche criteri di scelta che esulano del tutto dall’appartenenza di partito. E’ il caso del sistema che vige ancora in Louisiana, detto «a coperta». I candidati vengono scelti indipendentemente dal loro partito. O le primarie «a ballottaggio»: i due candidati che raccolgono i maggiori consensi si sfidano nel voto finale, anche se sono espressione dello stesso partito.

SISTEMI A CONFRONTO

I sistemi «chiusi» sono una garanzia maggiore per i partiti, ma le primarie «aperte» vengono privilegiate per il valore aggiunto della libera partecipazione. Negli Stati Uniti, al contrario della tradizione europea, il voto non è considerato un dovere civico ma un diritto, è un’espressione volontaria di democrazia che richiede un impegno attivo da parte dell’elettore, inclusa la volontaria iscrizione alle liste elettorali di un partito o come indipendente.

Non accadeva da decenni: quelle del 2008 sono rare elezioni presidenziali americane in cui non è in gara alcun candidato che già si trova alla Casa Bianca, cioè il presidente o il vicepresidente in carica. Per trovare una situazione simile occorre risalire almeno al 1952, quando il presidente Harry Truman si presentò come candidato alle primarie in New Hampshire, ma poche settimane dopo si ritirò dalla corsa. Ma il precedente vero e proprio, quello di un’elezione in cui fin dall’inizio non erano in corsa nè il presidente, nè il suo vice, risale al 1928.

Ciclo Presidenziale, una legge non scritta secondo la quale gli operatori credono al link tra l’andamento della borsa e le elezioni alla Casa Bianca

Ciclo Presidenziale, una legge non scritta secondo la quale gli operatori credono al link tra l’andamento della borsa e le elezioni alla Casa Bianca. Storicamente Gennaio e’ sempre stato un mese molto favorevole dell’anno nell’anno delle elezioni in particolare. Infatti i maggiori indici USA dal 1943 hanno sempre guadagnato in 9 delle ultime 13 edizioni delle elezioni presidenziali. Se i mercati americani non mostreranno guadagni ci sara’ da riflettere seriamente per la tenuta dell’economia.

E’ utile analizzare quello che successe ai mercati 4 anni fa, quando per oltre un mese non si seppe chi sarebbe stato eletto presidente. I mercati hanno avuto una reazione negativa alla situazione di stallo in cui si erano venuti a trovare: dal 7 novembre, giorno delle elezioni, fino al 14 dicembre, il giorno successivo al ritiro di Al Gore, l’S&P500 perse il  -6,4%, mentre il Nasdaq Composite oltre il -20%.

Nello stesso periodo, il dollaro perse oltre il -3% nei confronti dell’Euro (ma guadagno’ il 4,2% nei confronti dello Yen), ed il prezzo del petrolio passo’ da $32,86 per barile a $27,99 (un calo di quasi il 15%). Chi guadagnarono furono i Treasuries: l’obbligazione a 10 anni guadagno’ oltre il 5%.

Un’analisi del comportamento degli indici dal dopoguerra alle ultime elezioni rivela che al mercato non piace quando un presidente in carica non viene rieletto. Nei casi in cui questo e’ avvenuto (nel 1976 con Gerald Ford, nel 1980 con Jimmy Carter e nel 1992 con George Bush padre), l’S&P500 e’ sceso in media di quasi il -5% l’anno successivo al cambio di presidenza. Al contrario, la rielezione del candidato in carica nelle sei volte che si e’ verificato questo risultato ha fatto aumentare l’indice del +7,5% nelle sei volte che si e’ verificato questo risultato.

Nei 5 anni successivi all’11 settembre, il pil Usa è aumentato di ben 3.000 miliardi di dollari, cioè 2 volte la stazza dell’Italia. E gli sgravi fiscali voluti fortemente da Bush sono blindati fino al 2010.

Dal 1929 in poi, l’indice S&P500 e’ cresciuto di piu’ l’anno successivo all’elezione del candidato del partito democratico (+9%) rispetto all’anno successivo all’elezione del candidato del partito repubblicano, quando invece gli indici hanno perso in media il -3,4%. Una possibile spiegazione risiede nel fatto che ci sono state piu’ recessioni nei periodi di presidenza repubblicana (in media 2 recessioni su 3).

Sempre dal 1929 ad oggi Indipendentemente da chi viene eletto, i mercati tendono ad avere una performance migliore nel terzo e quarto anno di presidenza. Cio’ dipende da molti fattori, fra i quali l’adozione da parte del presidente di politiche pro-crescita economica, al fine di facilitare la sua rielezione o quella di un candidato del suo stesso schieramento.

Sempre dal 1929 ad oggi, l’indice S&P e’ salito in media del 17,7% e del 9,4% nel terzo e quarto anno di presidenza democratica. Nel caso del terzo e quarto anno di presidenza dei repubblicani, il mercato e’ salito dell’11,3% e del 4,7% rispettivamente

Di solito nel 4 anno di mandato, l’anno che precede le elezioni presidenziali è positivo per la Borsa americana: l’indice S&P500 ha guadagnato in media il 18,6% negli anni pre-elettorali dal 1950 ad oggi. Nel 2007 ha guadagnato appena il 4,24%.

Performance For the year 2008

Dow  is  nearly …………………………….- 4.23 %
S&P 500 is nearly ………………………. – 4.52 %
Nasdaq Composite is nearly ………….. – 6.35 %
Nasdaq 100 is nearly …………………… – 6.81 %

Performance For the year 2007 :

– December 31 2007 –

 

Dow  is  nearly ………………………………+ 7.24 %
S&P 500 is nearly ………………………… + 4.24 %
Nasdaq Composite is nearly …………….+10.73 %
Nasdaq 100 is nearly ……………………. +19.93 %

 

2007 – The Market’s Closing

Dow Jones a 13.365 S&P 500 a 1.478 Nasdaq a 2.674 Nasdaq 100 a 2.107 Sox a 410

 

ll passaggio del Congresso ai Democratici avra’ come corollario un probabile mutamento di provvedimenti in materia:

  • di tasse i dividendi, i capital gain (soprattutto per il big oil),

  • di protezionismo anti-cinese,

  • di legislazione anti hedge funds,

  • di aumento del salario minimo

  • di attacco alle case farmaceutiche per favorire la diffusione dei farmaci generici.

  • di attacco ai monopoli di fatto, adottando provvedimenti maggiormente improntati alla concorrenza 

Con il che’ ove al Congresso dovessero arrivare i Democratici la loro politica  inciderebbe ad esempio:

  • nei profitti del colosso dei supermercati Wal-Mart che basa il proprio modello di business sul contenimento del costo del lavoro.

  • nei profitti delel societa’ attive nell’energia, nell’industria farmaceutica e nel tabacco. 

  • Al contrario, i maggiori beneficiari della piattaforma politica dei democratici sono gli operatori nel campo delle energie alternative, della ricerca sulle cellule staminali, dei produttori di medicinali generici. A ciò si aggiungono le grandi compagnie con una sponsorizzazione pubblica, quali i giganti dei mutui ipotecari Fannie Mae e Freddie Mac.

Un portafoglio ben composto lo vedrei con:

Nem

J&J

Pg

Ltd

Grmn

Sndk

Rimm

Infy

Un’analisi storica sul comportamento dei due schieramenti

La crisi del centrosinistra d’oltreoceano risale al 1968. Da allora i democratici hanno vinto solo tre volte su dieci elezioni presidenziali, e solo grazie alle scorie di uno scandalo (il Watergate) e a uno straordinario politico centrista come Bill Clinton. La radicalizzazione della sinistra liberale negli anni del Vietnam ha allontanato via via intere fasce di elettori dal partito, quasi tutto il sud del paese e gran parte del Midwest. Gli intellettuali neoconservatori nacquero in quel periodo e si staccarono dalla sinistra per trovare riparo a destra.

Negli anni Ottanta emersero i “Reagan’s democrats”, la working class che assieme alla pancia dell’America aveva sempre votato per il centrosinistra prima di sentire i propri diritti e i propri valori più tutelati dalla rivoluzione conservatrice e liberalpopolare di Ronald Reagan. Negli anni Novanta, infine, il partito democratico ha perso anche la maggioranza alla Camera e ora è in minoranza anche al Senato.

La cartina di tornasole di questo declino è stato l’anno 2000, quando il vice di Bill Clinton, Al Gore, non riuscì a entrare alla Casa Bianca nonostante l’America di Clinton (e Gore) avesse regalato otto anni di benessere economico, di surplus di bilancio, di ottimismo, di pace, di prosperità, di speranza, addirittura anche “la fine della storia”. Tutto sembrava andare per il verso giusto, tanto più che l’erede designato di questo ben di Dio affrontava George W. Bush, un candidato provinciale, giudicato poco intelligente, impreparato, raccomandato e inadatto al ruolo. Vinse Bush, sia pure d’un soffio, e i democratici non si sono più ripresi. Anziché presentarsi da continuatore dell’era centrista di Clinton, Al Gore scelse di dare una curvatura liberal e di sinistra alla sua campagna, e finì male.

Clinton vinse perché a contrastare Bush padre c’era un terzo candidato di destra, Ross Perot, che prese il 20 per cento dei voti. Capita l’antifona, cioè la bilancia a destra del paese, il neopresidente governò subito dal centro, stando sempre attento a “triangolare”, cioè a presentarsi da uomo della sintesi delle aspettative liberal e conservatrici del popolo americano. Clinton ha avuto successo soprattutto quando s’è avvicinato a destra, tagliando il bilancio, riducendo il peso dello Stato, firmando la legge in difesa del matrimonio, non aumentando le tasse, non abbracciando i trattati internazionali e così via. Con l’eccezione delle guerre buoniste in Bosnia, Kosovo e Haiti (che la destra non voleva) ogni volta che Clinton ha cercato di imporre la sua visione di sinistra (i gay nell’esercito e la riforma sanitaria) ha sempre fallito. Le elezioni hanno confermato questa tendenza conservatrice degli Stati Uniti

John Kerry s’è battuto bene, ma gli è mancata la “vision thing”, come si diceva ai tempi di Clinton, cioè non ha offerto né una strategia né un sogno ne’ una missione agli elettori americani e perché non s’è liberato del suo snobismo da radical chic. BARACK OBAMA e’ invece dotato di una grande “vision thing”.

Marco Montanari

Annunci

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: