Markets

 

 

US Markets & Internals  and Historic Series

 

Market Overview

 

 

I livelli dei 3 principali indici di Borsa (Nyse, S&P 500, e Nasdaq Composite) e tutti gli Internals tanto del mercato azionario, quanto di quello obbligazionario, del cross rate, degli insiders, etc. saranno aggiornati settimanalmente compatibilmente con il poco tempo che mi rimane.

 

 

 

– Closing for the week ended in December 31 – 2008 –  

 

Performance For the year 2008

Dow  is  nearly ………………………………- 33.84 %
S&P 500 is nearly ……………………………-38.49 %
Nasdaq Composite is nearly …………….-40.54 %
Nasdaq 100 is nearly ……………………….-41.89 %

 

 

Performance For the year 2007

Dow  is  nearly ………………………………+ 7.24 %
S&P 500 is nearly …………………………..+ 4.24 %
Nasdaq Composite is nearly …………+ 10.73 %
Nasdaq 100 is nearly ……………………+ 18.24 %

 

Performance For the year 2006

Dow  is  nearly ………………………………+ 16.29 %
S&P 500 is nearly …………………………..+ 13.62 %
Nasdaq Composite is nearly ……………+ 10.73 %
Nasdaq 100 is nearly ………………………..+ 9.52 %

 

 

 

 

Indici dei Mercati Americani- Supporti e Resistenze

2000 – 2008

 

 

 

– Closing for the week ended in December 31 – 2008 –  

 

 

2008

 

The Market’s Closing

 

2008 : Dow Jones a 8.776,39 S&P 500 a 903,25 Nasdaq a 1.577,203 Nasdaq 100 a 1.211,65 Sox a 212,17

2008 Min:  Dow Jones a 7.506 S&P 500 a 747 Nasdaq a 1.314 Nasdaq 100 a 1.035 Sox a 167,5

 

2007

 

The Market’s Closing

 

2007 : Dow Jones a 13.264,82 S&P 500 a 1.468,36 Nasdaq a 2.652,28 Nasdaq 100 a 2.085,25 Sox a 410

2007 Max:  Dow Jones a 14.198 S&P 500 a 1.576 Nasdaq a 2.861 Nasdaq 100 a 2.239 Sox a 549

 

2006

The Market’s Closing

2006 : Nasdaq a 2.395  Il Dow Jones a 12.368  L’S&P 500 a 1.408,5 Nasdaq 100 a 1.763,50

 

 

 

– Closing for the week ended in December 31 – 2008 –  

 

VOLATILITY INDEXES

At the closing

 

CBOE VOLATILITY INDEX (Chicago Options:^VIX)

Index Value: 40.58

52wk Range: 15.82 – 89.53

 

CBOE NASDAQ VOLATILITY INDEX (Chicago Options:^VXN)

Index Value: 40.79

52wk Range: 19.75 – 86.52

 

– Closing for the week ended in December 31 – 2008 –  

   

Currencies

$/€ – €/$

Benchmark Currency Rates  

2008

So far this year

 

Name – Last – YTD Chg %

 

Euro in U.S. dollars – 1.396800  4.42 %
U.S. dollar in euros – € 0.71590 + 4.63 %
U.S. Dollar Index 81.21000000  + 5.88 %

 

$/€ – €/$

 

The U.S. dollar dropped to an all-time low

On July 15, 2008

€/$ 1.6038 dollar per euro –

– $/€ 0.6235 euro per dollar –

 

Dollar Index dropped to an all-time low

On March 17, 2008

– Dollar Index 70.698

 

 

2007

Currencies

$/€ – €/$

Performance For the year

Name – Last – YTD Chg %

 

Euro in U.S. dollars 1.4615 +10.97%
U.S. dollar in euros € 0.6842 –9.89%
U.S. Dollar Index 76.695000 -8.31%

 

Maximum for the year

Euro in U.S. dollars 1.4970 +13.66%
U.S. dollar in euros € 0.668 -12.02%
U.S. Dollar Index 74.48400  -10.95%

 

 

2006

Currencies

$/€ – €/$

Performance For the year

Euro in U.S. dollars was at 1.3170
U.S. dollar in euros was at 0.7593
U.S. Dollar Index was at 83.6500

52wk Low 70.698

52wk Low Date 2008-03-17

  

 

– Closing for the week ended in December 31 – 2008 –  

 

New York close   Wed. Tues. Chg. Month chg. YTD chg.

Other Currencies

British pound in dollars $1.4654 $1.4656 -0.0002 -4.75% -26.33%
Dollar in British pounds  £0.6824 £0.6823 0.0001 4.98% 35.75%
Dollar in yen  90.70 90.70 0.00 -5.12% -18.91%
Canadian dollar in U.S. dollars $0.821 $0.821 $0.0000 1.58% -17.34%
U.S. dollar in Canadian dollars $1.218 $1.218 $0.0000 -1.63% 20.90%

 

 

U.S.$ /Chinese Yuan

For the year

The Us dollar fell to the lowest against the Yuan at 6,7737 Yuan

On October 10, 2008

$ / Yuan = Yuan 6,7737

Yuan / $ = $ 0,14762 

 

Max Year to Date 7.2941

January 2, 2008

 

2008

So far this year

Name – Last – YTD Chg %

U.S.$ /Yuan — 6,8133 — – 6.66%

 

 

China’s Yuan On October 10, 2008 rose at 6,7737 Yuan per dollar or 0,14762 dollar per yuan, the highest since On July 15, 2008 rose at 6,8108 Yuan per dollar or 0,14682 dollar per yuan, and the most since End of Dollar Link on Bank Signal. Yuan rose on Speculation China to Cut Trade Surplus. Nuovo record storico dello Yuan sul dollaro dal 21 luglio 2005, giorno della prima rivalutazione decisa dal Governo di Pechino, dopo che nel maggio 2006 aveva gia’ rotto la soglia psicologica di 8  Yuan per 1 dollaro.

 

On October 10, 2008 rose at 6,7737 Yuan per dollar or 0,14762 dollar per yuan, the highest close since On July 15, 2008 rose at 6,8108 Yuan per dollar or 0,14682 dollar per yuan, Y/$ =  +19.72% ($/Y = -16.47%), since the first day, after the end of a fixed exchange rate, in July 21 2005 when it roses to  8,11, and  the yuan brings its gains versus dollar to the highest close, Y/$=  +22.23%  ( $/Y = -18.79% ), since the day before the end of a fixed exchange rate in July 20 2005 when it was linked at 8,28  per dollar (quando era a cambio fisso con il dollaro); at  8,11 per dollaro il 21 luglio 2005 lo yuan fu’ infatti rivalutato subito  da 8,28 per dollaro del +2.09%, Y/$=  +2.09%  ( $/Y = -2.05% ), cambio fisso in vigore fino al giorno prima della sua rivalutazione, ovvero sino al 20 luglio 2005.

    

 

US Treasury Indexes

Name Discount/Price Change Yield

3-Month U.S. Treasury Bill 0.00 -0.05 0.00%
6-Month U.S. Treasury Bill 0.23 -0.01 0.23%
2-Year U.S. Treasury Note 100.19 -0.09 0.78%
5-Year U.S. Treasury Note 100.16 -0.13 1.46%
10-Year U.S. Treasury Note 113.19 -1.81 2.24%
30-Year U.S. Treasury Bond 136.50 -3.53 2.69%

Treasurys     

New York close   Wed. Tues. Chg. Month chg. YTD chg.

13-week Treasury bill 0.115% 0.090% 0.025 475.00% -96.34%
5-year Treasury note yield 1.551% 1.463% 0.088 -20.22% -55.11%
10-year Treasury note yield 2.244% 2.087% 0.157 -24.11% -44.39%
30-year Treasury bond yield 2.691% 2.583% 0.108 -22.83% -39.65%

Commodities 

New York close   Wed. Tues. Chg. Month chg. YTD chg.

Gold $884.30 $870.00 $14.30 7.97% 5.53%
Copper $1.4100 $1.3205 $0.09 -14.52% -53.63%
Silver $11.2950 $10.9800 $0.32 10.41% -24.30%
Corn $4.0700 $3.9625 $0.11 16.45% -10.65%
Crude oil (NYMEX) (per barrel) $44.60 $39.03 $5.57 -18.07% -53.53%

Energy prices

New York close   Wed. Tues. Chg. Month chg. YTD chg.

Crude oil (NYMEX) (per barrel) $44.60 $39.03 $5.57 -18.07% -53.53%
Heating oil (per gallon) $1.4057 $1.2880 $0.1177 -16.01% -46.94%
Natural gas (per million BTU) $5.6220 $5.8590 -$0.2370 -13.64% -24.87%
Unleaded gasoline (per gallon) $1.0082 $0.8853 $0.1229 -12.04% -59.52%
 

 

 

 

  

Futures:

http://www.bloomberg.com/markets/stocks/futures.html

Daily Best & Worst Performing Indexes & Sectors

http://www.saxobank.com/?PubTypeID=3&Pmode=1&ID=956

http://moneycentral.msn.com/investor/market/leading.asp

Monthly Best & Worst Performing Indexes & Sectors

http://moneycentral.msn.com/investor/market/top10industries.asp

 

 

 

 

The Volume and the Advance/Decline

 

 

 

Volumi in diminuzione sul Nyse ed in aumento sul Nasdaq; L’indice “advance/decline” ha fatto registrare una lettura finale di +60 sul Nyse comportandosi appena meglio rispetto all’indice relativo DJA in chiusura, e di -330 sul Nasdaq Composite, comportandosi peggio rispetto all’indice relativo Nasdaq Composite in chiusura. Advance/Decline: Misura la profondita’ del mercato ed e’ la differenza tra il numero dei titoli in denaro per il numero dei titoli in lettera presenti nell’Indice NYSE, considerando che una lettura di 1000 punti circa di differenza nel numero dei titoli presenti nell’Indice del NYSE equivale ad un +- 1% del Dow jones Industrial Average e una lettura di 800 nel Nasdaq composite equivale ad un +- 1%. Quindi se questa differenza e’ per esempio di + 1000 a favore dei titoli in lettera ed il Dow jones Industrial Average ha chiuso con una perdita di solo -0,3% vuol dire che la forza interna e reale del mercato (l’Internal Advance/Decline) e’ peggiore di quanto non indicato dall’Indice di chiusura del DJA e che presto l’indice perdera’ molto di piu’ quindi; e viceversa se questa differenza e’ per esempio di + 1000 a favore dei titoli in danaro e il Dow jones Industrial Average ha chiuso con un aumento di solo +0,3% vuol dire che presto l’indice guadagnera’ molto di piu.

 

 

Euro in U.S. Dollars – Dollars Index

 

Index – Closing – Prev. Closing – Change – % Change

Euro in Dollars  1.4724 1.4626 +0.0098 +0.666%

Dollar Index  76.109 76.620 -0.511 -0.670%

 

 

SOX Philadelphia Semiconductor Index

Index – Closing – Prev. Closing – Change – % Change

SOX  409.90 410.8 -0.90 -0.22%

 

 

 

 

Crude Oil — WTI — Brent

 

Crude Oil prices in the past 200 years seasonally adjusted

http://www.forbes.com/business/2005/11/01/oil-prices-1861-today-real-vs-nominal_flash.html

 

Index – Closing – Prev. Closing – Change – % Change

Crude Future 96.00 96.62 -0.62 -0.64% 
WTI Cushing Spot 96.00 96.62 -0.62 -0.64%
Dated Brent Spot  94.16 95.10 -0.94 -0.99%

 

 

 

 

Gold Spot Prices

Index – Closing – Prev. Closing – Change – % Change

Gold Spot Price  838.80 827.80 +11.00 +1.33%

 

 

L’indice VIX

 

VIX — CBOE Volatility Index –

Index  – Closing – Prev. Closing – Change – % Change

VIX  20.74 20.26 +0.48 +2.37%

 

 

L’indice VIX a 20.74 rappresenta un livello di media volatilita’ che indica ne’ troppa compiacenza ne’ troppo pessimismo in riferimento al futuro movimento del mercato; essendo il VIX un indicatore contrarian, quando la volatilita’ e’ alta (cioe’ pessimismo e bearish sentiment), indica un’inversione del mercato nel senso di un rimbalzo dello stesso al rialzo. La stessa cosa ma in senso opposto quando la volatilita’ e’ bassa (cioe’ troppa compiacenza e bullish sentiment), indica che un’inversione del mercato e’ prossima, ma in questo caso ci sara’ un mercato al ribasso. Quindi più è alto il suo livello di volatilita’ e maggiore è la bearishness (sentiment ribassista) tanto maggiore e’ la probabilita’ che il mercato da li’ a poco svolti in positivo; minore è il suo livello e quindi maggiore è la bullishness (sentiment rialzista troppa compiacenza) tanto maggiore e’ la probabilita’ che il mercato da li’ a poco svolti in negativo.

  • La volatilità implicita dello S&P500, ha raggiunto un Index Value di 9.39 il 15 dicembre 2006, il minimo dal 1993, troppa compiacenza. VIX (CBOE Volatility Index) is making new 12-year lows, below 10 for the first time since 1993 further underscoring a lack of “fear” in the market. The index’s decline suggests investors are actively buying call options underscoring a lack of “fear” in anticipation that a short-term bottom has been put in place that will keep the four-month rally on track. 52wk Range 9.39 – 37.50 (agosto 2007).

  • Il livello medio della volatilita’ del CBOE Volatility Index, VIX, dal 1982 al 2005 e’ stato di 20,15.

  • Il valore del VIX viene aggiornato quotidianamente dal Chicago Board Options Exchange (CBOE).I principali indici di riferimento della volatilita’ sono: CBOE Volatility Index (VIX – CBOE) misura la volatilita’ implicita (mean reverting) sulle opzioni sull’indice S&P500 ed il Nasdaq Volatility Index (VXN) l’indice che misura la volatilita’ usato per il Nasdaq Composite e per il Nasdaq100.

  • The CBOE Volatility Index (VIX) is a key measure of market expectations of near-term volatility conveyed by S&P 500 stock index option prices.

 

 

 

Fed Funds and US Treasury Note and  Bills Yield

 

Fed Funds Interest Rate Forecast

 

Effective Interest Rate

Percent Average of Month

Dec 2007 – Jan 2008 – Feb 2008 – Mar 2008 – Apr 2008 – May 2008

Forecast Value 4.35 4.25 4.00 4.00 4.00 3.75

WARNING: Forecasts Will Be Wrong

Updated Sunday, December 23, 2007

 

 

US Treasury Note and  Bills Yield

 

– Index –

Closing Price – Price Change – Basis Points Chg./ x 10 –

Prev. Yield – Closing Yield – %Change –

 

3 -MONTHS US TREASURY BILL YIELD

3.09 +0.05 +0.01

3.159% 3.16% +0.031%

 

10-YEAR US TREASURY NOTE YIELD

101.38 +1.00 -1.03

4.199% 4.096% -2.45%

 

30-YEAR US TREASURY NOTE YIELD

108.19 +1.94 -1.00

4.614% 4.514% -2.17%

 

 

 

 

Yield Curve Inversion

 

 

Yield Curve Inversion (The yield curve spread is defined as the spread between the interest rates on ten year Treasury note and the three-month Treasury bill, while The Yield Curve Inversion is definied when this spread is negative); da tempo stiamo assistendo nel comparto del reddito fisso all’inversione della curva dei rendimenti sul tratto a 10 anni rispetto a quella sul tratto a 3 mesi ( questa inversione rappresenta un indicatore negativo prevedendo un futuro rallentamento dell’attivita’ economica se non una recessione) . Alla chiusura dei mercati, oggi lo Spread e’ positivo ( e non siamo nelle ipotesi di Yield Curve Inversion ) ed e’ al livello di +93.6 basis points ( a differenza di quando lo Spread e’ negativo, ed il cui livello di allarme e’ dato dalla media dei periodi di inversione pari a -45.90 basis points cui corrisponde il 38% di probabilita’ di recessione; si noti che la recessione viene configurata come molto probabile al 70% solo in presenza di un differenziale negativo pari nel minimo a -146 basis points) e quindi appena l’8% di probabilita’ di recessione circa, vedere tabella riportata sopra insieme ai rendimenti dei Titoli del reddito fisso, e precisamente: +93.6 basis points ( 409.6 – 316.00 ) o +9.36 ( 40.96 – 31.60 ) ovvero +0.936% percentage points (4.096% – 3.16%).

  • In generale la curva con un gap di -30/40 basis points appare più appiattita che invertita. Vorrei fare un esempio per chiarire cos’è veramente una curva dei tassi invertita che preannuncia recessione. Nel 1980 il tasso di riferimento sui Treasury Bill a 3 mesi viaggiava al 18% con i tassi a lungo termine al 12%. La distanza era di sei punti ovvero -600 basis points: quella era una situazione che anticipava una futura crescita negativa, ovvero una recessione sicura.

  • In altre parole un gap di -30/40 basis points sono condizioni di inversione della curva molto meno estreme e non è un livello che spinge necessariamente alla contrazione dell’attività produttiva. Ad esempio, i tassi sui mutui ipotecari per un rifinanziamento trentennale gravitano intorno al 6%. Ciò rallenta l’attività edilizia ma non la uccide. È una situazione ben diversa dal 1980, quando i tassi sui mutui ipotecari erano al 14%. Al contrario, oggi il denaro è ancora a buon mercato. Una situazione che non impedirà ai consumatori di acquistare una nuova automobile a rate o finanziare altre esigenze o neccessità di spesa. Accanto a questo, un eventuale calo dei tassi d’interesse a 10 e 30 anni dovrebbe scongiurare gravi shock nel settore immobiliare. Insomma, tutto gioca a favore di un soft landing.

  • Periods of yield curve inversion : Only a deep inversion ( -146 basis points / -240 basis points) would be viewed as an ominous sign for the economy and be followed by an economic recession. Since 1980, the Treasury market has gone through 6 “distinct’’ periods of yield-curve inversions. The inversions averaged -45.9 basis points, with a minimum of -8.7 basis points and a maximum of -600 basis points. Each inversion lasted 30.5 weeks on average, with the shortest episode lasting nine weeks, and the longest lasting 59 weeks. In 2000, the curve was inverted from February to December.

 

 

 

 

  – The Insider Sentiment

 

 

The Insider Sentiment, altro internals contrarian del sentiment degli investitori – Insider Activity : Ipervenduto o Ipercomprato

 

 

Insider Activity: (http://www.investorsintelligence.com/x/free_chart.html?r=101): L’indicatore al di’ 31 dicembre 2007 secondo questo parametro e’ in fase laterale di Bearish sentiment sia sull’ S&P 500 Index, sia sul Nasdaq che sul DJ Industrial, al contrario dell’altro indicatore(http://tickersense.typepad.com/ticker_sense/insider_actions/index.html) che nella settimana chiusa il di’ 28 dicembre 2007  vede il mercato in Bullish sentiment: Bullish 52.0%, Bearish 32.0% e Neutral 16.0%.

 

  • Insider Activity Totals: Total dollar value of all insider purchases and sales provides an aggregated measure of how insiders may feel about the market’s short-term prospects.

  • A low sell/buy ratio (tanti acquirenti al denominatore quindi il raporto e’ minore) indicates bullish Insider Sentiment, QUINDI, essendo questo indice degli Insider un contrarian, IL MERCATO NEI 2 MESI SUCCESSIVI SARA’ ORSO: Min 3.76 Ipercomprato;

  • A high sell/buy ratio (tanti venditori e pochi acquirenti al denominatore quindi il raporto e’ maggiore) indicates bearish Insider Sentiment, QUINDI contrarian IL MERCATO NEI 2 MESI SUCCESSIVI SARA’ TORO : Max 56.00 Ipervenduto, toccato nel Dicembre 2006;

  • La media storica e’ di 11.77 per l’indice;

  • Negli ultimi 36 mesi sino a dicembre 2005 la media storica e’ stata di 11.77: ovvero il valore considerato normale quando le vendite superano di 11.77 volte gli acquisti. NB gli insider vendono sempre piu’ azioni di quante non ne acquistino. Questo elemento, quindi, non e’ quello centrale. La questione, invece, e’ se le operazioni di compravendita si discostino in misura significativa dalla “norma”.

 

 

 

US Historic Series Markets

 

 

 

 

I principali livelli di supporto e di resistenza dei 3 maggiori indici americani (Nasdaq Composite) dallo scoppio della bolla nel 2000 ad oggi compresi i livelli pre e post nine eleven:

 

 

 

 

Livelli di chiusura degli ultimi 7 anni al 31 di dicembre dei 3 maggiori indici americani dallo scoppio della bolla nel 2000 (tranne che per l’ultimo anno appena chiuso e per l’anno 2000 per il quale riportero’ anche i massimi dell’anno, e del decennio, rappresentando proprio il 2000 l’anno nel quale dalle stelle si passo’ alle stalle negli anni successivi, ovvero l’inizio dello scoppio della bolla sulla tecnologia che ebbe estensione su tutto il mercato):

 

 

– 2000: Nasdaq a 2.407 Il Dow Jones a 10.400 L’S&P 500 a 1.270 SOX 540 [( Max: Nasdaq a 5.060 (10 marzo) Il Dow Jones a 11.582 (13 gennaio) L’S&P 500 a 1.527 (27 marzo) SOX 1,290 )]

– 2001: Nasdaq a 1.984 Il Dow Jones a 10.136 L’S&P 500 a 1.161

– 2002: Nasdaq a 1.335 Il Dow Jones a 8.341 L’S&P 500 a 879

– 2003: Nasdaq a 2.003 Il Dow Jones a 10.453 L’S&P 500 a 1.111

– 2004: Nasdaq a 2.175 Il Dow Jones a 10.783 L’S&P 500 a 1.211 SOX 433.00

– 2005: Nasdaq a 2.205 Il Dow Jones a 10.717 L’S&P 500 a 1.248 SOX 479.40

– 2006: Nasdaq a 2.395  Il Dow Jones a 12.368  L’S&P 500 a 1.408,5 Nasdaq 100 a 1.763,50

– 2007: Dow Jones a 13.264,82 S&P 500 a 1.468,36 Nasdaq a 2.652,28 Nasdaq 100 a 2.085,25 Sox a 410 (Max 2007: Nasdaq a 2.861  Il Dow Jones a 14.198  L’S&P 500 a 1.576 Sox a 549.39)

– 2008: Dow Jones a 12.606 S&P 500 a 1.401 Nasdaq a 2.439 Nasdaq 100 a 1.912 Sox a 410 (Max 2007: Nasdaq a 2.861  Il Dow Jones a 14.198  L’S&P 500 a 1.576 Sox a 549.39)

 

 

 

 

 

Nine Eleven

Livelli pre e post l’11 settembre 2001 (dieci giorni dopo la prima riapertura) :

 

 

Nasdaq …..-16,0% DOPO il -8,3% DEL 1 GIORNO POST ATTENTATI

Dow Jones..-14,0% DOPO il -7,3% DEL 1 GIORNO POST ATTENTATI

S&P500 ….-11,6% DOPO il -5,5% DEL 1 GIORNO POST ATTENTATI

 

 

10 SETTEMBRE 2001: Nasdaq a 1.695 Dow Jones a 9605 S&P 500 a 1.092

21 SETTEMBRE 2001: Nasdaq a 1.423 Dow Jones a 8235 S&P 500 a 965.0

 

 

 

Storicamente i bear markets, i cosiddetti mercati orso – quando un indice va giù del 20% – rimbalzano, tornando ai massimi da cui sono scesi entro 16 mesi. Dalla seconda guerra mondiale, Wall Street ha avuto 11 mercati orso, incluso l’ultimo post 1999: l’indice S&P è calato da 1,527 del 24 Marzo 2000 a 1,103 il 4 Aprile 2001, un crollo del 28% in poco più di 12 mesi. Gli ultimi 10 mercati orso sono calati tra il 20% e il 36% e ci hanno messo in media 16 mesi a rimbalzare ai massimi che si sono lasciati alle spalle. In media, un mercato orso rimbalza del 28% in 6 mesi e del 46% in 12 mesi.

 

 

Performance in the Past

 

Performance For the year 2007

Dow  is  nearly ………………………………+ 7.24 %
S&P 500 is nearly …………………………..+ 4.24 %
Nasdaq Composite is nearly ……………..+ 10.73 %
Nasdaq 100 is nearly ……………………..+ 18.24 %

 

 

 

2007

Dow Jones winners and losers

 

Dec. 31 close Dec. % chg. 2007 % chg.

Winners   

Honeywell International 61.57 12.95% 36.10%
Merck 58.11 0.33% 33.28%
McDonald’s 58.91 0.74% 32.89%
Intel 26.66 4.47% 31.65%
Coca-Cola 61.37 -2.26% 27.19%

Losers   

American Express  52.02 -8.74% -14.26%
American International Group 58.3 7.09% -18.64%
General Motors  24.89 -5.33% -18.98%
Home Depot  26.94 -5.47% -32.92%
Citigroup 29.44 -6.24% -47.15%

 

 

2007

 

S&P 500 winners and losers

 

Dec. 31 close Dec. % chg. 2007 % chg.

Winners  

National Oilwell Varco  73.46 7.79% 140.14%
Amazon.com  92.64 2.30% 134.77%
Jacobs Engineering  95.61 14.13% 134.51%
Apple  198.08 8.70% 133.47%
MEMC Electronic Materials  88.49 14.06% 126.09%
GameStop  62.11 8.11% 125.36%
CONSOL Energy  71.52 20.65% 122.60%
Cummins  127.37 8.96% 115.55%
Monsanto  111.69 12.40% 112.62%
Express Scripts  73 7.75% 103.91%

Losers   

OfficeMax  20.66 -17.13% -58.39%
SLM (Sallie Mae) 20.14 -47.11% -58.70%
Office Depot  13.91 -18.84% -63.56%
MGIC Investment 22.43 -4.63% -64.13%
Lennar  17.89 12.94% -65.90%
Pulte Homes  10.54 3.13% -68.18%
Washington Mutual 13.61 -30.21% -70.08%
AMBAC Financial Group  25.77 -5.36% -71.07%
MBIA  18.63 -48.97% -74.50%
E Trade Financial 3.55 -22.83% -84.17%

 

2007

 

10 Best Performing Industries

Industry  % Change One Month  

Farm Products 47.6%  
Nonmetallic Mineral Mining 35.0%  
Agricultural Chemicals 33.0%  
Oil & Gas Drilling & Exploration 30.1%  
Music & Video Stores 19.2%  
Auto Parts Stores 18.5%  
Oil & Gas Refining & Marketing 18.3%  
Farm & Construction Machinery 16.4%  
Independent Oil & Gas 16.2%  
Telecom Services – Domestic 15.9%  

 

 

10 Worst Performing Industries

Industry  % Change One Month  

Sporting Goods Stores -35.1%  
REIT – Hotel/Motel -32.6%  
Toy & Hobby Stores -31.2%  
Credit Services -28.9%  
Lodging -24.7%  
Office Supplies -22.2%  
Regional – Mid-Atlantic Banks -21.3%  
Surety & Title Insurance -19.5%  
REIT – Retail -19.3%  
Savings & Loans -19.0% 

 

 

 

At the end of 2007

$/€ – €/$

Name – Last – YTD Chg %

 

Currencies

 

Euro in U.S. dollars 1.4615 +10.97%
U.S. dollar in euros € 0.6842 -9.89%
U.S. Dollar Index 76.695000  -8.31%

 

 

Maximum for the year

Euro in U.S. dollars 1.4970 +13.66%
U.S. dollar in euros € 0.668 -12.02%
U.S. Dollar Index 74.48400  -10.95%

 

 

$/€ – €/$

 

2007 — €/$ 1,4615   ( +10.97% ) $/€ 0.6842 (-9.89%)

DOLLAR INDEX 76.695  (-8.31%)

2006 — €/$ 1,3170    (+11.44% )  $/€ 0.7593 (-10.25%)

DOLLAR INDEX 83,65

2005 — €/$ 1,1818  ( -13.10% ) $/€ 0.8461 (+15.08%)

DOLLAR INDEX 91,17

2004 — €/$ 1,36  ( +14.47% ) $/€ 0.7352  (-12.65%)

A fine giugno 2004, quando la politica monetaria della Federal Reserve cambiò di segno, passando da espansiva (tassi in calo) a restrittiva (tassi in rialzo), bastavano 1,2199 dollari per acquistare un euro, mentre ora ne occorrono circa 1,4721

2003 — €/$ 1,188 ( +13.14% ) $/€ 0.8417  (-11.61%)

2002 — €/$ 1,05 ( +19.31% ) $/€ 0.9523 (-16.19%)

1 gennaio 2002: arriva nelle tasche dei cittadini di Eurolandia e l’ indomani supera 0,90 dollari da 0,88 di dicembre 2001

2001 — €/$ 0,88  (-2.22%) $/€ 1.1363 ( +2.27% )

2000 — €/$ 0,90  (-14.28%) $/€ 1.111 ( +16.66% )

Il 24 febbraio: l’ euro aggancia la parità per l’ ultima volta. La riconquisterà solo il 15 luglio 2002

26 ottobre 2000

il valore massimo del dollaro

€/$ 0,823

$/€ 1.215

1999

€/$ $1,05

$/€ 0.9523

1 gennaio 1999: nasce l’ euro e vale 1,16675  dollari – $/€ 0.8570

4 gennaio 1999: 1 giorno di scambi sale a  1,18850  dollari

31 dicembre 1999: vicino alla parità col dollaro

 

 

  

 

 

$/€ – €/$

  Maximum for the year

On November 23, 2007

€/$ 1.497

The U.S. dollar dropped to an all-time low since January 1999

 

 

 

November 23, 2007 –  $/€ — 0.6680  ($/€  -12.02%) –  €/$ –1.497  (€/$  +13.66%) – 2006 $/€  0.7593 €/$ 1,3170) – On November 23, 2007 the dollar  €/$ dropped to 1.497 an all-time low since January 1999 (The euro debuted in January 1999 at about $1.17) since On November 21, 2007 the dollar dropped to 1.4870 since On November 20, 2007 the dollar  dropped to 1.4832 since On November 9, 2007 the dollar  dropped to 1.4752 and since On November 7, 2007 the dollar dropped to 1.4730 since On November 7, 2007 the dollar dropped to 1.4704 since On November 6, 2007 the dollar dropped to1.4570 since On November 2, the dollar dropped to 1.4528 since On october 31, dropped to 1.4504 and  since  on October 30 dropped to 1.444 and  since  on October 29 dropped to 1.44381 and  since  on October 26 dropped to  1.4397 since  on October 22 dropped to 1.4348 since  on October 18 dropped to  1.4319 since on October 18 dropped to  1.4310 since October 1, when it dropped to  1.4283 – The previous minimum were 1,3987 set on september 18 2007 and  $1.3666  set Dec. 30, 2004 – Gli alchimisti dei grafici ricordano che la prossima soglia da sfondare è quella di 1,50 dollari. Il Fmi ha dichiarato di stimare il Dollaro al cambio di 1.5 e’ cmq sopravvalutato di circa il 20%, anche se non tutti i membri della ricerca sono concordi. The U.S. currency may weaken to between $1.48 and $1.50 against the euro by year-end. The dollar’s drop against the euro this year boosted the competitiveness of U.S. exports, helping shrink the nation’s trade deficit.

Il dollaro quando ancora l’euro non era una realtà aveva raggiunto nel 1992 i minimi a 1,4557 dollari sul cd euro ’sintetico’,  l’ ECU, l’ allora unità di conto europea, vale a dire un valore teorico in grado di determinare i rapporti di cambio fra la futura divisa comune europea e le altre. Il record odierno a 1,4797 dollari è appunto storico in quanto ha superato i valori della valuta ’sintetica’ del 1992 (the synthetic euro, a theoretical value that estimates where the currency would have traded before its inception ).

November 23, 2007 – The U.S. Dollar Index, The U.S $ INDEX New York Board of Trade’s Dollar Index measuring its value against the euro, yen, British pound, Canadian dollar, Swedish krona and Swiss franc, fell to 74.484 (-10.95% – The U.S. Dollar Index was at 83.65 in the 2006 ) – Year to Date  On November 23, 2007 The Fed’s dollar index dropped to 74.484 the lowest since the index started in March 1973 since On November 21, 2007 The Fed’s dollar index dropped to 74.916 and since On November 9, 2007 when dropped to 74.978 – Max at 85.43  on 01/26/07

November 23, 2007 – €/$ 1.497  ( $/€  0.6680) – ( €/$  +13.66%) ($/€  -12.02%) – 2006 €/$ 1,317 $/€  0.7593  –  On November 23, 2007 The euro rose to 0,6680 per dollar or 1,497 dollar per euro  an all-time highest close (2006 $/€  0.7593 €/$ 1,3170) (0,7593 – 0,6912/0,6912 or 1,44671 – 1,317/1,317  €/$ =  +9.85%  – $/€ (0,6912 – 0,7593/0,7593 or 1,317 – 1,44671/1,44671) $/€ = -8.96% )- Dall’aprile del 2006 la valuta europea ha guadagnato sul biglietto verde  il 20.72%, passando dai circa 1,24 dollari dell’aprile 2006. The euro debuted in January 1999 at about $1.17.

 

 

 

U.S./CHINESE YUAN

  Maximum for the year

December 27, 2007

7.3055

Year to Date  Max 7.8196  on 01/08/07 

 

China’s Yuan On December 27, 2007 Rises (at 7,3055) the highest since 7.3480 hit on december 13, 2007, and the most since End of Dollar Link on Bank Signal: Yuan Rises on Speculation China to Cut Trade Surplus. Nuovo record storico dello Yuan sul dollaro dal 21 luglio 2005, giorno della prima rivalutazione decisa dal Governo di Pechino, dopo che nel maggio 2006 aveva gia’ rotto la soglia psicologica di 8  Yuan per 1 dollaro. On december 27, 2007 The currency rose to 7,3055 per dollar the highest close, Y/$=  +11.01% ( $/Y = -9.92% ), since the first day, after the end of a fixed exchange rate, in July 21 2005 when it roses to 8,11, and  the yuan brings its gains versus dollar to the highest close, Y/$=  +13.33% ( $/Y = -11.76% ), since the day before the end of a fixed exchange rate in July 20 2005 when it was linked at 8,28  per dollar (quando era a cambio fisso con il dollaro); at 8,11 per dollaro il 21 luglio 2005 lo yuan fu’ infatti rivalutato subito  da 8,28 per dollaro del +2.09%, Y/$=  +2.09% ( $/Y = -2.05% ), cambio fisso in vigore fino al giorno prima della sua rivalutazione, ovvero sino al 20 luglio 2005.

 

 

 At the end of 2007

 

CRB INDEXCommodities

Name — Last price – Year to date chg –

$CRB CRB INDEX 358.51  +16.68%

Year High and Low 361.95 284.61 

 

Energy

Crude oil (NYMEX) (per barrel) $96.00 57.25%

Heating oil (per gallon) $2.637065.03%
Natural gas (per million BTU) $7.3860 17.26%
Unleaded gasoline (per gallon) $2.4597 53.53%

 

Other Commodities

Gold $842.70 32.08%
Copper $3.0720 7.00%
Silver $14.8950 14.56%

 

Treasurys     

13-week Treasury bill 3.080% -36.95%
5-year Treasury note yield 3.522% -25.08%
10-year Treasury note yield 4.096% -13.04%
30-year Treasury bond yield 4.514%  -6.31%

 

 

 

 

Italia

 

2007

   

Anno nero per la Borsa: Bilancio 2007: il principale indice di Piazza Affari Mibtel -8,3%  perde terreno dopo 4 anni di crescita a due cifre – Dalla chiusura del 2002 il bilancio resta comunque positivo (+67%) mentre i livelli di fine anno tornano su quelli di settembre 2006. È quanto emerge dalle statistiche ufficiali di Borsa Italiana calcolate alla seduta di giovedì. Gli altri indici della Borsa milanese: per lo S&P/Mib il calo, rispetto a fine dicembre 2006, è pari al -7,5%, mentre per il Midex, relativo alle società a media capitalizzazione, è del -14,4% e per l’All Stars del -15,9%.

In rapporto al Pil la capitalizzazione di Borsa nel 2007 è scesa al 47,8% dal 52,8% del 2006, ben lontano dal 1999 (66%) e dal 2000 (70%).

Quanto alla capitalizzazione delle società domestiche, scesa da 779 a 731 miliardi di euro, Piazza Affari è in sesta posizione, ma diventa prima davanti ad Euronext (2.918 miliardi) considerando l’integrazione con la Borsa di Londra, con la quale crea un agglomerato da 3.432 miliardi di euro.

Le società quotate hanno raggiunto il massimo storico di 307 societa’ grazie alle 33 nuove ammissioni; se poi si considerano anche i titoli esteri trattati all’MTA International, in tutto le società quotate sono 344 e 49 le nuove ammissioni del 2007. Queste società hano raccolto 4,4 miliardi, di cui 1,4 tramite l’emissione di nuove azioni. Sommando quest’ultimo dato all’ammontare degli aumenti di capitale, di 4 miliardi, si arriva a un totale di 5,4 miliardi destinati dal mercato azionario al finanziamento delle imprese quotate in Borsa.

 

Italia

2006

 

All Stars, la crescita annuale e’ stata del 21,1% e del 108,8% dal 2002

Mibtel a 31.892 punti ha registrato +19,1% sul 2005 e +82,1% rispetto al 2002, massimi dell’anno, posizionandosi sui livelli del dicembre 2000

Mib a 31.005 18,8% massimi dell’anno posizionandosi sui livelli del dicembre 2000. si avvia a chiudere il 2006 con una crescita di oltre il . Dal 2002 l’indice Mib ha guadagnato l’82,5%

Ma Borsa Italiana resta piccola nel panorama finanziario internazionale: E’ il 12 mercato azionario del mondo, superata dalla Borsa australiana. In termini di capitalizzazione del totale mondiale conta appena il 2% e, per rapporto tra capitalizzazione e Pil, è la penultima tra le maggiori piazze mondiali, al di sopra solo di Francoforte. Borsa Italiana in capitalizzazione, e in rapporto al Pil

Borsa: a fine 2006 capitalizza 776,6 miliardi di euro ( +15,05% da 675 miliardi di fine 2005), pari al 51,77% del Pil ( 1.500,0 miliardi di euro previsti per il 2006) con 311 società quotate (comprese le 21 admission to trading di MTA International ), 29 in più di quelle di fine 2005, che rappresentano il massimo storico. Senza considerare le 21 ammissioni agli scambi nel segmento MTA International, il numero di società quotate è di 290 (8 in più rispetto alla fine del 2005).

Borsa: a fine 2005 capitalizza 676,6 miliardi di euro (+12,50% da 600 miliardi di fine 2004) pari al 47,74% del Pil ( 1.417,2 miliardi di euro)

Borsa: a fine 2004 capitalizza 600 miliardi di euro (+22,95% da 487,4 miliardi di fine 2003) pari al 42,6% del Pil, sui livelli di decine di anni fa simile alla percentuale dei primi anni Sessanta (45%), ai tempi del boom economico.

Borsa: a fine2003 capitalizza 487,4 miliardi (+6,5% da 458,0 miliardi di fine 2002) pari al 37,4% del prodotto interno lordo, il sesto posto in Europa per capitalizzazione. A livello internazionale il mercato italiano occupava l’undicesimo posto

Borsa: a fine 2002 capitalizza 458,0 miliardi.

Facendo un bilancio dunque il rischio per il mercato italiano è di ritrovarsi, a dispetto dei continui progressi sempre più piccolo nel confronto coi giganti che stanno per nascere basti pensare alla recente alleanza fra Euronext e il Nyse.

2006 è stato in realtà un anno positivo per tutte le maggiori piazze mondiali in Europa e Borsa Italiana è rimasta ai margini del risiko che coinvolge le borse internazionali:

 

Marco

 

dott. Marco Montanari

Laureato in legge

U.S. Equities Trader

Esperto investitore nei Mercati Americani

 

mailto: marcomontanari@iol.it

 

 

 

 

Some of My articles

http://blogsearch.google.com/

https://wallstreetrack.wordpress.com/

 

 

Tag: 1_finanza_analisi Macro

http://wordpress.com/tag/1_finanza_analisi-macro/

Tag: 2_Finanza_Bulls & Bears 

http://wordpress.com/tag/2_finanza_bulls-bears/

Tag: 3_il Risparmio Tradito

http://wordpress.com/tag/3_il-risparmio-tradito/

Tag: 4_Debito & Evasione 

http://wordpress.com/tag/4_debito-evasione/

Tag: E_Lavoro & Pensioni 

http://wordpress.com/tag/e_lavoro-pensioni/

Tag: 6_giustizia Ed Etica

http://wordpress.com/tag/6_giustizia-ed-etica/

Tag: 7_politica Ed Etica

http://wordpress.com/tag/7_politica-ed-etica/

Tag: 8_Sanita’ ed Etica

http://wordpress.com/tag/8_sanita-ed-etica/

Tag: 9_Libera Informazione 

http://wordpress.com/tag/9_libera-informazione/

Tag: A_Tutela degli animali

http://wordpress.com/tag/a_tutela-degli-animali/

Tag: B_Tutela dell’Ambiente

http://wordpress.com/tag/b_tutela-dellambiente/

 

Annunci

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: