Bulls & Me

 

US Stocks and Intermarkets Overview

 

 

Bulls & Me

     

 

Bulls & Me January 1,  2009

 

 

– Closing for the week ended in December 31 – 2008 –  

 

 

Performance For the year 2008

Dow  is  nearly ………………………………- 33.84 %
S&P 500 is nearly ……………………………-38.49 %
Nasdaq Composite is nearly ……………….-40.54 %
Nasdaq 100 is nearly …………………………-41.89 %

 

Performance For the year 2007

Dow  is  nearly ………………………………+ 7.24 %
S&P 500 is nearly …………………………..+ 4.24 %
Nasdaq Composite is nearly ……………..+ 10.73 %
Nasdaq 100 is nearly ……………………..+ 18.24 %

 

Performance For the year 2006

Dow  is  nearly ………………………………+ 16.29 %
S&P 500 is nearly …………………………..+ 13.62 %
Nasdaq Composite is nearly ………………+ 10.73 %
Nasdaq 100 is nearly …………………………+ 9.52 %

 

2008

 

The Market’s Closing

 

2008 : Dow Jones a 8.776,39 S&P 500 a 903,25 Nasdaq a 1.577,203 Nasdaq 100 a 1.211,65 Sox a 212,17

2008 Min:  Dow Jones a 7.506 S&P 500 a 747 Nasdaq a 1.314 Nasdaq 100 a 1.035 Sox a 167,5

 

2007

 

The Market’s Closing

 

2007 : Dow Jones a 13.264,82 S&P 500 a 1.468,36 Nasdaq a 2.652,28 Nasdaq 100 a 2.085,25 Sox a 410

2007 Max:  Dow Jones a 14.198 S&P 500 a 1.576 Nasdaq a 2.861 Nasdaq 100 a 2.239 Sox a 549

 

2006

The Market’s Closing

2006 : Nasdaq a 2.395  Il Dow Jones a 12.368  L’S&P 500 a 1.408,5 Nasdaq 100 a 1.763,50

 

 

 

– Closing for the week ended in December 31 – 2008 –  

 

VOLATILITY INDEXES

At the closing

 

CBOE VOLATILITY INDEX (Chicago Options:^VIX)

Index Value: 40.58

52wk Range: 15.82 – 89.53

 

CBOE NASDAQ VOLATILITY INDEX (Chicago Options:^VXN)

Index Value: 40.79

52wk Range: 19.75 – 86.52

 

– Closing for the week ended in December 31 – 2008 –  

   

Currencies

$/€ – €/$

Benchmark Currency Rates  

2008

So far this year

 

Name – Last – YTD Chg %

 

Euro in U.S. dollars – 1.396800  4.42 %
U.S. dollar in euros – € 0.71590 + 4.63 %
U.S. Dollar Index 81.21000000  + 5.88 %

 

$/€ – €/$

 

The U.S. dollar dropped to an all-time low

On July 15, 2008

€/$ 1.6038 dollar per euro –

– $/€ 0.6235 euro per dollar –

 

Dollar Index dropped to an all-time low

On March 17, 2008

– Dollar Index 70.698

 

 

2007

Currencies

$/€ – €/$

Performance For the year

Name – Last – YTD Chg %

 

Euro in U.S. dollars 1.4615 +10.97%
U.S. dollar in euros € 0.6842 –9.89%
U.S. Dollar Index 76.695000 -8.31%

 

Maximum for the year

Euro in U.S. dollars 1.4970 +13.66%
U.S. dollar in euros € 0.668 -12.02%
U.S. Dollar Index 74.48400  -10.95%

 

 

2006

Currencies

$/€ – €/$

Performance For the year

Euro in U.S. dollars was at 1.3170
U.S. dollar in euros was at 0.7593
U.S. Dollar Index was at 83.6500

52wk Low 70.698

52wk Low Date 2008-03-17

  

 

– Closing for the week ended in December 31 – 2008 –  

 

New York close   Wed. Tues. Chg. Month chg. YTD chg.

Other Currencies

British pound in dollars $1.4654 $1.4656 -0.0002 -4.75% -26.33%
Dollar in British pounds  £0.6824 £0.6823 0.0001 4.98% 35.75%
Dollar in yen  90.70 90.70 0.00 -5.12% -18.91%
Canadian dollar in U.S. dollars $0.821 $0.821 $0.0000 1.58% -17.34%
U.S. dollar in Canadian dollars $1.218 $1.218 $0.0000 -1.63% 20.90%

 

 

U.S.$ /Chinese Yuan

For the year

The Us dollar fell to the lowest against the Yuan at 6,7737 Yuan

On October 10, 2008

$ / Yuan = Yuan 6,7737

Yuan / $ = $ 0,14762 

 

Max Year to Date 7.2941

January 2, 2008

 

2008

So far this year

Name – Last – YTD Chg %

U.S.$ /Yuan — 6,8133 — – 6.66%

 

 

 

 

China’s Yuan On October 10, 2008 rose at 6,7737 Yuan per dollar or 0,14762 dollar per yuan, the highest since On July 15, 2008 rose at 6,8108 Yuan per dollar or 0,14682 dollar per yuan, and the most since End of Dollar Link on Bank Signal. Yuan rose on Speculation China to Cut Trade Surplus. Nuovo record storico dello Yuan sul dollaro dal 21 luglio 2005, giorno della prima rivalutazione decisa dal Governo di Pechino, dopo che nel maggio 2006 aveva gia’ rotto la soglia psicologica di 8  Yuan per 1 dollaro.

 

On October 10, 2008 rose at 6,7737 Yuan per dollar or 0,14762 dollar per yuan, the highest close since On July 15, 2008 rose at 6,8108 Yuan per dollar or 0,14682 dollar per yuan, Y/$ =  +19.72% ($/Y = -16.47%), since the first day, after the end of a fixed exchange rate, in July 21 2005 when it roses to  8,11, and  the yuan brings its gains versus dollar to the highest close, Y/$=  +22.23%  ( $/Y = -18.79% ), since the day before the end of a fixed exchange rate in July 20 2005 when it was linked at 8,28  per dollar (quando era a cambio fisso con il dollaro); at  8,11 per dollaro il 21 luglio 2005 lo yuan fu’ infatti rivalutato subito  da 8,28 per dollaro del +2.09%, Y/$=  +2.09%  ( $/Y = -2.05% ), cambio fisso in vigore fino al giorno prima della sua rivalutazione, ovvero sino al 20 luglio 2005.

    

 

US Treasury Indexes

Name Discount/Price Change Yield

3-Month U.S. Treasury Bill 0.00 -0.05 0.00%
6-Month U.S. Treasury Bill 0.23 -0.01 0.23%
2-Year U.S. Treasury Note 100.19 -0.09 0.78%
5-Year U.S. Treasury Note 100.16 -0.13 1.46%
10-Year U.S. Treasury Note 113.19 -1.81 2.24%
30-Year U.S. Treasury Bond 136.50 -3.53 2.69%

Treasurys     

New York close   Wed. Tues. Chg. Month chg. YTD chg.

13-week Treasury bill 0.115% 0.090% 0.025 475.00% -96.34%
5-year Treasury note yield 1.551% 1.463% 0.088 -20.22% -55.11%
10-year Treasury note yield 2.244% 2.087% 0.157 -24.11% -44.39%
30-year Treasury bond yield 2.691% 2.583% 0.108 -22.83% -39.65%

Commodities 

New York close   Wed. Tues. Chg. Month chg. YTD chg.

Gold $884.30 $870.00 $14.30 7.97% 5.53%
Copper $1.4100 $1.3205 $0.09 -14.52% -53.63%
Silver $11.2950 $10.9800 $0.32 10.41% -24.30%
Corn $4.0700 $3.9625 $0.11 16.45% -10.65%
Crude oil (NYMEX) (per barrel) $44.60 $39.03 $5.57 -18.07% -53.53%

Energy prices

New York close   Wed. Tues. Chg. Month chg. YTD chg.

Crude oil (NYMEX) (per barrel) $44.60 $39.03 $5.57 -18.07% -53.53%
Heating oil (per gallon) $1.4057 $1.2880 $0.1177 -16.01% -46.94%
Natural gas (per million BTU) $5.6220 $5.8590 -$0.2370 -13.64% -24.87%
Unleaded gasoline (per gallon) $1.0082 $0.8853 $0.1229 -12.04% -59.52%

 

 

 

 

Bulls & Me 31 December 2007

Oil cost

November 21, 2007 

WTI on the New York Mercantile Exchange  was at  $99.29 per barrel

November 26, 2007 

Brent on the London Mercantile Exchange  was at $96.65 per barrel

 

 

November 21, 2007: Nuovo record storico del prezzo del petrolio che, seppure brevemente, ha superato il tetto dei 99 dollari il barile sui mercati asiatici. Lo Sweet Light Crude americano ha fatto segnare un picco di $99,29 per barile; ieri a New York era arrivato a 98,03 dollari. Il precedente era stato toccato il 9 NOV a $98.62 per barrel, il 6 NOV a $96.44 per barrel,  il 31 OTT a $94.53 per barrel , il 29 OTT a $93.8 per barrel ed  il 19 OTT a $90.02 per barrel e il 16 OTT a $89,78 (Il precedente era stato toccato a New York il 12 OTT a $86,38) e stracciando il record di 78,40 dollari toccato nel luglio del 2006.  Nuovo record per il petrolio a causa delle tensioni che potrebbero portare ad un’invasione della Turchia nel Nord Iraq, un paese che detiene le terze maggiori riserve petrolifere mondiali dopo Arabia Saudita e Iran. A gennaio 2007 per un barile di greggio erano necessari sui 56 dollari al barile. Nel 2008, secondo alcuni economisti, il barile potrebbe raggiungere i 100 dollari. A $88.00 a barrel just cut economic growth by -1 percent . When the economy is creating 200,000 new jobs a month, the U.S. can tolerate $65 to $70 a barrel oil, but at  $95 a barrel the economy should create about 300,000 new jobs a month

A $99.29 per barrel e’ il record di tutti i tempi, anche se raffrontato al precedente recordo nel 1980 (inflation-adjusted, average monthly price that U.S. refiners paid for imported crude oil) quando tocco’ $79,1, $87 a barrel in real terms, stripping out inflation  e nel 1981 ($78,9) dopo la rivoluzione Iraniana del 1979.

November 21, 2007: A Londra, record intraday del Brent del Mare del Nord – il greggio di riferimento europeo – I futures a dicembre han fatto segnare un record storico ( e’ la prima volta nella sua storia, mai toccato dal 1988 quando i futures hanno iniziato le contrattazioni) a $96,35, ben al di sopra del primato registrato ieri di  $95.49 per barrel. Il precedente era stato toccato il 5 NOV a $92.31 per barrel.

PETROLIO: 2007 ANNO NERO, MAI COSI’ CARO DA SHOCK ‘80

Soltanto nell’ultimo anno il greggio sui mercati internazionali ha messo a segno un rincaro di oltre il 65%, superando anche i livelli dei grandi shock petroliferi degli anni ‘80, gli anni dell’Austerity che videro gli italiani costretti in bicicletta (nel 1980  un barile di greggio al netto dell’inflazione si attestò in media d’anno quota 36 dollari al barile che attualizzato ai corsi odierni della moneta (indicizzato cioé all’inflazione) equivarrebbero a 78-79 dollari ).

L’oro nero mette così a segno un rialzo di quasi 42 dollari un rincaro intorno all’85% negli ultimi tre anni rispetto alla quotazione attuale di 92 dollari: nell’estate del 2004 il greggio era infatti intorno ai 49 dollari. pari cioé a quasi un raddoppio delle quotazioni.

Nel 2003 il petrolio valeva 30 dollari al barile, per raggiungere i 40 nel 2004, i 70 nel 2005, e gli 80 nel settembre 2007

L’aumento del prezzo del greggio e’ tollerabile quando originato da una crescita della domanda o da un’accelerazione dell’economia; nel caso in cui sia legato ad una riduzione delle scorte, allora diventa preoccupante.

Ma se il petrolio salisse a 100 dollari? A questo punto ci sarebbero gravi problemi. Bisogna evitare in tutti i modi di arrivarci. Il fatto è che mentre la domanda di energia cresce, l’offerta non si sviluppa in analoga misura perché gli investimenti nella ricerca degli idrocarburi ristagnano, fra nazionalismi, guerre, disarmi ingenui, gelosie internazionali. E ci si trastulla con le energie verdi, mentre soltanto un massiccio programma elettronucleare e un coraggioso rilancio del carbone possono risolvere il problema.

Se il greggio dovesse mantenersi nell’ultimo scorcio del 2007 sui livelli attuali, sopra ai 90 dollari, quest’anno il conto petrolifero annuale si chiuderebbe con una media a 68,35 dollari al barile, il livello cioé più alto dall’inizio degli anni ‘80:

2007 Oil cost was $68,35  a barrel (media delle quotazioni petrolifere ipotizzate a fine anno) +8.66% from  $62,9 at the close in 2006.

2006 Oil cost was $62,9  a barrel (media delle quotazioni petrolifere a fine anno) +19.12% from  $52,8 at the close in 2005.

2005 $52,8  a barrel (media delle quotazioni petrolifere a fine anno)+36.78 percent from  $38,6 at the close in 2004

2004  $38,6  a barrel +25.73% from 2003

2003 30,7

2002 26,7

2001 26,5

2000 32,0

1999 20,2

1998 14,8

1997 23,0

 

Tre miliardi e mezzo di cinesi e indiani ci contendono le risorse naturali – Il petrolio schizza a 100 dollari il barile, la valuta americana precipita in una débacle vertiginosa: è il futuro che ci arriva addosso come una locomotiva impazzita. Il futuro appartiene a Cindia, e la rapidità con cui lo sviluppo asiatico cambia il pianeta impone scelte urgenti.

Proprio mentre la compagnia petrolifera cinese PetroChina diventa la regina mondiale delle Borse, con una capitalizzazione superiore ai big americani Exxon e General Electric messi insieme, l’Agenzia internazionale per l’energia (Aie) pubblica un rapporto allarmante sul peso di Cindia nella crisi energetica. L’Aie ci avverte che entro il 2030, cioè in soli 23 anni, i cinesi avranno sette volte più automobili di oggi (270 milioni), il loro consumo di energia sarà più che raddoppiato. Già fra tre anni la Cina avrà superato gli Stati Uniti per il consumo di petrolio: appena due anni fa, la domanda americana era ancora superiore di un terzo. L’India segue dappresso la Cina, la sua domanda di energia sarà più che raddoppiata entro il 2030, e la maggior parte di quel fabbisogno aggiuntivo dovrà essere importato. A causa di Cina e India, “i giganti emergenti dell’economia mondiale e dei mercati internazionali dell’energia”, l’Aie ci avverte che i consumi di petrolio, gas e carbone in un ventennio cresceranno oltre il 50% rispetto ai livelli odierni. Se la situazione di oggi è così tesa da sospingere il greggio a 100 dollari il barile, quanto spenderemo nei prossimi anni per continuare a usare l’automobile? I paesi petroliferi dovranno aumentare la produzione a 116 milioni di barili al giorno entro il 2030, cioè 32 milioni di barili in più. A quella data, sostiene l’Aie, il prezzo nominale del greggio potrebbe toccare i 159 dollari. Ma esisteranno ancora riserve sufficienti? A quale costo di estrazione? Già oggi una delle cause del caro-petrolio è la carenza di infrastrutture per estrarre, trasportare e raffinare “l’oro nero”. Per rispondere alla spaventosa impennata dei consumi mondiali bisogna investire altri 22 mila miliardi di dollari nelle infrastrutture per l’approvvigionamento: tutti costi che verranno scaricati sull’utente finale, il consumatore.

Secondo l’Aie se non saranno prese misure per frenare i consumi, le emissioni di gas effetto serra potrebbero aumentare del 57% entro il 2030 (+1,8% all’anno) riscaldando così il clima di almeno il 3%. Secondo il documento pubblicato oggi a Parigi dall’agenzia che cura gli interessi energetici dei paesi industrializzati dell’Ocse, la domanda di petrolio, che resterà di gran lunga la principale fonte di energia per i prossimi 25 anni, balzerà dagli 84 milioni di barili al giorno a 116 mbg. Il forte incremento della domanda sarà concentrato al 74% nei paesi in via di sviluppo, di cui il 45% per la Cina e e l’India. L’Aie è però moderatamente ottimista sull’evoluzione del prezzo del petrolio che prevede attestarsi ai 159 dollari nominali a barile nel 2030, cioé circa 62 dollari di oggi una volta sottratta l’inflazione. A patto però, avverte l’Aie, che vengano effettuati investimenti da 22.000 miliardi di dollari. Altrimenti, precisa, una crisi energetica accompagnata da una fiammata dei prezzi del greggio è sempre possibile. Quanto alle conseguenze sul clima, se le misure ‘verdi’ attualmente prese in considerazione nel mondo saranno applicate, l’aumento delle emissioni di gas a effetto serra potrebbe essere limitate all’1% annuo invece dell’1,8%. Si tratta però dello scenario più ottimista dell’Aie. Se nessun provvedimento sarà preso la Cina rimarrà di gran lunga il paese che emette più CO2, davanti agli Stati Uniti, India (a partire del 2015) e poi Russia e Giappone. Nel suo documento l’Aie ribadisce che la misura più efficace è quella del risparmio di energia

Dietro al comportamento isterico dei mercati ci sono interessi potenti in azione, hedge fund e finanza derivata scommettono sull’instabilità, capitali speculativi amplificano il rincaro petrolifero e il ribasso del dollaro. Ma la speculazione opera sulla base di uno scenario reale: tre miliardi e mezzo di cinesi indiani e altri popoli asiatici ci contendono le risorse naturali sempre più scarse; le riserve petrolifere mondiali sono sotto una pressione inaudita; l’effetto economico è brutale, l’impatto sull’ambiente è pauroso.

Senza la cooperazione di Cindia anche il terremoto valutario è difficile da affrontare. Il crollo del dollaro è il risultato di anni in cui l’America è vissuta al di sopra dei suoi mezzi, accumulando deficit commerciali verso l’Asia. Il peso dei debiti americani è la mina vagante che genera un’instabilità finanziaria mondiale. La banca centrale cinese è il più grosso creditore di Washington, con 1.500 miliardi di dollari di riserve investiti in larga parte in Treasuries and Note americani. Mentre cascano come birilli tutti i capi delle grandi banche americane travolti dagli scandali dei mutui subprime, la Federal Reserve deve curare il malato lasciando scivolare i tassi e il dollaro. Pechino ha adottato una tattica abile nel breve periodo, pericolosa nel lungo termine. Ha sganciato la sua moneta dalla parità fissa col dollaro, ma “pilota” il cambio in modo da rivalutarlo molto lentamente rispetto alla moneta Usa. Di conseguenza la valuta cinese e altre valute asiatiche di paesi satelliti si deprezzano quotidianamente rispetto all’euro. Tutto l’onere dell’aggiustamento del dollaro si scarica così sull’euro, amplificandone la forza e creando le premesse per altri squilibri. Da questa impasse non si esce finché ci si culla nell’illusione che il mondo sia ancora un condominio America-Europa.

 

Oro

November 7, 2007

Sul Comex a New York re a $826.400 all’oncia
A Londra, a $841,75 l’ oncia
Sui mercati asiatici a $836,33 all’oncia

 

 

November 7, 2007 – Oro in volata sui mercati internazionali: e’ schizzato Sul Comex a New York con i contratti con consegna dicembre a $826.400 all’oncia (in crescita anche a Londra, dove al fixing della mattinata le quotazioni sono arrivate a $841,75 l’ oncia, Il fixing a Londra avviene due volte, alle 10.30 ed alle 15.00, e sui mercati asiatici e’ salito fino a $836,33 all’oncia) ai massimi dal 21 gennaio 1980 quando raggiunse quota $873 l’oncia anche in quell’occasione trainato dal rialzo del petrolio e dalla debolezza del dollaro. A spingere le quotazioni del metallo prezioso è l’andamento del prezzo del petrolio, in continua ascesa in seguito alle tensioni in Iran.

Il prezzo dell’ oro segue di pari passo quello del petrolio e dell’ euro. L’ apprezzamento dell’ euro di conseguenza favorisce gli acquisti di oro, i quali a loro volta sono fondamentalmente sostenuti dal rischio-inflazione connesso al deprezzamento del biglietto verde. L’ oro infatti è un bene rifugio nei periodi di tensione geopolitica e di spinte inflazionistiche, il cui prezzo è denominato in dollari.

 

– USA: GREENSPAN VEDE ANCORA UNA PROBABILITA’SU TRE RECESSIONE –

 

 

L’ex presidente della Federal Reserve Alan Greenspan vede ancora una probabilità su tre che ci sia una recessione quest’anno negli Usa. Greenspan – parlando via satellite a un forum organizzato a Singapore, riportato dall’agenzia Bloomberg – ha così ripetuto quanto affermato all’inizio di marzo, quando aveva voluto ‘correggere’ una sua precedente affermazione secondo cui non era da escludere la possibilità di recessione negli Stati Uniti alla fine del 2007. Parole che avevano contribuito a mettere in subbuglio i mercati azionari nel martedì nero delle borse dello scorso 27 febbraio. La tesi di Greenspan prende le mosse dalle preoccupazioni per l’indebolimento dei consumi e per la perdurante crisi del mercato immobiliare. “Non c’é nessun dubbio che sia in atto un rallentamento negli Stati Uniti – ha dichiarato l’ex governatore della Banca centrale americana – stiamo avendo chiaramente problemi nel settore degli investimenti di capitali” mentre sussiste il rischio che le difficoltà “nell’area dei consumi e naturalmente di quella immobiliare possano diventare un ostacolo significativo” per l’economia. La tesi di Greenspan è in contrasto con le previsioni del presidente della Fed Ben Bernanke, il quale ha invece minimizzato i rischi di una recessione. La banca centrale americana ha sottolineato, in occasione dell’ultima riunione di politica monetaria, che l’ economia statunitense dovrebbe continuare ad espandersi ad un ritmo moderato, pur tenendo conto che nel primo trimestre si è verificato un rallentamento, e che la crisi del mercato immobiliare è in via di rientro.

USA: ECONOMIA; GREENSPAN CI RIPENSA, RECESSIONE NON CI SARA’  – Alan Greenspan ha avuto un altro ripensamento circa la possibilità che gli Stati Uniti cadano quest’anno in recessione e adesso ritiene che l’ inversione del ciclo economico non ci sarà, in quanto la ripresa in atto negli altri Paesi farà in modo che gli Usa attutiscano gli effetti del rallentamento congiunturale. Le parole dell’ ex presidente della Federal Reserve, intervenuto via satellite da Washington in occasione di un convegno a Tokyo, sono state riportate da alcuni partecipanti citati da Bloomberg, in primo luogo il presidente della RHB Islamic Bank di Kuala Lumpur, Vaseehar Hassan Abdul Razack.

Greenspan a febbraio ed inizio marzo aveva predetto che l’ economia statunitense avrebbe potuto attraversare una fase di stagnazione; il 5 marzo aveva precisato che la prospettiva di una recessione era pari ad un terzo delle probabilità. Adesso, l’ ulteriore rettifica di tiro, giustificata dal fatto che la ripresa in atto nelle altre macroaree economiche sta determinando una crescita della domanda in particolare nel comparto dei servizi, favorendo di conseguenza colossi come Microsoft ed altre aziende di primo piano statunitensi. Greenspan oggi ha confermato che l’ economia mondiale è in una fase positiva, hanno aggiunto altri partecipanti al forum giapponese, citati sempre da Bloomberg.

L’ ex presidente della banca centrale Usa avrebbe motivato l’ attuale fase di ripresa dell’ economia internazionale fra l’ altro con il fatto che diversi sistemi che prima funzionavano in base ad una pianificazione statale sono passati all’ economia di mercato, con questo facendo in modo che si venisse a creare un periodo di alta crescita e di bassa inflazione al tempo stesso. Greenspan avrebbe detto inoltre, sempre in occasione del convegno di Tokyo, che la crisi innescata negli Usa dal default dei crediti cosiddetti ’subprime’ (cioé a rischio più elevato) rappresenta solo una piccola parte dell’ economia oltreoceano e quindi non può destare grandi preoccupazioni. Il 15 marzo scorso invece lo stesso Greenspan si era detto preoccupato per il fatto che questa stessa crisi si potesse estendere ad altri comparti dell’ economia.

L’ondata di Sell che ha interessato l’azionario oltre un mese fa’, il martedi’ 27 febbraio 2007, ha spinto la performance da inizio anno dei principali listini Usa in territorio negativo, originando il maggiore calo mensile dagli inizi del 2003 e  il peggior calo giornaliero degli indici dal 2001.

Ricordo che martedi’ 27 febbraio 2007 sono stati bruciati 1.000 mld di dollari in soli 3 continenti. Il martedi’ nero innescato dalla sindrome cinese e’ costato a Wall Street 600 mld di dollari oltre alla perdita di tutti i guadagni del 2007. Il Vecchio Continente ha bruciato in un solo giorno 272 miliardi di euro di capitalizzazione. E’ quanto si deduce calcolando la capitalizzazione dell’indice Stoxx 600 che ha subito un calo del 3,04, pari appunto a 272 miliardi. Le borse di Shangai-Shenzen hanno subito un tonfo del 9%, il più sensibile calo di 10 anni. L’indice che riflette l’andamento delle due borse è scivolato del 9,2%, cancellando oltre 100 miliardi di dollari di capitalizzazione e mettendo fine a sei sedute consecutive in rialzo che avevano provocato un incremento complessivo del 13%.

L’effetto fuga verso la qualità innescato dal forte calo delle borse è stato però più evidente sul mercato obbligazionario Usa dove si è verificato un andamento per molti aspetti simile a quello di maggio del 2006: apprezzamento dello Yen, calo dei mercati azionari e forte calo dei tassi di mercato, soprattutto sul decennale. A differenza dello scorso maggio il rialzo del premio al rischio sui paesi emergenti è stato questa volta molto più accentuato con un rialzo di circa 20pb. dell’indice Embi+ spread, tornato in un sol giorno ai valori di dicembre. Alla base di tale andamento vi è il ridimensionamento delle posizioni a leva finanziate principalmente in Yen con investimenti nelle aree e negli asset a più elevato grado di rischio (carry trade). L’andamento calante dei tassi di mercato potrebbe continuare. Il primo supporto di rilievo sul decennale passa a quota 4,50%.

Greenspan ha dichiarato un mese fa’ prima dell’odierna correzione che l’espansione degli Stati Uniti, iniziata nel 2001, potrebbe essere arrivata ad una fase conclusiva, aggiungendo che il Paese potra’ entrare in una fase di recessione entro la fine dell’anno. L’ex banchiere dei banchieri spiega che l’economia statunitense ha iniziato la sua fase di espansione nel 2001 e che ci sono segni di chiusura del ciclo. A questo proposito, ci sono i margini di profitto che si sono stabilizzati, un segnale appunto della fase conclusiva di un ciclo.

 

 

Bulls & Me December 31, 2006  –

– Performance For the year 2006 –

Dow  is  nearly ………………………………+16.29 %
S&P 500 is nearly ………………………… + 13.62 %
Nasdaq Composite is nearly …………….+10.73 %
Nasdaq 100 is nearly …………………….+ 9.52…%

2006 – The Market’s Closing –

2006 : Nasdaq a 2.395  Il Dow Jones a 12.368  L’S&P 500 a 1.408,5 Nasdaq 100 a 1.763,50

Index…YTD % LAST 52 wk Range YEAR LOW /HIGH

Dow Jones Industrial Average +16.29% 12463 10661 / 12529
Nasdaq Composite +9.52% 2415 2012 / 2470
S&P 500 +13.62% 1418 1219 / 1431
NASDAQ 100 +6.79% 1756 1446 / 1824
S&P 400 Midcap index +8.98% 804 710 / 822
Russell 2000 +17.00% 787 666 / 800
$DXY DOLLAR INDEX – 8.15% 83.65 91 / 82
$CRB INDEX – 7.40% 307 292 / 365
VIX CBOE VOLATILITY INDEX -4.22% 11.56 9.39 / 23.81
Euro in dollars 11.68% $1.319 1.18 / 1.3337
Dollar in euros -10.46% € 0.757 0.749 / 0.847
Dollar in yen 0.97% ¥119.01
Dollar in British pounds -12.22% £0.511
British pound in dollars 14.09% $1.959
13-week Treasury bill 22.58% 4.885%
10-yr. Treasury yield 7.17% 4.710%
30-year Treasury bond yield 5.96% 4.818%
Crude oil (NYMEX) (per barrel) 0.02% $61.05
Heating oil (per gallon) – 7.53% $1.5979
Natural gas (per million BTU) 43.88% $6.2990
Unleaded gasoline (per gallon) – 6.31% $1.6021
Gold 22.95% $638.00
Copper 32.82% $2.8710
Silver 45.50% $12.935

Of the 42 main indexes , 40 ended higher, led by:

the Dow Jones U.S. Steel Index ($DJUSST), up 61.4%;

the Amex Tobacco Index ($TOB.X), up nearly 34.9%;

the MSCI REIT Index ($RMZ.X), up 30.2%.

The only losers of list were

the Philadelphia Semiconductor Index ($SOX.X), down 2.4% for the year,

the Philadelphia Housing Sector Index ($HGX.X), down nearly 9.1%.

Dow index stocks ended higher, led by:

General Motors with a 58.2% gain for the year

AT&T telecom giant up 46%;

Hewlett-Packard up 43.8%;

Walt Disney up 43%.

Only three Dow stocks finished with losses for the year :

Home Depot down 0.8%;

Wal-Mart Stores down 1.3%;

Intel down 18.9%.

S&P 500 index stocks ended higher, led by:

Allegheny Technologies Steel and titanium maker led the S&P 500 with a 151.3% gain.

NVDIA graphics chip maker up 102.5%;

OfficeMax up nearly 96%.

U.S. Steel Steel and titanium maker finished 17th with a 53% gain.

The losers in the S&P 500 index were

Whole Foods Markets down 39.4%;

Wendy’s International down 40.1%;

First Data down 40.7%.

Marco Montanari

 

 

 

Stock picking: Bulls & me December 6, 2006

 

 

U.S. Fatturati esteri:Top U.S-based multinationals with big foreign non-dollar sales

Con il dollaro debole alcune societa’ americane, dal grosso fatturato estero, si avvantaggiano, ma occorre non avere in carico dollari con cambio inferiore a 1,30 / 1,35, oppure bisogna proteggersi dal rischio-cambio. Poiche’ oltre il 30% dei profitti delle società dell’indice S&P500 viene dal fatturato estero, il declino del dollaro in areao 1,30 / 1,40 rappresenta sicuramente un plus per gli utili di tutte le imprese americane ed in particolare per quelle tecnologiche, che sono più attive sul mercato globale. L’altra faccia della medaglia di un dollaro debole, soprattutto pero’ per un investitore americano, è l’aumento dei rischi di inflazione, visto che le merci importate costano più care

Per combattere l’inflazione la banca centrale Usa può essere costretta a tenere alti i tassi o addirittura ad alzarli ulteriormente, una politica che non favorirà la Borsa, ma non credo vi sara’ questa ipotesi infatti l’inflazione non decolla senza il rincaro del costo del lavoro che, al contrario dell’inflazione dei primi 9 mesi del 2006, nell’ultimo anno ha continuato a scendere in termini reali. Nel terzo trimestre l’economia Usa è cresciuta più del previsto, 2,2% , senza però accendere l’inflazione, scesa anzi al 2,2%. Questo dovrebbe escludere nuovi rialzi dei tassi Fed e dare spazio a ulteriori rivalutazioni della Borsa americana.

Wall Street, dall’inizio di gennaio a fine novembre +12% dell’indice S&P500 e +14% del Dow Jones. Una delle maggiori incognite come detto è l’andamento del dollaro: per un risparmiatore europeo i guadagni 2006 sulla Borsa americana dall’inizio di gennaio a fine novembre sono stati infatti già ridotti dalla svalutazione di circa il 10% del biglietto verde rispetto all’euro (se senza qualche forma di copertura dal rischio cambio). Dovesse continuare ancora il declino della moneta Usa, la piazza americana diventerebbe ancora meno appetibile nel suo insieme. Ad eccezione però dei settori e titoli che potrebbero guadagnare parecchio proprio con il calo del dollaro per l’appunto.

Il dollaro debole fa bene ai bilanci non solo per il gioco del cambio (i profitti realizzati all’estero valgono di più quando tradotti in valuta locale), ma perché rende i prodotti americani più competitivi in Europa ed Asia.
Il settore hi-tech dovrebbe andar bene sia nel breve sia nel lungo termine, grazie al fattore stagionale, aumento vendite a fine-inizio anno, e alla crescita della domanda domestica per investimenti in hardware e software, oltre che per l’indebolimento del dollaro. Molte aziende high-tech inoltre hanno una larga quota di liquidità in bilancio (in media il 30%), il che le rende appetibili target di acquisizioni. All’interno del settore, particolarmente promettente sembra il business del software.

Il super–euro potrebbe diventare un problema solo se superasse la soglia di 1,40 nei confronti del dollaro. Un superamento di tale livello finirebbe con il ridurre la crescita del Pil dello 0,5% entro due o tre trimestri anche se poi l’incidenza scenderebbe allo 0,25% dopo un anno e mezzo. Anche in uno scenario del genere, un intervento da parte della banca centrale europea tagliando i tassi a stimolo dell’economia non sarebbe auspicabile. In primo luogo, perchè l’effetto degli interventi di politica monetaria impiegano molto tempo a produrre effetti mentre le variazioni sui mercati valutari sono molto più rapide. In secondo luogo perchè azionare la leva monetaria per risolvere problemi di tassi di cambio è sempre un’idea sbagliata. Un taglio del costo del denaro di 1 punto percentuale ad esempio non sarebbe sufficiente a compensare un balzo dell’euro a quota 1,45 dollari, ma dopo due anni il taglio avrebbe invece un effetto permanente sulla crescita dell’inflazione in aumento e del Pil in diminuzione a caua dell’inflazione. Se invece l’euro non dovesse raggiungere quota 1,40 sull’euro, allora il trend rialzista non dovrebbe creare eccessivi timori anche perchè appare destinato a ridimensionarsi nel corso dei prossimi mesi attorno all’area 1,30 / 1,32.

U.S. Fatturati esteri: Business Top U.S-based multinationals with big foreign non-dollar sales: La classifica a stelle e strisce, prende in considerazione solo società che hanno un valore superiore al miliardo di dollari e che generano almeno il 20% dei loro introiti fuori dal Paese originario. Solo per citarne alcune Intel realizza il 57% del fatturato all’estero, Microsoft il 32%, Dell il 29%, Oracle il 48% , General Electric il 33% , IBM il 58% e McDonald’s il 62% (vedi tabella).

Pur avvertendo che i valori fondamentali di ogni azienda restano più importanti dell’andamento valutario, evidenzio 34 titoli che sono potenziali vincitori in uno scenario di dollaro in discesa, grazie alla loro forte presenza globale:

 

U.S-based multinationals with big foreign non-dollar sales

Foreign earnings accounted for:

Alcoa 83% Alluminio
Coca-Cola 65% Settore dei produttori di beni di largo consumo
McDonald’s 62% Settore dei consumi discrezionali
IBM 58% Tecnologia
Intel 57% Tecnologia
Hewlett – Packard 55% Tecnologia
Motorola 55% Tecnologia
Oracle 48% Tecnologia
Procter & Gamble 46% Settore dei produttori di beni di largo consumo
Johnson & Johnson 44% Settore dei produttori di beni di largo consumo
3M 41% Settore degli industriali
Citigroup 41% Finanziario
Boeing 40% Aerospace
General Electric 33% Settore degli industriali
Microsoft 32% Tecnologia
Dell 29% Tecnologia
American Express 26% Finanziario
Nike 25% Settore dei consumi discrezionali;
Colgate Palmolive 25% Settore dei produttori di beni di largo consumo
Wyeth 25% Settore dei produttori di beni di largo consumo
Pall Corporation 25% Settore degli industriali
Caterpillar 25% Settore degli industriali
Thermo Fisher Scientific25% Settore del business della salute;
DuPont 25% Settore della chimica, farmaceutica
Praxair 25% Settore del gas
Texas instruments 25% Tecnologia
Sun microsystems 25% Tecnologia
Qualcomm 25% Tecnologia
Chevron 25% Compagnia petrolifera
ExxonMobil 25% Compagnia petrolifera
Dow Chemical 25% Settore della chimica
Aflac 25% Settore assicurativo
Halliburton 25% Settore delle infrastrutture per l’industria mineraria e petrolifera
Altria 25% Settore dall’alimentare alle sigarette

Marco Montanari

 

 

Stock picking: Bulls & me November 6, 2006

 

 

Le più grandi aziende del mondo per capitalizzazione

Top ten delle multinazionali per Valore di Capitalizzazione espresso in miliardi di dollari:

Symbol Market Capitalization

XOM $ 391.9 BILLION

GE $ 355.0 BILLION

MSFT $ 290.0 BILLION

GAZ $ 266.4 BILLION

BAC $ 243.7 BILLION Con una capitalizzazione di 243,7 mld di dollari Bank of America diventa la prima conglomerata bancaria e finanziaria Usa per valore di Borsa. Per la prima volta Bank of America ha superato Citigroup (243,5 mld) alla chiusura delle contrattazioni a Wall Street. Dall’inizio dell’anno il titolo di Bank of America si e’ apprezzato del 16%, contro il 2,1% perso da Citigroup.

 

C $ 243.5 BILLION

BP $ 228.1 BILLION

PG $ 200.9 BILLION

WMT $ 192.9 BILLION

JNJ $ 192.1 BILLION

HSBC $ 190.7 BILLION

AIG $ 182.2 BILLION

PFE $ 179.2 BILLION

CSCO $ 163.0 BILLION

GOOG $ 155.0 BILLION (YHOO $ 37.0 BILLION ) . Terzo quanto alle società tecnologiche, dopo Microsoft (290 miliardi) e Cisco Systems (163 miliardi) .

CVX $ 152.0 BILLION

IBM $ 142.0 BILLION

 

GAZPROM: DIVENTA 4/A IMPRESA MONDO,SCALZA CITIGROUP E BP- Gazprom scala i tetti del mondo e si fa largo tra i colossi internazionali, trattando da pari a pari con i giganti made in Usa, grazie ad una capitalizzazione che ha superato i 266 miliardi di dollari, l’impresa fiore all’occhiello di Vladimir Putin ha conquistato oggi il quarto posto tra le più grandi aziende del mondo, scalzando in un sol colpo la sua concorrente diretta BP e l’americana Citigroup. Ora davanti a lei resistono solo altre tre società, tutte americane: Microsoft (280 miliardi di dollari di capitalizzazione), General Electric (355 miliardi di dollari) e ExxonMobil (391,7 miliardi). Gazprom, oggi quotato a 11 dollari. Ma le tendenze generali della Borsa non bastano a spiegare le più recenti impennate. La motivazione, è tecnica: ieri è stato infatti deciso di moltiplicare il peso di Gazprom nell’indice Msci Emerging Markets, specializzato proprio nelle società dei paesi emergenti, portandolo dallo 0,4% al 2,5%. Una rivalutazione che ha fatto seguito alla decisione presa la scorsa settimana dal gruppo di eliminare le ultime restrizioni sulle azioni quotate all’estero.

Fatto che, secondo gli esperti, renderà più liquido il capitale dell’azienda e i titoli, già particolarmente richiesti, ancora più attraenti per il mercato. L’apertura verso l’estero era peraltro cominciata a dicembre scorso, quando con un apposito decreto, il presidente russo Vladimir Putin ha concesso una sorta di liberalizzazione, permettendo ai non residenti in Russia di acquistare partecipazioni della compagnia. Così, mentre aumenta il peso finanziario dell’impresa, cresce anche il suo peso politico. Dopo il braccio di ferro con l’Unione europea innescato dalle dichiarazioni rilasciate la scorsa settimana dal numero uno di Gazprom, Aleksei Miller, anche Putin è tornato oggi a minacciare, più o meno velatamente, il vecchio continente. Accusando gli europei di “concorrenza sleale” in campo energetico, il presidente russo non ha fatto mistero dell’interesse sempre più marcato del colosso energetico per l’Asia. Un interesse che potrebbe portare Gazprom a preferire, nelle sue forniture di gas e petrolio, Cina e India all’Unione europea. “A dispetto della grande domanda di materie prime, ogni scusa è stata utilizzata per limitarci a nord, a sud e ad ovest – ha sottolineato il presidente – Noi dobbiamo cercare mercati di sviluppo, inserirci nei processi di sviluppo globale. Ho in mente i paesi dell’area Asia-Pacifico, che stanno crescendo a ritmi incalzanti e hanno bisogno della nostra collaborazione”.

Marco Montanari

 

 

Stock Picking: Bulls & Me, September 1, 2006

 

 

In linea generale i Titoli (di società di piccole/medie/grandi dimensioni ,small/mid/large cap) sono classificabili in tre gruppi:

titoli ” income” normalmente hanno piccole oscillazioni di prezzo, quindi dal corso piuttosto stabile e che distribuiscono alti dividendi;
titoli “ciclical or value” a basso rapporto P-E (price-erning) anch’essi non hanno grosse escursioni speculative di prezzo, sensibili all’andamento generale dell’economia;
titoli “growth” ad alto tasso di crescita soggetti ad ampie oscillazioni di prezzo, quindi sono societa’ maggiormente speculative.

Tra le societa’ piu’ amate dagli americani ve ne sono 10 per me Value, anche se non tutti sono Value per definizione (JNPR e MSFT sono infatti titoli Growth), lo sono in questo momento, e per tale motivo le considero societa’ sicure su cui investire, sicure nel senso che il rischio di downside e’ molto ridotto.

TITOLI VALUE Le mie 10: in uno scenario di bassa crescita nominale , queste societa’ hanno la possibilità’ di apprezzarsi nel corso dell’anno con minimi rischi di caduta del prezzo e sono inoltre le piu’ amate dagli americani esperti. Le caratteristiche in base alle quali ho scelto i titoli sono le seguenti:

 

– 1) Capitalizzazione di mercato maggiore di $5 miliardi

– 2) Pagano un dividendo con rendimento superiore al 1%

– 3) Forte crescita del “free cash flow”* superiore al 10% nei passati 5 anni. Free Cash Flow: utile netto + spese non monetarie – dividendi – spese capitali

 

Johnson&Johnson

Microsoft

Newmont Mining

Anglo American Plc

3M

Procter&Gamble

Intel

Juniper

Wal Mart

Coach

 

 

Probabilmente l’unica societa’ di cui non avete sentito parlare e’ Coach, Inc. COH Appareal Accessories – che e’ stata inserito da una specializzata rivista mondiale nei MARCHI AD ALTA CRESCITA e alto grado di notorietà: al 10° posto Coach, Inc. dopo Apple, BlackBerry (prodotto di punta della societa’ canadese Research in Motion) Google sono i brand che, nell’ordine, presentano i migliori potenziali di crescita tanto da far ombra alla Coca Cola. Il segreto del successo, secondo la rivista, è tutta nella capacità di innovare e di trasmettere un’immagine innovativa. Coach, Inc. is a designer, producer and marketer of modern American classic accessories, handbags, women’s and men’s small leather goods, business cases, weekend and travel accessories, outerwear and related accessories. Together with its licensing partners, Coach also offers watches, footwear, eyewear and office furniture with the Coach brand name. Coach’s products are sold through a number of direct-to-consumer channels, which, at the end of the fiscal year ended July 2, 2005 (fiscal 2005), included 193 United States retail stores, direct-mail catalogs, online store and 82 United States factory stores.

 

Implied growth rate

 

Ovvero il long run risk premium richiesto dagli investitori per compensare il maggior rischio insito nell’investimento azionario rispetto a quello obbligazionario. Individuare quale dovrebbe essere il livello attuale del cosiddetto implied growth rate delle azioni. Lo studio della storia dei mercati azionari mostra come i titoli di rischio (azioni) abbiano sovraperformato del 4% annuo il rendimento ottenibile da un investimento in titoli di debito. La maggior parte degli analisti tende però a posizionare l’implied growth rate storico in un range compreso fra il 3% e il 3,5%. Ricordiamo che l’implied growth rate rappresenta il long run risk premium richiesto dagli investitori per compensare il maggior rischio insito nell’investimento azionario rispetto a quello obbligazionario. Nel breve periodo, il valore di tale risk premium viene calcolato in base alle aspettative congiunturali. Ebbene, il mercato statunitense ha visto passare il livello di tale risk premium dal 2,1% di marzo al 3,1 di oggi. E’ però altrettanto vero che le aspettative eccessivamente pessimistiche in merito alla tanto temuta stagflazione, avevano contribuito ad affossare il risk premium.

Un buon flusso di cassa e un bilancio sano non solo danno la possibilita’ alle societa’ minori di sopravvivere al crollo del mercato, ma permette anche alle societa’ maggiori di continuare a investire in nuove tecnologie. Il flusso di cassa positivo e il debito a lungo termine non deve ammontare ad oltre il 25% del capitale totale (la media delle societa’ dello S&P 500 ) e i guadagni devono generare almeno un ammontare equivalente 25% in contanti.

 

DEBITO: SOLO 7 SOCIETA’ USA VANTANO IL RATING AAA

 

Oggi solo otto aziende americane possono vantare il rating di ‘AAA’, il piu’ alto possibile. Il numero e’ in forte calo rispetto al 1992/21, e al 1979/60.

E il numero di societa’ con un rating di ‘AAA’ continua a diminuire. Per un certo verso, un rating di ‘AAA’ e’ solo uno status symbol. Le societa’ che vantano questo rating non hanno alcun vantaggio materiale rispetto a quelle con un rating di ‘AA’ e i prezzi di prendere denaro a prestito sono gli stessi.

Ma le societa’ con un rating di ‘AAA’ continuano ad essere considerate come le piu’ sicure non solo perche’ hanno un debito basso ma anche perche’ possiedono partecipazioni azionarie importanti in business stabili.

E anche se un rating di ‘AAA’ non significa necessariamente che il titolo di quella societa’ sia un buon investimento, i rischi di investire una societa’ considerata ’sicura’ possono essere minori.

In media, negli ultimi 12 mesi le otto aziende con il rating di ‘AAA’ hanno perso il 9%, contro il 16% ceduto dall’S&P 500.

Ecco, in ordine alfabetico, le otto societa’ Usa che vantano il rating di ‘AAA’:

American International Group (AIG – Nyse)

Berkshire Hathaway (BRKa – Nyse)

ExxonMobil (XOM – Nyse)

General Electric (GE – Nyse)

Johnson & Johnson (JNJ – Nyse)

Pfizer (PFE – Nyse)

United Parcel Service (UPS – Nyse)

Merck (MRK – Nyse) lost its AAA credit rating from Standard & Poor’s Merck’s corporate credit and senior unsecured debt ratings were cut three levels to AA-, S&P said .

 

 

 

Stock Picking: Bulls & Me, August 31, 2006

Dividendi dei Big e Crescita del Cash Flow tutto in %:

 

 

BIG S&P RICCHISSIME, IN CASSA OLTRE $500 MLD DI CASH: rilanciate dalla ripresa economica iniziata nella seconda parte del 2003, le aziende statunitensi siedono su casse da miliardi di dollari destinate a rallegrare,comunque, i giorni futuri. Alla fine dei primi tre mesi dell’esercizio fiscale 2004, le 374 società industriali comprese nell’indice Standar&Poor’s 500 possiedono una cassa complessiva pari a 555,6 miliardi di dollari: 56 miliardi di dollari in più rispetto alla fine del 2003 e quasi il doppio rispetto alla chiusura del 1999. Numeri etremamente brillanti, soprattutto se si considerano la recessione vissuta dall’America nel 2001 e le tre annate consecutive in rosso archiviate da Wall Street tra il 2000 e il 2002. Tra le 374 società industriali dello S&P 500 ben 24 hanno una cassa superiore ai 5 miliardi di dollari. Nella schiera, si segnalano le società tecnologiche Intel, Hp, Ibm, Dell, e Oracle, 7, miliardi di dollari ciascuna, a quanto pare toccate meno del previsto dalla scoppio della bolla tecnologica sul finire del 2000. A guidare la schiera delle aziende ’super ricche’, è:

Microsoft di Bill Gates, la cui cassa ospita ben 56,4 miliardi di dollari – ma potrebbero superare i 60 quando verranno rivelati i dati trimestrali

Cisco Systems, e’ buona seconda con $21 miliardi.

Exxon Mobil, con 15,9 miliardi di dollari cui hanno fatto decisamente bene i rialzi del prezzo del greggio vissuti nelle ultime settimane.

Intel, Dell, Oracle, Hp, e Ibm con 7, miliardi di dollari ciascuna

Nonostante la peggior recessione del settore hi-tech che si ricordi a Wall Street, alcune aziende del comparto tecnologico hanno accumulato negli ultimi anni, silenziosamente, un’enorme quantita’ di cash, i cinque giganti quoatati al Nasdaq – Microsoft, Cisco Systems, Intel, Dell e Oracle – possiedono da soli in questo momento ben $87 miliardi in cash e altri investimenti liquidi. Si tratta di un netto rialzo rispetto ai $77 miliardi dell’anno scorso. E cio’ secondo il WSJ suggerisce che queste aziende, il cui fatturato ha registrato cali fino al 35% dai picchi, dal punto di vista dei bilanci non sono in uno stato di salute cosi’ precario come si potrebbe convenzionalmente pensare. In ogni caso, secondo alcuni analisti, i magnifici cinque dell’hi-tech probabilmente saranno in grado di emergere dall’attuale recessione con una posizione competitiva molto piu’ forte rispetto alle aziende rivali, piagate da debiti e esigenze di cassa a volte drammatiche. Il cash insomma diventa un’arma da utilizare in un mercato ultra-competitivo. Microsoft per esempio sta investendo miliardi di dollari nei nuovi mercati a forte crescita, come i servizi internet, le consoles per video-game e il software per telefoni cellulari. Intel ha programmato l’investimento di $12 miliardi in nuove fabbriche di semicondutori costruite secondo i piu’ sofisticati criteri oggi disponibili.

At the end of last year, the five Dow companies with the biggest inventory increases were:

McDonalds (MCD)

Caterpillar (CAT)

General Electric (GE)

Merck (MRK)

Home Depot (HD)

The five Dow companies with the biggest increases in accounts (fatturato-Revenue) receivable were:

Exxon (XOM)

Microsoft (MSFT)

International Business Machines (IBM)

Wal-Mart (WMT, )

Home Depot (and again)

 

 

177 aziende dello Standard&Poor’s 500 – ossia un terzo del listino che raccoglie la crema della imprenditoria statunitense – è composta da aziende a gestione familiare capaci di battere quanto a risultati, le società guidate da management esterni. Solo tra le prime 20 società valutate da Businessweek, a gestione familiare , brillano colossi del calibro di Dell Computer(seconda), eBay (sesta), Oracle (ottava), Microsoft(quattordicesima) e Peoplesoft (sedicesima).

 

Classifica delle prime dieci aziende a conduzione familiare americane stilata dal settimanale Businessweek.

Apollo Group Insegnamento

Dell Computer IT

Bed Bath & Beyond Commercio

Maxim Integrated IT

Concord Efs IT

eBay Internet IT

Kla-Tencor IT

Oracle IT

Starbucks Alimentare

Altera IT

Microsoft IT

Peoplesoft IT

 

Analizzando i dati economici e finanziari dell’ ultimo decennio Businessweek ha scoperto che, nelle aziende di famiglia, il ritorno agli azionisti medio è stato pari al 15,6% rispetto all’ 11,2% delle altre società; A rendere così speciali e produttive le aziende di famiglia, cinque piccoli segreti:

la naturale leadership dei figli;

la possibilità di prendere decisioni rapidamente; da un consiglio di amministrazione ricco di persone della famiglia, molto più legate tra loro rispetto a elementi esterni

la lealtà verso i dipendenti; il rapporto personale spesso instaurato con la forza lavoro si traduca in maggiore produttività e dedizione

l’ investimento nello sviluppo; le aziende di famiglia pagano meno dividendi (61% contro il 77% delle società nello S&P 500) ma preferiscono investire in ricerca, spendendo, in media, 617,8 milioni di dollari contro i 79 milioni di dollari delle società non familiari.

la presenza costante dei titolari. la maggior parte delle società familiari ha un consiglio di amministrazione composto da parenti. Ad emblema di questa caratteristica viene presa la Ford la quale, nel suo board, vede seduti i discendenti del fondatore Henry Ford, tra cui l’ amministratore delegato William Clay Ford Jr.

 

 

 

   

Marco

 

dott. Marco Montanari

Laureato in legge

U.S. Equities Trader

Esperto investitore nei Mercati Americani

 

mailto: marcomontanari@iol.it

 

 

 

 

 

DECLINO ITALIA SENZA SPERANZA…CI VORREBBE UN AZZERAMENTO TOTALE DI TUTTA LA DIRIGENZA POLITICA

 

 

 

La classe politica dirigente nel suo totale ha troppo spesso dimostrato di avere un proprio tornaconto personale, i conflitti d’interesse sono all’ordine del giorno, la mancanza d’etica, trasparenza e meritocrazia pure.

Nella migliore delle ipotesi abbiamo una classe politica che e’ proprio ignorante, nel senso vero del termine, che ignora la cultura e la preparazione, ed e’ inetta ed incapace.

 

 

Ecco i veri problemi del Paese che questa classe politica dirigente nel suo totale non vuole affrontare

 

Giustizia e la Riforma dell’Ordinamento Giudiziario

Debito Pubblico e Declino Italia

I Costi della Politica e la sua mancanza d’Etica

La Corruzione tra le Lobbies, la Politica, la PA e la Criminalita’

L’enorme Spesa della PA e l’ inefficienza della PA

Pubblici Dipendenti Fannulloni – Sindacati protettori degli insiders

L’Evasione Fiscale ed i suoi Costi

 

 

 

 

Giustizia e la Riforma dell’Ordinamento Giudiziario

 

 

Ai fini della soluzione del problema Giustizia la soluzione (a detta dei maggiori studiosi del paese, su tutti Falcone, Borsellino, D’Avigo e Tinti, e non solo) va ricercata in primis in quello che e’ il primo e vero cancro della giustizia, ovvero nel processo civile (e non in quello penale); ed in seconda battuta (questo vale sia per il civile che per il penale) il problema e’ soprattutto dalla parte della domanda di giustizia, che va filtrata, e non tanto da parte dell’offerta!

Lo ricorda bene anche un grande giornalista come Luigi  Ferrarella del Corriere della Sera che nel suo ultimo libro ” FINE PENA MAI Il Saggiatore” sviluppa parte dei molti  temi  riguardanti la soluzione della giustizia affrontando proprio il cancro della domanda di giustizia!

 

I veri problemi della giustizia sono:

 

1 – Riformare il lato della domanda della giustizia, causa primaria dei lunghi ed oscuri processi, con l’eliminazione in primis delle rendite da posizione di avvocati e liquidatori con il che’ piu’ le cause durano piu’ loro guadagnano, ovvero:

– occorre introdurre sanzioni pecuniare molto severe tanto per chi promuove giudizi temerariamente quanto per coloro che ritardano di pagare il creditore dopo essere stati  condannati in 1° grado confidando nella lentezza dei processi sino al 3° grado e nell’esiguita’ degli interessi legali posti a suo carico sino alla soddisfazione del credito ( minori degli interessi offerti dai titoli di stato, per esempio, investimento cui il debitore nel frattempo e nelle more della giustizia ricorre come propria fonte di reddito..come dire una beffa per il creditore non soddisfatto);

occorre (sempre dal lato della domanda della giustizia)  riformare il sistema di “costruzione e giustificazione” delle parcelle degli avvocati, oggi collegate dannosamente al numero delle udienze e non al risultato come dovrebbe essere;

– occorre (sempre dal lato della domanda della giustizia) diminuire drasticamente il numero degli avvocati proprio per quanto detto ai punti precedenti, ovvero perche’ il loro numero abnorme determina nei fatti un incremento delle liti giudiziarie (non cosi’  rare quelle meramente temerarie) e quindi un allungamento dei tempi processuali: 26 gennaio 2008 – L’allarme del presidente del capoluogo lombardo: “A Roma sono iscritti all’Ordine tanti avvocati quanti nell’intera Francia. Il numero abnorme può inconsapevolmente determinare il rischio di un incremento delle liti giudiziarie e quindi, stante la carenza di risorse strutturali, un allungamento dei tempi processuali”.

 

 

2 – Processi rapidi e giusti, rendendo effettiva, celere ed accessibile a tutti l’azione per la responsabilita’ contro i giudici disonesti, o anche solo non terzi, parziali o negligenti;

3 – Riformare del diritto civile e fallimentare, che preveda forti sanzioni pecuniarie e penali sia  verso i liquidatori sia verso i GD;

4 – Riforma del Controllo sull’attivita’ dei giudici in generale che preveda un organo davvero terzo, popolare e professionale e non piu’ politicizzato com’e’ oggi il CSM che inoltre rincorre correnti partitiche anche all’interno della Magistratura, incio’ rendendo sempre irresponsabili i Giudici disonesti

 

 

Poi c’e anche il problema nel campo penale, ed in minima parte nel campo dell’offerta (mezzi e uomini).

Il problema nel campo penale  riguarda pero’ soprattutto i colletti bianchi nel concreto, non i normali cittadini, che in questo senso sono interessati solo sotto il profilo di vedere un’etica ed una giustizia anche contro i potenti.

La Giustizia insomma, ed i suoi problemi, non sono tanto e soltanto quelli di poche centinaia di persone, ma sono quelli che riguradano i milioni di cittadini italiani, e liriguardano soprattutto in sede civile, non penale! Ed e’ da qui che bisogna cominciare, e’ qui che i danni si fanno in capo al cittadino, in concreto, sulla sua pelle!

Il problema della riforma della giustizia, non e’ tanto e soltanto insomma quello (purtroppo solo populistico) di eliminare le leggi vergogna, indegne certamente e da eliminare, quanto quello invece di incidere i processi civili ed in sede fallimentare, e di rendere ben responsabili i giudici, e’ qui che si annida  il vero cancro della giustizia, denegata spessissimo con gravi danni a tutti i cittadini. Di questo si dovrebbe occupare chi ha davvero a cuore il futuro dei cittadini, del sistema Giustizia e dello Stato, e in parallelo ma in subordine delle leggi vergogna che vanno solo eliminate.

Non si risolvono i problemi della Giustizia interessandosi a curare i soli due lebbrosi del paese intero, e trascurando invece al contempo i milioni di ammalati di diabete per esempio.

 

 

 

Eurispes

Rapporto Italia

2008

Dati riferiti al

2007

http://www.eurispes.it/visualizzaRicerche.asp?val=4

 

 

LEGALITÀ

21. Fear of crime, ovvero il senso di insicurezza degli italiani

22. La permeabilità del crimine organizzato nelle province del Mezzogiorno

23. L’Italia criminale

24. Ecomafia e illecito ambientale: le attività del Comando Carabinieri per la Tutela dell’Ambiente

27. Reati contro la Pubblica amministrazione

Esplode l’Economia sommersa (549 miliardi di euro) e l’Economia criminale (176 miliardi di euro )

Insieme si arriva a 725 miliardi di euro di economia sommersa (con un’imposta evasa di 306,6 miliardi di euro), il 47.23% del pil a quota 1.535 miliardi circa

Il 54,6% dell’economia non osservata (Economia sommersa ) è rappresentato dal lavoro sommerso. Il flusso di denaro generato dal lavoro sommerso si è attestato a 300 miliardi di euro.

Il 28,4% dell’economia non osservata (Economia sommersa ) è rappresentato dall’evasione fiscale. Il flusso di denaro generato ad opera di aziende e imprese italiane si è attestato a 156 miliardi di euro

Il  16,9% dell’economia non osservata (Economia sommersa ) è rappresentato dalla cosiddetta economia “informale”. Il flusso di denaro generato dalla dalla cosiddetta economia “informale” si è attestato a 93 miliardi di euro

25 febbraio 2008

 

 

 

 

ITALIA_EURISPES

2007

Giustizia al Collasso

Italia a rischio “deriva feudale
Un paese che oscilla tra spinte innovative e la conservazione dei privilegi acquisiti

Eurispes

2007

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/02/01/rapporto-delleurispes-2007-italia-giustizia-al-collasso/]link-Rpporto Eurispes – Giustizia italia al collasso  [/url]

http://www.eurispes.it/indiceRapportoItalia.asp?val=4

 

 

Rapporto Eurispes

2006

L’Italia non cresce più

http://www.rassegna.it

http://www.rassegna.it/2006/attualita/articoli/eurispes.htm

http://www.rassegna.it/2007/attualita/articoli/eurispes.htm

 

 

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/02/23/processi-lenti-e-non-sempre-chiari-who-judges-the-judges/]link-Giustizia Civile e Fallimentare e la dolosa lentezza dei processi[/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/03/07/giustizia-e-la-riforma-dellordinamento-giudiziario-ecco-i-veri-problemi/]link-Giustizia Civile e Fallimentare e la dolosa lentezza dei processi[/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/03/10/giustizia-e-la-riforma-dell%e2%80%99ordinamento-giudiziario-ecco-i-veri-problemi-parte-seconda/] link-Giustizia Civile e Fallimentare e la dolosa lentezza dei processi – Parte 2 – La riforma dell’Ordinamento Giudiziario e’ indecente  [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/03/15/i-costi-dellevasione-della-inefficienza-della-pa-e-della-corruzione-tra-la-politica-e-le-lobbies-criminalita/]link-Costi dell’evasione, della inefficienza della P.A. e della corruzione tra la Politica e le lobbies-criminalita’ [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/06/05/stipendi-pubblici-ai-magistrati-gli-aumenti-piu-vistosi/]link-Retribuzione dei Magistrati [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/01/30/indicatori-internazionali-quadro-generale/]link-La corruzione fuori dall’agenda politica – Indicatori Internazionali – Quadro generale [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/10/09/litalia-tra-i-peggiori-paesi-al-mondo-per-la-corruzione-anche-nellexport-bribe-payers-index-bpi-2006/]link-La corruzione fuori dall’agenda politica – Indicatori Internazionali [/url]

 

 

 

 

Debito Pubblico e Declino Italia

I Costi della Politica e la sua mancanza d’Etica

La Corruzione tra le Lobbies, la Politica, la PA e la Criminalita’

L’enorme Spesa della PA e l’ inefficienza della PA

Pubblici Dipendenti Fannulloni – Sindacati protettori degli insiders

L’Evasione Fiscale ed i suoi Costi

 

 

2008

 

I killers dell’Italia: La Spesa, l’Inefficienza della PA e la Pressione Fiscale (elevatissima sia a causa dell’evasione sia proprio per l’enorme fardello della spesa pubblica e dei tanti, troppi fannulloni e corrotti lavoratori del pubblico impiego)

 

https://wallstreetrack.wordpress.com/2008/04/21/la-spesa-linefficienza-della-pa-e-la-pressione-fiscale-i-killers-dellitalia/

 

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2008/03/12/debito-pubblico-anno-2007/]link-Debito Pubblico 2007 [/url]

 

 

2007

 

 

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/03/03/levasione-fiscale-causa-primaria-dellaumento-della-spesa-della-pa-e-della-pressione-fiscale/]link-Spesa PA e L’Evasione Fiscale[/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/03/15/i-costi-dellevasione-della-inefficienza-della-pa-e-della-corruzione-tra-la-politica-e-le-lobbies-criminalita/]link-Costi dell’evasione, della inefficienza della P.A. e della corruzione tra la Politica e le lobbies-criminalita’ [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/04/07/addio-tesoretto-i-sindacati-ed-i-pubblici-dipendentila-piu-cancerogena-delle-corporazione/]link-I Sindacati ed i pubblici dipendenti, la piu’ cancerogena delle corporazioni! Addio tesoretto [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/05/03/cosi-la-pubblica-amministrazione-getta-i-soldi-on-line/]link-Così la pubblica amministrazione “ruba” e getta i soldi [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/04/12/pensioni-dei-parlamentari-e%e2%80%99-uno-schifo-reset/]link-Pensioni dei Parlamentari [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/06/10/stipendi-dei-parlamentari-e-uno-schifo-reset/]link-Stipendi dei Parlamentari [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/09/24/la-casta-predica-bene-ma-razzola-malissimo/]link-La Casta predica bene ma razzola malissimo [/url]

 

 

 

Debito Pubblico e Declino Italia

I Costi della Politica e la sua mancanza d’Etica

La Corruzione tra le Lobbies, la Politica, la PA e la Criminalita’

L’enorme Spesa della PA e l’ inefficienza della PA

Pubblici Dipendenti Fannulloni – Sindacati protettori degli insiders

L’Evasione Fiscale ed i suoi Costi

 

 

 

2006

 

 

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/08/30/lenorme-buco-del-debito-pubblico-italiano-di-cosa-si-tratta-e-di-chi-e-la-responsabilita-primaria/]link-Debito Pubblico – Spesa PA esorbitante – Pubblici Dipendenti in eccesso – Declino Italia – Parte 1 [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/09/29/185/]link-Declino Italia – Italia un paese alla deriva Istituzionale e Dirigenziale [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/10/03/litalia-in-mano-a-bertinotti-ed-ai-sindacati-e-soltanto-apparentemente-diversa-non-anche-migliore-di-quella-di-berlusconi/]link-Sindacati e Bertinotti Italia [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/10/19/crollo-dei-consensi-per-il-governo-18-in-3-mesi-e-intanto-le-agenzie-di-valutazione-finanziaria-declassano-litalia/]link-L’assenza di ogni valore della politica – Parte 1 [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/10/20/italia-debito-pubblico-rating-problema-dei-dipendenti-pubblici-e-degli-enti-inutili-ovvero-della-spesa-della-pa/]link-Debito Pubblico – Spesa PA esorbitante – Pubblici Dipendenti in eccesso – Declino Italia Parte 2 [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/10/24/perche-litalia-bilanci-alla-mano-e-un-paese-allo-sbando/]link-Debito Pubblico – Spesa PA esorbitante – Pubblici Dipendenti in eccesso – Declino Italia Parte 3 [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/12/06/il-declino-dellitalia-che-viaggia-con-il-ciuccio-e-la-scoppola/]link-Declino Italia – L’assenza di ogni valore della politica – Parametri internazionali [/url]

Click here:  [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/12/17/in-italia-abbiamo-una-grossa-fetta-della-classe-politica-allo-sbaraglio-e-cieca-con-o-senza-connivenza/]link-L’assenza di ogni valore della politica – Parte 2 [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/12/20/the-governments-policy-is-missingits-coming-soon-like-one-of-our-tourism-portal-web/]link-Conflitto Interessi – L’assenza di ogni valore della politica – Parte 3 [/url]

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/12/21/i-5-simboli-del-doloso-sottosviluppo-italiano-la-politica-tutta-o-quasi-i-sindacati-la-chiesa-l%e2%80%99informazione-e-alcuni-giudici-di-alcuni-tribunali-fallimentari-e-civili-in-uno-con-i-lo/]link-I 5 simboli del doloso sottosviluppo Italiano: su tutti la Chiesa! Declino Italia [/url]

 

Vedi soprattutto:

 

Banche – Esuberi – Perdite e Svalutazioni – Riforme Istituzionali

 

 

The Final U.S. Growth Package

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2008/01/29/the-final-us-growth-package/#more-1582]link-The Final U.S. Growth Package [/url]

 

The delinquency rate & The New foreclosures (I Pignoramenti)

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/12/07/the-delinquency-rate-the-new-foreclosures-i-pignoramenti/]link-The delinquency rate & The New foreclosures (I Pignoramenti) [/url]

 

Immobili e To avert a cash crunch

I Pignoramenti in America: U.S. Montly Home Foreclosures and Bank Repossessions (REOs)

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2008/04/16/i-pignoramenti-in-america-us-montly-home-foreclosures-and-bank-repossessions-reos/]link- I Pignoramenti in America: U.S. Montly Home Foreclosures and Bank Repossessions [/url]

 

Vedi anche:

 

Crash_Immobili: U.S. Home Prices:nel 1 trimestre crollo dei prezzi

https://wallstreetrack.wordpress.com/2008/05/14/us-home-pricesnel-1-trimestre-crollo-dei-prezzi/

 

Home Price Data Showed Housing Solid Long-Term Investment

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/11/13/home-price-data-showed-housing-solid-long-term-investment/]link-Home Price Data Showed Housing Solid Long-Term Investment [/url]

Correlazione tra il Prezzo delle case ed i consumi
Click here: [url=
https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/09/25/correlazione-tra-il-prezzo-delle-case-ed-i-consumi/]link-Correlazione tra il Prezzo delle case ed i consumi [/url]

Goldilocks economy, l’economia dai boccoli d’oro

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/09/19/goldilocks-economy-leconomia-dai-boccoli-doro/]link- Goldilocks economy, l’economia dai boccoli d’oro [/url]

To avert a cash crunch the Central Banks spill liquidity in the markets
Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/08/11/to-avert-a-cash-crunch-the-central-banks-spill-liquidity-in-the-markets/]link-To avert a cash crunch the Central Banks spill liquidity in the markets [/url]

Subprime Mortgages E’ in arrivo un grande  Crash? NO
Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/05/12/subprime-mortgages-e-in-arrivo-un-grande-crash-no/]link-Subprime Mortgages E’ in arrivo un grande  Crash? NO [/url]

Crollo-Crash dei mercati azionari americani?
Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2007/03/25/crollo-crash-dei-mercati-azionari-americani/]link-Crollo-Crash dei mercati azionari americani? [/url]

Il mercato americano (l’S&P 500) e’ in fase di Ipercomprato o Ipervenduto?

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/11/25/il-mercato-americano-lsp-500-e-in-fase-di-ipercomprato-o-ipervenduto/]link- IL MERCATO AMERICANO (L’S&P 500) e’ in fase di Ipercomprato o Ipervenduto? [/url]

Disequilibri Americani: Credit Bubble, ovvero Crack del Debito privato – Parte seconda 
Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/09/05/i-disequilibri-americani-credit-bubble-ovvero-crack-del-debito-privato-2/]link-Disequilibri Americani: Credit Bubble, ovvero Crack del Debito privato – Parte seconda [/url]

Disequilibri Americani: Credit Bubble, ovvero Crack del Debito privato – Parte prima

Click here: [url=https://wallstreetrack.wordpress.com/2006/09/05/62/]link-L’indebitamento americano a livelli di guardia – Disequilibri Americani: Credit Bubble, ovvero Crack del Debito privato – Parte prima [/url]

 

 

 

 

 

L’etica in politica e in finanza deve essere un must
17 agosto 2005

http://www.osservatoriosullalegalita.org/05/interventi/041eticapolitica.htm

Bancopoli : lettera ai politici del centrosinistra
09 gennaio 2006

http://www.osservatoriosullalegalita.org/06/acom/01gen1/0955marcobancopoli.htm

E ora le priorita’ : legalita’ competitivita’ e conflitto d’interessi

25 aprile 2006

9 marzo 2008

https://wallstreetrack.wordpress.com/2008/03/09/e-ora-le-priorita-legalita-competitivita-e-conflitto-dinteressi/#more-25

http://www.osservatoriosullalegalita.org/06/interventi/04apr/24votopriorita.htm

Finanziaria : ma l’Italia necessita di etica e legalita’
23 ottobre 2006

http://www.osservatoriosullalegalita.org/06/acom/10ott3/2300marcofin.htm

Legge sul risparmio monca su alcuni aspetti fondamentali
21 dicembre 2005

http://www.osservatoriosullalegalita.org/05/acom/12dic3/2101marcorisparmio.htm

Il Risparmio dolosamente tradito dalla politica : la Class Action
25 maggio 2006

http://www.osservatoriosullalegalita.org/06/acom/09set3/2525marclassaction.htm

Class action : facile , veloce , gratuito
25 settembre 2006

http://www.osservatoriosullalegalita.org/06/docum/varie/010marcoclassaction.htm

U.S.: Le Lobbies contro la Legge che protegge i risparmiatori
31 ottobre 2006

http://www.osservatoriosullalegalita.org/06/acom/10ott3/3100marcousa.htm

Il Paese dei furbetti : crack , banche , finanziarie e vittime
18 dicembre 2005

http://www.osservatoriosullalegalita.org/05/inchieste/012marcomanipul2.htm

Crack in Italia e in America : sentenze e numeri a confronto
22 dicembre 2005

http://www.osservatoriosullalegalita.org/05/acom/12dic3/2244marcocrack.htm

Calciopoli , bancopoli , crack : Italia Argentina 1 a 1 ?
22 maggio 2006

http://www.osservatoriosullalegalita.org/06/acom/05mag3/2200marcofurbetti.htm

Index of economic freedom : Italia agli ultimi posti
17 gennaio 2007

http://www.osservatoriosullalegalita.org/07/acom/02gen2/1722marcomanipul.htm

 

 

 

 

Some  of My articles

http://blogsearch.google.com/

https://wallstreetrack.wordpress.com/

 

Tag: 1_finanza_analisi Macro
http://wordpress.com/tag/1_finanza_analisi-macro/
Tag: 2_Finanza_Bulls & Bears 
http://wordpress.com/tag/2_finanza_bulls-bears/
Tag: 3_il Risparmio Tradito
http://wordpress.com/tag/3_il-risparmio-tradito/
Tag: 4_Debito & Evasione 
http://wordpress.com/tag/4_debito-evasione/
Tag: E_Lavoro & Pensioni 
http://wordpress.com/tag/e_lavoro-pensioni/
Tag: 6_giustizia Ed Etica
http://wordpress.com/tag/6_giustizia-ed-etica/
Tag: 7_politica Ed Etica
http://wordpress.com/tag/7_politica-ed-etica/
Tag: 8_Sanita’ ed Etica
http://wordpress.com/tag/8_sanita-ed-etica/
Tag: 9_Libera Informazione 
http://wordpress.com/tag/9_libera-informazione/
Tag: A_Tutela degli animali 
http://wordpress.com/tag/a_tutela-degli-animali/
Tag: B_Tutela dell’Ambiente
http://wordpress.com/tag/b_tutela-dellambiente/

 

 

Annunci

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: