I Pignoramenti ed i Ritardi nel pagamento delle rate in America

 

 

Mortgage Insurance Companies of America (MICA)

PrivateMI

Washington- based

The Montly

Delinquency rate on Insured Mortgages Borrowers

or

The Privately Insured U.S. Mortgages falling more than  60/90 days late on payments

Il ritardo nei pagamenti che spesso sono il preludio dei Pignoramenti

Monthly Statistics

WASHINGTON, D.C. May 30, 2008

 

 

 

 

https://wallstreetrack.wordpress.com/2008/06/02/i-pignoramenti-ed-i-ritardi-nel-pagamento-delle-rate-in-america/

 

https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/12/07/the-delinquency-rate-the-new-foreclosures-i-pignoramenti/

 

 

Mortgage Insurance Companies of America (MICA) today released its monthly statistical report for April which includes a one-time adjustment to the number of defaults, cures and also new insurance written year-over-year, and changed its methodology for recording delinquencies, as a result of a major lender’s change to its methodology for recording delinquencies, and to how it reports them to MICA’s members. The number includes both newly reported defaults for the month, as well as previously unreported defaults by this lender.

 

 

L’aumento tanto dei ritardi nel pagamento delle rate dei mutui quanto dei pignoramenti successivi, e’ da mettere in relazione alla crisi del credito immobiliare ad alto rischio, il subprime, che ha messo numerosi mutuatari nell’impossibilita’ di far fronte al pagamento delle rate di mutuo a tasso variabile a seguito del brusco innalzamento dei tassi d’interesse. Secondo alcuni analisti per il  terzo trimestre 2007 gli oneri aggiuntivi / gli interessi a carico dei mutuatari dovrebbero essere rincarati di oltre  80 miliardi di dollari, mentre nel quarto trimestre 2007 l’ onere a carico dei mutuatari sarebbe di altri 84 miliardi, secondo stime fatte dagli analisti del Credit Suisse. I beni pignorati andranno ad aggiungersi all’ invenduto, con la conseguenza di far scendere ancora di più i prezzi delle case, destinati secondo alcune previsioni a flettere del 4,5% nel 2008.  La Federal Reserve è intervenuta nella materia del credito subprime fissando fra l’ altro paletti più rigidi per la concessione di questa tipologia di prestiti.

 

Mortgage Insurance Companies of America (MICA) reports that:

 

– The Borrowers used private mortgage insurance (PrivateMI) to buy or refinance a home, with less than the traditional 20 percent down payment, for April, totaled 109,358 (Traditional primary new insurance totaled 108,322 and Bulk primary insurance totaled  1,036 ) Certificates / Policies Issued ( down by -32.11% from  161,100 in the same month a year earlier) down by -21.66% from the prior month when totaled 139,610 ( down by -24.09% from  183,919 in the same month a year earlier) up  by  +0.38% from the prior month.

The number of PrivateMI applications received by MICA members, totaled 128,243 (down by -24.38% from  169,590 in the same month a year earlier) and down by -19.91%from the prior month when totaled 160,139 (down by -4.81% from  191,125 in the same month a year earlier) and up  by  +4.81% from the prior month.

–  The Defaults – Delinquency rate on Insured Mortgages Borrowers or The Privately Insured U.S. Mortgages falling more than  60/90 days late on payments — ovvero il ritardo nei pagamenti che spesso sono il preludio dei Pignoramenti. As a result of a major lender’s change to its methodology for recording delinquencies, and to how it reports them to MICA’s members, there was a sharp increase in reported defaults in April to 73,880 Defaults (up by +71,17% from 43,161 in the same month a year earlier) up by +27,09% from the prior month when was 58,131 Defaults (up by +37,22% from 42,362 in the same month a year earlier) down by -4,56% from the prior month, according to data from members of the Washington- based Mortgage Insurance Companies of America.

  • The increase includes both newly reported defaults for the month, as well as previously unreported defaults by this lender. Mortgage Insurance Companies of America (MICA) today changed its methodology for recording delinquencies, as a result of a major lender’s change to its methodology for recording delinquencies, and to how it reports them to MICA’s members. The number includes both newly reported defaults for the month, as well as previously unreported defaults by this lender.

The Cures, totaled 39,584  (up by +15,24% Year-over-year from  34,347 in the same month a year earlier)  down by -21,74% from the prior month when totaled 50,585  (up by +29,42% from  39,083 in the same month a year earlier)  up by +5,40% from the prior month. This statistic also reflects the above noted change in reporting defaults.

  • The increase in both the dollar volume of Traditional primary new insurance written and primary insurance-in-force as well as the increased number of cures demonstrates that the mortgage insurance industry as a whole is generating new policies and continues to help families become owners of their own homes and maintain their existing homes. We believe this month’s data reflect an ongoing ‘flight to quality’ towards more dependable forms of mortgage credit enhancement.”

–  The dollar volume of Primary New Insurance Written (Traditional more Bulk) on newly originated 1-to-4 family conventional mortgage loans, totaled $19,778.2 million of Primary New Insurance Written (Traditional more Bulk) on newly originated ( -4.58% Year-over-year decrease from a total of $20,727.7 million in the same month a year ago), with Traditional primary new insurance totaled  $19,449.5 million in April ( +11.7%Year-over-year from a total of $17,416.6 million in the same month a year ago) and Bulk primary insurance totaled $328.7 million (-90.0% Year-over-year from a total of $3,311.1 million in the same month a year ago), and a -3.5% decrease from the prior month when totaled $20,495.1 million ( +25.0% Year-over-year from the same month a year ago) (Traditional primary insurance totaled $20,309.2 million, +2.7% Year-over-year , and Bulk primary insurance totaled $185.9 million, up by +6.75% Year-over-year ).

  • Mortgage Insurance Companies of America (MICA) today notes that a +11.7% year-over-year increase in Traditional primary new insurance written reflects that return to quality in the marketplace. The increase in both the dollar volume of Traditional primary new insurance written and primary insurance-in-force as well as the increased number of cures demonstrates that the mortgage insurance industry as a whole is generating new policies and continues to help families become owners of their own homes and maintain their existing homes. We believe this month’s data reflect an ongoing ‘flight to quality’ towards more dependable forms of mortgage credit enhancement.”

The Primary insurance in-force (in vigore) totaled $855,721 million (up by +22,9% from  696,464 million in the same month a year earlier) up by +0,89% from the prior month when totaled $848,145 million (up by +23,15% from  688,685 million in the same month a year earlier) up by +1,01% from the prior month.

  • The increase in both the dollar volume of Traditional primary new insurance written and primary insurance-in-force as well as the increased number of cures demonstrates that the mortgage insurance industry as a whole is generating new policies and continues to help families become owners of their own homes and maintain their existing homes. We believe this month’s data reflect an ongoing ‘flight to quality’ towards more dependable forms of mortgage credit enhancement.”

 

  • Suzanne C. Hutchinson, Executive Vice President of MICA, said, “While the change in reporting methodology by a major lender has resulted in an increase in reported delinquencies, it is important to note that this is a one-time adjustment. Overall, the market is returning to fundamentals. The year-over-year increase of 11.7% in new insurance written reflects that return to quality in the marketplace.” “The increase in both the dollar volume of Traditional primary new insurance written and primary insurance-in-force as well as the increased number of cures demonstrates that the mortgage insurance industry as a whole is generating new policies and continues to help families become owners of their own homes and maintain their existing homes. We believe this month’s data reflect an ongoing ‘flight to quality’ towards more dependable forms of mortgage credit enhancement.”

  • The statistics in this report include data from the following MICA member companies: AIG United Guaranty, Genworth Mortgage Insurance Corporation, Mortgage Guaranty Insurance Corporation, PMI Mortgage Insurance Co., Republic Mortgage Insurance Company and Triad Guaranty Insurance Corporation.

  • MICA members have helped over 2 million families during the past twelve months save money by buying or refinancing a home with less than the traditional 20 percent down payment. The average buyer can purchase a house 10 years sooner by using PrivateMI, typically with as little as -3% down – even less for qualified borrowers.  PrivateMI premiums are now tax deductible for many borrowers who purchase or refinance a home.

    MICA is the trade association representing the private mortgage insurance industry. Its members help loan originators and investors make funds available to home buyers for low down payment mortgages by protecting these institutions from a major portion of the financial risk of default.

  • A surge in home foreclosures is sapping profit at lenders and the insurers that protect them from borrower defaults. Banks have written off $110 billion on securities linked to U.S. mortgages, according to Dresdner Kleinwort research. MGIC Investment Corp., the largest U.S. mortgage insurer, said fourth-quarter claims jumped sevenfold to $1.3 billion as the rate delinquent loans leading to claims rose.

 

 

MICA is the trade association representing the private mortgage insurance industry. Its members help loan originators and investors make funds available to home buyers for low down payment mortgages by protecting these institutions from a major portion of the financial risk of default.

 

 

 

 

 

RealtyTrac Inc

The Montly

U.S. Home Foreclosures

I Pignoramenti

 

 

Real Estate Owned (REO)  or  Bank Repossessions (REOs) – Pignoramenti

Foreclosure Market Report, which shows Properties with Foreclosure Filings

FORECLOSURE ACTIVITY

IN APRIL

Foreclosure Activity in April from the prior month increased by +4.0% and Real Estate Owned (REO)  – Bank Repossessions (REOs) – properties that have been foreclosed on and repurchased by a bank rose +65.0% (Y/Y) from April 2007

By RealtyTrac Staff   

IRVINE, Calif.

May 14, 2008

 

http://www.realtytrac.com/

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/06/home_pignoramenti_montly-foreclosures_realty-trac_1_april_2008.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/06/home_pignoramenti_montly-foreclosures_realty-trac_2_april_2008.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/06/home_pignoramenti_montly-foreclosures_realty-trac_3_april_2008.jpg

 

 

U.S. Foreclosure Market Statistics (Total and  by State)

    Properties with Foreclosure Filings 

Total Statistics

 

Default — Notice of Default (NOD)

Lis Pendens (LIS)

Auction — Notice of Trustee Sale (NTS)

Notice of Foreclosure Sale (NFS)

Real Estate Owned – Bank Repossessions (REOs)

 

Total

 

1/every X HH (rate)

Foreclosure activity – 1 in every x U.S. households

 

 

I pignoramenti immobiliari negli Stati Uniti, sono volati del +64.75% rispetto ad un anno fa con le banche che si sono riappropriate della casa acquistata con un mutuo in misura doppia, come conseguenza degli oneri maggiorati a valere sui mutui a tasso variabile; le case finite sul mercato hanno aumentato le giacenze, con il pericolo di far scendere ulteriormente i prezzi. E’ quanto risulta dal sondaggio effettuato da una società specializzata, RealtyTrac, secondo cui 243,353 immobili negli Usa (243,353 immobili in April 2008, si tratta del livello più alto da quando questo tipo di statistica ha cominciato ad essere redatto, cioé dal gennaio del 2005) si trovano nella prima fase di una procedura di pignoramento, a sua volta attivata dalle banche per via del mancato rispetto dei pagamenti da parte dei mutuatari, e quindi si trovano in una posizione prossima al pignoramento (Da qui a dicembre in pratica gli istituti di credito si riapproprieranno di 480,000 immobili, circa 60mila immobili in media al mese).

L’ allarme maggiore su questo versante viene dagli Stati del Nevada, della California e della Florida. Nel primo trimestre il prezzo medio di una casa negli Usa è sceso del -7,7%, il maggiore calo da 29 anni a questa parte, secondo quanto riferito ieri dagli agenti immobiliari. 

 

Median Sales Prices of Existing Single_Family Home for Metropolitan Areas

1Q – 2008 – $196.3

(falling by -7.66% from $212.6 in the same quarter a year ago)

 

Il dato, elaborato RealtyTrac, rimarca il continuo aumento del numero di notifiche delle banche nei confronti dei mutuatari che non riescono piu’ a far fronte al pagamento delle rate di mutuo, dopo il brusco innalzamento dei tassi d’interesse. Ai massimi i casi di insolvenza fra la clientela subprime, ossia con scarsa affidabilità creditizia, sale addirittura ai massimi da agosto scorso che rappresenta anche il secondo livello più alto mai registrato da RealtyTrac.

Secondo RealtyTrac, quest’anno saranno ridefiniti mutui in essere a tasso variabile con il conseguente aumento della rata che diventerà più onerosa per i mutuatari, per un ammontare complessivo di 460 miliardi di dollari ( e anche in base ai dati forniti da Citigroup), mutui che risentono del rialzo dei tassi di mercato a sua volta conseguenza della crisi provocata dal tracollo del credito subprime.

 

Foreclosure activity – RealtyTrac, the leading online marketplace for foreclosure properties, released its April 2008 U.S. Foreclosure Market Report, in which were reported  foreclosure filings — default notices, auction sale notices and bank repossessions — on 243,353 properties nationwide (Da qui a dicembre in pratica gli istituti di credito si riapproprieranno di 480,000 immobili, circa 60mila immobili in media al mese) – (1/every X HH (rate) – Foreclosure activity – 1 in every 519 U.S. households received a some stage of foreclosure filing during the month, the highest monthly total since RealtyTrac, a seller of default data, began statistics in January 2005, from 518 in the prior month) during the month, an increase of nearly +4.4% (M/M) from (233,200) in the previous month but an increase of nearly +64.75% (Y/Y) than  147,700 in the Same Month a Year ago, indicating we have still not reached the peak of foreclosure activity in this cycle as rates on adjustable mortgages increased and vacated homes added to a glut of unsold homes.

Filings are likely to be explosive in May and June as more payments jump, after remaining at current levels this month and next.  The numbers show that overall foreclosure activity so far this year continues to run nearly 60% above the levels we saw last year. On a year-over-year basis, bank repossessions were up nearly +145.0% (Y/Y), but auction notices were up only 32%, indicating that more defaulting homeowners are simply walking away and deeding their properties back to the foreclosing lender

  • The total number of U.S. properties with foreclosure activity in April was the highest monthly total we’ve seen since we began issuing the report in January 2005. Although only about 2% of households nationwide are in foreclosure (up from at the end of 2007 when 1.03% of households nationwide are in foreclosure), these properties contribute to already bloated inventories of homes for sale, and put downward pressure on home values. Areas of California, Florida, Nevada and Arizona continue to be particularly hard-hit. Property tax bases are eroding, putting municipal budgets in peril. For example, the city council in Vallejo, California – part of a metropolitan area with a foreclosure rate that ranked sixth highest in the nation in April – last week voted to have the city file for bankruptcy.

  • Foreclosures are mounting even as the Bush Administration and Congress propose relief for homeowners. The Democrat-led U.S. House of Representatives approved a $300 billion plan May 8 that would allow the government to insure refinanced mortgages. Acting Housing and Urban Development Secretary Roy Bernardi said the next day he was willing to compromise on the proposal after Republican President George W. Bush threatened to veto it.

  • Delinquencies on subprime mortgages will continue to rise and defaults on prime loans also may accelerate as people lose their jobs in a slowing economy. About $460 billion of adjustable-rate mortgages are scheduled to reset this year and another $420 billion will rise in 2011, according to New York-based analysts at Citigroup Inc.

  • Rising foreclosures pushed the inventory of existing homes to the highest ever, making it more difficult for property owners to sell, and kept home prices down through at least next year and thwart efforts by Congress and President George W. Bush to help homeowners avoid default. Borrowers who owe more on their mortgages than their homes are worth may be buffeted by increasing job losses in a very substantial recession. About 8.8 million borrowers had home mortgages that exceeded the value of their property. About 2.5 million foreclosed properties will be on the market this year and in 2009, Lehman Brothers Holdings Inc. analysts  said in an April 10 report. U.S. home price declines will probably double to a national average of 20 percent by next year, with lower values most likely in metropolitan areas in California, Florida, Arizona and Nevada, mortgage insurer PMI Group Inc. said last week in a report. At least 2 million jobs will be lost because of this recession, so we’ll get a cumulative negative spiral. A normal recession is 10 months.

  • Bank Writedowns — in April 2008, was the 28th consecutive month of year-on-year monthly foreclosure increases. If you look back at the RealtyTrac monthly reports, foreclosure activity has increased on a year-over-year basis every month since January 2006, the first month that YOY stats were available. A surge in defaults among subprime borrowers spurred the collapse of the U.S. home loan market and has led more than 100 mortgage companies to stop lending, close or sell themselves. As the value of securities tied to mortgages plummeted, lenders and securities firms have written down more than $180 billion in assets tied to home loans.

– 1/Every X HH (rate) — one in every X U.S. households received a foreclosure filing during the month; Were reported  foreclosure filings — default notices, auction sale notices and bank repossessions — on 243,353 properties nationwide, so the 1/every X HH (rate) – Foreclosure activity – was 1 in every 519 U.S. households received a some stage of foreclosure filing during the month, the highest monthly total since RealtyTrac, a seller of default data, began statistics in January 2005, from 518 in the prior month.

– Real Estate Owned (REO)  – Bank Repossessions (REOs) were 54,574 an increase of +6.18% (M/M) from (51,393) in the previous month and +145.0% (Y/Y) from (22,200) in the same month a year ago as rates on adjustable mortgages rose and property owners were unable to sell or refinance amid falling prices; About $460 billion of adjustable-rate mortgages are scheduled to reset this year and another $420 billion will rise in 2011, according to New York-based analysts at Citigroup Inc. Homeowners faced higher payments as 1Q – 2008 – $196.3 – Median Sales Prices of Existing Single_Family Home for Metropolitan Areas fell by -7.66% from $212.6 in the same quarter a year ago), the biggest drop in 29 years in the index. The collapse of the U.S. housing market, the worst since the Great Depression, is contributing to the economic slowdown and may push the economy into a recession.

There may be 480,000 bank repossessions in 2008, Banks will seize about 60,000 properties a month through December (Da qui a dicembre in pratica gli istituti di credito si riapproprieranno di 480,000 immobili, circa 60mila immobili in media al mese), when starting since august 2007 about 1 million U.S. homes, or a quarter of all homes for sale, may will be bank-owned .

Areas of California, Florida, Nevada and Arizona continue to be particularly hard-hit.

Nevada had the highest U.S. foreclosure rate for the 16th consecutive month. One of every 146 households was in some stage of foreclosure, 3.6 times the national rate, RealtyTrac said. Filings almost doubled from a year earlier to 7,276.

California had the second-highest rate, one for every 204 households, and the most filings for the 16th consecutive month at 64,683. Filings more than doubled from a year earlier and were down less than 1 percent from March.

Arizona had the third-highest rate, one for every 224 households. Filings almost tripled from a year earlier to 11,620.

Florida had the second most filings at 35,264 and the fourth- highest rate, one for every 242 households. Foreclosures increased 146 percent from a year earlier and rose almost 17 percent from March.

Ohio ranked third in filings at 11,680. Arizona, Texas, Michigan, Georgia, Illinois, Nevada and Maryland also ranked in top 10 states with the most filings, RealtyTrac said.

Foreclosure filings in New York were up 39 percent from a year ago and up 12 percent from March. The state ranked 29th with 5,696 filings.

In New Jersey, foreclosure filings ranked 15th at 5,143, up 65 percent from a year ago and up 15 percent from March. Connecticut foreclosures ranked 19th at 1,707, down 59 percent from a year ago and down 20 percent from March.

Other states in the top 10 for total properties with filings were Michigan, Georgia, Illinois, Nevada and Maryland.

 

RealtyTrac publishes the largest and most comprehensive national database of foreclosure and bank-owned properties, with over 1 million properties from nearly 2,500 counties across the country, and is the foreclosure data provider to MSN Real Estate, Yahoo! Real Estate and The Wall Street Journal’s Real Estate Journal.

The RealtyTrac Monthly U.S. Foreclosure Market Report provides a count of the total number of properties with at least one foreclosure filing reported during the month — broken out by type of filing at the state and national level. Data is also available at the individual county level.

RealtyTrac (realtytrac.com), the leading online marketplace for foreclosure properties, releases its U.S. Foreclosure Market Report which incorporates during the month documents filed in all 3 phases of Foreclosure:

 

  1. Default — Notice of Default (NOD) and Lis Pendens (LIS);
  2. Auction — Notice of Trustee Sale (NTS ) and Notice of Foreclosure Sale (NFS);
  3. Real Estate Owned (REO)  – Bank Repossessions (REOs) -pignoramenti – properties that have been foreclosed on and repurchased by a bank.

 

If more than one foreclosure document is filed against a property during the month — which is extremely rare — only the most recent filing is counted in the report.

 

 

 

 

 

RealtyTrac Inc

U.S. Home Foreclosures

Quarterly

U.S. Home Foreclosures and Bank Repossessions (REOs) Market Statistics by State

I Pignoramenti

 

Q1 2008

Foreclosure Activity Up 112 Percent From Q1 2007

California and Florida Cities Account for 13 of Top 20 Metro Areas

 

Default — Notice of Default (NOD)

Lis Pendens (LIS)

Auction — Notice of Trustee Sale (NTS)

Notice of Foreclosure Sale (NFS)

Real Estate Owned – Bank Repossessions (REOs)

 

Total

 

1/every X HH (rate)

Foreclosure activity – 1 in every x U.S. households

 

IRVINE, Calif. – April 29, 2008

http://www.realtytrac.com/

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/06/home_pignoramenti_quarterly-foreclosures_realty-trac_1q_1.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/06/home_pignoramenti_quarterly-foreclosures_realty-trac_1q_2.jpg

 

 

 

 

Sono più che raddoppiati i pignoramenti immobiliari negli Usa nel primo trimestre rispetto a un anno fa. Nei primi tre mesi del 2008, sono state circa 649,917 le notifiche delle banche nei confronti dei mutuatari che non riescono a far fronte al pagamento delle rate di mutuo, vale a dire una su 194. I dati sono stati diffusi da RealtyTrac che  ha rilevato nel primo trimestre un aumento dei pignoramenti del:

 

% Change from 4Q 2007

+23.15% (Q/Q)

%Change from 1Q 2007 
+111.89% (Y/Y)

 

RealtyTrac (realtytrac.com), the leading online marketplace for foreclosure properties, today released its Q1 2008 U.S. Foreclosure Market Report, which shows foreclosure filings — default notices, auction sale notices and bank repossessions — were reported on 649,917 properties during the first quarter, a 23 percent increase from the previous quarter and a 112 percent increase from the first quarter of 2007. The report also shows that one in every 194 U.S. households received a foreclosure filing during the quarter.

“Foreclosure activity in the first quarter increased on a year-over-year basis in 46 out of the 50 states and in 90 of the nation’s 100 largest metro areas, demonstrating that most regions of the country are seeing more foreclosures,” said James J. Saccacio, chief executive officer of RealtyTrac. “In some areas there are also some unusual, non-market factors impacting the foreclosure numbers. For example, the city of Philadelphia in late March issued a temporary moratorium on all foreclosure auctions for April, and the city has since adopted a program that will delay foreclosure proceedings on owner-occupied properties until the owners have met face-to-face with lenders to attempt a loan workout plan that would prevent foreclosure.

“While we’re hopeful that programs like those in Philadelphia will have a positive long-term impact, they could be simply deferring another flood of foreclosures,” Saccacio continued. “And that could extend the length of time it takes the market to recover from this downward cycle, in which we’ve already seen seven consecutive quarters of increasing foreclosure activity.”

Nevada, California, Arizona post top state foreclosure rates

One in every 54 Nevada households received a foreclosure filing during the first quarter, the highest foreclosure rate among the states and 3.6 times the national average. Foreclosure filings were reported on 19,595 Nevada properties during the quarter, up 3 percent from the previous quarter and up 137 percent from the first quarter of 2007.

Foreclosure filings were reported on 169,831 California properties during the first quarter, the highest total among the states and a rate of one in every 78 households — the nation’s second highest foreclosure rate. Foreclosure activity in California increased 32 percent from the previous quarter and was up nearly 213 percent from the first quarter of 2007.

Arizona documented the nation’s third highest state foreclosure rate, with one in every 95 households receiving a foreclosure filing during the quarter. Foreclosure filings were reported on 27,404 Arizona properties during the quarter, up 45 percent from the previous quarter and up nearly 245 percent from the first quarter of 2007.

Foreclosure filings were reported on 87,893 Florida properties during the first quarter, the second highest state total and giving Florida the nation’s fourth highest foreclosure rate — one in every 97 households received a foreclosure filing during the quarter. Foreclosure activity in the state was up 17 percent from the previous quarter and up 178 percent from the first quarter of 2007.

Colorado foreclosure activity increased 33 percent from the previous quarter and 78 percent from the first quarter of 2007, and the state’s foreclosure rate ranked No. 5 among the states. Foreclosure filings were reported on 18,996 Colorado properties during the quarter, a rate of one in every 110 households.

Other states with foreclosure rates among the top 10 were Georgia, Michigan, Ohio, Massachusetts and Connecticut.

Top 20 metro areas include Las Vegas, Detroit, Miami, Atlanta, Los Angeles
The Q1 2008 U.S. Foreclosure Market Report also ranks the nation’s 100 largest metropolitan areas by foreclosure rate. California and Florida metro areas accounted for 13 of the top 20 metro foreclosure rates, with the California cities of Stockton and Riverside-San Bernardino taking the No. 1 and No. 2 spots.

One in every 30 Stockton households received a foreclosure filing during the quarter — 6.6 times the national average — and one in every 38 Riverside-San Bernardino households received a foreclosure filing during the quarter — more than five times the national average. Other California metro areas in the top 20 included Bakersfield at No. 4, Sacramento at No. 5, San Diego at No. 9, Oakland at No. 10, Fresno at No. 12, Los Angeles at No. 17 and Orange County at No. 19.

Las Vegas documented the third highest metro foreclosure rate, with one in every 44 households receiving a foreclosure filing during the quarter. The metro area’s foreclosure activity increased 1 percent from the previous quarter and 134 percent from the first quarter of 2007.

Detroit foreclosure activity in the first quarter decreased 22 percent from the previous quarter and was down almost 4 percent from the first quarter of 2007, but the metro area’s foreclosure rate still ranked No. 6, with one in every 68 households receiving a foreclosure filing during the quarter. Phoenix foreclosure activity increased 46 percent from the previous quarter and 294 percent from the first quarter of 2007, and the metro area’s foreclosure rate ranked No. 7, with one in every 70 households receiving a foreclosure filing during the quarter.

The highest ranked Florida metro area was Fort Lauderdale, which ranked No. 8 with one in every 73 households receiving a foreclosure filing during the quarter. Other Florida metro areas in the top 20 included Orlando at No. 13, Miami at No. 14 and Sarasota-Bradenton-Venice at No. 15. The foreclosure rate in Tampa-St. Petersburg-Clearwater ranked No. 21.

Other metro areas with foreclosure rates among the top 20 included Denver at No. 11, Atlanta at No. 16, Cleveland at No. 18  and Memphis, Tenn., at No. 20.

 

 

 

 

 

RealtyTrac Inc

Year-to-Year

Home Foreclosures

2007

Total Foreclosure Filings activity

2,203,295

% Change from 2006
+74.99% (Y/Y)

% Change from 2005
+148.83% (Y/Y)

Total Properties with Filings

1,285,873

% Household (Foreclosure Rate)

1.033%

of all U.S. households were in some stage of foreclosure during the year,

up from 0.58% in 2006

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/home_pignoramenti_year_to_year_foreclosures_realty-trac_2007.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/home_pignoramenti_year_to_year_foreclosures_realty-trac_2007_1.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/06/home_pignoramenti_montly-foreclosures_realty-trac_2005_2006_2007_2008.jpg

 

 

 

 

For all of 2007, there were 850,912 U.S. bankruptcy filings, up 38 percent from 2006

 

The all-time high of more than 2 million consumer bankruptcy filings occurred in 2005, just before the federal bankruptcy law was reformed to make it more difficult for consumers to discharge their debt under Chapter 7 of the law. The reforms also increased debt payments required under Chapter 13 filings and eliminated some protections such as delaying housing evictions or delaying child support proceedings.

Under current Chapter 13 bankruptcy law, a judge may restructure most of a consumer’s loans ranging from credit cards to car payments, but may not modify a secured debt such as a home mortgage.

Bankruptcy filings made under Chapter 7 allow a consumer or business to liquidate assets to pay off creditors.

Chapter 11 filings are made by companies seeking to reorganize and pay debts while staying in business

 

 

 

 

 

 

 

Banche – Esuberi – Perdite e Svalutazioni – Riforme Istituzionali

 

Vedi soprattutto:

The Final U.S. Growth Package

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2008/01/29/the-final-us-growth-package/#more-1582]link-The Final U.S. Growth Package [/url]

 

The delinquency rate & The New foreclosures (I Pignoramenti)

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/12/07/the-delinquency-rate-the-new-foreclosures-i-pignoramenti/]link-The delinquency rate & The New foreclosures (I Pignoramenti) [/url]

 

Le maggiori banche – sostengono gli analisti – hanno già tagliato il 5-10% della propria forza lavoro, e tagli simili dovrebbero verificarsi nei prossimi mesi.

Le società di Wall Street, colpite da perdite e svalutazioni legate alla crisi del settore ipotecario, hanno tagliato oltre 34.463 posti di lavoro negli ultimi nove mesi da luglio 2007 a marzo 2008, solo fra luglio e dicembre 2007 sono stati eliminati quasi 17.000 posti di lavoro (Citigroup, Lehman Brothers e Morgan Stanley hanno annunciato riduzioni di organico rispettivamente di 6.200 unità, 4.990 e 2.940).

 

Gli analisti prevedono che l’industria bancaria americana tagliera’, nel corso dei prossimi 12-18 mesi, circa 200.000 posti di lavoro. E’ il ridimensionamento più marcato dai tempi dello scoppio della bolla internet nel 2001, quando furono eliminati 39.800 posti per poi arrivare a 90.000 esuberi nell’arco dei due anni successivi, secondo le cifre della Securities Industry and Financial Markets Association. Banche a case di brokeraggio avevano iniziato a ridimensionare gli organici negli uffici specializzati in prestiti immobiliari già a luglio scorso, quando la crescita delle insolvenze nel segmento del credito subprime ha innescato un deterioramento dei prezzi dei titoli collegati a questa tipologia di mutui a rischio.

Gli analisti prevedono forti riduzioni del personale nel settore finanziario e creditizio anche in ruoli non connessi con i mutui subprime.

Banche ed Esuberi annunciati dalle maggiori banche e società di brokeraggio dall’inizio del tracollo  dei mutui subprime da luglio 2007:

 

 

Citigroup 6.200

Lehman Brothers 4.990

Bank of America 3.650

Morgan Stanley 2.940

Washington Mutual 2.600

Merrill Lynch 2.220 HSBC 1.650

Bear Stearns 1.550

WestLB 1.530 UBS 1.500

Goldman Sachs 1.500

National City 900

Credit Suisse 820

Royal Bank of Canada 500

Fortis 500

Wells Fargo 500

Wachovia 443

Deutsche Bank 370

JPMorgan Chase 100

TOTALE 34.463

 

 

 

Perdite e svalutazioni

 

MUTUI: ANALISTI, E’ LA MAGGIOR CRISI BANCARIA DA 30 ANNI – Per le banche la crisi avviata con il tracollo del credito immobiliare statunitense ad alto rischio sarà la più grave da 30 anni a questa parte, più drammatica del cosiddetto ‘Black Monday’ del 1987, del crollo dei mercati asiatici del 1998 e dello scoppio della bolla sui titoli tecnologici del 2001. E’ questo il parere degli analisti di Morgan Stanley e di Oliver Wyman, che hanno messo a punto un ‘report’ congiunto su questa crisi.

  • Il crollo del mercato dei mutui ipotecari ad alto rischio negli Usa e la conseguente crisi del credito hanno determinato perdite e svalutazioni per almeno 332 miliardi di dollari fra i maggiori istituti finanziari del mondo. Secondo gli analisti, le banche dovranno registrare ulteriori perdite: Questa crisi è decisamente peggiore rispetto a quella del 2001 e non sappiamo quanto durerà.

  • Secondo gli analisti, le svalutazioni ulteriori nel 2008 ammonterebbero a circa 75,0 miliardi di dollari oltre quelle sin qui gia’ in atto e pari a  232,0 miliardi di dollari da  inizio del 2007 – Gli operatori hanno accolto tali indicazioni come segnale di possibile raggiungimento della parte finale della fase di svalutazioni o comunque della maggiore facilità di raccolta di capitali sui mercati da parte del sistema finanziario, tale da rendere meno temibili eventuali svalutazioni future.Il termometro delle svalutazioni continua a salire. La classifica delle singole banche vede Ubs al primo posto con, complessivamente 27 miliardi di svalutazioni, seguono Citigroup e Merrill Lynch, rispettivamente con 21,2 e 19,4 miliardi.

     

  •  

  • Ecco di seguito la classifica delle banche per svalutazioni

    BANCA SVALUTAZIONI IN MILIARDI DI DI DOLLARI

    Ubs 27,9

    Citigroup 21,2

    Merrill Lynch 19,4

    Morgan Stanley 12,9

    Deutsche Bank 7,12

    Bank of America 5,68

    Rbs 5,621

    Credit Suisse 4,859

    Societe Generale 3,775

    Goldman Sachs 3,700

 

 

 

I ricavi per le banche d’ investimento secondo gli analisti sono destinati a contrarsi del 20% quest’ anno. Già questo mese potrebbero inoltre evaporare gli utili conseguiti nei sei trimestri precedenti, con la conseguenza che la crisi diverrebbe ancora più grave di quella degli anni ’80 sul mercato delle cosiddette obbligazioni-spazzatura che mando’ a rotoli Drexel Burnham Lambert. I ricavi bancari derivanti dall’ attività creditizia inoltre secondo il ‘report’ dovrebbero calare fino al 60,0% e le aziende dovranno fornire un maggiore livello di trasparenza agli investitori che rilevano i loro prestiti.

 

Mutuatari in difficolta’: solo l’ 8% in ritardo

 

NEW YORK, 28 MAR – “Il 92% degli americani nei tempi fissati ha pagato la rata del proprio mutuo” e solo l’ 8% in ritardo, e che quindi ha problemi nel far fronte ai pagamenti, l’ attuale “maggiore preoccupazione”; “c’ è bisogno di un grande sforzo” per aiutare coloro che sono in crisi. Lo ha detto, in un’ intervista alla Cnn, il segretario al Tesoro americano Henry Paulson, sottolineando che il pacchetto di stimolo fiscale avrà effetti positivi e contribuirà alla creazione di 500.000-600.000 posti di lavoro quest’ anno. Paulson ha respinto le critiche verso il governo per i fondi concessi alle banche e alle istituzioni finanziarie in difficoltà: è importante – ha sottolineato – che il governo supporti le banche e le istituzioni finanziarie, in quanto i fondi delle banche creano occupazione e servono ai consumatori per ottenere prestiti. “Mercati stabili e ordinati – conclude Paulson – sono molto importanti”.

FMI: Intanto peggiorano le previsioni ufficiali sulla crisi finanziaria. Il Fondo monetario internzionale calcola che

  • la caduta dei prezzi immobiliari negli Usa (con perdite pari a circa $65 miliardi),

  • l’ammontare dei mutui non pagati (con perdite pari a circa $500 miliardi),  la caduta dei prezzi immobiliari negli Usa e l’ammontare dei mutui non pagati potrebbe portare a perdite globali per 565 miliardi di dollari’,

  • alle quali si aggiungerebbero altre perdite (pari a circa $380 miliardi) di prestiti e titoli legati al real estate commerciale,

potrebbero portare a perdite globali kolossal pari a circa $945 miliardi

E’ ormai chiaro che le turbolenze attuali non sono solo un fenomeno legato alla liquidita’, ma si spiegano con la fragilita’ dei bilanci e i deboli capitali di base. Il che significa che i suoi effetti possono essere piu’ generalizzati, profondi e prolungati’, constatando come gli interventi della Fed e della Bce hanno contribuito a ridurre la volatilita’ dei tassi di interesse sul mercato monetario. Pur apprezzando il ruolo giocato dalle maggiori banche centrali, il Fmi invita gli istituti a riflettere sulle modalita’ della concessione del credito. In particolare, dovrebbero fissare dei principi di valutazione delle garanzie per evitare i rischi di rarefazione del credito e di liquidita’. Dovrebbero poi – aggiunge il Fondo – costituire, “in periodi normali, una platea di controparti bancarie ammesse a ricevere liquidità nei periodi difficili”. Inoltre “le banche centrali devono assicurarsi un accesso continuo alle informazioni sulle diverse banche per poter così giudicare in tutta indipendenza la salute delle potenziali controparti. E’ necessario rafforzare lo scambio di informazioni e il coordinamento a livello internazionale”.

Il gruppo di lavoro sui mercati finanziari della Casa Bianca (Pwg), ha proposto a metà marzo un ambizioso piano di riforma della regolamentazione finanziaria per evitare il ripetersi di una crisi come quella attuale.

 

 

MUTUI USA

SI E’ DIMESSO IL MINISTRO DELLA CASA

PIANO PAULSON

I PUNTI DELLA RIFORMA

A FED PIU’ AMPI POTERI PER STABILITA’ MERCATI – SORVEGLIANZA ANCHE SU HEDGE FUND

ADDIO SEC, FUSIONE CON CFTC

Il piano svelato dal segretario al Tesoro Henry Paulson

– 31 marzo 2008 –

 

Henry Paulson proposed the broadest overhaul of U.S. financial regulation since the Great Depression, saying American capitalism needs to be better prepared for “inevitable market disruptions.”

 

Già la crisi dei mutui ‘subprime’ ha messo in forte risalto il vuoto di efficaci poteri di vigilanza sulla moltiplicazione di strumenti finanziari ad alto rischio. Ora le terapie di contrasto stanno ingenerando l’inquietante sensazione che a guidare la danza non siano le autorità di controllo – Fed in testa – ma ancora e sempre gli stessi soggetti che sono all’origine del disastro. Al punto che sono sempre costoro anche ad arrogarsi il potere di stabilire quali dosi di verità contabili si possono rendere di pubblico dominio, dunque quali dosi di verità siano compatibili con la conservazione della loro forza di condizionamento sulle scelte delle pubbliche autorità. Una Fed ostaggio degli avventurieri della finanza è quanto di peggio ci si possa aspettare

Gli Stati Uniti reagiscono alla profonda crisi finanziaria e varano il più importante progetto di riforma del sistema dei controlli finanziari dalla Grande Depressione a oggi,  il varo della «SuperFed»: la Federal Reserve dovrebbe diventare il grande guardiano della stabilità dei mercati con poteri molto più estesi di quelli attuali. Con la riforma (che dovrà essere approvata dal Congresso e che di certo non vedrà la luce sotto Bush) la Sec, l’autorità di borsa, ne uscirebbe ridimensionata: un’unica autorità per mercati sempre più intrecciati tra loro.

Il ministro della Casa dell’ amministrazione Bush, Alphonso Jackson, ha annunciato le dimissioni a pochi minuti dal discorso del ministro del Tesoro Henry Paulson sul piano per affrontare la crisi finanziaria scaturita dalla crisi dei mutui immobiliari. Le dimissioni, che decorreranno il 18 aprile, fanno sì che l’amministrazione Bush perda un ‘player’ importante nella gestione dell’emergenza casa. Jackson, che ha 62 anni, era finito sotto inchiesta del Dipartimento della Giustizia per aver appaltato vantaggiosi contratti ad amici. Il suo mandato era esordito tra le controversie: nel 2004, due mesi dopo esser stato confermato dal Senato, il neo-ministro aveva dichiarato in Congresso che a suo avviso la povertà era “uno stato d’animo”. Nel 2006 aveva ammesso di aver cancellato un contratto appaltato a una società dopo che il suo presidente gli aveva detto che non amava Bush.

Secondo Paulson, La riforma  non è una risposta alle attuali turbolenze finanziarie, per le quali “non è né giusto né corretto accusare l’attuale sistema di regolamentazione”. “Un sistema finanziario forte è di vitale importanza, non per Wall Street, non per le banche ma per tutti gli americani” ha esordito Paulson illustrando le linee guida del progetto. “Dobbiamo avere una struttura più adatta ad affrontare i cambiamenti e che ci consenta di gestire gli inevitabili dissesti dei mercati e di proteggere meglio investitori e risparmiatori”, dicendosi fiducioso nella “ripresa, flessibilità e forza della nostra economia e dei nostri mercati finanziari”. “La nostra priorità – ha aggiunto – è quella di uscire dalle turbolenze sui mercati e dalla crisi immobiliare, che al momento è il maggiore rischio per l’economia statunitense. Le raccomandazioni contenute nella riforma non dovranno né saranno messe in atto prima che le attuali difficoltà siano superate”. “Un piano ambizioso che modernizzerà il datato sistema delle autorità di regolamentazione finanziaria americane, che risale ai tempi della Grande Depressione e, quindi, non è in grado di rispondere in modo adeguato alle esigenze moderne.

A questo punta il disegno di legge, ovvero il vasto progetto di riforma presentato al Congresso dal segretario al Tesoro Henry Paulson, un documento di 218 pagine che ridisegna l’architettura del sistema regolatorio, e che prevede il ridisegno di tutto il sistema di controlli sui mercati e sugli stessi attori finanziari, in primo luogo le banche. In particolare, lo scenario ottimale delineato dalla riforma, che impiegherà degli anni ad essere approvato e che accenderà una dura battaglia politica, stabilisce 4 grandi punti regolatori e si basa su misure a breve, medio e lungo termine:

 

  1. MISURE A BREVE TERMINE: Fed come “regolatore della stabilità del mercato”, un ampliamento dei poteri di supervisione della Fed, in base al quale la Fed potra’ vigilare sui rischi che gravano “sull’intero settore finanziario”, di cui fanno parte anche le compagnie d’assicurazione, le banche d’investimento, società di brokeraggio, e gli hedge fund, che dopo aver trascorso anni al riparo dello sguardo governativo, si troveranno sotto la sorveglianza federale. L’attuale normativa consente alla Fed di vigilare solo sulle banche commerciali. Modernizzare il gruppo di lavoro della Casa Bianca sui mercati finanziari. E’ inoltre prevista la soppressione dell’Office of Thrift Supervision, l’organismo incaricato di supervisionare i prestiti e i depositi delle casse di risparmio. Rafforzare la Fed per ottenere quindi informazioni da parte delle banche prima che queste abbiano accesso ai suoi prestiti. Istituire una commisione di sorveglianza sui prestiti ipotecari al fine di “proteggere meglio i consumatori. Compito della commissione è quello di supervisionare il sistema ipotecario in ognuno degli stati americani e fissare i criteri per l’attribuzione delle licenze. La Banca centrale diverrà quindi “regolatore della stabilità del mercato” ma – ha precisato Paulson – questo non le consentirà di avere mano libera: la Fed, infatti, avrà potere sulle società di Wall Street, ma solo quando queste adotteranno pratiche che potrebbero mettere a rischio l’intero sistema finanziario. Riformare il sistema – ha spiegato Paulson – non significa inasprire le regole: “Non ho mai detto che la risposta passa per una maggiore regolamentazione”. Con un lungo trascorso in Goldman Sachs, Paulson si è sempre dimostrato attento alle richieste delle istituzioni finanziarie, che si lamentano del peso delle norme vigenti.

  2. MISURE A MEDIO TERMINE: fusione tra la Sec ed il Cftc, la Commodity Futures Trading Commission, ossia l’autorità di regolazione dei mercati delle materie prime, l’organo di controllo sugli scambi dei futures delle materie prime sui mercati – La Sec finisce sotto la lente del Government Accountability Office (Gao), l’agenzia che fa capo al Congresso che sovrintende sulla spesa dei fondi pubblici, dopo l’interrogazione dei senatori Jack Reed E Chris Dodd sull’adeguatezza dello staff e delle risorse della commissione per svolgere i compiti che le sono assegnati. Reed e Dood hanno chiesto al Gao di esaminare la divisione della Sec che indaga sulle possibili violazioni e sulla legislazione della Borsa. Si tratta della seconda richiesta avanzata da parte un membro del Congresso Usa in 18 mesi sull’attività della divisione della Sec. Lo scorso anno il Gao ha svolto delle indagini su questa divisione e ha effettuato una serie di raccomandazioni alla Sec sul modo di condurre le proprie indagini.

  3. MISURE A LUNGO TERMINE: creazione del nuovo organismo di controllo per il comparto finanziario,  il Prudential Financial Regulator, che avrà la supervisione delle banche commerciali. Creazione del nuovo organismo di controllo per il settore aziende, il Corporate Finance Regulator. E creazione del nuovo organismo che avrà la responsabilità sulla salvaguardia dei consumatori, il Business conduct regolator;

  4. ulteriori misure in aiuto dei mutuatari in difficoltà tra cui la rimodulazione dei mutui che prevederebbe in parte anche una parziale cancellazione del debito residuo.  E’ stato raggiunto al Senato Usa un accordo di massima bipartisan per scrivere una legge per affrontare il problema dei pignoramenti. La nuova norma che dovra’ essere scritta potrebbe prevede che, in caso di ricorso, il giudice possa bloccare il pignoramento di una casa da parte della banca.

 

 

FED: WSJ; ALLO STUDIO MISURE EMERGENZA SOSTEGNO LIQUIDITA’ – La Federal Reserve ha allo studio misure di emergenza a sostegno della liquidità qualora i ripetuti, recenti tagli del costo del denaro e gli altri interventi adottati dovessero risultare insufficienti. Le indiscrezioni riportate dal Wall Street Journal sono state nella sostanza confermate da una fonte ufficiale della Federal Reserve. La banca centrale statunitense è fino ad oggi intervenuta con una tipologia ampia di operazioni per fronteggiare la situazione di dissesto provocata dalla crisi dei mercati finanziari. Oltre ad aver abbassato a più riprese e massicciamente i Fed Funds, la banca centrale ha agito sulla riduzione del tasso di sconto ed organizzato una serie di aste straordinarie, anche con il concorso di altre banche centrali.

  • La prossima mossa potrebbe essere quella di utilizzare un surplus di fondi pubblici, facendoli confluire in un deposito ‘ad hoc’, da utilizzare per comprare Treasury, cioé titoli del Tesoro, da assegnare poi alle banche più in difficoltà in cambio di asset meno sicuri, come è avvenuto del resto a proposito del recente salvataggio di Bear Stearns. Quindi un incremento da parte del Tesoro dei finanziamenti destinati alla copertura delle spese governative; l’ eccedenza verrebbe depositata proprio presso la Fed. L’ ipotesi su cui si lavora in prima istanza è appunto quella di far confluire alla Fed le risorse in eccesso del Tesoro statunitense. Questi stessi fondi, da allocare in un deposito distinto da quello in cui confluiscono i depositi delle banche commerciali, verrebbero utilizzati dalla banca centrale (Fed) per acquisire a sua volta titoli di Stato, da assegnare poi alle banche più in difficoltà in cambio di asset meno sicuri. Una soluzione di questo tipo permetterebbe inoltre di evitare una discesa dei tassi di riferimento, cioé i Fed Funds, come conseguenza della crescita dei fondi accantonati a riserva.

  • Oltre a questo, sempre il Tesoro potrebbe vendere debito a nome della Fed anziché in proprio.

  • Infine, si potrebbe anticipare la riforma prevista per il 2011 in base alla quale dovranno essere pagati interessi sulle riserve delle banche commerciali. Il Wsj precisa peraltro che si tratta di decisioni non imminenti.

 

 

U.S. Senate Backs Legislation to Stem Housing Foreclosures

 

Lawmakers are debating how best to address a wave of housing foreclosures amid the worst housing slump in a quarter century. Foreclosures jumped 60 percent in February after reaching a record rate in the fourth quarter of 2007.

The U.S. Senate, seeking to address the housing crisis blamed for the nation’s economic slowdown, approved for legislation providing during the next 18 months a $24 billion plan that focuses new tax cuts worth about $18 billion and new tax breaks worth about $6 billion, spending increases and other forms of assistance to individual homeowners, for home builders, banks and other businesses affected by the subprime mortgage debacle.

The Senate measure would provide aid to states, especially those with large numbers of unoccupied properties, while providing new tax breaks for those who buy foreclosed homes. In addition, it would allow 28 million Americans who don’t itemize their tax returns to claim a property-tax deduction.

The bill would raise the Federal Housing Administration’s loan limit to $550,000, boost funding for mortgage-counseling programs and tighten loan-disclosure requirements. The bill’s supporters said the plan would help stem the recent wave of housing foreclosures.

The House Ways and Means Committee approved legislation yesterday offering what amounts to a $7,500 loan to first-time homebuyers.

 

 

MUTUI:FREDDIE MAC E FANNIE MAE, ALLENTATI RATIOS PATRIMONIALI 

 

Le autorità statunitensi – L’Office of Federal Housing Enterprise Oversight (OFHEO)  – che supervisionano l’attività di Fannie Mae e Freddie Mac vengono in soccorso dei due colossi del credito immobiliare a garanzia pubblica travolti dalla crisi dei mutui subprime.

Nel frattempo l’OFHEO (Office of Federal Housing Enterprise Oversight) ha rimosso i limiti di crescita sul portafoglio di Fannie Mae e Freddie Mac, imposti nel 2006 dopo la rilevazione di errori contabili per 11,3Mld$. La rimozione di tali limiti dovrebbe consentire alle due società di poter acquistare sul mercato obbligazioni collegate ai prestiti ed ai mutui, contribuendo ad aumentare la liquidità di tali titoli.

 

Finora i prezzi sono scesi del 10% circa

 

Fannie Mae e Freddie Mac tradizionalmente operano comprando mutui dalle banche che vengono successivamente cartolarizzati e collocati presso gli investitori. Negli ultimi tempi peraltro anche le obbligazioni emesse da questi due colossi hanno registrato un brusco abbassamento del loro valore, con la conseguenza di aggravare le gia’ drammatiche tensioni sui mercati finanziari e paralizzare ancora di piu’ il mercato immobiliare.

Il governo americano viene in soccorso di Fannie Mae e Freddie Mac, i due colossi del credito immobiliare a garanzia pubblica travolti dalla crisi dei mutui subprime. Le autorità statunitensi (Office of Federal Housing Enterprise Oversight) che supervisionano l’attività di Fannie Mae e Freddie Mac dovrebbero annunciare oggi un “accomodamento” che prevede di allentare la regolamentazione sui ratios patrimoniali in modo da poter consentire alle due agenzie governative di iniettare liquidità per circa 200 miliardi di dollari addizionali di prestiti nel mercato dei mutui. L’accordo consente a Freddie Mac e Fannie Mae di ridurre di un terzo i requisiti patrimoniali, che finora prevedevano un accantonamento extra del 30%. Come conseguenza dell’allentamento delle regole di capitalizzazione decise oggi dagli organi competenti che hanno competenze sulle due agenzie, e’ stato abbassato il requisito di capitale in eccesso richiesto fino ad oggi ai due colossi per la loro operativita’, che scende dal 30% al 20%. Come conseguenza, Fannie Mae e Freddie Mac sono state autorizzate a comprare un numero addizionale di mutui, in modo da rivitalizzare il mercato. La stessa Authority ha aggiunto che ha in programma di prendere in considerazione in futuro ulteriori riduzioni ai limiti nell’ operativita’ delle due Agenzie.

Gia’ nei giorni scorsi gli organi di controllo avevano rimosso le restrizioni sulle dimensioni del portafoglio delle due societa’ alzando di fatto il tetto massimo agli investimenti.

 

MUTUI: MORATORIA PIGNORAMENTI CONTRO CRISI

 

La Casa Bianca e le 6 banche americane Tra le prime, Bank of America, Citigroup , JP Morgan Chase, Countrywide Financial, Washington Mutual e Wells Fargo (che coprono circa il 50% del mercato dei mutui Usa) affrontano la crisi dei mutui: è di oggi l’annuncio del nuovo piano ‘Project Lifeline’, lanciato e sponsorizzato dal Tesoro e dal dipartimento della Housing and Urban Development, la ciambella di salvataggio che offre una moratoria di un mese sui pignoramenti in attesa della rinegoziazione del mutuo a chi non riesce più a pagare il mutuo.Sarà prevista una pausa di 30 giorni del procedimento di pignoramento per coloro con più di 90 giorni di arretrati nei pagamenti per consentire alle istituzioni di valutare la condizione personale dei clienti e determinare se saranno in grado di pagare sotto nuove condizioni contrattuali, e riceveranno una lettera dalla banca, in cui vengono spiegate le procedure per interrompere il processo di pignoramento. I destinatari avranno 10 giorni per rispondere e fornire ulteriori informazioni finanziarie, in modo da consentire alla banca di valutare modalità di rimborso alternative. Il piano è rivolto a coloro che rientrano nella categoria subprime, Alt-A e prime. Sono esclusi coloro già in bancarotta.

Lo hanno detto a Washington il segretario per lo Sviluppo urbano, Alphonso Jackson, e il segretario del Tesoro, Henry Paulson, artefice del piano chiamato ‘Project Lifeline’. Tutte e sei fanno parte di ‘Hope Now’, l’alleanza di istituti di credito, associazioni imprenditoriali e avvocati formata lo scorso anno per evitare una corsa ai pignoramenti che avrebbe finito per travolgere l’intero mercato immobiliare.

CRISI SUBPRIME: BUFFETT AL SALVATAGGIO – Il ‘guru’ della finanza statunitense Warren Buffett si è offerto come garante per le obbligazioni emesse dalle amministrazioni locali ( municipal bonds più sicuri considerata la tradizionale affidabilità di questa tipologia di emittenti, i quali ricorrono ai ‘bond insurer’ per collocare i titoli a costi particolarmente contenuti) assicurate dai colossi in difficolta’ MBIA Inc., Ambac Financial Group Inc. and FGIC Corp. principali societa’ assicuratrici di emissioni obbligazionarie che attualmente sono alle prese con la grave crisi innescata dal tracollo del credito subprime relativa al finanziamento del debito sui bond municipali delle societa’. I titoli del comparto sono schizzati al rialzo, ma non e; ancora chiaro se l’affare andra’ in porto o meno: l’offerta infatti non prevede la copertura del debito legata ai CDO o ad altri veicoli d’investimento a maggior rischio.  MBIA – secondo quanto riferisce Bloomberg – ha respinto l’ offerta di Buffett mentre gli altri due cosiddetti ‘bond insurer’, cioé società specializzate nell’ assicurazione delle emissioni obbligazionarie, non hanno ancora risposto. Buffett ha infatti intenzione di far pagare loro, per la riassicurazione dei bond, circa il 50% in più rispetto ai premi che ricevono. Warren Buffett ha offerto il rifinanziamento dei bond municipali emessi da ABK, MBI e FGIC per un totale di $800 billion. Buffett’s Berkshire Hathaway Inc. would put up $5 billion as part of the plan that would exclude subprime-related obligations.

  • AMBAC DICE NO A OFFERTA BUFFETT – Ambac Financial, una delle società specializzate nell’ assicurazione delle emissioni obbligazionarie, ha detto di no all’ offerta del ‘guru’ della finanza statunitense Warren Buffett che ieri si è detto disposto a mettere sul piatto $800 billion per rilevare le garanzie prestate sui bond emessi dalle amministrazioni locali. La proposta di Buffett se fosse stata accolta in ogni caso avrebbe obbligato Ambac a pagare circa 4,5 miliardi di dollari per ‘passare’ le garanzie sui bond a Berkshire Hathaway, la holding del ‘guru’ della finanza.

  • Buffett alla fine dello scorso anno aveva ottenuto la licenza per operare come assicuratore del settore delle emissioni obbligazionarie, attraverso la holding di riferimento del suo gruppo, cioé Berkshire Hathaway. Le società specializzate in questo ramo sono attualmente più che mai nel mirino, come conseguenza appunto della crisi innescata dal tracollo del credito immobiliare statunitense ad alto rischio. La prospettiva è infatti quella di un abbassamento del rating generalmente di tripla A di cui godono attualmente i ‘bond insurer’, uno scenario che potrebbe avere conseguenze letali per l’ intero comparto dei bond, considerata l’ enorme mole – circa 2,4 trilioni (il trilione equivale a mille miliardi) di dollari – di obbligazioni coperte da garanzie. The bond insurers lend their AAA stamp to $2.4 trillion of debt, and are sitting on losses of as much as $41 billion. Buffett ha quindi individuato proprio in questo settore estremamente a rischio una possibile fonte di profitti. Almeno

 

 

La verità è che a essere in default sono in questo momento solo il 18 per cento dei mutui subprime concessi nel 2006. Continuano invece a performare regolarmente, oltre all’82 per cento dei subprime del 2006, quasi tutti i subprime degli anni precedenti, quasi tutti i subprime (concessi con standard rigorosi) del 2007 e quasi tutti i non subprime del 2007.

  • In realtà pero’ è l’intero indebitamento delle famiglie, non solo in America ma anche in Europa e Asia, ad essere a livelli storicamente molto alti. Questo significa che la capacità complessiva di pagare i mutui è più bassa di quella che appare dai modelli.

  • Oltre che allargare il discorso a tutto il credito al consumo, gli economisti vedono anche le retroazioni della crisi dei mutui sulla crescita, con un effetto di avvitamento. La verità degli economisti è che le banche, nel presentarsi al di sopra di ogni sospetto, sembrano non tenere conto del fatto che i prezzi delle case scenderanno ancora (e a lungo), che i tassi sui mutui hanno appena iniziato a salire (l’adeguamento è molto lento e i ribassi dei tassi di policy da agosto in qua si rifletteranno sui mutui solo a partire dalla fine del 2008) e che i default continueranno ad aumentare.

  • C’ è poi la verità dei fautori del mark to market, quelli che invocano la trasparenza tutta e subito, senza se e senza ma. Molti sono animati da buone intenzioni e vedono con favore l’arrivo di due norme (la Fasb 157 negli Stati Uniti e Basilea 2 in tutto il mondo) che imporranno alle banche di valutare i cosiddetti asset di livello 3 (quelli meno liquidi) a prezzi di mercato.

 

Ancora più cupa è la verità dei mercati. La loro valutazione attuale degli strumenti che contengono mutui assume implicitamente un tasso di default sull’annata 2006 compreso tra il 40 e il 50 per cento e proietta ombre inquietanti anche sulle altre annate e sui mutui non subprime.

Mutui: Usa, +93% rispetto all’anno precedente mancati pagamenti luglio – Crisi per il settore immobiliare Usa:a luglio sono state 179.599 le notifiche per mancati pagamenti delle rate di mutui +93% su base annua. Nevada, California, Florida, Michigan, Ohio e Georgia valgono piu’ della meta’ del totale. Lo rileva uno studio di RealtyTrac, societa’ di consulenza immobiliare, in base al quale su base mensile l’aumento delle insolvenze e’ del 9%, rispetto alle 164.644 unita’ di giugno. In termini percentuali, un proprietario su 693 ha difficolta’ nei pagamento.

 

 

MUTUI: PIANO PAULSON PUNTA A CONGELAMENTO TASSI PER 5 ANNI

 

Misure anti-pignoramenti di Bush, aiuto ai proprietari, no a speculatori. I beneficiari del piano di aiuti sui mutui potrebbero toccare le 1,2 milioni di unita’. Il piano di emergenza sui mutui studiato dalla Casa Bianca per contenere l’impatto della crisi dei mutui, ovvero le autorità federali statunitensi e gli istituti specializzati nell’erogazione di prestiti immobiliari negli Usa, prevede il congelamento per 5 anni dei tassi variabili sui mutui ipotecari subprime ( la durata del periodo a ‘tassi bloccati’ sarebbe quindi più lunga rispetto ai due-tre anni indicati ad esempio da Fannie Mae, una delle due agenzie semigovernative che erogano prestiti a tassi agevolati) mirato a limitare il numero dei pignoramenti delle abitazioni.  I mutui subprime oggetto di congelamento quinquennale sarebbero quelli erogati tra il primo gennaio 2005 e il 31 luglio 2007.

Il programma permettera’ ad oltre 1,2 milioni di famiglie americane di rifinanziarie il proprio mutuo o godere di tassi piu’ vantaggiosi in modo tale da poter continuare a ripagare il debito senza incorrere nel rischio di perdere le proprie abitazioni. Il progetto favorisce la rinegoziazione dei mutui stessi contando sulla partecipazione attiva delle amministrazioni statali e locali che emetterebbero obbligazioni allo scopo di reperire risorse, e di rifinanziarie il proprio mutuo.

  • MUTUI: BANCHE RIDUCONO PROPRIE QUOTE IN SUPERFONDO SIV – Starebbero riducendo le proprie quote le tre maggiori banche statunitensi coinvolte nel cosidetto “SuperSIV”, il superfondo da circa 80 miliardi di dollari che punta a fronteggiare la gelata del mercato del credito a breve termine seguita dalla crisi dei mutui subprime. Lo scrive il Wall Street Journal che cita fonti vicine alla vicenda, secondo cui al superfondo sarebbero interessate meno banche di quanto previsto e di conseguenza l’ammontare complessivo del fondo ora rischia di essere dimezzato. Citigroup, Bank of America e JPMorgan Chase sono le tre maggiori banche Usa che hanno aderito al superfondo caldeggiato dal segretario al Tesoro Usa, Henry Paulson, per il ‘salvataggio’ dei veicoli d’investimento nel credito strutturato (Siv) e il rilancio del mercato dei ‘commercial paper’.

  • Secondo Fannie Mae, agenzie di prestiti immobiliari, nel 2008 i prezzi delle case subiranno un calo del 5%. Nel 2007 i prezzi delle case subiranno un calo del 3%.

 

 

MUTUI: LA VERITA’ SUL PIANO BUSH

 

I tassi di mercato in rialzo sulla scia del recupero dei listini azionari spinti dall’ ufficializzazione del piano a sostegno dei mutuatari in difficoltà. Il piano potrebbe interessare fino a 1.2 milioni di famiglie ma concretamente arriverebbe a coprire circa 600.000 famiglie pari a circa il 30% del totale dei detentori di mutui subprime a tasso variabile che registrerà un reset della rata nei prossimi due anni. Il piano si compone di tre possibili opzioni:

  1. 1) congelamento del tasso variabile per cinque anni;

  2. 2) conversione in una nuova tipologia di mutuo;

  3. 3) ottenimento di una garanzia da parte della Federal Housing Administration.

 

 

Nel frattempo non si arresta il calo delle asset backed commercial paper, il cui ammontare è diminuito per la diciassettesima settimana consecutiva.

Inoltre il tasso di morosità sui mutui è arrivato a toccare il massimo degli ultimi 20 anni nel terzo trimestre.

Continuano inoltre ad arrivare notizia di consolidamento degli asset di Siv nei bilanci delle banche sponsor.

E ora gli americani, in quella che chiamano ormai alphabet soup, hanno scoperto una nuova sigla: dopo le collateralized debt obligation (Cdo), gli structured investment vehicles (Siv), è la volta delle variable interest entities, o Vie.

 

CONTRO CRISI MUTUI SUBPRIME

ACCORDO CITI-BOFA-JPMORGAN

MUTUI: AL VIA SUPERFONDO DA 75 A 100 MLD PER SALVATAGGIO FONDI SIV (Special Investment Vehicle)

SUPERFONDO che ha il nome tecnico di Master Liquidity Enhancement Conduit (M-LEC)

Dopo il congelamento delle rate sui mutui, arriva il SuperSiv. Al termine di settimane di trattative, Bank of America, Citigroup e JPMorgan hanno finalmente trovato la quadratura del cerchio sull’atteso maxi-fondo di salvataggio, visto come ancora di salvezza per evitare il potenziale crollo dei veicoli d’investimento nella finanza strutturata che hanno portato sull’orlo del baratro diversi istituti di credito e fondi speculativi. Con il maxi-fondo le tre banche puntano a raccogliere da 75 a 100 miliardi di dollari, in parte provenienti dalle loro stesse casse, in parte dalle sottoscrizioni delle altre banche che vorranno aderire all’iniziativa. A sostenerle non c’é soltanto la potenza di fuoco finanziaria delle tre maggiori banche statunitensi. C’é anche l’appoggio del segretario del Tesoro americano Hank Paulson, che vuole scongiurare l’impatto distruttivo della potenziale bancarotta di una banca, e che assieme al presidente George Bush ha appena annunciato il congelamento delle rate sui mutui, per evitare una valanga di pignoramenti. E a gestire il SuperSiv, che ha il nome tecnico di ‘Master Liquidity Enhancement Conduit’ (M-LEC), sarà BlackRock, garanzia di credibilità ed esperienza nella gestione dei rischi.

Lunedì mattina inizierà il giro di incontri per raccogliere il massimo possibile di adesioni (e quindi soldi) dagli altri istituti che, a livello globale, vorranno partecipare. Bank of America e soci vogliono arginare la corsa al ribasso del valore degli attivi dei SIV (Special Investment Vehicle), facendoli acquistare da parte del ‘SuperSiv’ per sostenerne i prezzi. I SIV, finiti all’epicentro della crisi de mutui, lucrano su un principio ben noto: prendere in prestito soldi a breve termine, e reinvestirli a lungo. I ‘SIV’ sono veicoli d’investimento che sottoscrivono prodotti della finanza strutturata, spesso garantiti da mutui ad alto rischio come i subprime. Hanno cioé investito miliardi di dollari in titoli garantiti da mutui ad alto rischio come i ‘subprime’, e per finanziarsi si sono indebitati emettendo debito a breve termine chiamato ‘commercial paper’. Da quando è esplosa la crisi dei mutui, però, la scarsità di liquidità che ha colpito i mercati ha lasciato i ‘SIV’ a secco, costringendoli a svendere i titoli (garantiti da mutui ad alto rischio come i subprime) in cui hanno investito, unico modo per ripagare i propri debiti la cui scadenza a breve è diventata una tagliola. Una corsa al ribasso dei prezzi dagli effetti potenzialmente disastrosi: la sola Citigroup gestisce SIV esposti per una cifra pari a 64,9 miliardi di dollari, e fra le agenzie di rating è ormai una gara a chi taglia per primo il voto sulla solvibilità dei SIV. Moody’s, la scorsa settimana, ha detto di avere nel mirino SIV con un’esposizione per oltre 100 miliardi di dollari.

Ma il successo del piano non è garantito. Secondo il Financial Times “il progetto è cattivo quasi come i problemi che intende risolvere”. Perché il maxi-fondo “potrà soltanto comprare titoli ad elevato rating (non quelli garantiti da subprime), senza riuscire ad evitare una svendita di quelli più rischiosi. E perché – scrive il quotidiano della City – “il ‘rischio sistemico per le banche’ non c’é, visto che la maggior parte di queste attività (SIV che hanno investito in titoli garantiti da subprime) sono nelle mani degli hedge fund, non delle banche”. Il piano dell’amministrazione Bush di mettere un tetto all’aumento dei tassi ipotecari per evitare un’esplosione del numero dei pignoramenti e un’accelerazione della crisi del mercato immobiliare. Questo provvedimento risponde più a logiche di demagogia politica piuttosto che a ragioni economiche. Infatti si stima che ne potrebbero beneficiare circa 300mila famiglie, ben poche rispetto alle famiglie, si stima attorno ai 2 milioni, che sono a rischio di vedersi pignorare la propria casa. Inoltre questo provvedimento ha scarsa influenza sui prezzi delle case che per la prima volta dalla Grande Depressione degli anni Trenta sono in calo in tutti gli Stati dell’Unione per ogni tipologia di oggetto immobiliare.

Complessivamente, le svalutazioni (write-down) operate dai maggiori colossi finanziari mondiali a seguito del collasso legato al credito subprime ammontano a circa 66 miliardi di dollari. Si delineano pertanto tre filoni di soluzioni adottate di fronte alle ingenti perdite collegate alla crisi del credito:

  1. consolidamento degli asset dei Siv, ovvero le svalutazioni (write-down) operate dai maggiori colossi finanziari

  2. ricorso a capitali esteri (in prevalenza di fondi sovrani), è una ricapitalizzazione del sistema bancario facendo ricorso ai fondi sovrani dei paesi asiatici e del Medio Oriente

  3. creazione di un veicolo finanziario speciale (chiamato SuperSiv), ricorso al super fondo CONTRO CRISI MUTUI SUBPRIME che ha il nome tecnico di Master Liquidity Enhancement Conduit (M-LEC)  dove parcheggiare i titoli finanziari legati ai mutui subprime per dare tempo alle banche di smaltire le perdite

 

 

FED: COME ALLEVIARE I MERCATI DEL CREDITO

 

Il WSJ riporta due ipotesi di piani alternativi che la Fed potrebbe adottare per alleviare i mercati del credito. La Fed potrebbe

1) concedere prestiti diretti ad istituzioni non bancarie;

2) acquistare il debito di Fannie Mae e Freddie Mac oppure obbligazioni MBS garantite dalle due società, che ricordiamo sono sponsorizzate dal governo.

 

 

Intervenire immettendo liquidità

Le Operazioni pronti contro termine

 

Intervenire immettendo liquidità  significa che le banche centrali, a tassi agevolati e/o speciali, danno soldi liquidi alle banche commerciali, con un prestito garantito, ricevendo  i loro titoli obbligazionari, a rischio in questo caso dei subprimes, quale garanzia.

E’ la tipica operazione pronti contro termine a tasso speciale e/o agevolato, in cui la Banca Centrale di un paese acquista titoli da una banca e accredita il controvalore sul conto giro di quest’ultima. Simultaneamente, si conviene che la banca riacquisterà i medesimi titoli ad una data prefissata.

Per la durata dell’operazione, la banca commerciale ottiene così dalla Banca Centrale un credito a breve termine in euro per il quale versa un interesse repo. La Banca Centrale riceve i titoli quale garanzia. Sotto l’aspetto economico si tratta dunque di un prestito garantito. La quantità di euro in possesso della banca (liquidità) aumenta durante il periodo convenuto; al suo termine si riduce nuovamente, a meno che la Banca Centrale non rinnovi l’operazione. Inversamente, vendendo titoli contro euro, la Banca Centrale ha la possibilità di ridurre la quantità di euro, cioè la liquidità.

Le operazioni pronti contro termine (o repo, dall’inglese «repurchase agreement») sono attualmente lo strumento di politica monetaria principale delle Banche Centrali per la gestione dei tassi d’interesse a corto termine e  dell’offerta di moneta. E il tasso applicato a queste operazioni chiama in causa cio’ che abbiamo appena visto sopra, ovvero:

Il tasso di sconto, ovvero il saggio al quale la banca centrale (Federal Reserve e Bce nel nostro caso, seppur con meccanismi diversi)  concede prestiti al sistema bancario. Il tasso di sconto ha assunto un’importanza crescente col tempo perché disciplina per l’appunto il saggio cui si applicano i prestiti di emergenza concessi dalla banca centrale al sistema bancario.

Con una differenza sostanziale pero’ tra quanto fatto dalla Fed e quanto fatto dalla Bce, la prima ricorrendo al tasso speciale uguale o superiore al tasso di sconto (the discount rate, il cosiddetto ‘discount window’, oggi al 4%), la seconda ricorrendo al  tasso di sconto fisso (marginal lending rate oggi al 5%), o a quello agevolato o infine talvolta anche al tasso speciale maggiorato

TAF, Term Auction Facility cioé le aste a tasso fisso speciale uguale o superiore al tasso di sconto

La Federal Reserve ha annunciato nel 2008 un rifinanziamento da 30 miliardi di dollari per l’ 11 ed il 25 febbraio prossimi nell’ ambito delle cosiddette TAF, cioé le aste a tasso fisso destinate a sostenere la liquidità sui mercati dopo la crisi innescata dal tracollo legato al credito subprime.

TSLF (Term Securities Lending Facility) – La Fed ha annunciato che offrira’ $200 miliardi in Titoli di Stato attraverso aste che si svolgeranno su base settimanale. Il nuovo strumento annunciato dalla Banca Centrale americana, il TSLF (Term Securities Lending Facility) prevede che come garanzie gli intermediari che hanno accesso alle aste possano offrire anche titoli legati ai prestiti immobiliari, recentemente finiti nel ciclone della crisi del credito.

  • La Fed comunica novità sulle modalità relative ai titoli da dare in garanzia nelle aste e rivede il meccanismo previsto fino a oggi dalle Term Auction Facility (Taf), il cui scopo è di sostenere la liquidità con rifinanziamenti a tasso fisso fatti dietro consegna di un’ampia gamma di titoli in garanzia da parte degli intermediari finanziari. Il meccanismo si basa su aste di cadenza settimanale di assegnazione fino a totali 200 miliardi di dollari ai cosiddetti ‘primary dealers’, con operazioni della durata di 28 giorni, che partiranno dal 27 marzo. I prestiti potranno essere coperti – ed è la vera novità – da titoli del famigerato segmento del settore immobiliare. In questo ambito rientrano appunto strumenti legati ai prestiti immobiliari emessi dalle agenzie governative pubbliche o da privati, con rating di tripla A o di Aaa.

Bernanke, ha spiegato che «oggi la preoccupazione dev’essere la recessione e non l’inflazione». Quindi, via libera a tassi d’interesse reale negativi ovvero al di sotto del tasso d’inflazione che sfiora il 3% (che implicano anche la svalutazione progressiva del dollaro) pur di stimolare l’economia.

  • Le banche statunitensi – a suo giudizio – dovrebbero svalutare ulteriormente i mutui ipotecari sulle abitazioni il cui prezzo e’ diminuito, cosi’ da aiutare chi ha contratto un prestito ad evitare il pignoramento, e perché rinegozino i tassi su base più umana. L’aumento delle confische, che dovrebbe prosequire ancora, rischia di aggravare i problemi del mercato delle abitazioni e dell’economia nazionale.

  • Poi c’è una serie di misure intermedie come l’incoraggiamento ai magistrati ad essere meno duri al momento di varare i provvedimenti di sfratto per insolvenza.

  • Ora è in discussione un ulteriore provvedimento di legge, che fissa nuovi parametri sia per concedere i mutui che per fissare gli interessi e le procedure di esecuzione forzata.

  • Un’altra fase 2 è in pieno svolgimento, quella dei writeoff delle grandi banche d’investimento:  Tutte hanno annunciato cancellazioni fino a 2 miliardi. Poi sono arrivati i 9,4 miliardi di Morgan Stanley, i 16,7 di Merrill Lynch, i 18 di Citigroup.

 

 

 

Vedi soprattutto:

 

Banche – Esuberi – Perdite e Svalutazioni – Riforme Istituzionali

 

 

The Final U.S. Growth Package

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2008/01/29/the-final-us-growth-package/#more-1582]link-The Final U.S. Growth Package [/url]

 

The delinquency rate & The New foreclosures (I Pignoramenti)

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/12/07/the-delinquency-rate-the-new-foreclosures-i-pignoramenti/]link-The delinquency rate & The New foreclosures (I Pignoramenti) [/url]

 

Immobili e To avert a cash crunch

I Pignoramenti in America: U.S. Montly Home Foreclosures and Bank Repossessions (REOs)

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2008/04/16/i-pignoramenti-in-america-us-montly-home-foreclosures-and-bank-repossessions-reos/]link- I Pignoramenti in America: U.S. Montly Home Foreclosures and Bank Repossessions [/url]

 

Vedi anche:

 

Crash_Immobili: U.S. Home Prices:nel 1 trimestre crollo dei prezzi

https://wallstreetrack.wordpress.com/2008/05/14/us-home-pricesnel-1-trimestre-crollo-dei-prezzi/

 

Home Price Data Showed Housing Solid Long-Term Investment

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/11/13/home-price-data-showed-housing-solid-long-term-investment/]link-Home Price Data Showed Housing Solid Long-Term Investment [/url]

Correlazione tra il Prezzo delle case ed i consumi
Click here: [url=
https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/09/25/correlazione-tra-il-prezzo-delle-case-ed-i-consumi/]link-Correlazione tra il Prezzo delle case ed i consumi [/url]

Goldilocks economy, l’economia dai boccoli d’oro

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/09/19/goldilocks-economy-leconomia-dai-boccoli-doro/]link- Goldilocks economy, l’economia dai boccoli d’oro [/url]

To avert a cash crunch the Central Banks spill liquidity in the markets
Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/08/11/to-avert-a-cash-crunch-the-central-banks-spill-liquidity-in-the-markets/]link-To avert a cash crunch the Central Banks spill liquidity in the markets [/url]

Subprime Mortgages E’ in arrivo un grande  Crash? NO
Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/05/12/subprime-mortgages-e-in-arrivo-un-grande-crash-no/]link-Subprime Mortgages E’ in arrivo un grande  Crash? NO [/url]

Crollo-Crash dei mercati azionari americani?
Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/03/25/crollo-crash-dei-mercati-azionari-americani/]link-Crollo-Crash dei mercati azionari americani? [/url]

Il mercato americano (l’S&P 500) e’ in fase di Ipercomprato o Ipervenduto?

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/11/25/il-mercato-americano-lsp-500-e-in-fase-di-ipercomprato-o-ipervenduto/]link- IL MERCATO AMERICANO (L’S&P 500) e’ in fase di Ipercomprato o Ipervenduto? [/url]

Disequilibri Americani: Credit Bubble, ovvero Crack del Debito privato – Parte seconda 
Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/09/05/i-disequilibri-americani-credit-bubble-ovvero-crack-del-debito-privato-2/]link-Disequilibri Americani: Credit Bubble, ovvero Crack del Debito privato – Parte seconda [/url]

Disequilibri Americani: Credit Bubble, ovvero Crack del Debito privato – Parte prima

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/09/05/62/]link-L’indebitamento americano a livelli di guardia – Disequilibri Americani: Credit Bubble, ovvero Crack del Debito privato – Parte prima [/url]

 

 

 

 

Marco

 

dott. Marco Montanari

U.S. Equities Trader

mailto: marcomontanari@iol.it

 

 

Annunci

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: