News

Economic News
 
This Week’s Economic Data Calendar
 
Date Time (ET) Forecast Market
 
 
 
 
 
 
 

S&P 500 Earnings Growth Reuters Projections – 

 

Year-Over-Year Sectors Growth

 

 

Scroll on the image to get the standard size

  

   

Indici dei Mercati Americani- Supporti e Resistenze

2000 – 2008

 

 

 

 

– Closing for the week ended in December 31 – 2008 –  

 

 

Performance For the year 2008

Dow  is  nearly ………………………………- 33.84 %
S&P 500 is nearly ……………………………-38.49 %
Nasdaq Composite is nearly ……………….-40.54 %
Nasdaq 100 is nearly …………………………-41.89 %

 

Performance For the year 2007

Dow  is  nearly ………………………………+ 7.24 %
S&P 500 is nearly …………………………..+ 4.24 %
Nasdaq Composite is nearly ……………..+ 10.73 %
Nasdaq 100 is nearly ……………………..+ 18.24 %

 

Performance For the year 2006

Dow  is  nearly ………………………………+ 16.29 %
S&P 500 is nearly …………………………..+ 13.62 %
Nasdaq Composite is nearly ………………+ 10.73 %
Nasdaq 100 is nearly …………………………+ 9.52 %

 

2008

 

The Market’s Closing

 

2008 : Dow Jones a 8.776,39 S&P 500 a 903,25 Nasdaq a 1.577,203 Nasdaq 100 a 1.211,65 Sox a 212,17

2008 Min:  Dow Jones a 7.506 S&P 500 a 747 Nasdaq a 1.314 Nasdaq 100 a 1.035 Sox a 167,5

 

2007

 

The Market’s Closing

 

2007 : Dow Jones a 13.264,82 S&P 500 a 1.468,36 Nasdaq a 2.652,28 Nasdaq 100 a 2.085,25 Sox a 410

2007 Max:  Dow Jones a 14.198 S&P 500 a 1.576 Nasdaq a 2.861 Nasdaq 100 a 2.239 Sox a 549

 

2006

The Market’s Closing

2006 : Nasdaq a 2.395  Il Dow Jones a 12.368  L’S&P 500 a 1.408,5 Nasdaq 100 a 1.763,50

 

 

 

– Closing for the week ended in December 31 – 2008 –  

 

VOLATILITY INDEXES

At the closing

 

CBOE VOLATILITY INDEX (Chicago Options:^VIX)

Index Value: 40.58

52wk Range: 15.82 – 89.53

 

CBOE NASDAQ VOLATILITY INDEX (Chicago Options:^VXN)

Index Value: 40.79

52wk Range: 19.75 – 86.52

 

– Closing for the week ended in December 31 – 2008 –  

   

Currencies

$/€ – €/$

Benchmark Currency Rates  

2008

So far this year

 

Name – Last – YTD Chg %

 

Euro in U.S. dollars – 1.396800  4.42 %
U.S. dollar in euros – € 0.71590 + 4.63 %
U.S. Dollar Index 81.21000000  + 5.88 %

 

$/€ – €/$

 

The U.S. dollar dropped to an all-time low

On July 15, 2008

€/$ 1.6038 dollar per euro –

– $/€ 0.6235 euro per dollar –

 

Dollar Index dropped to an all-time low

On March 17, 2008

– Dollar Index 70.698

 

 

2007

Currencies

$/€ – €/$

Performance For the year

Name – Last – YTD Chg %

 

Euro in U.S. dollars 1.4615 +10.97%
U.S. dollar in euros € 0.6842 –9.89%
U.S. Dollar Index 76.695000 -8.31%

 

Maximum for the year

Euro in U.S. dollars 1.4970 +13.66%
U.S. dollar in euros € 0.668 -12.02%
U.S. Dollar Index 74.48400  -10.95%

 

 

2006

Currencies

$/€ – €/$

Performance For the year

Euro in U.S. dollars was at 1.3170
U.S. dollar in euros was at 0.7593
U.S. Dollar Index was at 83.6500

52wk Low 70.698

52wk Low Date 2008-03-17

  

 

– Closing for the week ended in December 31 – 2008 –  

 

New York close   Wed. Tues. Chg. Month chg. YTD chg.

Other Currencies

British pound in dollars $1.4654 $1.4656 -0.0002 -4.75% -26.33%
Dollar in British pounds  £0.6824 £0.6823 0.0001 4.98% 35.75%
Dollar in yen  90.70 90.70 0.00 -5.12% -18.91%
Canadian dollar in U.S. dollars $0.821 $0.821 $0.0000 1.58% -17.34%
U.S. dollar in Canadian dollars $1.218 $1.218 $0.0000 -1.63% 20.90%

 

 

U.S.$ /Chinese Yuan

For the year

The Us dollar fell to the lowest against the Yuan at 6,7737 Yuan

On October 10, 2008

$ / Yuan = Yuan 6,7737

Yuan / $ = $ 0,14762 

 

Max Year to Date 7.2941

January 2, 2008

 

2008

So far this year

Name – Last – YTD Chg %

U.S.$ /Yuan — 6,8133 — – 6.66%

 

 

 

 

China’s Yuan On October 10, 2008 rose at 6,7737 Yuan per dollar or 0,14762 dollar per yuan, the highest since On July 15, 2008 rose at 6,8108 Yuan per dollar or 0,14682 dollar per yuan, and the most since End of Dollar Link on Bank Signal. Yuan rose on Speculation China to Cut Trade Surplus. Nuovo record storico dello Yuan sul dollaro dal 21 luglio 2005, giorno della prima rivalutazione decisa dal Governo di Pechino, dopo che nel maggio 2006 aveva gia’ rotto la soglia psicologica di 8  Yuan per 1 dollaro.

 

On October 10, 2008 rose at 6,7737 Yuan per dollar or 0,14762 dollar per yuan, the highest close since On July 15, 2008 rose at 6,8108 Yuan per dollar or 0,14682 dollar per yuan, Y/$ =  +19.72% ($/Y = -16.47%), since the first day, after the end of a fixed exchange rate, in July 21 2005 when it roses to  8,11, and  the yuan brings its gains versus dollar to the highest close, Y/$=  +22.23%  ( $/Y = -18.79% ), since the day before the end of a fixed exchange rate in July 20 2005 when it was linked at 8,28  per dollar (quando era a cambio fisso con il dollaro); at  8,11 per dollaro il 21 luglio 2005 lo yuan fu’ infatti rivalutato subito  da 8,28 per dollaro del +2.09%, Y/$=  +2.09%  ( $/Y = -2.05% ), cambio fisso in vigore fino al giorno prima della sua rivalutazione, ovvero sino al 20 luglio 2005.

    

 

US Treasury Indexes

Name Discount/Price Change Yield

3-Month U.S. Treasury Bill 0.00 -0.05 0.00%
6-Month U.S. Treasury Bill 0.23 -0.01 0.23%
2-Year U.S. Treasury Note 100.19 -0.09 0.78%
5-Year U.S. Treasury Note 100.16 -0.13 1.46%
10-Year U.S. Treasury Note 113.19 -1.81 2.24%
30-Year U.S. Treasury Bond 136.50 -3.53 2.69%

Treasurys     

New York close   Wed. Tues. Chg. Month chg. YTD chg.

13-week Treasury bill 0.115% 0.090% 0.025 475.00% -96.34%
5-year Treasury note yield 1.551% 1.463% 0.088 -20.22% -55.11%
10-year Treasury note yield 2.244% 2.087% 0.157 -24.11% -44.39%
30-year Treasury bond yield 2.691% 2.583% 0.108 -22.83% -39.65%

Commodities 

New York close   Wed. Tues. Chg. Month chg. YTD chg.

Gold $884.30 $870.00 $14.30 7.97% 5.53%
Copper $1.4100 $1.3205 $0.09 -14.52% -53.63%
Silver $11.2950 $10.9800 $0.32 10.41% -24.30%
Corn $4.0700 $3.9625 $0.11 16.45% -10.65%
Crude oil (NYMEX) (per barrel) $44.60 $39.03 $5.57 -18.07% -53.53%

Energy prices

New York close   Wed. Tues. Chg. Month chg. YTD chg.

Crude oil (NYMEX) (per barrel) $44.60 $39.03 $5.57 -18.07% -53.53%
Heating oil (per gallon) $1.4057 $1.2880 $0.1177 -16.01% -46.94%
Natural gas (per million BTU) $5.6220 $5.8590 -$0.2370 -13.64% -24.87%
Unleaded gasoline (per gallon) $1.0082 $0.8853 $0.1229 -12.04% -59.52%

 

 

 

Today News – My Highlights

Source : Ansa, Wallstreetitalia, The U.S. Government, Reuters, Bloomberg and Msn Money

 

 

 

Benchmark Currency Rates

$/€ – €/$

Actual

– €/$ 1.4735 dollar per euro –

– $/€ 0.6787 euro per dollar –

 

 

Rating alle societa’

Corporates’ Rating

 

 

 

New York, NY – January 2, 2009 –

 

     

 

   

 

 

New York, NY

  – The most important Records of Dollar, Yuan, Gold and Oil

&

The most important economic news of the previous 3 weeks

 

 

 

EPS $  Estimated for S&P 500

Profits Before taxes

 

 

 

 

 

   

 

 

$/€ – €/$

 

The U.S. dollar dropped to an all-time low

On July 15, 2008

€/$ 1.6038 dollar per euro –

– $/€ 0.6235 euro per dollar –

 

Dollar Index dropped to an all-time low

On March 17, 2008

– Dollar Index 70.698

 

 

   

 

On July 15, 2008 –  $/€ — 0.6235 ( Year to date chg – $/€  -8.87%) —  €/$ — 1.6038 ( Year to date chg – €/$  +9.73%) – 2007 $/€  0.6842 €/$ 1,4615) – 2006 $/€  0.7593 €/$ 1,3170) –

On July 15, 2008, the dollar dropped to 1.6038 dollar per euro or to 0.6235 euro per dollar, an all-time low since on April 22, 2008 when the dollar dropped to 1.6018 dollar per euro or to 0.6242 euro per dollar and since January 1999 when the euro debuted at $1.17 dollar per euro or 0.8547 euro per dollar – Il dollaro quando ancora l’euro non era una realtà aveva raggiunto nel 1992 i minimi  ( $/€ 0.6869) (€/$ 1,4557) sul cd euro ‘sintetico’,  l’ ECU, l’ allora unità di conto europea, vale a dire un valore teorico in grado di determinare i rapporti di cambio fra la futura divisa comune europea e le altre. Il record odierno è appunto storico in quanto ha superato i valori della valuta ‘sintetica’ del 1992 (the synthetic euro, a theoretical value that estimates where the currency would have traded before its inception ).

  • A mettere sotto pressione il biglietto verde – che va giù nei confronti di tutte le maggiori valute arrivando anche a toccare i minimi da 23 anni contro il dollaro neozelandese (a 82,08) – è la convinzione che la Federal Reserve abbasserà ancora i tassi di interesse per sostenere l’economia statunitense. L’attenzione del mercato è concentrata sull’audizione di oggi davanti al Congresso Usa del presidente della Banca centrale americana, Ben Bernanke, proprio per verificare se il board della Fed è pronto a varare un nuovo taglio del costo del denaro.

  • Il Fmi ha dichiarato di stimare il Dollaro al cambio (€/$) di 1.5 e’ cmq sopravvalutato di circa il 20%, anche se non tutti i membri della ricerca sono concordi. Gli alchimisti dei grafici ricordano che la prossima soglia da sfondare (€/$) è quella di 1,52 dollari. Qualora il cross non tornasse prontamente sotto 1,50, si aprirebbero spazi per una salita fino ad area 1,52-1,53. Per oggi le resistenze si collocano sui livelli psicologici 1,5050 ed 1,51. Il supporto a 1,4950 circa.

 

On March 17, 2008  The U.S. Dollar Index hit the new lowest since the index started in March 1973  at 70.698 ( Year to date chg  -7.26%) – ( The U.S. Dollar Index was at 76.235 in the 2007 and was at 83.65 in the 2006) – On March 14, 2008 The U.S. Dollar Index hit the previous lowest at 71.701 – The U.S. Dollar Index, the New York Board of Trade’s Dollar Index measuring its value against the euro, yen, British pound, Canadian dollar, Swedish krona and Swiss franc.

 

Gli alchimisti dei grafici ricordano che la prossima soglia da sfondare (€/$) è quella di 1,62 dollari. Il Fmi ha dichiarato di stimare il Dollaro al cambio (€/$) di 1.55 e’ gia’ cmq sopravvalutato di circa il 20%.

  

 

CAMBI: MINIDOLLARO E EURO RECORD, 9 ANNI D’ALTALENA

Alla sua nascita il primo gennaio 1999 l’euro valeva 1,1667 dollari e tra gli alti e bassi registrati in questi 9 anni e mezzo è arrivato oggi al nuovo record storico, superando nuovamente quota 1,60 dollari.

Ecco una breve cronologia della storia della moneta unica:

– 1 gennaio 1999: al suo debutto l’euro vale 1,1667 dollari.

– 4 gennaio 1999: primo giorno di scambi sui mercati, sale subito a 1,1885.

– 2 dicembre 1999: per la prima volta in parità con la divisa americana, un euro vale un dollaro.

– 27 gennaio 2000: scende sotto la parità.

– 26 ottobre 2000: crolla al minimo storico di 82,30 cents.

– 11 settembre 2001: gli attacchi alle Twin Towers portano l’euro sull’altalena tra 0,86 e 0,91 dollari.

– 8 ottobre 2001: con l’offensiva Usa in Afghanistan l’euro si risolleva e tocca quota 92,14 centesimi.

– 1 gennaio 2002: è il primo giorno di circolazione effettiva della moneta unica, che l’indomani sale a 90 centesimi.

– 15 luglio 2002: dopo 29 mesi torna in parità col dollaro e sale fino a 1,0023.

– 20 marzo 2003: con l’attacco americano all’Iraq l’euro oscilla tra 1,05 e 1,06 dollari.

– 19 maggio 2003: va oltre la quotazione della nascita salendo a 1,17 dollari dopo che il segretario al Tesoro Usa Snow sembra favorire una politica del dollaro debole.

– 28 novembre 2003: supera quota 1,20 dollari con l’acuirsi del rischio terrorismo.

– 5 gennaio 2004: la Fed si dichiara non preoccupata per la debolezza del dollaro e l’euro sfiora quota 1,27.

– 27 maggio 2004: la galoppata dei prezzi del petrolio mette sotto pressione il dollaro e l’euro vola a 1,28.

– 10 novembre 2004: continua il declino della moneta statunitense, nuovo record dell’euro sopra quota 1,30 dollari.

– 30 dicembre 2004: Washington sta alla finestra e l’euro tocca il record resistito per quasi tre anni, a 1,3666 dollari.

– 8 luglio 2005: al termine di una lunga serie di ribassi anche dovuti alla bocciatura del progetto di Costituzione europea tocca i minimi da 13 mesi a 1,1898.

– 8 settembre 2005: gli uragani che devastano gli Usa spingono la moneta unica europea, che sale a 1,24 dollari.

– 7 novembre 2005: precipita di nuovo a 1,1776 con la guerriglia urbana nelle periferie di Parigi.

– 12 maggio 2006: al termine di una corsa durata per tutta la primavera l’euro si ferma a un passo da 1,30 dollari.

– 10 luglio 2007: tocca il nuovo record superando quota 1,37 dollari e, due giorni dopo, sfonda gli 1,38.

– 12 settembre 2007: la crisi dei mutui subprime si fa sentire: euro sopra 1,39 dollari.

– 20 settembre 2007: in scia al taglio dei tassi della Fed il dollaro precipita e l’euro supera per la prima volta nella sua storia quota 1,40 dollari.

– 31 ottobre: si avvicina a 1,45 dollari dopo il taglio dei tassi Usa.

– 14 dicembre 2007: la crisi del credito pesa sull’euro che torna sotto 1,45 dollari.

– 22 gennaio 2008: la Fed taglia a sorpresa i tassi di 75 punti base e l’euro rimonta sopra 1,46 dollari.

– 30 gennaio 2008: altro taglio di mezzo punto da parte della Fed e la moneta unica torna vicina a 1,49 dollari.

– 27 febbraio 2008: l’euro sfonda quota 1,50 sul timore che la Federal Reserve prosegua nella politica di aumento dei tassi.

– 13 marzo 2008: continua sempre più rapida la corsa dell’euro: tocca quota 1,56 contro il dollaro per la crisi del credito e il rischio liquidazione del fondo Carlyle Capital.

– 22 aprile 2008: l’euro raggiunge quota 1,6019, record storico sul dollaro, dopo che il governatore della Banca di Francia, Christian Noyer, ha ipotizzato un aumento dei tassi europei.

– 26 giugno 2008: dopo un periodo di calma, la moneta europea ritorna a ridosso dei 1,58 dollari per il prossimo annuncio della Bce di un aumento dei tassi.

– 3 luglio 2208: l’euro sfiora nuovamente quota 1,60 con il rialzo dei tassi europei, per poi ripiegare dopo l’annuncio della Bce che non vi saranno a breve altri aumenti.

– 8 luglio 2008: il presidente della Fed, Ben Bernanke, annuncia la possibile estensione fino al 2009 della linea di credito per le istituzioni finanziarie messe in difficoltà dal ‘credit crunch’ e l’euro rallenta a 1,565 dollari.

– 11 luglio 2008: riprende la corsa dell’euro verso quota 1,60 dollari per la crisi di Freddie Mac e Fannie Mae

– 15 luglio 2008: nuovo record storico a 1,6038 dollari.

 

 

 

 

 

U.S.$ /Chinese Yuan

For the year

The Us dollar fell to the lowest against the Yuan at 6,7737 Yuan

On October 10, 2008

$ / Yuan = Yuan 6,7737

Yuan / $ = $ 0,14762 

 

Max Year to Date 7.2941

January 2, 2008

 

2008

So far this year

Name – Last – YTD Chg %

U.S.$ /Yuan — 6,8133 — – 6.66%

 

 

 

 

China’s Yuan On October 10, 2008 rose at 6,7737 Yuan per dollar or 0,14762 dollar per yuan, the highest since On July 15, 2008 rose at 6,8108 Yuan per dollar or 0,14682 dollar per yuan, and the most since End of Dollar Link on Bank Signal. Yuan rose on Speculation China to Cut Trade Surplus. Nuovo record storico dello Yuan sul dollaro dal 21 luglio 2005, giorno della prima rivalutazione decisa dal Governo di Pechino, dopo che nel maggio 2006 aveva gia’ rotto la soglia psicologica di 8  Yuan per 1 dollaro.

 

On October 10, 2008 rose at 6,7737 Yuan per dollar or 0,14762 dollar per yuan, the highest close since On July 15, 2008 rose at 6,8108 Yuan per dollar or 0,14682 dollar per yuan, Y/$ =  +19.72% ($/Y = -16.47%), since the first day, after the end of a fixed exchange rate, in July 21 2005 when it roses to  8,11, and  the yuan brings its gains versus dollar to the highest close, Y/$=  +22.23%  ( $/Y = -18.79% ), since the day before the end of a fixed exchange rate in July 20 2005 when it was linked at 8,28  per dollar (quando era a cambio fisso con il dollaro); at  8,11 per dollaro il 21 luglio 2005 lo yuan fu’ infatti rivalutato subito  da 8,28 per dollaro del +2.09%, Y/$=  +2.09%  ( $/Y = -2.05% ), cambio fisso in vigore fino al giorno prima della sua rivalutazione, ovvero sino al 20 luglio 2005.

 

A 6,8133 Yuan per dollaro dall’inizio del 2008 l’apprezzamento della moneta cinese ha raggiunto il +7,14%, era stato del +5,47% nel corso del 2007 e del +3,5% nel corso del 2006, mentre era stato del +3,9% nel corso del periodo compreso tra il 21 luglio ed il 31 dicembre del 2005.

 

U.S./CHINESE YUAN

2008

$/Y — 6.8133

+7.14%

The China’s yuan currency rose to 6,8133 per dollar and so the cross rate for the year had these figures: Y/$=  +7.14%  and the U.S. dollar has dropped against China’s yuan ( $/Y = -6.66% )

 

 

U.S./CHINESE YUAN

2007

$/Y — 7.3

+5.47%

The China’s yuan currency rose to 7,3 per dollar and so the cross rate had these figures: Y/$=  +5.47%  and the U.S. dollar has dropped against China’s yuan ( $/Y = -5.19% )

 

U.S./CHINESE YUAN

2006

$/Y — 7.7

+3.5%

This year, The China’s yuan currency rose to 7,7 per dollar and so the cross rate for the year had these figures: Y/$=  +3.5%  ( $/Y = -3.38% )

 

U.S./CHINESE YUAN

2005

$/Y — 7.97

+3.9%

From July 21 at 8,28 till December 31 at 7,97

July 21 2005 to 8,11 per dollaro lo yuan fu’ infatti rivalutato subito  da 8,28 per dollaro del +2.09%, Y/$=  +2.09%  ( $/Y = -2.05% ), cambio fisso in vigore fino al giorno prima della sua rivalutazione, ovvero sino al 20 luglio 2005

July 20 2005 (quando era a cambio fisso con il dollaro) the day before the end of a fixed exchange rate when it was linked at 8,28  per dollar

 

Pechino ha compiuto alcuni passi nella liberalizzazione valutaria ma lo yuan non è ancora una moneta convertibile e la sua parità di cambio – che segue liberamente un paniere di valute – non è determinata dai mercati. Il governo cinese ha cominciato a sua volta a criticare gli effetti del dollaro debole, rimproverando agli americani di accentuare le difficoltà create alla Repubblica Popolare dal caro-petrolio e dall’inflazione mondiale dei generi alimentari.

 

 

 

Petrolio

 

Oil cost

 

July 11, 2008

WTI – Il future sul Light Crude for August delivery on the New York Mercantile Exchange ha toccato i $147.27  per barrel ( precedente record era di $145,85 per barrel )

 

July 11, 2008

 

Brent on the London Mercantile Exchange , il petrolio  di riferimento per l’area Euro, for August delivery, ha toccato i $147,50 per barrel ( precedente record era di $146,34 per barrel).

 

 

 

 

 

July 11, 2008  – Brent on the London Mercantile Exchange , il petrolio  di riferimento per l’area Euro, for August delivery, ha toccato i $147,50 per barrel ( precedente record era di $146,34 per barrel). E’ il valore piu’ alto raggiunto da quando il Brent e’ attivo il mercato dei futures (1988).

July 11, 2008 – WTI for June delivery on the New York Mercantile Exchange – Il petrolio ‘Wti’ Lo Sweet Light Crude americano (West Texas Intermediate, Cushing, in Oklahoma, dove il Wti viene immagazzinato prima di essere trasportato verso la West Coast, gia ‘ in rialzo di quasi l’80% rispetto a un anno fa) for August delivery on the New York Mercantile Exchange ha toccato i $147.27  per barrel ( precedente record era di $145,85 per barrel ) e superando financo dal record di sempre relativo al precedente shock petrolifero nel 1979/1980 ( aggiustato per l’inflazione, in real terms, stripping out inflation  or inflation-adjusted, the average monthly price that U.S. refiners paid for imported crude oil, significava $103,7 a barrel).  Ma Nel 1974, un altro shock aveva fatto volare le quotazioni: l’embargo dell’Opec durante la guerra del Kippur. A mettere sotto pressione le quotazioni del petrolio e’ la prospettiva di una riduzione dei livelli di produzione da parte dell’Opec. L’organizzazione dei Paesi produttori si riunira’ il prossimo 5 marzo a Vienna e – stando a quanto dichiarato nei giorni scorsi dai ministri del petrolio di Algeria e Iran – potrebbe decidere di ridurre la produzione nel secondo trimestre per via del calo della domanda che si verifica con la fine della stagione invernale nell’emisfero settentrionale

 

Dall’inizio dell’anno i prezzi del greggio sono saliti del 44% e arriveranno – secondo Morgan Stanley – a quota 150 dollari entro il 4 luglio, festa nazionale americana e picco della stagione vacanziera negli Usa. La banca ritiene che a causare “prezzi troppo elevati per gli Stati Uniti e l’Europa sia la robusta crescita della domanda asiatica, insieme a un’offerta stagnante”. Anche secondo il presidente della compagnia statale libica del petrolio, Shokri Ghanem, il greggio potrebbe crescere ancora e raggiungere i 140 dollari questo mese e i 150 dollari prima della fine dell’estate, sulla spinta delle speculazioni sui prezzi delle materie prime e del valore fluttuante del dollaro. “Il mercato è ben fornito, non c’é bisogno che l’Opec aumenti la produzione”, spiega Ghanem, precisando che “quello che sta facendo fluttuare il prezzo sono gli speculatori. Negli ultimi giorni hanno incassato profitti mandando i prezzi giù di 12 dollari. Ora è di nuovo in rialzo e prevedo che raggiungerà i 140 dollari prima della fine del mese”. Mentre il petrolio vola, il dollaro riprende a perdere terreno: dopo alcune settimane durante le quali i destini di greggio e dollaro sembravano separati, negli ultimi giorni il loro legame è sembrato rafforzarsi nuovamente sulla scia delle recenti affermazioni dei maggiori banchieri centrali. Se all’inizio della settimana il presidente della Fed, Ben Bernanke, si era speso a favore di un dollaro più forte aiutando la valuta statunitense a recuperare terreno, ieri è arrivata la doccia fredda del presidente della Bce, Jean-Claude Trichet, che ha affossato il dollaro e ridato fiato al petrolio ipotizzando un rialzo dei tassi di interesse a luglio per Eurolandia. “Il più forte rialzo giornaliero del petrolio registrato oggi passerà alla storia come ‘volata Trichet'”, affermano ironicamente alcuni analisti, spiegando comunque che la debolezza del biglietto verde è imputabile anche all’andamento del mercato del lavoro, con la disoccupazione schizzata al 5,5% a maggio, registrando il maggior balzo mensile da oltre 20 anni

 

Nel corso del 2007, i prezzi del greggio hanno messo a segno un balzo del 57%. E pensare che tre anni fa, a fine 2004, il barile quotava esattamente la metà: 50 dollari al barile. A gennaio 2007 per un barile di greggio erano necessari sui 56 dollari al barile.

 

 

Gli ultimi segnali giunti dagli Stati Uniti, anche sul versante dei profitti societari, fanno pensare che “il fosco scenario di fondo sia migliorato e che il peggio sia ormai alle spalle”, spiega all’agenzia Bloomberg, John Kilduff, vice presidente di MF Global a New York secondo il quale ci sarà un aumento della domanda energetica in considerazione “delle aspettative di una ripresa economica soprattutto nella seconda parte dell’anno”. Oggi il segretario all’Energia Usa, Samuel Bodman, ha fatto sapere che Washington continuerà a comprare petrolio per ricostituire le Riserve Strategiche di Petrolio statunitensi anche se i prezzi viaggiano sopra i 100 dollari al barile. Bodman ha anche spiegato ai giornalisti che gli Stati Uniti necessitano di riserve di greggio per 90 giorni, mentre attualmente arrivano al massimo a 56. Naturalmente a giocare un ruolo determinante nell’inarrestabile ascesa dei prezzi dell’oro nero è la speculazione soprattutto da parte degli hedge Fund a caccia di guadagni sicuri in un mercato che continua a fare i conti con gli effetti del collasso dei mutui subprime. E per Alan Greenspan, l’ex presidente della Federal Reserve, a tenere sotto pressione il mercato sono entrambi i fattori, sia strutturali e sia speculativi. “La produzione del greggio è insufficiente a sostenere la crescita” delle nuove potenze economiche mondiali e “certamente ci sono delle speculazioni”, ha spiegato l’ex governatore della Banca centrale americana, il quale si è detto certo che “si avrà un’inversione di tendenza”, ma che “non si arriverà mai più ai 20 dollari a barile di 10 anni fa”. I prezzi sono dunque destinati a rimanere in tensione e degli scenari futuri discuteranno a Roma da domenica prossima i grandi paesi produttori e i principali player del settore energetico in occasione dell’Energy Forum. I ministri dell’Energia di Iran, Iraq, Arabia Saudita, Russia e Venezuela, oltre al segretario generale dell’Opec, si troveranno riuniti attorno a uno stesso tavolo per parlare di disponibilità delle risorse energetiche, del nodo degli investimenti infrastrutturali, le ricette per un futuro sostenibile, la sicurezza degli approvvigionamenti e il dialogo tra paesi produttori e paesi consumatori.

 

Ecco di seguito una tabella che riporta, nelle quotazioni dell’epoca, le principali soglie raggiunte dal greggio sul mercato statunitense:

 

 

1970: il prezzo ufficiale del petrolio saudita viene fissato, secondo le cifre del ministero statunitense dell’Energia, a 1,80 dollari al barile

1974: embargo dell’Opec durante la guerra del Kippur provoca il primo shock petroliero. Il prezzo del barile supera i 10 dollari

1979: la rivoluzione iraniana rappresenta il secondo shock petrolifero. Il barile vola a 20 dollari. che aggiustato per l’inflazione (in real terms, stripping out inflation  or inflation-adjusted, average monthly price that U.S. refiners paid for imported crude oil) significa oltre 101 dollari a barrel

1980: la guerra Iran-Iraq spinge le quotazioni del greggio al di sopra del loro livello pre guerra a 32 dollari. Il prezzo del petrolio, in termini reali, infatti era arrivato a 103,76 dollari nell’aprile del 1980. Infatti le quotazioni record di circa 77 dollari al barile segnato dal greggio americano nell’aprile del 1980 equivale ai 103,76 dollari attuali.

 

1981: All’inizio del 1981 il prezzo raggiungerà i 39 dollari 

1990: con la guerra nel Golfo il barile tocca e supera i 40 dollari

2001: Per capire con quale ascesa di prezzo il mondo ha dovuto confrontarsi negli ultimi anni, ricordiamo solo che dopo l’11 settembre 2001 il prezzo ribassò fino a 20 dollari.

2003: Nel 2003 il petrolio valeva i 30,7 dollari al barile (media delle quotazioni petrolifere a fine anno)

2004: Nel 2004 il petrolio valeva i 38,6 dollari al barile (media delle quotazioni petrolifere a fine anno) per raggiungere i 50 dollari al barile, pesano i timori di scarsi approvvigionamenti

2005: Vengono infrante le soglie psicologiche dei 60 e 70 dollari al barile, anche a causa dell’uragano Katrina che ha creato problemi nel Golfo del Messico

2007: anno in cui il petrolio raggiunge i 90 dollari e chiude l’anno sfiorando i 100: In settembre il barile supera gli 80 dollari. In ottobre prima infrange i 90 dollari al barile, poi si piazza fra i 94 e i 95. In novembre vola a un passo dai 100 dollari al barile, toccando il record storico a 99,29

2008 – 2 gennaio: tocca, per la prima volta nella storia, quota 100 – 20 febbraio: 100,1 dollari – 21 febbraio: tocca 101,32 dollari al barile – 26 febbraio: a 101,43 dollari al barile; il 27 febbraio  tocca i $102.08; il 3 marzo 2008 tocca i $103.63; il 5 marzo 2008 tocca i $104.95; il 6 marzo 2008 tocca i $105.95; il 7 marzo 2008 tocca i $106.54; il 10 marzo 2008 tocca i $108.17; l’ 11 marzo 2008 tocca i $109.7; il 12 marzo 2008 tocca i $110.20; il 13 marzo 2008 tocca i $111.0; il 13 marzo 2008 tocca i $111.8; il 9 aprile 2008 tocca i $112.21; il 15 aprile 2008 tocca i $113.93; il 16 aprile 2008 tocca i $115.07; il 17 aprile 2008 tocca i $115.45; il 18 aprile 2008 tocca i $117.00; il 21 aprile 2008 tocca i $117.76; il 22 aprile 2008 tocca i $119.90; il 28 aprile 2008  tocca i $119.93; il 5 maggio 2008 tocca i $120.36; il 6 maggio 2008 tocca i $122.73; il 7 maggio 2008 tocca i $123.57; l’ 8 maggio 2008 tocca i $124.40; il 9 maggio 2008 tocca i $126.20; il 12 maggio 2008 tocca i $126.47; il 13 maggio 2008 tocca i $126.98; il 16 maggio 2008 tocca i $127.82; il 20 maggio 2008 tocca i $129.58; il 21 maggio 2008 tocca i $134.42; il 22 maggio 2008 tocca i $135.09; June 6, 2008 tocca i $139.12; June 16, 2008 tocca i $139.89; June 27, 2008 tocca i $142.99; June 30, 2008  tocca i $143.67; July 2, 2008 tocca i $144.15; July 3, 2008 tocca i $145.85; July 11, 2008 la volata del greggio, nuovo record storico che tocca i $147.27;

 

 

 

PETROLIO:MAI COSI’CARO,OLTRE LIVELLI SHOCK ANNI 70-80 –

 

 

Il petrolio sfonda anche quota 147 dollari e mette a segno il suo nuovo record storico. Superando nettamente anche i livelli toccati all’epoca dell’Austerity, negli anni ’70 e ’80. Le attuali quotazioni del greggio, infatti, non sono le più alte solo a livello nominale, ma anche in termini reali, cioé attualizzando ai corsi attuali (calcolati anche sull’andamento dell’inflazione) i picchi segnati nel periodo dei grandi shock petroliferi del secolo scorso che spinsero gli italiani alla bicicletta, in quella passata alla storia come l’epoca dell’Austerity. Infatti la quotazione record di circa 77 dollari al barile segnata dal greggio americano nell’aprile del 1980 equivale ai 103,76 dollari attuali.

 

 

Ecco di seguito una tabella che mostra – secondo gli ultimi dati disponibili – la corsa del petrolio dagli anni dei grandi shock petroliferi al nuovo massimo toccato oggi (dati relativi ai greggi dei paesi Ocse, espressi in dollari in termini nominali e reali, attualizzati cioé all’inflazione; nella tabella sono indicati anche i record):

 

PREZZI NOMINALI IN $ — PREZZI REALI IN $

 

1970 1,7 9,7

1975 11,4 43,0

1980 32,9 79,1 – record aprile ’80 77,0 103,7

1985 27,5 48,2

1990 22,2 32,3

1991 19,3 27,0

1992 18,5 25,0

1993 16,4 21,5

1994 15,7 20,1

1995 17,2 21,6

1996 20,5 25,2

1997 19,1 23,0

1998 12,5 14,8

1999 17,3 20,2

2000 28,0 32,0

2001 23,6 26,5

2002 24,2 26,7

2003 28,3 30,7

2004 36,4 38,6

2005 50,7 52,8

2006 61,8 62,9

2007 95,98  95,98

2008 (*)  $147.27  $147.27

– (*) July 11, nuovo record storico, sia a livello nominale sia reale

 

 

 

 

PETROLIO: PER ESPERTO POTREBBE SALIRE A 200 DLR A FINE ANNO

 

Il petrolio a cento dollari e passa potrebbe essere a fine anno appena un pallido ricordo, in quanto a fine anno la quotazione sul mercato statunitense potrebbe arrivare fino a 200 dollari. La previsione è stata fatta da Philip Verleger, presidente della società di consulenza su questioni energetiche PKVVerleger. Secondo quest’ esperto le raffinerie potrebbero infatti decidere di aumentare gli acquisti di petrolio a basso contenuto di zolfo, allo scopo di produrre diesel destinato fra l’ altro agli automezzi pesanti. Proprio questa finalità farebbe crescere velocemente il prezzo, già attualmente più elevato, di questa tipologia di greggio, come il West Texas Intermediate (WTI) scambiato a New York. Verleger ha spiegato che qualora l’ economia dia segnali di ripresa, lo scenario appare probabile con la conseguenza di far salire il greggio appunto a 200 dollari, in considerazione della scarsa disponibilità di diesel. Il greggio a basso contenuto di zolfo è più facile da raffinare ai fini di produrre diesel rispetto alle tipologie che invece hanno contenuti di zolfo più alti. Verleger nel 2005 aveva previsto che il prezzo del petrolio sarebbe arrivato a cento dollari.

 

L’Istituto economico Diw prevede che il prezzo del petrolio raddoppiera’, arrivando a 200 dollari, entro i prossimi dieci anni. Le riserve di greggio saranno sempre piu’ scarse e pertanto piu’ care’, ha detto l’esperta del Diw, Claudia Kemfert, al quotidiano ‘Berliner Zeitung’. A suo avviso, ‘nei prossimi 5 anni e’ possibile che il prezzo del greggio arrivi a 150 dollari. A $88.00 a barrel just cut economic growth by -1 percent . When the economy is creating 200,000 new jobs a month, the U.S. can tolerate $65 to $70 a barrel oil, but at  $95 a barrel the economy should create about 300,000 new jobs a month

 

 

 

Nel 2008,  se il petrolio rimanesse a 110/120 dollari al barile a lungo ci sarebbero gravi problemi. Il fatto è che mentre la domanda di energia cresce, l’offerta non si sviluppa in analoga misura perché gli investimenti nella ricerca degli idrocarburi ristagnano, fra nazionalismi, guerre, disarmi ingenui, gelosie internazionali. E ci si trastulla con le energie verdi, mentre soltanto un massiccio programma elettronucleare e un coraggioso rilancio del carbone possono risolvere il problema.

 

Il greggio si e’ mantenuto anche nell’ultimo scorcio del 2007 sopra ai 90 dollari, e il conto petrolifero annuale si chiude con una media a 70,0 dollari al barile, il livello cioé più alto dall’inizio degli anni ’80:

2007 Crude oil (NYMEX) (per barrel) $96.00 +57.25% from  $61,05 at the close in 2006, e  $70.00  a barrel (media delle quotazioni petrolifere a fine anno), +11.28% from  $62,9 media delle quotazioni petrolifere a fine 2006

2006 Oil cost was $62,9  a barrel (media delle quotazioni petrolifere a fine anno) +19.12% from  $52,8 media delle quotazioni petrolifere a fine anno 2005.

2005 $52,8  a barrel (media delle quotazioni petrolifere a fine anno) +36.78% from  $52,8 media delle quotazioni petrolifere a fine anno 2004

2004  $38,6  a barrel +25.73% from 2003

2003 30,7

2002 26,7

2001 26,5

2000 32,0

1999 20,2

1998 14,8

1997 23,0

 

 

  

Il prezzo del greggio ad un soffio dai 140 dollari il barile, sono la manifestazione inequivocabile della bolla-speculazione finanziaria che si è formata nel mercato delle materie prime e dei prodotti alimentari.

Alcune cifre confermano questa tesi.

 

 

Al New York Mercantile Exchange  sono stati scambiati ogni giorno contratti futures per circa 850 milioni di barili, 10 volte la produzione giornaliera di greggio (che ammonta a 85 milioni di barili).

Il prezzo del petrolio è più che raddoppiato negli ultimi 12 mesi ed è salito quest’anno dai 90 dollari il barile dello scorso mese di febbraio ai 139 dollari di venerdì scorso, ovvero un incremento del 56,6%. Nell’economia reale non è successo nulla che possa giustificare un incremento superiore al 9%.

Il problema è che i mercati a termine sui combustibili non obbediscono alle leggi della domanda e dell’offerta, ma alle aspettative sul prezzo futuro. E in questo mercato di carta si sono fiondate le istituzioni finanziarie, le quali negli ultimi anni hanno investito 260 miliardi di dollari.

E’ incomprensibile che rispetto alle numerose idee in circolazione nessuna proposta miri ad aggredire la causa prima (speculazione finanziaria ) di questa enorme bolla finanziaria attorno al prezzo del petrolio. Eppure basterebbe una regola semplice per far cadere il castello costruito sul greggio dai «maghi della carta straccia». La regola è la seguente: coloro che comprano a termine il greggio (vedi Goldman Sachs) devono alla scadenza del contratto comprare il petrolio fisico e non possono più evitare di farlo pagando una piccola compensazione monetaria, come invece avviene oggi. In pratica, si tratterebbe di ripristinare le leggi dei mercati a termine. Nessuno però sembra avere il coraggio di rovinare l’ultimo giocattolo, che frutta ancora soldi, creato da Wall Street.

——————-

Come ha scritto sul «Financial Times» Lord Desai, docente alla London School of Economics, nello scorso mese di maggio, al New York Mercantile Exchange  sono stati scambiati ogni giorno contratti futures per circa 850 milioni di barili, 10 volte la produzione giornaliera di greggio (che ammonta a 85 milioni di barili). È sempre più difficile sostenere che l’impennata del prezzo del petrolio non è dovuta in gran parte alla speculazione finanziaria, soprattutto dopo il balzo di 10 dollari il barile registrato nella giornata di venerdì 6 giugno 2008. Questi violenti movimenti, che hanno spinto il prezzo del greggio ad un soffio dai 140 dollari il barile, sono la manifestazione inequivocabile della bolla finanziaria che si è formata nel mercato delle materie prime e dei prodotti alimentari.

Questi semplici dati confermano che ha ragione il finanziere George Soros, il quale, in una recente audizione davanti al Senato statunitense, ha dichiarato: «Ci sono tutti i segnali di una bolla, ma non è detto che essa scoppierà tanto presto».

I segnali di una bolla ci sono in effetti tutti. Il prezzo del petrolio è più che raddoppiato negli ultimi 12 mesi ed è salito quest’anno dai 90 dollari il barile dello scorso mese di febbraio ai 139 dollari di venerdì scorso, ovvero un incremento del 56,6%. Nell’economia reale non è successo nulla che possa giustificare un incremento superiore al 9%. La domanda cinese ed indiana, additata spesso come causa principe del rialzo del greggio, non ha subito negli ultimi cinque mesi alcun balzo. Inoltre, la richiesta di greggio di Cina e di India non influisce direttamente sulle quotazioni di breve termine del greggio, poiché avviene fuori dal mercato, con contratti a lungo termine firmati con i paesi esportatori.

Anche i termini dei problemi produttivi dei paesi esportatori di greggio non sono cambiati negli ultimi mesi. Anzi, l’aneddotica indica che si moltiplicano le petroliere che vagano per gli Oceani in cerca di attracchi, cioè di acquirenti, cui vendere a sconto il loro carico di greggio.

Il problema è che i mercati a termine sui combustibili non obbediscono alle leggi della domanda e dell’offerta, ma alle aspettative sul prezzo futuro. E in questo mercato di carta si sono fiondate le istituzioni finanziarie, le quali negli ultimi anni hanno investito 260 miliardi di dollari. È quindi evidente che quando la Goldman Sachs, la banca di investimento più attiva in questo mercato, prevede che entro la fine dell’anno il barile supererà i 200 dollari, non fa una previsione, ma in buona sostanza dice alla concorrenza di continuare a scommettere sul rialzo del greggio.

Ciò induce a ritenere che la corsa del prezzo del petrolio potrebbe ancora continuare e quindi decurtare ancor di più il reddito di famiglie ed imprese. Non sorprende che si moltiplichino le proposte di trattare con gli arabi, affinché aumentino la produzione; oppure di detassare il prezzo del petrolio per calmare la rabbia crescente di consumatori, pescatori ed autotrasportatori. È pure difficilmente spiegabile come non si reagisca a questa corsa del greggio che sta intaccando la crescita di economie già sotto stress a causa della crisi dei mutui subprime e che sta favorendo il ritorno dell’inflazione.

Comunque è incomprensibile che rispetto alle numerose idee in circolazione nessuna proposta miri ad aggredire la causa prima (speculazione finanziaria ) di questa enorme bolla finanziaria attorno al prezzo del petrolio. Eppure basterebbe una regola semplice per far cadere il castello costruito sul greggio dai «maghi della carta straccia».

La regola è la seguente: coloro che comprano a termine il greggio (vedi Goldman Sachs) devono alla scadenza del contratto comprare il petrolio fisico e non possono più evitare di farlo pagando una piccola compensazione monetaria, come invece avviene oggi. In pratica, si tratterebbe di ripristinare le leggi dei mercati a termine. Nessuno però sembra avere il coraggio di rovinare l’ultimo giocattolo, che frutta ancora soldi, creato da Wall Street.

Così dopo la bolla delle borse, scoppiata all’inizio del decennio, e quella del mercato immobiliare americano, esplosa l’anno scorso, ora abbiamo la «mania» del petrolio. Anche questa bolla è certamente destinata prima o poi a scoppiare, ma nel frattempo rischia di aggravare pesantemente le condizioni di un’economia mondiale che già stenta a fare i conti con la crisi dei mutui subprime

 

 

 

Oro

 

March 17, 2008

 

Sul Comex a New York Gold futures for April delivery traded at  $1.034.0 an ounce

(da $1.001.0 del precedente record)

 

March17, 2008

 

Al fixing di Londra, l’oro con consegna immediata ha raggiunto il record di $990,0 all’oncia (da $980,99 del precedente record) e Il contratto con consegna ad aprile ha segnato un rialzo a $972,0.

 

March 17, 2008

In Asia l’oro con consegna immediata  sale  a $991.55 l’oncia (da $986.90 del precedente record)

 

 

 

New York – March 17, 2008 – Sul Comex a New York Gold futures for April delivery traded at $1.034.0 (da $1.001.0 del precedente record) an ounce (una misura che corrisponde a 28,35 grammi), nuovo record storico (anche se lontano dal record del 21 gennaio 1980, quando costava 850 dollari ma — in valuta odierna — 2.239 dollari) sull’onda dell’indebolimento del dollaro che spinge gli investitori a puntare sul metallo prezioso come investimento alternativo, e spinti dalla necessità di riproteggersi dai rischi inflazionistici. Lo scorso anno il prezzo dell’ oro era già cresciuto del 31%.

L’oro aveva toccato un precedente record di $924,30 all’oncia come conseguenza della manovra a sorpresa della Federal Reserve che ha deciso di ridurre il tasso di riferimento di 75 punti base, al 3,50% (polverizzando il record precedente di 873 dollari del 21 gennaio 1980 anche in quell’occasione trainato dal rialzo del petrolio e dalla debolezza del dollaro).

Londra  – March 17, 2008 – Al fixing di Londra, l’oro con consegna immediata ha raggiunto il record di $990,0 (da $980,99 del precedente record) all’oncia (una misura che corrisponde a 28,35 grammi), sopra gli 850 dollari toccati il 21 gennaio 1980. Il fixing a Londra avviene due volte, alle 10.30 ed alle 15.00.

Asia – March 17, 2008 – In Asia l’oro con consegna immediata  sale  a $991.55 l’oncia (da $986.90 del precedente record)

 

 

ORO: DUE SECOLI DI CORSA, DA 19 A OLTRE 950 DOLLARI

 

Dai tempi della corsa all’oro due secoli fa, i prezzi del metallo prezioso sono cresciuti esponenzialmente, passando dai 19 dollari l’oncia del 1800 ai 1.001,0 dollari toccati oggi, una soglia psicologica importante anche se lontana dal record del 21 gennaio 1980, quando costava 850 dollari ma — in valuta odierna — 2.239 dollari. Per anni nell’800 il prezzo del metallo è stato fisso (a 19,3939 dollari ad esempio dal 1800 al 1833), ritoccato al rialzo di tanto in tanto (20,6718 dollari dal 1844 al 1932) e con brevi parentesi di prezzi mobili. L’oro era allora utilizzato come standard per determinare i cambi fissi tra le monete. Il ‘gold standard’, rinnovato nel 1944 con gli accordi Bretton Woods, è stato definitivamente abbandonato dagli Stati Uniti nel 1971, ai tempi dell’amministrazione Nixon, quando il presidente Usa decise di sospendere il tasso ufficiale di convertibilità del dollaro in oro fissato a 35 dollari.

Da allora il prezzo è cresciuto senza sosta in pochissimo tempo, dai massimi di 44 dollari l’oncia nel 1971 agli 850 del 1980, quando nel mese di gennaio l’Urss invase l’Afghanistan. Da allora c’é stata una continua altalena fino al record odierno

 

Prezzi oro a NY con consegna ad Aprile

 

1800 19,39

1825 19,39

1850 20,67

1875 24,23

1900 20,67

1925 20,67

1950 41,50

1971 40,81

1975 160,90

21 gen 1980 850,0 (invasione sovietica in Afghanistan)  in valuta odierna 2.239 dollari

1985 317,30

1990 383,56

1995 384,05

2000 279,10

2005 444,45

15 gen 2008 $916,1

25 gen 2008 $924,3

28 gen 2008 $929,8

20 feb 2008 $949,2

21 feb 2008 $958,4

27 feb 2008 $967,7

28 feb 2008 $970,0

29 feb 2008 $976,0

3  mar 2008 $992,0

5  mar 2008 $996,0

13  mar 2008 $1.001,0

17  mar 2008 $1.034,0

 

 

 

Altri metalli

 

 

Argento  (NYMEX) – New York – March 3, 2008 – CBOT SILVER  (NYMEX) e’ salito a $20,56 l’oncia, nuovo massimo di sempre (precedente record $17,99 l’oncia) – da 28 anni , dal 1980.

Platino – February 21, 2008 – PLATINUM Apr (NYMEX) Massimo storico anche per il platino, a $2.194.8 l’oncia, stabilendo così il nuovo record storico

Palladio (NYMEX) –  February 21, 2008 – $526.2 all’oncia, ai massimi di oltre sei anni, dal luglio 2001. Il palladio quotava all’oncia $ 200 nel 2000. Nel caso del platino, incidono anche le previsioni di una crescente domanda da parte delle case automobilistiche che utilizzano questo metallo per i motori diesel. Non a caso il palladio (marmitte catalitiche) ha raggiunto i massimi e l’alluminio viaggia sui massimi da 17 anni.

Copper Rame –  February 21, 2008 – Il rame, on the Comex division of the New York Mercantile Exchange, sale a 8.280 dollari la tonnellata, $4.03 alla libbra/ pound , ai massimi dal 3 ottobre 2007 quando raggiungeva quota $8,800 la tonnellata, 4.28 dollari alla libbra a pound (2052 libre = 1 tonnellata) il livello più alto dal 3 marzo del 1989, a 4.967 dollari la tonnellata  2.42 dollari alla libbra (2052 libre = 1 tonnellata).

Zinc zinco –  February 20, 2008 – A Londra, è arrivato a 2.546 dollari la tonnellata, il valore intraday più alto da ottobre 2000, sulla scia delle speculazioni che la Cina possa tagliare le forniture di zinco, del quale è il maggiore produttore al mondo. Nel 2007 lo zinco si è impennato del 46%

Aluminum –  February 21, 2008 – A Londra è arrivato 2.902 dollari la tonnellata metrica, il massimo dal 9 maggio scorso.

 

 

 

 

 

 

Commodities Agricole

 

 

PREZZI: RECORD MAIS DOPO TAGLIO STIME PRODUZIONE USA

Mais/Granoturco e altri cereali.

Frumento, Soia, Farina e Riso

(ANSA)

 

 

11 GIU 2008 – Prezzi: grano vola a nuovo record – Superata soglia 7 dollari a bushel – I futures di Chicago sui  contratti di granoturco con consegna luglio è schizzano ai massimi storici e infrangono, per la prima volta nella storia, i 7 dollari a bushel,  a 7,0325 dollari a bushel (circa 25 chilogrammi) raggiungendo il livello record per un contratto-spot ( precedente record del 9 GIUGNO 2008 – 6,72 dollari a bushel). Rialzo record anche per il contratto con consegna luglio 2009, che ha toccato un picco storico di 7,20 dollari a bushel. La volata e’ legata alle ”inondazioni nella regione agricola del Midwest, che ha distrutto le coltivazioni esistenti e impedito agli agricoltori di riseminare” spiegano gli analisti. Ieri il dipartimento dell’Agricoltura statunitense aveva fatto sapere di aver tagliato a 11,735 miliardi di bushel le sue stime sul raccolto di quest’anno, dai 12,125 miliardi previsti lo scorso 9 maggio. La stima più recente indica un calo del 10% rispetto allo scorso anno, e secondo il dipartimento dell’Agricoltura le scorte degli Usa, il maggior produttore mondiale di mais, potrebbero scendere al minimo dal 1996 entro il 31 agosto 2009.

 

Rispetto allo scorso anno, le quotazioni di granoturco sono raddoppiate e quelle sul prezzo del mais, utilizzato per produrre energia alternativa al petrolio, ma anche la soia, hanno segnato un balzo di circa il 60%  grazie al loro crescente status di carburanti alternativi al greggio. In questi 12 mesi le quotazioni di grano, soia, mais e olio di palma hanno toccato nuovi record, spingendo la crescita dei prezzi di pane e pasta, e la spirale rialzista non sembra destinata a interrompersi: “Gli aumenti delle quotazioni delle materie prime nel settore agricolo continueranno – ha spiegato l’analista di Commerzbank di Francoforte, Eugen Weinberg – perché anche se i livelli di produzione dovessero aumentare non riusciranno a tenere il passo con la crescita della domanda”.

11 GIU 2008 – Il contratto sulla farina a luglio è salito fino a toccare 8,38 dollari per bushel, mentre quello sulla soia con consegna a luglio ha superato i 14,87 dollari per bushel.

 

RISO

 

24 APRILE 2008 – RISO: NUOVO RECORD A 25,07 DOLLARI – E’ l’ennesimo record per il riso, che giunge dopo che, per la prima volta, le grandi catene americane di supermercati Wal-Mart Stores Inc. e Sam’s Club hanno concordato il ridimensionamento dei propri guadagni provenienti da questo cereale negli Stati Uniti. Intanto il Brasile – lo riferisce il suo ministro dell’Agricoltura, Reinhold Stephanes – sta cercando di raggiungere un accordo con i Paesi produttori per assicurare scorte sufficienti di riso alla propria popolazione nei prossimi anni. Infatti le quotazioni del riso, alimento base per la metà della popolazione globale, sono più che raddoppiate nell’anno passato dopo che Cina, Vietnam e India hanno tagliato l’export per salvaguardare la propria domanda interna. “Questa tendenza – ha rilevato il manager di Okato Shoji Co. di Tokyo, Kaname Gokon – potrebbe allargarsi ad altri Paesi, in quanto la sicurezza alimentare è la priorità assoluta per ogni governo”. Anche grano, mais e soia hanno superato tutti i record quest’anno, provocando disordini sociali in diversi Paesi incluso Haiti ed Egitto. (ANSA). 

L’ andamento risente del fatto che la produzione nello Stato dell’ Arkansas – uno dei maggiori produttori negli Usa – é destinata a restare sotto i livelli dello scorso anno per via delle alluvioni. Lo scorso anno la quotazione del riso è più che raddoppiata anche come conseguenza del fatto che alcuni fra i Paesi tradizionalmente esportatori, come il Vietnam, hanno annunciato un freno delle consegne all’ estero per sostenere il mercato domestico. A spingere i prezzi, che segnano record da quattro sedute consecutive, contribuisce la forte domanda da parte delle Filippine. Il Paese, il primo importatore mondiale, ha annunciato di voler acquistare un milione di tonnellate proprio mentre i maggiori produttori stanno riducendo l’export

16 Aprile 208 – Prezzi in volata anche per il caffé, i cui futures a New York, già in rialzo del 25% da un anno a questa parte, guadagnano l’1,4% a 1,85 centesimi per libbra, spinti dalla corsa ad accaparrarsi beni rifugio di fronte allo sfaldarsi delle quotazioni del dollaro.

January 14, 2008 – Il grano ha segnato un rialzo a $9,3925 a bushel, vicino ai 10,095 dollari raggiunti lo scorso 17 dicembre 2007 sulla scia della mancanza di piogge che ha danneggiato coltivazioni in Canada e Cina. Wheat prices (frumento) for March delivery close at $9.3925 a bushel on the benchmark Chicago Board of Trade market in the US — On December 18, 2007  Wheat prices for March delivery, the most-active contract, for the first time hit a record $10.095 a bushel on the benchmark Chicago Board of Trade market in the US after earlier rising the exchange-imposed daily limit of 30 cents in after – hours electronic trading on the Chicago Board of Trade — about double the price of a year ago — as Grain (grano) prices soar and as traders worried about tight world supplies and the United Nations called for urgent steps to aid poor nations that are being pummeled by shrinking food stockpiles and historic cost run-ups.

 

 

 

Dal 2005 al 2007

Il prezzo dello zucchero è sceso del -21%

Il prezzo del grano è salito del +185%

Il prezzo del mais è salito del +105%

Il prezzo della soia è salito del +93%

Il prezzo del succo d’arancia è salito del +63%

 

 

  AGRICULTURAL / FARM COMMODITIES

Commodity

Food and Fiber

COTTON – COTONE
SUGAR – ZUCCHERO
LUMBER ROBA VECCHIA
WHEAT – GRANO/FRUMENTO
CORN – MAIS
MAIZE – MAIS
SOYABEANS – SOIA
SOYBEAN MEAL
BARLEY – ORZO
OATS – AVENA
SORGHUM
RICE – RISO
COCOA
ORANGE JUICE
MILK

Commodity
Grains and Oilseeds

WHEAT
HARD RED SPRING WHEAT
HARD RED WINTER WHEAT
CORN – MAIS
OATS – AVENA
RICE – RISO

 

 

   

  

        

 

I Crack nella storia delle borse mondiali

Cause e date

 

 

I piu’ grandi crack nella storia dei mercati finanziari, ebbero inizio dopo che nel 1531 ad Anversa nacque la prima Borsa aperta nel mondo.

 

– 2002 – Nel 2002 furono gli scandali Enron e Worldcom a determinare il cattivo andamento delle Borse, con cali vertiginosi in particolare in Europa

 

– Settembre 2001 – Alle immense e dannose conseguenze sui risparmiatori del 2000, poco più di un anno dopo, nel 2001, si aggiunse il terremoto provocato dall’attacco alle Torri gemelle dell’11 settembre: la Borsa di New York venne chiusa per una settimana ma alla riapertura il Dow Jones subì comunque il più grande ribasso della propria storia in termini di punti (684,81, pari a -7,3%):

 

 

Livelli pre e post nine eleven

– 18 settembre, 10 giorni dopo la prima riapertura –

 

 

10 SETTEMBRE  2001 : Nasdaq a 1.695 Il Dow Jones a 9605.1 L’S&P 500 a 1.092

 

21 SETTEMBRE  2001 : Nasdaq a 1.423 Il Dow Jones a 8235.13 L’S&P 500 a  965

 

Nasdaq

-16,0 % – (il 28 settembre)

-8,3% – ( 18 settembre, 1° giorno di riapertura della borsa di New York dopo l’attentato alle Torri gemelle )

 

Dow Jones 

-14,0% – (il 28 settembre)

-7,3% – ( 18 settembre, 1° giorno di riapertura della borsa di New York dopo l’attentato alle Torri gemelle )

 

S&P 500

-11,6% – (il 28 settembre)

-5,5% – ( 18 settembre, 1° giorno di riapertura della borsa di New York dopo l’attentato alle Torri gemelle )

 

 

 

 

– Aprile 2000 – Dopo un record a oltre 5mila punti raggiunto il 10 marzo, nel 2000 scoppiò infatti la cosiddetta bolla Internet, con il crollo delle titoli legati al mondo delle nuove tecnologie arrivati a valori impensabili, nei primi 15 giorni di aprile il Nasdaq  perse il -27%. Le conseguenze sui risparmiatori furono di grande rilievo

– Agosto 1998 – Russia (Long Term Capital Management – LTCM) , che da pochi anni aveva fatto il suo debutto nel mondo capitalistico, in un giorno solo la borsa di Mosca crollò perdendo il -20% complice una produzione industriale debole e una disoccupazione alle stelle, la crisi economica si trasformò in crisi finanziaria. Il rublo si indebolì e in appena 11 giorni perse il 60% del proprio valore. La ripresa, nel 1998, fu abbastanza rapida, ma di breve durata.

– 19 Ottobre 1987 – Wall Street crollò del -22,6% in una sola seduta sotto il peso del deficit commerciale americano e del rialzo dei tassi deciso dalla Bundesbank. In forte ribasso chiusero anche gli indici delle altre Borse mondiali, mostrando per la prima volta l’interdipendenza dei vari mercati finanziari.

– 24/28/29 Ottobre 1929 – Stati Uniti. Il crac vero dopo la Prima guerra mondiale avvenne il 24 ottobre del 1929, un giovedì, l’indice Dow Jones perse in apertura il 22%, ma riuscì a riprendersi per terminare la seduta in calo del 2,1%, ma la settimana successiva perse il 13% il 28 ottobre e il 12% il 29 ottobre. Arrivato dopo un periodo di boom economico e preceduto dalla tensione progressiva dei tassi d’interesse, dal cedimento dele Borse europee e dal calo dei prezzi delle materie prime, il crac del 1929 resta quello più famoso della storia. La crisi avviò il periodo della Grande depressione, con la disoccupazione ai massimi storici, e quindi impose un colpo di freno alle speculazioni in Borsa.

– Ottobre 1907 – Stati Uniti una speculazione fallita gettò nel panico molti piccoli risparmiatori che ritirarono i loro risparmi dalle banche americane. Wall Street perse il 37% del proprio valore in un solo mese: la crisi venne bloccata solo con l’intervento del banchiere J.P.Morgan, che raccolse i capitali necessari al funzionamento del sistema degli scambi.

– 1882 – Francia fallimento della banca cattolica Union Generale che trascinò sul lastrico molti agenti di cambio: le borse di Lione e Parigi vacillarono e il Paese piombò in una difficile crisi economica.

– Dicembre 1720 – Gran Bretagna fallimento della Compagnia dei mari del Sud (South Sea Company). Nata per finanziare viaggi di scoperta e rotte commerciali, la South Sea Company venne travolta da un incredibile caso di speculazione finanziaria, sfociato in un disastro: migliaia di persone persero ingenti fortune (come lo scienziato Isaac Newton, che ci rimise 20mila sterline) e in molti finirono sul lastrico. A contribuire alla crisi della Borsa fu anche il tracollo del cosiddetto ‘sistema di Law’, un meccanismo finanziario e monetario introdotto in Francia dall’economista John Law che porterà a perdite ingenti per i risparmiatori.

 

 

IL PESO DELLA CRISI HA AVUTO UN PICCO SULL’INDICE DI VOLATILITA’ DEI MERCATI, SOPRATTUTTO SULL’S&P 500 E SUL NASDAQ :

 

Il presidente della Federal Reserve, Ben Bernanke, stima in non oltre 500 miliardi di dollari le perdite legate ai mutui subprime. Poco prima, durante l’audizione, il numero uno della Fed aveva stimato in 100 miliardi di dollari, in base al quadro attuale, le perdite generate dal crollo dei mutui ad alto rischio. Nel comparto subprime – spiega ora Bernanke – ci sono qualcosa come 5 milioni di mutui del valore complessivo di mille miliardi di dollari. Mi pare un’esagerazione considerare che tutti i finanziamenti vadano in pignoramento – ha detto – mentre e’ allo stato attendibile una cifra di 100 miliardi di dollari. 

 

 

 

 

January 23, 2008

 

 

Il Dow Jones, che perdeva oltre 300 punti ad un certo momento della sessione, ha chiuso con un progresso del 2.50% a 12.272, l’S&P500 del 2.16% a 1.339, il Nasdaq ha guadagnato l’1.05% a 2.316.

 

 

At the close, the Dow Jones industrials were up 299 points, or 2.5%, to 12,270.17. The 625-point swing is the second-largest change from bottom to high in the Dow’s history, after a 702-point swing on July 24, 2002. The 5.4% change from its intraday low of 16,644.81 (the Dow was down 327 points) to its close today is the biggest since that big rally on July 24, 2002, when the blue-chips jumped 9.4%. Despite today’s gains, the Dow Jones industrials has retreated 7.50% in 2008, and has tumbled 13% from its almost seven-year peak last 9 October, 2007.

 

The Standard & Poor’s 500 Index closed up 28 points, or 2.1%, to nearly 1,339. From its low, the S&P 500 rebounded nearly 69 points. Despite today’s gains, the S&P 500 is still down 8.84%  in 2008 and has tumbled 14% from its almost seven-year peak last 9 October, 2007.

 

The Nasdaq Composite Index was a relative laggard, up 24 points, or 1.1%, to 2,316. The swing from bottom to top was 114 points. Despite today’s gains, the  Nasdaq Composite, has retreated 12.66% in 2008, and has tumbled 19% from its almost seven-year peak last 9 October, 2007.

 

 

Analysts estimate fourth-quarter earnings at S&P 500 companies declined 17 percent from a year earlier, according to data compiled by Bloomberg as of Jan. 18. A week earlier, estimates pointed to a year-on-year drop of 10 percent. As recently as Nov. 30, S&P 500 earnings were expected to increase.

 

What set off the rally?

 

The financial rally was partly a reaction to the Federal Reserve’s surprise move to cut two key rates on Tuesday and investors’ expectation that the central bank will cut rates again. The market also got a boost from a Financial Times report that New York State insurance regulators are pressing the nation’s biggest banks to provide $15 billion in fresh capital to shore up struggling bond insurers. Several of these companies, including the two largest U.S. bond insurers Ambac Financial (ABK), have faced downgrades in recent weeks from ratings agencies. The downgrades could threaten their ability to get new business. Ambac was up 72% on the news, the biggest percentage gain among S&P 500 stocks. Competitor MBIA (MBI) jumped 33%. New capital may help preserve the top credit ratings for the bond guarantors such as MBIA, the industry’s largest, and boost investor confidence in the $2 trillion of assets they guarantee.

 

The dramatic rally has been building since the first of the year as traders — or their computers — waited for prices of key stocks to fall so low that the shares became irresistible.

The financial sector was the big winner of the day, powered by jumps in such stocks as Wells Fargo (WFC), up 9%; Wachovia (WB), up 10.6% and JPMorgan Chase (JPM), up 12%.

 

 

 

 

BORSA PRIMA DELL’ANNUNCIO DELLA FED

 

 

 

Il Martedi’ nero

22 Gennaio 2008

 

 

Secondo gli operatori le due sedute sono le peggiori del decennio. Il panic selling fa il giro del mondo e torna a sferzare i mercati in Asia. Secondo gli analisti citati da Bloomberg si tratta del peggior calo dall’aprile 1990. “C’é il panico – commenta pessimista Patrick Chang da Kuala Lumpur – E non vediamo il fondo almeno per le prossime due settimane”.  Seconda giornata nera per le Borse asiatiche, con ribassi piu’ accentuati di quelli registrati ieri nel ‘lunedi’ nero’ globale. In attesa che negli Usa i mercati riaprano dopo la sosta festiva in Asia il panico ha preso il sopravvento.

Cina: A Hong Kong l’indice guida Hang Seng ha chiuso in ribasso dell’8,74% a 21.737,80 punti, dopo il calo del 5,5% già registrato nella vigilia. La ”sorella minore” di Shanghai ha seguito a ruota, chiudendo con un -7,22%. I titoli che hanno perso piu’ valore ad Hong Kong sono quelli delle grandi compagnie cinesi, in primo luogo le banche. Gli operatori sono unanimi nel ritenere che le notizie di stampa sull’alta esposizione di tre delle quattro grandi banche pubbliche cinesi – la Bank of China, la China Construction Bank e la Industrial and Commercial Bank – nella crisi dei subprime, i mutui facili statunitensi che sono all’origine del terremoto in corso sui mercati, abbiano avuto un ruolo.

Tokyo ha chiuso a -5,65%, anche per la deludente debolezza di quella che era stata annunciata come una crescita economica significativa. Il Nikkei ha chiuso a 12.573,05 punti, con una perdita di 752,89 punti. In due giorni ha perso oltre 1.000 punti, pari al 9%.

Paura alle stelle anche in Corea del Sud ed in India, dove le Borse di Seul e Mumbai sono state chiuse per alcune ore quando stavano registrando perdite a due cifre. Dopo la riapertura, hanno avuto una leggera correzione, chiudendo a -4,43% Seul e a -4,97% Mumbai. Al momento della sospensione Mumbai era a -9,75%, Seul a -6,23%. Di seguito gli indici delle principali Borse dell’area Asia-Pacifico. (ANSA)

 

 

Tokio -5,65% ai minimi degli ultimi 28 mesi, registrando la maggiore flessione dall’11.01.2001

Hang Seng -8,74%

Shanghai -7,22%

Taiwan -6,51%

Seul -4,43%

Mumbai -4,97%

Taipei -6,22%

Singapore -4,83%

Kuala Lumpur -3,99%

Bangkok -4,45%

Jakarta -9,1%

Sydney -7,05%

 

 

 

 

 

Il lunedi’ nero

21 gennaio 2008

 

 

Nella tabella la chiusura dei principali listini mondiali

il lunedi’ 21 gennaio 2008:

– New York chiusa per festività

– Madrid -7,54%

– Francoforte -7,16%

– Mumbai -7,13%

– Parigi -6,83%

– Amsterdam -6,14%

– San Paolo (in corso) -6,03%

– Hong Kong -5,49%

– Londra -5,48%

– Zurigo -5,26%

– Milano -5,17%

– Shangai -5,14% 

– Tokyo -3,86%

 

 

 

E’ stato un lunedì nero quello che ha colpito le Borse di tutto il mondo con la sola Wall Street ‘graziata’ dalla chiusura dovuta alla festività del Martin Luther King Day ma i cui futures hanno subito un pesante ribasso e che preannunciano per domani una giornata di forti ribassi.

Ma alla base del calo odierno vi è anche una miscela esplosiva di vari fattori: in primis l’onda lunga del crollo del mercato dei mutui subprime, risultato peggiore del previsto e i cui effetti si fanno sentire ora sui bilanci delle grandi banche. Nei guai anche gli assicurativi che coprono il rischio delle emissioni obbligazionarie delle società ma anche le società di investimento e ancora una volta le banche, ad esempio la Bank of China, che con il crollo dei mercati vedono deprezzarsi le loro partecipazioni e sono costrette a maxi svalutazioni rivedendo le loro stime di utili e ricavi.

I ribassi dei listini, spiegano analisti e operatori, provocano quindi vendite generalizzate dei titoli azionari per coprire le perdite e per spostare la liquidità su strumenti più sicuri come le obbligazioni governative in una spirale negativa che affossa sempre di più i mercati.

Un crollo generalizzato partito in mattinata dall’Asia che ha quasi eguagliato le perdite dell’11 settembre 2001, e che ha bruciato nella sola Europa 437 miliardi di euro, preoccupando i governi e gli organismi internazionali.

Allora gli attacchi alle Torri Gemelle dei terroristi islamici, arrivati in un contesto economico già negativo, provocarono crolli vicini al 10% e innescarono un ciclo di ribassi terminato solo nel marzo 2003 quando partì invece una lunga fase rialzista. Ora quel periodo, spinto dalla vertiginosa crescita delle economie emergenti, pare finito e si teme l’arrivo della recessione negli Stati Uniti che le misure per 150 miliardi di dollari varate dall’amministrazione Bush non sembrano poter arginare.

Insomma l’arrivo dell’Orso, termine con il quale si indica una fase di calo duraturo e continuo dei listini mentre il Toro indica uno scenario di rialzi, è ormai realtà. La Morgan Stanley in una nota spiega infatti che non è ancora il momento di tornare a comprare nonostante gli indici siano, rispetto ai massimi degli ultimi mesi, inferiori alla soglia critica del 20%.

 

 

   

 

 

Il primo martedi’ nero

 

27 febbraio 2007

 

 

 

 

L’ondata di Sell che ha interessato l’azionario il martedi’ 27 febbraio 2007, ha originato il maggiore calo mensile dagli inizi del 2003 e  il peggior calo giornaliero degli indici dal 2001.

  • Ricordo che martedi’ 27 febbraio 2007 sono stati bruciati 1.000 mld di dollari in soli 3 continenti. Il martedi’ nero innescato dalla sindrome cinese e’ costato a Wall Street 600 mld di dollari oltre alla perdita di tutti i guadagni del 2007. Il Vecchio Continente ha bruciato in un solo giorno 272 miliardi di euro di capitalizzazione. E’ quanto si deduce calcolando la capitalizzazione dell’indice Stoxx 600 che ha subito un calo del 3,04, pari appunto a 272 miliardi. Le borse di Shangai-Shenzen hanno subito un tonfo del 9%, il più sensibile calo di 10 anni. L’indice che riflette l’andamento delle due borse è scivolato del 9,2%, cancellando oltre 100 miliardi di dollari di capitalizzazione e mettendo fine a sei sedute consecutive in rialzo che avevano provocato un incremento complessivo del 13%.

  • L’effetto fuga verso la qualità innescato dal forte calo delle borse è stato però più evidente sul mercato obbligazionario Usa dove si è verificato un andamento per molti aspetti simile a quello di maggio del 2006: apprezzamento dello Yen, calo dei mercati azionari e forte calo dei tassi di mercato, soprattutto sul decennale. A differenza dello scorso maggio il rialzo del premio al rischio sui paesi emergenti è stato questa volta molto più accentuato con un rialzo di circa 20pb. dell’indice Embi+ spread, tornato in un sol giorno ai valori di dicembre. Alla base di tale andamento vi è il ridimensionamento delle posizioni a leva finanziate principalmente in Yen con investimenti nelle aree e negli asset a più elevato grado di rischio (carry trade). L’andamento calante dei tassi di mercato potrebbe continuare. Il primo supporto di rilievo sul decennale passa a quota 4,50%.

  • Greenspan ha dichiarato un mese fa’ prima dell’odierna correzione che l’espansione degli Stati Uniti, iniziata nel 2001, potrebbe essere arrivata ad una fase conclusiva, aggiungendo che il Paese potra’ entrare in una fase di recessione entro la fine dell’anno. L’ex banchiere dei banchieri spiega che l’economia statunitense ha iniziato la sua fase di espansione nel 2001 e che ci sono segni di chiusura del ciclo. A questo proposito, ci sono i margini di profitto che si sono stabilizzati, un segnale appunto della fase conclusiva di un ciclo.

  • Yield Curve Inversion (The yield curve spread is defined as the spread between the interest rates on ten year Treasury note and the three-month Treasury bill, while The Yield Curve Inversion is definied when this spread is negative); da tempo stiamo assistendo nel comparto del reddito fisso all’inversione della curva dei rendimenti sul tratto a 10 anni rispetto a quella sul tratto a 3 mesi ( questa inversione rappresenta un indicatore negativo prevedendo un futuro rallentamento dell’attivita’ economica se non una recessione) . Alla chiusura dei mercati oggi lo Spread negativo al livello di -23.9 basis points e’ sotto il livello di allarme ( dato dalla media dei periodi di inversione pari a -45.90 basis points; si noti che la recessione viene configurata come molto probabile al 70% solo in presenza di un differenziale negativo pari nel minimo a -146 basis points) quindi solo il 32% di probabilita’ di recessione, vedere tabella riportata sopra insieme ai rendimenti dei Titoli del reddito fisso, e precisamente:  -23.90 basis points  ( 476.10 – 500.00 ) o -2.39  ( 47,61 – 50.00 ) ovvero -0.239% percentage points (4.761% – 5.00%). 

  • La curva  con un gap di -30/40 basis points appare più appiattita che invertita. I rendimenti a breve e a lungo termine viaggiano entrambi intorno al 5 per cento. Vorrei fare un esempio per chiarire cos’è veramente una curva dei tassi invertita che preannuncia recessione. Nel 1980 il tasso di riferimento sui Treasury Bill a 3 mesi viaggiava al 18% con i tassi a lungo termine al 12%. La distanza era di sei punti ovvero -600 basis points: quella era una situazione che anticipava una futura crescita negativa, ovvero una recessione sicura.

  • In altre parole le condizioni attuali sono molto meno estreme. I rendimenti a breve e a lungo termine viaggiano entrambi intorno al 5%. Non è un livello che spinge necessariamente alla contrazione dell’attività produttiva. Ad esempio, i tassi sui mutui ipotecari per un rifinanziamento trentennale gravitano intorno al 6%. Ciò rallenta l’attività edilizia ma non la uccide. È una situazione ben diversa dal 1980, quando i tassi sui mutui ipotecari erano al 14%. Al contrario, oggi il denaro è ancora a buon mercato. Una situazione che non impedirà ai consumatori di acquistare una nuova automobile a rate o finanziare altre esigenze o neccessità di spesa. Accanto a questo, un eventuale calo dei tassi d’interesse a 10 e 30 anni dovrebbe scongiurare gravi shock nel settore immobiliare. Insomma, tutto gioca a favore di un soft landing.

  • Periods of yield curve inversion : Only a deep inversion ( -146 basis points /  -240 basis points) would be viewed as an ominous sign for the economy and be followed by an economic recession. Since 1980, the Treasury market has gone through 6 “distinct’’ periods of yield-curve inversions. The inversions averaged -45.9 basis points, with a minimum of -8.7 basis points and a maximum of -600 basis points. Each inversion lasted 30.5 weeks on average, with the shortest episode lasting nine weeks, and the longest lasting 59 weeks. In 2000, the curve was inverted from February to December

 

 

 

 

   

 

 

 

 

New York – Market Closed – Diaries

My Highlights – Source: Cnn, Bloomberg, Msn Money and Reuters

 

 

New York –

 

– Closing for the week ended in January 2, 2009 –  

 

 

 

 

 

Alcuni ricorrenze tipiche del mercato americano , giorni nei quali e’ chiuso, nonche’ alcuni particolari giorni di scadenze tecniche:

 

Capodanno 1 gennaio;

Martin Luther King Jr. Day 15 gennaio;

President Day 17 febbraio;

Good Friday 17 Marzo;

Memorial Day 26 maggio;

Independence Day 4 luglio;

Labor Day 1 settembre;

Columbus Day 9 ottobre;

Thanksgiving 27 novembre;

Natale 25 dicembre.

 

 

 

Double-witching, ogni terzo venerdi’ di ogni mese e’ giorno di scadenze tecniche, in particolare, non essendo una scadenza trimestrale, a scadere sono le opzioni sui titoli e quelle sugli indici ( non anche i futures).

Triple-witching Il giorno delle tre streghe, in borsa, identifica i quattro venerdi’ dell’anno in cui scadono contemporaneamente una serie di derivati come i future, le opzioni sui titoli e le opzioni sugli indici. Mentre le opzioni scadono ogni terzo venerdi’ del mese, i future hanno scadenza trimestrale a marzo, giugno, settembre e dicembre. Durante la giornata di scadenza dei contratti derivati, i due mercati cash e future s’incontrano e i traders che hanno ancora posizioni aperte, sulle opzioni “in the money” e sui future, devono onorare gli impegni presi, cioe’ i traders devono regolare sul mercato a pronti le posizioni assunte su quello dei derivati. Per questo motivo durante l’ultima ora di contrattazione volumi e prezzi tendono a “strappare” pur in assenza di reali motivazioni fondamentali. Insomma coloro che hanno ancora posizioni aperte, sulle opzioni in the money (in the money: opzioni con un prezzo di esercizio inferiore all’attuale quotazione cash per le call e superiore per le put) e sui future, devono onorare gli impegni presi.

Quadruple witching. Avviene il terzo venerdi’ di marzo, giugno, settembre e dicembre. la scadenza contemporanea di opzioni indici e titoli, e di future sugli indici e sui titoli. Il cosiddetto giorno delle tre streghe, che ricorre quattro volte all’anno, ha cambiato nome: questo perche’ dal 2004 e’ stata introdotta una nuova categoria di contratti future sui singoli titoli. Da ora in poi nel giorno delle tre streghe (che ora potremmo denominare delle quattro streghe) si avra’ la scadenza tecnica di quattro contratti sui derivati: i future, le opzioni, le opzioni sugli indici e le opzioni sui singoli titoli.

 

 

Italia

2008

Anno nero per la Borsa

 

Borse, i numeri dell’orribile 2008 — In Europa persi 4.000 miliardi di euro dai listini del Vecchio Continente e ha portato Piazza Affari a valere la metà rispetto a un anno fa — Si chiude l’anno più pesante nella storia dei mercati mondiali — Per ritrovare una crisi con un impatto così profondo e devastante bisogna riandare indietro al periodo della Grande Depressione – A Piazza Affari il Mibtel ha lasciato sul terreno il 48,5 per cento

 

2008

 

Mib (-48,7%)

Mibtel (-48,5%)

S&P/Mib (-49,5%)

 

The FTSE Eurofirst Index was down 45.7%

London’s FTSE 100 Index ($GB:UKX) was down 31.3%

Amsterdam (-52%)

 

S&P 500 (-40%)

Dj Stoxx 600 (-46%)

The MSCI World  Index (-43%)

The MSCI Asia Pacific Index (-53%)

 

Shanghai (-65%)

Japan’s Nikkei 225 Index ($JP:N225) was down 42.1%

Hong Kong’s Hang Seng Index ($HSIX) was down 48.3%

 

 

L’anno orribile si è chiuso con 300 società quotate a Piazza Affari, 336 includendo le internazionali, con una capitalizzazione complessiva di 372 miliardi di euro. Piazza Affari, come detto, vale la metà rispetto a un anno fa, e appena un quarto (23,4%) del Pil. Guardando alle cifre aggregate, l’indice S&P/Mib ha perso il 49,5% che corrisponde a una capitalizzazione dimezzata delle società quotate: il valore complessivo dei titoli è crollato dai 731 miliardi di fine 2007 ai 372 attuali. Sono spariti 359 miliardi. Diminuisce anche il peso della Borsa nell’economia italiana: il rapporto capitalizzazione/Pil passa dal 47,8% del 2007 (già in calo dal 52,8% del 2006) al 23,4% del Pil.

Solo 7 titoli chiudono il 2008 in positivo 12 hanno bruciato più dell’80 per cento.

Bastogi nel 2008 ha aumentato il valore del 47,9%. La seguono Nova Re (+41,7%), Landi Renzo (+38,9%), Ansaldo Sts (+18,7%), Lazio (+12,5%), Ergo Previdenza (+12,3%) e Gas Plus (+6,1%). Fra i titoli peggiori, quelli di dodici società hanno perso più dell’80% di capitalizzazione: la maglia nera Cell Therapeutics ha ceduto il 99,4%, Eutelia il 91,3% e Risanamento l’86,8%.

Con l’eccezione della Grande Depressione degli anni ’30, nei libri di storia non si ha traccia di una crisi con un impatto così devastante e duraturo sulle Borse mondiali come quella partita nell’estate di un anno fa con i mutui subprime negli Usa e propagatasi al mondo intero con il contagio all’economia reale e la recessione simultanea di Europa, Stati Uniti e Giappone.

A New York, occorre risalire agli anni ’30, nel bel mezzo della Grande Depressione, per trovare l’unico risultato in grado di battere il disastroso -40% realizzato quest’anno dello S&P 500: era il 1931 e in quei 12 mesi l’indice arrivò a perdere il -47,2%. Lo S&P 500 scese per quasi tre anni, dal crollo di Wall Street del ’29 fino alla metà del ’32, perdendo complessivamente l’86,2%.

 

 

Italia

2007

Anno nero per la Borsa

 

Bilancio 2007: il principale indice di Piazza Affari Mibtel -8,3%  perde terreno dopo 4 anni di crescita a due cifre – Dalla chiusura del 2002 il bilancio resta comunque positivo (+67%) mentre i livelli di fine anno tornano su quelli di settembre 2006. È quanto emerge dalle statistiche ufficiali di Borsa Italiana calcolate alla seduta di giovedì. Gli altri indici della Borsa milanese: per lo S&P/Mib il calo, rispetto a fine dicembre 2006, è pari al -7,5%, mentre per il Midex, relativo alle società a media capitalizzazione, è del -14,4% e per l’All Stars del -15,9%.

 

 

Italia

Conti Economici

 

 

 

Evasione Fiscale 

La pressione fiscale a carico degli onesti

 

Senza lotta seria all’evasione, la pressione fiscale non potra’ mai diminuire dall’attuale  43,3% del 2007, sebbene il calcolo reale porti la pressione ad oltre il 50% – tra il  50,74%  ed il 52,8%

 

Un saggio e pratico mezzo x combattere l’evasione soprattutto della criminalita’ organizzata

Chi ne condividera’ la ratio aiutera’ il paese

 

al 20 maggio 2008

1.018 segnalazioni per 913.173 euro

Ciascuno di noi ha fatto recuperare al fisco 897 euro evasi dai furbi, e dalla criminalita’. Quasi lo stipendio di un operaio e ne siamo felici!

 

Questa e’ la piu’ grossa innovazione anti evasione: mi raccomando anche voi segnalate in massa

 

http://www.evasori.info/segnala.cgi


Noi italiani ci lamentiamo dell’evasione fiscale, eppure spesso chiudiamo un occhio. Segnala qui l’evasione o tentata evasione in cio’ aiutando le forze dell’ordine a combatterla ! “

 

http://www.evasori.info/

 

 

 

 

Contribuenti Italiani

 

(Anno 2005)

(ultimi dati disponibili in riferimento alle dichiarazioni dei redditi presentate)

 

Contribuenti Italiani: 39.977.386

Contribuenti a reddito zero: 9.659.121

Evasorialmeno 4.000.000

 

Iscritti agli ordini e collegi professionali

2005

1.700.000

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/04/iscritti-agli-ordini-e-collegi-professionali-dal-1985-al-2005.jpg

 

 

2006/2007

Verifiche e Controlli risibili

Roma, 22 ottobre 2007

http://www.mef.gov.it/web/apri.asp?idDoc=18293

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_2_top_controlli-e-verifiche-risibili.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_3_top_controlli-e-verifiche-risibili.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_4_top_controlli-e-verifiche-risibili.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_5_top_controlli-e-verifiche-risibili.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_6_top_controlli-e-verifiche-risibili.gif

 

 

 

 

2007/ maggio 2008

LA MAPPA DELL’EVASIONE/ELUSIONE FISCALE IN ITALIA

La CGIA Mestre su fonti varie stima: 

Imponibile evaso all’anno

€316 Miliardi

Imposte evase all’anno

€140-€150 Miliardi 

—————–

Sabato, 10 Maggio 2008

http://cgia.slowdata.com/files/docs/001415/EVASIONE%2010-5.doc

 

 

Le categorie

Stima dell’imponibile evaso

Le modalità

————–

 

ECONOMIA SOMMERSA

200 mld di €

Almeno 2.300.000 occupati svolgono un’attività  irregolare come lavoratori dipendenti

 

ECONOMIA CRIMINALE

 100 mld di €

In almeno 3 Regioni del Sud le organizzazioni criminali controllano l’economia di quei territori

 

GRANDI IMPRESE

10 mld di €

Il 50% delle società di capitali dichiara per più anni redditi negativi o pari a zero

 

LAVORATORI AUTONOMI E PMI

6 mld di €

Mancata emissione di scontrini, ricevute e fatture fiscali

 

TOTALE

Imponibile evaso all’anno

€316 Miliardi

Imposte evase all’anno

€140-€150 Miliardi 

—————–

 

Evasione giochi

Bingo e Slot – 2007

2007

€98 Miliardi  di euro di evasione

http://www.casadellalegalita.org/index.php?option=com_content&task=category&sectionid=5&id=29&Itemid=27

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_1_top_giochi-slot-88-miliardi.gif

L’articolo sul colpo di spugna sui 98 miliardi di evasione (del Governo Prodi soprattutto per iniziativa di 2 deputati radicali, che han trovato facile rimessa in Parlamentonel centro destra. Del resto, come dimostra chiaramente l’elezione di Amedeo Laboccetta, le società concessionarie hanno molti amici nel mondo politico. In entrambi gli schieramenti)

http://www.casadellalegalita.org/index.php?option=com_content&task=view&id=3259&Itemid=63

Slot, colpo di spugna sui novanta miliardi
Scritto da Il Secolo XIX
mercoledì 14 maggio 2008

http://www.casadellalegalita.org/index.php?option=com_content&task=view&id=3259&Itemid=63

La Relazione sui 98 miliardi di euro di evasione
Scritto da Ufficio di Presidenza
sabato 17 maggio 2008

ORA PUBBLICHIAMO LA RELAZIONE INTEGRALE della Commissione d’inchiesta

http://www.casadellalegalita.org/index.php?option=com_content&task=view&id=3263&Itemid=1

—————–

 

 

 

2006

 

LA MAPPA DELL’EVASIONE/ELUSIONE FISCALE IN ITALIA

 

 Le dichiarazione dei redditi medi: e’ sconcertante!

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2006_1_top.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2006_2_top.jpg

 

—————–

 

2006-settembre 2007

 

Caccia agli evasori

Controlli incrociati sulle banche dati. Blitz nei mercati. Verifiche su credito e grandi imprese. Irruzioni contro il lavoro nero.

‘L’espresso’ ha seguito gli sceriffi del fisco.

Ecco come stanano i furbetti delle tasse

di Emiliano Fittipaldi

(06 novembre 2007)

http://espresso.repubblica.it/dettaglio/Caccia-agli-evasori/1854548&ref=hpstr1

http://espresso.repubblica.it/dettaglio/Caccia-agli-evasori/1854548&ref=hpsp

 

GRAFICI:

Bottino miliardario

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2006_2007_0_top__.jpg

Serrande abbassate

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2006_2007_1_top__.jpg

La Tassa piu’ giusta

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2006_2007_2_top__.gif

 

 

2005

 

LA MAPPA DELL’EVASIONE/ELUSIONE FISCALE IN ITALIA

 

Il 24,16% (9.659.121 contribuenti) dei contribuenti italiani (39.977.386 sono le dichiarazioni presentate) non paga le tasse

Panorama, Italia a reddito zero

2005

16 maggio 2008

http://blog.panorama.it/economia/2008/05/16/redditi-un-quarto-degli-italiani-dichiara-zero/

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_2_top__regioni-a-reddito-zero.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_3_top__regioni-a-reddito-zero.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_4_top__regioni-a-reddito-zero.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/05/italia_evasione-fiscale_2007_5_top__regioni-a-reddito-zero.jpg

 

 

 

2004

TOTALE

Imponibile evaso all’anno

€270 Miliardi

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/evasione-fiscale.jpg 

 

2004

TOTALE

Imponibile evaso all’anno

€230-245 Miliardi

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/03/italia_evasione-fiscale3.gif

 

 

Relazione al Parlamento sull’evasione

(Dati riferiti al 2004)

 

TOTALE dell’imponibile evaso

230-250 miliardi di euro

 

TOTALE delle imposte evase

100 miliardi di euro

 

 

Roma, 22 ottobre 2007

http://www.mef.gov.it/web/apri.asp?idDoc=18293

 

Secondo le stime dell’Istituto Centrale di Statistica (ISTAT), il valore aggiunto dell’economia sommersa, solitamente associata all’evasione, è stato nel nostro paese nel 2004 (l’ultimo anno di riferimento) tra il 16,6 per cento ed il 17,7 per cento dell’intero prodotto interno lordo (PIL); in altri termini, vi sono circa €230-250 miliardi di valore aggiunto non dichiarati (ISTAT, 2006). E l’evasione fiscale è (In termini di gettito, si tratta di almeno 7 punti percentuali di PIL di mancate entrate che, ai livelli attuali di PIL, corrispondono ad una perdita superiore ai €100 miliardi l’anno) anche maggiore raggiungendo il 21 per cento della base imponibile IRAP ed il 33 per cento della base imponibile dell’IVA. Questi livelli di evasione sono fino quattro volte superiori a quelli dei paesi europei più virtuosi. Gli esperti della Banca d’Italia (Zizza, 2002) mostrano che il sommerso durante il periodo tra il 1984 ed il 2000 si attesta tra il 14 ed il 18 per cento del PIL, non lontano dalle stime dell’ISTAT.

 

 

 

 

  Pressione Fiscale

La pressione fiscale a carico degli onesti  

Senza lotta seria all’evasione, la pressione fiscale non potra’ mai diminuire dall’attuale  43,3% del 2007, sebbene il calcolo reale porti la pressione ad oltre il 50% – tra il  50,74%  ed il 52,8%

 

Europa – Italia

Eurostat

1995 – 2005

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/03/italia_pressione-fiscale_4.gif

 

Eurostat

1995 – 2006

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_7.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_6.gif

 

 

Pubblici Dipendenti

2003

3.540.000

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/03/italia_pubblici-dipendenti_2003-dicembre_4.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/04/italia_pubblici-dipendenti_2003-dicembre_10.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/04/italia_pubblici-dipendenti_2003-dicembre_4.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/04/italia_pubblici-dipendenti_2003-dicembre_16.gif

 

Eurispes

2003

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_pubblici-dipendenti_2003_numero_dato-pubblicato-nel-2005_4.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_pubblici-dipendenti_2003_numero_dato-pubblicato-nel-2005_3.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_pubblici-dipendenti_2003_numero_dato-pubblicato-nel-2005_2.gif

 

 

Fannulloni Assenteismo

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/04/italia_pubblici-dipendenti_2005_fannulloni-assenteismo.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/04/italia_pubblici-dipendenti_scuola_scandalo.gif

 

 

Spesa pubblica

1990 – 2007

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/04/italia-debito-pubblico_2008_0000_debito-pil.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_pubblici-dipendenti_2003_numero_dato-pubblicato-nel-2007_00.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/04/italia_debito_pil_2005_spesa-pubblica-amministrazione_1.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/04/italia_debito_pil_2005_spesa-pubblica-amministrazione_2.gif

 

Banca D’Italia

2003 -2006

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_1.gif

 

 

Eurostat

1980 – 2006

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_5.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_6.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_2.gif

 

 

Debito Pubblico

 

Composizione

  2000 – 2007

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_0_mef_btp.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_0_composizione-debito.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_00_composizione-debito.gif

 

 

 

Debito Pubblico – Pil

Europa Italia

Eurostat

 

1995 – 2007

 

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/04/eurostat_italia-debito-pubblico_pil_2007_1.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/04/eurostat_italia-debito-pubblico_pil_2007_2.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/04/eurostat_italia-debito-pubblico_pil_2007_3.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/04/eurostat_italia-debito-pubblico_pil_2007_4.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/04/eurostat_italia-debito-pubblico_pil_2007_5.gif

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_9.gif

 

2003 – 2006

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_debito-pil_-2003_2006_eurostat_principali-aggregati-di-finanza-pubblica_0.gif

 

 

Banca D’Italia

2003 -2007

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/04/italia-debito-pubblico_2008_00000_debito-pil.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_top-00_debito-pil_mef.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_top-000_debito-pil_bdi-gennaio.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_top-0_debito-pil_istat.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_top-00_debito-pil_bdi-gennaio.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_top-00_debito-pil_bdi.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_debito-pil_-2003_2007_istat_principali-aggregati-di-finanza-pubblica.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_8.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_top-d_debito-pil_istat_dicembre-2007.gif

 

 

Mef

Ministero economia e finanza

Relazione unificata

2008

 

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_0.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_1.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_2.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_3.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_4.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_5.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_6.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_7.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_8.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_9.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_10.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_11.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_12.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-finanza-pubblica_2008_relazione-unificata_mef_13.jpg

 

 

Istat

2007

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_top-b_debito-pil_istat.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_top-a_debito-pil_istat.gif

 

 

Storico

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_00_debito-pil.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_0_debito-pil.gif

 

 

 

Indebitamento – Pil

Banca D’Italia

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/03/italia-debito-pubblico_2008_top-0000_debito-pil_bdi-gennaio.gif

 

Eurostat  

1995 – 2006

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_4.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/06/italia_europa_2006_conti-economici_3.gif

 

 

   

Tassazione Rendite Finanziarie

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2006/09/tassazione-redditi-finanziari_2.doc

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2006/09/tassazione-redditi-finanziari_1.pdf

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/04/tassazione-rendite-finanziarie_3.gif

 

 

Salari

Eurispes

2000 – 2005

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/04/eurispes_salari_1.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/04/eurispes_salari_9.jpg

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/04/eurispes_salari_5.jpg

 

 

  Fondi comuni Italiani: Rendimenti e Costi

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2008/01/fondi-comuni-di-diritto-italiano_rendimenti_6.gif

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/10/fondi-comuni-di-diritto-italiano_rendimenti_0.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/10/fondi-comuni-di-diritto-italiano_rendimenti_1.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/10/fondi-comuni-di-diritto-italiano_rendimenti_2.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/10/fondi-comuni-di-diritto-italiano_rendimenti_3.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/10/fondi-comuni-di-diritto-italiano_rendimenti_4.gif

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2007/10/fondi-comuni-di-diritto-italiano_rendimenti_5.gif

 

 

 

Costo Conti Correnti nel Mondo

 

https://wallstreetrack.files.wordpress.com/2006/09/conto-corrente-costi-nel-mondo.gif

 

 

Marco

 

dott. Marco Montanari

U.S. Equities Trader

mailto: marcomontanari@iol.it

 

 

 

 

 

Some of My articles

http://blogsearch.google.com/

https://wallstreetrack.wordpress.com/

 

Tag: 1_finanza_analisi Macro
http://wordpress.com/tag/1_finanza_analisi-macro/
Tag: 2_Finanza_Bulls & Bears 
http://wordpress.com/tag/2_finanza_bulls-bears/
Tag: 3_il Risparmio Tradito
http://wordpress.com/tag/3_il-risparmio-tradito/
Tag: 4_Debito & Evasione 
http://wordpress.com/tag/4_debito-evasione/
Tag: E_Lavoro & Pensioni 
http://wordpress.com/tag/e_lavoro-pensioni/
Tag: 6_giustizia Ed Etica
http://wordpress.com/tag/6_giustizia-ed-etica/
Tag: 7_politica Ed Etica
http://wordpress.com/tag/7_politica-ed-etica/
Tag: 8_Sanita’ ed Etica
http://wordpress.com/tag/8_sanita-ed-etica/
Tag: 9_Libera Informazione 
http://wordpress.com/tag/9_libera-informazione/
Tag: A_Tutela degli animali 
http://wordpress.com/tag/a_tutela-degli-animali/
Tag: B_Tutela dell’Ambiente
http://wordpress.com/tag/b_tutela-dellambiente/

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: